La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

domenica 30 novembre 2014

La multi ani Romania!


"Cata vreme vom trai de pe urma meritelor altor romani, ale marilor romani, nu vom face din Romania o tara de care sa fim mandri. Fiecare roman ar trebui, dimpotriva, sa-si puna problema meritelor sale personale, a succeselor lui, a efortului lui. Mandria de a fi roman e ceva care trebuie luat nu ca punct de plecare, ci ca scop de atins!"(Andrei Plesu)

 Romania poate sa nu ne placa tuturor.Din diverse motive.Politice ,economice ,sociale.Dar cu tot respectul,cati dintre noi am renunta cu adevarat si definitiv la cetatenia romana?Sunt sigura ca multi dintre voi sunteti mandri ca sunteti romani chiar daca aveti o multime de nemultumiri.Si nu ati renunta la a fi roman pentru nici-o alta cetatenie.Si asa este bine.Sa fim orgoliosi,sa fim mandri ca suntem romani.Avem obligatia sa fim mandri.Ne obliga istoria.Ne obliga stramosii nostri.Bunicii nostri.Parintii nostri .Toti cei care pe parcursul mileniilor ne-au lasat prin mica sau imensa lor contributie toata istoria scrisa sau nescrisa a acestui popor.A acestui pamant romanesc numit Romania.Suntem geniali cand vrem.Suntem sentimentali.Suntem romani.Si trebuie sa ne mandrim cu asta.Nu putem face ,nu putem fi altfel .

 Ma gandesc ca trebuie sa fim mandrii ca suntem romani pentru ca bunicii si strabunicii nostri ne privesc de undeva de sus si asteapta sa vada daca sacrificiul lor in razboaie si in crezul lor in Romania Mare a avut vreo importanta pentru noi,generatiile de astazi. Sa fim mandri pentru frumusetile istorice ,culturale,artistice,naturale.De la nord la sud,din est pana in vest, Romania este fantastica!

 Sa fim mandri pentru ca Romania are istoria ,clima ,relieful si frumusetile naturale unice in lume. Poate parea banal ,dar indiferent unde suntem in lume doar simpla fluturare a drapelului romanesc si intonarea imnului romanesc ne umple de emotie .Trebuie sa fim mandri de asta! Sa fim mandri ca indiferent din ce regiune a tarii suntem avem eroi nationali cu care ne putem mandri.Istoria e mandra de asta si ii cinsteste! Sa fim mandri ca totusi indiferent de problemele personale prin care trecem inca mai putem sa intindem o mana de ajutor atunci cand alte persoane sau alte state se afla in dificultate. Sa iubim Romania pentru ca ne pune la picioare si muntele si marea.Si campia si dealul.Si toate anotimpurile. Trebuie sa fim mandri de Romania pentru ca totusi in esenta a fi roman inseamna sa fim frumosi,geniali,generosi,ospitalieri.Romania vrea sa fim asa! Sa fim mandri pentru ca in modul cel mai simplu spus asta ne este patria mama.A fost ,este si va fi.Pentru totdeauna!

Sa ne iubim tara pentru bucataria traditionala recunoscuta in lume.Pentru artistii ei si pentru cinematografie.Pentru cultura si arta.Pentru poetii,scriitorii,pictorii si muzicienii ei unici in lume.Pentru intreg patrimoniul cultural daruit noua generatiilor de astazi. Sunt sigura ca fiecare roman iubim in sufletele noastre Romania.Nu putem face altfel.Si impreuna ,oriunde ne-am afla in lume ,putem face in asa fel incat  sa stie ca ne mandrim ca suntem romani si avem si de ce!Si Romania are de ce sa fie mandra de noi! Trebuie sa fim mandri ca suntem romani pentru idealurile care au unit romanii de-alungul istoriei milenare! Sa fim mandri pentru ca totusi acest popor a aut demnitate in istorie si a demonstrat lumii ca stie sa stea drept si sa nu se plece in fata nimanui! Sa fim mandri pentru tricolorul nostru.Pentru demnitatea si libertatea care ne tine totusi uniti in aceste vremuri nu tocmai usoare niciunde in lume.

Trebuie sa ne purtam mandria cu respect pentru tara asta pentru ca aici ne-am nascut.Aici am primit darul libertatii si al identitatii. Trebuie sa ne mandrim pentru intreaga noastra istorie.Ea ne-a facut ceea ce suntem .Trebuie doar sa ne straduim in prezent sa fim la inaltimea acestei tari ca sa putem sa ne scriem un viitor extraordinar! Trebuie sa fim mandri de Romania pentru ca totusi inafara granitelor foarte multi straini iubesc Romania.Si sunt mandri ca au avut posibilitatea sa o viziteze si sa ne cunoasca ca natiune. Sa fim mandri pentru ca avem libertate,ne putem alege religia si idealurile. Sa fim mandri ca tara noastra a iluminat omenirea cu geniile pe care le-a dat in diverse domenii:stiinta,fizica,chimie,matematica,aeronautica,medicina,etc.

Sa fim mandri pentru tara si istoria noastra pentru ca Romania de astazi este posibila datorita sacrificiului inaintasilor nostri care au crezut in Romania Mare,Unita!Ganditi-va la asta!Noi ,cei din generatiile prezentului am fi fost in stare sa facem asta? Daca nu ar fi fost o tara unita astazi unii am fi fost munteni,moldoveni,altii ardeleni si nicidecum romani cu totii! Sa fim mandri ca am avut privilegiul sa ne nastem in tara asta..Poate nu stim sa explicam ceea ce simtim dar cu siguranta suntem mandrii in inima noastra ca suntem romani! Asa ca Astazi ,de 1 Decembrie,si intotdeauna, sa spunem :Romania te iubim oriunde ne-am afla!
LA MULTI ANI ROMANIA!

 Cristina Mihailescu

sabato 29 novembre 2014

Fondazione Migrantes presenta "Roma è anche tua" della rumena Anca Martinas

IMMIGRAZIONE - INTEGRAZIONE –
(2014-11-28)

La Fondazione Migrantes presenta giovedi' 4 dicembre il volume "Roma era anche Tua" di Anca Martinas, Tau Editrice

Ci sono stati e sempre ci saranno mille e più modi di raccontare Roma, la "Città Eterna". In queste pagine l'Autrice lo fa attraverso l'incontro con una serie di persone in difficoltà per i motivi più vari. Ed è così che la ricchezza della dimensione umana, nelle sue molteplici possibili storie, accompagna le bellezze della Città Eterna.

"Sono 25 storie su persone 'periferiche' – si legge nella Prefazione – che si possono incontrare in diversi luoghi centrali dell'Urbe. Sono vicende di persone vere avvicinate negli ultimi anni dall'Autrice. Anca Martinas parla con loro come forse pochi fanno, con uno sguardo amico e personale. Gli interlocutori sono immigrati o semplicemente persone disagiate che non 'danno fastidio' ma che possono 'disturbare' con la loro semplice presenza".

Il volume è il nono della collana "Testimonianze ed Esperienze" edita da TAU per la Fondazione Migrantes. I precedenti volumi hanno raccontato, fra l'altro, la storia dell'emigrazione italiana in Brasile, Australia, a Londra, la testimonianza di un poeta rom e le lettere di bambini ucraini figli di 'badanti' nelle nostre famiglie.

Anca Martinas è nata nel 1970 nella città di Roman, in Romania. Laureata in Teologia e Assistenza Sociale all'Università di Bucarest, ha proseguito gli studi in Comunicazioni Sociali alla Pontificia Università Gregoriana di Roma. Stabilita nella Città Eterna dal 2004, lavora come redattrice e speaker alla sezione romena della Radio Vaticana.
Roma era anche tua segue altri tre libri in italiano: i due romanzi Dalla Romania senza amore (2009); Piacere, Timidus, vengo dall'antichità (2013) e Vladimir Ghika. Il principe mendicante di amore per Cristo (2013).

Instancabile viandante nella città dei sette colli di cui è irrimediabilmente innamorata, l'autrice conserva tuttavia un vivo e dolce ricordo della terra natìa, con la convinzione che il suo percorso da Roman a Roma sia, oltre che una grazia, una vocazione a vivere una romanità partecipata, nel rispetto e nella conoscenza reciproca con i cittadini dell'Urbe.

Il volume sarà presentato alle ore 17,00 alla Radio Vaticana – Sala Marconi -Piazza Pia, 3 – Roma, con l'intervento di :
Mons. Giancarlo Perego - Direttore Generale della Fondazione ?Migrantes?, Angelo Paoluzi - Giornalista - e Delfina Licata - Ricercatrice Sociale - Fondazione ?Migrantes?.(28/11/2014-ITL/ITNET)

Fonte: Italian Network

La Bella e la Bestia in rumeno, con traduzione simultanea, in scena al Ridotto del Masini di Faenza

Venerdì 28 Novembre 2014 - Faenza

Lo spettacolo, realizzato in collaborazione con la città di Timisoara (Romania) gemellata con Faenza, è per domenica 30 novembre

Domenica 30 novembre alle ore 16, il Ridotto del Teatro Masini ospiterà, fuori abbonamento e ad ingresso gratuito, un appuntamento particolarissimo: La Bella e la Bestia del Merlin Theater di Timisoara (Romania), uno spettacolo in lingua rumena con traduzione simultanea, realizzato in collaborazione con la città di Timisoara, gemellata con Faenza, a sostegno della candidatura della città rumena a Capitale Europea della Cultura 2021.

Un evento che, come afferma il Vice Sindaco e Assessore alla Cultura di Faenza Massimo Isola, “rappresenta un salto di qualità nella costruzione del gemellaggio con Timisoara. Una costruzione legata a temi culturali che consiste nell’aver aperto una nuova porta per il gemellaggio, oggi legato principalmente al tema welfare, e ne sostiene gli ampi margini di crescita nel rapporto tra due comunità. Questo spettacolo costituisce una delle ‘prove tecniche’ a sostegno della candidatura di Timisoara – Capitale Europea della Cultura 2021, nella direzione di quella comunanza di linguaggi culturali e teatrali che avvicinano i popoli. Non si tratta solamente di uno spettacolo di teatro ragazzi; l’evento è anche la rappresentazione di un gemellaggio maturo che condivide una pluralità di linguaggi ed accomuna le due città”.

Lo spettacolo, che trae ispirazione da un tema antico, è stato immaginato e messo in scena dalla regista Eva Labadi Megyes utilizzando la tecnica del teatro d’ombre.

Fa parte del progetto Timisoara, la mia città in Europa e l’intento della scenografia di Attila Bajko è quello di far conoscere la città che sorge sul canale Bega, soprannominata la piccola Vienna. L’allestimento scenico infatti è rappresentato da proiezioni degli edifici storici barocchi di Timisoara, del primo XX secolo. L’evento si articola in tre parti: una mostra fotografica firmata Alin Zelenco con immagini di Timisoara, un cortometraggio sulla storia della città ed, infine lo spettacolo stesso La Bella e la Bestia.

Il teatro d’ombre ha la capacità (ed il ruolo) di ricordare alla gente che, oltre il visibile (yang) esiste anche una parte nascosta (yin), indivisibile dallo yang, così come l'ombra non può essere separata dalla persona. Se, nella vita quotidiana, la gente comune può percepire solo la parte visibile, il teatro d’ombre ci racconta la parte nascosta. Dove c’è luce esistono anche l’ombra ed la penombra.

Ogni cosa sotto la luce crea un’ombra, così come ogni pensiero, parola e gesto producono un effetto. Ciò che la storia de La Bella e la Bestia ci racconta illustra perfettamente questo meccanismo di azione e reazione. Infine, abbiamo tutti bisogno di conoscere e di assumere dentro noi stessi la dualità yin-yang e, allo stesso tempo, di riconoscerla in quelli che ci circondano. Perché, a detta di qualcuno, “tutto quello che siamo è il risultato di quello che abbiamo pensato”. (Mirella Tonenchi, drammaturgo).

Info : 0546 21306 – www.accademiaperduta.it

Fonte: FaenzaNotizie

giovedì 27 novembre 2014

Impreuna pentru a ne cunoaste mai bine la Ziua Nationala a Romaniei - Romani pentru Romani


INVITATIE

Asociatia Romanilor din Italia (ARI) are onoarea sa va invite duminica 30 noiembrie 2014 ora 14:30 la Teatrul Tendastrisce (via Giorgio Perlasca 69 Roma – Porta Portese2) la a X-a editie a evenimentului “Impreuna pentru a ne cunoaste mai bine la Ziua Nationala a Romaniei”.

Artisti invitati: Cristina Turcu Preda, Adrian si Diana Enache, Ioana Barbuliceanu, Aurel Moldoveanu, Evandro Rossetti, Ionica Stan, Andrei Paunescu, grupul folcloric “Dor Calator” si alte surprize. Intrarea gratuita.

Spot/promo


Va asteptam!

Associazione dei Romeni in Italia
Via del Fringuello, 50 A, Roma
Tel. / Fax. +39 06263162
www.associazionedeiromeni.it

Sezze (LT) - Festa Nazionale della Romania


A Capoliveri si celebra la festa nazionale della Romania


Sono 180 i residenti della comunità romena. Due giorni di eventi dedicati alla cultura. La gratitudine dell'Ambasciatrice in Italia

Il 29 e 30 novembre a Capoliveri è celebrata la ricorrenza della Festa Nazionale della Romania. Barbetti “Così due culture si incontrano”. E’ la prima manifestazione di questo genere mai realizzata all’Isola d’Elba, ma nel resto d’Italia sono tantissimi i piccoli comuni e le grandi città che da anni valorizzano questo spaccato di cultura europea che costituisce parte della nostra nuova realtà multiculturale. Stiamo parlando dell’iniziativa in programma a Capoliveri per le giornate del 29 e 30 novembre prossimi. Il comune di Capoliveri in collaborazione con la comunità romena presente sul proprio territorio ricorderà la Festa Nazionale che la Romania celebra ogni anno da quando è divenuta Repubblica nel lontano 1918. Una due giorni in cui la cultura e le tradizioni locali si incontreranno per conoscere la cultura romena e che avrà inizio con la Santa Messa che sarà celebrata nella Chiesa di Santa Maria Assunta sabato 29 novembre alle 18,15 dal Parroco di Capoliveri Don Emanuele Cavallo insieme a Padre Ciprian e Padre Marian di rito ortodosso.

A seguire alle 21,30 il Teatro Flamingo ospiterà il docu-film realizzato dalla emittente Tv locale Teleelba sulla storia, la cultura, le tradizioni e i paesaggi della terra di Romania.

I festeggiamenti proseguiranno domenica 30 novembre con l’apertura alle 12,30 in piazza Matteotti degli stand enogastronomici e la degustazione gratuita di piatti tipici della cucina romena.
Ma non è tutto perché uno spettacolo di musica e balli tradizionali romeni sarà messo in scena dall’Associazione Hora Hunirii che si esibirà nella piazza di Capoliveri.

Parole di gratitudine sono state espresse dall’Ambasciatrice romena in Italia Dana Constantinescu “Per l'attenzione mostrata nei confronti della comunità romena presente nel comune di Capoliveri”.

“L’evento che il 29 e 30 novembre si terrà a Capoliveri – dice il sindaco di Capoliveri Ruggero Barbetti - vuole essere il modo per consentire alla numerosa comunità romena, circa 180 residenti, presente nel nostro comune, di festeggiare uno dei momenti più importanti della propria storia ed identità nazionale, ma anche lo strumento con cui rendere partecipe il nostro territorio e la comunità elbana tutta di una cultura antica che è parte importante della nostra Europa. Oggi i romeni presenti all’Elba sono tantissimi. Persone che hanno trovato sulla nostra isola una seconda patria, e che qui hanno deciso di stabilizzarsi, lavorare, crescere i propri figli e costruire un futuro per sé e le proprie famiglie. Nostri concittadini che sono i primi ad essere sentinelle della legalità. Conoscere la loro cultura, apprezzarla e condividere questo momento di festa sarà il modo per essere a loro più vicini e far sentire quel senso di comunità che anche noi, in un passato non molto lontano - ed anche oggi, con le “nuove” emigrazioni - abbiamo cercato e cerchiamo in altri Paesi sparsi nel mondo”.

giovedì 27 novembre 2014

Fonte: TeNews

„Românii și Marele Război” – expoziție foto-documentară dedicată Zilei Naționale a României și aniversării centenarului Primului Război Mondial la Museo Centrale del Risorgimento – Complesso del Vittoriano din Roma‏ / „I Romeni e la Grande Guerra” – mostra foto-documentaria dedicata alla Festa Nazionale della Romania e al 100° Anniversario della Grande Guerra al Museo Centrale del Risorgimento – Complesso del Vittoriano a Roma‏


COMUNICAT DE PRESĂ

„Românii și Marele Război” – expoziție foto-documentară dedicată
Zilei Naționale a României și aniversării centenarului Primului Război Mondial la
Museo Centrale del Risorgimento – Complesso del Vittoriano din Roma

Cu ocazia Zilei Naționale a României, luni, 1 decembrie 2014, ora 18:00, la Museo Centrale del Risorgimento – Complesso del Vittoriano din Roma va avea loc inaugurarea expoziției foto-documentare cu titlul „Românii și Marele Război”. Evenimentul este organizat de Institutul Român de Cultură și Cercetare Umanistică de la Veneția, Ambasada României în Italia, Museo Centrale del Risorgimento – Complesso del Vittoriano din Roma, Muzeul Național de Istorie a României, Arhivele Naționale ale României și Universitatea Babeș–Bolyai din Cluj-Napoca, în colaborare cu Accademia di Romania din Roma, și beneficiază de patronajul Regiunii Lazio, al Provinciei Roma și al Primăriei orașului Roma.

În urma colaborării dintre Institutul Român de Cultură și Cercetare Umanistică de la Veneția și Muzeul Național de Istorie a României, Arhivele Naționale ale României și Universitatea Babeș-Bolyai din Cluj-Napoca, a rezultat expoziţia „Românii și Marele Război” ce reunește peste 40 de panouri foto-documentare menite să prezinte publicului implicarea românilor și a României în Primului Război Mondial, pe baza documentelor de arhivă, a fotografiilor, ilustrațiilor contemporane și a documentelor de presă.

Expoziţia beneficiază de sprijinul financiar al Institutului Cultural Român şi va fi deschisă publicului în perioada 1 decembrie 2014 – 28 februarie 2015, la Museo Centrale del Risorgimento – Complesso del Vittoriano din Roma (Via San Pietro in Carcere). Intrarea este liberă. Participarea la vernisajul expoziției se face pe bază de invitație, iar confirmările sunt așteptate la nr. de telefon: 3349976873 sau la e-mail: mihai.stan@icr.ro

Organizatori: Institutul Cultural Român, Institutul Român de Cultură și Cercetare Umanistică de la Veneția, Ambasada României în Italia, Museo Centrale del Risorgimento – Complesso del Vittoriano din Roma, Muzeul Național de Istorie a României, Arhivele Naționale ale României și Universitatea Babeș–Bolyai din Cluj-Napoca

În colaborare cu: Accademia di Romania din Roma

Cu patronajul: Regiunea Lazio, Provincia Roma și Primăria orașului Roma

Responsabil proiect: MIHAI STAN
Tel. +39.041.5242309
Mail mihai.stan@icr.ro
INSTITUTUL ROMÂN DE CULTURĂ ȘI CERCETARE UMANISTICĂ DE LA VENEȚIA
-------------------------------------------------------------------------

COMUNICATO STAMPA

„I Romeni e la Grande Guerra” – mostra foto-documentaria
dedicata alla Festa Nazionale della Romania e al 100° Anniversario della Grande Guerra
al Museo Centrale del Risorgimento – Complesso del Vittoriano a Roma

In occasione della Festa Nazionale della Romania, lunedì, 1° dicembre 2014, ore 18:00, presso il Museo Centrale del Risorgimento – Complesso del Vittoriano a Roma avrà luogo l’inaugurazione della mostra foto-documentaria dal titolo „I Romeni e la Grande Guerra”. L’evento è organizzato dall’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, dall’Ambasciata di Romania in Italia, dal Museo Centrale del Risorgimento – Complesso del Vittoriano a Roma, dal Museo Nazionale di Storia della Romania, dall’Archivio Nazionale della Romania e dall’Università Babeș–Bolyai di Cluj-Napoca, in collaborazione con l’Accademia di Romania a Roma, e si avvale del patrocinio della Regione Lazio, della Provincia di Roma e del Comune di Roma.

In seguito alla collaborazione tra l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia e il Museo Nazionale di Storia della Romania, l’Archivio Nazionale della Romania e l’Università Babeș-Bolyai din Cluj-Napoca, è risultata la mostra „I Romeni e la Grande Guerra” che riunisce oltre 40 panelli foto-documentari che rispecchiano la partecipazione dei romeni e della Romania alla Grande Guerra, in base ai documenti d’archivio, alle fotografie, alle illustrazioni coeve e alle rassegne stampa d’epoca.

La mostra gode del sostegno finanziario dell’Istituto Culturale Romeno di Bucarest e rimarrà aperta al pubblico nel periodo 1° dicembre 2014 – 28 febbraio 2015, presso il Museo Centrale del Risorgimento – Complesso del Vittoriano a Roma (Via San Pietro in Carcere). Ingresso libero.

L’ingresso all’inaugurazione della mostra sarà su invito. Per informazioni e prenotazioni: 3349976873 o mihai.stan@icr.ro.

Organizzatori: Istituto Culturale Romeno di Bucarest, Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, Ambasciata di Romania in Italia, Museo Centrale del Risorgimento – Complesso del Vittoriano a Roma, Museo Nazionale di Storia della Romania, Archivio Nazionale della Romania e Università Babeș–Bolyai di Cluj-Napoca

In collaborazione con: Accademia di Romania a Roma

Con il patrocinio di: Regione Lazio, Provincia di Roma e Comune di Roma

Responsabile progetto: MIHAI STAN
Tel. +39.041.5242309
Mail mihai.stan@icr.ro
ISTITUTO ROMENO DI CULTURA E RICERCA UMANISTICA DI VENEZIA

Aniversarea a 160 de ani de la nașterea lui Anghel Saligny la IRCCU Veneţia cu ocazia Zilei Naţionale a României / La celebrazione di 160 anni dalla nascita di Anghel Saligny in occasione della Festa Nazionale della Romania all’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia


Comunicat de presă

Miercuri, 3 decembrie 2014, orele 18.30, în Noua Galerie a Institutului Român de Cultură și Cercetare Umanistică de la Veneţia va avea loc, cu ocazia Zilei Naţionale a României şi în contextul aniversării a 160 de ani de la naştere, conferința dedicată personalității lui Anghel Saligny şi inaugurarea unei expoziţii multimedia cuprinzând imagini şi texte care vor reflecta opera marelui inginer şi arhitect român.

Anghel Saligny a fost academician, inginer constructor, ministru şi pedagog român, fiind considerat unul dintre pionierii tehnicii mondiale în proiectarea şi construcţia podurilor şi silozurilor cu structură metalică, respectiv de beton armat. Este, de asemenea, unul dintre întemeietorii ingineriei româneşti.

Conferinţa va fi susţinută de arh. dr. Irina Băldescu – Direcţia Bunurilor Culturale din Veneţia care va prezenta personalitatea lui Anghel Saligny, şi de Cătălin Davidescu, care va relata istoria unei serii de fotografii inedite ale construcţiei podului de la Cernavodă. Expoziţia, realizată de Irina Băldescu, cuprinde planuri şi fotografii provenind de la Arhivele Naţionale ale României şi este însoţită de un catalog publicat la Editura Institutului Cultural Român, îngrijit de arh. dr. Irina Băldescu.

Irina Băldescu este arhitect, absolventă a Universităţii de Arhitectură şi Urbanism „Ion Mincu” din Bucureşti şi a bursei „Vasile Pârvan” la Accademia di Romania din Roma. În prezent activează la Direcţia regională pentru Bunurile Arhitectonice şi Peisagistice a Regiunii Veneto.

Cătălin Davidescu este inspector DJCCPCN Dolj, expert în pictură românească modernă, în special Țuculescu și avangarda românească. A fost muzeograf la Muzeul Național de Artă din Craiova şi curator a numeroase expoziții muzeale de arte vizuale.

Evenimentul este organizat de Institutul Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia şi beneficiază de sprijinul financiar al Institutului Cultural Român. Expoziţia va putea fi vizitată până pe data de 20 decembrie a.c., zilnic, în intervalul orar 16.00 – 19,00.
Intrarea este liberă.

Pentru mai multe detalii: Alexandru Damian, coordonator proiecte arte vizuale
Tel. +39.041.524.2309
INSTITUTUL ROMÂN DE CULTURĂ ŞI CERCETARE UMANISTICĂ
Palazzo Correr - Cannaregio 2214 (Campo Santa Fosca)
30121 Veneţia, ITALIA

-------------------------------------------------------------------------------------------
Comunicato stampa

Mercoledì, 3 dicembre 2014, ore 18.30, nella Nuova Galleria dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia si svolgerà, in occasione della Festa Nazionale della Romania e nell’ambito della celebrazione di 160 anni dalla nascita, la conferenza dedicata alla personalità di Anghel Saligny e l’inaugurazione della mostra multimediale che includerà immagini e testi che rifletteranno l’opera del grande ingegnere e architetto romeno.

Anghel Saligny è stato accademico, ingegnere, ministro e pedagogo romeno, essendo considerato uno dei pionieri della tecnica mondiale nella proiezione e costruzione dei ponti e granai con struttura metallica, rispettivamente di cemento armato. E’ inoltre uno dei fondatori dell’ingegneria romena.

La conferenza sarà tenuta da arch. dott. Irina Băldescu – Direzione dei Beni Culturali di Venezia che presenterà la personalità di Anghel Saligny e Cătălin Davidescu, che presenterà la storia di una serie di fotografie inedite relative alla costruzione del ponte di Cernavodă. La mostra, a cura di Irina Băldescu, includerà disegni e fotografie provenienti dagli Archivi Nazionali di Romania e sarà accompagnata da un catalogo pubblicato alla Casa Editrice dell’Istituto Culturale Romeno di Bucarest, sempre a cura di Irina Băldescu.

Irina Băldescu è architetto, laureata presso l’Università di Architettura e Urbanismo „Ion Mincu” di Bucarest ed già borsista „Vasile Pârvan” all’Accademia di Romania in Roma. Attualmente lavora presso la Direzione Regionale dei Beni Architettonici e Paesaggistici della Regione del Veneto.

Cătălin Davidescu è ispettore presso il Dipartimento culturale Dolj, esperto di pittura romena moderna, specialmente Ion Ţuculescu e avanguardia romena. E’ stato museografo al Museo Nazionale di Arte di Craiova e curatore di varie mostre museali di arti visive.

L’evento è organizzato dall’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia e si avvale del sostegno dell’Istituto Culturale Romeno. La mostra sarà aperta fino al 20 dicembre a.c., tutti i giorni, dalle 16.00 alle 19.00.
L’entrata è libera.

Per ulteriori dettagli: Alexandru Damian, coordinatore progetti arti visive
Tel. +39.041.524.2309
ISTITUTO ROMENO DI CULTURA E RICERCA UMANISTICA
Palazzo Correr - Cannaregio 2214 (Campo Santa Fosca)
30121 Venezia, ITALIA

mercoledì 26 novembre 2014

Festa Nazionale della Romania a Torino


-M.C.- Ogni Romeno sa che ogni primo di dicembre è Festa nazionale. Questa data, che ricorda la formazione, il 1 dicembre 1918, dello stato nazionale romeno moderno, con l’unione della Bessarabia (27 marzo-9 aprile 1018), la Bucovina (15-28 novembre 1918) e la Transilvania (1° dicembre 1918) alla Romania, viene ricordata ogni anno non solo in patria, ma anche in Italia e nel mondo, grazie alle comunità romene emigranti. La solennità del 1° dicembre è festa nazionale dell’Indipendenza, unità e libertà della Romania.

A Torino si festeggerà domenica 30 novembre, presso la Sala A.T.C di Corso Dante 14 dalle ore 16:30. Lo spettacolo, in omaggio, ha come titolo “La Trecutu-ti Mare, Mare Viitor” (Al glorioso passato, un glorioso futuro).

Il programma prevede, in apertura, i saluti di Petre Cristea e Bruno Labate. Segue un montaggio letterario-musicale, con la partecipazione del Coro “Cantam Domnului” dalla chiesa ortodossa Rumena Sfanta Parascheva di Torino.

A seguire canzoni e balli Folkloristici in costumi popolari, con la partecipazione del gruppo “DE LA BATRANI CETIRE” (coreografo Clement Dobos).

Una serie di cantanti di grande popolarità intratterrà il pubblico: Elena Chiriac, Pastina Barbu, Gicu Pitirut, George Bighiu, Petre Cristea, Vali Cosma, Nicolae, Blaga, Fabiano Cobzaru, Pino Abramo e la ginnasta Romina Husanu.

Si chiude con un apericena a base di prodotti tipici romeni. Presenta Irina Tancau.

Tra gli invitati d'onore Tiberiu Dinu, Console Generale del Consolato Rumeno a Torino. Insieme a lui Giovanni Maria Ferraris, Giampiero Leo, Donato Ladik, Mauro Carmagnola e Marcello Croce.

Fonte: ArticoloTre

martedì 25 novembre 2014

Integr/Arti. Percorsi di condivisione del patrimonio museale

24/11/2014 - Visite guidate gratuite al Museo civico d'arte in francese, spagnolo, rumeno
Palazzo Ricchieri, sede del Museo civico d'arte Corso Vitorio Emanuele n. 51, Pordenone

 Il Museo d’Arte di Pordenone racconta la sua storia, i suoi artisti e le sue opere in una serie di visite guidate adottando il multilinguismo, e in particolare lo fa parlando in francese, spagnolo, rumeno. Lo scopo è quello di rendere partecipe del patrimonio museale e della cultura di riferimento in particolare le comunità di immigrati presenti sul territorio pordenonese, ma anche quanti, semplicemente, avessero il piacere di esercitare una seconda lingua e di approfittarne per riscoprire le collezioni museali pordenonesi. In questi mesi infatti 18 disoccupati, molti dei quali stranieri, hanno prestato servizio presso le sedi museali civiche e ora, ad arricchimento della stessa esperienza lavorativa, si fanno partecipi di un momento formativo e di scambio inter-culturale, mirante a divulgare i contenuti storici e culturali delle collezioni civiche. Si tratta di una serie di traduzioni nelle rispettive lingue di provenienza (francese, spagnolo, albanese, croato, rumeno) di una breve spiegazione delle collezioni museali, e di una serie di visite guidate aperte a tutti e a ingresso gratuito, condotte dal conservatore dott.ssa Isabella Reale affiancata, per la traduzione simultanea dagli stessi lavoratori secondo il seguente programma: venerdi 28 novembre, ore 15.30, visita guidata in spagnolo (castigliano) venerdi 28 novembre, ore 17.00, visita guidata in rumeno domenica 30 novembre, ore 15.30, visita guidata in lingua francese, swahili È un’iniziativa realizzata in collaborazione tra il Museo e la Cooperativa Sociale Ascaretto di Pordenone, che si svolge nell’ambito del progetto “Valorizzazione dei beni culturali ed artistici presenti nel Museo d’Arte di Pordenone” sostenuto dalla Regione Friuli Venezia Giulia e dal Comune di Pordenone, inserito nell’obiettivo 2 del programma operativo del Fondo Sociale Europeo (2007/2013). Ingresso gratuito. Gradita la prenotazione fino ad esaurimento dei posti. Per informazioni contattare: Museo civico d'arte: 0434 392935 - 0434 392937 - museo.arte@comune.pordenone.it Cooperativa Ascaretto: tel. 0434 43048 - info@ascaretto.it

Comunicato stampa


Fonte: Adnkronos

L'Aquila: il 28 presentazione della prima rete televisiva italo-romena

L'AQUILA - Verrà presentata all’Aquila, nell’ambito del secondo forum economico Italia-Romania Abruzzo 2014, la prima rete televisiva italo-romena.

L'appuntamento è il prossimo 28 novembre, alle 16, presso il palazzetto dei Nobili.

L’evento nasce sulla scorta del protocollo di intesa stipulato a ottobre 2013, tra la Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura dell’Aquila e la Camera di commercio della Romania in Italia (Ciro Italia) e vedrà la partecipazione di rappresentanti di Governo della Romania, che illustreranno le diverse opportunità di investimento in loco.

“Il 2° forum economico Italia- Romania - spiega il presidente della Camera di commercio dell’Aquila, Lorenzo Santilli - rappresenta un’importante occasione di confronto e di dialogo tra autorità, istituzioni e imprenditori romeni e abruzzesi, che svolgono attività economiche nella regione Abruzzo, in provincia dell’Aquila e in Romania, anche al fine di rafforzare gli scambi economici e diplomatici tra i due Paesi".

La rete televisiva italo-romena, la Dacia Tv, sarà disponibile in Abruzzo sul canale 684 del digitale terrestre.

"Un’iniziativa rilevante anche sotto il profilo economico e dello sviluppo - sottolinea Santilli - finalizzata a favorire l’adozione e la realizzazione di azioni utili all’attrazione di investimenti, la collaborazione commerciale tra imprese, la cooperazione istituzionale e lo sviluppo socio-economico territoriale”.

24 novembre 2014

Fonte: AbruzzoWeb

lunedì 24 novembre 2014

Lettura scenica "Io e Te", 25 novembre a Roma



Comunicato stampa

Martedì 25 novembre alla sede dell'Accademia di Romania a Roma (Piazza José de San Martin, 1 - 00197 Roma), Sala Concerti, ore 19.30 si svolgerà la lettura scenica del testo IO e TE dagli attori Thomas Otto Zinzi, Maria Dinulescu e Giulio Gorissen.

“IO e TE” è una favola moderna sull’incontro tra un anziano e una giovane badante rumena. Iovino, detto Io, e Teresa, chiamata Te, vivono all’interno di un modesto appartamento alla periferia di una città italiana tra sogni e progetti non realizzati. Si scontrano e incontrano tra parole e azioni di due culture all’apparenza così lontane. Ma la malattia inverte le parti e l’anziano diventa badante della giovane immigrata fino a che un patto interiore stabilisce la meta dei loro destini: Te dovrà lasciare la terra ingrata per il Paradiso, mentre Io partirà per la Romania.

Maria Dinulescu è una famosa attrice rumena che ha lavorato in film premiati a Cannes. Ha ricevuto 14 premi come migliore attrice. Abita tra Los Angeles e l’Europa. Ha un master in teatro e cultura giapponese ed è membro dell’Accademia Europea del Film. La sua collaborazione in IO e TE è il primo lavoro in italiano.

Thomas Otto Zinzi è regista di teatro e attore nato a Roma, diplomato alla Scuola di Tecniche dello spettacolo di Claretta Carotenuto. Ha fondato Progetto Miniera e attualmente dirige il Laboratorio Teatrale Il mestiere dell’emozione . Ha debuttato al Festival dei due mondi con uno spettacolo sui minatori di Morgnano dal titolo Sotto il pavimento del mondo. In occasione dell’anniversario della nascita di Dino Buzzati ha ideato e diretto otto spettacoli dal titolo La Milano dei Tartari. Da molti anni collabora con l’Accademia di Romania con testi italiani e rumeni. E il drammaturgo di IO e TE che ha vinto il Primo Premio Teatrale Vallecorsi.

Giulio Gorissen è un giovane attore italo-olandese che studia al Laboratorio Teatrale Il mestiere dell’emozione da due anni. La sua prima esperienza teatrale è stata in uno spettacolo di Abbas Kiarostami. Ha interpreato ruoli in quattro spettacoli diretti da Thomas Otto Zinzi. Il suo carattere e la sua capacità versatile lo faranno diventare un attore di grande forza e sensibilità.

Ufficio stampa,
Accademia di Romania
Roma, novembre, 2014

ACCADEMIA DI ROMANIA IN ROMA

Soprana Irina Iordăchescu și pianistul Ștefan Doniga în concert, la Veneția, de Ziua Națională a României‏ / Il soprano Irina Iordăchescu e il pianista Ștefan Doniga in concerto a Venezia per la Festa Nazionale della Romania

COMUNICAT DE PRESĂ
Soprana Irina Iordăchescu și pianistul Ștefan Doniga
în concert, la Veneția, de Ziua Națională a României

România își sărbătorește Ziua Națională la 1 Decembrie, dată care amintește și celebrează momentul cel mai reprezentativ al istoriei și existenței poporului român, unirea tuturor conaționalilor într-un singur stat, realizată în 1918. Purtători de cuvânt ai romanităţii orientale, românii și-au păstrat neîntinată limba şi numele, amintitor Romei Eterne. Ca şi Italia, România s-a format la mijlocul secolului al XIX-lea, dispărând succesiv hotarele care-i despărţeau pe români. Italia a reprezentat, totodată, unul din modelele care i-au ajutat pe bărbaţii de stat români în construirea statului modern.
Pentru a celebra Ziua Națională a României, Institutul Român de Cultură și Cercetare Umanistică de la Veneția și Opera Națională București, în colaborare cu Teatrul La Fenice din Veneția, organizează concertul “Confluențe”, care se va desfășura în data de 29 noiembrie 2014, ora 20:00, în Sala Apollinee a Teatrului La Fenice din Venezia.

Recitalul vocal-instrumental de muzică românească și italiană va fi susținut de soprana Irina IORDĂCHESCU și pianistul Ștefan DONIGA. În program piese de: George Enescu, George Grigoriu, Remus Georgescu, Tiberiu Brediceanu, George Stephănescu, Giacomo Puccini, Alfredo Catalani, Vicenzo Bellini și Giuseppe Verdi.

Soprana Irina Iordachescu s-a născut la București, într-o familie de artiști și este una dintre cele mai apreciate soliste de operă ale generației sale. Palmaresul său cuprinde premii foarte importante la Concursuri Naționale și Internaționale ca : IONEL PERLEA (Marele Premiu), MIHAIL JORA (Premiul II) , G.B. VIOTTI (Premiul special “Cesare Bardelli“, Italia), MARIA CALLAS (Premiul III, Grecia), SYLVIA GESZTY (Premiul III, Spania), VICENZO BELLINI (Premiul II, Italia), IVC– s’ HERTOGENBOSH (Premiul III si Premiul Publicului, Olanda). In anul 2009, a primit “Premiul pentru cel mai bun solist de opera din Romania” acordat de Revista VIP.

A cântat roluri principale în producții de operă și concerte cu orchestra, pe scene importante din Europa, Asia și SUA ca : Teatro alla Scala din Milano (Italia), Teatro Dante Alighieri din Ravenna (Italia), Teatro Municipale di Piacenza (Italia), Teatro Massimo “Vicenzo Bellini“ din Catania (Italia), Festivalul de Opera de la Glydebourne (Anglia), Festivalul de Opera de la Sankt Margarethen (Austria), Sala de Concerte “Isaac Stern” - Carnegie Hall din New York (USA), Teatrul “Perez Galdos“ din Las Palmas (Spania), Opera Națională București (România), Opera Naționala Româna Cluj (România), Teatrul Național de Operă și Balet ”Oleg Danovski” Constanta (Romania), Operele de Stat din Sofia, Russe, Plovdiv și Varna (Bulgaria), Thessaloniki Great Concert Hall (Greece), Sala de Concerte ”P.I. Ceaikovski” din Moscova, Sala Mare a Filarmonicii din Sankt Petersburg (Rusia), Sala Mare a Filarmonicii din Mulhouse (Franța), Salle Flagey din Bruxelles (Belgia), Sala Auditorium din Barcelona (Spania), Abay State Opera House din Almaty și Opera de Stat din Astana (Kazakhstan). În anul 2005 a revenit pe scena Operei Naționale București (după debutul din 2001, în rolul Paminei din ”Flautul fermecat” de W.A.Mozart) unde, în continuare a debutat în rolurile principale ale operelor : Lucia di Lammermoor, La Traviata, Rigoletto, Don Pasquale (a cântat în Premiera din 2010), Le Nozze di Figaro, Cosi fan tutte (a cântat în Premiera din 2006), Flautul fermecat, Turandot, La Boheme, Văduva veselă, Elixirul dragostei etc.

In repertoriul vocal-simfonic a debutat în anul 2000 pe scena Ateneului Roman, alături de Filarmonica ”George Enescu”, în Missa în do minor de W.A. Mozart și, din acel moment, a cântat pe aproape toate scenele Filarmonicilor din țară în 26 de lucrări vocal-simfonice. În ultimii ani, a fost invitată ca solistă în diferite concerte cu orchestra în Germania, Luxembourg, Polonia, Turcia, Maroc, Italia, Israel, Bulgaria, Franța, Spania, Armenia, Grecia, Kazakhstan, Russia.

În ordinea cronologică a evenimentelor, în străinătate a avut șansa să lucreze cu iluștrii dirijori de talie internațională, cum ar fi : Riccardo Muti, Roberto Abbado, Paul Nadler, Mihail Tatarnikov, Marco Boemi, Nayden Todorov, Kirill Karabits, Jin Wang, Julian Kovatchef, Cyril Diederich, Koen Schoots, iar în România a cântat sub conducerea muzicală a unor dirijori de mare valoare și recunoaștere internațională, dintre care amintim: Cristian Mandeal, Cristian Badea, Horia Andreescu, Iurie Florea, Tiberiu Soare, Gheorghe Costin, Vlad Conta, Cornel Trăilescu, Florentin Mihăescu, Ilarion I. Galati, cu regizori extraordinari ca Ermanno Olmi, Cristina Muti, Plamen Kartaloff, Renzo Giacchieri, Ruggero Cappuccio, Lee Blakeley și cu artiști de mare rezonanță ca Giuseppe Giacomini, Marcello Giordani, Kaludi Kaludov, Boiko Svetanov, Vittorio Grigolo, Georg Tichi, Eduard Tumagian etc. În perioada Iunie – August 2012 a fost invitată să susțină rolul Musettei din “La Boheme” de G. Puccini, în toate spectacolele Festivalului de Operă de la Glyndebourne – Anglia.

În 2013, pe lângă prezența sa pe scena Operei Naționale București, a fost invitată să cânte pe scena ”Abay State Opera House” din Almaty (Kazakhstan ) în ”La Traviata” și a fost invitată să cânte la Ateneul Roman (în Recviemul de W.A. Mozart) alături de Maeștrii Cristian Badea și Horia Andreescu. De asemenea, a cântat pentru prima oară într-un concert extraordinar, alături de ”Orchestra de Tineret”, dirijat de Maestrul Cristian Mandeal. Alte evenimente importante ale anului 2013 sunt recitalul ”Sub soarele Italiei” la Opera Națională București, invitația de a cânta în ”La Traviata” de G. Verdi la Astana Opera House din Astana (Kazakhstan), cu ocazia zilei de naștere a Președintelui Kazakhstanului și, din nou, în ”La Traviata” în cadrul Festivalului de Operă de la Varna (Bulgaria).

În 2015 va debuta în rolul Desdemonei din Otello de G. Verdi și va continua să interpreteze rolul Adinei din “L’Elisir d’amore” de G. Donizetti. Printre altele, în acest an, va interpreta o parte din Requiem de Giuseppe Verdi la Coventry Cathedral din Londra, sub bagheta Maestrului Paolo Leddington, “Vier letzte Lieder” de R. Strauss cu “RTS Orchestra Sinfonica” la Belgrad, sub bagheta Maestrului Bojan Sudjic, și în ianuarie 2015 a fost invitată să susțină un concert la Kioi Concert Hall din Tokyo (Japonia).
Ștefan DONIGA – născut la Galaţi în 1979, pianistul Ştefan Doniga a absolvit cursurile Universitatăţii Naţionale de Muzică din Bucureşti în anul 1997, în decursul celor 5 ani de studii beneficiind de îndrumările maeştrilor Constantin Ionescu – Vovu, Viorica Rădoi, Oxana Corjos, Dan Grigore.
În ultimii ani Ştefan Doniga a susţinut recitaluri şi concerte pe scene importante din România, Luxemburg, Ungaria, Cehia, Bulgaria, Austria, Slovacia, Norvegia, Coreea de Sud, Franţa, Polonia, Italia. În anul 2000 a reprezentat România la Primul Festival Balcanic al Tinerilor Pianişti de la Razgrad, Bulgaria, unde a primit Medalia Festivalului şi a participat, de asemenea, în cadrul a numeroase transmisiuni directe realizate de către Radiodifuziunea Română, fiind invitat să realizeze imprimări speciale alături de Orchestra de Cameră Radio. Ştefan Doniga este singurul pianist român care a înregistrat integrala mazurcilor pentru pian de Alexandr Skriabin, o imprimare preluată live şi difuzată în repetate rânduri, prin intermediul Uniunii Europene de Radio, de către postul muzical de radio german WDR 3. În lunile august – octombrie 2008, tânărul pianist român a imprimat în premieră mondială un disc conţinând concertele numerele 2 şi 3 pentru pian şi orchestră de Serghei Bortkiewicz, înregistrări susţinute de către Institutul Olandez pentru Muzică şi realizate alături de Orchestra Simfonică a Filarmonicii Janacek din Ostrava, aflată sub conducerea dirijorului David Pocelijn.
În domeniul muzical Ştefan Doniga desfăşoară o activitate amplă, alături de apariţiile scenice numărându-se susţinerea şi coordonarea organizării de cursuri de măiestrie în Austria, Cehia şi Coreea de Sud, realizarea unor cicluri de emisiuni de analiză muzicală pentru posturile culturale naţionale de radio şi televiziune, realizarea de ilustraţie muzicală pentru piese de teatru, regie tehnică de operă, precum şi o bogată activitate managerială ce include înfiinţarea şi conducerea artistică timp de 8 ani a Filarmonicii din Giurgiu, înfiinţarea unei agenţii de impresariat artistic şi coordonarea a numeroase proiecte culturale în România şi peste hotare. Actualmente Ştefan Doniga este responsabil pentru contacte internaţionale al Teatrului de Operetă şi Musical „Ion Dacian” din Bucureşti.

Organizatori: Institutul Cultural Român, Institutul Român de Cultură și Cercetare Umanistică de la Veneția și Opera Națională București

În parteneriat cu: Teatro La Fenice di Venezia

Parteneri Media: VeneziaNews, Un ospite di Venezia, Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Venezia.

Responsabil proiect: MIHAI STAN
Tel. +39.041.5242309
Mail mihai.stan@icr.ro
INSTITUTUL ROMÂN DE CULTURĂ ȘI CERCETARE UMANISITCĂ DE LA VENEȚIA
------------------------------------------------------------------------------------------------
COMUNICATO STAMPA

Il soprano Irina Iordăchescu e il pianista Ștefan Doniga in concerto a Venezia
per la Festa Nazionale della Romania

La Romania celebra la sua Festa Nazionale il 1 Dicembre, una festa che ricorda e celebra il momento più rappresentativo della storia e dell’esistenza del nostro popolo, l’unità di tutti i connazionali in un unico stato avvenuta nel 1918. Portavoce della romanità orientale, i romeni hanno conservato inalterata la loro lingua e il proprio nome, un rimando all’eterna Roma. Come l’Italia, la Romania ha cominciato a prendere forma, in quanto stato moderno, verso la metà dell’Ottocento, allorché si sono dissolti i confini che dividevano i romeni. L’Italia, inoltre, ha rappresentato uno dei modelli che sono stati alla base della fondazione dello stato romeno moderno.

Per celebrare la Festa Nazionale della Romania, l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia e l’Opera Nazionale di Bucarest, in collaborazione con il Teatro La Fenice di Venezia, organizzeranno il concerto “Confluenze” che si svolgerà il 29 novembre 2014, ore 20:00, presso la Sala Apollinee del Teatro La Fenice di Venezia.

Il concerto vocale-strumentale di musica romena e italiana sarà eseguito dal soprano Irina IORDĂCHESCU e dal pianista Ștefan DONIGA. In programma musiche di: George Enescu, George Grigoriu, Remus Georgescu, Tiberiu Brediceanu, George Stephănescu, Giacomo Puccini, Alfredo Catalani, Vicenzo Bellini e Giuseppe Verdi.

Irina IORDĂCHESCU – soprano, nata a Bucarest in una famiglia di musicisti. Suo padre è il baritono romeno Dan IORDĂCHESCU. Lei è vincitrice di concorsi internazionali di canto, come “G. B. Viotti” – (Italia) – Premio “Cesare Bardelli”; “Silvia Geszty” (Spagna) – III° Premio; “Maria Callas” (Grecia) – III° Premio; “Vincenzo Bellini” (Italia) – II° Premio; “IVC s’Hertogenbosch” (Olanda) – III° Premio e il Premio del Pubblico, “Alfredo Giacomotti” (Italia) – II° Premio.

È stata la protagonista nelle opere: Lucia – Lucia di Lammermoor di G. Donizetti, Gilda – Rigoletto di G. Verdi, Norina – Don Pasquale di G. Donizetti, Adina – L’elisir d’amore di G. Donizetti, Domizia – Decebalo da L. Leo, Fiordiligi – Così fan tutte, Pamina – Die Zauberflöte, Susanna – Le nozze di Figaro di W. A. Mozart, Musetta – La Boheme di G. Puccini, Valencienne – Die Lustige Witwe di F. Lehar, Liu – Turandot di G. Puccini, Violetta Valery – La Traviata di G. Verdi, Mimi – La Boheme di G. Puccini, Micaela – Carmen di G. Bizet etc.

Il soprano Irina Iordăchescu si è esibita in ruoli principali e in vari concerti presso i seguenti teatri, sale da concerto e festival internazionali: Teatro alla Scala di Milano, Teatro “Dante Alighieri” di Ravenna, Teatro Municipale di Piacenza, Teatro Massimo “Vincenzo Bellini” di Catania (Italia), Glyndebourne Opera Festival (Inghilterra), Sankt Margarethen Opernfestspiele (Austria), “Isaac Stern” e “Carnegie Hall” di New York (Stati Uniti), Teatro “Perez Galdos” di Las Palmas e Auditorium Concert Hall di Barcellona (Spagna), Opera Nazionale di Bucarest e la Filarmonica “George Enescu” di Bucarest (Romania), Opera di Stato di Sofia, Russe, Plovdiv e Varna (Bulgaria), Bergen Opera (Norvegia), Vaasa City Concert Hall (Finlandia), Thessaloniki Grande Concert Hall (Grecia), “P. I. Ceaikovski” Concert Hall di Mosca e Filarmonica di Gran Concerto Hall di San Pietroburgo (Russia), Philharmonic Concert Hall di Mulhouse (Francia), Salle Flagey –Bruxelles, Teatro Capitole di Gent e SB – Vlaamse Opera Theater di Anversa (Belgio), Teatro dell’Opera di Almaty (Kazakistan). Ha avuto l’opportunità di esibirsi sotto la direzione di alcuni tra i più celebri direttori d’orchestra: Riccardo Muti, Sir Neville Marriner, Roberto Abbado, Paul Nadler, Julian Kovatchef, Marco Boemi, Mihail Tatarnikov, Cyril Diederich, Kirill Karabits, Ivan Anguelov, e di grandi registi come Ermanno Olmi, Cristina Muti, Renzo Giacchieri, Plamen Kartaloff e famosi cantanti lirici come Marcello Giordani e Giuseppe Giaccomini.

Nel 2015 farà il suo debutto nel ruolo di Desdemona in Otello di G. Verdi e eseguirà di nuovo il ruolo di Adina in “L’Elisir d’amore” di G. Donizetti. Tra gli altri impegni, quest’anno eseguirà una parte nel Requiem in Giuseppe Verdi a Coventry Cathedral a Londra, sotto la direzione del M° Paolo Leddington, “Vier letzte Lieder” di R. Strauss con il “RTS Orchestra Sinfonica” a Belgrado, sotto la direzione del M° Bojan Sudjic, e nel gennaio 2015 è stata invitata ad un concerto presso Kioi Concert Hall di Tokyo (Giappone).

Ştefan DONIGA – pianista, nato a Galaţi nel 1979, si è laureato presso l’Università Nazionale di Musica di Bucarest (1997) e si è formato sotto la guida dei maestri Constantin Ionescu–Vovu, Viorica Rădoi, Oxana Corjos e Dan Grigore. Nel periodo più recente Ştefan Doniga ha sostenuto recital e concerti su alcuni dei palcoscenici più prestigiosi a livello internazionale (Romania, Lussemburgo, Ungheria, Repubblica Cecca, Bulgaria, Austria, Slovacchia, Norvegia, Corea del Sud, Francia, Polonia, Italia). Nel 2000 ha rappresentato la Romania al 1° Festival Balcanico dei Giovani Pianisti di Razgrad (Bulgaria) dove ha ricevuto la Medaglia del Festival. Ha partecipato a numerose trasmissioni in diretta realizzate dalla Società Romena di Radiodiffusione ed è stato invitato a realizzare incisioni insieme all’Orchestra da Camera Radio.
Ştefan Doniga è l’unico pianista romeno che ha registrato l’integrale degli mazurca per pianoforte di Alexandr Skriabin, una registrazione trasmessa in diretta varie volte sulla Radiodiffusione dell’Unione Europeea, sul radio tedesco WDR 3 Musical. Nel periodo agosto – ottobre 2008, il giovane pianista romeno ha inciso in anteprima mondiale un disco con i concerti no. 2 e 3 per pianoforte e orchestra di Serghei Bortkiewicz, registrazioni supportate dall’Istituto Olandese per Musica e realizzate insieme all’Orchestra Sinfonica della Filarmonica Janacek di Ostrava, sotto la direzione di David Pocelijn.
Nell’ambito musicale Ştefan Doniga svolge un’ampia attività: concerti e recital; l’organizzazione e coordinazione di corsi di perfezionamento in Austria, Repubblica Cecca e Corea del Sud; la realizzazione di trasmissioni di approfondimento di programmi musicali per radio e televisione, la realizzazione d’illustrazioni musicali per opere teatrali, regia tecnica d’opera, una ricca attività di gestione che include la creazione e il coordinamento artistico della Filarmonica di Giurgiu, la creazione di un’agenzia artistica e il coordinamento di numerosi progetti culturali in Romania e all’estero. Attualmente Ştefan Doniga è cura i rapporti internazionali del Teatro d’Operetta e Musical „Ion Dacian” di Bucarest.
Organizzatori: Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia e l’Opera Nazionale di Bucarest

In partenariato con: Teatro La Fenice di Venezia

Media partner: Venezia News, Un ospite di Venezia, Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Venezia.

Responsabile progetto: MIHAI STAN
Tel. +39.041.5242309
Mail mihai.stan@icr.ro
ISTITUTO ROMENO DI CULTURA E RICERCA UMANISTICA DI VENEZIA

Concerto Clara Cernat - Thierry Huillet in occasione della Festa Nazionale della Romania‏

Accademia di Romania in Roma

In occasione della

Festa Nazionale della Romania

Vi invita al concerto straordinario

Clara Cernat – Thierry Huillet

violino-pianoforte

Venerdì, 28 Novembre, 2014, ore 18.30

Sala Concerti

Piazza José de San Martin no.1, 00197 Roma

In programma :

Henryk Wieniawski: Polonaise Brillante

Camille Saint-Saëns: Danse macabre

George Enescu: Sarabanda per violino solo

Ion Scarlatescu: Bagatelle

Thierry Huillet: Două colinde, Le Petit Prince (frammenti)

Niccolò Paganini: Cantabile

Ciprian Porumbescu: Balada

George Gershwin: Rhapsody in blue

(trascrizione per violino e pianoforte: Thierry Huillet)

La violonista rumena Clara Cernat e il pianista francese Thierry Huillet sono un duo affiatato, ma ciascuno dei due artisti conserva la propria fortissima individualità.

Thierry Huillet, pianista francese è tra l'altro un perfetto conoscitore della lingua e della cultura romena: compositore versatile, riveste il raro ruolo di compositore ed esecutore in frangenti musicali molto diversi, dal cameristico alla concertazione dell'opera e della musica scritta per balleto e per il teatro. Primo premio nel 1997 al Cleveland International Piano Competition (USA), nel 2000 è stato scelto dal Consiglio d'Europa come interprete ufficiale dell'Inno europeo. Parallelamente alla sua carriera di pianista concertista, Thierry Huillet conduce un importante carriera di compositore caratterizzato da un linguaggio personale e moderno, lontano da mode e clichés. Le sue opere (commissionate anche da istituzioni quali Radio France) sono state eseguite nei cinque continenti, sono edite dalle Edizioni Alphonse Leduc di Parigi.

Clara Cernat, rappresentante della brillante scuola violinistica rumena e allieva del Maestro Stefan Gheorghiu, ha ottenuto i più alti riconoscimenti all'Accademia di Musica di Bucarest, si è poi perfezionata con il leggendario Tibor Varga. Le registrazioni di suoi concerti sono state trasmesse da emittenti radiofoniche come la BBC, France Musiques, Deutsche Welle e Radio Romania. Il suo repertorio eclettico, il gusto per le opere belle e rare, le sono valse l'attenzione e l'unanime riconscimento della critica specializzata. Si è esibita spesso come solista, ma il suo più grande amore è la musica da camera.

In coppia con il marito, il pianista e compositore Thierry Huillet, forma un acclamato duo accolto nel corso delle ultime stagioni nelle principali sale da concerto di tutto il mundo: National Center for Performing Arts di Pechino, Opéra di Hanoï, Teatro Liceo e Auditorio di Barcelona, Teatro Coliseo in Buenos-Aires, Théatre de la Monnaie- Bruxelles, Salle Gaveau, Théatre du Chatelet-Parigi. Insieme hanno tenuto numerosi recitals in Giappone, Cina, Stati Uniti, Vietnam, Brasile, Argentina, Libia, Tunisia, Corea e in tutta Europa, si sono esibiti anche in importanti festival.

Vincitori entrambi di prestigiosi concorsi internazionali (Primo Premio al Cleveland International Piano Competition, USA, per Thierry Huillet, Primo Premio Al Concorso Internazionale J. S. Bach per Clara Cernat), sono uniti nella vita e in scena.

România. Memoria storica e attualità, 26 novembre a Milano

Associazione per i Diritti Umani

presenta

D(i)RITTI AL CENTRO

Memoria storica e attualità

presentazione del saggio “LE CATACOMBE DELLA ROMANIA – Testimonianze dalle carceri comuniste 1945 - 1964”

alla presenza di Violeta P. Popescu, Antonio Buozzi, Mirela Tingire, Vlad Scolari

MERCOLEDI' 26 NOVEMBRE

ore 19.00

presso

BISTRO' DEL TEMPO RITROVATO

Via Foppa, 4 (MM Sant'Agostino) Milano

– L’Associazione per i Diritti Umani presenta il nono appuntamento della serie di incontri dal titolo “DiRITTI AL CENTRO”, che affronta, attraverso incontri con autori, registi ed esperti, temi che spaziano dal lavoro, diritti delle donne in Italia e all’estero, minori, carceri, disabilità.

In ogni incontro l’Associazione per i Diritti Umani attraverso la sua vice presidente Alessandra Montesanto, saggista e formatrice, vuole dar voce ad uno o più esperti della tematica trattata e, attraverso uno scambio, anche con il pubblico, vuole dare degli spunti di riflessione sull’attualità e più in generale sui grandi temi dei giorni nostri

L'appuntamento è per mercoledì 26 novembre, alle ore 19.00, presso il Bistrò del tempo ritrovato, Via Foppa, 4 (MM Sant'Agostino) Milano

IL LIBRO:

“...La Romania non ha ancora chiuso tutti i conti con il proprio passato. Il passo successivo nel processo che impone di confrontarsi con il passato comunista e recuperare la memoria è quello di conoscere i responsabili del gulag romeno. Accettare il passato comunista significa anche chiarire i fatti che hanno condotto a un vero e proprio genocidio di massa”.

“Per rendere onore a tutti romeni che hanno sofferto in nome della libertà, della dignità e della fede, durante il regime comunista della Romania”.

Il difficile esercizio della memoria: Micaela Ghiţescu e l’apertura degli archivi della Securitate

PUBBLICATO IL 19 NOVEMBRE 2014
Antonio Buozzi

A Jilava, piccolo centro a sud di Bucarest, si trova quello che è stato il principale carcere di smistamento dei prigionieri politici della Romania comunista. Qui inizia il viaggio verso l’inferno di Micaela Ghiţescu, singolare figura di traduttrice e promotrice culturale, imprigionata dall’apparato repressivo della Securitate per il solo motivo di frequentare una scuola borghese filo-occidentale come il Liceo francese di Bucarest. Grazie a Rediviva, piccola ma volitiva casa editrice italo-romena, oggi possiamo leggere in traduzione italiana il bel libro-testimonianza Tra oblio e memoria (traduzione di Ingrid Coman) presentato nei giorni scorsi a Milano nell’ambito della rassegna BookCity 2014.
Nata nel 1931 a Bucarest da una famiglia medio-borghese (madre insegnante di lettere, padre chirurgo), dopo tre anni durissimi di detenzione prima a Jilava e poi nel carcere femminile di Mislea, viene scarcerata nel 1955 per poi laurearsi in filologia all’Università di Bucarest. Ma non può esercitare la professione per aver dovuto firmare una confessione in cui dichiarava di 'non offrire garanzie per l'insegnamento e che non ne avrebbe mai fatto richiesta”. Per sopravvivere affronta con coraggio vari lavori: operaio specializzato, traduttrice tecnica, documentarista in un istituto di ricerche farmaceutiche, fino a ottenere un incarico da redattore principale alla Biblioteca Centrale Pedagogica di Bucarest. Inizia anche la sua carriera di traduttrice letteraria che la vede pubblicare in oltre 40 anni circa 80 volumi di traduzioni da diverse lingue (portoghese, spagnolo, francese, tedesco e inglese) per le quali ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti.
E’ a lei che si deve, in Romania, l’importante operazione di recupero del passato, fortunosamente non andato del tutto disperso nei vari interventi di “pulizia” della Securitate. Nel 2003 fonda e dirige «Memoria» – la rivista del pensiero arrestato, uno dei principali contributi alla memorialistica carceraria in Romania durante il comunismo. Un capitolo tragico e quasi del tutto sconosciuto in Occidente: dal 1948 alla caduta del regime oltre 3 milioni di romeni vengono incarcerati, 800.000 muoiono a seguito delle terribili condizioni carcerarie o vengono fucilati e uccisi (circa il 15-20% dei prigionieri politici).
Oggi, a 83 anni, Micaela Ghiţescu si autodefinisce “una professionista della sopravvivenza”, tratto comune, a ben vedere, alla maggior parte degli uomini e donne vissuti in una fase storica in cui la dissimulazione e l’ingegneria del presente erano i soli mezzi per arrivare al domani. Tanti sono gli episodi narrati a fil di voce e con un fondo di ironia anche nelle situazioni più drammatiche. Come, ad esempio, quando l’arrestarono mettendole i famigerati occhiali di latta e togliendole quelli da vista. Questo, sarà il suo maggiore cruccio nel terribile anno che precede il processo: non poter vedere in faccia i suoi aguzzini. O la constatazione della propria impotenza negli estenuanti interrogatori che poi deve sottoscrivere, scoprendo ogni volta che quello che aveva detto era stato reinterpretato, in una forma sottile di ars destruendi: 'le cose non erano propriamente non vere, ma loro le travisavano a modo loro e alla fine ne uscivi sempre colpevole.'
Il volume della casa editrice Rediviva è il secondo della collana di memorialistica e segue il saggio Le catacombe della Romania – Testimonianze dalle carceri comuniste 1945-1964, curato da Violeta Popescu, presidente del Centro Culturale Italo-Romeno di Milano, presentato lo scorso maggio al Salone del libro di Torino. Un contributo che allarga l’orizzonte alla situazione carceraria di tutta la Romania nel periodo successivo alla presa del potere del partito filo-comunista di Petru Groza e alla creazione della Repubblica Popolare Romena nel dicembre del 1947. Da quel momento si apre il sipario su una terribile realtà di repressione: luoghi di detenzione come Jilava, Sighet, Râmnicu Sărat, Galaţi, Aiud e Gherla assumono una valenza tragica e sono diventati sinonimo di violenze e sofferenze inaudite.
Il libro, oltre a tracciare un quadro nitido e documentato del periodo, ha anche il merito di raccogliere le testimonianze e i profili di dieci protagonisti della resistenza al potere comunista, anch’essi poco conosciuti in Italia: uomini di cultura, letterati, filosofi, religiosi, come Petre Ţuţea, Valeriu Gafencu, padre Arsenio Papacioc, padre Iustin Parvu, il vescovo protonotario cattolico Vladimir Ghika e, infine, Nicolae Steinhardt, figura straordinaria di ebreo convertito in carcere alla religione ortodossa e autore di uno dei più importanti testi di memorialistica religiosa, Il diario della felicità, testimonianza singolare di come anche le più atroci sofferenze possano sublimarsi in un’ineffabile quanto inaspettata estasi della gioia.

Fonte: Lettera43

"Adversarul meu a fugit, i-a fost frica de bataie!" Ce s-a intamplat la meciul lui Morosanu

22 noiembrie 2014

Final incredibil in FINALA LK! "Adversarul meu a fugit, i-a fost frica de bataie!" Ce s-a intamplat la meciul lui Morosanu

Fratii Stoica si Amansio Paraschiv au obtinut victorii prin KO!

Adversarul lui Morosanu s-a accidentat inainte de meci si nu a mai putut intrat in ring!!! Acesta si-a rupt piciorul cazand de pe scena, dupa prezentarea luptatorilor la inceputul galei!

UPDATE: Spaniolul Jorge Loren este CAMPIONUL Local Kombat 2014, dupa ce il invinge la puncte pe Aristotle QUituissa, in finala de la Monza!

CATALIN MOROSANU NU SE VA MAI BATE, DUPA CE AMERICANUL RON SPARKS S-A ACCIDENTAT!

UPDATE: Victorie si pentru albanezul Imeri in meciul cu marocanul Farhoo. Imeri a castigat dupa 3 reprize si o decizie unanima

UPDATE: E seara romanilor in Italia! Andrei Stoica da si el un KO fabulos! Romanul l-a pulverizat pe Emilio Vallencillo! VIDEO

UPDATE: KO formidabil dat de romanul Amansio Paraschiv in meciul cu italianul Lecca! VIDEO

UPDATE: Victorie pentru italianul Giuseppe De Domenico, dupa o decizie unanima a arbitrilor, in superfight-ul cu surinamezul Errol Konning

UPDATE: VIctorie prin KO tehnic a lui Bogdan Stoica in meciul cu Alexandru Negrea! Stoica a castigat meciul de rezerva, desi Negrea a rezistat incredibil unui croseu devastator. Pana la urma, arbitrul a oprit meciul, Negrea fiind umplut de sange.

UPDATE: A inceput Gala de la Monza. Francezul Aristote Quitusisa il invinge la puncte pe polonezul Kasperski si se califica in finala piramidei.

In cea de-a doua semifinala, spaniolul Jorge Loren il face KO pe britanicul Terrill in repriza a doua!

Sursa: Sport.ro


Citeste si:
Politicianul Cătălin Moroşanu: "Voi lupta în Italia pentru românii mei. Îl voi bate pe american. Am fost foarte prins cu campania electorală"

Mariana Ungureanu, atleta maratoneta di origine rumena trapiantata a Montecelio

A Montecelio sono abituati a vederla correre per i saliscendi del borgo e, fra i tanti che praticano jogging in maniera più o meno continuativa, lei è una presenza costante. Stiamo parlando di Mariana Ungureanu, atleta maratoneta di origine romena che milita tra le fila della "Tivoli Marathon".

Con il sole o con la pioggia, con il caldo o con il freddo, lei la sua ora e mezza di allenamento quotidiano la svolge sempre. Dodici anni fa suo marito Fabio, originario di Montecelio, dopo averla sposata l’ha portata a vivere nel borgo.

Quando non corre insegna inglese e francese in un istituto di Villanova e in una scuola privata di Tivoli, oppure lavora come interprete free-lance.
Noi l’abbiamo incontrata in uno dei suoi allenamenti all’interno del parco dell’ex convento di San Michele, dove si sta preparando per la prossima Maratona di Roma.

Marco Scipioni
Ultima modifica ilVenerdì, 21 Novembre 2014

Fonte: Tiburno

Romani impotriva romanilor‏

Roma, 19 ianuarie 2014

Romani impotriva romanilor

Asistam in aceste zile la schimbarile istorice la nivel politic din Romania. Cativa dintre noi, romani din Italia, am cerut printr-o scrisoare deschisa celor doi Presedinti ai Romaniei, retragerea de la post a Ambasadoarei Romaniei de la Roma pe motiv ca nu a consultat si nu a facut front comun cu asociatiile romanesti din Italia in demersurile pentru marirea numarului de sectii de vot, nu a solicitat sprijinul asociatiilor si al societatii civile din Italia pentru gestionarea sectiilor de votare, nu a implicat asociatiile pentru a participa cu membri in sectiile de votare, nu a stabilit o rezerva de personal pentru membrii sectiilor de votare, nu a dispus amplasarea de grupuri sanitare in jurul sectiilor de votare, nu a facut din timp demersurile necesare catre primaria Romei pentru anularea restrictiilor de trafic pentru cetatenii romani. A chemat fortele de ordine (politia si carabinierii) ca sa inabuseasca si sa intimideze manifestatiile de protest pasnic ale alegatorilor romani.

SCRISOARE CATRE CEI DOI PRESEDINTI AI ROMANIEI: "CEREM DEMITEREA AMBASADOAREI ROMANIEI IN ITALIA, DANA CONSTANTINESCU"

In urma acestor actiuni, Ambasadoarea Romaniei de la Roma, dna Dana Constantinescu trebuie acuzata de urmatoarele: ingradirea dreptului la vot a romanilor din Roma si din alte orase, deteriorarea grava a imaginii Romaniei si a romanilor din Italia, neindeplinirea sarcinilor care ii revin in calitate de Ambasador, daune fizice suportate de romanii batuti de catre politie si alte acuzatii la fel de grave.

Odata cu protestul prin care un grup de asociatii cer retragerea de la post a Ambasadoarei Constantinescu, s-a format un zid de asociatii in jurul acesteia

ROMANII DIN ITALIA SOLIDARI CU AMBASADOAREA ROMANIEI

Intrebari catre organizatiile care sustin nevinovatia Ambasadoarei:

De ce parte sunteti? Sunteti de partea romanilor umiliti sau de partea celor care au umilit romanii din Italia? Reprezentati interesele romanilor din Italia sau a celor care batjocoresc romanii din Italia?

Sprijiniti un reprezentant institutional care in mod normal ar trebui sa raspunda pentru tot ce a facut si ce nu a facut pentru bunul mers al alegerilor prezidentiale pe teritoriul Italiei?

Dragi colegi care sustineti nevinovatia Ambasadoarei, vreau sa reflectam impreuna si despre alte probleme a caror rezolvare depinde si de seful Ambasadei.

Dragi colegi care ati facut zid in jurul Ambasadoarei si sustineti nevinovatia acesteia pentru cele mai sus prezentate, va propun sa organizam doua petitii in paralel prin care comunitatea romanilor din Italia sa hotarasca.

Prima petitie: supunem opiniei publice motivele pentru care trebuie retrasa Ambasadoarea de la post.

A doua petitie: supunem opiniei publice motivele mentinerii Ambasadoarei la post.

Eugen Terteleac, presedinte ARI

ASOCIATIA ROMANILOR DIN ITALIA
Via Fringuello, N° 50 A, Roma
Tel / Fax 06. 263162
C.F.07892031001
E-mail – info@associazionedeiromeni.it

Dosar penal pentru votul din diaspora. Parchetul General a început ancheta după sesizările românilor din străinătate

de Biro ATTILA Publicat la: 20.11.2014

Parchetul General a început o anchetă în privinţa votului din diaspora, după ce mii de români au fost practic împiedicaţi să-şi exprime dreptul la vot la alegerile prezidenţiale. Anunţul a fost făcut în această dimineaţă chiar de procurorul general, Tiberiu Niţu.

Tiberiu Niţu a precizat că cercetările in rem privind modul în care s-a organizat votul pentru românii din străinătate a început imediat după turul I, fiind depuse mai multe sesizări în care sunt indicaţi drept responsabili miniştrii.

“S-a început urmărirea penală faţă de faptă şi s-au cerut relaţii de la alte autorităţi şi ancheta e în desfăşurare. Au fost foarte multe sesizări încă din primul tur, ancheta fiind începută încă din primul tur. Urmărirea penală este începută cu privire la infracţiunea de împiedicarea exercitării dreptului la vot prevăzută de articolul 385 din Codul Penal. Potrivit sesizărilor, sesizările sunt îndreptate împotriva miniştrilor şi în general a celor care au organizat alegerile. Plângerile, cele mai multe sunt venite din partea persoanelor dar şi din partea diferitelor instituţii. Cele mai multe sunt venite pe mail. Nu ştim câte sunt”, a declarat procurorul general, Tiberiu Niţu

La rândul său, şefa Curţii Supreme, Livia Stanciu a susţinut că se putea emite o ordonanţă de urgenţă pentru suplimentarea secţiilor de vot din străinătate.

“Din acest punct de vedere eu cred că este în totdeauna bine de făcut, nu numai în acest caz dar cu atât mai mult pentru că este o chestiune care a interesat toată populaţia. Şi aici vorbesc ca cetăţean. Ca cetăţean cred că pe orice problematică trebuie să se efectueze cercetări pentru a se transmite un răspuns care să satisfacă interesul pe care populaţia l-a manifestat faţă de acest subiect”, a spus ea.

Întreabată dacă legal se putea da o derogare de la lege pentru ca ulterior guvernul să înfiinţeze noi secţii de votare. “Strict pe lege sigur că se putea da ordonanţă de urgenţă.

Peste 360.000 români din diaspora au votat până la ora 23.00 la cel de-al doilea tur al alegerilor prezidenţiale, faţă de peste 161.000 în primul tur, cei mai mulţi votanţi înregistrându-se în Italia, Spania, Republica Moldova, Marea Britanie, Franţa şi Germania, conform datelor BEC. În ciuda numărului record de români care s-au prezentat la vot în străinătate pentru alegerea noului preşedinte al României, au existat, din nou, mii de concetăţeni care nu au putut vota, după cum gândul a transmis pe tot parcursul zilei de duminică. Totodată, amintim că la Paris şi la Torino s-a intervenit cu gaze lacrimogene împotriva românilor care protestau faţă de neprelungirea programului de vot. Mai mult, la Londra, secţia de votare de la Brent Civic şi-a închis porţile cu o oră şi jumătate înainte de finalul programului de vot, organizatorii considerând că doar cei care mai erau înăuntru puteau vota.

Comisia Europeană a declarat luni, la solicitarea ziarului Gândul, că se aşteaptă ca autorităţile române să analizeze toate problemele semnalate de românii din străinătate care nu au putut vota. De asemenea, executivul european condus de Jean-Claude Juncker va urmări cu atenţie procesul de clarificare a situaţiei.

Ministrul de Externe, Teodor Meleşcanu, şi-a anunţat marţi demisia din funcţia de ministru de Externe, în contextul problemelor de la organizarea alegerilor prezidenţiale în străinătate. Meleşcanu a spus că măsurile luate de el în puţinul timp în care a condus MAE au fost cele care au permis o prezenţă record la alegerile din afara ţării şi că de vină pentru problemele înregistrate a fost doar legea rigidă, care trebuie schimbată şi adaptată la realităţile demografice actuale.

Sursa: Gandul.info


Citeşte şi:
Urmărirea penală pentru bătaia de joc din diaspora. Parchetul General a anunţat că sunt şapte dosare penale conexate şi că sunt cercetate trei infracţiuni
Anchetă penală după votul din diaspora. Livia Stanciu: Se putea da o ordonanţă de urgenţă
Victor Ponta a câştigat alegerile din diapora doar în Palestina. Harta voturilor din străinătate
Băsescu: Ambasadorii au informat asupra nevoii de mărire a numărului de secții de votare în diaspora
Alegeri diaspora. Ambasadorul României la Roma a propus mai multe secţii în Italia. MAE a refuzat
Olguţa Vasilescu: Aşteptăm Diaspora acasă, după ce şi-a luat ţara înapoi. Le pun la dispoziţie teren
Mesajul românilor din diaspora: "DEMISIA LUI PONTA. Reconstruirea României depinde de noi toţi. Iohannis a primit girul, dar suntem cu ochii pe el"
Teodor Meleşcanu îşi dă demisia de la MAE după votul din turul al doilea: Sunt un om de onoare şi îmi voi depune azi mandatul din funcţia de ministru de Externe
Meritul diasporei: Prin încăpățânarea de a vota, de a alege un Președinte neamț, românii care muncesc în Occident nu vor mai fi considerați doar niște țigani veniți la cerșit!
Teodor Meleşcanu a demisionat. Ponta: „Meleșcanu a făcut tot ce putea!”

Leggi anche:
Il voto difficile dei romeni all'estero travolge il nuovo ministro degli Esteri, Melescanu si dimette
Romania: presidente a sorpresa
Renzi, la visita prima del voto porta male al socialista romeno Ponta: vince il "tedesco" Iohannis
«Non è colpa di noi rumeni se l'Italia va verso l'abisso»
Il Presidente (di Destra) romeno Johannis: ''Vogliamo governare noi. La Sinistra, il PSD, va ripulita dalla corruzione''
Klaus Iohannis ha vinto le elezioni presidenziali in Romania
La Romania da Ceausescu a Klaus
Romania, perché Victor Ponta ha perso le elezioni
„Saudelli (Pir): "In Romania vince Johannis e la democrazia"“

C’è una lunga fila in via Pradamano: votano i romeni

Oltre duemila per eleggere il presidente della Repubblica. Molte ore d’attesa, tanto che alcuni hanno rinunciato
di Giulia Zanello
17 novembre 2014

La Romania ieri al voto per il ballottaggio delle elezioni presidenziali e anche a Udine si sono formate lunghe file già dalle prime ore del mattino, davanti al seggio allestito nella sede della quarta circoscrizione di via Pradamano.

Per tutta la giornata centinaia di persone hanno atteso il proprio turno per poter esprimere la propria preferenza tra i due candidati alla carica di presidente della Repubblica, il favorito Victor Ponta, già premier socialdemocratico e l’attuale sindaco di centrodestra di Cluj, Klaus Iohannis. Il seggio era aperto ininterrottamente dalle 7 alle 21 e già alle 10 del mattino avevano votato quasi 500 persone. Il dato ufficiale dei votanti “parla” poi, alle ore 13, di 1.060 votanti e alle 16 di 1.730 votanti. Alle 17 la stima era di ben oltre duemila preferenze espresse.

Una fila in generale spedita e composta, che si è allungata nel tardo pomeriggio raggiungendo alcune centinaia di metri. Non sono mancati alcuni episodi di insofferenza, legati alle troppe ore di attesa e a una presenza massiccia di bambini di tutte le età. «È da tre ore che sono in fila, non ho ancora votato», ha raccontato una giovane mamma rumena.

«E se non riusciremo a votare rapidamente ce ne torno a casa, così come hanno fatto tante famiglie con bambini piccoli e tante badanti che avevano solo poche ore libere a disposizione», hanno commentato altri due rumeni. Giovani, anziani e tante famiglie con bambini sono arrivati da tutto il Friuli e dalla provincia pordenonese (alcuni anche dal Veneto) per poter esercitare il loro diritto di voto, visto che in regione, oltre si due seggi di Trieste, si votava solo nel capoluogo friulano.

«Dovevano allestire più seggi e lasciare la sezione di Pordenone come negli anni precedenti» si arrabbia una ragazza, accompagnata da una coppia giunta dalla provincia di Venezia, a maggior ragione dopo le polemiche sorte in altre città italiane dopo il primo turno per le troppe persone che non erano riuscite a votare. «Due settimane fa il tempo di attesa massimo è stato di circa venti minuti: si dovevano organizzare meglio, prevedendo il maggior afflusso che richiama un ballottaggio per le presidenziali», ha aggiunto un giovane accompagnato dalla moglie.

Fonte: Messaggero Veneto

Atp Challenger: campioni di doppio i rumeni Grigoriu/Paval

Finale lunghissima con il 10-5 al terzo set con Jebavy/Siljestrom
ATP CHALLENGER ANDRIAINTERNAZIONALI DI TENNIS

 STEFANO MASSARO
Sabato 22 Novembre 2014

Una finale lunghissima e combattutissima quella conclusasi da poco, nel torneo di doppio dell'ATP Challenger di tennis in corso di svolgimento ad Andria, quella tra la coppia rumena formata da Patrick Grigoriu e Costin Paval e quella formata dal ceco Roman Jebavy e dallo svedese Andreas Siljestrom. A spuntarla con il parziale di 10-5, nel set decisivo, sono stati proprio i rumeni Grigoriu/Paval dopo i due set conclusisi 76 e 67. A nulla è servita la bella reazione della coppia Jebavy/Siljestrom che dopo aver perso il primo parziale ha conquistato tutti i servizi superando al tie-break la coppia rumena e riaprendo definitivamente il match.

La coppia vincitrice gioca assieme solo dal mese di giugno ed è stata una delle wild card assegnate nel torneo di doppio dall'organizzazione. Lo stesso direttore del torneo, Enzo Ormas, ha confessato di aver ricevuto dai due ragazzi una mail nella quale, nonostante i pochi risultati ottenuti, gli si chiedeva la partecipazione al torneo con una wild card. Dall'ok dell'organizzazione è stata una lunga cavalcata sino al successo finale, il primo in un challenger: «Una bella emozione - ha detto Patrick Grigoriu al termine del match - è la prima volta in un torneo importante come questo, è stata un'opportunità fortunata e ringraziamo ovviamente l'organizzazione per averci concesso questa wild card. Giorno dopo giorno abbiamo avuto sempre sensazioni migliori sino al successo finale».

La coppia rumena, prima di questo successo, aveva un ranking ATP in doppio che si aggira attorno alla 300esima posizione. Ma buoni erano già stati i risultati in Finlandia, Francia e Romania. «Abbiamo già giocato altri tornei insieme e stiamo costruendo una squadra - ha detto Costin Paval - cominciamo a conoscerci sempre meglio e questo fa si che pensando sempre in positivo otteniamo risultati sempre migliori. Questa settimana ne è un esempio. Poi qui abbiamo trovato un'atmosfera strepitosa, un posto bellissimo e un'ottima organizzazione. Tutto perfetto». Il primo challenger vinto, contro una coppia decisamente più esperta come Roman Jebavy e Andreas Siljestrom rispettivamente 151 e 96 del ranking dell'ATP in doppio, potrà essere un importante trampolino di lancio per il futuro: «Parteciperemo a tornei sempre più importanti - ha detto Patrick Grigoriu - e speriamo di ottenere risultati che ci consentiranno di avere una carriera ricca di successi».

Fonte: AndriaViva

domenica 23 novembre 2014

"Il memoriale della Rivoluzione - Timişoara, dicembre 1989" e Presentazione il volume bilingue di poesie "La polvere sotto il piede tuo" / "Pulberea de sub piciorul tau" di Nina Ceranu‏

ACCADEMIA DI ROMANIA IN ROMA

invita alla

Mostra documentaria: “Il memoriale della Rivoluzione – Timişoara, dicembre 1989”

Interverranno: Prof.ssa Viorica Balteanu e Dott. Traian Orban

e

Presentazione il volume bilingue di poesie

”La polvere sotto il piede tuo” / „Pulberea de sub piciorul tau”

di Nina Ceranu

Lunedì, 24 novembre 2014, ore 17.00

Accademia di Romania in Roma

Sala Conferenze

(Piazza José de San Martin, 1 – 00197)

In occasione alla vernice della mostra saranno presentati due film documentari: uno dedicato alla Rivoluzione del 1989 a Timişoara intitolato “Noi nu murim!/Noi non moriamo!” – un impressionante documentario in bianco e nero realizzato da autori professionisti e amatori, rispettivamente, “Timişoara – ieri e oggi” – un documentario a colori, realizzato dal regista televisivo Victor Popa.
--------------------------------------------
COMUNICATO STAMPA

L’inaugurazione della mostra documentaria
“Il memoriale della Rivoluzione – Timişoara, dicembre 1989”
e
presentazione il volume bilingue di poesie
”La polvere sotto il piede tuo” / „Pulberea de sub piciorul tau”
di Nina Ceranu

Lunedì, 24 novembre a.c., ore 17.00, presso la Sala conferenze l’Accademia di Romania in Roma avrà luogo l’inaugurazione della mostra documentaria dedicata al “Memoriale della Rivoluzione – Timişoara, dicembre 1989”. L’evento è organizzato dal Museo “Il Memoriale della Rivoluzione Timişoara, dicembre 1989” in collaborazione con l’Accademia di Romania in Roma.

All’inaugurazione interverranno la prof.ssa Viorica Bălteanu, docente di lingua, letteratura e civiltà italiana all’Università “Politehnica” Timişoara e Traian Orban, presidente dell’Associazione „Il Memoriale della Rivoluzione – Timişoara, dicembre 1989”.

La mostra propone la riscoperta delle realtà storiche relative agli eventi di Timişoara dei giorni 15-22 dicembre 1989, che hanno portato alla caduta del regime comunista in Romania: „Noi diciamo delle verità - molte amare, però comprovate scientificamente mediante la fatica di storici onesti - su eventi tragici accaduti in Romania, episodi dai quali ci separa un quarto di secolo. E' molto? E' poco?” dichiara la prof.ssa Viorica Bălteanu, co-organizzatrice della mostra.

I pannelli includono gli eventi internazionali del 1989 che hanno determinato cambiamenti politici radicali nel Centro ed Est Europa, e rispettivamente a Timişoara, del dicembre 1989, accompagnati da fotografie in bianco e nero di tali eventi.

In occasione alla vernice della mostra saranno presentati due film documentari: uno dedicato alla Rivoluzione del 1989 a Timişoara intitolato “Noi nu murim!/Noi non moriamo!” – un impressionante documentario in bianco e nero realizzato da autori professionisti e amatori, rispettivamente, “Timişoara – ieri e oggi” – un documentario a colori, realizzato dal regista televisivo Victor Popa.

Presso la stessa sera presentazione il volume bilingue di poesie „Pulberea de sub piciorul tau”/”La polvere sotto il piede tuo” di Nina Ceranu, traduzione e prefazione di Viorica Balteanu.

La mostra resterà aperta al pubblico fino al 27 novembre presso la Sala Conferenze l’Accademia di Romania in Roma. L’entrata è libera.

Ufficio stampa,
Accademia di Romania
Roma, novembre, 2014

lunedì 17 novembre 2014

Procult Film Festival V edizione

COMUNICATO STAMPA

PROCULT FILM FESTIVAL
V edizione
Roma, Casa del Cinema
20 – 23 novembre 2014

Torna dal 20 al 23 novembre presso la Casa del Cinema di Roma, a ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti - il ProCult Film Festival/Festival del Cinema Romeno, giunto alla quinta edizione, diretto da Teodora Madasa, Ina Sava e Adrian Grigor.

Quattordici nuovi titoli in programma, tra lungometraggi, documentari e cortometraggi e un nutrito numero di ospiti per l’unica rassegna cinematografica in Italia dedicata al cinema romeno, organizzata dall’Associazione Culturale ProEvent con l’Ambasciata di Romania in Italia, l’Accademia di Romania a Roma e Noesis Media e con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura Creatività e Promozione Artistica di Roma Capitale e del Consiglio Regionale del Lazio. Il festival è realizzato con il contributo del Ministero degli Esteri Rumeno – Dipartimento per i Romeni all’Estero e alcuni sponsor privati, tra cui LycaMobile, Banca Transilvania, Romania.

La giuria è composta dal regista Sorin Militaru - regista. Ha vinto premi importanti come. “ Il Premio Speciale della Giuria” al Festival Nazionale dei Teatri in Europa con il spettacolo “Alcesta”, Premio per il miglior regista con “La bisbetica domata” di W.Shakespeare al Festival Nazionale del Teatro in Ungheria. In Serbia ha vinto il “Premio per il miglior spettacolo” al Festival Nazionale si Drammaturgia ad Novi Sad –Serbia con il spettacolo “La donna con le scarpe”. Dall’attrice Maria Dinulescu (Premio come miglior attrice al Buenos Aires Film Festival con il film Pescuit Sportiva di Adrian Sitaru). Da Elena Postelnicu, lavora di 18 anni come giornalista a radio nazionale di Bucarest e di 7 anni come corrispondente nell'Italia. In più collabora con tv nazionale, TVR. Da tre anni fa parte dalla giuria del Globo d'oro, un premio cinematografico italiano assegnato con cadenza annuale dai giornalisti della stampa estera accreditata in Italia. Da Paolo Fallai, giornalista del Corriere della Sera, conduttore televisivo e scrittore.

Francesco Pamphili - produttore. Membro Effettivo E.F.A. European Film Academy - Programma MEDIA dell’Unione Europea

Membro della Giuria Ente David di Donatello. Ha fatto parte della Commissione Anica per l’Academy Awards Premio Oscar, è stato Consigliere d’Amministrazione ANICA SERVIZI, Consigliere Direttivo U.C.I.D. Regionale e Membro Commissione di Revisione Cinematografica - Dipartimento dello Spettacolo - Ministero dei Beni Culturali e Ambientali.

Ha prodotto documentari e film lungometraggi, in Italia e all'estero. Nel 1995 ha prodotto il film di Marta Mezaros LA SETTIMA STANZA, interpretato da Maia Morgenstern e basato sulla vita di Edith Stein (Festival di Venezia 1996, Premio Ocic). Nel 2005 ha prodotto il lungometraggio di Giancarlo Scarchilli SCRIVILO SUI MURI con Cristiana Capotondi. Nel 2006 ha realizzato il film di Marina Spada COME L’OMBRA (Festival di Venezia 2006 sezione Giornate degli Autori, Premio Astor d’Argento per la miglior regia - Festival di Mar del Plata 2007). Ha coprodotto inoltre con Gaumont lungometraggi internazionali come L’IMPERO DEI LUPI (2006) di Chris Nahon e UNA TOP MODEL NEL MIO LETTO (2007) di Francis Veber. Nel 2008 ha prodotto l’opera di esordio di Federico Bondi, MAR NERO, unico film italiano in concorso al Festival di Locarno 2008 (Premio della Giuria Ecumenica e Premio della Giuria Giovani), che è valso alla protagonista Ilaria Occhini il Pardo per la migliore interpretazione femminile ed è stato candidato ai Nastri d’Argento come Migliore Opera Prima.

Il festival prende il via giovedì 20 novembre alle ore 19.30, alla presenza dell’ambasciatrice Dana Constantinescu e della giuria, con il film di apertura, La limita de jos a cerului (The Unsaved), di Igor Cobileanski, interpretato da Igor Babiac. Il film, vincitore di numerosi premi nei festival di tutto il mondo, è stato scelto dalla Moldavia per concorrere ai prossimi Premi Oscar 2015 e racconta la storia del diciannovenne Viorel, che vive con la madre in una sperduta città moldava. Senza grandi ambizioni o speranze, guadagna un po' di soldi spacciando droga. Sua madre lo sollecita a cominciare una nuova vita, anche per salvare la donna che ama…

Altro film che partecipa al Concorso Lungometraggi “Metamorfoze”, è Closer to the moon, interpretato da un cast internazionale, da Vera Farmiga (The Departed, Tra le nuvole, Source Code) a Mark Strong (Oliver Twist, RocknRolla, Babylon A.D., Kick-Ass) e diretto da Nae Caranfil, uno dei registi-simbolo del cinema romeno dagli anni Novanta, già regista di Asphalt Tango, Dolce far niente e Filantropica. Ambientato a Bucarest nel 1959, in piena Romania comunista del dopoguerra, racconta di una spettacolare rapina in banca che manda il Paese in subbuglio. Le autorità arrestano subito i colpevoli, quattro uomini e una donna, processati e condannati a morte. Nell'attesa di essere giustiziati, i cinque sono costretti a re-interpretare gli stessi eventi in un film di propaganda.

La commedia è quindi padrona in Love building, opera prima di Iuglia Rugina, interpretata da Dragoş Bucur, Alexandru Papadopol e Dorian Boguta, la storia di tredici coppie riunite in un resort per sistemare le proprie vite sentimentali in sette giorni, grazie all'aiuto di tre terapeuti, anch’essi con i propri problemi. Infine, il lungometraggio Revederea, di Bogdan Alexe, con Maia Morgenstern, Tudorel Filimon e Wilmark Hernandez, ambientato in una scuola d’arte, dove si studia teatro, musica e danza e dove arriva un direttore di casting per selezionare giovani per una grande produzione cinematografica. Per diventare una star, i giovani sono disposti a tutto, anche rovinare le proprie amicizie.

Il concorso documentari “Transparente” presenta quattro titoli: Experimentul Bucaresti , del regista e giornalista inglese, ma residente in Romania,Tom Wilson, vincitore del Premio Gogo come Miglior Documentario 2014. Quindi, Vama Veche Veche, di Tudor Chirila (Prima assoluta),. Dopo il 1990, quello spazio di tranquillità e pace di Vama Veche, subisce delle modifiche devastanti. Il film mostra nel dettaglio di un giorno della vita del villaggio, che di anno in anno, diventa sempre più conosciuto in Romania. In tante interviste agli turisti, si cerca di rispondere a qualche spinosa questione .E utile questa trasformazione, da un villaggio tranquillo con poca gente a un mega villaggio, era meglio prima, durante il così detto “periodo d’oro” o adesso che e diventato un villaggio commerciale..., Dupa fel si chip (As you like it), di Paula Onet, presentato al Festival di Karlovy Vary, che racconta, attraverso testimonianze di svariate persone, la scelta della foto per la propria futura tomba, interrogandosi su come vogliamo essere ricordati. Per finire con il documentario La nostra fede è la nostra vita - Romania gli anni dei terrori di Umberto Rondi, dedicato ai martiri romeni, attraverso il racconto di testimoni, sopravvissuti, esperti e in generale alle persecuzioni contro i cristiani e in particolare contro la Chiesa cattolica in particolare durante i più feroci anni del regime comunista imposto da Stalin. Una tragedia dimenticata e d molti sconosciuta di tante figure, ''Militi ignoti della fede'', che per un'eroica fedeltà al vangelo hanno testimoniato la propria fede e fedeltà alla Chiesa contro la tirannia della dittatura fino a dare la propria vita. Il ciclo di documentari,firmato da Pupi Avati consiste in un viaggio nei paesi dell'Europa orientale che sono stati scenario delle persecuzioni, per portare alla luce le storie di uomini che hanno fatto la Storia «I militi ignoti della grande causa di Dio», come definì Giovanni Paolo II

Il concorso cortometraggi “Cinemagia” vede la partecipazione di film presentati e premiati nei festival di tutto il mondo, quali Treizec (Trenta), di Victor Dragomir, Ela, panda si madame, di Andrei Rautu, O lume noua (Un nuovo mondo), di Luiza Parvu, storia ispirata a eventi reali della prima generazione di emigranti romeni verso gli Stati Uniti nel 1907, Claudiu si crapii (Claudio e i pesci), di Andrei Tanase, in cui un pesce dell’acquario di un supermercato inizia a tossire. Ma anche Sa mori de dragoste ranita, di Iulia Rugina, ispirata all’omonima canzone di Angela Similea e Retur, di Emanuel Parvu, ambientato in un paesino nel Danubio in cui le persone sono ancora guidate da credenze arcaiche.

INGRESSO GRATUITO FINO AD ESAURIMENTO POSTI

Info
Associazione culturale ProEvent
Teodora Madasa 3888933428
Ina Sava 3274094662
info@procult.eu
www.procult.eu

Ufficio Stampa
REGGI&SPIZZICHINO Communication
Tel +39 06 97615933
Maya Reggi +39 347 6879999
Raffaella Spizzichino +39 338 8800199
Carlo Dutto +39 348 0646089
info@reggiespizzichino.com
www.reggiespizzichino.com

Ufficio stampa,
Accademia di Romania
Roma, novembre, 2014