La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

domenica 10 maggio 2015

Regionali, Forza Italia in Veneto candida l’imprenditrice romena

lunedì 4 maggio

Per le elezioni in Veneto, Forza Italia ha candidato al Consiglio una cittadina di origine romena. Si tratta di Sanda Radulescu, imprenditrice «ed esponente di quel mondo di nuovi italiani – rileva una nota di Forza Italia – che lavorano e rispettano le leggi italiane, a cui Forza Italia guarda con interesse quale promotori di una reale integrazione sociale ed anche politica».

Forza Italia: esempio di integrazione virtuosa

Sanda Radulescu è impegnata in politica nelle file del Partito identità romena (Pir), membro della Segreteria nazionale ed è conosciuta a Verona come persona inserita nel tessuto sociale della zona e nella locale comunità romena di cui è membro di rilievo. La candidatura da parte di Forza Italia di una cittadina di origine romena in Veneto nelle file di Forza Italia rientra nel cammino di collaborazione del patto politico siglato il 7 aprile 2014 tra il Pir e Forza Italia «e costituisce un elemento di fiducia e soddisfazione per tutti coloro che credono che la comunità romena meriti attenzione sociale e politica dalle autorità e dai partiti italiani e dimostra che Forza Italia intende rivolgere la propria proposta politica a tutti quei nuovi italiani che vivono e lavorano legalmente», si legge in una nota di Fi. «La partecipazione dei cittadini romeni al voto in Italia è un ottimo segnale di vera integrazione europea», sottolineò Forza Italia in occasione dell’accordo che è stato già sperimentato alle elezioni europee e che è stato rinnovato per le imminenti amministrative.

Fonte: Secolo d'Italia

Nessun commento:

Posta un commento