La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

giovedì 30 ottobre 2014

Giornata di studio "Restauro: L'Italia e Romania a confronto‏"

Cari amici dell’Accademia

Siamo lieti di invitarvi a una

Giornata di studio sul tema:

Restauro: L'Italia e Romania a confronto

5 novembre 2014

Sala Conferenze

In programma:

Saluti di S.E. Sig.ra Dana-Manuela Constantinescu, Ambasciatrice di Romania in Italia
Presentazione della giornata di studio: prof. Giovanni Carbonara (Sapienza Universita di Roma)

ore: 10-11
prof.ssa Mihaela Criticos (Universita di Architettura e Urbanistica Ion Mincu)
Interventi contemporanei in contesti storici: armonie e dissonanze
prof. Stefano D’Avino (Universita “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara)
Il restauro in Romania: quadro attuale

ore: 11-12
Arch. Alessandra Vittorini (Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici dell’Abruzzo)
Il restauro della chiesa di S. M. di Collemaggio a l’Aquila
Prof.ssa Daniela Esposito (Scuola di specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio, Sapienza Università di Roma)
Conservazione, restauro e valorizzazione: esperienze a confronto

ore: 12-13
Prof. Stefan Balici (Universita di Architettura e Urbanistica Ion Mincu)
Il restauro archeologico in Romania
Prof. Riccardo Dalla Negra (Facolta di Architettura “Biagio Rossetti” di Ferrara)
La villa Silin in Libia: proposte per una protezione reintegrativa

ore: 13-14
Light lunch e visita della mostra sull’attività di ricerca condotta in partenariato dall’Università di Architettura e Urbanistica di Bucarest e dall’Università di Chieti-Pescara

ore: 14-15
Prof. Kazmer Kovacs (Universita di Architettura e Urbanistica Ion Mincu)
Italian tradition and Romanian restoration
Prof. Claudio Varagnoli (Universita “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara)
L’opera di Giulio Magni in Romania

ore: 15-16
Arch. Valeria Montanari
L’influenza della cultura italiana del restauro nell’opera di Stefan Bals e Horia Teodoru
Arch. Anelinda di Muzio
Il sistema delle gare in Italia: l’esempio di Palazzo Citterio a Milano
Mrs. Paula Popoiu
The Restoration of the Paintings in the Rapciuni Church

ore: 16-17
Prof. Dan Mohanu (Universita delle Arti di Bucarest)
Il restauro degli intonaci affrescati: teoria e tecnica
Prof. Fabrizio De Cesaris (Sapienza Universita di Roma)
Restauri conservativi e strutturali nel centro urbano ruderizzato della riserva naturale di Canale Monterano,
nei pressi di Roma

ore: 17-18
Prof. Sergiu Nistor (Universita di Architettura e Urbanistica Ion Mincu, ICOMOS Romania)
Use of the heritage resources: local models in a global heritage industry
Dott. Pietro Graziani (Sapienza Universita di Roma già Ministero per i Beni e le Attività culturali)
Legislazioni di tutela e convenzioni internazionali

Conclusioni:
Prof. Giovanni Carbonara
Prof. Sergiu Nistor

Accademia di Romania a Roma

Europei per l'Italia: Rumeni andate a votare ma in futuro si usi il voto elettronico in tutta Europa

EUROPEI PER L'ITALIA : RUMENI ANDATE A VOTARE MA IN FUTURO SI USI IL VOTO ELETTRONICO IN TUTTA EUROPA

Domenica 2 e domenica 16 Novembre si svolgeranno le elezioni presidenziali in Romania alle quali sono chiamati anche molti cittadini residenti all’Estero. Il nostro Movimento non esprime un voto di preferenza per la prima votazione per un determinato candidato ma chiede ai tanti rumeni della diaspora di recarsi alle urne per il bene del Paese e del suo futuro Europeo. Allo stesso tempo, ai prossimi Governanti chiediamo un impegno concreto per rendere effettivo il voto dei rumeni della diaspora.

Il suggerimento che proponiamo è semplice e concreto . Si tratta di usare lo stesso metodo usato per le elezioni presidenziali francesi per i propri concittadini residenti all’estero vale a dire il voto via internet attraverso gli stessi criteri di sicurezza adottati dai nostri cugini francesi .

Questo sistema permetterebbe a tutti i rumeni all’estero di votare senza muoversi da casa e allo stesso tempo permetterebbe un notevole risparmio allo Stato.

Lo stesso sistema di voto potrebbe essere promosso anche in Italia per gli italiani che vivono in diaspora.

Marian Mocanu
Europei per l’Italia
www.europeiperlitalia.it
info@europeiperlitalia.it
europeiperlitalia@pec.it
Cell: 347 41 66 068

Elenco seggi elettorali predisposti in Italia per le elezioni presidenziali della Romania
----------------------------------------------

Leggi anche:
Presidenziali in Romania, i cittadini rumeni potranno votare anche a Varese
CANAVESE - La comunità romena al voto per il presidente

martedì 28 ottobre 2014

Informații privind votarea la Alegerile Prezidențiale din 2 noiembrie 2014


Alegerile pentru Preşedintele României au loc duminică, 2 noiembrie 2014, între orele 07.00 – 21.00!

Pot vota toţi cetăţenii români aflaţi în străinătate (inclusiv turiştii), pe baza unuia dintre actele de identitate, valabile în ziua votării, prevăzute de Decizia nr. 10/ 2014 a Biroului Electoral Central.

Actele în baza cărora pot vota cetăţenii români care se află în străinătate în ziua votării:
Cetăţenii români cu domiciliul în România care în ziua votării se află în străinătate îşi pot exercita dreptul de vot la secţiile de votare organizate în străinătate în baza unuia dintre următoarele acte de identitate, valabile în ziua votării:
 paşaportul diplomatic,
 paşaportul diplomatic electronic;
 paşaportul de serviciu;
 paşaportul de serviciu electronic;
 paşaportul simplu;
 paşaportul simplu electronic;
 paşaportul simplu temporar;
 titlul de călătorie.

Cetăţenii români cu domiciliul în România care în ziua votării se află în străinătate în state care permit accesul pe teritoriul lor în baza cărţii de identitate, îşi pot exercita dreptul de vot în baza unuia dintre următoarele acte de identitate, valabile în ziua votării:
 paşaportul diplomatic,
 paşaportul diplomatic electronic;
 paşaportul de serviciu;
 paşaportul de serviciu electronic;
 paşaportul simplu;
 paşaportul simplu electronic;
 paşaportul simplu temporar;
 cartea de identitate;
 cartea electronică de identitate;
 titlul de călătorie.

Cetăţenii români cu domiciliul în străinătate care în ziua votării se află în străinătate, îşi pot exercita dreptul de vot la secţiile de votare organizate în străinătate, în baza unuia dintre următoarele acte de identitate, valabile în ziua votării:
 paşaportul simplu cu menţionarea ţării de domiciliu (CRDS);
 paşaportul simplu electronic cu menţionarea ţării de domiciliu (CRDS);
 paşaportul simplu temporar cu menţionarea ţării de domiciliu (CRDS);
 titlul de călătorie.

Actele în baza cărora pot vota cetăţenii români cu domiciliul în străinătate care în ziua alegerilor se află în România:
Cetăţenii români cu domiciliul în străinătate care în ziua votării se află în ţară îşi pot exercita dreptul de vot la secţiile de votare organizate în România, în baza unuia dintre următoarele acte de identitate, valabile în ziua votării:
 paşaportul simplu cu menţionarea ţării de domiciliu (CRDS);
 paşaportul simplu electronic cu menţionarea ţării de domiciliu (CRDS);
 paşaportul simplu temporar cu menţionarea ţării de domiciliu (CRDS);

ATENŢIE!
Alegătorii care în ziua votării se află în străinătate votează după ce declară în scris pe propria răspundere că nu au mai votat şi nu vor mai vota la acel tur de scrutin.

Pentru mai multe informaţii, vă punem la dispoziţie „Ghidul alegătorului român din străinătate”.

De asemenea, vă recomandăm să accesaţi site-ul Ministerului Afacerilor Externe, secţiunea dedicată alegerilor pentru Președintele României, dar şi pagina de web a Biroului Electoral Central
 şi cea a Autorităţii Electorale Permanente .

Lista secțiilor de votare organizate în Italia, Malta și San Marino
1 ITALIA Roma 1 Via del Serafico 69, 00142 Roma
2 ITALIA Roma 2 Piazza Jose de San Martin 1, 00197 Roma
3 ITALIA Roma 3 Piazza Jose de San Martin 1, 00197 Roma
4 ITALIA Frosinone Piazza VI Dicembre, 03100 Frosinone
5 ITALIA Ladispoli Piazza Giovanni Falcone nr.1
6 ITALIA Palestrina Via Colle Girello 2/ Via Prenestina Nuova 111
7 ITALIA Tivoli Piazza Palatina 1, 00019, Tivoli
8 ITALIA Napoli Via De Giaxa 5, 80144 Napoli
9 ITALIA Perugia Strada S. Lucia 2, 06125 Perugia
10 ITALIA Pescara Viale Bovio 466, 65124 Pescara
11 ITALIA Cagliari Via Roma 145
12 ITALIA Ostia Via della Stazione Vecchia, 00122 Ostia
13 ITALIA Bologna Via Guelfa 9, 40138, Bologna
14 ITALIA Florenț a Viale Guidoni 174, 50127
15 ITALIA Arezzo Piazza Fanfani 5, 52100
16 ITALIA Grosseto Via Unione Sovietica 46, 58100
17 ITALIA Livorno Scali Finocchietti 4, 57123
18 ITALIA Ancona Via Scrima 19, 60126
19 ITALIA Milano 1 Via Gignese 2, Milano
20 ITALIA Milano 2 Via Gignese 2, Milano
21 ITALIA Brescia Casa Delle Associazioni, Via Cimabue 16
22 ITALIA Bergamo Largo Roentgen 2
23 ITALIA Mantova Piazza Diaz 38, Formigosa
24 ITALIA Trento Circoscrizione Di Gardolo, Piazzale Lionello Groff 2
25 ITALIA Trieste 1 Via Udine 11, 34132
26 ITALIA Trieste 2 Via Udine 11, 34132
27 ITALIA Veneț ia Campo Santa Fosca Cannaregio 2214, 30121
28 ITALIA Treviso Via Pietro Bembo 79, 31011 Asolo (TV)
29 ITALIA Verona Piazzetta San Pietro Incarnario 3
30 ITALIA Padova Via Diego Valeri 17/19
31 ITALIA Udine Via Pradamano 21
32 ITALIA Torino Via Ancona 7
33 ITALIA Alessandria Via Porri 8
34 ITALIA Cuneo Viale Lentrum 7
35 ITALIA Novara Via Monte San Gabrielle 19/C
36 ITALIA Vercelli Via Gallileo Ferraris (adiacent Catedralei Sant'Andrea
din Piazza Roma 35)
37 ITALIA Aosta Piazza Emile Chanoux 8 - Sala Hotel des Etats
38 ITALIA Genova Via Casaregis 50/15
39 ITALIA La Spezia Largo Vivaldi (Centro Civico Nord)
40 ITALIA Sanremo Corso Cavallotti 92
41 ITALIA Catania Via Misterbianco 1
42 ITALIA Canicatti Via Petrella 15
43 ITALIA Reggio Calabria Via Sant’Anna, Secondo Tronco
44 ITALIA Bari Via Paolo Aquilino 3
45 ITALIA Foggia Viale Candelaro 102/B
46 ITALIA Varese Via Pergine 6
47 ITALIA Sondrio Largo Sindelfingen
48 ITALIA Lecco Via Seminario 39
49 ITALIA Como Via Grandi 21
50 ITALIA Fermo Via Giuseppe Mazzini 4, 63900
51 ITALIA Cosenza Via Roberto Caruso (fostă Via Bengasi) 1
52 MALTA La Valletta 60 South str., Valletta, 11 Malta
53 R. S. MARINO San Marino Via Valle di Marco 4, San Marino

Ambasada României în Italia

ARI: Apelul românilor din diaspora către cei de acasă: Votaţi şi pentru noi!

ROMA – 26 octombrie 2014 - Asociaţia Românilor din Italia (ARI) face un apel către toţi românii din diaspora, să participe la votul de duminică, 2 noiembrie 2014, între orele 07:00 - 21:00 (ora locală), pentru alegerea Preşedintelui României; Dacă nu au cum să participe personal, să sune la membrii familiei de acasă, pentru a vota şi în numele lor.
"Votaţi şi pentru noi!”, este mesajul pe care vrem să-l transmitem familiilor noastre din România. Ca în fiecare an electoral, românii din diaspora sunt persecutaţi politic de cei care decid numărul şi localizarea secţiilor de vot. Pentru cele 4 milioane de români plecaţi în Europa la muncă, au fost amenajate puţine secţii de vot. Numai o parte dintre românii din străinătate vor putea vota. Pentru cei care nu-şi vor putea exercita votul în străinătate, deoarece distanţele până la secţiile de votare sunt prea mari, îi sfătuiesc să telefoneze celor dragi din România să-şi îndrume rudele şi prietenii să participe la acest important scrutin, adresandu-le rugămintea “Votaţi şi pentru noi!”. Este şi dreptul nostru de a fi reprezentaţi de viitorul Preşedinte al României. Aceastã campanie de informare se doreşte a fi un semnal puternic din partea românilor din diaspora, un semnal cã existãm şi cã suntem interesaţi de viitorul României, de viitorul copiilor noştri”.
“Vrem sã participãm la reformarea României”. “Vrem sã sa ne întoarcem acasã într-o ţarã prosperã”. “Nu trebuie sã ne mai fie ruşine cã suntem români”. “Nu mai vrem politicieni corupţi la conducerea ţãrii”. “Nu mai acceptãm sã fim alungaţi din ţara noastrã” sunt doar o parte din motivele pentru care românii de pretutindeni sunt chemaţi sã-şi facã datoria faţã de România.
“Votaţi şi pentru noi! Votaţi pentru salvarea României!”
Eugen Terteleac, preşedinte ARI

Lista secţiilor de votare în regiunea Lazio:
1 Roma 1 Via del Serafico n. 69, 00142 Roma
2 Roma 2 Piazza Jose de San Martin n. 1, 00197 Roma
3 Roma 3 Piazza Jose de San Martin n. 1, 00197 Roma
4 Frosinone Piazza VI Dicembre, Sediul URP - Sportello del cittadino, 03100 Frosinone
5 Ladispoli Piazza Giovanni Falcone nr.1
6 Palestrina Parohia Sacra Famiglia, Via Colle Girello nr. 2
Via Prenestina Nuova nr. 111
7 Tivoli Piazza Palatina nr.1, 00019, Tivoli
8 Ostia Via della Stazione Vecchia 26, 00122 Ostia

Lista secţiilor de votare este disponibilă pe site-ul MAE. 

ASSOCIAZIONE DEI ROMENI IN ITALIA
Via Fringuello, N° 50 A, Roma
Tel / Fax (+39) 06. 263162
E-mail – info@associazionedeiromeni.it

La evenimentul cultural-electoral de la Roma "Votaţi şi pentru noi" au participat peste 6.000 de români


“Împreună pentru a ne cunoaşte mai bine” este sloganul folosit de Asociaţia Românilor din Italia (ARI) cu ocazia organizării evenimentului cultural-electoral din ziua de duminică, 26 octombrie 2014 la Roma, la Teatro Terndastrisce.

Membrii şi simpatizanţii ARI, români din Roma, au venit în număr record. Peste 6.000 de persoane au participat la acest maraton cultural-electoral început la ora 14:30 şi încheiat al ora 19:30. ARI a lansat în cadrul evenimentului campania de informare şi responsabilizare a românilor din diaspora şi din România, “Votaţi şi pentru noi”.

Prin aceasta campanie se cere romanilor o implicare directă în reformarea României, în restabilirea democraţiei şi a bunului sens în România. Dezrădăcinarea birocraţiei, combaterea corupţiei, rezultate care pot fi obţinute doar prin participare şi implicare, prin vot.

Aspectul cultural al evenimentului a fost susţinut de Elisabeta Turcu Juverdeanu, George Rotaru, Ionică Stan, Ansamblul “Dor Călător” fiind apreciat de către publicul prezent prin aplauze prelungite, dansuri, hore şi voie bună. Inclusiv oaspeţii politicieni italieni, membri marcanţi ai comunităţii s-au bucurat de atmosfera românească. Surpriză pe care ARI a făcut-o celor prezenţi s-a numit îndrăgitul interpret Gheorghe Turda, care a fost îndelung aplaudat pentru cunoscutele sale cântece patriotice.

Singurul candidat care a răspuns la invitaţia ARI şi a oferit materiale de promovare participanţilor a fost Calin Popescu-Tariceanu, programul său prezidenţial fiind bine primit de comunitatea prezentă. ARI apreciază în acelaşi timp faptul că Victor Ponta a fost în vizită la românii din Torino pentru a-şi expune programul său pentru diaspora. Până acum cei doi candidaţi au fost singurii care au dat atenţie diasporei.

Preşedintele ARI Eugen Terteleac a comunicat că Asociaţia Romanilor din Italia a invitat toţi candidaţii la preşedinţia României să prezinte românilor din Roma programul lor electoral.

Vor mai fi organizate alte evenimente în aceeaşi locaţie: duminică 9 noiembrie sunt invitaţi să participe cei doi candidaţi care vor ajunge în turul doi al alegerilor prezidenţiale, astfel românii din diaspora vor afla prin intermediul televiziunii Daciatv cum vor fi reprezentaţi de viitorul preşedinte al României, ce va face acesta concret pentru românii din diaspora. În schimb, duminica 16 noiembrie vom urmări minut cu minut decursul alegerilor şi vom sărbători la Roma închiderea scrutinului şi noul preşedinte al României.

Roma, 26 octombrie 2014
Biroul de comunicare ARI

ASSOCIAZIONE DEI ROMENI IN ITALIA
Via Fringuello, N° 50 A, Roma
Tel / Fax (+39) 06. 263162
E-mail – info@associazionedeiromeni.it

Elezioni presidenziali romene, un seggio a Ladispoli


27 ottobre 2014

L’Amministrazione comunale rende noto che il 2 novembre in occasione delle elezioni presidenziali in Romania a Ladispoli sarà presente un seggio elettorale.

Il ministero degli Esteri della Romania, infatti, ha organizzato 294 seggi elettorali in tutto il mondo dove si trovano comunità romene, per l’Italia i seggi saranno presenti in 50 località, tra le quali anche Ladispoli. Gli elettori saranno chiamati ad eleggere il nuovo presidente dopo la scadenza del mandato di Traian Basescu, entrato in carica dopo le elezioni del dicembre 2009. Votando con sistema maggioritario uninominale a doppio turno nel caso che nessun candidato raggiunga il 50% + 1 dei voti, si ricorrerà al ballottaggio fra i due candidati più votati. L’eventuale ballottaggio avrà luogo il 16 novembre.

“La nostra città – ha detto il delegato ai rapporti con la comunità romena, Adrian Gherman – è stata scelta oltre che per la disponibilità del sindaco Crescenzo Paliotta anche per la vicinanza di comuni come Bracciano, Anguillara, Civitavecchia, Cerveteri, Fiumicino. Qui la presenza dei cittadini romeni si aggira intorno alle ventimila unità che potranno esercitare il diritto di voto presso il seggio di Ladispoli. Per quanto riguarda Ladispoli, l’ufficio anagrafe segnala la presenza di circa quattromila cittadini romeni residenti. Un altro fattore che è alla base di questa iniziativa è il consolidato rapporto di cooperazione istituzionale tra il Comune di Ladispoli e le Istituzioni Diplomatiche Romene che si trovano sul territorio italiano. Per votare, l’elettore deve essere in possesso di uno dei documenti romeni validi: Passaporto o Carta di Identità”.

A Ladispoli si potrà votare presso Palazzo Comunale in Piazza Giovanni Falcone, nei giorni 2 novembre e 16 novembre in caso di ballottaggio dalle ore 6 alle ore 20.

Fonte: Terzo Binario

lunedì 27 ottobre 2014

Românii și Marele Război” – expoziție foto-documentară la Museo Nazionale del Risorgimento Italiano – Palazzo Carignano din Torino dedicată aniversării centenarului Primului Război Mondial‏ /„I Romeni e la Grande Guerra” – mostra foto-documentaria al Museo Nazionale del Risorgimento Italiano – Palazzo Carignano di Torino dedicata al 100° Anniversario della Grande Guerra



COMUNICAT DE PRESĂ

„Românii și Marele Război” – expoziție foto-documentară la
Museo Nazionale del Risorgimento Italiano – Palazzo Carignano din Torino
dedicată aniversării centenarului Primului Război Mondial

Joi, 30 octombrie 2014, ora 17:00, la Museo Nazionale del Risorgimento Italiano – Palatul Carignano din Torino va avea loc inaugurarea expoziției foto-documentare cu titlul „I Romeni e la Grande Guerra/Românii și Marele Război”. Evenimentul, organizat de Institutul Român de Cultură și Cercetare Umanistică de la Veneția, Consulatul General al României la Torino, Muzeul Național de Istorie a României, Arhivele Naționale ale României și Universitatea Babeș–Bolyai din Cluj-Napoca, în colaborare cu Primăria orașului Torino și Museo Nazionale del Risorgimento Italiano – Palazzo Carignano, beneficiază de patronajul Ambasadei României în Republica Italiană, al Regiunii Piemonte, al Provinciei Torino și al Primăriei orașului Torino. Partener media: Radio Torino International.
În urma colaborării dintre Institutul Român de Cultură și Cercetare Umanistică de la Veneția și Muzeul Național de Istorie a României, Arhivele Naționale ale României și Universitatea Babeș-Bolyai din Cluj-Napoca, a rezultat expoziţia „I Romeni e la Grande Guerra/Românii și Marele Război” ce reunește peste 40 de panouri foto-documentare menite să prezinte publicului implicarea românilor și a României în Primului Război Mondial, pe baza documentelor de arhivă, a fotografiilor, ilustrațiilor contemporane și a documentelor de presă.
Expoziţia beneficiază de sprijinul financiar al Institutului Cultural Român şi va rămâne deschisă publicului până în data de 14 decembrie a. c., la Museo Nazionale del Risorgimento Italiano – Palazzo Carignano din Torino (Piazza Carlo Alberto 8, Torino). Intrarea este liberă. Participarea la vernisajul expoziției se face pe bază de invitație, iar confirmările sunt așteptate la nr. de telefon: 3349976873 sau la e-mail: mihai.stan@icr.ro

Organizatori: Institutul Cultural Român, Institutul Român de Cultură și Cercetare Umanistică de la Veneția, Consulatul General al României la Torino, Muzeul Național de Istorie a României, Arhivele Naționale ale României și Universitatea Babeș–Bolyai din Cluj-Napoca

În colaborare cu: Primăria orașului Torino și Museo Nazionale del Risorgimento Italiano – Palazzo Carignano din Torino

Cu patronajul: Ambasada României în Republica Italiană, Regiunea Piemonte, Provincia Torino și Primăria orașului Torino

Responsabil proiect: MIHAI STAN
Tel. +39.041.5242309
Mail mihai.stan@icr.ro
INSTITUTUL ROMÂN DE CULTURĂ ȘI CERCETARE UMANISTICĂ DE LA VENEȚIA
______________________________________________

COMUNICATO STAMPA
„I Romeni e la Grande Guerra” – mostra foto-documentaria al
Museo Nazionale del Risorgimento Italiano – Palazzo Carignano di Torino
dedicata al 100° Anniversario della Grande Guerra

Giovedì, 30 ottobre 2014, ore 17:00, presso il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano - Palazzo Carignano di Torino avrà luogo l’inaugurazione della mostra foto-documentaria dal titolo „I Romeni e la Grande Guerra”. L’evento, organizzato dall’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, il Consolato Generale della Romania a Torino, il Museo Nazionale di Storia della Romania, l’Archivio Nazionale della Romania e l’Università Babeș–Bolyai di Cluj-Napoca, in collaborazione con la Città di Torino e il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano – Palazzo Carignano, si avvale del patrocinio dell’Ambasciata di Romania nella Repubblica Italiana, della Regione Piemonte, della Provincia di Torino e della Città di Torino.
In seguito alla collaborazione tra l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia e il Museo Nazionale di Storia della Romania, l’Archivio Nazionale della Romania e l’Università Babeș-Bolyai din Cluj-Napoca, è risultata la mostra „I Romeni e la Grande Guerra” che riunisce oltre 40 panelli foto-documentari che rispecchiano la partecipazione dei romeni e della Romania alla Grande Guerra, in base ai documenti d’archivio, alle fotografie, alle illustrazioni coeve e alle rassegne stampa d’epoca.
La mostra si avvale del sostegno finanziario dell’Istituto Culturale Romeno di Bucarest e rimarrà aperta al pubblico fino al 14 dicembre prossimo, presso il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano – Palazzo Carignano di Torino (Piazza Carlo Alberto 8, Torino). Ingresso libero. L’ingresso all’inaugurazione della mostra sarà su invito. Per informazioni e prenotazioni: 3349976873 o mihai.stan@icr.ro.

Organizzatori: Istituto Culturale Romeno di Bucarest, Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, Consolato Generale di Romania a Torino, Museo Nazionale di Storia della Romania, Archivio Nazionale della Romania e Università Babeș–Bolyai di Cluj-Napoca

In collaborazione con: Città di Torino e Museo Nazionale del Risorgimento Italiano – Palazzo Carignano di Torino

Con il patrocinio di: Ambasciata di Romania nella Repubblica Italiana, Regione Piemonte, Provincia di Torino e Città di Torino

Responsabile progetto: MIHAI STAN
Tel. +39.041.5242309
Mail mihai.stan@icr.ro
ISTITUTO ROMENO DI CULTURA E RICERCA UMANISTICA DI VENEZIA

domenica 26 ottobre 2014

Presentazione del libro Grammatica d'uso della lingua romena, (livelli A1-B2) di Valentina Negritescu e Nicoleta Nesu, Casa Editrice Hoepli

ACCADEMIA DI ROMANIA IN ROMA

invita alla
presentazione del libro

Grammatica d’uso della lingua romena
(livelli A1-B2)
di Valentina Negritescu e Nicoleta Nesu

30 ottobre 2014, ore 18.00
Accademia di Romania. Biblioteca
(P.zza José de San Martin, no. 1)
___________________________________________

COMUNICATO STAMPA

Presentazione del libro Grammatica d’uso della lingua romena, (livelli A1-B2) di Valentina Negritescu e Nicoleta Nesu,
Casa Editrice Hoepli, giovedi 30 ottobre 2014, ore 18.00,
l’Accademia di Romania, Biblioteca (P.zza José de San Martin, no. 1).

Intervengono:
Dott. Giovanni Ulrico Hoepli, Amministratore della Casa Editrice Hoepli
Dott. Marco Sbrozi, Direttore editoriale Hoepli
Prof. Luisa Valmarin, Università La Sapienza, Roma
Prof. Angela Tarantino, Università La Sapienza, Roma
Prof. Valentina Negrițescu, Università degli Studi di Milano
Prof. Nicoleta Neșu, Università La Sapienza, Roma

Grazie alla chiara ed efficace spiegazione dei contenuti teorici, la Grammatica d’uso della lingua romena è un manuale di facile utilizzo, finalizzato a un uso corretto della lingua e all’acquisizione di una immediata competenza comunicativa per i livelli A1-B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue. Il testo è articolato in 93 unità, ognuna delle quali presenta un singolo aspetto della grammatica romena, in un’ottica di progressione didattica; quando necessario allo stesso argomento sono dedicate più unità. Ogni unità è strutturata su doppia pagina: su quella di sinistra lo studente trova la spiegazione della regola, presentata in forma graficamente chiara e corredata di frasi d’esempio; sulla pagina di destra sono proposti esercizi di diversa tipologia sempre relativi ai contenuti grammaticali affrontati nella pagina a fianco. Ogni dieci unità, sono presenti esercizi di riepilogo utilizzati come strumento di controllo per la verifica dei progressi raggiunti. Completano il testo: una sezione di test di livello A2-B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue e un’appendice con tabelle grammaticali riepilogative declinazione dei sostantivi, degli aggettivi e dei pronomi; coniugazione dei verbi regolari e irregolari nei diversi modi e tempi e con un elenco di falsi amici.

Valentina Negritescu, laureata in lingue e letterature straniere all’Università di Bucarest, ricopre dal 1995 l’incarico di lettore di lingua romena presso l’Università degli Studi di Milano. Per Hoepli ha pubblicato: Dizionario di romeno (2007) e, con Davide Arrigoni, Grammatica romena (2009), I verbi romeni (2011) e Italiano per romeni (2012).
Nicoleta Nesu, laureata in inglese e romeno, con dottorato in filologia (2004), insegna linguistica generale e semiotica del testo presso l’Università Babes-Bolyai di Cluj-Napoca (Romania). Attualmente, è lettore di lingua romena, per a/ccordo culturale, presso l’Università La Sapienza di Roma. Ha pubblicato diversi libri e numerosi studi e articoli di specialità in Romania e all’estero.

Ufficio stampa,
Accademia di Romania

Florin Răducioiu: "Ar fi important pentru mine să antrenez în Italia. Aş putea învăţa multe lucruri"


14 oct 2014

Fostul internaţional Florin Răducioiu a declarat, marţi, pe Gazzetta dello Sport, că ar fi important pentru el să antreneze în Italia, dar a precizat că acest lucru este foarte greu, informează site-ul seriebnews.com.

"Ar fi important pentru mine să antrenez în Italia, dar este foarte greu. Aş putea învăţa multe lucruri, aşa cum mi s-a întâmplat şi ca jucător. Şcoala de la Coverciano este una dintre cele mai bune din Europa, în fiecare zi ai ceva de învăţat acolo şi beneficiezi de cei mai profesionişti profesori. Dar după acest pas urmează să dovedeşti ceva la o echipă", a spus Răducioiu.

Fostul atacant român a afirmat că la Brescia se simte iubit: "La Brescia mă simt iubit, soţia mea Astrid este de aici. Oraşul este mic, dar frumos şi cu oameni calzi. Nu voi uita niciodată afecţiunea fanilor. A fost o perioadă frumoasă".

Florin Răducioiu, în vârstă de 44 de ani, a evoluat pentru Brescia în perioada 1992-1993 şi 1998-2000. El a mai jucat în cariera sa la formaţiile Dinamo Bucureşti, AS Bari, Hellas Verona, AC Milan, Espanol Barcelona, West Ham United, VfB Stuttgart, AS Monaco şi US Creteil.

Sursa: MEDIAFAX

Alluvione: volontari romeni al lavoro

20/10/2014
di Carmen Scortanu

In questi giorni anche i volontari della comunità romena di Parma si sono mobilitati per dare il loro aiuto alla nostra città. Per noi Parma è la nostra casa e i parmigiani sono i nostri cugini, non abbiamo mai dimenticato il sostegno che i parmigiani hanno dato a noi romeni. Abbiamo sentito il dovere di sostenere il Comune e le persone colpite dall'alluvione nei giorni scorsi e ridare il splendore di questa meravigliosa città. Lo hanno dichiarato alcuni dei volontari.

Fonte: Gazzetta di Parma

Cittadinanza: Tre indirizzi Pec per le istanze di naturalizzazione

20.10.2014

Operative da novembre nuove modalità per comunicare con gli uffici del Dipartimento per le Libertà civili e l'Immigrazione che si occupano di cittadinanza

Tre indirizzi di posta elettronica certificata dedicati alle istanze di naturalizzazione. Sarà operativa dal prossimo novembre una nuova modalità per comunicare con gli uffici del Dipartimento per le Libertà civili e l'Immigrazione che si occupano di cittadinanza ai quali gli interessati potranno scrivere per ricevere informazioni riguardo la propria pratica.

L'operazione, che risponde anche all'esigenza di dematerializzazione degli atti della pubblica amministrazione e agli obblighi derivanti dalla spending review, vuole fornire un riscontro più efficace agli interessati e si muove nel solco delle semplificazioni amministrative, per sburocratizzare l'accesso alle informazioni della PA.

Tutte le info in consulta la tua pratica.

Fonte: Ministero dell'Interno

Carnagiul din Italia în care au murit 6 români : şoferul maşinii, tatăl unui fotbalist român

Accident GRAV în Italia: 6 români au murit Accident GRAV în Italia: 6 români au murit
Una dintre persoanele rănite în accidentul rutier produs sâmbătă în Italia, în care şase cetăţeni români şi-au pierdut viaţa, este din Satu Mare şi este tatăl fotbalistului Carlo Erdei, care joacă în Anglia.

Microbuzul cu români implicat în accidentul produs pe o autostradă din Itralia era condus de Octavian Erdei, din Satu Mare, tatăl fotbalistului de 19 ani Carlo Erdei, component al naţionalei Under-18, care evoluează la echipa de tineret a grupării engleze Wolverhampton.

Carlo Erdei a scris pe Facebook mesajul: ”Tată, te iubesc. Pentru mine vei fi mereu cel mai bun“.

În urma accidentului, Octavian Erdei a fost rănit, fiind internat la un spital din Italia.

Ministerul Afacerilor Externe informa că şoferul microbuzului are fracturi multiple.

De asemenea, MAE menţiona, sâmbătă seară, că, din cauza şocului produs, şoferul nu a putut oferi elemente suplimentare asupra producerii accidentului.

În accidentul în care au fost implicaţi cetăţeni români a fost rănit grav şi un alt bărbat, despre care MAE informa că a fost supus unei intervenţii chirurgicale de urgenţă, iar prognosticul medicilor asupra şanselor sale de supravieţuire este rezervat.

De asemenea, în accident şi-au pierdut viaţa şase români, între care o femeie, soţul acesteia şi fetiţa lor în vârstă de trei ani.

Accidentul din Italia a avut loc sâmbătă, în jurul orei 5.00 (6.00, ora României), pe Autostrada A1, la periferia sud-estică a Romei, între localităţile Collefero şi Valmontone, fiind implicate microbuzul în care se aflau opt cetăţeni români, între care un copil, şi un alt microbuz în care se aflau şase cetăţeni din Maroc.

Potrivit MAE, cinci dintre români au murit pe loc, iar copilul a decedat la spitalul din Tivoli.

Pesoanele aflate în celălalt microbuz - o familie marocană formată din părinţi şi patru copii - au suferit doar răni uşoare, conform presei italiene.

Sursa: Realitatea


Citeste si:
REACŢIA Ministerului de Externe, după CARNAGIUL de pe o ŞOSEA din Italia, în care au MURIT 6 români
ACCIDENT GROAZNIC: 6 români au MURIT în Italia, sâmbătă dimineaţă. Printre victime, un bebeluş
ACCIDENTUL DIN ITALIA. Românii s-au ciocnit cu un microbuz cu șase marocani
RAV ACCIDENT ÎN ITALIA. Şase români au murit, inclusiv o fetiţă de 15 luni. UPDATE

Leggi anche:
Scontro sull'A1 vicino Roma, 6 morti. Tra le vittime anche una bambina

Reacţia MAE, după ce un oficial local italian a povestit pe Facebook cum i-a "aplicat doi pumni de calitate superioară" unui român

de Andi Manciu - Mediafax Publicat la: 19.10.2014

MAE a reacţionat, duminică, faţă de afirmaţiile jignitoare la adresa românilor ale unui politician italian, avocat şi consilier municipal, făcute într-o postare pe Facebook, în care povestea cum a agresat un român, italianul fiind acuzat de MAE de "atitudine xenofobă" şi extremism.

"Considerăm inadmisibilă atitudinea exprimată de un politician, reprezentant al administraţiei locale din Italia, ale cărui afirmaţii injurioase la adresa unui presupus român denotă o evidenta atitudine xenofobă si prejudecăţi grave la adresa cetăţenilor românilor în ansamblu, fiind in acelaşi timp un îndemn direct la violenţă. Este inacceptabil ca un oficial al administraţiei local a unui stat membru UE, prieten şi partener, să se exprime, chiar şi pe o reţea de socializare, în acest mod denigrator faţă de alţi cetăţeni europeni, faţă de români", se arată într-un comunicat al purtătorului de cuvânt al MAE, Brânduşa Predescu, remis MEDIAFAX.

De asemenea, MAE susţine că afirmaţiile politicianului italian, "cu evidentă conotaţie xenofobă, afectează şi decredibilizează rolul de model şi de reper moral pentru comunitate pe care orice ales local într-o administraţie europeană ar trebui să şi-l asume".

"România respinge orice manifestare prin care cetăţenii săi sunt discriminati, etichetaţi jignitor şi denigraţi în societăţile europene în care au ales să trăiască, exercitandu-şi drepturile egale cu toţi ceilalţi cetăţeni europeni. Din această perspectivă, România nu va ezita să se disocieze şi să condamne public atitudini de tipul celei menţionate care promovează xenofobia însoţită de violenţă si care, in mod deliberat, stimuleaza manifestari şi poziţii politice extremiste, în contrast total cu valorile europene", se mai spune în comunicatul MAE.

Un membru al Consiliului municipal al oraşului italian Montesilvano (centru), Anthony Aliano, de profesie avocat, se laudă pe Facebook că i-a aplicat "doi pumni de calitate superioară" unui pieton român care îi lovise maşina cu piciorul, răzbunându-se şi pentru că ar fi fost tratat rău în România.

"Astăzi (vineri - n.red), în timp ce mergeam spre serviciu, un român cred (aşa părea după limbajul vulgar) îmi traversează strada cu un câine mare care îl trăgea înainte cu viteză, iar el, nereuşind să se sincronizeze cu trecerea mea, îmi trage un şut puternic în maşină", a scris, pe propria pagină de Facebook, Anthony Aliano, consilier municipal în oraşul Montesilvano (regiunea Abruzzo, centrul Italiei).

"Morala fabulei: am coborât din maşină şi i-am aplicat doi pumni de calitate superioară", a precizat consilierul municipal, de profesie avocat. "Şi i-am spus: când am fost eu în România cu serviciul (timp de şase luni), m-au tratat rău, deşi am fost respectuos. Noi, în Italia, vă permitem să staţi pe străzi, să furaţi, să comiteţi violuri, infracţiuni, să prostituaţi minori.. Dar istoria se va schimba !!! (...) PS. Acum, să spuneţi că sunt eu rasist!", a adăugat consilierul, citat de site-ul de ştiri PrimaDaNoi.it.

Ulterior, reacţionând la un comentariu făcut la mesajul postat, oficialul local italian a scris: "L-am lovit cu atâta satisfacţie! Şi nu îmi este ruşine. Să fie un exemplu şi pentru alţi politicieni! Iar laşul a luat-o la fugă".

Postarea politicianului italian a primit, până sâmbătă după-amiază, cel puţin 88 de "aprecieri" din partea "prietenilor" săi de pe Facebook, iar cele mai multe dintre cele peste 40 de comentarii erau favorabile gestului făcut de el.

Sursa: Gandul.info


Citeste si:
ROMÂN AGRESAT de un politician, în Italia. REACŢIA MAE
Un oficial local italian se laudă că l-a bătut pe un român, acuzând că a fost tratat rău în România
ŞOCANT - Un politician italian a BĂTUT un român stabilit în "Cizmă"! Motivul este HALUCINANT
Un politician italian i-a aplicat „doi pumni calitate superioară" unui român: „L-am lovit cu atâta satisfacţie! Noi, în Italia, vă permitem să staţi pe străzi, să furaţi, să comiteţi violuri, infracţiuni, să prostituaţi minori...”

«Curiamo i vostri anziani Scusatevi con noi romeni»

Il sacerdote della comunità ortodossa romena nel Pescarese: «Siamo generosi e doniamo anche il sangue. lI consigliere di Montesilvano faccia un passo indietro»

di Simona De Leonardis

PESCARA. «Aliano farebbe bene a dare pubbliche scuse al popolo romeno che rappresenta la maggioranza degli stranieri presenti in Italia, lavora, si occupa dei vostri anziani e dona perfino il sangue». Alin Iarca, sacerdote ortodosso romeno della comunità romena di Pescara e provincia abita proprio a Montesilvano, la città dove le dichiarazioni razziste postate su Facebook dal consigliere comunale di Forza Italia il 17 ottobre («un romeno mi sferra un calcio forte sulla macchina... gli ho dato due sganassoni e ho aggiunto noi in Italia vi consentiamo di bivaccare, rubare, stuprare, delinquere e far prostituire minori, ma la storia cambierà») hanno scatenato perfino la reazione dell’ambasciatrice romena Dana Costantinescu.
«Noi non ci troviamo nelle parole del consigliere», dice il sacerdote, «forse ha detto quelle sciocchezze per guadagnare qualche voto». È una voce che dà voce a quella dei 22.579 romeni registrati in Abruzzo nel 2013, una fetta ampia dell’intera popolazione straniera di cui i romeni contano il 30 per cento, a fronte della media nazionale del 21,3 per cento.
«Sono il parroco della chiesa romena di Pescara e provincia e conosco la mia gente», va avanti Iarca, «quello che ha detto il consigliere è una menzogna perché la nostra comunità lavora. È vero, ci sono anche persone non brave, ma sono poche rispetto a tutte le altre che lavorano e che si danno da fare per le loro famiglie e per l’intera comunità. Non dimentichiamo che gran parte delle donne romene lavorano come badanti, si occupano delle vostre mamme, dei genitori anziani, e sempre più spesso sostituiscono i figli che in questo periodo sembrano essersi dimenticati dei genitori. E chi non è badante, è impegnata come volontaria nelle strutture sanitarie locali, o come operatrici socio-sanitarie, mentre tantissimi uomini nell’edilizia contribuiscono all’economia italiana».
Parole che Iarca pronuncia, colpito negativamente non solo dall’uscita di Anthony Aliano, ma soprattutto dalla valanga di commenti favorevoli letti via Internet. «Evidentemente ci sono problemi di accoglienza», dice Iarca, che aggiunge: «Come ha detto la nostra ambasciatrice, un politico deve essere il collegamento tra le nazioni, più aperto a questo pluralismo delle popolazioni e delle religioni».
Un’apertura che di fatto la comunità romena presente nel Pescarese (Montesilvano, dopo L’Aquila, è la città con la più alta presenza in Abruzzo) ha trovato nelle istituzioni: «La settimana scorsa ho incontrato il sindaco di Pescara, ora chiederò un incontro con il sindaco di Montesilvano», va avanti il sacerdote, «abbiamo dei buoni rapporti, tanto che a Pescara da un anno e mezzo abbiamo ottenuto in concessione un terreno per realizzare la nostra chiesa, che speriamo di iniziare nel giro di sei mesi. Ma si sa», aggiunge riferendosi alle parole di Aliano, «purtroppo nei boschi ci sono anche gli alberi che non sono verdi, che non producono nulla e non fa piacere trovarli. Ciononostante io vorrei incontrare Aliano, lo vorrei salutare, forse ha avuto solo una brutta esperienza con qualche romeno. Ma gli vorrei far capire che la delinquenza non ha nazionalità».
E tanto per essere più convincente, Iarca fa sapere ad Aliano: «La nostra comunità parrocchiale sta donando il sangue alla comunità italiana due tre volte all’anno. La prossima è a novembre, andranno a donare 30 persone, tutte romene. A dimostrazione», conclude, «che la nostra comunità si vuole integrare e vuole dare il massimo per essere amata dai nostri concittadini italiani, perché i nostri figli sono nati qui e studiano qui».

24 ottobre 2014

Fonte: Il Centro


Leggi anche:
Ceffoni del consigliere Aliano ad un romeno, il caso diventa internazionale
Si vanta di aver schiaffeggiato un romeno, bufera su Aliano. Da Bucarest accuse di xenofobia
Dichiarazioni Aliano, la comunità romena richiede le scuse: "Ci occupiamo noi dei vostri anziani"
Montesilvano, consigliere FI Aliano picchia romeno e si vanta su Facebook
Il consigliere comunale si vanta su Facebook di aver picchiato un rumeno

Albano Laziale, lezioni di romeno in classe. Rissa tra le mamme

Una scuola elementare
Ha provocato un putiferio il progetto di "insegnamento della lingua, cultura e civiltà romena" avviato nelle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado dell’istituto comprensivo di Pavona-Albano Antonio Gramsci.

Pubblicato il 13 ottobre 2014

ROMA – “Saranno anche gratuiti, tenuti al di fuori del normale orario scolastico e facoltativi. Ma a noi cosa ce ne importa dei corsi di lingua e cultura romena se le scuole italiane non sono in grado di dare un’istruzione accettabile in una lingua base come l’inglese?”. Ha provocato un putiferio il progetto di “insegnamento della lingua, cultura e civiltà romena” avviato nelle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado dell’istituto comprensivo di Pavona-Albano Antonio Gramsci.
Talmente innovativo il progetto, siglato già da tempo tra il Miur, il ministero dell’Istruzione italiano e l’ambasciata romena, che le forti divergenze provocate con l’introduzione della materia nelle scuole di Albano Laziale hanno generato un vera e propria rivolta. Tanto che l’altro giorno gli accesi scambi di idee si sono trasformati in liti furibonde, alcune mamme sono venute alle mani davanti ai cancelli della scuola.
Scrive Enrico Valentini sul Messaggero:
Nell’istituto comprensivo di Pavona sono iscritti circa 1100 studenti, tra questi gli stranieri sfiorano il 20 per cento. Molti sono romeni e così, accogliendo il progetto nazionale del Miur siglato con l’ambasciata romena, la popolosa scuola di Pavona ha introdotto la possibilità di seguire il percorso di insegnamento di lingua cultura e civiltà romena illustrato ai genitori l’8 ottobre da un insegnante di madre lingua.
Il corso, tenuto da professoresse romene pagate dal proprio governo, inizia ad ottobre per terminare a giugno. Si svolge per due ore alla settimana ed è completamente gratuito per i bambini e i ragazzi che intendono iscriversi.
Per la scuola dell’infanzia il progetto si articola durante il normale orario scolastico ed è prevalentemente a carattere ludico mentre gli alunni della primaria-elementare e quelli delle scuole medie saranno impegnati in orari extra-scolastici pomeridiani. Il programma spazia dalla lingua e letteratura romena, alla storia dell’antica popolazione, dalla geografia agli elementi della cultura, alla civiltà e alle tradizioni romene.
«Un iniziativa che ha lasciato fortemente perplessi molti genitori – spiega Marco Moresco, segretario di un comitato cittadino di Pavona – Avremmo accolto con grande piacere un progetto che mirasse ad integrare compiutamente i bambini stranieri alle nostre usanze mentre qui si tenta l’esatto contrario. E chiaramente qui non c’entra nulla il razzismo o chissà quale altro intento discriminatorio. Crediamo che sia solo questione di buon senso». E già si registrano anche le proteste di altri genitori stranieri provenienti da altri Paesi (…)

Fonte: Blitz Quotidiano


Leggi anche:
Corsi di lingua, Cultura e Civiltà Romena per l’a.s. 2014-2015 ed elenco docenti
Corsi Lingua, Cultura e Civiltà Romena (LCCR) 2014-2015

Schiave romene: i diplomatici dell'est incontrano il Prefetto di Ragusa

IL CASO
Schiave romene: i diplomatici dell'est incontrano il Prefetto di Ragusa
Il caso sollevato dall’Espresso arriva in Romania. Il Ministero degli Affari Esteri risponde che mancano “segnalazioni delle vittime”. Le braccianti “sentite” dai carabinieri nelle serre

DI ANTONELLO MANGANO
24 ottobre 2014

La vicenda delle schiave della provincia di Ragusa arriva in Romania. Il giornale “Gazeta Romaneasca” – attento alle vicende degli emigrati - ha ripreso l’inchiesta dell’Espresso con una serie di articoli.
Il Ministero degli Affari Esteri del paese dell’Est ha quindi risposto comunicando che sono in corso verifiche e approfondimenti, ma non risultano denunce in merito da parte delle vittime. Le ultime segnalazioni ricevute risalirebbero al 2010.

Dopo le denunce dell'Espresso e le interrogazioni parlamentari, il caso delle giovani braccianti dell'est abusate dai padroni nelle campagne siciliane è ora al centro di un'inchiesta dell'Arma. Centinaia le persone già controllate
Sia le autorità italiane che rumene mettono in evidenza l’assenza di denunce e la necessità di trovare riscontri. Eppure esistono i fascicoli raccolti nell’attività antitratta della cooperativa Proxima e le denunce del sindacato. Gli operatori sociali, inoltre, osservano che una denuncia è il frutto di una lunga opera di mediazione e quasi mai è spontanea.

Intanto il 17 ottobre il Prefetto di Ragusa Annunziato Vardè ha ricevuto Carmen Liliana del Consolato di Romania. «Al centro dell'incontro i fatti riportati alla ribalta della cronaca da una recente inchiesta giornalistica», recita il comunicato ufficiale. I prossimi obiettivi delle istituzioni sono «la ricerca di riscontri» e una «mirata strategia di intervento». Il Console ha evidenziato «l’esigenza di avere notizie attendibili sul fenomeno».

Dopo l’inchiesta dell’Espresso, due interrogazioni parlamentari sul caso delle immigrate dalla Romania violentate e seviziate. Avviato in prefettura a Ragusa l’iter per un protocollo d’intesa che coinvolgerà anche gli agricoltori. E la stampa della Romania si interessa al caso
IInoltre il “Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica” sarà esteso ai soggetti interessati alla questione. Dopo gli incontri dei giorni scorsi con alcuni parlamentari italiani , è in agenda un tavolo per la stipula di un protocollo di intesa.

Intanto i Carabinieri hanno controllato magazzini, serre e aziende tra Vittoria e Acate. I militari, in particolare, hanno interrogato le braccianti straniere presenti nelle campagne. «Le donne sono state opportunamente intervistate, mantenendone l’anonimato» recita il comunicato dell’Arma, «in merito all’eventuale esistenza di Cinquemila donne lavorano nelle serre della provincia siciliana. Vivono segregate in campagna. Spesso con i figli piccoli. Nel totale isolamento subiscono ogni genere di violenza sessuale. Una realtà fatta di aborti, “festini” e ipocrisia. Dove tutti sanno e nessuno parla
situazioni di schiavismo sessuale, e/o sottoposte a qualsiasi forma di assoggettamento psicologico o sfruttamento: tutte le informazioni acquisite sono al vaglio degli inquirenti che proseguiranno i controlli, mettendo a sistema le informazioni acquisite con quelle ottenute durante i controlli delle scorse settimane, anche se, dai primi risultati, sembrerebbe che non sussistano situazioni anomale».

Fonte: L'Espresso


Leggi anche:
I festini agricoli e gli aborti delle mille schiave romene
Le schiave rumene, la magistratura orba (A.Giangrande)
Schiave romene, ora indagano i Carabinieri. "Quante donne violentate in quei campi"
Sicilia, sulle schiave romene, si muove il Parlamento
Violentate nel silenzio dei campi a Ragusa. Il nuovo orrore delle schiave romene

Citeste si:
Româncele care merg la cules roşii în Sicilia, SCLAVELE SEXUALE ale italienilor

mercoledì 22 ottobre 2014

25 ottobre Brescia, Giornata della Romania, Viviana Beccalossi invitata

25 Ottobre : GIORNATA DELLA ROMANIA A BRESCIA

Il Movimento “Europei per l’Italia” come promesso da tempo realizzerà per il 25 Ottobre prossimo la Giornata della Romania a Brescia come atto costruttivo dopo le polemiche innescate per una post face book (successivamente cancellato) della Dottoressa Viviana Beccalossi . La quale al momento non ha ancora ufficializzato la sua presenza. Un evento è bene precisarlo che non è contro qualcuno o qualcosa ma per unire e sottolineare l’amicizia tra Italia e Romania . Un atto positivo nato, è bene ricordalo da un fatto negativo.

La comunità rumena di Brescia è composta oggi da 3.387 cittadini residenti di qui 1961 femmine e 1426 maschi . Un dato significativo a cui va aggiunto anche quello economico infatti sono 165 le aziende a titolare rumeno nella sola città di Brescia , un dinamismo economico che serve a tutto il territorio.
La mattinata inizierà alle ore 10 presso il Sacrario Militare del Cimitero di Brescia con la commemorazione dei caduti della Grande Guerra e della Campagna del 1859 deceduti in Italia. Pur non essendoci delle sepolture rumene a Brescia la città ebbe un ruolo importante nel transito dei reparti rumeni inquadrati nell’esercito italiano e ancora prima nell’accogliere i feriti delle battaglie di Solferino e San Martino del 24 Giugno 1859, battaglie nelle quali presero parte anche soldati rumeni. L’orazione storica ufficiale sarà tenuta dal Dott Marco Baratto, storico che si interessa ai rapporti tra Italia e Romania . A questo appuntamento parteciperanno le autorità consolari della Romania a Milano, tramite la presenza di Sua Eccellenza, Console della Romania a Milano, Dott Gheorghe Milosan.

Successivamente alle ore 11 presso la Casa delle Associazioni in Via Cimabue 16 , il Prof Marian Mocanu, Presidente del Movimento Europei per l’Italia , aprirà la tavola rotonda sul tema della partecipazione della comunità rumena alla vita politica e amministrativa locale. Un punto questo fondamentale per il Movimento che considera la partecipazione politica dei cittadini comunitari come un elemento chiave per la vita civile di ogni comunità locale.

Si ringrazia per la collaborazione alla Società API CONNECT (Sia – Riga) - Sistemi di Telecomunicazioni www.apiconn.com, che ha reso possibile l’organizzazione della manifestazione.

Marian Mocanu
Europei per l’Italia
www.europeiperlitalia.it
E info@europeiperlitalia.it
Pec: europeiperlitalia@pec.it
Cell 347 41 66 068

1° Conferenza nazionale Cosmocity

Comunicato stampa

Promuovere il dialogo interreligioso, approfondire il tema delle città interculturali, analizzare i processi di integrazione sociale dei migranti. Questi gli obiettivi della 1° Conferenza nazionale ‘Cosmocity - Migrazioni, religioni e città interculturali. Le celebrazioni di Divali: un’occasione per promuovere il dialogo interreligioso’ che si svolgerà il 23 ottobre 2014 a partire dalle ore 10,00 presso la Sala Protomoteca del Campidoglio a Roma.

Con il patrocinio di Regione Lazio e Roma Capitale, realtà che operano a sostegno dei processi di integrazione, rappresentanti della grandi religioni del mondo e Istituti di cultura presentano il primo grande incontro cittadino sui temi dell’intercultura e del dialogo interreligioso che si svolgerà in corrispondenza di Divali ‘Festa della Luce’ , ricorrenza religiosa di origine induista, festività nazionale in India e in altri Paesi del Sud-est asiatico, ormai celebrata pubblicamente anche dalle comunità immigrate in alcuni Paesi occidentali.

La conferenza sarà articolata in tre sessioni: due mattutine, dalle ore 10,00 alle 13,30 e una pomeridiana dalle ore 16,30 alle 19,30. Saluti e interventi delle Istituzioni apriranno i lavori della mattina che proseguiranno con approfondimenti e scambi di buone pratiche sui temi dell’intercultura e del dialogo interreligioso. La sessione pomeridiana sarà dedicata a un incontro simbolico e celebrativo della ricorrenza di Divali in cui rappresentanti istituzionali, religiosi e delle comunità immigrate offriranno un loro contributo e accenderanno insieme una lampada simbolo di Pace Universale.

L’evento è promosso da Programma integra s.c.s., Religions for Peace Italia, Fondazione Roma Solidale, Tathata Edizioni, Fondazione ISKCON (International Society for Krishna Consciousness) Italia, Unione Induista Italiana, Comunità Yogadharma, Comunità Tibetana in Italia Onlus, Brahma Kumaris World Spiritual University, Ananda Europa, Ananda Marga Italia, Master di I livello in Religioni e mediazione culturale dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza.

Programma della giornata

Per partecipare alle sessioni mattutine è necessario inviare una e-mail di adesione a:segreteria@programmaintegra.it

Per informazioni:
Per le sessioni mattutine:
Programma integra – segreteria@programmaintegra.it – 0678850299
www.programmaintegra.it

Per la sessione pomeridiana:
Tathata Edizioni – info@tathataedizioni.it
www.tathataedizioni.it

Il pianista rumeno George Todica vince la 18a edizione del Premio Pianistico Internazionale Stefano Marizza. Recital mercoledì 22 ottobre al Tartini di Trieste

Pubblicato da Il Giornale del Friuli il 21/10/14 • nelle categorie Friuli-VG,Musica e Spettacoli,Trieste

IL PIANISTA RUMENO GEORGE TODICA VINCE LA 18^ EDIZIONE DEL PREMIO PIANISTICO INTERNAZIONALE “STEFANO MARIZZA” 2014 E CON IL SUO RECITAL INAUGURA DOMANI SERA (MERCOLEDI’ 22 OTTOBRE, ORE 20.30) I NUOVI ”MERCOLEDI’” DEL CONSERVATORIO.

IN PROGRAMMA ANCHE LE ESIBIZIONI DELLE PIANISTE JULIA RINDERLE E MEGUMI MATSUI, SEGNALATE DALLA GIURIA DEL PREMIO.

TRIESTE – Sarà il pianista rumeno George Todica, vincitore dell’edizione 2014 del Premio Pianistico Internazionale “Stefano Marizza”, a inaugurare domani, mercoledì 22 ottobre (ore 20.30, Aula Magna del Tartini), i ‘Mercoledì’ del Conservatorio: La Commissione, formata dai pianisti Massimo Gon (Presidente), Igor Cognolato, Patrizia Tirindelli, Teresa Trevisan e Roberto Turrin, lo ha premiato “per la coerenza stilistica dimostrata durante tutto il programma oltre che per la qualità di suono e la cura del fraseggio”. La Giuria ha ritenuto di segnalare le pianiste Julia Rinderle e Megumi Matsui per l’ottima esecuzione dei brani del ‘900, che verranno eseguiti domani al concerto dei vincitori. La XVIII edizione del Premio era organizzata dall’Università Popolare di Trieste, dall’Unione Italiana, dal Conservatorio di Musica “G. Tartini” e dalla Famiglia Marizza, con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. Il recital dei vincitori, domani sera, è a ingresso libero previa prenotazione, info tel. 040.6724911 www.conservatorio.trieste.it

Nel cartellone nei “Mercoledi’” del Tartini anche la Kreutzer Sonata, mercoledì 29 ottobre, il “Flute & Piano Duo Recital” con Bayarma Rinchinova ed Evgenia Goranova mercoledì 5 novembre, e ancora, il 19 novembre, il concerto del Coro del Friuli Venezia Giulia diretto da Cristiano Dell’Oste e affiancato dall’ Ensemble barocco per una serata dedicata a “Komm, Jesu, komm” su Mottetti e Cantate di Johann Sebastian Bach. Sabato 13 dicembre nella Sala Tripcovich il Concerto di apertura dell’Anno Accademico con l’Orchestra degli studenti del Conservatorio guidata dal direttore Antonino Fogliani, solista Nicola Losito. E mercoledì 17 dicembre appuntamento con il Concerto di Natale 2014.

Fonte: Il Giornale del Friuli

lunedì 20 ottobre 2014

Simpozion: Românii și Primul Război Mondial. Abordarea crizei. Evitarea războiului. Pregătirea beligeranței – Veneția 24 octombrie 2014‏ /Convegno di studi: I romeni e la Grande Guerra Affrontare la Crisi. Eludere la Guerra. Preparare la belligeranza – Venezia 24 ottobre 2014‏


Comunicat de presă

Românii și Primul Război Mondial.
Abordarea crizei. Evitarea războiului. Pregătirea beligeranței
Simpozion – Veneția 24 octombrie 2014

Institutul Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneția, Universitatea Roma Tre şi Universitatea „Babeş-Bolyai” din Cluj-Napoca, în colaborare cu Soprintendenza speciale per il Patrimonio storico artistico ed etnoantropologico per il Polo museale della città di Venezia e dei comuni della Gronda lagunare / Museo Palazzo Grimani, organizează la Veneția, vineri 24 octombrie 2014, un simpozion dedicat aniversării centenarului Primului Război Mondial.

Intitulat „Românii și Primul Război Mondial. Abordarea crizei. Evitarea războiului. Pregătirea beligeranței”, simpozionul propune un moment de reflexie comparativă asupra experienței războiului în Europa, cu precădere asupra României şi arealului balcanic. Compararea cazului românesc cu realități politice şi teritoriale diferite poate reprezenta un stimul în evitarea viziunilor tradiționale şi stereotipe.
Simpozionul va fi împărțit în două secțiuni: cea dedicată aspectelor politico-sociale-militare şi cea privitoare la relațiile internaționale. Scopul simpozionului este de a reevalua, în mod critic, perioada neutralității şi angajamentul belic românesc, plasându-le la locul cuvenit în contextul desfăşurării Primului Război Mondial şi examinând diferite aspecte privitoare la România şi la teritoriile locuite de români, de la declararea neutralității până la încheierea războiului.

Participanți: Francesco Guida (Universitatea Roma TRE), Ioan Bolovan, Oana Tamaş (Universitatea „Babeş–Bolyai”, Cluj-Napoca), Alin Matei (Universitatea București), Antonio D’Alessandri (Universitatea Roma TRE), Raluca Tomi (Academia Română – Institutul de Istorie „Nicolae Iorga”, București), Emanuela Costantini (Universitatea din Perugia), Claudiu Lucian Topor (Universitatea „Al. I. Cuza”, Iași), Daniel Cain (Universitatea „Al. I. Cuza”, Iași/Academia Română – Institutul de Studii Sud-Est Europene, Bucureşti), Gianluca Volpi (Universitatea din Udine), Ion Cârja (Universitatea „Babeş–Bolyai”, Cluj-Napoca), Paolo Tomasella (Centrul regional de catalogare şi restaurare a bunurilor culturale Friuli Venezia Giulia), Ana Victoria Sima (Universitatea „Babeş–Bolyai”, Cluj-Napoca), Stefano Santoro (Universitatea din Trieste) şi Ioana Ignat (Universitatea „Babeş–Bolyai”, Cluj-Napoca).

Temele abordate în cadrul simpozionului vor fi:
− evoluția istoriografiei românești cu privire la Primul Război Mondial în ultimele decenii și prezența României în istoriografia occidentală care tratează acest subiect în ultimii 20 de ani;
− neutralitatea României şi atitudinea principalelor puteri beligerante;
− importanța intervenției militare a României în evoluția europeană a războiului;
− realitățile Vechiului Regat şi ale Transilvaniei austro-ungare în timpul neutralității şi a războiului, cu privire specială asupra structurilor instituționale, asupra sistemului parlamentar, a curentelor de opinie, asupra presei şi asociaţiilor;
− mişcarea naţională românească şi rolul său central în propaganda de susținere a intervenției în război;
− experiența belică a românilor pe diferitele fronturi europene: cazul românilor transilvăneni;
− interferențele şi convergențele italo-române în timpul Primului Război Mondial.

Sediile de desfășurare a manifestării științifice: sălile Museo Palazzo Grimani (Ramo Grimani – Castello 4858, Veneţia) orele 9.30–13.00 şi sala „Marian Papahagi” a Institutului Român de Cultură şi Cercetare Umanistică (Campo S. Fosca – Cannaregio 2214, Veneţia), orele 15.30–19.00.

Pentru alte detalii:
INSTITUTUL ROMÂN DE CULTURĂ ŞI CERCETARE UMANISTICĂ
Palazzo Correr – Cannaregio 2214 (Campo Santa Fosca)
30121 Veneţia, ITALIA; Tel. +39.041.524.2309; e-mail: istiorga@tin.it
--------------------------------------------------------------------------
Comunicato stampa

I romeni e la Grande Guerra
Affrontare la Crisi. Eludere la Guerra. Preparare la belligeranza
Convegno di studi – Venezia 24 ottobre 2014

L’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, l’Università Roma Tre e l’Università «Babeş–Bolyai» di Cluj-Napoca, in collaborazione con il Soprintendenza speciale per il Patrimonio storico artistico ed etnoantropologico per il Polo museale della città di Venezia e dei comuni della Gronda lagunare / Museo Palazzo Grimani, organizzano a Venezia, venerdì 24 ottobre 2014, il Convegno di studi dedicati alla celebrazione del centenario dello scoppio della Prima guerra mondiale.

Intitolato “I romeni e la Grande Guerra. Affrontare la Crisi. Eludere la Guerra. Preparare la belligeranza”, il convegno intende proporre un momento di riflessione comparativa sull’esperienza della guerra in Europa, con particolare riguardo alla Romania e all’area balcanica. Il confronto dell’esperienza romena con altre relative ad ambiti territoriali diversi può fungere da stimolo per sfuggire a visioni tradizionali e stereotipate.
Il convegno sarà suddiviso in due panels: politico-sociale-militare e di relazioni internazionali. Lo scopo del convegno è quello di rivisitare, in maniera critica, il periodo della neutralità e l’esperienza bellica della Romania, ricollocandole a pieno titolo nella storia della Prima guerra mondiale ed esaminando i vari aspetti riguardanti la Romania e i territori abitati dai romeni, dalla dichiarazione di neutralità alla fine della guerra.

Relatori: Francesco Guida (Università Roma TRE), Ioan Bolovan, Oana Tamaş (Università «Babeş–Bolyai» di Cluj-Napoca), Alin Matei (Università di Bucarest), Antonio D’Alessandri (Università Roma TRE), Raluca Tomi (Accademia Romena – Istituto di Storia «Nicolae Iorga» di Bucarest), Emanuela Costantini (Università di Perugia), Claudiu Lucian Topor (Università «Al. I. Cuza» di Iaşi), Daniel Cain (Università «Al. I. Cuza» di Iaşi/Accademia Romena – Istituto di Storia del Sud–Est europeo di Bucarest), Gianluca Volpi (Università di Udine), Ion Cârja (Università «Babeş–Bolyai» di Cluj-Napoca), Paolo Tomasella (Centro regionale di catalogazione e restauro dei beni culturali del Friuli Venezia Giulia), Ana Victoria Sima (Università «Babeş–Bolyai» di Cluj-Napoca), Stefano Santoro (Università di Trieste) e Ioana Ignat (Università «Babeş–Bolyai» di Cluj-Napoca).

Gli ambiti tematici trattati saranno:
− l’evoluzione della storiografia romena sulla Grande Guerra negli ultimi decenni e la presenza della Romania nella storiografia occidentale dedicata alla Grande Guerra negli ultimi 20 anni;
− la neutralità romena e il peso del successivo intervento militare nel sistema delle alleanze e nell’opinione delle principali potenze belligeranti;
− le realtà del Regno romeno e della Transilvania austro-ungarica durante la neutralità e la belligeranza, con particolare riferimento a vertici istituzionali, forze parlamentari e politiche, correnti d’opinione, stampa e associazionismo;
− i contenuti dell’irredentismo romeno e il suo ruolo centrale nella propaganda per l’intervento e in quella di guerra;
− l’esperienza bellica dei romeni sui vari fronti europei: il caso dei romeni transilvani;
− le interferenze e convergenze italo-romene durante la Grande Guerra.

Sedi del convegno: sale del Museo Palazzo Grimani (Ramo Grimani – Castello 4858, Venezia) ore 9.30–13.00 e Sala “Marian Papahagi” dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia (Campo S. Fosca – Cannaregio 2214), ore 15.30–19.00.

Per ulteriori dettagli:
ISTITUTO ROMENO DI CULTURA E RICERCA UMANISTICA
Palazzo Correr - Cannaregio 2214 (Campo Santa Fosca)
30121 Venezia, ITALIA; Tel. +39.041.524.2309; e-mail: istiorga@tin.it

Week end di festa per la comunità rumena


Week end di festa per la comunità rumena verbanese, quello appena trascorso, in occasione della festa della Chiesa Ortodossa di Verbania, e grazie alla presenza in città di importanti esponenti della propria nazione d'origine.

 20 Ottobre 2014
Verbania

Week end di festa per la comunità rumena

Sabato incontro avvenuto in Prefettura di Verbania tra il prefetto e l'ambasciatore Dana Constantinescu, e il Console Generale di Torino Tiberiu Dinu, alla presenza del consigliere comunale Adrian Chifu, quindi si è proseguito in Comune con l'incontro con il sindaco Silvia Marchionini.

Nel pomeriggio in biblioteca la presenza del ministro Romeno Bogdan Stanoevici, ministro con delega per i rumeni nel mondo, in occasione dell'evento “La mamma ti vuole bene” dedicata alla lettura dei più piccoli e a tal proposito l'ispettorato del Distretto di Neamt donerà ai bambini di nazionalità rumena libri di lingua rumena, storia e geografia.

Domenica Santa Messa alla Chiesa Ortodossa di Verbania di San Luca, e a seguire pranzo alla comunità rumena, infine nel pomeriggio inaugurazion della Mostra Fotografica Romania, immagini dall'anima al sogno a Villa Giulia.

Riportiamo alcune foto dal profilo Facebook di Adrian Chifu.

Fonte: VerbaniaNotizie

Profilo - George Puscas, l'Inter alleva il 'Benzema' rumeno: da record con la Primavera, e con Osvaldo ko...

Profilo - George Puscas, l'Inter alleva il 'Benzema' rumeno: da record con la Primavera, e con Osvaldo ko...

L'Inter si cresce Puscas

di Claudio D'Amato
10/ott/2014

L'Inter può sfregarsi le mani per i numeri di George Puscas, prima punta moderna classe '96: per lui già 10 goal nel campionato Primavera.

GEORGE ALEXANDRU PUSCAS | La Scheda
Club Inter
Ruolo attaccante
Data di nascita 8 aprile 1996
Altezza/Peso 184 cm / 76 kg
Nazionalità Romania
A chi assomiglia Benzema, Lewandowski

Dalla Romania a San Siro, per George Alexandru Puscas, il passo è stato breve. L'Inter sta dando la possibilità a questo giovane attaccante classe '96, che ha intrapreso una parabola da predestinato, di prenotare un posto tra i 'grandi'.

QUELLA 'MINIERA' CHIAMATA ORADEA - George nasce a Marghita e comincia a dare del 'tu' al pallone nelle giovanili dell'Oradea, club di seconda divisione, dove si fa apprezzare a tal punto che nel 2012 la dirigenza lo premia col passaggio in prima squadra. Qui si mette in luce con numeri di alta scuola, che ne certificano un talento al quale i nerazzurri non restano indifferenti sotto referenze più che positive dell'allora osservatore Pierluigi Casiraghi.

SCOMMESSA A TINTE NERAZZURRE - Nell'estate dello scorso anno l'Inter decide di scommettere su Puscas, acquistandolo in prestito con diritto di riscatto a 600mila euro dalla società balcanica e spedendolo nella Primavera con l'augurio che le doti intraviste potessero venir confermate anche in Italia.

BIGLIETTO DA VISITA COI FIOCCHI - Otto goal in 18 presenze con i 'baby' nerazzurri (bottino impreziosito da una tripletta al Brescia e il timbro nel derby col Milan sotto gli occhi di Thohir), nonchè 3 reti in Coppa Italia, consentono alla punta di catturare l'attenzione di Mazzarri che lo convoca in prima squadra per qualche match della passata stagione pur senza farlo mai esordire in Serie A.

SI RIPARTE COL BOTTO - Il club del 'tycoon' si convince e investe su di lui a titolo definitivo, Puscas 'ringrazia' e comincia col botto anche la nuova annata: sono addirittura già 10 i sigilli personali in appena 4 presenze con la Primavera, 'score' schizzato alle stelle dopo la cinquina rifilata al Lanciano in un fragoroso 7-0. Inoltre, dopo il ritiro estivo svolto agli ordini del tecnico livornese proseguono le apparizioni in panchina e la brillante 'escalation' viene premiata con la convocazione nell'Under 21 del proprio Paese (goal contro l'Italia nell'amichevole di agosto).

'CECCHINO' DI ULTIMA GENERAZIONE - Stiamo parlando del prototipo di attaccante moderno, ben strutturato fisicamente ma agile coi piedi e che ha nelle corde notevoli capacità tecniche. In virtù di ciò, oltre a ritagliarsi un ruolo da 'cecchino' quando c'è da scardinare le porte avversarie, George ama svariare su tutto il fronte offensivo con la sfera tra i piedi. Un po' alla Benzema per giocate e doti balistiche, 'simil' Lewandowski per rapidità d'esecuzione e 'killer instinct'. L'Inter, in attesa di lanciarlo, può già sfregarsi le mani: e chissà che con Osvaldo ai box non possa arrivare presto il suo momento.

Fonte: Goal

Ginnastica Salerno: l’olimpionico rumeno Daniel Popescu nuovo direttore tecnico della società


L’olimpionico rumeno da ieri ha assunto la Direzione Tecnica della Società Sportiva Ginnastica Salerno. Il compito delicato di programmare, in tre anni, la crescita del Centro Sportivo, puntando alla conquista della Serie A. Popescu oltre ad allenare la prima squadra, gareggerà con i colori di Ginnastica Salerno ed il suo ritorno in pedana è previsto già dal prossimo anno. L’esordio da allenatore avverrà il 18 dicembre c.a. in occasione della prima prova di Categoria a Napoli. La settimana prossima è programmato un incontro tecnico a Milano con Maurizio Allievi (Responsabile Centro Federale Meda), al fine di definire programmi e strategie comuni in virtù del gemellaggio tra le due società.

9 ottobre 20140

Fonte: SalernoNotizie

Basket: Robert, 14 anni, alto 2.25. Alla Stella Azzurra per diventare Yao Ming

BASKET LA STORIA

Il ragazzo è romeno ed è sbarcato a Roma per sognare: "Voglio giocare in Eurolega e vincere il titolo Nba". Il club: "E' un progetto unico al mondo"

16 OTTOBRE 2014 - ROMA

Sulle orme di Yao Ming con un sogno nel cassetto. Infilarsi al dito, un giorno, un anello Nba. Per tentare la grande impresa, Robert Bobroczkyi, gigante romeno di 225 centimetri appena quattordicenne, ha salutato amici e genitori, i compagni della sua vecchia squadra ad Arad, e scelto l'Italia come trampolino di lancio. Traslocando a Roma, dove da settembre indossa la maglia della Stella Azzurra. Club storico della Capitale, "fabbrica" di tanti campioni che tenne a battesimo niente meno che il "Mago" dei Knicks, Andrea Bargnani.

SCOMMESSA — "Lo avevamo notato durante un torneo a Budapest e lo abbiamo invitato a Roma - racconta il responsabile reclutamento della società, Giacomo Rossi -. Nonostante avesse una marea di offerte, molte dalla Spagna, lo abbiamo convinto a venire da noi". Inizia così, quasi per caso, la storia di una carriera ancora tutta da costruire che la Stella Azzurra ha proposto a Bobroczkyi di iniziare in Italia. "La cosa più difficile è certamente stare lontano da casa, dalla famiglia e dagli amici con i quali posso sentirmi solo via internet - ammette il ragazzino romeno -. Ma la cosa fantastica di questo club, oltre agli allenatori, sono i tanti ragazzi provenienti da diversi Paesi del mondo che sono diventati i miei nuovi amici". E nella "multinazionale" della Stella Azzurra, Robert è oggi la principale scommessa per il futuro. "Direi che si tratta di un progetto unico al mondo - prosegue Rossi -. Bobroczkyi ha delle ottime mani, sa segnare da tre ed è in grado di infilare una serie di dieci liberi consecutivi. Il nostro obiettivo è lavorare sul suo corpo, sull'atletismo, la coordinazione e la postura: è già cresciuto in altezza, si tratta ora di completare la sua formazione fisica".

Un gigante fra i compagni

SOGNO — Robert è un ragazzo come tanti della sua età. Tranne per un dettaglio che lo rende, macroscopicamente, diverso da tutti gli altri: quei 225 centimetri di altezza che ne fanno, potenzialmente, uno dei prospetti internazionali più interessanti di oggi. "Il mio obiettivo è diventare un giocatore di Eurolega per poi fare il grande salto in Nba - confessa il suo sogno di adolescente -. Il modello a cui mi ispiro è Yao Ming (ex centro cinese di 229 centimetri degli Houston Rockets, ndr)". Il traguardo finale di Bobroczkyi è una missione (quasi?) impossibile: "Vincere, un giorno, un titolo Nba". Di sicuro, per riuscirci, di strada dovrà farne ancora parecchia. "Per ora sta seguendo un percorso personalizzato di allenamento", spiega Germano D'Arcangeli, factotum della Stella Azzurra. "Si sta allenando separatamente dal resto della squadra: lo consideriamo una sorta di laboratorio, un lavoro a lungo termine - prosegue -. Anche perché, il senso della sua scelta e del nostro obiettivo finale è proprio la sua crescita: lavorare con e per i giovani". Perfettamente in linea con quella che, da sempre, è la mission del club del presidente Tommaso Antonelli.
CASA ROMA — Nella capitale, Robert fa la vita di tutti gli altri ragazzi della sua età. A scuola al mattino, alla Marymount, istituto internazionale che, un domani, gli permetterebbe anche di iscriversi ad un college statunitense. Diviso, al pomeriggio, tra gli allenamenti, per ora, personalizzati e lo studio nella foresteria della Stella Azzurra che è anche la sua casa. E un'eccellenza della sanità romana come Villa Stuart a seguire giorno dopo giorno la sua salute. "Tutto grazie all'aiuto dello sponsor Antonio Capelli", tiene a far sapere Rossi. La favola è iniziata. Per il lieto fine ci sarà ancora da aspettare.
Antonio Pitoni

Fonte: La Gazzetta dello Sport

Spartak San Nicola: esordio vincente in C2. Battuto il Cusano Calcio per 5 a 3

CASERTA
13 ottobre 2014 -
Annibale Nuovanno

Lo Spartak San Nicola inizia il campionato di Futsal C2 battendo 5 a 3 il Cusano C5 sul Comunale di Recale. La formazione del presidente D’Andrea si presenta ai nastri di partenza della C2 con una compagine composta da un giusto mix di gioventù ed esperienza.

Ai giovani talenti locali sono stati affiancati atleti di notevole spessore tecnico per disputare un torneo di vertice. Le aspettative sono alte, si intuisce al fischio d’inizio della gara odierna. Spartak contratto e nervoso nei primi minuti di gioco. L’emozione dura poco poi le squadre iniziano ad affrontarsi a viso aperto e diventa partita vera. Mister De Liso schiera: Ciardiello, tra i pali, Alfano, centro in difesa, Vitale, laterale destro, Polezi, laterale sinistro e Bernardo, pivot.

Le battute iniziali sono tutte per i padroni di casa che arrivano diverse volte al cospetto del portiere ospite che deve superarsi per evitare di soccombere subito.

Il vantaggio Spartak non si fa attendere: dopo una bella azione manovrata, Vitale segna la prima rete dell’incontro ed in C2. Il Cusano tenta di reagire con scarso costrutto. I sannicolesi, dopo aver sbloccato la gara, iniziano a macinare gioco ed azioni tant’è che arriva il raddoppio di Pasquariello su assist di Vlad Ionut Silvio. Quest’ultimo, cittadino rumeno, lo scorso anno, pur essendo un tesserato Spartak, non ha potuto disputare gare ufficiali per problemi di “transfert”. Quest’anno, finalmente, si potrà vederlo all’opera con somma soddisfazione dello staff societario che crede molto in lui. Vlad Ionut, dopo aver propiziato la rete del compagno, realizza il gol del 3 a 0 al 15′ minuto del primo tempo.

Fonte: Il Gazzettino Vesuviano

«Un aiuto concreto per i figli di Florica»

IVREA

Padre Dumitru Babula, della chiesa ortodossa di San Bernardo, apre conto per i bimbi della donna uccisa. Indagini ancora aperte, manca un avanbraccio della vittima. Oggi nuovo sopralluogo della polizia scientifica nel luogo del ritrovamento del cadavere
di Rita Cola
13 ottobre 2014

IVREA. Un conto corrente Banco posta, aperto dal padre ortodosso Dumitru Babula, della chiesa di Ivrea. È per raccogliere fondi per aiutare i due bambini di Florica Boicu, la 31enne ritrovata uccisa e fatta a pezzi in uno scantinato di via Guarnotta il 2 ottobre scorso.

La comunità romena di Ivrea è rimasta molto colpita dalla tragedia di Florica. A fine luglio, il marito Jonel Agavriloaei, si era presentato in commissariato denunciando la scomparsa della moglie: «Non la vedo da due mesi», aveva detto. Ma, nel suo racconto, troppe cose non quadravano. Dagli accertamenti, il cellulare di Florica era spento, la sorella Veronica, sentita per delega della procura di Ivrea dai carabinieri in Calabria, aveva messo nero su bianco la sua preoccupazione: «Sono mesi che non so niente di lei». Stessa cosa aveva detto la madre di Florica, che vive a Hlipiceni, piccolo e poverissimo Comune della Romania al confine con la Moldavia. Lì, con la nonna, ci sono ii figli di Florica e Jonel. Il 27 agosto, gli agenti si erano presentati in via Guarnotta per chiedere nuove informazioni a Jonel, ma lo avevano trovato morto. Secondo l’autopsia, l’uomo si era tolto la vita sparandosi un colpo in testa con una pistola da macellaio. A quel punto, considerato che l’ultima chiamata del cellulare di Florica è risultata proprio dal centro di Ivrea e Jonel non possedeva l’auto, si sono intensificate le ricerche. E, il 2 ottobre, sepolta sotto quaranta centimetri di terra, è stato trovato il cadavere fatto a pezzi della donna. Le indagini, però, sono tutt’altro che concluse. Manca un avanbraccio della vittima , così come gli attrezzi utilizzati per sezionarla. La polizia deve ancora esaminare l’area dove è stato ritrovato il cadavere e, per chiudere le indagini. Proprio per stamattina è previsto un sopralluogo della scientifica.

Padre Dumitru Babula è pronto a celebrare il funerale nella chiesa romena di San Bernardo, una volta che la procura avrà dato il nulla osta per la sepoltura. «Speriamo di avere un aiuto dal Comune - racconta - per la sepoltura. Io mi sono messo in contatto con la mamma di Florica. Mi dice che quei due bambini sono la sua unica ragione di vivere, tanto più dopo quello che è successo. Ma ha bisogno di sostegno. Ha 72 anni, è vedova, non ha l’auto e una pensione che è l’equivalente di poco più di 60 euro al mese. Per questo abbiamo aperto un conto Banco posta per Florica, per poterli aiutare. L’inverno, lì, è molto freddo e, banalmente, la legna è preziosa. I bambini vanno a scuola, ma hanno bisogno di noi». Il numero del conto: IT14L0760101000001022486680.

Fonte: La Sentinella Del Canavese

Un ex buttafuori mette in ginocchio la mafia romena

Ha incastrato i boss che controllavano il Torinese

09/10/2014
MASSIMILIANO PEGGIO

Forse non ha alle spalle lo spessore criminale di Rocco Varacalli, uno dei più noti pentiti di ’ndrangheta, ma anche lui ha scelto di voltare pagina con la criminalità organizzata. «Ho deciso di collaborare perché non sopportavo più fare queste cose. Ho una vita. Ho lavorato dal 1997, da quando sono qua in Italia, sempre. Ho sempre fatto sport...». Valerica Adochitei, nato a Macin nel 1979, è il primo collaboratore di giustizia romeno finito nel programma di protezione testimoni. Per la procura di Torino è un teste chiave nel processo contro una ventina di imputati romeni, componenti della «Brigada», arrestati dalla polizia con l'accusa di associazione mafiosa e di altri reati, tentato omicidio, estorsione, ricettazione, droga. Il primo caso in Italia.

L’inchiesta
Il processo è una sorta di «Minotauro» romena, con linguaggi e accuse che ricalcano l’inchiesta sulla criminalità organizzata calabrese. Dall’inchiesta, coordinata dai pm Paolo Toso e Monica Abbatecola , sono nati due processi, tuttora in corso. Il primo nell’aula bunker delle Vallette, dove la maggior parte degli imputati ha scelto il rito abbreviato. La sentenza è prevista per il 27 ottobre. Il secondo è iniziato ieri, a carico di due presunti boss, che hanno scelto di andare a giudizio: Adrian Rudac, difeso dall’avvocato Enrico Calabrese e Alexandru Nica, assistito dall’avvocato Carlo Romeo. Entrambi respingono le accuse di «associazione mafiosa». Parlano di «fratellanza», forse a volte aggressiva, ma non di criminalità.

I verbali
Valerica è un pugile, passa molte ore in palestra. Viene assunto come buttafuori nei locali gestiti da romeni e di tanto in tanto viene assoldato per un lavoro, quando c’è bisogno di fare male a qualcuno. Racconta di aggressioni, minacce, di locali notturni dove l’organizzazione domina incontrastata, allo Zimbru e all’Office, o gestendo una rete di buttafuori, al Glam o Disco Venus. «Una volta - racconta nei verbali Valerica - mi ha chiamato Rudac e siamo andati a piazza Bengasi, che c’era un paesano che trasportava pacchi e persone in Romania... Quello non gli voleva fare un favore, portargli un pacco e nè far viaggiare con lui la moglie». Con sé aveva un coltello. «Sono andato con Rudac a parlargli e ho tolto un coltello così, l’ho spaventato». La minaccia ha avuto effetto. I pacchi e la signora sono partiti gratis.

A colpi di spranga
In un altro passo, racconta dell’aggressione di un uomo, nella zona nord di Torino. Ricostruendo le gesta dei presunti «boss» e di un altro membro dell’organizzazione, dice: «Hanno preso questo qua, gli hanno dato due sprangate e quello si è buttato nel fiume. Poi lo abbiamo tirato su: uno lo ha messo in ginocchio poi gli ha dato un telefono per parlare con un suo amico in Romania. E gli diceva: “Tu non sei nessuno, ti faccio vedere io chi sono, mi devi pagare 15 mila euro”». Alla base dell’aggressione, di cui risponde anche Nica, c’è una questione di prostituzione, per il controllo di una piazzola. La vittima è stata anche accoltellata.

Le regole
I membri della Brigada, se sbagliano, pagano una «multa». Raccolgono soldi per chi è finito in carcere. Chi comanda decide tutto «se fai o non fai». Non ci sono riti di affiliazione, ma tatuaggi. I cantanti, preziosi per i locali, devono rispettare gli ingaggi. «Tutto serve a fare business» dice. Così «I cantanti, da quando loro hanno aperto l’Office non potevano più cantare in altri locali. Solo da loro. Altrimenti minacce».

Fonte: La Stampa