La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

domenica 31 agosto 2014

Bellissima e romena, una presidentessa alla guida della squadra di basket di Forlì

di Mauro Evangelisti

Non è la prima presidente donna dello sport italiano di alto livello, ma sicuramente è tra le più affascinati. E comunque è la prima arrivata dalla Romania. Da ieri la Fulgorlibertas Forlì, squadra di Gold (la vecchia A2) ha una nuova proprietà e soprattutto una nuova presidentessa: Michell Chirisi, 40 anni (ma ne dimostra dieci di meno), che a tutti gli effetti è diventata la numero uno della società appena rilevata insieme al fidanzato, Max Boccio. A Forlì - piazza dalla grande tradizione cestistica, dove in passato hanno giocato campioni dell’Nba come Bob Mc Adoo, Darryl Dawkins, Ray Sugar Richardson e Mark Landsberger e dove hanno avuto come proprietario anche il compianto Angelo Rovati, consigliere di Prodi - guardano alla nuova cordata con un certo scetticismo.

Boccio, alle spalle un fallimento quando la sua società era lo sponsor della Virtus Bologna in A1, ha detto che i soldi sono della fidanzata, che saranno investiti cinque milioni di euro, che si punta alla quotazione in borsa, alla promozione in A e a sfidare - bum - l’Armani Milano. A fare da garante c’è Alberto Bucci, un pezzo di storia del basket italiano. Lei, la presidentessa, ha spiegato: «Sono felicissima di trovarmi a Forlì, sono un’appassionata di basket, sono stata a diverse partite persino anche in America. Spero di dare il meglio per tutti voi. Lo faccio veramente con il cuore». Intanto, su un sito che segue le vicende della squadra, Forlibasket, hanno già ironizzato, spiegando che con la nuova presidente dopo ogni vittoria invece di Romagna Mia, si canterà Romania Mia.

Fonte: Il Mattino

Allo Scafati basket arriva l'ala italo-rumena Zaharie

Altri sport - 04/08/2014

La Givova Scafati è lieta di comunicare l’ingaggio della giovane ala italo-rumena, Alin Ionut Zaharie.
Zaharie, nato il 2 Febbraio 1994, alto 200cm con peso forma di 94kg, è gia noto agli esperti del basket nazionale visto che viene considerato come uno dei migliori prospetti qui in Italia. Nato in Romania, il ragazzo è cresciuto però nelle giovanili dello Auxilium Basket Torino prima di passare alla Piani Pallacanestro Bolzano e poi successivamente alla Bitumcalor Trento agli ordini del coach Buscaglia. Ed è proprio qui che si fa notare, allenandosi con la prima squadra e giocando stabilmente nel campionato under 19 in modo agile, con buon atletismo e intensità, abbinando anche notevoli percentuali al tiro.

Nella passata stagione ha partecipato al campionato DNA Silver, prima con la casacca del CUS Bari dove ha messo in mostra le sue enormi potenzialità segnando 10.3punti di media a partita e 6 rimbalzi in 21 presenze (con un high di 27 punti contro Roseto), per poi passare proprio alla squadra abbruzzese nel mese di Febbraio dove chiude la stagione.
“Personalmente, sono molto contento dell’arrivo Zaharie che va a completare la batteria degli under essendo un ’94.” Dichiara il GM Gino Guastaferro, che aggiunge “E’un ragazzo dalle enormi potenzialità visto che ha avuto un percorso formativo più che valido. Sono sicuro che –anche grazie alla sua sfrontataggine- ci potrà dare una grossa mano visto che può giocare sia da tre che da quattro”.

Fonte: ReSport

Tennis: Torneo San Marino. Trionfa il rumeno Ungur

domenica, 10 agosto 2014 italpress

PALERMO - E' Adrian Ungur il vincitore del "San Marino Go&Fun Open", torneo challenger Atp che si e' concluso sui campi in terra del Centro Tennis Cassa di Risparmio nel parco di Montecchio (montepremi 64.000 euro + ospitalita'). In una finale a senso unico il rumeno, numero 157 Atp, ha "asfaltato" per 6-1 6-0 il croato Antonio Veic, proveniente dalle qualificazioni. . glb/com
News in collaborazione con Italpress

Fonte: Tennis.it

Il rumeno Balasa dalla Roma al Crotone

Calciomercato - 22/08/2014

Il capitano della nazionale romena Under 21, Mihai Alexandru Balasa, difensore, vestira' nel prossimo campionato di serie B la maglia del Crotone. La formazione rossoblu lo ha ottenuto in prestito dalla Roma. Balasa, nato a Targoviste (Romania) il 14 gennaio 1995, e' un terzino destro e, nonostante la giovane eta', e' gia' il capitano dell'Under 21 romena.

Poco piu' di una settimana fa ha anche segnato una rete nell'amichevole Romania-Italia Under 21. Nel campionato 2012-2013, a 17 anni, Balasa ha esordito nella massima serie rumena con il Viitorul, collezionando 22 presenze e realizzando anche una rete. Nel corso della stagione 2013-2014 e' passato alla Roma e con la squadra primavera della societa' giallorossa ha totalizzato 20 presenze, segnando tre gol.

Fonte: ReSport


Citeste si:
INTERVIU | Mihai Bălaşa: "Mă lupt cu Maicon şi Torosidis pentru postul de titular". Fotbalistul legitimat la Roma a marcat la victoria tricolorilor mici cu Italia şi e considerat deja o certitudine de către Hagi

Calcio: Il Cagliari acquista Popescu, ha giocato anche nella nazionale romena

Stefan Adrian Popescu
Il Cagliari ha acquisito il cartellino del giocatore Stefan Adrian Popescu: il difensore romeno è stato ceduto in prestito alla Ternana con una contro-opzione a favore della società rossoblù.

Popescu, nato a Iasi, in Romania, il 5 maggio 1993, è un difensore esterno sinistro cresciuto nelle giovanili di Roma e Cesena. In bianconero ha disputato 15 presenze in Serie A nel campionato 2011-12. Nella stagione seguente si è trasferito in Francia, giocando prima con l’Olympique Marseille (6 presenze), quindi con l’Ajaccio (3). Nel 2013-’14 è tornato in patria, indossando la maglia dell’Astra Giurgiu. Ha debuttato con la nazionale maggiore del suo Paese nel 2012 e finora ha totalizzato due presenze.
Pubblicato: 22 agosto 2014

Fonte: Il Democratico

Serie A, i nuovi arrivi: Ciprian Tatarusanu alla Fiorentina

Pubblicato il 5 agosto 2014 Antonio Guarino

Prosegue la rubrica di SportCafe24 sulla presentazione dei nuovi arrivi in Serie A in vista della stagione 2014/15. Oggi tocca a Ciprian Tatarusanu, estremo difensore rumeno acquistato dalla Fiorentina.
Serie A, i nuovi arrivi: Ciprian Tatarusanu alla Fiorentina

E’ ormai divenuta una consuetudine più che apprezzabile (a mio modesto parere…) quella instauratasi nelle squadre di vertice della nostra Serie A, ovvero avere in rosa due portieri di alto livello e di sicuro affidamento su cui poter puntare in qualsiasi momento della (sempre più lunga!) stagione calcistica.

E così, infatti, che si inquadra l’ingaggio, da parte della Fiorentina, di Ciprian Tatarusanu, che ha firmato con la Viola un contratto quinquennale. L’estremo difensore rumeno, svincolatosi dalla Steaua Bucarest, non rappresenta – per molti appassionati – un prospetto del tutto nuovo: Tatarusanu, infatti, ha sfidato – nella stagione 2010/11 – il Napoli nella fase a gironi dell’Europa League, ben impressionando lo stesso club partenopeo che, in sede di mercato, è stato più volte vicino all’acquisto del calciatore.

LA CARRIERA - Nato a Bucarest, il 9 febbraio 1986, Ciprian cresce calcisticamente nella Juventus Bucuresti, squadra della seconda serie rumena, in cui - tra il 2003 e il 2006 – compie l’intera trafila nel settore giovanile. Nella seconda metà della stagione 2006/07, a quasi 21 anni, arriva il salto in Liga I nelle fila del Gloria Bistrita, con cui esordisce solo nell’ultimo match di campionato vinto – in trasferta – per 1-0 contro l’Unirea Urziceni, grazie al quale la squadra ottenne la qualificazione alla Coppa Intertoto 2007. Tatarusanu entra ben presto nel giro della Nazionale rumena Under21 (con cui mette insieme 13 presenze totali) e, nella stagione successiva, Ciprian conquista il posto da titolare: le sue prestazioni vengono notate dagli osservatori della Steaua Bucarest, che ne acquistano il cartellino per 1,5 milioni di euro, ma decidono di lasciarlo ancora un anno – in prestito – a Bistrita. In tutto, con la maglia del Gloria, Tatarusanu colleziona 45 presenze con 57 reti subite, riuscendo in 13 occasioni a tenere inviolata la propria rete. Durante i due anni e mezzo trascorsi a Bistrita, arriva – nell’ottobre del 2009 – la soddisfazione della prima convocazione in Nazionale (ad oggi, in tutto, 22 presenze) in occasione della gara contro le Isole Far Oer valevole per le qualificazioni ai Mondiali del 2010 in Sud Africa.

Ciprian Tatarusanu, piuttosto abile nel neutralizzare i tiri dal dischetto, in azione con la maglia dello Steaua Bucarest

IL GRANDE SALTO - L’esordio ufficiale con la maglia della Steaua avviene nella stagione 2009/10: nonostante la concorrenza dell’esperto portiere colombiano, Robinson Zapata, Ciprian riesce a mettere insieme – al suo primo anno in quel di Bucarest – 20 presenze tra campionato (che la Steaua chiude 4^ a -7 dal Cluj vincitore), Europa League e Coppa di Romania, impreziosite dai soli 17 gol subiti e dalle 10 gare concluse con la rete inviolata. Dall’annata 2010/11 Ciprian diviene titolare inamovibile: con la Steaua conquista la Coppa di Romania (2-1 in finale nel derby cittadino contro la Dinamo) ed esordisce in Nazionale nel corso dell’amichevole di Klagenfurt contro l’Italia (1-1). Stagione dopo stagione, Tatarusanu diviene un vero e proprio idolo del “Ghencea”, la casa della Steaua: con i rosso-blu’ conquisterà anche 2 Campionati (2012/13 e 2013/14) e 1 Supercoppa di Romania (2013), frutto di 187 presenze tra tutte le competizioni giocate, 154 gol subiti e ben 79 partite terminate con la porta inviolata.

UN GIGANTE PER MONTELLA - Il portiere rumeno, 198 cm di altezza per 90 kg di peso, presenta un curriculum di tutto rispetto ed un’esperienza – anche europea – che farà sicuramente al caso del tecnico Viola, Vincenzo Montella. Atleta abile sia sulle palle alte, sia su quelle basse, porta con sé la fama di para-rigori, per la cui neutralizzazione fa pieno affidamento sui tanti centimetri che Madre Natura gli ha portato in dote. Per il portiere titolare della passata stagione, il brasiliano Neto, si tratterà sicuramente di un concorrente da prendere per i denti: la convivenza tra i due estremi difensori sarà stimolante e costruttiva per entrambi? Se lo augurano, in primis, i sostenitori viola, anche se lo stesso Neto ha ammesso che non vedrebbe di buon occhio un’eventuale alternanza tra i pali della Viola.

Come si suol dire in questi casi, “ai posteri l’ardua sentenza”, ma – per gli amanti del Fantacalcio - investire sulla coppia di portieri della Fiorentina potrebbe rivelarsi una mossa vincente, specie sotto il profilo del rapporto qualità/prezzo in sede d’asta!

Intanto, Benvenuto in Serie A, Ciprian!

Fonte: SportCafè24


Leggi anche:
Serie A Fiorentina, Tatarusanu: «Sono pronto a dare tutto»
The FG-FILES: Ciprian Tatarusanu, Fiorentina

Un fotbalist român din Italia a murit din cauza unei boli fulgerătoare

DE G.S. • 09 AUG 2014
Foto: ifxsoccer.com

Un sportiv român, fost elev al Şcolii de Fotbal "Gică Popescu", a murit în noaptea de miercuri spre joi, în Italia.

Adrian Epure în vârstă de 33 de ani s-a stins din cauza unei boli fulgerătoare, însă presa italiană nu precizează de ce maladie suferea românul.

Atacantul s-a internat duminică, însă medicii nu i-au putut salva viaţa.

Sportivul urma să joace din sezonul următor la o echipă de fotbal amator din Italia.

Sursa: Antena3.ro

In breve

San Lorenzo: trova un portafogli in terra e lo riconsegna al proprietario
San Lorenzo: imprenditore romeno trova portafogli e lo riconsegna al proprietario
„31 luglio 2014“
A riportarlo a casa del poliziotto che lo aveva smarrito un imprenditore edile romeno: "Si dicono tante cose brutte su di noi. Per me è stato un gesto normale, che molti altri miei connazionali hanno o avrebbero fatto". […] Leggi la notizia su Roma Today
----------------------------------------
Turni massacranti e riposo negato. Cameriera da oggi in sciopero
rimini | 30 luglio 2014
In sciopero contro i diritti negati: succede in un albergo di Marina centro a Rimini. A segnalare l'iniziativa di protesta di una lavoratrice 44enne rumena è l'associazione ADL Cobas, da tempo in prima linea contro lo sfruttamento del lavoro stagionale.[…] Leggi la notizia su NewsRimini
----------------------------------------
Mistero sulla morte di un lavoratore romeno irregolare. Il 43enne perde la vita nel sonno
31/07/2014
A.S., classe ’71, era arrivato in Italia da qualche mese e prestava servizio in un’azienda di lavorazione di carne suina che tuttavia non l’aveva assunto. Mercoledì all’alba la scoperta del suo collega, romeno anche lui. Inutili i soccorsi, l’uomo è morto per ragioni che restano senza una spiegazione. Il magistrato ha disposto l’autopsia, i cui risultati arriveranno fra 90 giorni. L’uomo non aveva segni di violenza né lesioni sul corpo, ma non si può escludere nulla. Seppellito nel cimitero di Colletorto perché la famiglia, poverissima, non avrebbe la possibilità di rimpatriarlo né di tumularlo. […] Leggi la notizia su Primo Numero
----------------------------------------
Le storie di tre detenuti nel penitenziario bergamasco, un 58enne di Trescore, un 29enne romeno e un 33enne milanese: "Abbiamo sbagliato ed è giusto che paghiamo. Ma poi dateci una possibilità per ripartire"
Lunedì, 21 Luglio, 2014
Francesco, Ionup e Marco
Tre carcerati in via Gleno. “Sogniamo una nuova vita” […] Leggi la notizia su BergamoNews
----------------------------------------
Rumena sparita da domenica. Per i carabinieri è un sequestro
Potrebbe essere stata rapita per estorsione, la denuncia del compagno italiano
29 luglio 2014
FROSINONE - Una donna romena di 35 anni,vedova, è stata rapita in provincia di Frosinone. E’ successo a Monte San Giovanni Campano, comune nel comprensorio di Sora. La straniera, stando ai primi accertamenti, è sparita da domenica. Per gli investigatori si tratta di un sequestro a scopo di estorsione.[…] Leggi la notizia su Corriere della Sera
----------------------------------------
Rumena 25 anni muore in incidente a Oulx. La ragazza era su un fugone con altri otto connazionali
(ANSA) - TORINO, 26 AGO - Una ragazza romena di 25 anni, residente nel suo Paese d'origine, è morta oggi in un tamponamento avvenuto sull'autostrada A32 Torino-Bardonecchia, a Oulx. Era a bordo di un furgone Mercedes Sprinter con otto connazionali diretto in Francia che, per cause da accertare, è stato tamponato da un autocarro condotto da un italiano di 69 anni residente a Bardonecchia. La ragazza è morta durante il trasporto in ospedale. Sull'accaduto indaga la polizia stradale. […] Leggi la notizia su ANSA
----------------------------------------
Omicidio Torre Angela: la vittima ha cercato di nascondersi dopo essere stato accoltellato. Andrei Gabriel Kontradovici era residente poco distante dal luogo della sua morte. E' deceduto a causa di due fendenti ricevuti alla schiena
Mauro Cifelli 29 Agosto 2014
Una lite terminata in tragedia. Questa l'ipotesi investigativa dei carabinieri che stanno indagando sull'omicidio di un giovane romeno di 26 anni trovato cadavere nella mattinata di ieri in un cassone di un furgone in via dei Coribanti, nel cuore di Torre Angela. La vittima si chiamava Andrei Gabriel Kondratovici ed era residente poco distante dal luogo del ritrovamento del suo corpo privo di vita.[…] Leggi la notizia su Roma Today
----------------------------------------
Infortuni lavoro: Bologna, scossa elettrica, ferita 28enne romena
(AGI) - Bologna, 28 ago. - Infortunio sul lavoro all'interno di una cooperativa ortofrutticola di Altedo, nel Bolognese. Questa mattina, secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, una donna romena di 28 anni residente a Ferrara avrebbe preso una scossa elettrica mentre stava lavorando a una macchina per il confezionamento delle patate. Soccorsa dai colleghi e dai responsabili della cooperativa, la donna e' stata successivamente trasportata con l'elicottero del 118 presso una struttura sanitaria di Bologna per ulteriori accertamenti. […] Leggi la notizia su AGI
----------------------------------------
Giallo di Ivrea, uomo ucciso con un colpo di pistola da macellaio
Novità dopo l'autopsia eseguita dal medico legale. Il 43enne sarebbe morto agonizzando. Ma non è ancora chiaro se si tratti di omicidio o suicidio
28 Agosto 2014
Colpo di scena nella morte di Ionel Agraviloei, il romeno di 43 anni trovato morto ieri mattina nel suo alloggio al secondo piano di via Guarnotta 29, ad Ivrea. Dopo l’autopsia eseguita dal medico legale Roberto Testi si è capito che il foro in testa, profondo diversi centimetri, sarebbe stato provocato da una pistola di quelle usate per macellare gli animali.[…] Leggi la notizia su Torino Today
----------------------------------------
Pietramelara, rumeno muore in un casolare: cadavere trovato dai carabinieri
Viveva svolgendo dei piccoli lavoretti ma non aveva un impiego fisso
26 agosto 2014
PIETRAMELARA - Viveva lavorando alla giornata, ma non aveva un vero e proprio impiego. Era sfuggito alla povertà del suo paese pensando che in Italia la vita fosse migliore, ma è morto da solo, abbandonato in un casolare. Nicolaj Ruso, rumeno di 57 anni è stato trovato cadavere in un casolare di campagna a Pietramelara, in località Pantani.[…] Leggi la notizia su Il Mattino

Da portiere di notte a primo romeno albergatore in centro a Roma

La storia di Ovidiu Burdusa e del suo Corso Grand Suite

Roma, 1 ago. (TMNews) - Ovidiu Burdusa, trentenne romeno trapiantato in Italia, come molti suoi coetanei ha una storia da raccontare ed è una storia di successo. Un successo fatto di strategia e di impegno, di tappe e sogni e soprattutto di obiettivi. L'ultimo capitolo di questa vita segnata dal destino è l'apertura del bed and breakfast Corso Grand Suite, struttura alberghiera di alto livello nel pieno centro di Roma, di fronte alla chiesa di San Carlo su via del Corso, "la prima e unica, al momento, esperienza di romeni nel settore alberghiero della Roma che conta", sottolinea Ovidiu mentre fa da Cicerone nelle sei suite finemente arredate.

E questa fortunata struttura, che da quando ha aperto, a inizio maggio ha registrato il tutto esaurito, è soltanto l'ultimo approdo della vita lavorativa di Ovidiu: arrivato in Italia la prima volta 16 anni fa aveva deciso che sarebbe stata una permanenza breve e così è stato. Tre anni e poi il ritorno in Romania dove studia Economia del turismo. Nel 2005 torna di nuovo in Italia, ma questa volta ha un'idea precisa: vuole realizzarsi nel settore dell'accoglienza e del turismo, ma si dà sempre tre anni di tempo. Dopo diversi lavori in alberghi di grandi dimensioni, a fermare il suo rientro in Romania è la crisi che morde a casa più che in Italia. "Non è stata una casualità fare questo investimento, mi sono preparato. Ho studiato a Bucarest e in Italia ho lavorato come portiere di notte, poi receptionist nel pomeriggio e nel 2008 sono stato il manager di un hotel con 35 camere".

Così, insieme ad Andreea la sua compagna, decide di scommettere sul mercato in crisi e nel 2011 (facendo sempre sue lavori per mettere da parte il più possibile) acquista insieme a un socio italiano un piccolo hotel in via Mario de Fiori. E' la rampa di lancio. Ovidiu si trasforma in imprenditore e riesce a rivendere l'albergo al 50% in più del prezzo di acquisto, affare che gli consente da solo di mettere in cantiere il progetto da solista, il Corso Grand Suite.

"In questo momento sono l'unico romeno che ha investito nella zona 0 della città, nel pieno centro storico: dopo 6 anni di lavoro sono passato da dipendente a 'indipendente', un passaggio dopo anni di sacrificio - ha spiegato - A Roma ci sono 4.000 tra hotel e b&b, ma spesso i proprietari sono prima di tutto uomini d'affari e in secondo luogo albergatori: è l'approccio sbagliato. Bisogna sapere cosa vuole il cliente, dare il servizio migliore e poi i soldi alla fine rientreranno", dice convinto, dalla terrazza di una delle stanze del b&b che si trova al primo piano di una residenza dell'Ottocento appartenuta anche ai principi Colonna.

Un investimento quello di Ovidiu, circa 30mila euro per stanza per la ristrutturazione, che ha un termine. A differenza di molti dei circa due milioni di romeni che vivono stabilmente in Italia, l'obiettivo di questo 35enne è di ritornare in Romania con know-how e esperienza e poter sfruttare quanto appreso e i fondi accumulati per realizzare anche nel suo Paese una storia di successo: "A Roma ho speso un terzo della mia vita ma penso di tornare in Romania perché questo periodo è stato di transito per portare un contributo e l'esperienza in Italia nel mio Paese", ha detto Ovidiu.

Fonte: TMNEWS

Il card. Sandri in Romania: porto il saluto del Papa a cattolici e ortodossi

Chiesa \ Chiesa nel mondo

Il card. Sandri in Romania: porto il saluto del Papa a cattolici e ortodossi

Il cardinale Leonardo Sandri
29/08/2014

La solenne inaugurazione dell’Eparchia di San Basilio Magno in Bucarest e l’insediamento del primo vescovo, mons. Mihai Frăţilă sono gli avvenimenti che richiameranno a Bucarest, in Romania, dal 29 al 31 agosto, il cardinale Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali. La Divina Liturgia, informa un comunicato del dicastero, sarà presieduta domattina dal porporato assieme all’arcivescovo Maggiore di Făgăraş e Alba Iulia dei Romeni, Sua Beatitudine il cardinale Lucian Mureşan. A concelebrare sull’altare anche il nunzio apostolico, l’arcivescovo Lozano, i vescovi del Sinodo della Chiesa Greco-Cattolica Romena, alcuni confratelli provenienti dalle Chiese Cattoliche Orientali di Ucraina, Grecia e Ungheria, oltre ai presuli latini della Romania. Fra le Autorità, è prevista la presenza del segretario di Stato per i Culti e dell’Ambasciatore di Romania presso la Santa Sede.
Nel pomeriggio di domani, il cardinale Sandri si recherà in visita dal Patriarca ortodosso, Sua Beatitudine Daniel, a portare il saluto di Papa Francesco e manifestargli il desiderio di proseguire nel cammino intrapreso di dialogo e collaborazione fraterna.
Infine, domenica prossima, prima del rientro a Roma, il cardinale Sandri presiederà la Messa nella Cattedrale Latina di San Giuseppe in Bucarest, assieme all’arcivescovo e presidente della Conferenza episcopale, mons. Robu, e all’ausiliare, mons. Damian. Ieri, riferisce il comunicato, il cardinale prefetto era stato ricevuto dal Papa, “che lo ha incaricato di recare a tutti i Vescovi, sacerdoti e fedeli, la Benedizione Apostolica e l’incoraggiamento a proseguire la testimonianza della ‘gioia del Vangelo’”.

Fonte: Radio Vaticana

Mano tesa dei rumeni a Viviana Beccalossi: pronti ad incontrarla


LA POLEMICA DOPO LE PAROLE DI FUOCO SULLA MORTE DEL 19ENNE, L’INVITO DEL RAPPRESENTANTE DELLA COMUNITÀ
Mano tesa dei rumeni a Viviana Beccalossi: pronti ad incontrarla
«Così capirà chi siamo veramente» Le condoglianze Il decanato ortodosso e il consolato vicini alle famiglie colpite dal dramma di Verolanuova
di Manuel Bonomo

Bogdan Vasilake, il 19enne romeno che ha causato l’incidente a Verolanuova dove sono morti 2 fratellini (foto Facebook)

Gli ha dato dell’ubriaco e dell’assassino. E pure del rumeno (quasi fosse un attributo dispregiativo). Che si fa? Le si risponde a tono? La si querela? «Ma no, piuttosto la invitiamo a venirci a trovare, per sedersi a un tavolo e parlare».
Un invito, dunque. Così risponde la «Lega Europei per l’Italia» (già “Lega dei Rumeni in Italia”, ribattezzata nel 2007 dopo l’ingresso della Romania nella UE) al commento postato su Facebook da Viviana Beccalossi, relativo alla tragedia di mercoledì sera, che ha provocato la morte dei piccoli Matteo, 11 anni, e Greta, 5 anni, e del diciannovenne rumeno Bogdan Vasilake, alla guida dell’auto che ha causato l’incidente mortale.

«Capisco che si è trattato di un fatto travolgente, di un dramma agghiacchiante, e capisco anche che un politico dovrebbe risparmiare certi commenti a caldo - prosegue Marian Mocanu, rumeno, presidente della Lega e professore, in Italia da oltre vent’anni - ma credo proprio che un incontro sarebbe la soluzione migliore». Un incontro per parlare di cosa? «Dei rumeni. Perché vorremmo spiegare a Viviana Beccalossi (che proprio ieri ha proposto subito una legge sull’omicidio stradale, ndr) cosa è la comunità rumena (non romena, perché se no sembra che siamo tutti rom) e cosa significa essere rumeni in Italia, senza fermarsi - e senza nemmeno cancellare - i dati sulla delinquenza. E poi vorremmo parlarle dei giovani. Di tutti i giovani. Del rapporto che hanno con l’alta velocità, del bisogno di mettere limiti alla potenza delle auto che guidano e di tutto quanto altro possa essere necessario a venire in loro (e in nostro) aiuto».
Insomma, costruire anziché distruggere. Perché, in fondo, anche se dagli esami tossicologici saltasse fuori che Bogdan Vasilake era ubriaco, poco importa che fosse rumeno: era un ragazzo di 19 anni alla guida di auto che andava troppo veloce. Punto.

«Il fatto che fosse rumeno non significa nulla, mentre ci dice molto il fatto che corresse come un matto» commenta in via ufficiosa e anonima la voce di un diplomatico rumeno in Italia. «Condanniamo senza mezze misure quanto accaduto, offriamo le nostre condoglianze ai familiari delle vittime e ci interroghiamo su chi sia responsabile del comportamento del ragazzo». Ci sono però anche dei numeri che parlano chiaro - soprattutto a Brescia - e che premono sull’immaginario collettivo: prostituzione e droga sono spesso collegati ad associazioni mafiose rumene. «È vero e non lo neghiamo - conferma l’anonimo diplomatico - ma è anche vero che, su scala nazionale, la delinquenza rumena non è percentualmente più significativa di quella di altre nazionalità». E aggiunge Mocanu: «Non confondiamo i delinquenti che meriterebbero almeno vent’anni di galera, e che bisognerebbe beccare uno a uno, magari facendo collaborare la polizia italiana con quella rumena, con i ragazzi che schiacciano troppo l’acceleratore e che hanno bisogno di essere educati». A commentare la notizia si aggiunge anche un’altra voce di peso, quella del Decanato Ortodosso della Lombardia, nella persona del decano rumeno Traian Valdman. «Il nostro rammarico è profondo e ci stringiamo alle vittime di una tragedia che ci lascia senza parole. E allo stesso tempo sottolineiamo quanto sia delicato il processo di integrazione: basta una persona coinvolta in un fatto drammatico, a far sì che tutti vengano giudicati. Ci rattrista come uomini e come cristiani. Ma non dimentichiamo: l’integrazione non è automatica, ma è possibile e sta avvenendo».
25 agosto 2014

Fonte: Corriere della Sera


Leggi anche:
Post contro 19enne romeno: "Beccalossi si dimetta"
Sbanda in auto, uccide 2 bimbi e muore. L'assessore Beccalossi: "Non mi dispiace per lui"
Assessore: 'Non dispiace che il romeno sia morto'
Incidente a Verolanuova il 19enne rumeno non era ubriaco né drogato

Citeste si:
Oficial italian despre tânărul român mort într-un accident: "Nu îmi pare rău pentru moartea unui criminal"

Thiene, l'auto prende fuoco con lei alla guida: paura per una 22enne

Il rogo è divampato alle 15.50, in via Gualdi. A bordo del veicolo, c'era G.B., di origine romena e residente a Zugliano. E' riuscita a mettersi in salvo ma l'auto è completamente distrutta
1 Agosto 2014
La vettura distrutta dalle fiamme (foto polizia locale)

Va a fuoco un rustico a Trissino, sul rogo c'è l'ombra dei piromani
Montecchio: agritursmo I peccati della terra completamente distrutto da incendio
Grande paura, venerdì pomeriggio poco prima delle 16 per una 22enne di origini romene, residente a Zugliano.

La giovane era a bordo della sua Opel Corsa, che ha preso fuoco, mentre stava percorrendo via Gualdi a Thiene. Senza farsi prendere dal panico, è uscita immediatamente dalla macchina ed ha chiamato i soccorsi. Quando i vigli del fuoco sono arrivati, l'auto era già stata divorata dalle fiamme. Sul posto anche la polizia locale Nord Est.

Fonte: Vicenza Today

Canicattì, è tornato a casa il 39enne romeno scomparso: giallo risolto

Scritto da Davide Difazio il 1 agosto 2014
CENTRO STORICO
Ha fatto rientro nella sua abitazione che si trova nel centro storico della città Benedek Vasile, 39 anni, di origine romena. Di lui si erano perse le tracce lo scorso 22 giugno quando di buon mattino alla moglie, aveva detto che stava andando a lavoro nei campi dove erano in corso operazioni di mietitura del grano. Ma da quel momento, il bracciante agricolo non aveva più dato alcuna notizia di se.
Il suo telefono cellulare contattato a ripetizione dalla moglie era spento dal giorno della scomparsa. Della sparizione di Benedek Vasile, erano state informate le forze dell’ordine. Anche al suo rientro non ha dato spiegazioni valide sul perché dell’allontanamento.
Alla moglie ha riferito di essere stato fuori per motivi di lavoro e che in questo tempo oltre un mese non ha avuto modo di mettersi in contatto con la famiglia per tranquillizzarla. Benedek Vasile con la sua famiglia vive a Canicattì ormai da sei anni.
Da quando ha lasciato la sua terra lavora nei campi svolgendo la sua professione di agricoltore. Mai il romeno aveva lasciato senza notizie la sua famiglia per un così lungo periodo. Nessun dubbio, quindi che si tratta di un allontanamento del tutto volontario da parte dell’uomo anche se la sua famiglia temeva che gli fosse accaduto qualcosa di brutto

Fonte: CanicattìWeb

In breve

Incidente sul lavoro nel Bolognese. Un operaio romeno si ustiona gravemente. Ricoverato al centro gravi ustionati del Bufalini di Cesena
13 agosto 2014
Ancora un incidente sul lavoro in Italia ma stavolta nessuno ha perso la vita. A finire in ospedale è stato un operaio di 35 anni, di origini romene, rimasto gravemente ustionando mentre lavorava in una azienda di Casalfiumanese, nel Bolognese. […] Leggi la notizia su Sì24
----------------------------------------
A Ostia 'cani bagnino' salvano un giovane romeno di 24 anni da annegamento
Roma, 9 ago. - Un ragazzo romeno di 24 anni e' stato salvato in mare, questa mattina, all'altezza della spiaggia libera di Ostia/Castelporziano, dalle unita' cinofile di salvataggio della protezione civile di Roma Capitale. [...] Leggi la notizia su Padova News
----------------------------------------
Terni: Schianto sulla Marattana: Giovane ragazza rumena 24enne muore dopo 2 mesi in ospedale
11 agosto 2014 [...] Leggi la notizia su Terni Magazine
----------------------------------------
Lecco, 18 agosto 2014
Ancora in corso le ricerche del 47enne rumeno disperso nelle acque del Lario
Dell'uomo, 47 anni muratore residente nel vimercatese, si sono perse le tracce sabato sera a causa di uno scontro tra il gommone da lui guidato e un'altra imbarcazione […] nelle acque lecchesi del lago di Como, tra Moregallo e l’Orsa Maggiore. […] Leggi la notizia su Resenego Online
----------------------------------------
Prima di partire per la Romania viene raggirata da tre connazionali e perde 900 euro
22 agosto 2014
La malcapitata si trovava in piazzale Giolitti per salire a bordo di un autobus che l'avrebbe portata nel Paese di origine. Ad un certo punto è stata avvicinata da tre connazionali.
Derubata da tre giovani connazionali prima di mettersi in viaggio per la Romania. Vittima del raggiro-furto una donna di 65 anni. […] Leggi la notizia su Forlì Today
----------------------------------------
Prato della Valle, quattro vigili contro un mendicante: è polemica
17 agosto 2014
Un video postato su Facebook da un padovano indignato solleva la polemica: quattro agenti immobilizzano a terra e ammanettano un mendicante invalido. L'assessore alla sicurezza difende gli agenti che sono intervenuti: "Mendicante molesto che ha tentato di colpirli con le stampelle" [...] Leggi la notizia su Il Mattino di Padova
----------------------------------------
Roma: chiedeva offerte vestito da prete, rumeno denunciato per truffa
(ASCA) - Roma, 20 ago 2014 - L'episodio e' accaduto nella mattinata di ieri, davanti una chiesa di via del Caravita, nei pressi del Pantheon: un uomo vestito con pantaloni e camicia scura, simile a quelli in uso ai prelati, si era piazzato davanti all'ingresso della chiesa di Sant'Ignazio di Loyola. Il falso prete, con un cestino di vimini in mano ha cominciato a chiedere offerte per la chiesa ai numerosi turisti che entravano nel luogo di culto. [...] Leggi la notizia su ASCA
----------------------------------------
Aggressione in centro, donna romena ferita al volto dall’ex fidanzato
11 agosto, 2014
TERMOLI. Un increscioso episodio di violenza ha avuto luogo nel primo pomeriggio di oggi con una donna di 37 anni, di origine romena, che è stata vittima di un aggressione ad opera del suo ex fidanzato. […] Leggi la notizia su Termoli Online
----------------------------------------
«Aiutatemi, non voglio finire col prostituirmi», salvata dai vigili urbani
22 agosto 2014
FOGGIA - Bella, molto bella. Spaventata, molto spaventata. Senza un soldo, e col timore che il lavoro agognato quando era partita diretta a Foggia diventasse invece una strada dove prostituirsi, la giovanissima romena ha bussato alla porta dei vigili urbani chiedendo e trovando aiuto: prima la sistemazione in una casa famiglia cittadina, ad opera dei servizi sociali comunali; quindi dopo qualche giorno gli stessi vigili urbani hanno fatto una colletta e le hanno pagato il biglietto per consentirle di tornare in Romania, di nuovo a casa e lontana da Foggia dove pensava di trovare un lavoro da baby-sitter e dove invece temeva di fare la fine di tante, troppe altre connazionali, a vendere il proprio corpo per poche decine di euro, magari sfruttata da qualche organizzazione criminale. […] Leggi la notizia su La Gazzetta del Mezzogiorno
----------------------------------------
Romeno accoltella la moglie che sbanda con l'auto, arrestato ad Acri
Giovedì, 31 Luglio 2014
ACRI (CS) - Ha provato a fornire ai carabinieri di Rende, una versione diversa dalla verità.
Il fatto è accaduto ieri pomeriggio in contrada 'Area delle Donne' di Acri (Cs). Un romeno Maturà Gabriel Bogdan è stato arrestato per aver accoltellato la moglie Carmen Maturà, al culmine di una lite per motivi di gelosia. Secondo le prime ricostruzioni l'uomo, di 36 anni, residente a Vaccarizzo Albanese e disoccupato, con un coltello da cucina avrebbe sferrato diversi colpi contro la moglie di 33 anni, mentre questa era alla guida dell'auto sulla quale viaggiavano entrambi insieme al figlioletto di 6 anni. […] Leggi la notizia su Qui Cosenza

Incidente a Piazzola sul Brenta Auto nel fosso: muore neonata

Nella tarda mattinata di martedì una Fiat Brava è fuoriuscita di strada in via Argine finendo in un canale. Alla guida una romena, rimasta ferita. Deceduta poco dopo invece la figlioletta di appena 4 mesi

29 Luglio 2014
Nel riquadro, la piccola Eliza (fonte: Facebook)

Incidente a San Giorgio in Bosco Auto finisce nel fosso: bimba ferita

Una bimba in fasce, di appena 4 mesi, è morta nella tarda mattinata di martedì in seguito a un incidente d'auto a Tremignon di Piazzola sul Brenta.

FUORI STRADA. La neonata, Eliza Maria Calimandruc, si trovava all'interno della Fiat Brava condotta dalla madre, una donna romena da anni in Italia e residente in paese che, per cause ancora al vaglio della polizia locale intervenuta sul posto per i rilievi, mentre stava percorrendo via Argine, ha perso il controllo dell'auto, finendo fuori strada e terminando la propria corsa nel canale adiacente. Subito soccorse con ambulanze ed elicottero del Suem 118, madre e figlia sono state portate all'ospedale di Camposampiero, dove la piccola però è deceduta. Gravi anche le condizioni della madre.

Fonte: PadovaOggi

In breve

Scoglitti. S'era perso bambino rumeno; i Carabinieri lo hanno trovato
Vittoria, 12 agosto 2014 – La sensibilità di un bagnante unita alla professionalità dei Carabinieri hanno permesso in meno di un’ora di riportare un bambino rumeno di 4 anni ai genitori.
Alle ore 13.00 la Stazione di Scoglitti riceveva una chiamata da parte di un gestore di un lido di Riviera Lanterna, che aveva segnalato lo smarrimento di un bambino rumeno di 4 anni, mentre era in compagnia della sorella più grande. [...] Leggi la notizia su Onda Iblea
----------------------------------------
Ladri accolti a randellate e inseguiti dalle “vittime”
9 agosto 2014
San Giorgio delle Pertiche: seconda visita in due notti. Ma stavolta la famiglia era pronta ad accoglierli. Uno dei tre ladri acciuffato e bastonato a sangue, poi s’è dileguato con i complici-
Tentano di rubare nella casa di una famiglia romena, ma vengono rincorsi e presi a bastonate. Scene da far west ieri notte ad Arsego, in quartiere Breda. Erano le 3,30 quando tre sconosciuti hanno tentato di entrare al 7 di via Palladio, occupato da una famiglia romena, padre, madre e due figli grandi. Che li hanno accolti a randellate, mettendoli in fuga. Le “vittime” li hanno inseguiti per tutto il quartiere, da via Palladio a via Paolo VI fino a via Giovanni Paolo I. [...] Leggi anche Il Mattino di Padova
----------------------------------------
“Rapisce” il figlio di 2 anni la fuga finisce a Spresiano
8 agosto 2014
Inseguito dall’Interpol di mezza Europa dopo la denuncia della moglie austriaca un rumeno si nascondeva con il piccolo in una casa di conoscenti nella Marca [...] Leggi la notizia su La Tribuna di Treviso
----------------------------------------
Ex Bruno, senzatetto trovato morto
8 agosto 2014
Trento. Si tratta di un romeno di 58 anni che non si è svegliato dopo avere dormito nel suo alloggio di fortuna assieme ad altri clochard.[...] Leggi la notizia su Trentino
----------------------------------------
6 agosto 2014
Clochard trovato morto davanti alla Stazione centrale
Era un romeno di 43 anni. Ad allertare le forze dell'ordine un altro clochard che ha notato il corpo privo di vita accasciato in piazza Duca D'Aosta
Si tratterebbe di cause naturali. [...] Leggi la notizia su Loreto Today
----------------------------------------
Denuncia aggressione, muore all'ospedale
Romena dimessa dopo accertamenti, Pm ha disposto l'autopsia
(ANSA) - RIMINI, 24 AGO - La Procura di Rimini ha disposto l'autopsia su una romena di 43 anni senza fissa dimora deceduta venerdì, poco dopo il suo arrivo all'ospedale Infermi. [...] Leggi la notizia su ANSA
----------------------------------------
“Zingara di m….”, offese ad una cameriera in un ristorante di Gallipoli
6 agosto 2014
GALLIPOLI (Lecce) – Insulti, offese a sfondo razziale discriminando un intero paese oltre che la dignità di una giovane straniera arrivata in Italia con la speranza di trovare una stabilità economica. Il violento attacco verbale nei riguardi di una ragazza di nazionalità rumena sarebbe scaturito per presunti dissidi e frizioni tra ristoratori confinanti con un titolare che accusava l’altro di sottrargli la clientela. [...] Leggi la notizia su Corriere Salentino
----------------------------------------
A 80 anni condannato per violenza sessuale. Nel 2008 aveva molestato una giovane donna nel Salernitano
(ANSA) - SALA CONSILINA (SALERNO), 5 AGO - Deve scontare due anni e sei mesi di reclusione ai domiciliari un 80enne originario del Vallo di Diano (Salerno) accusato di violenza sessuale nei confronti di una giovane romena. [...] Leggi la notizia su ANSA
----------------------------------------
Badanti in nero: scoperta maxi evasione fiscale. Il legale rappresentante di due cooperative ha evaso 5 milioni di euro truffando oltre 300 badanti e anche i clienti
5 Agosto 2014
Scoperto "giro" di badanti in nero. Ha evaso il fisco, dal 2009 ad oggi, per un totale di cinque milioni di euro. Il legale rappresentante di due cooperative di badanti è stato scoperto dalla guardia di finanza che lo ha denunciato. Tutto all'insaputa sia delle dipendenti (di nazionalità romena) sia delle famiglie che vi si servivano. [...] Leggi la notizia su Milano Today
----------------------------------------
Trovato morto nella scarpata: si indaga. Si tratta di un rumeno di 34 anni. Il suo scooter trovato contro il guardrail
03 agosto 2014
Incidente sulla sp tra Valva e Colliano. Un rumeno di 34 anni è stato trovato morto stamane in una scarpata sulla Sp tra Valva e Colliano. Lo scooter, senza assicurazione e targa, era contro il guardrail. [...] Leggi la notizia su La Città di Salerno

sabato 30 agosto 2014

Participarea României la Festivalul Internațional de Film de la Veneția / La Romania alla 71° Mostra del Cinema di Venezia

Comunicat de presa

 Mostra del Cinema di Venezia

 Joi, 4 septembrie a.c., orele 14.00 va avea loc prezentarea în premieră la “Cinema hall: Sala Casino”, Lido di Veneţia, a scurtmetrajului “Artă” în regia lui Adrian Sitaru, film selecționat în secțiunea Orizzonti din cadrul Festivalului Internațional de Film de la Veneția, secțiune ce se centrează pe promovarea și premierea celor mai inovative și avangardiste producții din industria cinematografică. Ediția cu numărul 71 a prestigiosului eveniment desfăşoară în perioada 27 august - 6 septembrie 2014. Regizorul se întoarce la Veneția cu noul scurtmetraj după ce, în 2008, filmul “Pescuit sportiv“ a avut premiera mondială în cadrul "Venice Days".

 Despre scenariul care îi poartă semnătura, Adrian Sitaru povestește : “Artă“ este un film născut din discuțiile avute în timpul dezvoltării scenariului de lungmetraj “Fixeur“, despre o minoră traficată sexual. Gândul că va trebui să căutăm o fată de 14 ani pentru acest rol ne-a făcut să analizăm mult mai atent ce înseamnă abuz și cât de ușor putem deveni abuzatori în numele cauzelor drepte, în numele jurnalismului de calitate sau al artei.

 “Artă“ este o productie 4 Proof Film, 100% independentă. Din distribuție fac parte: Emanuel Pârvu, Ioana Abur, criticul de film Andrei Rus și tânăra Iulia Crișan. Imaginea este semnată de Adrian Silișteanu, montajul de Andrei Gorgan. Evenimentul este susţinut de Institutul Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia.

---------------------------------------------------------------------------
Comunicato stampa

La Romania alla 71° Mostra del Cinema di Venezia Mostra del Cinema di Venezia

 Giovedì, 4 settembre, ore 14.00 avrà luogo la presentazione, presso il “Cinema hall: Sala Casinò”, Lido di Venezia, del cortometraggio "Arta" diretto da Adrian Sitaru, film selezionato nell'ambito della sezione Orizzonti della Mostra del Cinema di Venezia, sezione che si concentra sulla promozione e premiazione delle produzioni più innovative e d'avanguardia dell'industria cinematografica. La 71° edizione del prestigioso evento si svolge nel periodo 27 agosto - 6 settembre 2014. Il direttore ritorna a Venezia con questo nuovo cortometraggio dopo aver avuto, nel 2008, la prima mondiale nell'ambito di Venice Days con il film "Pescuit sportiv/Pesca sportiva".

 Sulla sceneggiatura che gli porta la firma, Adrian Sitaru racconta: "Arta" è un film nato dall'incontro di idee avute durante lo sviluppo del lungometraggio "Fixeur", su una minorenne trafficata sessualmente. Il pensiero di dover cercare una ragazza quattordicenne per questo ruolo ci ha fatto analizzare molto più attentamente cosa vuol dire abuso e quanto facilmente possiamo diventare sfruttatori nel nome delle giuste cause, nel nome del giornalismo di qualità o dell'arte.

 "Arta" è una produzione 4 Proof Film, 100% indipendente. Dal cast fanno parte: Emanuel Pârvu, Ioana Abur, il critico del film Andrei Rus e la giovane Iulia Crişan. L'immagine è firmata da Adrian Silişteanu, il montaggio da Andrei Gorgan. L’evento è sostenuto dall’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia.

giovedì 28 agosto 2014

Scriitorul Stelian Tănase la Festivalul de literatură de la Mantova 2014‏ / Lo scrittore romeno Stelian Tănase al Festivaletteratura di Mantova 2014‏

Scriitorul Stelian Tănase la Festivalul de literatură de la Mantova 2014

În perioada 3-7 septembrie 2014 va avea loc cea de-a XVIII-a ediţie a prestigiosului Festival de literatură de la Mantova.

De-a lungul timpului, din România au fost invitați să participe la festival Mircea Cărtărescu, Norman Manea, Radu Mihăileanu, Horia-Roman Patapievici, Ştefania Mihalache, Lucian Dan Teodorovici, Varujan Vosganian, Gabriela Adameşteanu și Dan Lungu.

La ediţia din acest an, România va fi reprezentată de scriitorul Stelian Tănase, care va participa, cu sprijinul Institutului Cultural Român și al Institutului Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia, la două evenimente.

Primul eveniment, „Bucarest Killer Tango”, va avea loc joi, 4 septembrie, începând cu ora 18.15, la Palazzo degli Studi – Liceo Classico Virgilio, unde scriitorul Stelian Tănase se va întâlni cu scriitorul italian Andrea Molesini și vor dialoga despre activitatea literară a autorului român și, în mod special, despre traducerea romanului Moartea unui dansator de tango/Morte di un ballerino di tango, apărut la Editura Atmosphere Libri în traducerea lui Mauro Barindi

Al doilea eveniment se va desfăşura vineri, 5 septembrie, începând cu ora 15.00, la biserica Santa Maria della Vittoria şi se înscrie în secţiunea „Vocabolario Europeo”, în cadrul cărora cei zece scriitori aleşi de organizatori sunt invitaţi să prezinte publicului un cuvânt reprezentativ pentru opera lor şi să-şi argumenteze opţiunea. Stelian Tănase a propus cuvântul „zădărnicie”. Împreună cu scriitorul român, la acest eveniment va participa scriitorul italian Antonio Moresco, întâlnirea urmând a fi moderată de lingvistul Matteo Motolese.

Stelian Tănase este una dintre personalitățile marcante alle culturii române și nu numai. De formație istoric și sociolog, a fost printre primii intelectuali care au participat la Revoluția din 1989, iar în perioada imediat următoare a devenit membru al Grupului pentru Dialog Social. Autorul a numeroase lucrări de beletristică, eseistică și politologie, unele traduse și în străinătate, Stelian Tănase a demonstrat un real talent de romancier. Recentul său volum Moartea unui dansator de tango este un roman de factură dikensiană, în care ficțiunea și realitatea se amestecă în mod paradoxal. Cu un stil bogat, exuberant, tăios, Tănase ne dezvăluie un București al periferiei, în care personaje cu multe vicii și prea puține virtuți oscilează între cluburi și discoteci, contrabandă, plăceri interzise, schimburi de focuri ca într-un adevărat film balcanic cu gangsteri.

La evenimente va participa şi traducătorul Mauro Barindi, unul dintre cei mai activi traducători de literatură română în limba italiană: Florina Ilis, La crociata dei bambini (ISBN Edizioni, 2010); Dan Lungu, Radu Pavel Gheo, Compagne di viaggio. Racconti di donne ai tempi del comunismo (traducere de Mauro Barindi, Anita Natascia Bernacchia, Maria Luisa Lombardo, Sandro Teti Editore, 2011); Florina Ilis, Cinque nuvole colorate nel cielo d’Oriente (Atmosphere Libri, 2012); Ana Blandiana, Il mondo sillaba per sillaba (Saecula Edizioni, 2012); Mateiu Caragiale, I principi della Corte-Antica (Rediviva, 2014); Lăcrămioara Stoenescu, Bambini – nemici del popolo (Saecula Edizioni, 2014); Stelian Tănase, Morte di un ballerino di tango (Atmosphere Libri, 2014).

Institutul Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia este partener al Festivalului de literatură de la Mantova începând cu ediţia din 2010.

Pentru mai multe detalii cu privire la Festival, vă rugăm să accesaţi:
http://www.festivaletteratura.it/

Coordonatori proiect: Corina Gabriela Bădeliță & Mihai Stan
Tel. +39.041.5242309
e-mail: mihai.stan@icr.ro

INSTITUTUL ROMÂN DE CULTURĂ ŞI CERCETARE UMANISTICĂ DE LA VENEŢIA
Palazzo Correr - Cannaregio 2214 (Campo Santa Fosca)
30121 Veneţia
http://www.icr.ro/venetia/
-------------------------------------------------------------------------

Lo scrittore romeno Stelian Tănase al Festivaletteratura di Mantova 2014

Tra il 3 e il 7 settembre 2014 si svolgerà a Mantova la XVIII edizione del prestigioso Festivaletteratura.

Per la Romania hanno partecipato finora, alle precedenti edizioni del festival, Mircea Cărtărescu, Norman Manea, Radu Mihăileanu, Horia-Roman Patapievici, Ştefania Mihalache, Lucian Dan Teodorovici, Varujan Vosganian, Gabriela Adameşteanu e Dan Lungu.

All’edizione di quest’anno la Romania sarà rappresentata dallo scrittore Stelian Tănase, il quale parteciperà, con il supporto dell’Istituto Culturale Romeno di Bucarest e dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, a due eventi.

Il primo evento – “Bucarest Killer Tango” – si terrà giovedì, 4 settembre, dalle ore 18:15, presso il Palazzo degli Studi – Liceo Classico Virgilio, dove lo scrittore Stelian Tănase incontrerà lo scrittore italiano Andrea Molesini e dialogheranno su l’attività letteraria dell’autore e particolarmente sulla traduzione del romanzo Morte di un ballerino di tango uscito presso Atmosphere Libri nella traduzione di Mauro Barindi.

Il secondo evento si svolgerà venerdì, 5 settembre, dalle ore 15:00, presso la Chiesa Santa Maria della Vittoria, nell’ambito della sezione “Vocabolario Europeo”, nella quale dieci scrittori eletti saranno invitati a presentare al pubblico una parola rappresentativa per la loro opera e ad argomentarne le ragioni. Stelian Tănase ha proposto la parola “vacuità”. Insieme allo scrittore romeno, a questo evento parteciperà lo scrittore italiano Antonio Moresco. L’incontro sarà moderato dal linguista Matteo Motolese.

Stelian Tănase è una delle personalità di spicco della cultura romena e non solo. Formatosi come storico e sociologo, è stato fra i primi intellettuali a scendere in piazza durante la Rivoluzione dell’89 e, negli anni immediatamente successivi, è entrato a far parte del Gruppo per il Dialogo Sociale. Autore di numerosi volumi di saggistica, tradotti anche all’estero, Tănase ha rivelato anche un felice talento di romanziere. Il suo recente Morte di un ballerino di tango è un romanzo dall’impronta dickensiana, in cui finzione e realtà si mescolano in modo paradossale. Con uno stile ricco, esuberante, spietato, Tănase ci racconta una Bucarest dei bassifondi, in cui personaggi con molti vizi e poche virtù si barcamenano tra piste da ballo, traffici loschi, piaceri proibiti, sparatorie da vera gangster story balcanica.

Ai due eventi parteciperà anche il traduttore e interprete Mauro Barindi, uno dei più attivi traduttori di letteratura romena in lingua italiana: Florina Ilis, La crociata dei bambini (ISBN Edizioni, 2010); Dan Lungu, Radu Pavel Gheo, Compagne di viaggio. Racconti di donne ai tempi del comunismo (traducere de Mauro Barindi, Anita Natascia Bernacchia, Maria Luisa Lombardo, Sandro Teti Editore, 2011); Florina Ilis, Cinque nuvole colorate nel cielo d’Oriente (Atmosphere Libri, 2012); Ana Blandiana, Il mondo sillaba per sillaba (Saecula Edizioni, 2012); Mateiu Caragiale, I principi della Corte-Antica (Rediviva, 2014); Lăcrămioara Stoenescu, Bambini – nemici del popolo (Saecula Edizioni, 2014); Stelian Tănase, Morte di un ballerino di tango (Atmosphere Libri, 2014).

L’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia è partner del Festivaletteratura di Mantova dall’edizione 2010.

Per maggiori informazioni sul festival, si prega di visitare:
http://www.festivaletteratura.it/

Coordinatori del progetto: Corina Gabriela Bădeliţă & Mihai Stan
Tel. +39.041.5242309
e-mail: mihai.stan@icr.ro

ISTITUTO ROMENO DI CULTURA E RICERCA UMANISTICA DI VENEZIA
Palazzo Correr - Cannaregio 2214 (Campo Santa Fosca) 30121 Venezia
http://www.icr.ro/venezia/

Nuovo volo per la Romania dal Piemonte


Trasporti

Da martedì 30 settembre 2014, Blue Air, inizia i collegamenti diretti Cuneo - Bucarest. Le tariffe partono da 27,99 euro a tratta, tasse incluse. Il vettore privato rumeno, rappresentato in Italia da Cim Air, collegherà Cuneo alla capitale della Romania due volte alla settimana nei giorni di martedì e sabato, con partenza alle ore 9,45. Questo nuovo volo si aggiunge a quelli già operati per la Bacau, raggiunta con quattro frequenze settimanali il lunedì, mercoledì, venerdì e domenica in partenza alle ore 9,25. I nuovi voli sono già acquistabili sul sito www.blueairweb.com, chi prenoterà il viaggio fino al 30 settembre avrà la possibilità di trasportare un bagaglio in stiva gratuitamente, inoltre, il parcheggio presso l’aeroporto di Cuneo Levaldigi sarà gratuito per viaggi fino a marzo 2015.
(30/07/2014)

Fonte: Mondo in Tasca

Salvataggio da ultimo minuto per un romeno a Vado

Lunedì 4 Agosto 2014

Rischiava di annegare, soccorso dai bagnini

Vado Ligure. Salvataggio all'ultimo minuto per un romeno di 37 anni, M.K., residente a Torino, questo pomeriggio ai bagni Blu Beach e San Pietro a Vado. Nei soccorsi sono stato impegnati i bagnini Stefano Corti (bagni Blu Beach), Tony (bagni San Pietro) e Lorenzo Alpino. Quando hanno visto l’uomo in difficoltà, il primo a nuoto e gli altri su un pattino, lo hanno raggiunto. Aveva difficoltà a respirare, stava annaspando e lo hanno portato a riva. Poco dopo sono intervenuti anche due militi della Croce Rossa di Quiliano che si trovavano in spiaggia fuori dall’orario di servizio. I volontari hanno praticato un massaggio cardiaco al bagnante in attesa dell’arrivo dell’automedica del 118. L’uomo poi si è ripreso ed è stato trasportato in ospedale San Paolo per controlli.

Fonte: Radio Savona Sound News Rsvn.it

Monte Bianco, è precipitato per 200 metri l'alpinista romeno morto

Cronaca
Monte Bianco, è precipitato per 200 metri l'alpinista romeno morto ieri

Courmayeur - Aveva 34 anni l'alpinista romeno - Iulian Costache - morto ieri sul versante italiano del massiccio del Monte Bianco, dopo aver scalato la Punta Walker (4.208 metri). L'uomo è precipitato per circa 200 metri tra la roccia e la crepacciata terminale.

Aveva 34 anni l'alpinista romeno - Iulian Costache - morto ieri sul versante italiano del massiccio del Monte Bianco, dopo aver scalato la Punta Walker (4.208 metri). L'uomo è precipitato per circa 200 metri tra la roccia e la crepacciata terminale.

"Camminavo davanti a lui, l'ho sentito urlare, mi sono voltato e non l'ho più visto", ha raccontato alla Guardia di finanza di Entreves l'amico che procedeva con lui, in un tratto attrezzato con corde fisse appena sotto al rifugio Boccalatte (2.803 metri).

"E' caduto soltanto pochi minuti dopo che eravamo ripartiti dal rifugio, dove ci eravamo fermati solo per una breve sosta" ha detto il compagno di scalata ai soccorritori. Dopo essere scivolato, Iulian Costache è precipitato ed è morto sul colpo, finendo incastrato tra la roccia e la crepacciata. La sua salma è a Courmayeur nell'attesa del nulla osta al trasferimento. Sul posto ieri pomeriggio sono intervenuti il Soccorso alpino valdostano e il Sagf di Entreves.

19/08/2014

Fonte: AostaSera

Ruba cavi di rame da una linea elettrica e muore folgorato

SAN PAOLO DI CIVITATE (Foggia) – Un giovane di 29 anni, di nazionalità romena, Ivan Catalin è morto folgorato mentre tentava di rubare cavi in rame da una linea elettrica Enel a san Paolo di Civitate.

Il corpo senza vita del romeno, che si trovava ad una ventina di metri di distanza dalla linea dell’Enel, è stato scoperto da alcuni passanti che hanno dato l’allarme. Sul posto sono giunti, oltre ai sanitari del 118, anche i carabinieri del Comando provinciale di Foggia e il medico legale che ne ha constatato il decesso per folgorazione.

Secondo gli investigatori la vittima era probabilmente con altre persone che dopo l’accaduto sono fuggite.

30 LUGLIO 2014

Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno


Leggi anche:
Furti di cavi elettrici a San Paolo di Civitate: tre arresti

Morto romeno vittima esplosione

Dopo 21 giorni di agonia al Cto di Torino. Probabile suicidio

(ANSA) - TORINO, 9 AGO - E' morto, ieri sera, dopo ventun giorni di agonia al Cto di Torino, Andone Portase, il romeno di 37 anni, rimasto ustionato nell'esplosione della palazzina dove abitava in via Caduti per la Libertà a Chivasso. Per la Procura di Ivrea, l'uomo tentò il suicidio, ipotesi avvalorata dalla presenza di un tubo del gas tranciato sotto il lavandino della cucina. Portase riportò ustioni di 2 e 3 grado sul 95% del corpo. I suoi funerali si svolgeranno lunedì a Chivasso con rito cristiano ortodosso.

Fonte: ANSA

Romeno di casa a Gottolengo ucciso a martellate

DRAMMA IN ROMANIA

L`ingresso della casa gottolenghese della vittima
MERCOLEDÌ, 20 AGOSTO 2014

È stato ucciso a martellate nella sua Romania. Oggi lo piange anche la terra adottiva, Gottolengo, dove abitava da 10 anni. La fine di Lilian Rarinca, 40enne di origine romena, è stata spaventosa. Lo ha assassinato l’uomo a cui aveva affittato un appartamento in un sobborgo di Galati, capoluogo dell’omonimo distretto romeno. Tre i giorni di agonia. Ad accendere il diverbio tra i due, pare, le condizioni in cui la casa era tenuta. Nella colluttazione è rimasta ferita anche la moglie Georgeta, 37 anni.

Con lei e la figlioletta undicenne, Rarinca viveva in una villetta al Villaggio Merigo. Era muratore in una ditta gottolenghese. Apprezzato sul posto di lavoro per serietà e professionalità, era inserito molto bene nel tessuto sociale del paese. Che oggi lo piange, scosso e incredulo.

Fonte: Giornale di Brescia


Leggi anche:
Muratore ucciso a martellate in Romania

Rumeno senza fissa dimora trovato morto a Trento

Rumeno senza fissa dimora trovato morto stamattina a Trento
08/08/2014

È stato trovato senza vita nel posteggio della Trento Malé da un amico che ha subito chiamato i soccorsi – Notizia aggiornata

Erano le 6.30 di stamattina quando un amico è andato a prenderlo come tutti i giorni. Lo ha trovato senza vita, ha chiamato i soccorsi, ma non c’era più nulla da fare.
La vittima era un rumeno di 58 anni senza fissa dimora che ultimamente aveva allestito il proprio giaciglio occasionale nel posteggio della Trento-Malé, nella parte che confina con la costruzione che ospita il Centro Sociale Bruno.
I carabinieri stanno indagando sulle circostanze che hanno portato alla morte del povero disgraziato, ma probabilmente saranno le analisi mediche a dare le spiegazioni principali.

Aggiornamento
In giornata abbiamo saputo che le cause della morte dello sfortunato rumeno senza fissa dimora sono state definite naturali.
Quello che nessuno saprà mai è se la sua morte sarebbe stato possibile evitarla se si fosse trovato in una vera struttura abitativa.
Si chiamava banari Anatolie ed era nato in Romania il 10 marzo 1956.
L'allarme era stato dato daL'amico che ha dato l'allarme era un polacco, anche lui senza fissa dimora, nato nel 1953.

Fonte: L'Adigetto

lunedì 25 agosto 2014

Masterclass di Pianoforte - Dal 5 al 7 settembre 2014‏

Comunicato stampa
MASTERCLASS DI PIANOFORTE

Tenuto da
M° Catalina Diaconu

5,6,7 Settembre 2014

Accademia di Romania in Roma

Il Masterclass è organizzato e promosso dall’Associazione culturale romeno-italiana PROPATRIA in collaborazione con l’Ambasciata di Romania e l’Accademia di Romania in Roma con il patrocinio del Conservatorio di Musica Santa Cecilia ed è inserito nell’ambito della 4-a edizione del Festival Internazionale Propatria.

Tenendo conto degli obiettivi che il Festival Propatria si propone di raggiungere, tra i quali promuovere i giovani talenti di origine romena e diffondere nel mondo l’immagine della Romania, Paese vivamente impegnato nel campo della cultura, il M° Catalina Diaconu offre la possibilità ai giovani musicisti di partecipare gratuitamente al Masterclass sia come allievi effettivi che in qualità di uditori.

Il corso è rivolto ai giovanissimi pianisti in età pre-accademica dagli 8 ai 18 anni, allievi delle Scuole Medie con indirizzo musicale e agli studenti iscritti ai corsi pre-accademici presso i Conservatori di Musica, Accademie Musicali, Scuole di Musica, Licei Musicali etc..

Hanno la precedenza all’ iscrizione i pianisti di origine romena e gli allievi dei corsi pre- accademici di pianoforte presso il Conservatorio Santa Cecilia.

È possibile seguire il corso in qualità di uditori sia giornalmente che per l’intera durata del Masterclass. L’ingresso è libero sia per gli adulti che per i ragazzi.

Il Masterclass si propone di offrire ai giovanissimi musicisti degli strumenti di analisi e di interpretazione dei brani inseriti nel programma . Nei tre giorni di studio focalizzato su una migliore comprensione della composizione, dello stile e della forma musicale, la docente trasmetterà, in base al repertorio e alle capacità riscontrate in ciascuno dei partecipanti, degli orientamenti per risolvere vari problemi dal punto di vista tecnico ed artistico.

Il concerto finale rappresenta per i giovanissimi l’occasione di presentare al pubblico i risultati del loro lavoro e condividere con tutti gli appassionati di musica la loro emozionante esperienza artistica .
I corsi seguiranno il seguente programma:
5 settembre 2014: 9.30-13.30 14.30-19.00
6 settembre 2014: 9.30-13.30 14.30-19.00
7 settembre 2014: 10.00-14.00 15.00-17.00
7 settembre 2014, ore 18.00 CONCERTO FINALE tenuto dagli allievi del corso e la consegna dei Diplomi di partecipazione - Ingresso libero
Il termine di scadenza per le iscrizioni è il 1° settembre 2014.
La scheda d’iscrizione si può scaricare al seguente indirizzo: www.propatriavox.it
http://www.propatriavox.it/festival-2014/masterclass-di-pianoforte-5-6-7-settembre-2014/
http://www.propatriavox.it/wp-content/uploads/2014/07/Scheda-discrizione-masterclass-Acc-di-Romania.pdf
Info: 0039 - 3289599204 / 0039-0645443219 / info@propatrivox.it

L’ufficio stampa
Accademia di Romania

Roma, 25 agosto 2014

Concerto di musica da camera sabato 30 agosto 2014 ore 20.00‏

Cari amici dell’Accademia

siamo lieti di invitarvi al

Concerto di musica da camera

Sabato, 30 agosto alle ore 20.00

Accademia di Romania, Sala concerti

(Ingresso Piazza José de San Martin, 1)

Con la partecipazione straordinaria dell’artista

Adrian Mantu - violoncello

L’Unione Creativo-Interpretativa dei Musicisti della Romania – UCIMR, Excess Music e l’Accademia di Romania in Roma continuano la serie dei corsi estivi "Icon Arts - Roma" dal 25 al 30 agosto 2014. Aggiunto al masterclass di musica da camera tenuto dal violoncellista Adrian Mantu (membro del quartet ConTempo/RTE Ireland), la seconda edizione, inaugura la masterclass di fotografia, coordinato dagli artisti Mihai Benea (Bucarest) e Sebastian Marcovici (Sibiu).

I corsi estivi "Icon Arts - Roma" si concludono con un concerto finale con la partecipazione degli alievi del corso, che si terrà Sabato, 30 agosto 2014, ore 20.00, nella sala dei concerti dell'Accademia di Romania.

Si esibiranno i musicisti:

Gabriel Oraveţ, Kecskes Aved Erika, Kecskes Aved Csilla, Aved Eva, Alexandra Făgăraşanu, Andra Bălan, Raluca Mihnea, Romana Sălăjan e Melanie Higgins, con la partecipazione straordinaria dell’artista Adrian Mantu.

ICon Arts Academy - Roma è un progetto collaterale al Festival e all’Accademia "Icon Arts" di Sibiu, Romania, primo grande evento indipendente dedicato all'arte contemporanea, che raccoglie ogni anno più di 150 artisti, musicisti e fotografi provenienti da tutto il mondo.

Nel corso del tempo “Icon Arts” ha riunito personaggi di istituzioni prestigiose della Romania e dall’estero: Francia (Teatro Nazionale Crie), Gran Breatagna (Royal Academy of Music di Londra, Birmingham Conservatoire), Spagna (Filarmonica Madrid), Cina (Conservatorio di Pechino), USA (Boston University).

Adrian Mantu si è laureato presso l'Università Nazionale di Musica di Bucarest. I suoi studi continuarono presso il Banff Centre for the Arts in Canada, Accademia Chigiana di Siena, Royal Academy of Music di Londra, Escuela Superior de Musica Reina Sofia di Madrid e Accademia Europea di Musica di Aix-en-Provence. A sua volta, ha studiato con Ştefan Popov, Zara Nelsova, Radu Aldulescu, Lawrence Lesser e Marin Cazacu. Ha studiato e lavorato in numerosi corsi di perfezionamento per quartetto d'archi con i membri di quartetti Amadeus, Alban Berg, Hagen, di Tokyo e Emerson.

Accademia di Romania in Roma

Masterclass III edizione ...non solo bach...‏


...non solo bach...

masterclass IIIa edizione

28 • 31 agosto 2014

concerto finale 1 settembre

Anguillara • Giardini del Torrione

giovedì 28 agosto, ore 21:00 - Chiesa di S. Biagio - Anguillara
"...dal barocco al galante..."
sonate per violino e clavicembalo obbligato di J.S. Bach, C.Ph.E. Bach, W.A. Mozart, J. Haydn
Mauro Lopes Ferreira, violino - Cipriana Smarandescu, clavicembalo

venerdì 29 agosto, ore 21:00 - Giardini del Torrione - Anguillara
"...musica, retorica e linguaggio: l'arte di ascoltare..."
conferenza di Andrea Riderelli

sabato 30 agosto, ore 21:00 - Chiesa di S. Biagio - Anguillara
"...triosonata barocca..."
musiche di Leclair, Locatelli, Telemann, Petzold
Pierluigi Tabachin, Giusi Ledda • traversieri - Cipriana Smarandescu, clavicembalo

lunedi 1 settembre, ore 18:00 - Accademia di Romania - Roma
concerto finale del corso

[ingresso libero]

www.aliusmodum.com 
www.ibaroque.it

Con il patrocinio del Comune di Anguillara e dell'Accademia di Romania in Roma e la collaborazione della Associazione Scuola Orchestra Anguillara

Jazz e poesia romena a Pane e Pomodoro



25 Agosto 2014
Presso lungomare Perotti, 56 Dal 27/08/2014 Al 28/08/2014
Bari
 ore 20.00
ingresso libero

Dal 27/08/2014 Al 28/08/2014

Il 27 e 28 agosto Pane e Pomodoro ospita l'evento musicale e letterario 'Jazz e poesia romena a Bari'. Il progetto, organizzato dall’Istituto Culturale Romeno, ricorre nel Giorno della Lingua Romena, festeggiato alla fine del mese di agosto.

Mercoledì 27 agosto, Adrian Naidin (violoncello e voce), Irina Sârbu (voce) e Ciprian Parghel (contrabbasso e voce), riuniti sotto il nome di Tri, sosterranno un recital jazz con brani di Zavaidoc e Anton Pan, di musica tradizionale transilvana e lăutărească, accanto a composizioni originali firmate da Adrian Naidin.

Giovedì 28 agosto, invece, sarà la volta del concerto del Paolo Profeti Quintet, un ensemble strumentale italo-romeno che offre un repertorio scritto dal sassofonista e compositore Paolo Profeti, ed eseguito insieme a Florian Radu (trombone), Michael Acker (contrabbasso), Octavian Scurtu (batteria) e Sorin Romanescu (chitarra).

Il tema delle due serate è il legame storico, umano ed emotivo che lega Italia e Romania. I brani di Paolo Profeti saranno accompagnati dalla lettura di testi di Mariana Marin, Virgil Mazilescu, Mircea Ivănescu, Leonid Dimov e Răzvan Țupa, recitati dall’attrice Anda Saltelechi e da Clara Mitola, che li ha selezionati e tradotti.

“Le poesie che ho scelto per accompagnare la musica di Paolo Profeti sono quadri preziosi dai colori brillanti, onirici, che descrivono l’essere umano nei suoi sogni, paure e debolezze. Ho cercato poeti e poesie tra i più jazz del grande mare della poesia romena contemporanea”, sottolinea Clara Mitola.

Fonte: Bari Today

Miss Chirurgia Estetica a Monselice, vince la romena Bianca Bejan

Il singolare concorso di bellezza si è svolto all’hotel Blue Dream: la vincitrice aiutata da una mastoplastica additiva che è piaciuta molto alla giuria. La veneta Erika Tiozzo è arrivata terza

di Francesca Segato

Tutte le immagini del concorso Miss Chirurgia Estetica
MONSELICE. La più bella, alla fine, per la giuria è Bianca Bejan con il suo generoso décolleté frutto dell'abilità del chirurgo. Tanta curiosità e pienone di pubblico ieri sera al Blue Dream Hotel per Miss Chirurgia Estetica. Centinaia di persone nel giardino dell'hotel hanno assistito alla sfilata delle miss, tutte dichiaratamente "rifatte", com'era nel regolamento del concorso. Nata a Husi (Romania) il 6 febbraio 1974, Bianca Bejan si è portata a casa l’ambita fascia di Miss Chirurgia Estetica 2014. La bella vincitrice vive tra Milano e Barcellona e fa la produttrice di video pubblicitari. Al portamento naturale e al fisico scolpito dallo yoga aggiunge l’aiutino dato da un intervento di mastoplastica addittiva, reputato perfetto dalla giuria.
Giuria che era composta da Marcello Bernucci, medico chirurgo, Renzo Biasato, chirurgo, Luigi Berther, chirurgo orale, Giuseppe Genocchio, chirurgo orale, Massimo Re, chirurgo estetico e Stefano Duodeci, chirurgo estetico. A condurre la serata Elio Pari, ideatore del concorso e di Miss Over International, e Cinzia Sguotti, orgogliosa di aver portato per la prima volta a Monselice le finali del chiacchierato concorso. Le precedenti cinque edizioni si erano tenute in Romagna. Le concorrenti hanno sfilato per oltre due ore, alternando passerelle prima in elegante abito da sera, quindi in seducente costume da bagno o in lingerie. Le concorrenti erano undici, tutte provenienti dal nord Italia. Una sola veneta, Erika Tiozzo, giornalista, arrivata in finale con la fascia di Miss Rinoplastica.
A colpire il pubblico anche la storia di Eva Carieri, Miss MiSonoRifattaTutta: ha raccontato di essersi sottoposta a 22 interventi, cambiando sesso. Raccontare le storie e i bisogni dietro la scelta di chi opta per la chirurgia estetica e sdoganare la bellezza naturale a tutti i costi lo spirito del concorso, che com’è ovvio sta suscitando anche una valanga di critiche e una satira feroce sul web. Alla serata era presente pure Enrico Lucci delle “Iene”.
23 agosto 2014

Fonte: Il Mattino di Padova

Nasce il progetto “Incontri Franco Italiani” per la promozione dei valori della Francofonia‏

NASCE IL PROGETTO “INCONTRI FRANCO ITALIANI” PER LA PROMOZIONE DEI VALORI DELLA FRANCOFONIA

Un modo di condividere i valori della francofonia e far conoscere le nazioni e le comunità che vi aderiscono con particolare attenzione verso le principali comunità immigrate come quella romena, marocchina ed egiziana

Marco Baratto di Mulazzano, lancia il progetto“Incontri Franco Italiani” per la promozione dei valori della franconia nel Lodigiano. Gli “Incontri Franco Italiani” non sono una nuova associaizone ma , partendo dalla collaborazione dell'Associazione Culturale Euromediterranea, vogliono sviluppare in accordo con singole persone , associazioni , enti culturali , enti locali dei momenti di approfindimento, divulgazione e consocenza delle Nazioni o delle Comunità che si riconsocono nei valori della francofonia.

La parte centrale e dominante sarà ovviamente rappresentanta dal cementare i legami tra Italia e Francia ma , proprio per la natura aperta e per i valori a cui si ispira il progetto “Incontri Franco Italiani” mira a essere un momento aggregativo e di conoscenza con le singole comunità dei Paesi che oggi fanno parte del grande universo della francofonia. Un modo per aprire sempre di più le nostre realtà ed i nostri paesi nei quali vivono sempre di più nazionalità diverse molte delle quali però accomunate da una appartenza al modo francofono.
Basti solo a titolo di esempio ricordare le comunità marocchine, egiziane o, per rimanere tra quelle comunitarie la romena. Sono tutte comunità che per presenza numerica rappresentano una parte significativa nel nostro territorio ed i Paesi di orgine di questi “nuovi italiani”si riconsocono pur essendo diversi per lingua o credo religioso nei valori di libertà e democrazia sostenuti dalla francofonia. Attraverso gli “Incontri Franco Italiani” si vuole contribuire a rafforzare non solo i vincoli di amicizia tra i Popoli ma a far conoscere e divulgare nel lodigiano la storia , gli usi ed i costumi di queste comunità ( e di tante altre) che vivono accanto a noi. Questo obbiettivo di essere un ponte tra questi “nuovi italiani” si vuole portarlo a compimento attraverso i valori professati dalla francofonia.

Gli“Incontri Franco Italiani” , come si è detto non sono una nuova associazione, ma una progetto che per essere realizzato collaborarrano con le diverse associazioni comunitari presenti sul territorio per sottolinare questi valori comuni Primo appuntamento a Settembre nel lodigiano con un evento dedicato al centenario della Prima Battaglia della Marna

Il Progetto in un primo tempo interesserà il territorio lodigiano e quello del sud milano .e del Cremonese e del Magentino Successivamente si valuteranno altre zone della Lombardia dove svolgere eventi sempre nello spirito della collaborazione con associazioni o enti espressione del territorio.

Progetto "Incontri Franco Italiani"

Premiile DIGI in Veneto 2014‏

Premiile DIGI in Veneto 2014

Continuăm concursul:

"Roman? Talentat? DIGI Mobil este alaturi de tine si te premiaza!" Gala Premiile DIGI 2014 in regiunea Veneto.

Competitia se adreseaza artistilor romani care au emigrat pe teritorul Italiei.
Obiectivul este de a sustine si promova talentele romanesti.

Toti romani talentati, interesati sa participe la concurs, sunt invitati sa ne transmita curriculum insotit de o fotografie si un material artistic pe adresa

pubblicita@digimobil.it pana la data de 25 Septembrie 2014.

Pentru orice informatie ne puteti contacta la numarul de telefon: 02/87246524

Va asteptam cat mai talentati!

Irina Tirdea
Responsabile Marketing & Press Office
DIGI Italy Srl – RCS&RDS Romania
Via Giovanni Bensi 1, 20152, Milano (MI)
Tel : +39 02 87246 513
Fax: +39 024 8405767
Mobile : +39 3733 401 484
E-mail : irina.tirdea@digimobil.it
pubblicita@digimobil.it
www.digimobil.it

Iscrizioni aperte per il 9° Premio Internazionale Arte Laguna‏

PREMIO ARTE LAGUNA: APERTE LE ISCRIZIONI ALLA 9A EDIZIONE DEL CONTEST INTERNAZIONALE

COMUNICATO STAMPA

Venezia, 18 giugno 2014 - Il Premio Arte Laguna sceglie l’Art Night veneziana apre ufficialmente le iscrizioni alla 9a edizione del concorso internazionale di arti visive.

Molte e di pregio le novità dell’edizione 2014-15 del Premio Arte Laguna che premierà con 7mila euro ciascuno i 5 vincitori assoluti, annunciandoli a marzo 2015 durante l’inaugurazione della mostra dei finalisti all’Arsenale di Venezia.

COLLABORAZIONI CON LE AZIENDE
Punto di forza ed elemento distintivo del concorso sono i premi “Business for Art” realizzati in collaborazione con tre eccellenze del made in Italy nei settori della moda, del vino e del design.
Nel network Arte Laguna si riconferma Riva 1920, storica azienda di mobili con sede a Cantù, che riutilizza le “briccole” veneziane per realizzare l’oggetto progettato da un artista. Si aggiungono l’Azienda Agricola La Tordera di Valdobbiadene produttrice di vino dagli anni cinquanta che premierà con 5mila euro l’etichetta artistica per una linea di prosecco a tiratura limitata, presentandola poi a Vinitaly 2015 ed Expo, e Pas de Rouge che conferirà un premio di 10mila euro alla proposta creativa più accattivante ispirata al mondo della calzatura e allo slogan “Il Soft Appeal” che accompagna i suoi prodotti.

RESIDENZE D’ARTE
Sette artisti potranno vivere un'esperienza creativa al di fuori dello studio d’artista grazie alla collaborazione con: Serigrafia Artistica Fallani di Venezia, alla Scuola del Vetro Abate Zanetti di Murano, al festival sloveno Art Stays e alla Fonderia Artistica Battaglia, Milano.

MOSTRE PERSONALI NELLE GALLERIE
Continua la formula di collaborazione con le gallerie internazionali chiamata “Artist in gallery”. Ogni galleria selezionerà un artista per una personale comprensiva di allestimento, opening, spese di trasporto, catalogo dedicato. Gli spazi saranno la Galleria Charlot a Parigi, in Portogallo la Galleria Fernando Santos e in Germania la Galleria Isabelle Lesmeister.

Le candidature ad una delle cinque sezioni del concorso (pittura, arte fotografica, scultura e installazione, performance e video arte, arte virtuale e digitale) dovranno pervenire entro il 6 novembre 2014.

Le opere saranno valutate e selezionate da una giuria di esperti internazionali composta da direttori di fondazioni e musei, curatori indipendenti, e presieduta da Igor Zanti. In giuria: Simone Frangi, Italia/Francia, Direttore Artistico di Viafarini DOCVA e Professore di Teoria dell'Arte Contemporanea presso Ecole Supérieure d'Art e de Design de Grenoble-Valence; Franck Gautherot, Francia, Co-Direttore presso Le Consortium, Centro d’Arte Contemporanea di Digione; Chus Martinez, Spagna, Direttrice Istituto d’Arte FHNW di Basilea, Svizzera; Bartolomeo Pietromarchi, Italia, Direttore Fondazione Antonio Ratti di Como; Domenico Quaranta, Italia, Critico e Curatore; Veeranganakumari Solanki, India, Curatore indipendente e Art writer; Philippe van Cauteren, Belgio, Direttore Artistico presso S.M.A.K, Museo d’Arte Contemporanea a Ghent; Jonathan Watkins, Regno Unito, Direttore Ikon Gallery.

Maggiori informazioni e bando di concorso sono disponibili su www.premioartelaguna.it