La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

sabato 11 aprile 2015

Inaugurato con la prima messa il luogo di culto per gli ortodossi

Padre Voicu con il sindaco Di Cara
I locali concessi dal Comune
di Giuseppe Puglisi - mercoledì 8 aprile 2015

FORZA D’AGRÒ

È stata celebrata la prima messa ortodossa romena all’interno dell’ex Convento Agostiniano.
A celebrarla il prete Petru Bogdan Voicu. Tutto è stato organizzato in maniera impeccabile, grazie soprattutto alla numerosa comunità romena di Forza d’Agrò, che, con a capo la consigliera comunale Gaby Ciobanasu, ha addobbato la “chiesa” secondo i canoni della ortodossia romena (la chiesa ortodossa romena è la seconda per numero di fedeli dopo quella russa).

Alla cerimonia hanno assistito anche molti romeni provenienti dai paesi limitrofi.

Al termine del rito, a cui era presente il sindaco Fabio Di Cara che ha accolto i sacerdoti, c’è stato un buffet con dolci tipici romeni del periodo di quaresima.

L’idea di un luogo dove la comunità romena potesse esercitare il proprio culto era nata in seguito alla festa rumena che si è tenuta nel mese di dicembre a Forza d’Agrò ed alla quale avevano preso parte anche molti romeni provenienti dai paesi vicini.

In quell’occasione il sindaco Fabio Di Cara, su proposta della consigliera comunale Gaby Ciobanasu che si era fatta portavoce del desiderio dei suoi connazionali, aveva dato la disponibilità ai consoli Liliana e Joan Iacob di un locale all’interno della struttura agostiniana da destinare ai credenti della comunità ortodossa romena della riviera jonica.

Il sindaco, d’accordo con la giunta comunale, ha assegnato la sala “San Nicola” del convento agostiniano che è stata trasformata in “luogo di culto” per la comunità.

Un’iniziativa quella del sindaco Di Cara lodevole ed opportuna nei confronti dei “cugini” ortodossi, che pur essendo molto numerosi sul territorio (tra romeni, russi, ucraini, serbi, greci) non hanno luoghi di culto dove potersi riunire. Prima di questa iniziativa di Forza d’Agrò, solo a Mandanici (nel bellissimo convento di Maria Santissima Annunziata) si era riusciti a dare un luogo di culto agli ortodossi, che poi, inspiegabilmente, tre anni fa, l’hanno abbandonato.

Fonte: Gazzetta Jonica

Nessun commento:

Posta un commento