La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

giovedì 3 dicembre 2015

Il doodle del giorno: è festa nazionale in Romania


Il primo di dicembre è il giorno in cui la Romania celebra la sua festa nazionale. Una ricorrenza a cui Google ha voluto dedicare il doodle del giorno con un’immagine che rimanda ai colori della bandiera romena. L’1 dicembre del 1918 si ultimò la formazione dello stato nazionale moderno, con l’annessione delle regioni della Bessarabia, della Bucovina e della leggendaria Transilvania. Un processo che portò alla nascita di un territorio indipendente, unito e libero.

 Ma la storia della Romania non è immune da dissidi e conflittualità. Evitando di tediare i lettori con il resoconto (più o meno grossolano) dei tanti eventi che ne hanno segnato l’evoluzione, ci limiteremo qui a ricordare gli anni della dittatura di Nicolae Ceasescu, l’autoproclamatosi presidente della Romania che si oppose strenuamente a ogni forma di riformismo di stampo liberista per proseguire lungo la strada tracciata da Stalin. Per oltre un decennio, Ceauscescu ha dominato incontrastato la scena politica romena, esercitando un controllo assoluto sui media e soffocando ogni forma di opposizione. Fino al 1989, anno in cui una rivolta popolare portò alla deposizione (e all’uccisione) del dittatore. Per questo, dal 1990, la festa nazionale ha assunto un significato ancora più forte: in questa giornata, infatti, i romeni non rendono solo omaggio all’unità del loro Paese, ma ricordano (e festeggiano) anche la fine del recente regime. Quella di oggi è una giornata importante anche per i tanti romeni stabilitisi in Italia (la loro comunità è la più numerosa di tutte) che parteciperanno a una serie di eventi – scanditi da balli e canti tradizionali – che li faranno tornare idealmente a casa. Almeno per un po’.

Fonte:New Notizie

Nessun commento:

Posta un commento