La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

sabato 21 febbraio 2015

Dal sogno all’incubo: lunedì 23 febbraio a Palazzo Trentini


19/02/2015
Un incontro e uno spettacolo per raccontare l’altro lato della migrazione

Lunedì 23 febbraio ore 17.30 nella Sala Aurora di Palazzo Trentini in Via Manci 27 a Trento, il Forum trentino per la pace e i diritti umani propone un confronto con la città per riflettere e dialogare sulle difficoltà di essere migranti nelle nostre città.
L’incontro è organizzato con la compagnia ariaTeatro che mercoledì 25 febbraio al teatro San Marco di Trento proporrà lo spettacolo Kebab scritto dalla romena Gianina Carbunariu.
Parlare di migrazione non è mai facile: una sola parola contiene migliaia di storie, spesso difficili e sempre diverse, segnate da addii, partenze, disagi, separazioni, sogni a volte disattesi.
Secondo l’ultimo rapporto «L’immigrazione in Trentino» presentato da Cinformi il 12 febbraio scorso, gli immigrati in Provincia di Trento sono 50.833 (il 10% della popolazione totale) e la comunità più rappresentata è quella romena che da sola costituisce il 20% del totale (circa 10.000 persone).

Si sente spesso parlare di questi cittadini non italiani, ma per lo più in concomitanza di eventi tragici che interessano i confini nazionali o europei; in momenti particolarmente critici, come l’accoglienza di rifugiati o esuli provenienti da Paesi in guerra; o dopo atti di criminalità.
Elementi che rischiano di trascurare le loro storie quotidiane segnate da dolore, fatica, coraggio, disillusione che, più o meno, ogni migrante porta con sé.
L’incontro vuole proporre questo punto di vista soffermandosi in particolare sulla migrazione delle donne che possono diventare vittime una seconda volta, e proprio per mano di chi dovrebbe proteggerle o sostenerle, di un viaggio che già di per sé è carico di speranze e aspettative ma anche di disincanti e disillusioni.
L’idea prende spunto dallo spettacolo Kebab della romena Gianina Carbunariu messo in scena mercoledì 25 febbraio al teatro San Marco di Trento dalla compagnia ariaTeatro.

Il testo, pluripremiato, narra una storia semplice e terribile insieme: tre giovani decidono di lasciare il loro paese, la Romania, per seguire i loro sogni nella ricca Irlanda.
Madalina vuole diventare una pop-star, Voicu guadagnare più soldi, Bogdan lavorare nel campo delle arti visive. Ma le loro speranze e la loro voglia di riscatto s’infrangono presto, nella realtà meno facile delle loro aspettative.
Tradotto in sette lingue e già rappresentato a Berlino, Monaco, Parigi e Londra, Kebab è arrivato per la prima volta in Italia lo scorso anno a Pergine, per la regia di Riccardo Bellandi.

All’incontro di lunedì 23 febbraio interverranno:
- Violetta Plotegher, Consigliera provinciale, Assessora regionale e Vicepresidente del Forum trentino per la pace e i diritti umani
- Rose Marie Callà, responsabile area tratta, presso Cinformi Centro informativo per l'immigrazione della Provincia di Trento
- Chiara Benedetti, attrice della Compagnia ariaTeatro, protagonista di Kebab
- Dan Ion, Presidente di ARTA-A Associazione Romeni del Trentino Alto Adige
- Introduce e modera Arianna Bazzanella, Forum trentino per la pace e i diritti umani

L’incontro con la cittadinanza avrà luogo lunedì 23 febbraio ore 17.30 presso la Sala Aurora di Palazzo Trentini in Via Manci 27 a Trento.
Lo spettacolo Kebab sarà in scena mercoledì 25 febbraio ore 21.00 al Teatro San Marco in Via San Bernardino a Trento.
Sarà replicato al Teatro di Pergine sabato 28 febbraio ore 20.45.

Fonte: L'Adigetto

Nessun commento:

Posta un commento