La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

lunedì 11 maggio 2015

Mostra d'Arte "Dal Cielo al Centro della Terra" di Anca Gavris, domenica 17 maggio ore 19

Domenica, 17 Maggio 2015, ore 19.00,

presso l’Accademia di Romania,
Sala Esposizioni,
Viale delle Belle Arti, 110,

all’inaugurazione della mostra d’arte dell’artista

Anca GAVRIS

“Dal Cielo al Centro della Terra”

A cura di Burt SUN

Le opere dell’ artista romena Anca Gavris si contraddistinguono per una sensibilità unica, naturalmente intrisa di influenze musicali - liriche e talvolta narrativo-melodiche.

La mostra di Anca Gavris si compone di tre momenti principali. Il primo è una mostra di 83 disegni su fotografie, che sono stati ispirati dalle formazioni di uccelli che volano nel cielo visualizzando differenti costellazioni celesti.

"Questi disegni sono come fogli musicali. Ogni disegno è presentato sospeso su stringhe come note sul rigo musicale quasi a formare una opus visiva. L'istallazione si caratterizza sia per la composizione melodica sia per la libertà del caos", dice l'artista, che è un’affermata violinista e dal 2001 lavora tra i primi violini dell’ Orchestra Sinfonica di Stato di San Paolo (OSESP) in Brasile.

La seconda parte della mostra presenta una serie di dipinti di porte di grandi dimensioni. "Voglio creare un percorso verso l'ignoto nel passato; in questa serie di nuovi dipinti, ho sottilmente creato ognuna di queste porte che segnano gli ingressi a diverse vie per le quali è possibile passare nel corso della vita stessa", dice Gavris sui dipinti, nei quali fotografia, tecniche miste e collage sono inserite.

La parte finale della mostra è costituita da alcune sezioni scultoree di oggetti in parte scolpiti, in parte naturali e anche personali dell’artista. Vetri dipinti fluttuano sospesi su bozzetti di sculture del padre di Anca Gavris, relazionandosi insieme come in un dialogo. "Essi simboleggiano il ritorno dell'artista ai propri ricordi - la sua infanzia, la sua formazione e il suo viaggiare per il mondo", dice il curatore della mostra, l'artista multimediale americano Burt Sun.

Dopo la chiusura della mostra a Roma il 31 maggio, le opere saranno presentate in Brasile in occasione di una esposizione collettiva di grandi dimensioni dal titolo "Origine e Tempo" presso il Museo Brasiliano di Scultura (MUBE) a settembre 2015.

L'artista Anca Gavris, nata in Romania, è violinista e artista visiva. La sua carriera musicale è iniziata a 10 anni, con concerti solistici a Cluj-Napoca in Romania ai quali è seguita negli ultimi 30 anni un’intensa attività di performance musicali in tutta Europa, Stati Uniti e Sud America.

Gavris è anche mentore musicale, insegna musica a bambini di condizioni economiche disagiate e partecipa a vari progetti sociali presso scuole pubbliche negli Stati Uniti, Brasile e Panama.

Come artista visivo, Anca Gavris lavora con una grande varietà di mezzi di comunicazione: pittura, scultura e fotografia. Le sue opere sono state presentate alla Biennale di Spoleto (Italia), alla Dada Gallery (Stati Uniti d'America) e in occasione delle mostre “Click Now” e “Collective” a Parigi in Francia.

Nel 2011 Anca Gavris ha realizzato una mostra personale a cura di Jacob Klintowicz in Brasile, mostra dal titolo “Art in Nature and the Nature of Art”, esibendo dipinti e fotografie presso il prestigioso istituto culturale CITI a San Paolo.

Il successo della mostra ha fatto di lei una stella nascente della comunità artistica. Ha ricevuto due volte l’onorifico Diploma di Merito Culturale della Latin American Art Academy. Il suo lavoro è stato esposto in occasione della Giornata internazionale della Donna a San Paolo e presso l’ Esposizione Nazionale di Arti Plastiche a Rio de Janeiro.

Il suo lavoro e la sua storia di vita sono state evocate in “Erie Wire”, un cortometraggio realizzato dal regista e giornalista americano Joshua B. Pribanic.

Burt Sun, curatore della mostra, ha iniziato la sua carriera come artista multimediale nel campo della fotografia, del cinema e dei media design. Sun ha realizzato la produzione di molti progetti multimediali per i set di rinomati teatri internazionali.

Negli ultimi 15 anni ha lavorato anche come produttore creativo e consulente per istituzioni e organizzazioni artistiche americane, riunendo artisti internazionali per creare progetti unici.

Burt Sun ha pubblicato più di 12 libri del proprio lavoro e per le istituzioni culturali con le quali ha lavorato. Le sue fotografie sono state esposte negli Stati Uniti, in Europa, America Centrale e Brasile.

Nel 2009, l'Istituto d'Arte Urbana di MASSART commissionò a Burt Sun la creazione di un nuovo libro in Brasile. Sun viaggiò a Salvador da Bahia, dove incontrò l'artista brasiliano Bel Borba. Il libro Arte Urbana si è poi stato trasformato in un documentario completo intitolato “Bel Borba, Aqui”, che Burt Sun ha prodotto e co-diretto con il suo collaboratore, il fotografo Andre Costantini.

Nel 2011 Burt Sun collaborò alla realizzazione della mostra di Bel Borba a New York.

Mr. Sun è curatore della mostra dell'artista Bel Borba “Aqui, em 7 elementos” presso il Museo Rodin, Bahia, inaugurato nel 2012.

La mostra resterà aperta tra 17 maggio – 31 maggio 2015.

Accademia di Romania in Roma

Nessun commento:

Posta un commento