La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

martedì 26 maggio 2015

Cannes 2015: Mădălina Ghenea, în ie, alături de Jane Fonda, la premiera filmului "La giovinezza"

 Mădălina Ghenea a purtat o ie, miercuri, la Festivalul Internaţional de Film de la Cannes, cu ocazia premierei lungmetrajului "La giovinezza/ Youth", de Paolo Sorrentino, unde tânăra actriţa română a pozat alături de actorii Jane Fonda, Harvey Keitel, Michael Caine şi Rachel Weisz.

Fotomodelul şi actriţa Mădălina Ghenea a participat, miercuri, la premiera celui mai recent film al lui Paolo Sorrentino, "Youth", din a cărui distribuţie face parte, potrivit paginii de Facebook a evenimentului.

Pe de altă parte, publicaţia The Hollywood Reporter scria, marţi, că Mădălina Ghenea a atras atenţia la Festivalul Internaţional de Film de la Cannes cu posteriorul său, care apare pe afişul lungmetrajului aflat în competiţia oficială a evenimentului cinematografic.

Ghenea a declarat pentru prestigioasa publicaţie că are pe agenda ei alte trei proiecte - două roluri principale şi unul secundar. Ea va filma pentru cele trei pelicule până la sfârşitul lunii octombrie. Astfel, Mădălina Ghenea va juca, printre altele, rolul principal în "Condemned to Love", debutul regizoral al scenaristului premiat cu Oscar Barry Morrow, un film pe care îl descrie ca fiind "o poveste magică de dragoste".

Totodată, Ghenea a declarat pentru The Hollywood Reporter că nu o deranjează atenţia acordată afişului filmului "Youth". "Nu cred că este vulgar, mi se pare frumos", a spus ea, adăugând că speră ca pe viitor prestaţia sa actoricească să fie în centrul atenţiei.

 "Am trei proiecte planificate. Aşadar, cred că fac o treabă bună la audiţii. (...) Şi, când merg la acestea, nu le arăt posteriorul", a mai spus Ghenea.

 Mădălina Ghenea a filmat alături de legendarul actor britanic Michael Caine pentru pelicula "La giovinezza/ Youth", în regia lui Paolo Sorrentino. Tabloidul britanic Daily Mail prezenta, în iulie 2014, fotografii de pe platourile de filmare ale peliculei, în care Mădălina Ghenea apare defilând în ipostază de Miss Universe pe un podium, în timp ce este admirată de actorul Michael Caine.

Mădălina Ghenea, în vârstă de 26 de ani, şi Michael Caine, în vârstă de 82 de ani, fac parte din distribuţia filmului "La giovinezza", alături de alţi actori cunoscuţi, precum Rachel Weisz, Harvey Keitel, Jane Fonda şi Paul Dano.

Filmul spune povestea a doi bătrâni prieteni - un dirijor şi compozitor, pe de o parte, şi un regizor, pe de altă parte -, care se gândesc la cât timp le-a mai rămas de trăit, în timp ce îşi petrec vacanţa în Munţii Alpi. Filmul urmăreşte eforturile celor doi de a se întoarce la cariera lor, precum şi relaţiile pe care le au cu copiii lor, dar şi modul în care aceştia interacţionează cu ceilalţi oaspeţi ai hotelului la care sunt cazaţi.

 "La giovinezza" este al doilea film la care regizorul italian Paolo Sorrentino lucrează cu actori de limba engleză, după "Rocker Hit: Ochi pentru ochi/ This Must Be the Place", cu Sean Penn.

 Potrivit informaţiilor publicate pe site-ul imdb.com, pelicula ar urma să fie lansată pe 21 mai, în Italia. Filmările au avut loc în Italia, Elveţia şi Marea Britanie.

 Paolo Sorrentino este cunoscut pentru pelicula "La Grande Bellezza/ The Great Beauty", care a câştigat anul trecut premiul Oscar pentru cel mai bun film străin. Prezentată în premieră mondială în competiţia de la Cannes 2013, pelicula lui Sorrentino a câştigat 20 de premii, printre care patru ale Academiei de Film Europene - pentru cel mai bun regizor, cel mai bun actor, cel mai bun film, cel mai bun monteur - şi un Glob de Aur pentru cel mai bun film străin.

 Mădălina Ghenea s-a născut în 1987, la Slatina. Cariera ei în domeniul modei a început pe când avea 15 ani. În 2010, ea a participat la concursul "Ballando con le stele", difuzat de televiziunea italiană Rai Uno. Mădălina Ghenea a debutat ca actriţă în 2011, în comedia italiană "I Soliti Idioti", în regia lui Enrico Lando. Ea a jucat şi în filmul "Dom Hemingway", în regia lui Richard Shepard, în care apare alături de Jude Law. Pe de altă parte, Mădălina Ghenea a primit premiul Sorriso diverso Roma 2012, pentru rolul interpretat în filmul "Razzabastarda" de Alessandro Gassman, distincţia fiind acordată de o asociaţie culturală în contextul ediţiei din 2012 a Festivalului Internaţional de Film de la Roma.

 Mădălina Ghenea a fost desemnată una dintre cele mai dorite femei ale anului 2012 într-un top alcătuit de site-ul AskMen.com şi, de-a lungul timpului, ar fi avut relaţii cu actori faimoşi, precum Leonardo DiCaprio, Gerard Butler şi Michael Fassbender, potrivit informaţiilor apărute în presa internaţională.

Cea de-a 68-a ediţie a Festivalului de Film de la Cannes a debutat pe 13 mai şi se va încheia duminică. Juriul competiţiei oficiale este prezidat de cineaştii americani Joel şi Ethan Coen.

 Sursa:Mediafax

Rassegna di Concerti - Incontri per la Musica 2015, giovedì 28 maggio 2015‏

L’Associazione A.Gi.Mus. e l'Accademia di Romania hanno il piacere di invitarvi alla

RASSEGNA DI CONCERTI

INCONTRI PER LA MUSICA 2015

Giovedì, 28 Maggio, ore 19.30

Sala Concerti

Commemorazione dei caduti romeni della Grande Guerra a Legnano‏

Sabato 23 Maggio 2015 presso il Cimitero Comunale di Legnano si è svolta la cerimonia di commemorazione dei soldati di nazionalità romena morti durante la Grande Guerra . Alla cerimonia hanno preso parte il Sindaco di Legnano , Alberto Centinaio, il Console Generale di Romania a Milano , Dott George Bologan ed il Dottor Marco Baratto, Delegato per il Nord Italia dell’Asociației Naționale Cultul Eroilor ”Regina Maria”. La cerimonia religiosa è stata tenuta dai sacerdoti ortodossi, greco cattolici e cattolici di rito latino.

Appello

Richiesta di aiuto‏

Appello per la famiglia e conoscenti di Damian Petru nato a Botosani il 2/6/49. Da circa 20 anni in Italia partì da Fagarasi per cercare lavoro.

Da circa 6 anni non ha contatti con la moglie, Maria, e i figli Petru Marius, Mihaela, Anamaria in quanto cambiarono indirizzo e lui ne ha perso le tracce.

Vive a roma in zona Magliana, la comunità di Sant'Egidio dal Natale 2014 lo ha conosciuto per un episodio di violenza di cui è stato vittima.

Gli sono stati sottratti i documenti e per problemi di salute ora non riesce a lavorare.

CHI POTESSE DARCI NOTIZIE PER RITROVARE LA FAMIGLIA PUÓ FARLO CONTATTANDO
ADA ALOISI 3488000493
o scrivere a adaloisi@tiscali.it
o contatto FB Ada Aloisi.

Grazie.

Elezioni comunali. Cinquanta candidati romeni in Italia (anche con la Lega)

Puntano a un posto da consigliere. "Un contributo romeno per una città migliore", "l’integrazione parte da noi"

Roma – 25 maggio 2015 – Parola d’ordine: partecipare. Votando, ma anche facendosi eleggere.

Sono 50 i cittadini romeni residenti in Italia candidati come consiglieri alle prossime elezioni comunali. Li ha contati dalla Romania l’ Autoritatea Electorală Permanentă, secondo la quale 32 di loro sono donne.

L'elettorato attivo e passivo alle elezioni locali ed europee è riconosciuto a tutti i cittadini comunitari residenti in Italia iscritti nelle liste elettorali aggiunte. Non tutti lo sanno e pochi vanno alle urne, i 50 candidati sono quindi sicuramente una buona notizia.

“Un contributo romeno per una città migliore”, promette lo slogan di Alexandra Iacob, 24enne romena candidata come consigliera di municipalità a Venezia, in una lista che sostiene il candidato sindaco del centrosinistra. Lei si impegna “a creare “il clima” necessario allo sviluppo della comunità romena in forme sempre più complesse e mature in modo da garantire il dialogo tra essa e l’amministrazione locale”.

Non mancano poi sorprese come Tatiana Doina Francu, 33 enne candidata con la Lega Nord a Cologno Monzese e Segrate, in provincia di Milano. “L'integrazione è possibile, ma bisogna che parta da noi stessi” ha detto in un’intervista a un giornale locale, nella quale sostiene anche che “in politica serve solo una cosa: una buona capacità di ragionamento e la Lega Nord è un partito che ragiona”.

Poi ci sono tanti altri candidati, tutti cittadini romeni, o con doppia cittadinanza, che lottano per conquistare un posto da consigliere alle comunali del 31 maggio. Un contributo romeno per un' Italia migliore!

Anna Balea
Migreat.it

Fonte: Stranieri in Italia

Misura compensativa per il riconoscimento del titolo di ostetrica conseguito in Paesi extracomunitari e comunitari

Le prove attitudinali relative al riconoscimento del titolo di “ostetrica” conseguito in Paesi extracomunitari e comunitari, al fine dell’esercizio, in Italia, dell’attività professionale sanitaria corrispondente si terranno presso la Clinica Ostetrica del Policlinico Umberto I Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Roma “La Sapienza” - Viale Regina Elena 324 - Roma,

Prova scritta, orale e pratica:

24 giugno 2015, ore 9

Fonte: Ministero della Salute

giovedì 21 maggio 2015

Concerto inaugurale gruppo di musica folcloristica romena Arpeggio e Roua‏


Invito

L'Ambasciata della Romania in Italia, l'Accademia di Romania in Roma e il gruppo "Arpeggio&Roua"

sono lieti di invitarvi al concerto inaugurale

di "Arpeggio & Roua",

gruppo di musica corale folcloristica romena.

In ocasione ci sarà la presentazione del coro "Cantus mundi"

e aspettando il 1 Giugno,

Festa dei bambini,

altri piccoli artisti si esibiranno in

" Nel mondo dei bambini".

Vi aspettiamo all'Accademia di Romania,
Sala Concerti,
Piazza José di San Martin, No. 1

Sabato, 23 maggio, ore 18.00.

...non solo bach...‏


masterclass IVa edizione 1 • 5 settembre 2015 (Teatro de l’Ascolto • Roma)
concerto finale 5 settembre (Accademia di Romania • Roma)
dettagli e iscrizione: www.aliusmodum.com

Mostra d'Arte e Moda "Zestrea" di Liliana Turoiu‏

MOSTRA D'ARTE E MODA

ZESTREA

“Zestrea” di Liliana Turoiu è una collezione che si rivolge alle donne interessate di cultura, tradizione e moda, ispirata dal costume tradizionale romeno. Il designer ha continuato a creare collezioni che valorizza lo specifico nazionale romeno e dei suoi simboli, dando una nuova visione ad alcuni articoli di abbigliamento.

All’occasione sara proiettato un montaggio di immagini e musica - una breve presentazione dell'attività artistica del designer di moda Liliana Turoiu. Inoltre, sara presentato l’album d’arte dei costumi “Zestrea”, contenente fotografie della collezione e immagini del Castello di Bran. Ogni foto è accompagnata da una breve descrizione.

Designer: prof. Liliana Turoiu, Universitatea Nationala de Arte Bucuresti - Facoltà di Arti Decorative e Design, Dipartimento di Moda. Presidente e membro fondatore della Fondazione “Altum Design Studio”. Dal 1999 membro dell’Unione degli Artisti Professionisti della Romania.
Accademia di Romania in Roma (Piazza José de San Martin, 1), Sala Conferenze, 22 maggio 2015, ore 19.00.

Ingresso libero.

Accademia di Romania in Roma

Juventus - Lazio, 2-1. Ștefan Radu a marcat în finala Cupei Italiei, dar romanii au ratat trofeul

FOTBAL EUROPEAN.
Autor: Andrei Călin | joi, 21 mai 2015
Ștefan Radu

Juventus Torino a câștigat, miercuri, finala Cupei Italiei, după meciul disputat pe „Stadio Olimpico”, împotriva celor de la Lazio, scor 2-1. Pentru romani a deschis scorul Ștefan Radu, schimbat ulterior din cauza unei accidentări.

După ce a câștigat titlul intern în Serie A, Juventus Torino s-a impus și în Cupa Italiei. Piemontezii au câștigat, miercuri, finala disputată pe „Stadio Olimpico” din Roma, contra celor de la Lazio, scor 2-1. Oaspeții au început excelent confruntarea și au deschis scorul prin Ștefan Radu, în minutul 4. Apoi, în minutul 11, Juventus a egalat datorită lui Chiellini. Cu 20 de minute înaintea finalului, fostul internațional român s-a accidentat și nu a mai putut continua să evolueze. Finala a avut nevoie de prelungiri, acolo unde Juventus s-a impus grație golului marcat de Matri (97).

Sursa: Gândul

Un operaio rumeno dona soldi per il Nepal


«Noi sentiamo ma non ascoltiamo, guardiamo ma non vediamo» . Ha detto proprio così, poi ha aperto la mano che conteneva duecento euro e ha consegnato il denaro ad una volontaria dell’Unicef di Taranto. E’ un gesto che colpisce in un momento di crisi, ma lo stupore diventa doppio se il dono arriva dalle mani callose di uomo di origine romena, da qualche anno in Puglia.

 «Non dovremmo meravigliarci, però accade» ammette la presidente del comitato provinciale dell’Unicef, Anna Maria Petrera, che racconta la notizia. «Così come accade anche che la stampa riporti cose negative su alcune etnie, notizie poi risultate non vere. La verità è che non dobbiamo più stupirci di gesti come questo, dobbiamo uscire dagli schemi mentali con i quali conviviamo ogni giorno».

 Chi era presente l’altro giorno nella sede dell’Unicef di via Dante, ammette, però, di aver avuto un momento d’impasse. Un attimo di perplessità. E questo perché capita spesso che ad affacciarsi al comitato provinciale siano persone in difficoltà che hanno bisogno di un sostegno, soprattutto economico, o di un lavoro (Sì, esiste una categoria umana così disperata da chiedere un lavoro persino ad un’organizzazione che si occupa soprattutto dei diritti dell’infanzia).

 Ma questa volta chi ha bussato alla porta dell’Unicef, voleva dare e non ricevere. L’uomo ha visto lo spot della raccolta fondi “Emergenza Terremoto Nepal”, e non ci ha pensato due volte. Si è recato in sede e ha fatto la sua donazione. Riportano i volontari dell’Unicef di Taranto: «Ci ha detto che guadagna circa 700 euro al mese, e da come era vestito ci sembrava un operaio edile. E ha aggiunto anche che ha tutto quello che gli serve, una piccola macchina ad esempio, e un letto dove dormire. Dunque può permettersi di donare 200 euro ai bambini in difficoltà». Ma non è solo questo ad aver colpito i volontari.

 Il suo gesto conteneva una postilla. Continuano nel racconto: «Ci ha detto anche che “quando doni il Signore ti ridà tutto e anche di più”. Siamo rimasti senza parole». In silenzio davanti all’insegnamento di un operaio rumeno, ispirato “dall’alto”. Nient’altro che segni, che transitano per il canale terreno. E’ il miracolo si compie in un normalissimo pomeriggio di maggio: la famiglia Unicef resta muta ad ascoltare la forza empatica di un gesto pieno di grazia.

 «Il pregiudizio è la nostra tomba. – dice ancora la presidente che era presente quando è avvenuta la donazione – E questo andrebbe spiegato anche ai politici». Ancora una precisazione. «Ci capita – aggiunge infine Anna Maria Petrera – che la beneficenza venga fatta da persone che hanno davvero poco. Qualche settimana fa è venuta da noi una signora anziana che vive di pensione, 610 euro al mese, e ha donato cinquanta euro. Esempi per dimostrare che non conta da dove vieni, ma che cuore hai». Storie di ordinaria umanità dalla terra dei veleni.

 Fonte:La Gazzetta del Mezzogiorno

domenica 17 maggio 2015

Cerimonia di commemorazione dei soldati di nazionalità romena sepolti in Lombardia

Cerimonia di commemorazione dei soldati di nazionalità romena sepolti in Lombardia e tumolati presso la cappella del cimitero di Legnano

L'evento si svolgerà Sabato 23 Maggio 2015 presso il cimitero di Corso Magenta - Piazzale del Cimitero a Legnano con ritrovo alle ore 09.00 presso l'ingresso del Cimitero

Seguono i discorsi ufficiali delle autorità civiche di Legnano , del Consolato Generale di Romania a Milano, del Dott Marco Baratto - Asociatia Nationala Cultul Eroilor "Regina Maria" - Nord Italia
Deposizione di una corona a ricordo dei caduti di nazionalità romena sepolti a Legnano e di tutti i caduti romeni sepolti in Lombardia
Sunt comemorati soldatii romani cazuti in primul razboi mondial, inmormantati in Lombardia

Dott Marco Baratto
Asociatia Nationala Cultul Eroilor "Regina Maria" - Nord Italia

Dibattito su "Buona Sanità" e "Buona immigrazione" e Rassegna Stampa

A. M. S. I.
Associazione Medici di origine Straniera in Italia
www.amsimed.org

Invito dibattito il 19.05 su "Buona Sanità" e "Buona immigrazione"
e
Rassegna Stampa .

Invito e programma del dibattito sui progetti gemelli

"La Buona Sanità" e "La Buona Immigrazione"

l'Associazione dei Medici di Origine Straniera in Italia (Amsi), il Movimento Internazionale Uniti per Unire, la Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai) e l'ONG Emergenza Sorrisi, sono lieti di invitarvi all'incontro che si svolgerà in data 19 maggio presso

La Sala Conferenze dell'Ordine dei Medici di Roma,
Via Giovanni Battista de Rossi, 9, Roma RM

Dalle ore 19.30 alle ore 21.30

Rinfresco a chiusura

In tale occasione saranno raccolte le proposte per la stesura definitiva dei progetti gemelli "Buona sanità" e "Buona immigrazione" per promuovere la vera cooperazione internazionale e nuove politiche a favore dell'integrazione e della convivenza pacifica tra popoli .

Moderano
Il Giornalista della Rai Michele Cucuzza e Marina Bonifacio di Cno WebTv
Introduzione Prof.Foad Aodi, Presidente Uniti per Unire ed Amsi
La Responsabile Ufficio Stampa Elena Rossi illustra i numerosi incontri svolti da Febbraio 2015 con i Rappresentanti del Governo Italiano, delle Istituzioni e delle Università.
Intervento del Presidente dell'Ordine dei Medici di Roma Prof.Roberto Lala
Intervento del Consigliere Capo del Quirinale Prof.Tito Lucrezio Rizzo
Intervento del Direttore Generale ASL Rm B Dr.Vitaliano De Salazar
Illustrazione dei progetti dai rispettivi Coordinatori dei gruppi di lavoro e dicussione

Progetto "La Buona Sanità"
Coordinatore: Dr. Giuseppe Quintavalle, Segretario Generale Uniti per Unire
Membri: P. Bartoletti, R. Testa, I. Pulcini, F. Abenavoli,Abo.A. Jamal , M. Baleanu, M. Khalili, D. Di Clemente, E.P. Valente, A. M. Cipriani, F.Iorio,S. Leotta, G. Saturno,L.Melis A.Delfini ,G. Francavilla ,M.Innocenzi , W. Srouji , A. Kamaisi ed G. Picciole

Progetto "La Buona Immigrazione"
Coordinatrice: Federica Battafarano, Portavoce Uniti per Unire
Membri: K. Belaitouche, E.Rossi ,R. Vismara, L. Alsaadi, C. Bogdan, M. Diku, F. Bonelli, J. Jassine, D. Tilouani, S. Forni, S. Diku, M.Zaraket, M. Casanova e M. Braniste.

R. S. V. P
La Partecipazione e' gratuita. Si prega di confermare la propria adesione a
Valentina Velocci, Coordinatrice organizzativa di Uniti per Unire
segreteriaorganizzativa12@gmail.com

Elena Rossi
Responsabile Ufficio Stampa Amsi, Co-mai e Uniti per Unire
www.amsimed.org
www.unitiperunire.org
www.lasvolta.info

Il Presidente
Foad Aodi
3387177238
foadaodi@libero.it

Filmul celor trei zile petrecute de Klaus Iohannis în Italia. Ce a făcut președintele la Milano și la Roma



PREŞEDINŢIE
FILMUL celor TREI ZILE petrecute de Klaus Iohannis în Italia. Ce a FĂCUT președintele la Milano și la Roma
Autor: Carmen Vintilă | duminică, 17 mai 2015

În vizită la Papa Francisc

Președintele Klaus Iohannis s-a întors, astăzi, din Italia după o vizită de trei zile. Joi, șeful statului a participat la Expoziția Universală Milano 2015 și s-a întâlnit cu reprezentanții comunității românești de acolo, iar vineri a efectuat o vizită la Sfântul Scaun.

Astăzi dimineață preşedintele Klaus Iohannis s-a întâlnit cu conducerea Comunităţii Sant'Egidio (organizație de drept pontifical, cu profil internațional, atașată de România), iar apoi a vizitat Bazilica Santa Maria in Trastevere.

Când delegația prezidențială a ajuns la Sant Egidio un băiețel de șapte ani s-a repezit cu un mic aparat de fotografiat galben să-i facă poze lui Klaus Iohannis și echipei de jurnaliști, fascinat de atâtea camere de luat vederi. Nu a reușit să-l fotografieze pe Iohannis, drept pentru care a rămas cu familia sa, mama și bunicii francezi, iar tatăl italian, să aștept ieșirea delegației. Massimo vorbea trei limbi: franceza, italiana și engleza și era încântat de atmosfera generată de sosirea președintelui român: mașini de poliție, camere de luat vederi, aparate de fografiat, ofițeri de securitate, lucruri pe care nu le-a mai văzut.

Președintele a parcurs apoi pe jos, pe străduțele mici și cochete, distanța până la Bazilica Maria in Trastevere. Înainte de a intra, șeful statului a acceptat să răspundă la câteva întrebări ale jurnaliștilor. Președintele a declarat că s-a întâlnit cu Daniel Constantin Horodniceanu propus de ministrul Justiției, Robert Cazanciuc, pentru funcția de șef al Direcției de Investigare a Infracțiunilor de Criminalitate Organizată și Terorism (DIICOT), precizând că săptămâna viitoare va lua o decizie privind numirea acestuia la conducerea DIICOT.

Șeful statului a mai spus că nu a discutat cu premierul despre o propunere pentru funcțiile pe care Liviu Dragnea le-a vacantat în Guvern și a apreciat că retragerea acestuia din Executiv reprezintă "un răspuns adecvat la condamnare".

VATICAN. Papa l-a întâmpinat pe Iohannis cu un salut în limba germană

Ziua de ieri a fost una plină de emoții. Președintele Klaus Iohannis și soția sa, Carmen au fost în vizită la Sanctitatea Sa Papa Francisc. În jurul prânzului delegația oficială a ajuns în curtea interioară a Palatului Vatican, șeful statului fiind întâmpinat de garda elvețiană.

Schimb de cadouri

La discuția tete-a-tete, de aproximativ 20 de minute, Papa l-a salutat pe președinte în limba germană, apoi a folosit limba italiană. Iohannis i-a răspuns în germană, iar apoi a vorbit în română.
Klaus Iohannis i-a dăruit Suveranului Pontif o gravură cu oraşul în care a fost primar, Sibiu, şi o monedă de aur. Președintele i-a explicat Papei că, în gravură, este reprezentat centrul orașului, unde se află mai multe biserici de diferite confesiuni, semn că, în România, oamenii pot conviețui în armonie, indiferent de religie. Papa s-a arătat foarte interesat de orașul lui Klaus Iohannis. Al doilea dar pe care șeful statului i l-a oferit Sanctității Sale a fost o monedă de aur, dedicată împlinirii a 2000 de ani de creștinism.

La rândul său, Papa i-a oferit președintelui o imagine cu Îngerul Păcii învingând moartea, precizând că a ales un astfel de cadou, pe care îl oferă tuturor șefilor de stat, ca să le reamintească menirea pe care o au, aceea de a promova pacea. Iohannis a mai primit și un text scris de Papa. Carmen Iohannis a purtat o rochie neagră foarte elegantă și a fost vizibil emoționată de întâlnirea cu Sanctitatea Sa.

Joi dimineață, înainte de plecarea în vizita oficială în Italia, Klaus Iohannis a spus că îi va adresa o invitație Papei Francisc să viziteze România, sperând ca aceasta să aibă loc în 2018, ,, un an deosebit de important pentru noi, pentru că este anul în care sărbătorim 100 de ani de existenţă a României moderne”. Papa Francisc a acceptat, ieri, invitația.

S-a lustruit marmura

După vizita la Papă, președintele și soția sa au vizitat Bazilica Sfântul Petru. Înăuntru nu puteai arunca un ac. Sute de turiști și o mare de umbrele colorate, semn de reper pentru ca vizitatorii să nu se piardă de grupuri. Zeci de blitzuri se aprindeau deodată pentru ca nimeni să nu plece fără o amintire. În dreapta culoarului central se află mormântul Papei Ioan Paul al II-lea, unde Klaus și Carmen Iohannis erau așteptați să depună un buchet de flori și să țină un moment de reculegere. Cu mai bine de o jumătate de oră înainte ca cei doi să sosească, credincioșii care se rugau pe băncile din fața mormântului sunt rugați să le elibereze. „Ne cerem scuze! E o vizită oficială! Vine un ambasador”, spune, în italiană, unul dintre domnii responsabili să aranjeze spațiul înainte de vizita oficială.

Băncile au fost ridicate și date la perete, oamenii evacuați, în timp ce marmura a fost spălată cu ajutorul unei mașini speciale și lustruită cu un mop uriaș. „Au mutat și mormântul?”, glumește cineva. Nu , nu l-au mutat. Au lustruit doar marmura și au aranjat băncile înapoi. După ce au făcut un tur al Bazilicii, Carmen și Klaus Iohannis au ajuns în dreptul mormântului. Șeful statului a depus un buchet de trandifiri albi și galbeni. După ce s-au rugat, cei doi soți au făcut și poze. Prima Doamnă a avut intenția să facă poze cu telefonul mobil, dar fotograful oficial a apărut imediat lângă ei și a imortalizat el momentul.

Carmen și Klaus Iohannis nu au părăsit Bazilica fără a vedea și Pieta (renumita sculptură realizată de Michelangelo, care reprezintă trupul lui Iisus mort în brațele mamei sale Maria, după crucificare).

Aseară, şeful statului a vizitat și Colegiul Pontifical "Pio Romeno" din Roma, unde a avut o întâlnire cu studenţii români care studiază în instituţiile de învăţământ pontificale din Roma.

La expoziția din Milano

Joi dimineață, pe aeroportul din București, șeful statului a susținut declarația obișnuită de presă înainte de plecare într-o sală amenajată special la etaj. Carmen Iohannis a mers direct la avion. Președintele a intrat însoțit de consilierii prezidențiali, printre care Dan Mihalache, Ioan Muraru, Cosmin Marinescu. Pentru prima dată, înainte de plecare, Iohannis a acceptat întrebări. Răspunsurile au fost săgeți trimise către premierul Victor Ponta.

La Milano, președintele a participat la Expoziția Universală Milano 2015 cu tema,, Hrănirea planetei, Energie pentru viață,,. Primul pavilion vizitat a fost cel al României. La intrare, două tinere domnișoare îmbrăcate în costume naționale nu mai conteneau să le spună, în italiană, vizitatorilor că „ azi este închis, ne pare rău, avem un oaspete privat”.

Construit în jurul sloganului „ În armonie cu natura” pavilionul este reinterpretarea modernă a unei case tradiționale românești , din sticlă și lemn, cu acoperiș din stuf. La intrare, ghivece cu floarea soarelui. Din boxe răsună muzică folclorică. Un spectacol de teatru de improvizație adună zeci de spectatori în fața pavilionului românesc, în timp ce înăuntru se face controlul de securitate. Ajunge președintele, fără soție. A fost întâmpinat cu pâine și sare. Șeful statului a făcut turul pavilionului, în timp ce pe pereți rulau imagini din România. Când a ajuns în fața standului cu vinuri, Iohannis a fost informat că fetele care vând sunt studente la facultatea de limbă italiană de la Universitatea București.

În onoarea șefului statului a fost pregătit un mic concert de muzică jazz. ,, De-abia aștept!,, a spus încântat Iohannis, care a ținut să dea mâna cu cei trei muzicieni, iar la final le-a mulțumit, zâmbind. La final, șeful statului s-a declarat plăcut impresionat. ,,Am reușit și de data aceasta să ne pregătim foarte bine, e un pavilion care nu impresionează ca mărime, ci ca și concept. Tema e legată de Pământul care ne hrănește. Avem multe filme, imagini, care arată cum noi, românii, înțelegem sustenabilitatea (...) Ținta expoziției este de 20 de milioane de vizitatori și deja s-au vândut bilete pentru aproximativ 11 milioane,, a spus Iohannis. Președintele ar fi vrut însă ca spațiul pe care a fost amplasat pavilionul să fi fost mai mare.

Apoi, a vizitat Pavilionului Sfântului Scaun, cel al Italiei și al Uniunii Europene.

Întâlnirea cu românii

Preşedintele și soția sa, Carmen s-au întâlnit, aseară, la un hotel, și cu românii din Milano.

O fetiţă îmbrăcată în straie populare maramureşene, care se află în Italia de cinci ani şi studiază la o şcoală de artă, a aşteptat-o pe Prima Doamnă pentru a-i oferi un buchet cu flori. Carmen și Klaus Iohannis au fost întâmpinați cu ropote de aplauze, iar românii din Milano le-au spus „bună seara” în cor. Prima Doamnă purta o rochie albă. Românii din Italia i-au pregătit şefului statului şi soţiei acestuia un concert vioară și pian. În timp ce s-a intonat imnul, în sală au fost fluturate fundițe tricolore iar unii au găsit de cuviință să și le pună în loc de papioane. Primarul orașului ține un discurs în italiană. "Am să învăț româna din cauza traducătoarei", spune el, spre amuzamentul soților Iohannis dar și al celor din sală.

Nemulțmit de votul prin corespondență

Şeful statului le-a vorbit celor prezenţi şi despre schimbarea legilor electorale, dar şi despre modificările pe care şi le-ar dori în ceea ce priveşte oamenii politici din România. ,,Sincer, n-am ştiut că sunt primul Preşedinte european, dar cred că este o poziţie care reprezintă cum se vede comunitatea românească în Milano", i-a spus Iohannis primarului orașului. Domnule primar, Milano a fost, în afară de oraşul meu, evident, unul din preferatele mele încă cu mult timp să vin în vizită în calitate oficială. (...)Vreau să mă refer aici și la o lege pe care toate partidele au promis că o vor adopta: cea privind votul românilor din diaspora, respectiv votul prin corespondenţă. Și este momentul s-o spun direct: sunt nemulţumit de modul în care este gestionat acest proiect. În cazul celorlalte legi care privesc partidele politice, finanţarea lor sau alegerile s-au făcut progrese care trebuie recunoscute. În acest caz, din păcate, se bate pasul pe loc. Voi discuta cu partidele politice din nou și o voi face de atâtea ori de câte va fi nevoie pentru a mișca acest proiect important şi pentru dumneavoastră, şi pentru mine şi pentru toţi alegătorii", a mai spus șeful statului.

Apoi, președintele și soția sa au coborât în mulțime."Domnule președinte, am stat nouă ore la coadă să vă votez și sunt mândru de dumneavoastră", i-a strigat președintelui un domn. Nu au lipsit nici de această dată fotografiile, autografele și cadourile simbolice. Un băiețel de vreo cinci ani își anunță victorios mama că se duce și el unde este președintele, "în bulucel" (îmbulzeală).

Sursa: Evenimentul Zilei



Citeste si:
Klaus Iohannis s-a întâlnit cu românii din Milano. "Am stat nouă ore la coadă să vă votez"

Leggi anche:
Il presidente romeno è primo capo di Stato a visitare il padiglione della Santa Sede a Expo
Italia-Romania: Iohannis incontra presidente Comunità Sant'Egidio, focus su ecumenismo, integrazione e politica internazionale

Una squadra di professionisti, un ponte sul Mediterraneo

La Camera di Commercio Rumeno Maltese aprendo una sede in Italia si colloca nel movimentato scenario mediterraneo, come un ponte di comprensione e dialogo tra l’Europa continentale e la Russia e la frontiera sud dell’Unione Europea. Un ponte per alimentare la conoscenza di opportunita e di confronto tra le diverse aree culturali, sociali e imprenditoriali dell’Uniome Europea.

La Valletta, 15/05/2015 (informazione.it - comunicati stampa - economia) La Camera di Commercio Rumeno Maltese aprendo una sede in Italia si colloca nel movimentato scenario mediterraneo, come un ponte di comprensione e dialogo tra l’Europa continentale e la Russia e la frontiera sud dell’Unione Europea.
Un ponte per alimentare la conoscenza di opportunita e di confronto tra le diverse aree culturali, sociali e imprenditoriali dell’Uniome Europea.
Gina Mihaela nobildonna rumena ma da tempo residente in Italia lo spiega benissimo: “abbiamo molte imprese italiane localizzate in Romania con poli produttivi, molte altre hanno solo depositi e sedi commerciali. Tutte guardano alle prospettive di allocarsi in un’area geografica a vocazione manifatturiera. Ora puntiamo alle imprese europee che vogliono avere una sede a Malta, in particolare per incontrare con favore fonti finanziarie e avviare attivita’ produttive verso l’est Europa e la Russia”.
In questo spirito trovano piu’ di un senso le missioni che sono in atto. Recentissima la visita del segretario della Camera di Commercio Rumeno Maltese, l’isolano Thomas Molesini a Bucarest dal Ministro dei Trasporti della Romania. E ancor piu’ la folta delegazione di imprenditori e professionisti a Malta dal 6 al 9 giugno. Un’occasione importante per festeggiare con la cerimonia ufficiale, il giuramento, la nascita di un’istituzione candidata a dare nuova energia all’Europa delle genti e delle professioni.

Fonte: Informazione.it 

Secţia de cǎrţi ȋn limba romȃnă din Terni. Contribuţia ACRI-ND şi arogarea de false merite‏

Nihil sine Deo!
ACRI-La începutul acestui an, asociaţia noastră, a făcut un apel către simpatizanţii din România, pentru a aduna cărţi în limba română în vederea formării unei reţele de carte românească în Italia. Accentul a fost pus în special pe autorii clasici ai culturii române (Creangă, Slavici, Eminescu, Rebreanu, etc.), dar şi pe cărţi cu studii de istorie a românilor („Românii în istoria universală”, (coordonatori) I. Agrigoroaiei, Gh. Buzatu, V. Cristian, 3 volume). Astfel, s-au strâns peste 400 de volume care au fost trimise din România în Italia, cheltuielile de transport fiind suportate de asociaţia noastră din cotizaţiile membrilor, cheltuielile de achiziţie fiind suportate de simpatizanţii din România. Volumele au fost donate parohiilor ortodoxe din Italia pe care membrii asociaţiei le frecventează, în vederea înfiinţării (sau completării) de biblioteci de carte românească în cadrul parohiilor respective.

În urma acestei iniţiative, aproximativ 110 (o sută zece) volume au fost donate parohiei „Sfânta Parascheva” (Sant’Alò) din Terni (Umbria), condusă din 2002, anul înfiinţării parohiei, de părintele Vasile Andreca. Volumele au ajuns în trei loturi, pe parcursul lunilor februarie-mai. Dacă după primul lot din luna februarie părintele Andreca a fost de acord cu înfiinţarea unei biblioteci de carte (clasică) românească în cadrul bisericii, iar după cel de-al doilea din luna martie, a anunţat conducerea asociaţiei noastre că intenţionează să înfiinţeze un fond de carte românească în cadrul Bibliotecii din Terni (Biblioteca Comunale di Terni). Demersul părintelui Andreca s-a concretizat, astfel că, împreună cu asociaţia „Floare Albastră” din Terni, ieri, 12 mai, a fost inaugurată secţia de limba română a Bibliotecii din Terni.

Totul bine şi frumos până aici, însă, în cadrul inaugurării oficiale, deşi preşedintele asociţiei ACRI-ND era prezent pentru a dona şi ultimul lot de carte ajuns din România, organizatorii evenimentului nu numai că nu au făcut cunoscut publicului faptul că iniţiativa s-a datorat asociaţiei noastre, dar nici măcar nu au mulţumit preşedintelui ACRI-ND pentru implicare. Fapt cu atât mai grav cu cât aproximativ 90% din cărţile fondului au fost donate de asociaţia noastră.

Reprezentanta asociaţiei „Floare Albastră”, doamna Gina Dumitru, şi-a (auto)arogat toate meritele, contribuţia dânsei fiind infimă de altfel, iar biserica ortodoxă din Terni, a aprobat tacit acest gest, cu toate că preotul Vasile Andreca ştia cine au fost adevăraţii promotori ai acestei iniţiative culturale. Nu ar fi fost mai omeneşte să primim măcar un simplu „MULŢUMESC”?
În finalul acestui comunicat, dorim să asigurăm membrii şi simpatizanţii noştri că vom continua iniţiativa nostră culturală, fiind conştienţi că noi ne-am făcut în mod dezinteresat datoria faţă de propria conştiinţă.

Vasile Pârvan, fondatorul Academiei României din Roma, într-unul dintre discursurile sale, a descris magistral josnicia umană care caracterizează pe mulţi din conaţionalii noştri: „călcarea cuvântului dat e astăzi lege. Iar înăuntrul ţării tale, nu vezi decât necinste, căţărare disperată către locurile cele mai de sus, goană după avere. Şi în atmosfera aceasta îmbâcsită de miasmele putreziciunii, rece de lipsa oricărei iubiri, chiar cei odinioară deschişi avântului cald spre ideal, devin reci, nemaiputând înţelege decât gândul raţional, logica faptelor brute”.

Biroul de Presă al Asociaţiei Culturale Româno-Italiene Noua Dreaptă ACRI-ND (www.nouadreaptaitalia.org)

giovedì 14 maggio 2015

Una delegazione romena in visita al Comune di Campobello

Il vicesindaco Antonella Moceri: «Dalla conoscenza reciproca nasce l’arricchimento culturale»

CAMPOBELLO DI MAZARA, 13/05/2015

Il vicesindaco Antonella Moceri, la settimana scorsa, ha ricevuto in Comune la visita di una delegazione di docenti e di funzionari del Provveditorato agli Studi di Bucarest. Dopo aver visitato gli istituti scolastici cittadini, la sede dell’Istituto per l’Ambiente marino e costiero del Cnr, le Cave di Cusa e le principali attrazioni di Campobello e delle frazioni di Tre Fontane e Torretta Granitola, la delegazione romena ha visitato il Palazzo municipale.

 «Ѐ un grande piacere ricevervi in Comune – ha dichiarato il vicesindaco Antonella Moceri durante l’incontro – La nostra Amministrazione è lieta di creare sempre più occasioni di scambio e di socializzazione con comunità e culture diverse dalla nostra, nella consapevolezza che solo dalla conoscenza reciproca può nascere l’arricchimento culturale». L’incontro in Municipio si è concluso con lo scambio di doni.
Il portavoce Antonella Bonsignore

 Fonte:Trapani OK

martedì 12 maggio 2015

Nel weekend scorso, grande successo per la festa nella Chiesa romeno ortodossa di Sanremo


Ai festeggiamenti hanno partecipato illustri personaggi dell’ortodossia romena come Padre Costantino, Decano di Genova, Padre Giorgio di Savona e direttamente dalla Romania, Padre Policarpo, del Monastero di Bran .

Grande successo per la festa nella Chiesa romeno ortodossa di Sanremo in occasione del settimo anno della comunità parrocchiale, che è stato festeggiato sabato e domenica appena trascorsi.

 Ai festeggiamenti per i santi patroni della parrocchia, i Santi Cirillo e Metodio, hanno partecipato illustri personaggi dell’ortodossia romena come Padre Costantino, Decano di Genova, Padre Giorgio di Savona e direttamente dalla Romania, Padre Policarpo, del Monastero di Bran.

Al termine della cerimonia e della conferenza, la comunità romena si è riunita nei giardini adiacenti al chiesa per pranzare assieme a Padre Claudiu, punto di riferimento di tutti i fedeli.

 Fonte:Sanremo News

lunedì 11 maggio 2015

La mostra fotografica "A Casa (24 ore in 24 foto)" di Roxana Mihaly‏

Comunicato stampa

La mostra fotografica “A CASA (24 ore in 24 foto)” di Roxana Mihaly, organizzata dall’Istituto Culturale Romeno, l’Accademia di Romania in Roma e il Consolato Generale di Romania a Trieste.
La mostra si svolgerà dal 15 al 25 maggio 2015 presso la sede del Consolato Generale di Romania a Trieste, Via Udine, n. 11, 34132 Trieste, Italia.
Inaugurazione: 15 Maggio 2015, ore: 15:30

A CASA
(24 ore in 24 foto)

La mostra fotografica “A CASA (24 ore in 24 foto) – racconta una giornata ideale trascorsa A CASA, in Romania.
Il ricordo di un’alba, la casa dei nonni, i giochi di un tempo, le persone o i diversi luoghi – tutti questi ricordi sono cristallizzati in una serie di 24 immagini. Esse vogliono ricostruire il corso di una giornata, nel posto vicino alla nostra anima che ognuno di noi considera A CASA.
In tale scenario, ogni fotografia visualizzata individualmente diventa portatrice di un certo bagaglio referenziale, portando con se la propria storia. Con il desiderio che le immagini risuonino nei cuori dei visitatori, risvegliando ricordi profondamente radicati nella memoria e spesso dimenticati da molto tempo, la mostra si propone di presentare un modo per accedere a questo mondo ideale.
L’esempio edificante e il fatto che ogni immagine racconta una storia attraverso la quale mira a risvegliare i ricordi radicati nell’anima, essendo inseparabilmente legata alla memoria emozionale. Il bisogno di narrazione articolato a sua volta dal senso suscita un’emozione, dando vita in ognuno di noi a un viaggio verso un ricordo di casa. Indipendentemente dalla modalità soggettiva dell’approccio di tale incursione, i passi seguiti diventano testimoni del nostro proprio percorso. Ci aiutano, da un lato, ad affrontare l’iniziazione nell’innaturale quotidiano e, dall’altro, a renderci conto che questo è solo apparentemente monotono e noioso.
In ultima analisi, riattivate attraverso l’innesco della memoria involontaria, le immagini vengono quindi investite di valore di catalizzatore dei sentimenti e di depositario dei ricordi.

La mostra si svolgerà dal 15 al 25 maggio 2015 presso la sede del Consolato Generale di Romania a Trieste, Via Udine, n. 11, 34132 Trieste, Italia.
Inaugurazione: 15 Maggio 2015, ore: 15:30

Roxana Mihaly è nata nel 1988 a Târgu Mureș. Attualmente frequenta il dottorato di ricerca in Storia d’Europa presso l’Università Sapienza di Roma e ha beneficiato nel 2012-2013 di una borsa “Vasile Pârvan” presso l’Accademia di Romania in Roma.
Appassionata di fotografia, nel 2012 si è laureata presso la Scuola Popolare d’arte di Târgu Mureș, dipartimento foto-video. Ha partecipato a numerose mostre collettive sia in Romania sia in Italia e nel 2014 ha vinto una menzione alla mostra internazionale Apollo International Photography, nella categoria Traditional Object.

Ufficio stampa,
Accademia di Romania
Roma, maggio, 2015

ACCADEMIA DI ROMANIA IN ROMA

Mostra d'Arte "Dal Cielo al Centro della Terra" di Anca Gavris, domenica 17 maggio ore 19

Domenica, 17 Maggio 2015, ore 19.00,

presso l’Accademia di Romania,
Sala Esposizioni,
Viale delle Belle Arti, 110,

all’inaugurazione della mostra d’arte dell’artista

Anca GAVRIS

“Dal Cielo al Centro della Terra”

A cura di Burt SUN

Le opere dell’ artista romena Anca Gavris si contraddistinguono per una sensibilità unica, naturalmente intrisa di influenze musicali - liriche e talvolta narrativo-melodiche.

La mostra di Anca Gavris si compone di tre momenti principali. Il primo è una mostra di 83 disegni su fotografie, che sono stati ispirati dalle formazioni di uccelli che volano nel cielo visualizzando differenti costellazioni celesti.

"Questi disegni sono come fogli musicali. Ogni disegno è presentato sospeso su stringhe come note sul rigo musicale quasi a formare una opus visiva. L'istallazione si caratterizza sia per la composizione melodica sia per la libertà del caos", dice l'artista, che è un’affermata violinista e dal 2001 lavora tra i primi violini dell’ Orchestra Sinfonica di Stato di San Paolo (OSESP) in Brasile.

La seconda parte della mostra presenta una serie di dipinti di porte di grandi dimensioni. "Voglio creare un percorso verso l'ignoto nel passato; in questa serie di nuovi dipinti, ho sottilmente creato ognuna di queste porte che segnano gli ingressi a diverse vie per le quali è possibile passare nel corso della vita stessa", dice Gavris sui dipinti, nei quali fotografia, tecniche miste e collage sono inserite.

La parte finale della mostra è costituita da alcune sezioni scultoree di oggetti in parte scolpiti, in parte naturali e anche personali dell’artista. Vetri dipinti fluttuano sospesi su bozzetti di sculture del padre di Anca Gavris, relazionandosi insieme come in un dialogo. "Essi simboleggiano il ritorno dell'artista ai propri ricordi - la sua infanzia, la sua formazione e il suo viaggiare per il mondo", dice il curatore della mostra, l'artista multimediale americano Burt Sun.

Dopo la chiusura della mostra a Roma il 31 maggio, le opere saranno presentate in Brasile in occasione di una esposizione collettiva di grandi dimensioni dal titolo "Origine e Tempo" presso il Museo Brasiliano di Scultura (MUBE) a settembre 2015.

L'artista Anca Gavris, nata in Romania, è violinista e artista visiva. La sua carriera musicale è iniziata a 10 anni, con concerti solistici a Cluj-Napoca in Romania ai quali è seguita negli ultimi 30 anni un’intensa attività di performance musicali in tutta Europa, Stati Uniti e Sud America.

Gavris è anche mentore musicale, insegna musica a bambini di condizioni economiche disagiate e partecipa a vari progetti sociali presso scuole pubbliche negli Stati Uniti, Brasile e Panama.

Come artista visivo, Anca Gavris lavora con una grande varietà di mezzi di comunicazione: pittura, scultura e fotografia. Le sue opere sono state presentate alla Biennale di Spoleto (Italia), alla Dada Gallery (Stati Uniti d'America) e in occasione delle mostre “Click Now” e “Collective” a Parigi in Francia.

Nel 2011 Anca Gavris ha realizzato una mostra personale a cura di Jacob Klintowicz in Brasile, mostra dal titolo “Art in Nature and the Nature of Art”, esibendo dipinti e fotografie presso il prestigioso istituto culturale CITI a San Paolo.

Il successo della mostra ha fatto di lei una stella nascente della comunità artistica. Ha ricevuto due volte l’onorifico Diploma di Merito Culturale della Latin American Art Academy. Il suo lavoro è stato esposto in occasione della Giornata internazionale della Donna a San Paolo e presso l’ Esposizione Nazionale di Arti Plastiche a Rio de Janeiro.

Il suo lavoro e la sua storia di vita sono state evocate in “Erie Wire”, un cortometraggio realizzato dal regista e giornalista americano Joshua B. Pribanic.

Burt Sun, curatore della mostra, ha iniziato la sua carriera come artista multimediale nel campo della fotografia, del cinema e dei media design. Sun ha realizzato la produzione di molti progetti multimediali per i set di rinomati teatri internazionali.

Negli ultimi 15 anni ha lavorato anche come produttore creativo e consulente per istituzioni e organizzazioni artistiche americane, riunendo artisti internazionali per creare progetti unici.

Burt Sun ha pubblicato più di 12 libri del proprio lavoro e per le istituzioni culturali con le quali ha lavorato. Le sue fotografie sono state esposte negli Stati Uniti, in Europa, America Centrale e Brasile.

Nel 2009, l'Istituto d'Arte Urbana di MASSART commissionò a Burt Sun la creazione di un nuovo libro in Brasile. Sun viaggiò a Salvador da Bahia, dove incontrò l'artista brasiliano Bel Borba. Il libro Arte Urbana si è poi stato trasformato in un documentario completo intitolato “Bel Borba, Aqui”, che Burt Sun ha prodotto e co-diretto con il suo collaboratore, il fotografo Andre Costantini.

Nel 2011 Burt Sun collaborò alla realizzazione della mostra di Bel Borba a New York.

Mr. Sun è curatore della mostra dell'artista Bel Borba “Aqui, em 7 elementos” presso il Museo Rodin, Bahia, inaugurato nel 2012.

La mostra resterà aperta tra 17 maggio – 31 maggio 2015.

Accademia di Romania in Roma

Convegno sulla salute mentale e la prevenzione tra i giovani, a Viterbo il 13.05.15, Santa Maria in Gradi, Aula Magna‏


XIV Convegno Internazionale di Studi sulla Cultura e Spiritualità della Santa Montagna La Preghiera del Cuore e la Tradizione Athonita, sabato 16 maggio‏

L’Associazione Onlus “Insieme per l’Athos” e l’Accademia di Romania in Roma

Vi invitano al

XIV CONVEGNO INTERNAZIONALE DI STUDI

SULLA CULTURA E SPIRITUALITA’ DELLA SANTA MONTAGNA

La Preghiera del Cuore e la Tradizione Athonita

SABATO 16 MAGGIO 2015, ore 9 presso

l’Accademia di Romania in Roma
(P.za José de San Martin, 1 – Roma)

(Con la benedizione della Iera Epistasia del Monte Athos e di S.Em.za Rev.ma il Metropolita Gennadios, Arcivescovo Ortodosso d’Italia e Malta del Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli)

Halep e Bouchard pazze di Roma

La romena: “Mi piace tutto”
Eugenie Bouchard (Foto Tonelli)
10 maggio 2015

Domenica tutta al femminile in sala stampa al Foro Italico. Tra le protagoniste più attese la romena Simona Halep, numero 2 WTA, che con gli Internazionali d’Italia ha un legame particolare.

“Di Roma mi piace tutto. Il cibo sicuramente, e poi è qui che ho cominciato a giocare ad alto livello, che ho cominciato a scalare il ranking mondiale”

“Sono molto contenta in questo momento. Perché ho giocato a Indian Wells e Miami bene come all’inizio dell’anno ed ho vinto molte partite. Ho perso a Madrid ma sto bene, devo solo lavorare di più per risolvere qualche problema”.

“Tutte le superfici vanno tutte bene, ma sulla terra non mi trovo benissimo adesso perché non ho giocato molti match. Mi serve qualche partita per raggiungere il miglior livello, ma comunque tutto ok. Devo lavorare di più, lottare di più in partita”

“Non sento alcuna pressione. Anche l’anno scorso ero numero 2. E’ normale essere là visto che ho vinto tanti match quest’anno, ora devo restare concentrata sul campo e lavorare più duramente”

Conferenza di presentazione anche per Eugenie Bouchard, la 21enne canadese che col suo fascino e la sua bellezza ha già conquistato Roma. Amore ricambiato:

“Roma è la mia città preferita. L’anno scorso sono venuta qui per la prima volta e mi sono subito innamorata. Per questo ho deciso che farò di tutto per esserci ogni anno”.

“Non mi preoccupa niente . Posso perdere anche i prossimi 5-10 match ma sopravviverò ugualmente. Io devo solo allenarmi duramente per mostrare qualcosa in partita. Se succederà questa settimana o la prossima, non importa”.

“Credo che ogni tennista sia un po’ preoccupata dal fatto di mettere su troppi muscoli, ma io penso di non aver mai ecceduto in questo senso. Adesso è uno dei miei obiettivi e non è certo un problema: per alzare i trofei bisogna avere i muscoli. Bisogna comunque mantenere un equilibrio: è una questione estetica, certo, ma anche di bilancio. Nel tennis dobbiamo anche essere veloci e flessibili. Io ho bisogno di forza e resistenza: mi sento bene fisicamente, ma ho bisogno di migliorare”.

Fonte: Internazionali Bnl d'Italia

domenica 10 maggio 2015

Importanti congressi nella comunità romena di Sanremo. Presente anche la televisione nazionale romena

sabato 09 maggio 2015

Al via oggi un fine settimana denso di eventi, di cultura, religione e tradizioni

Oggi alle ore 18 presso la chiesa Romena Ortodossa di Sanremo inizierà un fine settimana denso di eventi, di cultura, religione e tradizioni.

Nel pomeriggio si svolgerà la conferenza della 'Vita in Parrocchia dei Santi Cirillo e Metodio'. Proprio ai due Santi è dedicata la chiesa ortodossa di Sanremo, che quest’anno compie il settimo anniversario. Domani avrà luogo invece la festa parrocchiale e un pranzo speciale, offerto a tutti i parrocchiani nel giardino antistante la Chiesa.

"Questi due giorni sono molto importanti per la comunità romena ortodossa: “ Sono venuti a trovarci per l’occasione Padre Policarpo, del monastero romeno di Bram assieme alle suore e alla Madre superiora. Ci onoreranno della visita, partecipando alla conferenza, anche Padre Costantino, decano di Genova e Padre Giorgio di Savona. Queste giornate rappresentano una vitamina spirituale per la comunità. E’ la settima festa della Parrocchia e abbiamo bisogno di essere uniti per rinforzare la nostra fede e ricordarci le nostre origini” ci spiega Padre Claudiu, parrocco della chiesa dei Santi Cirillo e Metodio.

Per la grande occasione, sarà presente anche la televisione nazionale romena, TVR1, che effettuerà interviste oggi e domani, trasmettendole direttamente in Romania.

Il prossimo importante appuntamento religioso sarà venerdì 15 maggio alle h.18, giorno in cui avrà luogo la conferenza, in lingua italiana, delle 6 principali chiese cristiane presenti a Sanremo.

Stefania Orengo

Fonte: Sanremo News

La comunità romena vuole costruire una chiesa ortodossa

SACILE

L’annuncio di padre Pascariu: la decisione presa a Roma. In città sono 400 su 2.200 immigrati: «Vogliamo contare»

ROMENI ORTODOSSI

05 maggio 2015

SACILE. «Nuova chiesa ortodossa a Sacile: il progetto è per la comunità romena». L’annuncio è di padre Costantin Pascariu che ha fondato un tempio a Prata.

La decisione è stata presa a Roma nel nome dell’ecumenismo per Sacile: sarà il terzo polo nel Friuli occidentale, dove le comunità ortodosse si concentrano a Pordenone e a Prata. «I romeni sono oltre 400 a Sacile e chiedono un tempio per pregare, invece la nostra chiesa a Prata è aperta da oltre un anno in un capannone industriale ma ci costa troppo di affitto: 700 euro mensili – dice padre Costantin –. Chiediamo un aiuto alle persone di buona volontà: nella zona di Prata o Brugnera una sala per la chiesa con un affitto sostenibile. L’appuntamento comunitario è ogni domenica e anche Sacile sarà un punto di fervore religioso e sociale».

La comunità romena sacilese, intanto, mette in fila i numeri e tassi di integrazione: sono alti. «Non siamo invisibili perchè diamo il nostro contributo, paghiamo le tasse e gli affitti, facciamo i lavori umili e sforzi per integrarci – spiegano gli ortodossi nel sito web dedicato ai romeni di Sacile –. Siamo oltre 400 di circa 2.200 stranieri in città, cioè il 12% e con tutto ciò non abbiamo un rappresentate nel consiglio comunale e non possiamo partecipare alla vita amministrativa».

Il centrodestra aveva lanciato il feeling con la comunità romena nel 2014 e schierato Silviu Voineagu nella lista “Ceraolo sindaco-civica per Sacile”. Al voto è andato una percentuale minima di “comunitari”: 28 nelle europee e 23 nelle comunali. «Non ho tessere di partito e sono un indipendente – ha dichiarato Silviu Voineagu, che poi non è stato eletto –. Ho accettato la candidatura che mi è stata offerta per creare una rappresentanza in Comune della nostra comunità romena».

L’obiettivo dichiarato è quello dell’integrazione. «La partecipazione dei cittadini romeni al voto – dice Voineagu – è un buon segnale di inclusione». Ma a Sacile sono due i club “George Enescu”.

I romeni si dividono tra i leader Voineagu e Carina Cesa Sava. Il problema segnalato è quello di un’associazione “clone”, che divide la comunità dell’Est in terra liventina. I dissapori hanno lasciato il segno, che ha portato a una lacerazione. I due gruppi romeni creano appuntamenti gastronomici, festeggiano le tradizioni e guardano avanti. L’integrazione è l’obiettivo dei “club” e, chissà, che una chiesa ortodossa riporti all’unità. «La chiesa è una stella polare – conferma padre Pascariu - che dà un’identità: nella fede».

Fonte: Messaggero Veneto

Regionali, Forza Italia in Veneto candida l’imprenditrice romena

lunedì 4 maggio

Per le elezioni in Veneto, Forza Italia ha candidato al Consiglio una cittadina di origine romena. Si tratta di Sanda Radulescu, imprenditrice «ed esponente di quel mondo di nuovi italiani – rileva una nota di Forza Italia – che lavorano e rispettano le leggi italiane, a cui Forza Italia guarda con interesse quale promotori di una reale integrazione sociale ed anche politica».

Forza Italia: esempio di integrazione virtuosa

Sanda Radulescu è impegnata in politica nelle file del Partito identità romena (Pir), membro della Segreteria nazionale ed è conosciuta a Verona come persona inserita nel tessuto sociale della zona e nella locale comunità romena di cui è membro di rilievo. La candidatura da parte di Forza Italia di una cittadina di origine romena in Veneto nelle file di Forza Italia rientra nel cammino di collaborazione del patto politico siglato il 7 aprile 2014 tra il Pir e Forza Italia «e costituisce un elemento di fiducia e soddisfazione per tutti coloro che credono che la comunità romena meriti attenzione sociale e politica dalle autorità e dai partiti italiani e dimostra che Forza Italia intende rivolgere la propria proposta politica a tutti quei nuovi italiani che vivono e lavorano legalmente», si legge in una nota di Fi. «La partecipazione dei cittadini romeni al voto in Italia è un ottimo segnale di vera integrazione europea», sottolineò Forza Italia in occasione dell’accordo che è stato già sperimentato alle elezioni europee e che è stato rinnovato per le imminenti amministrative.

Fonte: Secolo d'Italia

Ladispoli, visita del presidente romeno Iohannis

Mercoledì 06 Maggio 2015

"Ho avuto l'onore di portare al presidente della Romania Klaus Iohannis i saluti e di consegnare a nome del sindaco Crescenzo Paliotta e di tutto il Comune un libro sulla città di Ladispoli, con l'impegno di una sempre più proficua cooperazione tra le due realtà nazionali". Il delegato ai rapporti con la Comunità romena, Adrian Gherman, ha così commentato l'incontro con il presidente della Romania avvenuto a Roma in occasione della sua prima visita ufficiale in Italia.
"Oltre agli impegni istituzionali - ha proseguito Gherman - con il presidente Sergio Mattarella, con il premier Matteo Renzi e il presidente del Senato, Pietro Grasso, il presidente Johannis ha voluto incontrare i rappresentanti della comunità romena in Italia, presso il Palazzo della Cancelleria a Roma in un incontro organizzato dall'Ambasciata della Romania in Italia. Durante questo incontro il presidente Iohannis ha ringraziato tutta la comunità romena per la convinta partecipazione al voto, fondamentale espressione di democrazia e ha menzionato che il Parlamento Romeno sta per adottare una legge per il voto per corrispondenza".

Fonte: TRC Giornale

Doi cicliști români, pentru prima dată în istorie în Turul ciclist al Italiei

Miercuri, 6 Mai 2015
Sursă: REALITATEA.NET
Autor: Agerpres

Eduard Grosu (stânga) va participa la marea competiție ciclistă din Italia / FOTO: Eduard Grosu/Facebook

Site-ul oficial al echipei de ciclism de nivel pro-continental Nippo - Vini Fantini a anunțat, miercuri, cei 9 rutieri înscriși pe lista definitivă pentru Turul Italiei 2015, între cei selecționați de antrenorii Stefano Giuliani, Mario Manzoni și Hiroshi Daimon aflându-se și românul Eduard Grosu, care, astfel, devine al doilea sportiv din țara noastră, după Serghei Țvetkov (Androni), înscris în acest mare tur.

Așa cum se stabilise și la înscrierea inițială, căpitan al formației nipono-italiene este italianul Damiano Cunego, câștigător al Turului ciclist al Italiei în 2004, care va fi susținut în cursă de Daniele Colli, Pierpaolo De Negri, Alessandro Bisolti, Alessandro Malaguti, Eduard Grosu, Giacomo Berlato, Riccardo Stacchiotti, Manabu Ishibashi.

Într-o declarație acordată site-ului citat, Stefano Giuliano a comentat astfel alegerea făcută: "Să decizi este întotdeauna dificil, m-am consultat cu Mario Manzoni și Hiroshi Daimon și am ajuns la o părere comună, că acești 9 alergători în acest moment sunt cel mai bine pregătiți pentru a se confrunta cu o cursă lungă, dură și selectivă precum Giro d'Italia. Suntem mândri că am fost invitați de RCS sport și emoționați. Vrem să onorăm acest wild card primit și sperăm să aducem multe satisfacții prin faptul că ne vom pune în evidență în fiecare etapă".

Astfel, după 79 de ani, de la Turul Franței din 1936, o dată cu prezența celor doi rutieri din țara noastră în Giro, Eduard Grosu și Serghei Țvetkov, România va participa din nou la startul unui mare tur ciclist. Prima prezență românească, aceea din Marea Buclă 1936, i-a avut drept protagoniști pe Nicolae Țapu, Virgil Mormocea, George Hapciuc și Constantin Tudose.

Sursa: Realitatea

domenica 3 maggio 2015

Mostra - Discrepanze. Tre artisti romeni: Diana Vasiliu, Cristian Godeanu, Ionut Stefan‏

ACCADEMIA DI ROMANIA IN ROMA

INVITO

MOSTRA D’ARTE CONTEMPORANEA

"Discrepanze"

Artisti romeni: Diana Vasiliu, Cristian Godeanu, Ionut Stefan

Vernissage: Martedì 5 maggio, ore 19:00

Accademia di Romania. Sala Esposizioni.

Ingresso libero.

MOSTRA D'ARTE CONTEMPORANEA

DISCREPANZE

(5 - 12 maggio 2015)

Artisti:

Diana Vasiliu
Cristian Godeanu
Ionut Stefan

Discrepanze

Mostra d'Arte Contemporanea

Tre, giovani, artisti romeni: Diana Vasiliu, studentessa presso il dipartimento di Pittura dell'Accademia di Belle Arti di Roma, Cristian Godeanu e Ionut Stefan, studenti del dipartimento di Scultura all'Università Nazionale delle Arti di Bucarest che esibiranno una serie di lavori consistenti in dipinti, sculture, installazioni, opere grafiche e ceramica.
La combinazione tra tradizione ed innovazione dà rilievo ad un dialogo plastico dedicato ad una realtà divergente, come elemento di base del livello sociale ma anche la trasformazione dei valori culturali nel corso del tempo e dello spazio. La formazione professionale assai varia dei tre giovani talenti lascia al tempo stesso tre diverse prospettive, essendo questo il primo punto da cui scaturisce la realtà divergente.

La mostra potrà essere visitata tutti i giorni dal 5 al 12 maggio 2015 nella Sala Esposizioni dell’Accademia di Romania, Viale delle Belle Arti, 110, nell'orario 17.00-19.00.
Ingresso libero.

Accademia di Romania in Roma

Compositori romeni in contesto europeo‏, Silvia Sbarciu in concerto di pianoforte

In occasione della celebrazione della
Festa dell’Europa, l’Accademia di Romania vi invita al concerto per pianoforte

COMPOSITORI ROMENI IN CONTESTO EUROPEO sostenuto da

Silvia SBÂRCIU.

Il concerto si terrà Lunedi, 4 maggio 2015, ore 20.30, Sala Concerti, presso l’accademia – Piazza José de San Martin, 1 – 00197.

In programma:
Louis Coperin
Eduard Terenyi
Domenico Scarlatti
Tudor Feraru
George Enescu
Claude Debussy
Serghei Prokofiev

Silvia Sbârciu

Avendo una solida formazione internazionale, Silvia Sbârciu ha cominciato la sua preparazione musicale nella sua città natale di Cluj-Napoca (Scuola di Musica "Sigismund Toduţă" e Accademia di Musica "Gh. Dima"). Ha seguito la conosciuta istituzione di istruzione superiore musicale Staatliche Hochschule für Musik und Darstellende Kunst in Mannheim (Germania) dove ha approfondito gli studi nella classe di Prof. Paul Dan. Stage professionali di pianoforte con grandi maestri del mondo dell'arte e alcuni insegnanti importanti (Karl Heinz Kämmerling dal Mozarteum di Salisburgo in Schleswig - Holstein Musikfestival, Lev Naumov dal Conservatorio di Mosca, Leon Fleischer alla Juilliard School of Music di New York, Konstantin Scherbakov, Dmitri Alexeev, Felix Gottlieb e Sviatoslav Pochekin in International Klavierakademie Murrhardt - Germania) hanno contribuito alla formazione del suo profilo artistico. La sua evoluzione è stata fortemente influenzata dalla partecipazione a IKIF (Keyboard Istituto Internazionale e Festival - New York, USA), dove ha lavorato con i pianisti Sontraud Speidel, Akiko Ebi, Asaf Zohar e il direttore Eduard Zilberkant.

Sia come solista, che come partner di musica da camera, ha partecipato a importanti festival: Festival "Autunno Musicale di Cluj", Festival "Mozart", "Festival di Interpretazione del Lied - Ionel Perlea" o 3. internationale Treossinger Tastentage di Trossingen, Germania, dove ha sostenuto un corso di maestria.

Oltre alla elevata attività solistica svolta insieme alle orchestre filarmoniche di Cluj - Napoca, Timisoara, Oradea, Sibiu, Targu Mures, Ploiesti, Brasov, ecc., sotto la direzione di Mihai Agafita, Ilarion Ionescu Galati, Paul Mann, Aurelio Canonici, Jozsef Horvath, Florentin Mihăescu, Janko Zsolt etc. e recitali solistici e concerti tenuti in Romania, Germania, Francia, Svezia, Stati Uniti, ecc, Silvia Sbârciu è conosciuta anche come un partner per musica da camera, dedicandosi con passione al rapporto testo letterario / testo musicale nel duo pianoforte-voce.

Accademia di Romania in Roma

Lirica: Al via il Bando 2015 per cantanti lirici del Concorso lirico internazionale Jole De Maria‏


CONCORSO LIRICO INTERNAZIONALE
JOLE DE MARIA
III edizione
Monterotondo (Roma) - 24 - 27 giugno 2015

AL VIA IL BANDO 2015 PER CANTANTI LIRICI
DI TUTTI I REGISTRI VOCALI

Iscrizioni entro il 18 giugno 2015

Al via il bando della terza edizione del Concorso Lirico Internazionale Jole De Maria che si terrà a Monterotondo (Roma), presso il Teatro Comunale Ramarini, dal 24 al 27 giugno 2015, dedicato a cantanti lirici di tutti i registri vocali – soprano, mezzosoprano/contralto, controtenore, tenore, baritono, basso - e di tutte le nazionalità. Tutte le informazioni per l’iscrizione, che scade il 18 giugno 2015, sono visibili al link www.concorsoliricojoledemaria.eu. Ai vincitori saranno assegnati tre Premi in denaro: 2.000 euro al primo classificato, 1.000 euro al secondo classificato e 500 euro al terzo classificato. Previsti anche due premi in denaro assegnati dal pubblico.

La Giuria è formata da 5 prestigiosi personalità del mondo musicale – il Presidente di giuria, la soprano Elizabeth Norberg-Schulz, quindi Andrea De Amici, della In Art Management di Milano; Antonio Marzullo, segretario Artistico del Teatro Verdi di Salerno; Cristiano Sandri, segretario Artistico del Teatro Maggio Musicale Fiorentino e il basso Roberto Scandiuzzi. Il Concorso, a cura dell’Associazione Culturale Arcipelago, con la direzione artistica di Irene Bottaro e l’organizzazione di Eleonora Vicario, si articolerà in tre fasi: il 24 e 25 giugno si terranno le prove eliminatorie, il 26 giugno la prova semifinale, mentre la prova finale si terrà il 27 giugno. Per chi attesti di aver vinto il Primo Premio di un Concorso Lirico internazionale, accederà direttamente alla prova semifinale. Il concorso metterà a disposizione il pianista per l’accompagnamento dei partecipanti e due professionisti che si occuperanno delle acconciature e del trucco: le concorrenti potranno infatti usufruire gratuitamente di eleganti acconciature: richiami al passato, code, chignon, trecce complicate, sperimentazioni eccentriche. Spazio anche a masterclass e incontri sul futuro del mondo della lirica in Italia. Durante le tre giornate verranno raccolti fondi per la Ricerca sul cancro.

“Questo progetto – sostiene la direzione artistica - nasce per porre l’accento sulla Ricerca per sconfiggere il cancro, per divulgare la conoscenza della musica lirica e per sostenere nuovi talenti musicali. Inoltre, intendiamo promuovere Enti e Aziende che contribuiscono alla riuscita del progetto, favorendo la valorizzazione di Monterotondo, a 25 chilometri da Roma, poggiato su una collina che domina la valle del Tevere, con una lunga tradizione in campo musicale, collegandolo maggiormente all’Europa e stimolandone la crescita economica. Infine, vogliamo ricordare Jole De Maria, artista lirica morta di cancro nel 2007, che ha cantato in grandi teatri internazionali”.

Durante le giornate verranno raccolti fondi per la Ricerca sul cancro.

Per maggiori informazioni
www.concorsoliricojoledemaria.eu
info@concorsoliricojoledemaria.eu
cell 366 4974891
Facebook: www.facebook.com/Concorsoliricojoledemaria

Ufficio stampa
Carlo Dutto
carlodutto@hotmail.it
cell. 3480646089
Twitter: Carlo Dutto Press

International Music Competition for Youth Dinu Lipatti / Concorso Internazionale di Musica per Giovani Dinu Lipatti‏


Nel periodo 4-8 maggio 2015, Accademia Musicale Mediterranea e l'Accademia di Romania in Roma organizzano

International Music Competition for Youth “Dinu Lipatti”/

Concorso Internazionale di Musica per Giovani "Dinu Lipatti".

Tutte le prove saranno pubbliche e si svolgeranno nella sala concerti dell'Accademia di Romania, Piazza José de San Martin, nr. 1, come segue: Martedì 5 maggio alle 9:00 si terrà la prova per chitarra, dalle ore 10.00 le prove per duo pianoforte, dalle 15.00 alle 18.00 le prove per pianoforte che continueranno Mercoledì 6 Maggio e Giovedi 7 maggio, per categorie di età, fino alle ore 18,30 quando inizierà la prova dedicata al clarinetto. Venerdì 8 maggio, l’ultimo giorno di concorso, inizierà alle 9:00 con la prova d'archi e duo violoncello / pianoforte, seguita dall'ultima prova di pianoforte alle ore 12.00. Il concorso si concluderà con il Concerto dei Vincitori che si terrà Venerdì 8 maggio alle ore 19.00 nella Sala Concerti dell'Accademia di Romania.

Ulteriori informazioni sul concorso sono disponibili sul sito internet: www.accademiamusicalemediterranea.it.

Accademia di Romania in Roma

Radu Teaca: "per la Romania un Padiglione in armonia con la natura"

ECONOMIA

Vivere in armonia con la natura. E' questo il messaggio che la Romania porta ad Expo 2015. E lo fa con un padiglione che richiama il villaggio tipico rumeno in un Paese in cui le tradizioni si fondono con la modernità, offrendo al mondo risorse accessibili, sostenibili e affidabili, con la difesa della biodiversità, la sicurezza di un’alimentazione sana, la promozione di valori culturali e l’incoraggiamento all’uso di energie pulite. (Fotogallery)

Il padiglione rumeno è un’interpretazione contemporanea di un villaggio tipico, in cui i visitatori sono invitati a informarsi sulla cultura, le fonti di cibo naturali, le soluzioni ecologiche per uno sviluppo sostenibile. È progettato per dare un’esperienza unica, specifica del micro universo rumeno, che si svela gradualmente nel corso della visita. Lo ha illustrato l'architetto Radu Teaca nel corso di una delle 'lezioni' promosse dal Politecnico di Milano con i principali artefici dei padiglioni più significativi che saranno in mostra all'Esposizione universale. È una tipica casa rumena stilizzata strutturata su due livelli: il piano terra, dedicato alla contemporaneità, e il primo piano, dedicato alla tradizione.

Un grande flauto di Pan con la scritta a lettere cubitali “Romania” contraddistingue l’accesso principale. Le attività espositive sono divise in otto aree. Al piano terra “Biodiversità”, “Cultura ed energia verde”, “Frutta e verdura”, “Cultura e tradizione”, “Arte culinaria”, e al primo piano “Giardino”, la “Casa” (sede del ristorante) e il “Porticato”. Queste aree rappresentano, oltre alla connessione con la natura, il simbolo del “villaggio della Romania”, che ha la possibilità di rivivere e di ristabilire i suoi valori attraverso il turismo agricolo, i prodotti ecologici, la cucina rumena. Il ristorante offre piatti e assaggi provenienti da diverse aree storiche del Paese, presentando le peculiarità di ogni regione. Il simbolo unificante dell’esperienza è Lia (Ciocârlia), personaggio del folklore rumeno che, impersonato da attori o presente come ologramma, trasmette visivamente e acusticamente il brillante messaggio della Romania, di fusione di tradizione e contemporaneità in mezzo alla natura.

Fonte: Adnkronos

Marca Aperta sulla Romania‏

Segnaliamo la rivista Marca Aperta che sta promuovendo luoghi turistici romeni per il pubblico italiano.

Sul sito sono stati pubblicati tre articoli dello scrittore e giornalista romeno Adrian Melicovici tradotti in italiano.

Mario Fontana
Editore “MarcaAperta”
Montebelluna (TV) - Via L. Da Vinci, 30/B
Cell. 3333700876 - www.marcaaperta.it

Romania: due secoli di satira

Dodo Nita 13 aprile 2015
Ary Murnu

Dal diciannovesimo secolo ai giorni nostri, una rassegna dei principali illustratori satirici della Romania, le loro caricature e i rapporti col potere
(Pubblicato originariamente da Les Nouvelles de Roumanie nel marzo 2015, tit. orig. "La caricature roumaine sous perfusion")

L'arte della caricatura in Romania si è sviluppata di pari passo con l'affermarsi della stampa, a partire dalla fine del 19mo secolo. Più la tecnica tipografica migliorava più cominciavano ad apparire riviste satiriche. Purtroppo, inquadrata nel periodo comunista e messa in ginocchio dopo la “Rivoluzione” dalle carenze economiche, questo genere che ben incarna lo spirito romeno è in via di sparizione.
Molti nomi dominano il campo dell'illustrazione nel periodo in cui la Romania è divenuta un regno: Constantin Jiquidi, Francisc Sirato, Nicolae Tonitza, Ion Anestin, Iosif Ross Petrescu Gaina. Tra questi Constantin Jiquidi è stato un vero precursore, estremamente prolifico nonostante sia morto giovane (a 34 anni, 1865-1899). Le su caricature sono state esposte in varie mostre ed ha pubblicato anche un libro, titolato semplicemente “Caricature”. Attorno al 1895, il giovane artista si recò a Parigi per fare pratica. Lavorerà in varie redazioni e sotto l'influenza di una pubblicazione dell'epoca che presentava la storia di Cristoforo Colombo a fumetti, pubblicherà nel 1896, al suo ritorno a Bucarest, i primi fumetti in Romania.
Ma sarebbe un'ingiuria non nominare l'influenza decisiva che ha avuto in questo campo uno dei più grandi scrittori romeni, Ion Luca Caragiale (1852-1912), autore in particolare di pezzi teatrali satirici sui suoi contemporanei e sulla classe politica dell'epoca. D'altronde la principale, e di fatto l'unica rivista romena contemporanea che ha fatto della caricatura la propria specificità, sia per le sue illustrazioni che per i suoi articoli – e spesso paragonata al Canard Enchaîné - Academia Catavencu, ha preso ispirazione per il suo nome da una delle opere principali di Ion Luca Caragiale: “Una lettera perduta”.

Re, banconote e francobolli
L'ambiente della caricatura dei primi decenni del '900 è stato caratterizzato dalla figura di Ary Murnu. D'origine arumena, è nato nel nord della Grecia nel 1881. Dopo studi in campo artistico in Germania e Romania, si stabilì a Bucarest e si sposò con una romena. Incredibilmente talentuoso e prolifico, pubblica illustrazioni su libri (in particolare manuali scolastici), fumetti (nelle riviste Lumea Copiilor e Lumina Copiilor) e soprattutto vignette in varie riviste come Belgia Orientului, Reforma, Duminica.
Nel giornale satirico Furnica (1918-1930) si mostra particolarmente feroce nei confronti della monarchia. Ma quando la rivista chiude, nel 1930, Murnu cambia totalmente registro, abbandona la satira e comincia a lavorare per lo stato romeno, disegnando banconote e francobolli.... alcuni dei quali raffigurano vari monarchi romeni, presi di mira qualche mese prima.
Nel corso della sua carriera l'illustratore ha ricevuto numerosi riconoscimenti. Con l'instaurarsi del comunismo, nel 1944, Ary Murnu si ritirerà in pensione, vivendo sino all'età di 90 anni.

Uno all'indice, l'altro a Parigi
A partire dagli anni 30 e sino alla presa del potere dei comunisti, la satira romena sarà incarnata da due illustratori concorrenti, ma ciononostante amici: Neagu Radulescu e George Voinescu.
Neagu Radulescu ha pubblicato romanzi e fumetti ma è conosciuto in particolare per le sue vignette sulla vita politica e artistica della Romania. Purtroppo, tra le sue creazioni vi è il fumetto del soldato Neata che combatte i bolscevichi e questo gli varrà la messa all'indice dopo la fine della Seconda guerra mondiale e il divieto a pubblicare che durerà per 15 anni. Verso la fine della sua vita verrà “recuperato” dal regime e potrà tornare a pubblicare, sia vignette che romanzi.
Il più giovane George Voinescu è emulo dello stesso Radulescu e finirà col fargli ombra con le sue mostre e le sue illustrazioni. Dopo l'arrivo dei comunisti al potere lavorerà come scenografo in un teatro e approfitterà del breve momento di liberalizzazione della società romena, nel 1968, per trasferirsi a Parigi, dove si guadagnerà da vivere illustrando numerose copertine di libri.

Una caricatura in salsa sovietica
Quando il comunismo si è definitivamente instaurato in Romania, alla fine del 1947, la satira ha seguito l'esempio sovietico: è diventata un nuovo strumento del regime.
Per almeno 15 anni vittima designata dei nuovi caricaturisti romeni sarà il capitalismo e il militarismo americano, inglese e tedesco, elevati a nemici del popolo romeno assieme ai borghesi, agli industriali e ai politici del regime appena abbattuto in Romania.
Forse a causa della sua lunga amicizia con la Romania, o forse perché non pesa poi più molto sullo scacchiere internazionale dopo l'occupazione del 1940, la Francia sarà risparmiata. E' una rivista mensile, Urzica, a raccogliere la maggior parte dei lavori dei caricaturisti romeni tra il 1948-1989. Dopo l'arrivo al potere di Nicolae Ceaușescu, che auspica un ravvicinamento con i paesi occidentali, le vignette critiche nei loro confronti spariscono dalle pagine di Urzica. Gli illustratori romeni iniziano a ridicolizzare il romeno medio, evitando in ogni caso di toccare i membri del Partito comunista romeno.

Fuoco di paglia
Con la “Rivoluzione” la satira romena, dopo aver conosciuto un primo periodo di straordinaria effervescenza, entra in un lungo periodo di agonia. Nacquero numerose riviste satiriche ma, - abbattute dall'inflazione, dalla situazione economica precaria, dall'impoverimento dei lettori, dalla loro perdita d'interesse per la situazione politica generale - spariscono altrettanto velocemente.
Gli illustratori non sono più in grado di vivere del loro mestiere che abbandonano, per guadagnarsi da vivere in altri modi.
Attualmente esistono solo tre riviste satiriche: Academia Catavencu, Catavencii, Kamikaze, tutte e tre nate dalla chiusura della rivista Academia Catavencu, che ha caratterizzato il decennio 1990-2000. Sono pochi gli illustratori che riescono a pubblicare quotidianamente o ogni settimana i loro lavori: sono Terente su Evenimentul Zilei, Vali Ivan su Adevarul; Mateo su Curierul. Bogdan Petry disegna regolarmente copertine umoristiche per Evenimentul Zilei e Catavencii. Costel Patrascan firma regolarmente caricature per Academia Catavencu.
Al di fuori della capitale Bucarest è ancora peggio. Lucian Amarii - Jup, di Iasi, è l'unico che vale la pena menzionare. Ha iniziato la sua carriera nel 1990, sotto l'influenza dei disegni di Wolinski. Non bisogna però dimenticare Gabriel Bratu, di Craiova. A 80 anni resta il solo vignettista romeno fedele al suo giornale Inainte/Cuvantul Libertatii, dove pubblica le sue illustrazioni umoristiche fin dal 1948!

Fonte: Osservatorio Balcani e Caucaso

Renzi vede presidente Romania: sul tavolo immigrazione e Russia

Roma, 28 apr. (LaPresse) - Le tecniche con le quali la Romania fronteggia l'immigrazione clandestina lungo le coste del Mar Nero. E' stato uno dei temi toccati stamane nell'incontro tra il premier Matteo Renzi e il presidente romeno Klaus Iohannis. Iohannis, in visita ufficiale in Italia, ieri ha incontrato il capo dello Stato Sergio Mattarella e oggi è stato ricevuto a palazzo Chigi.

L'esperienza, però, non è sovrapponibile. Il principale problema della Romania nel controllo delle frontiere è quello della corruzione. E così negli ultimi anni diversi procuratori anticorruzione, versione romena del nostro Raffaele Cantone, hanno lanciato una guerra al fenomeno. Risultato, molti agenti della polizia di frontiera, della guardia di finanza e della polizia, sono finiti in manette. E oggi molti funzionari, spiegano cronisti della stampa romena che stamane ha affollato la sala stampa di palazzo Chigi, hanno smesso di accettare mazzette perché temono che a offrirgliele sia un agente sotto copertura.

Sul piano diplomatico, l'incontro si è concentrato sui temi cari rispettivamente a Roma e Bucarest. Renzi ha ribadito che "il Mediterraneo non deve essere un cimitero" e ha chiesto appoggio in sede Ue alle iniziative italiane per affrontare l'emergenza sbarchi.
Iohannis ha chiesto una posizione ferma, da parte dell'Italia, nei confronti della Russia sulla vicenda ucraina e sostegno per le rischieste romene su Schengen. Anche se ha lo ha firmato, infatti, al momento per la Romania il trattato non è in vigore (così come per Cipro, Croazia e Bulgaria).

Sul tavolo anche l'immigrazione in Italia, dove risiede oltre un milione di romeni. Iohannis ha assicurato cooperazione sul fronte della sicurezza, mentre Renzi ha spiegato che oggi il fronte caldo per l'Italia è diventato quello del Mediterraneo. L'Italia ha poi assicurato la propria partecipazione ai festeggiamenti in programma in Romania nel 2018 in occasione dei cento anni dalla fine della prima guerra mondiale.

Fonte: La Presse


Citeste si:
Klaus și Carmen Iohannis s-au plimbat pe străzile Romei
Klaus Iohannis, înainte de vizita oficială în Italia. Care sunt temele de discuție