La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

martedì 17 novembre 2015

Presentazione del volume di poesie 3D di Gheorghe Vidican

Comunicato stampa
ACCADEMIA DI ROMANIA IN ROMA

Mercoledì, 18 novembre, 2015, ore 18.30 nella Biblioteca dell’Accademia di Romania in Roma, avrà luogo la presentazione del volume bilingue di poesie 3 D, poesie 2003 – 2013/ poezie 2003 – 2013, del poeta Gheorghe VIDICAN, CFR Edizioni, 2015.

Le traduzioni sono firmate da Tatiana Ciobanu e Elena Todiraş, la versione poetica è di Annamaria Ferramosca, la supervisione di Gabriella Molcsan.

Nell'ambito dell'evento sarà presentato PUNTO - l’Almanacco della poesia italiana 5 – 2015, puntoacapo Editrice.

Interverrano: Annamaria Ferramosca – poeta, Manuel Cohen – critico letterario e poeta, Tatiana Ciobanu e Elena Todiraş – traduttrici, Gheorghe Vidican – poeta.

”3D”(CFR Edizioni, 2015) è un’antologia d’autore romeno-italiana, 2003-2013 - considerata fondamentale dallo stesso autore per la sua poetica. Già il titolo, 3D, evidenzia la multi dimensione del pensiero e della vita ritmata non solo nelle sue tappe temporali da passato – presente – futuro, ma anche nelle dimensioni del desiderio, del sogno, dell’impatto con la realtà. Il tema ricorrente è quello del contrasto tra la guerra, reale e metaforica, evocata nelle ripetute scene delle trincee e del volo delle farfalle, simbolo dell’incontenibile bisogno di liberazione da qualsiasi costrizione o censura, che trapassa qualsiasi tempo o qualsiasi esistenza.

Gheorghe Vidican è poeta della generazione romena degli anni Ottanta, di grande personalità e con una sua autonoma fisionomia, egli stesso considerandosi distante da qualsiasi influenza di corrente o gruppo. La sua scrittura segue un consolidato progetto personale di nuovo simbolismo, in cui è evidente l’intenzione di mescolare echi del passato e incursioni nella realtà, trace di memoria e di sogni utopici, e questo intento è perseguito all’interno di una cura serrata per il linguaggio. Il suo lessico vive un’estenuazione quasi barocca dell’uso di metafore, nell’ansiosa ricerca di una forma non ossequiosa a nessun obbligo-ordine.

Roma, novembre, 2015

Ufficio stampa ,
Accademia di Romania

Nessun commento:

Posta un commento