La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

lunedì 29 giugno 2015

Expo Milano Pavilionul Romaniei - Lansarea cartii "O privire catre România‏"


Press Release
Il Bosco di San Francesco - O privire catre România -
Platforma interculturala de arta pentru pace și dialog

Milano– 1 iulie 2015, orele 16:00, la Expo Milano, Pavilionul Romaniei găzduiește lansarea cartii “Il Bosco di San Francesco” - O privire catre România -.

"Il Bosco di San Francesco" este o serie de 25 de fotografii de format mare realizate de fotografa de origine italiana Beba Stoppani între 2010 și 2012 în cadrul “Padurii lui San Francesco din Assisi, Italia”, pădurea milenară și centrul mistic al Italiei și al lumii, unde natura, istoria si spiritualitatea se imbina într-o cale solitara, interculturala și religioasa.
Clic dupa clic, prin tehnica simpla a miscarii imaginii (deformarea imaginii), Beba Stoppani transcende progresiv aspectele mimetice ale păduri pentru a izola viziunea sa, tese transparente, sculturi, dizolva atmosfere luminoase, urmărind formele estetice, desenand mandala, intampinand structura arborescentă în stadiul actual, într-o legătură constantă între interior şi exterior, aducând privitorul să se cufunde în contemplarea unui material realizat în întregime optic.
Expoziția, un proiect al artistei Beba Stoppani, in grija criticului Ilari Valbonesi si al jurnalistei Irina Tirdea, este in plina dezvoltare, cu scopul de a crea o platformă relationala în jurul valorilor cuprinse de Padurea lui San Francesco.

Etapă cu etapă, artiști, muzicieni, scriitori, oameni de stiinta au fost invitați să intre în rezonanță cu expoziția de fotografie și să contribuie la ea cu ideale și experiența lor din "Il Bosco di San Francesco", conectand diferite locații geografice și o moltitudine etica a privirilor și perspectivelor într-un proiect de artă în curs, cu scopul de a crea o platformă de arta intineranta internațională de pace si dialog.

Ca urmare a acestei expoziții a fost realiazata o carte Italo - Romana "O privire catre România" - o reflecție asupra asemănările dintre cele două țări - Italia – România. (Texte realizate de: Irina Tirdea, Violeta Popescu, prefata George Bologan, Consul General al Romaniei la Milano.)
Temele principale care pot fi identificate sunt: protecția creației; refugierea de zgomotul și poluarea lumii în toate sensurile; contemplarea, cunoașterea si prietenia dintre Italia și România.

Acest proiect a fost realizat cu sprijinul orașului Assisi, Umbria, FAI - Bosco di San Francesco, Consulatului General al României la Milano, Institutului Cultural Italian la București, Institutul Român de Cultură și Cercetare Umanistică de la Veneția, Centrul de Cultura Italo-Roman la Milano, Institutul Italian de Cultură al orașului Mexic, Centrul Cultural Santo Domingo - Oaxaca, , Ora World Mandala Lab. For Ahimsa through Art and Science Peace Research Centre, Gujarat Vidyapith (University founded by Mahatma Gandhi in 1920) India, Academia Romana de la Roma.
Press Office Irina Tirdea
irina_tirdea@yahoo.com cell. (0039)3443800777
---------------------------------------------

- Il Bosco di San Fancesco – Uno sguardo sulla Romania (O privire catre Romania)

Da sempre il bosco è un atelier a cielo aperto per l'arte immersa nell'ambiente che ci circonda. Anche quando ci appare come un fondale impenetrabile. Spettacolo di natura, spazio di libertà e di pensiero, il bosco fa il suo ingresso nell'arte fotografica del diciannovesimo secolo, rivoluzionando la pittura e il gusto per il paesaggio, con i ritratti della foresta di Fontainebleau di Gustave Le Gray in cui, la luce, filtrata dai rami, crea un'atmosfera di arte sacra molto amata da tutti i pittori che vi si rifugiano: Courbet, Rousseau, Corot; negli stati d'animo sospesi e colti in natura da Monet, Sisley e Renoir con la rapidità di un’impressione. Un movimento dell'arte nell'arte della rappresentazione in un magnifico laboratorio "a grandezza naturale" che unisce la tecnica pittorica con quella fotografica, nell’eccitante sfida di cogliere, con immediatezza sensuale, il mutare della luce e i misteri dell'eterno, fino a incantarsi nel dripping di una foresta di Pollock.

Dintotdeauna “Pădurea”a fost considerata un “Atelier in aer liber” pentru arta, cufundat în mediul care ne inconjoara, chiar şi atunci când pare să fie un fundal impenetrabil. Spectacol de natura, spaţiul şi libertatea de gândire - padurea si – a făcut intrarea sa în arta fotografică in secolul al XIX-lea, revoluţionand pictura şi gustul pentru peisaj, cu portrete ale pădurii Fontainebleau ale lui Gustave Le Gray unde lumina, filtrata de ramuri, creează o atmosferă de artă sacră, adorata de pictorii rifugiati cum ar fi: Courbet, Corot, Rousseau; in starile de spirit suspendate si intelectuale in natura lui Monet, Sisley şi Renoir cu rapiditatea unei impresii. O mişcare de artă în arta, in reprezentarea unui laborator magnific "in mărime originala", ce uneste tehnica de pictura cu cea a fotografiei, în incitanta provocare de a intampina, cu o senzualitate imediata, modificarea luminilor şi tainele eternului, pana a ne incanta de tecnica de “dripping” al pădurii lui Pollock.

Il Bosco di San Francesco è il titolo di una serie di 25 fotografie di "luce ed energia" scattate tra il 2010 e il 2012 da Beba Stoppani sulle pendici del Monte Subasio, a pochi chilometri da Assisi.
Il rigoglio della vegetazione e l'intimo legame con la storia e l'insegnamento del Santo di Assisi, Patrono d'Italia, fanno di questa selva un luogo mistico, unico al mondo. E' un luogo sacro che da sempre suscita venerazione; luogo iniziatico di crescita organica e di rigenerazione, segnato dall’ordine simbolico dell'eremo, ma nello stesso tempo impossibile da governare; luogo magmatico per sua costituzione, dove ogni territorialità sprofonda in natura: ossa, bacche, battiti animali, funghi, memoria vivente e perduta, tutto partecipa alla decomposizione della materia organica che si fa humus e alimenta la terra. Nel bosco di San Francesco ci si addentra camminando.

“Il Bosco di San Francesco” este titlul unei serii de 25 de fotografii realizate din "lumină şi energie" între anii 2010-2012 de catre artista Beba Stoppani pe pantele muntelui Subasio, la câţiva kilometri de Assisi in Italia.
Luxurianta vegetaţie şi legătura intimă cu istoria şi invatamintele Sfantului de Assisi, patronul spiritual al Italiei, fac din acest loc o pădure mistică, unica in lume. Este un loc sacru, care dintotdeauna a inspirat vegetatia; este geneza creşterii organice şi al regenerarii, marcat de ordinea simbolică al eternului, dar în acelaşi timp imposibil de guvernat; un loc magmatic pentru formarea sa, unde fiecare teritorialitate se prăbuşeşte în natură: oasele, fructele de padure, animalele, ciupercile, memoriale vii şi pierdute, toate participa la descompunerea materiei organice, care devine humus şi alimenteaza pământul, astfel incepem pelerinajul in pădurea Sfantului Francesco.

E' un passo senza nessun riparo, simile ad una pratica di meditazione in ascolto del ritmo cosmico, dove lo sguardo umile di Francesco, simbolo di amore per la natura e il creato, ritorna ad essere una sorprendente indicazione etica, estetica ed ecologica.
Ma il Bosco di San Francesco non è solo un cammino interiore alla scoperta di una natura sempre fonte di meraviglia: è il manifestarsi di un “sacro ritiro” che caratterizza anche il fare artistico e il venire alla luce dell'esperienza sensibile della luce stessa.

Acesta pelegrinaj este un popas fără nici un adăpost, similar practicilor de meditaţie în ascultarea ritmului cosmic, unde privirea umilă a lui Francesco, simbol al iubirii de natura şi al crearii, devine o indicaţie surprinzătoare al eticii, esteticii si al ecologiei.
Pădurea Sfantului Francesco nu este doar o calatorie interioara pentru a descoperi natura, ca si sursă de miracol: deasemenea este manifestarea “retragerii sacrului”, ce caracterizează artistul şi descoperirea experientei sensibile al luminii în sine.

Scatto dopo scatto, mediante la semplice tecnica del mosso, Beba Stoppani trascende progressivamente gli aspetti più mimetici del bosco per isolare la visione, tesse trasparenze, intrecciare matasse, sciogliere atmosfere luminose, rintracciare forme estatiche, disegnare mandala, cogliere l'arborescenza nella sua fase attuale, in un costante rimando tra interno ed esterno, portando così lo spettatore a immergersi nella contemplazione di una materia resa completamente ottica.

Clic dupa clic, prin tehnica simpla a miscarii imaginii (deformarea imaginii), Beba Stoppani transcende progresiv aspectele mimetice ale păduri pentru a izola viziunea sa, tese transparente, sculturi, dizolva atmosfere luminoase, urmărind formele estetice, desenand mandala, intampinand structura arborescentă în stadiul actual, într-o legătură constantă între interior şi exterior, aducând privitorul să se cufunde în contemplarea unui material realizat în întregime optic.

Il dispositivo d'attenzione - il taglio fotografico - focalizza e seziona il tratto di paesaggio sul quale l'artista punta la sua macchina ma, nello stesso tempo, eccede il suo atto di osservazione. Nel passaggio apprensivo, l'immagine dispiega il suo spazio etico: tempio a cielo aperto, in essa conviene una pluralità interspecifica di sguardi e prospettive dove gli eventi, imprevedibili, rimettono in gioco l'intera vita e unità di sviluppo e di percorso. In analogia, la mostra stessa è un divenire in corso d'opera, nella volontà di vivere un'esperienza in comune intorno ai valori di nonviolenza e di rispetto interspecifico e culturale. Cosi nasce il libro “Il Bosco di San Francesco” – Piattaforma interculturale di arte per la pace ed il dialogo – Uno sguardo sulla Romania.

Dispozitivul atentiei – incadrarea fotografica - focalizeaza si diseca punctul central al peisajului, pe care artistul îşi indreapta atentia, dar, în acelaşi timp, depăşeşte optica sa. În pasul receptiv, imaginea relevă spaţiul său etic: templu în aer liber, in aceasta este acceptata o pluralitate interspecifica de priviri şi perspective, unde evenimentele imprevizibile, pus în joc intreaga viaţa şi calea dezvoltarii.
În analogie, expozitia “Il Boscolo di San Francesco”este o opera in curs de dezvoltare, din dorinţa de a trăi o experienţă în comun în jurul valorilor de nonviolenţă şi de respect intercultural. Asa naste cartea "Il Bosco di San Francesco" - Platforma interculturala de arta pentru pace si dialog – o privire catre Romania.

Messico, Assisi, Italia, Milano, Venezia, Bucarest, Romania: tappa dopo tappa artisti, musicisti, letterati, scienziati di tutte le formazioni e le età sono invitati a contribuire con il loro vissuto del “Bosco" e della serie, mettendo così in relazione diverse prospettive formative e località geografiche nel mondo, in un dialogo continuo "sulle tracce" dell’altro che affiora così nella nostra stessa esperienza e ci trasforma.
Mexic, Assisi, Milano, Venetia, Italia, Bucuresti, Romania: etapa dupa etapa: artisti, muzicieni, scriitori, oameni de ştiinţă de toate vârstele şi formarile culturale sunt invitati să contribuie cu experienţa lor asupra "pădurii" si a acestui proiect, punand astfel in legatura diversele perspective formative si localizarea geografica din lume, într-un dialog continuu "pe urmele" celuilalt care ni se aseamana si care prin experienta sa ne trasforme.

Press Office
Irina Tirdea

Mostra dell'artista Daniela Nenciulescu a Venezia

pubblicato il: 24 giugno 2015

Daniela Nenciulescu

“L’OMBRA DELLE FALCI E LA STELLA POLARE”
a cura di Anna Comino
PICCOLA GALLERIA DELL’ISTITUTO ROMENO DI CULTURA E RICERCA UMANISTICA VENEZIA
Dal 3 al 24 luglio 2015
Inaugurazione
3 LUGLIO 2015 ore 18.30

Con il patrocinio di:
Consolato Generale di Romania a Milano Centro Culturale Italo-Romeno Milano
Promossa da:Fondazione Culturale Memoria Bucarest Romania

Attraverso una selezione di opere tratte dal ciclo L’ombra delle falci e la Stella Polare e L’annunciazione, Daniela Nenciulescu presenta negli spazi dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, gli ultimi lavori scultorei.
“L’allegoria”, scrive Anna Comino nella presentazione in catalogo, “è entrata prepotentemente nelle trame taglienti delle sue opere. (…) Quella sotterranea crisi individuale e storica che ha seguito quasi inconsciamente lo spirito errante della scultrice, appare allo scoperto e si mostra proprio grazie a sé stessa, alla sua stessa esistenza. (…) Dopo anni di vita “sradicata”, senza casa, Daniela recupera improvvisamente il centro delle sue origini (…) sospeso tra sacro e profano, fede e superstizione, Oriente e Occidente (…). Ogni scelta ruota intorno al viaggio metaforico e reale (che è sì partenza, ma spesso anche fuga), al ritorno (o resa dei conti) e alla speranza. Tre temi che completano e arricchiscono il lavoro.
L’artista aggredisce con rinnovata energia i ferri che le si presentano davanti. Scorpora rapidamente con tagli profondi e sicuri elementi sfregiati a vivo, saturi del rancore accumulato e dell’improvvisa pace che ha toccato il suo animo”. Alcune raffinate carte affiancano le opere plastiche indagando la tridimensionalità attraverso un uso anomalo della superficie del foglio, che evidenzia, ancora una volta, come il taglio sia l’elemento portante della costruzione della forma. Chiude l’esposizione un piccolo ciclo di libri d’artista, nei quali le poesie di Florentina Niţă e Paola Pennecchi danno voce ai mobili corpi cartacei, intrecciando indissolubilmente parole e immagini.
“I libri scultura diventano essi stessi elementi del percorso, quasi diari trasportabili, costanti spunti di riflessione sul significato del viaggio. Che è sì partenza, ma nel caso specifico di Daniela Nenciulescu è un’odissea che coincide con l’esilio, cioè allontanamento senza possibilità di ritorno, e che oggi, dopo lunghi anni, vuol dire anche Acasă, a casa”.

Piccola Galleria dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia
Mica Galerie a Institutului Român de Cultură și Cercetare Umanistică
Palazzo Correr (Campo Santa Fosca)
Cannaregio 2214, 30121 Venezia
info: +39 041 524 2309
www.icr.ro/venetia

Catalogo Edizioni Memoria disponibile in galleria
Orari : da martedì a domenica ore 10.00 – 12.00 e 16.00 – 19.00

Fonte: Cultura Romena

„Badante multe – probleme multe”. Seminar la Roma

Duminică, 28 iunie 2015, așa cum fusese anunțat, la sediul ISTISSS (Institutul pentru Studii Asupra Serviciilor Sociale) din Roma a avut loc o întâlnire dedicată lucratoarelor românce în domeniul asistentei sociale.

Aceasta este prima dintr-o serie mai lungă organizată de către Ambasada României in Italia și care se vrea un sprijin informațional pentru comunitatea foarte mare a lucrătoarelor românce din domeniul asistenței familiale, curățeniei și asistenței medicale.

Cuvantul de deschidere l-a avut Ovidiu Pufu, atasatul de presă al Ambasadei Române la Roma, care a mentionat grija pentru informare a instituției româneștin din Italia, nu nu mai cu acest prilej, ci și în cadrul altor evenimente, manifestări și simpozioane organizate de-a lungul timpului. Au urmat Aurelia Florea si Luisa Mango, reprezentantii ISTISSS, care au arătat importanța muncii îngrjitoarelor românce, o categorie foarte mare atât la Roma cât și în Italia, și dificultățile întâmpinate de acestea prin natura muncii sau prin necunoașterea legislației în vigoare, a depturilor și îndatoririlor.

Mirela Videa și Andrei Sfirloaga, atașați pe probleme de munca si sociale ai Ministerului Muncii, Familiei, Protectiei Sociale si Persoanelor Varstnice, au evidențiat, la rândul lor, cadrul legal existent dar puțin cunoscut de către lucrătoarele în acest domeniu și posibilitatea acestora de a se informa atât în centrele de asistență fiscală (CAF) cât și la atașatul cu probleme de sociale și de muncă din cadrul Ambasadei noastre la Roma.


De la Milano a fost pezentă Silvia Dumitrache, presedinte A.D.R.I., inițiatoarea unor proiecte dedicate mamelor și copiilor constrânși la despărțire din cauza nevoilor cotidiene. Silvia a vorbit despre obligțiile pe care fetele și doamnele care lucrează în familiile italienilor le au, dar și despre depturile lor, despre supunerea oarbă a unora la mesajul angajatorului de gen: „ți se dă o farfurie de mâncare si, dacă  nu iti convine, poti sa pleci!”. Totodată, presedintele ADRI a arătata rolul media în social,  cu acest prilej fiind proiectat un film ralizat pe această temă de căte RAI 1.
„ Pentru că se munceste greu, competent, se pune suflet aici si se lasa din suflet si acasa, drept care pentru farfuria aceea de mancare, lucrand cu acte in regula, trebuie sa ne cerem drepturile, si mai ales cu demnitate” iar statul italian cat si cel român trebuie sa isi asume raspunderea si tutela românilor plecati”.

Între profesioniști și publicul prezent în sală au existat dezbateri și discuții pe diferite teme și necesități cu care îngrijitoarele se întâlnesc deseori în câmpul muncii.
Mesajul organizatorilor a fost acela că, instituția ambasadei dar și instituțiile italienești din domeniu informează, ajută „badantele”, asistentele sociale sau îngrijitoarele, dar cu condiția ca și acestea să se intereseze și să semnaleze, ori de câte ori este cazul sau nevoie, problemele și nelămuririle avute.
Pentru mai multe detalii, aici veți găsi date necesare și contacte utile:

http://roma.mae.ro/sites/roma.mae.ro/files/ghid_lucratori_de_ingrijire_2015.pdf

Sursa:Emigrantul

sabato 27 giugno 2015

Seminar pentru asistentele familiale


Duminică, 28 iunie, între orele 10-13, Ambasada României în Italia organizează în colaborare cu ISTISSS (Istituto per gli Studi sui Servizi Sociali) o întâlnire dedicată lucrătoarelor românce în domeniul asistenței familiale.

În cadrul întâlnirii vor fi abordate subiecte de interes precum:
- drepturile lucrătorilor în domeniul asistenței familiale;
- consiliere privind domeniul asistenței fiscale;
- organizarea de cursuri de formare profesională în domeniu gratuite;
- organizarea sub formă de asociații sau organizații sindicale;
- popularizarea experiențelor de migrație și muncă în mass-media și societatea italiană.

Întâlnirea se dorește a fi un eveniment-pilot dintr-o lungă serie de întâlniri similare care să răspundă nevoilor de informare ale asistentelor familiale și care să creeze un forum interactiv și de schimbare de bune practici.

Adresă: Viale di Villa Pamphili 71c, 00152 Roma

Mijloace de transport: Stație tren Quattro Venti, Linia FL3. Autobuze: 44, 710, 871, 981.
Pentru confirmări (inclusiv colective) vă rugăm trimiteți email la roma.social1@mae.ro

Pagina evenimentului :Seminar pentru asistentele familiale 

 Sursa :Facebook

Dor de Eminescu (Nostalgia di Eminescu) - Teatromania emersioni _ sceniche


Welcome back in Romania

In «viaggio negli spazi generosi dell’Accademia di Romania», teatROmania_emersioni sceniche, il festival della cultura romena, torna ad animare l’apertura dell’estate romana.

Nato nel 2010 grazie alla sinergia della Telluris Associati di Pontedera e FIRI (Forum Intellettuali Romeni d’Italia) e giunto, dunque, alla sua quinta edizione, teatROmania_emersioni sceniche, dopo aver messo in scena «circa trenta spettacoli, la maggior parte riguardanti drammaturgia romena contemporanea, ma anche concerti, performance e altre produzioni sceniche, ciascuno con tematiche, stile e linguaggi artistici peculiari», si presenta al pubblico ormai maturo e di una ricchezza non casuale, perché volta a «favorire la conoscenza del dialogo (inter, ndr)culturale attraverso la collaborazione artistica transnazionale».

Dopo la straordinaria esperienza dello scorso anno, Persinsala torna a stringere la mediapartnership con una delle manifestazioni culturali più interessanti per come riesce a coniugare urgenza sociale ed eccellenza artistica. In attesa delle performance e degli spettacoli teatrali canonici della seconda serata, a inaugurare il festival è un recital di Ion Caramitru, una delle personalità più influenti della vita pubblica romena, essendo, oltre che attore e regista, anche protagonista della rivoluzione del 1989 anti-Ceauşescu e Ministro della Cultura dal 1996 al 2000.

Accompagnato dal clarinetto del maestro Aurelian-Octav Popa, tra i più autorevoli compositori e direttori d’orchestra contemporanei di Romania, Dor de Eminescu (Nostalgia di Eminescu) è un allestimento «basato su testi editi e manoscritti del grande poeta» Mihai Eminescu, il più importante intellettuale romantico romeno.

Tradotto in tutto il mondo, tra cui, in minima parte, anche in Italia, la sua produzione risulta una sorta di compendio di echi foscoliani sul travaglio temporale dell’esistenza, lirismo leopardiano e patriottismo manzoniano (in un tempo in cui quella romena era una tra le minoranze etniche dell’Impero Austro-Ungarico), con la storiografia e la letteratura che attribuiscono proprio a Eminescu l’istituzione della moderna lingua romena e un significativo attivismo politico-giornalistico.

Sulla scenografia spoglia (tre sedie e un taccuino), alternando la delicata esecuzione musicale di Popa e l’impeccabile interpretazione di stampo accademico di Caramitru (che, non a caso, ha concluso il bis con il celebre monologo dell’Amelto, incredibilmente riconoscibile nonostante la recita in romeno), Dor de Eminescu (Nostalgia di Eminescu) viene presentato in lingua originale senza sotto o sovratitoli e con la traduzione solo su fotocopia.

Una scelta, in grado di ottenere la standing ovation del numeroso pubblico nell’emiciclo e che, pur penalizzando la comprensione (rimandata alla lettura della versione cartacea), non ha affatto inficiato l’ascolto puro delle poesie di Eminescu; così donando allo spettatore italiano la musicalità di un lessico capace di suggestive tangenze sonore e di battuta con quello nostrano e, soprattutto, la dolce attesa per gli appuntamenti di sabato: il muto Printre taceri (Tra i silenzi) di e con Isabella Draghici e Burrnesha di Valbona Xibri, con Maria Stefanache, unico spettacolo in lingua italiana di questa edizione della rassegna.

Lo spettacolo è andato in scena all’interno di TEATROMANIA emersioni_sceniche Accademia di Romania, Villa Borghese, Roma

V edizione, 26-28 giugno 2015
organizzato da Telluris Associati, Accademia di Romania e FIRI
con il sostegno dell’Istituto Culturale Romeno di Bucarest
con il Patrocinio della Regione Lazio e del Comune di Roma, Assessorato Cultura e Turismo
direzione artistica: Letteria Giuffrè Pagano
sponsor tecnico: After srl Roma
media partners: Actualitatea Magazin, Art A Part of Culture, Gazeta Romaneasca, Orizzonti culturali italo-romeni, Persinsala, Più culture, Radio Romania, Romit tv

venerdì 26 giugno, ore 20.30
Inaugurazione del festival

ore 21.30
Dor de Eminescu (Nostalgia di Eminescu)
di Ion Caramitru
su testi di Mihai Eminescu
con Ion Caramitru e Aurelian-Octav Popa (al clarinetto)
Produzione UNITER, Bucarest
in lingua romena

ore 22.45
Emersioni critiche, incontro con gli artisti

Fonte:Teatro Persinsala

Vodafone Romania:nuova offerta per comunità rumena in Italia

Oltre 1 milione di cittadini rumeni nel nostro Paese avranno a disposizione  chiamate illimitate verso tutti i numeri mobili Vodafone in Italia e Romania

26 giugno 2015 -Vodafone presenta Vodafone Romania ,la nuova offerta ad oltre 1  milione di cittadini rumeni in tutta Italia.

Grazie alla propria vocazione internazionale e la sinergia tra le sedi operative di Italia e Romania ,Vodafone ha sviluppato l'offerta specificamente pensata per rispondere alle esigenze di comunicazione di una delle comunità straniere più numerose e integrate del Paese.

I Clienti rumeni potranno rimanere sempre in contatto con i loro amici e parenti ,grazie a chiamate illimitate verso numeri mobili Vodafone Italia e numeri mobili Vodafone Romania ,100 minuti verso gli altri operatori in Italia Mb di navigazione in 4G,al costo di 12 Euro ogni 4 settimane.

L'offerta Vodafone Romania è inoltre compatibile con tutte le opzioni ricaricabili Vodafone ,che consentono di aggiungere traffico dati,sms o minuti nazionali ,e con le nuove Summer Card e Summer Card XL,che offrono rispettivamente 6 e 15 GB di navigazione da utilizzare per tutta l'estate.

Contemporaneamente al lancio del'offerta italiana ,la sede di Vodafone in Romania propone un'offerta che per mette di effettuare chiamate illimitate verso Vodafone Italia .

Per tutti i clienti rumeni Vodafone in Italia e in Romania non ci saranno più barriere:potranno comunicare tra loro senza limiti e senza pensieri.

Note

-per sapere se il numero rumeno che vuoi chiamare è Vodafone ,invia un SMS gratuito al 190 con il seguente testo:"Romania 0040xxx" oppure "Romania +40xxxx".Le chiamate verso gli altri numeri rumeni sono tariffate a 5 cent al minuto ,con scatto alla risposta di 16 cent.

 Fonte:Cellular Italia

Ministrul Delegat pentru Dialog Social semnează acorduri-cadru de asociere cu sindicatele italiene


Ministrul Delegat pentru Dialog Social, Liviu Marian Pop, în calitate de reprezentant legal al Ministerului Muncii, Familiei, Protecției Sociale și Persoanelor Vârstnice, a încheiat miercuri, 24 iunie 2015, în cadrul proiectului POSDRU – România suntem noi, trei Acorduri cadru de asociere transnațională cu reprezentanții legali ai sindicatelor UIL Federația Puterilor Locale – UIL FPL și Federazione Nazionale Lavoratori Edili Affini e del Legno – FENEAL UIL precum și cu reprezentantul legal al instituției de asistență ITAL UIL.

 Obiectivul Acordurilor-cadru de parteneriat transnațional este cooperarea si colaborarea pentru consolidarea politicilor si practicilor in ceea ce priveste piața muncii din perspectivele dialogului social, precum si consolidarea capacitatii actorilor pietei muncii din Romania (organizatii sindicale si patronale, autoritati publice, ong-uri) de a se implica în mod activ în promovarea ocuparii si incluziunii sociale a tinerilor, a persoanelor vârstnice si altor categorii de grupuri vulnerabile, prin implementarea politicilor ce vizeaza ocuparea acestora.

Tema acestor Acorduri-cadru de asociere transnațională o reprezintă susținerea proiectelor transnaționale orientate spre dezvoltarea resurselor umane în cadrul politicilor si practicilor de incluziune socială pentru tineri, in special tinerii români aflați pe teritoriul Italiei.

 Sursa:Ambasada Romaniei in Republica Italiana

Cgil, uno sportello a Bucarest per i lavoratori romeni


Anche la Cgil delocalizza. I lavoratori rumeni interessati a lavorare in Italia nel settore delle costruzioni potranno recarsi allo sportello del sindacato

Anche la Cgil delocalizza. I lavoratori rumeni interessati a lavorare in Italia nel settore delle costruzioni potranno avere, prima della partenza, tutte le informazioni utili sui diritti, le tutele, le protezioni sociali di cui potranno godere una volta arrivati in Italia.

 Lo faranno rivolgendosi allo sportello Inca-Fillea, che oggi viene inaugurato a Bucarest alla presenza del segretario generale degli edili Cgil, Walter Schiavella, del presidente dell’Inca Cgil, Morena Piccinini, e di rappresentanti dell’Ambasciata d’Italia a Bucarest, del ministero del Lavoro, del ministero degli Affari Esteri, delle istituzioni che si occupano della previdenza esicurezza sociale e delle organizzazioni sindacali rumene.

 "Considerando il nuovo contesto migratorio -spiega l’Inca Cgil- si è avvertita sempre più l’esigenza di allargare la rete di sostegno del patronato Inca Cgil a paesi generatori di forti flussi migratori, come la Romania: i cittadini rumeni rappresentano, con un numero approssimativo di 1 milione, la più grande comunità di immigrati in Italia". "Il nostro obiettivo -sostiene- è facilitare l’accesso alle prestazioni previdenziali e assistenziali e agevolare il riconoscimento dei diritti sociali maturati dai cittadini rumeni in Italia e dai cittadini italiani in Romania, offrire informazioni, assistenza e tutela per una migrazione consapevole, contribuendo a migliorare la cooperazione in materia di protezione sociale tra Italia e Romania".

 Fonte:Il Giornale

giovedì 25 giugno 2015

Ana Blandiana la cea de a XII-a ediţie a Festivalului literar al Sardiniei de la Gavoi / Ana Blandiana alla XIIa edizione del Festival letterario della Sardegna di Gavoi


COMUNICAT DE PRESĂ

 În perioada 2-5 iulie 2015, Institutul Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia susţine participarea scriitoarei şi poetei Ana Blandiana, alături de traducătorii Mauro Barindi şi Bruno Mazzoni, la cea de a XII-a Ediţie a Festivalului Literar al Sardiniei de la Gavoi, una dintre cele mai importante manifestări de profil din Italia. Festivalul este organizat de Asociaţia Culturală “Isola delle storie” cu sprijinul Regiunii Autonome a Sardiniei şi al Primăriei din Gavoi (http://www.isoladellestorie.it/) .

Aceasta reprezintă a cincea prezenţă a unui scriitor român la Festivalul de la Gavoi, în cadrul parteneriatului cu “Isola delle storie”, asociaţie ce colaborează permanent cu prestigioase instituţii culturale din peninsulă pentru a oferi manifestării o partecipare internaţională şi maximă vizibilitate, precum Institutul Goethe, Institutul Polonez din Roma, Forumul Austriac de Cultură din Roma, Institutul Slovac din Roma şi, din 2011, Institutul Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia. La ediţia din 2011, la Festivalul Sardiniei a participat scriitorul Lucian Dan Teodorovici, la cea din 2012 scriitorul Dan Lungu, însoţit de traducătoarea Ileana Maria Pop, la cea din 2013 poeta Ruxandra Cesereanu şi traducătorul Giovanni Magliocco, iar la cea din 2014 scriitorul Cezar Paul Bădescu şi traducătoarea Irina Ţurcanu.

Anul acesta poeta Ana Blandiana (http://www.isoladellestorie.it/autori/ana-blandiana/ ), al cărui ultim volum de poezii Patria mea A4 a fost tradus în limba italiană de Mauro Barindi (http://www.isoladellestorie.it/autori/mauro-barindi/), cu o prefaţă de Dan Cepraga o va întâlni, sâmbătă, 4 iulie, de la orele 17.30, în faţa cititorilor, pe una dintre cele mai importante poete contemporane din Polonia, Ewa Lipska. La evenimentul literar moderat de Bruno Mazzoni (http://www.isoladellestorie.it/autori/bruno-mazzoni/), ce va avea loc în aer liber, în piaţa Mesu Bidda din Gavoi, vor participa, alături de cele două poete, traducătorii Mauro Barindi şi Paweł Stasikowski.

 În paginile revistei «Orizonturi culturale italo-române» (http://www.orizonturiculturale.ro/it_poesia_Ana-Blandiana.html ), poeta le vorbeşte cititorilor despre titlul volumului recent publicat în România şi Italia, Patria mea A4 – La mia patria A4: patria ei “este foaia de hârtie (în formatul său standard, A4), pe care o are în faţă atunci când scrie. Aceasta este patria poetei, o patrie făurită din hârtie, simplă dar universală, poate banală în materialitatea ei candidă, dar nespus de spirituală prin ceea ce poate conţine. Este patria pe care Ana Blandiana o defineşte în titlul poeziei care încheie volumul, Patria neliniştii: nu este un spaţiu asemănător cu un turn de fildeş în care ea se izolează, ci un spaţiu în care cercetrează şi aprofundează neliniştile, angoasele, urâciunea, dar şi ceea ce este frumos în lumea de afară, la câţiva metri de ea, dincolo de marginea biroului (…).

 Această nouă plachetă, aşa cum a declarat Ana Blandiana însăşi, aduce şi o schimbare de stil; în aceste poezii poeta are o abordare diferită (şi se întreabă, curioasă, care va fi reacţia publicului şi a presei): este o Ana Blandiana care se măsoară cu realitatea mai îndeaproape, raportând-o la cele două punte cheie ale volumului: pe de o parte divinitatea (…), pe de ală parte natura în diferitele sale forme (…). Divinul şi naturalul se împletesc cu metafizicul şi simbolicul în doze de eleganţă poetică, bine calibrate şi ponderate, dând naştere, într-un limbaj actual, simplu şi direct, unor compoziţii de pură strălucire, încărcate de semnificaţii şi de expresivitate fermecătoare.”

 Pentru detalii suplimentare accesaţi: http://www.isoladellestorie.it/ 

-------------------------------------------------------------------------------------------

 COMUNICATO STAMPA

Ana Blandiana alla XIIa edizione del Festival letterario della Sardegna di Gavoi

 Nel periodo 2-5 luglio 2015, L’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia sostiene la partecipazione della poetessa e scrittrice Ana Blandiana, accompagnata dai traduttori Mauro Barindi e Bruno Mazzoni, alla XIIa edizione del Festival Letterario della Sardegna di Gavoi, una delle più importanti manifestazioni letterarie in Italia. Il festival è organizzato dall’Associazione Culturale “Isola delle storie” con il sostegno della Regione Autonoma Sardegna e del Comune di Gavoi (http://www.isoladellestorie.it/).

 È la quinta presenza di uno scrittore romeno al Festival di Gavoi, nell’ambito della collaborazione con l’“Isola delle storie”, associazione culturale che lavora insieme a prestigiose enti culturali nazionali e internazionali per offrire alla manifestazione una partecipazione internazionale e la massima visibilità: l’Istituto Goethe, l’Istituto Polacco di Roma, Il Foro Austriaco di Cultura di Roma, Istituto Slovacco di Roma e, dal 2011, l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia. All’edizione del Festival letterario della Sardegna del 2011, ha partecipato lo scrittore Lucian Dan Teodorovici, a quella del 2012, lo scrittore Dan Lungu, insieme alla traduttrice Ileana Maria Pop, a quella del 2013 la poetessa Ruxandra Cesereanu e il traduttore Giovanni Magliocco, e a quella del 2014 lo scrittore Cezar Paul Bădescu e la traduttrice Irina Ţurcanu.

 Quest’anno la poetessa Ana Blandiana (http://www.isoladellestorie.it/autori/ana-blandiana/), il cui ultimo volume, La mia patria A4 è stato tradotto in italiano da Mauro Barindi (http://www.isoladellestorie.it/autori/mauro-barindi/), con una prefazione di Dan Cepraga incontrerà, davanti ai lettori, sabato, 4 luglio, dalle 17.30 una delle più importanti poetesse contemporanee di Polonia, Ewa Lipska. All’evento letterario condotto da Bruno Mazzoni (http://www.isoladellestorie.it/autori/bruno-mazzoni/), che si terrà all’aperto, in piazza Mesu Bidda di Gavoi, parteciperanno, accanto alle poetesse, i traduttori Mauro Barindi e Paweł Stasikowski.

 Nelle pagine della rivista bilingue «Orizzonti culturali italo - romeni» (http://www.orizonturiculturale.ro/it_poesia_Ana-Blandiana.html) , la poetessa Ana Blandiana rivela ai lettori il significato del titolo del volume La mia Patria A4: la sua patria “è il foglio di carta (inteso nel suo formato standard in A4), che ha di fronte nel momento in cui scrive. Questa è dunque la patria della poetessa, una patria fatta di carta, semplice ma universale, chissà banale nella sua candida fisicità, ma smisuratamente spirituale per ciò che essa può contenere. È la patria che Ana Blandiana definisce, come recita il titolo della poesia che chiude la raccolta, la Patria dell’inquietudine (Patria neliniştii): non è, quindi, uno spazio da torre d’avorio in cui lei si isola, bensì uno spazio in cui ricerca e sonda le inquietudini, le ansie, le brutture ma anche ciò che di bello esiste nel mondo esterno, a pochi metri da lei, appena oltre il bordo della scrivania (…).

 In questa nuova silloge poetica, Ana Blandiana, come lei stessa ha dichiarato, sperimenta inoltre un cambio nel suo stile; in queste poesie ha un approccio diverso (e si chiede con curiosità quale sarà la reazione del pubblico e della critica): è una Ana Blandiana che si misura più strettamente con la realtà rapportandola ai due punti cardine del libro: da un lato la divinità (…) e dall’altro la natura nelle sue varie forme (…). Il metafisico e il simbolico s’intrecciano perciò con il divino e il naturale in dosaggi di calibrata e ponderata finezza lirica, dando vita, in un linguaggio semplice e diretto, attuale, a composizioni di luminosa purezza, cariche di significati dall’immediata magia espressiva.”

 Per ulteriori dettagli: http://www.isoladellestorie.it/

mercoledì 24 giugno 2015

Festival di Teatro teatROmania_emersioni sceniche 26-28 giugno 2015‏

Festival di Teatro

teatROmania_emersioni sceniche

V edizione, 2015

26 - 28 giugno 2015

Accademia di Romania

www.teatromania.info

Programma del Festival

Venerdì 26 giugno

Ore 20.30: Inaugurazione del festival.

Ore 21.30: Emiciclo: Dor de Eminescu (Nostalgia di Eminescu)
di Ion Caramitru su testi di Mihai Eminescu,
con Ion Caramitru e Aurelian-Octav Popa (al clarinetto).
Produzione UNITER, Bucarest. In lingua romena.

Ore 22.45: “Emersioni critiche”, incontro con gli artisti.

Sabato 27 giugno

Ore 20.00: Sala esposizioni: Printre tăceri (Tra i silenzi)
performance di e con Isabella Drăghici.
Produzione indipendente.

Ore 21.30: Emiciclo: Burrnesha,
regia di Valbona Xibri, con Maria Ștefanache,
Centro Produzioni Teatrali, Milano. In lingua italiana.

Ore 22.45: “Emersioni critiche”, incontro con gli artisti.

Domenica 28 giugno

Dalle 15 alle 18, Sala concerti: workshop della regista Maria Ștefanache “Tecniche teatrali per la comunicazione e l’arte di parlare in pubblico”.

Rivolto a tutti gli interessati.

Ore 20.00: Sala esposizioni: Ultimul lepros (L’ultimo lebbroso),
di Radu Botar, tratto da Vlad Zografi,
con Vlad Chico, produzione Teatrul de Nord, Satu Mare.
In romeno con sovratitoli in italiano.

Ore 21.30: Emiciclo: Abator (Mattatoio)
di Marco Di Stefano, regia Mădălina Țurcanu, con Olimpia Mălai e Liliana Tofan, produzione Dot Spot Media, Bucarest.
In romeno con sovratitoli in italiano.

Ingresso libero fino a esaurimento posti. In caso di pioggia, gli spettacoli programmati all’aperto si svolgeranno nella Sala concerti.

Ufficio stampa: 369 Gradi - Benedetta Boggio 333.20.62.996, benedetta.bo@gmail.com

Programma e dettagli sul sito del Festival: www.teatromania.info

Info: 06.320.15.94. Facebook: TeatromaniaEmersioniSceniche

Info e prenotazioni workshop: 329-6437339.

Accademia di Romania in Roma

Presentazione del libro "Il sorriso triste dei girasoli" a Caffeina‏


Se sarete a Viterbo e trovate il tempo vi invito tutti alla presentazione del romanzo autobiografico "Il sorriso triste dei girasoli" Arpeggio libero editore il 1 luglio 2015, ore 17.00 preso il Caffè Schenardi.

Ci saranno gli autori, Ulisse Mariani e Liliana Gheorghe, intervistati da Federica Marchetti, ci sarà l'editore che in quest'occassione venderà anche delle copie del libro che a Viterbo potrebbe essere trovato soltanto in due librerie: Etruria, via Cavour e libreria Straffi in via Saffi.

Vi ringrazio e vi aspetto a questo evento!

Liliana Gheorghe

...non solo bach... masterclass quarta edizione, Roma 1-5 settembre 2015‏

Sono aperte le iscrizioni alla quarta edizione delle masterclass

...non solo bach...

Con il patrocinio dell'Accademia di Romania in Roma e la collaborazione del Teatro de l'Ascolto

1 • 5 settembre 2015

Roma • Teatro de l'Ascolto

concerto finale 5 settembre all'Accademia di Romania in Roma

termine iscrizioni: 14 agosto 2015

Clavicembalo, basso continuo e musica da camera per il repertorio antico

Cipriana Smarandescu

Pianoforte, musica da camera, teoria generale musicale, analisi ed elementi di base di composizione

Andrea Riderelli

Violoncello, musica da camera

Marco Damiani

Clavicembalo, basso continuo e musica da camera per il repertorio antico (docente Cipriana Smarandescu)

Dedicato innanzitutto al repertorio bachiano, il corso è aperto a musicisti di qualsiasi età e livello interessati al repertorio antico. Sono ammessi sia coloro che abbiano già esperienza musicale e che vogliano approfondire la tecnica e la prassi esecutiva barocca, sia i principianti che vogliano iniziare lo studio del clavicembalo. Oltre alle opere di J.S. Bach, il corso può includere tutto il repertorio del periodo barocco e comprende uno sguardo attento ai vari trattati, metodi, raccolte più importanti per clavicembalo solo e basso continuo.

Pianoforte, musica da camera, teoria generale musicale, analisi ed elementi di base di composizione (docente Andrea Riderelli)

Parallelamente allo studio del pianoforte e della musica da camera, il corso è dedicato da una parte alla conoscenza e all‘approfondimento di base dell’armonia riguardante il periodo barocco e classico per far sì che il corsista possa seguire con più coscienza il repertorio che studia e interpreta, dall‘altra è aperto a chi voglia capire e provare a utilizzare le tecniche del contrappunto vocale/strumentale (di base) relativo al periodo rinascimentale e barocco. Si fornisce così un sostegno teorico sempre utile per una maggiore comprensione del repertorio musicale. Da svolgersi in forma collettiva con esercitazioni pratiche in classe che siano finalizzate alla scrittura di semplici composizioni realizzabili con le voci e/o strumenti a disposizione degli allievi.

Violoncello, musica da camera (docente Marco Damiani)

Il corso di violoncello è aperto a tutti principianti e non, bambini e adulti. Saranno affrontate le tematiche della tecnica dello strumento personalizzandole rispetto alle caratteristiche individuali di ogni allievo, seguendo il percorso didattico dei più recenti metodi scritti per il violoncello. Si potrà fare musica d’insieme per due violoncelli o per violoncello e pianoforte o violoncello e clavicembalo. Il continuo contatto con gli altri partecipanti accrescerà la gioia del far musica insieme. L’ascolto delle lezioni degli altri partecipanti, così come di altri strumentisti, potrà anche favorire l’idea di suono e musicalità.

L’accesso ai corsi è aperto a tutti gli iscritti potendosi seguire più corsi in parallelo, in base all’orario concordato preventivamente con i docenti. I partecipanti avranno diritto a due lezioni quotidiane (una pratica e una teorica), più attività di gruppo nei giorni 1 - 4 settembre e il concerto finale del 5 settembre. La sera si terranno concerti e conferenze dei docenti a ingresso libero. Al termine della masterclass - che si chiuderà con il concerto finale dei corsisti del 5 settembre all’Accademia di Romania in Roma - verrà rilasciato un attestato di partecipazione a tutti gli allievi.

La masterclass si terrà presso il Teatro de l’Ascolto in Via Veientana 3c/5a, 00189 Roma. L’arrivo dei partecipanti é previsto nella mattina del 1 settembre e le lezioni avranno inizio a partire dalle ore 10 dello stesso giorno. Si consiglia ai partecipanti di elencare, al momento dell’iscrizione, i brani su cui desiderano lavorare al corso.

Sabato 5 settembre: concerto finale dei corsisti presso l’Accademia di Romania in Roma (Piazza José de San Martin 1)

Iscrizione
Quota di iscrizione (non rimborsabile):
• 40 € a persona; includono 20 € di copertura assicurativa
Quota di partecipazione (da versare il primo giorno del corso):
• 100 € solista
• 70 € a persona, in caso di duo, trio etc o nucleo familiare
La quota di iscrizione va versata tramite bonifico bancario indicando come causale “iscrizione masterclass 2015 non solo bach” entro il 14 agosto 2015 a:
Associazione Aliusmodu
UniCredit - Roma Cassia B - Via Cassia, 1134/B - 00189 Roma RM
Codice IBAN IT 38 M 02008 05272 000011005047
In caso di rinuncia la quota di iscrizione non sarà rimborsata.
Si prega di inviare poi una copia del modulo di iscrizione alla masterclass entro il 14 agosto 2015 al seguente indirizzo:
Associazione Aliusmodum c/o Andrea Riderelli
Via Gradoli, 62 - 00189 - Roma (RM)
oppure via e-mail a: masterclass@aliusmodum.com o via fax allo: 06.332.69.981

Per ulteriori informazioni, rivolgersi via e-mail a masterclass@aliusmodum.com
Info e inscrizioni: www.aliusmodum.com

Incontro all'integrazione

Tavola rotonda ‘Incontro all’integrazione’
Il contributo di Roma nei percorsi di migranti e rifugiati

A che punto è l’integrazione? Questa la domanda da cui parte il video documentario realizzato da Programma integra in occasione dei suoi 10 anni di attività che aprirà la tavola rotonda. Obiettivo dell’incontro, che si svolgerà il 20 luglio prossimo, è coinvolgere il territorio per analizzare cosa è stato fatto finora per sostenere i percorsi di migranti e rifugiati nella città di Roma, illustrare le buone pratiche, far emergere le criticità e delineare nuove proposte per rendere più efficiente il sistema di accoglienza e integrazione della città.

Molte le tappe che hanno segnato la storia delle politiche di accoglienza e integrazione a Roma e non solo: la nascita del Piano nazionale asilo, l’istituzione, qualche anno dopo, del Servizio centrale del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati, l’avvio dei Fondi Europei Rifugiati (FER) e Integrazione (FEI). In questo scenario, nel 2005 nasceva Programma integra, la cui mission è attivare e sostenere i processi di integrazione sociale di migranti e rifugiati e contribuire quindi al benessere e allo sviluppo della comunità.

Di tutto questo e delle possibili direzioni da prendere per favorire l’integrazione dei migranti nella nostra città, ne parleremo con i rappresentanti delle istituzioni nazionali e locali, le organizzazioni del Terzo settore che operano su più fronti – accoglienza, lavoro, scuola, casa, salute - il mondo accademico e della ricerca.

La tavola rotonda si terrà il 20 luglio dalle ore 10,00 alle 13,00 presso il Centro cittadino per le migrazioni, l’asilo e l’integrazione sociale in Via Assisi, 41 a Roma. Al termine dei lavori verrà distribuito il bilancio sociale 2014 di Programma integra e offerto un light lunch.

Per partecipare è necessario inviare una email di prenotazione a segreteria@programmaintegra.it.

A breve verrà pubblicato il programma definitivo dell’evento.

Per informazioni:
0678850299
comunicazione@programmaintegra.it
www.programmaintegra.it 

sabato 20 giugno 2015

I negozi, la chiesa e un consigliere per sentirsi a casa


Mustatea è in Comune dal 2013, ora coordina anche un sito web di notizie in romeno. A messa ogni domenica si raduna un centinaio di persone

 Tre negozi di alimentari, una scuola pomeridiana di lingua, un parroco, un consigliere comunale e anche un portale web di notizie.La comunità straniera più popolosa e meglio organizzata a Villafranca è quella romena. Coi suoi 1.357 cittadini impiegati in fabbrica e in campagna, come camionisti o come badanti, è ben radicata nel tessuto sociale e conta famiglie residenti qui da un decennio.

Nel 2013, alle elezioni comunali i romeni sono i primi a iscriversi alle liste elettorali per votare il sindaco: diritto previsto dalla Comunità europea per i cittadini stranieri degli Stati membri. In duecento vanno alle urne. Ne esce eletto un consigliere comunale: Catalin Mustatea, oggi in maggioranza, 35 anni, originario della Transilvania, residente a Villafranca con la famiglia e presidente nazionale del partito Identità romena.Promotore del primo sportello badanti, fondatore dell'associazione Momento zero per fare da tramite tra stranieri e istituzioni, ha dato vita all'omonimo portale web di informazione in lingua romena.

Ma non è l'unico punto di riferimento.Circa cento persone, ogni domenica, si riuniscono nella chiesa della Disciplina, dove padre Dumitru Petrovan celebra la messa cattolica con rito bizantino. Petrovan, 42 anni, di Maramures, nella Transilvania dei monti Carpazi («La Dacia libera, mai assoggettata dai romani», puntualizza con fierezza), in base ad un accordo tra le chiese cattoliche italiana e romena, è stato assegnato alla comunità romena di Villafranca un paio d'anni fa. La parrocchia del duomo gli concede la chiesa della Disciplina dove celebra la messa tutti i giorni e dove calamita sia romeni cattolici, in minoranza in Romania, sia ortodossi.

«È la chiesa che unisce», spiega, «di giorno non ci sono molte persone a messa perché la popolazione romena è qui per lavoro e manca la fascia della terza età. Alla domenica, invece, siamo più numerosi».La comunità religiosa organizza pellegrinaggi a Padova, alla Madonna della Corona e a Torino. Ogni novembre, alla festa dei santi, c'è il viaggio a Medjougorie. E poi ci sono le attività culturali, come la festa nazionale della Romania, celebrata ogni primo dicembre: «Andiamo in processione dalla chiesa al castello», racconta Petrovan, «e lì festeggiamo. La chiesa è un luogo di ritrovo, le persone si raccontano del lavoro e di chi l'ha perso. Questo è il problema maggiore».

La crisi si ripercuote infatti anche su queste famiglie: «Alcune, non riuscendo a pagare l'affitto e a mantenere i bambini, hanno fatto ritorno in Romania, altre si sono trasferite in Germania. È una comunità sempre in movimento e soffre: a ogni spostamento lasci una parte di cuore. Il fenomeno è in aumento», conclude Petrovan.

Le cose vanno bene, invece, al primo negozio di alimentari romeno aperto, in piazza IV novembre, nel 2007 da Magdalena Birzu, di Jasi. Cartina della Romania sulla parete, poster di cantanti romeni in tour a Verona e profumo di insaccati e formaggi dell'Est, il negozio serve romeni, serbi e pure italiani che hanno legami con il Paese. I clienti vengono anche da Valeggio, Peschiera e Negrar. Qui acquistano la panna acida, che non si usa in Italia. Il pane con la ricetta romena viene cotto in un forno di Villafranca; scatolame, insaccati (il Parizer, una sorta di wurstel, va per la maggiore), buste e vasetti di frutta e verdura in salamoia (dai peperoncini all'anguria), ben riposti sugli scaffali, arrivano dalla Romania.

Curiosità: i preparati in busta per le torte fanno un giro bizzarro. Hanno scritta romena e arrivano dall'Est, ma sono prodotti a Oppeano. «Mio marito arrivò prima, nel 1998, come muratore», spiega Birzu, «poi l'ho raggiunto: in Romania avevo un negozio. Abbiamo tre bambini, le cose vanno bene. Finché paghiamo le tasse, gli affitti e ci resta qualcosa per noi, siamo contenti».

 Fonte:L'Arena

I rumeni esistono, sono tra noi e aprono discoteche. Persino ad Avellino


Ho parlato con Leo: mi ha raccontato che ha deciso di prendere in gestione un locale con la famiglia e alcuni amici perchè ad Avellino non c’è una discoteca, ma soprattutto non c’è un posto in cui si possa ascoltare musica rumena alternata alle hit più famose dall’Italia e dal mondo.

 Mentre continuiamo a sentirci invasi, a chiudere, a demolire, a girare la faccia, a rispedire gli immigrati a casa e a rifiutarci di restare umani, esiste un dato: la comunità rumena in Italia è la più numerosa con 58.000 presenze.

La Romania non è quel posto tetro, grigio, nebbioso dove si trova il castello di Dracula, tutto cemento e nessun divertimento. O almeno non è sempre così, spesso è lo scenario di veri e propri party, ospitati da club ultramoderni, all’avanguardia e un tantino kitsch con bottiglie di vodka da un litro portate al tavolo, dove si esibiscono dj martellanti e si balla tutta la notte, tra abitini fascianti e camice eleganti.

 Dopo essersi affermata in tutta Italia, la Romanian Disco arriva anche ad Avellino, in Via Francesco Tedesco, con la grande inaugurazione fissata per sabato 20 giugno.

 La locandina mi ha incuriosito e così ho preso un numero di cellulare, mi ha risposto Leo che non ha voluto dirmi il suo cognome, però mi ha raccontato che ha deciso di prendere in gestione la struttura insieme alla sua famiglia e a qualche amico, sarà aperta soltanto nel fine settimana. Quando gli ho chiesto come mai avesse deciso di scommettere su questo tipo di locale, mi ha spiegato molto semplicemente che ad Avellino non c’è una discoteca. E più di tutto non c’è una discoteca in cui si possa ascoltare musica romena, che vogliono alternare alle più famose hit dall’Italia e dal mondo.

 Qualcosa si muove e per fortuna o purtroppo non si muove per iniziativa dei cittadini avellinesi. La città è stracolma di bar, posticini in cui fare eventi culturali, palchi per le esibizioni dei più svariati gruppi, eppure manca un diversivo davvero sfrenato. Un luogo in cui le differenze non esistono, le origini non contano o perlomeno finiscono per perdersi tra luci stroboscopiche e musica.

 Una discoteca è proprio l’esempio di quel buio che uniforma e completa, che appartiene a chiunque voglia ballare o voglia dimenticarsi di pensare, anche solo per una sera. Fondamentale in questo contesto è proprio la musica, come mi ha spiegato Leo, sarà italo-rumena, molto variegata, come da tradizione, hanno scelto di far suonare una formazione dal vivo e poi immancabile il dj set per concludere.

 Stanno organizzando un vero evento musicale, così è stato deciso di spaziare dal manele, un genere semi-folclorico, commerciale e particolarmente diffuso tra i giovani, che nasce da contaminazioni musicali tra i ritmi turchi e mediorientali che si uniscono alla tradizione romena, sovrapposti ad una base di strumenti elettronici; fino ad arrivare alla muzica de petrecere: vera e propria musica di divertimento, che utilizza melodie orecchiabili e ballabili, unite ad un linguaggio parlato, spesso rap su brani melodici. Attualmente il più ascoltato in Romania, ma si definisce un genere universale perché capace di incontrare i gusti di tutti, tipo la nostra disco music anni ’70.

 Una comunità si auto-organizza, questa volta non per chiedere cittadinanza, lavoro, diritti, ma solo per garantire uguaglianza anche quando si parla di andare a divertirsi. È una realtà nuova, forse anche rischiosa: perché l’Avellinese medio si sa, da buon borghese si limita a storcere il naso, mal sopporta quello che esce dai circuiti conosciuti e lo mette in condizioni di lasciare una comfort zone lungamente costruita.

 Senza pensare che dove noi abbiamo mollato, qualcun altro ha deciso di investire, mentre noi andiamo via criticando la noia, la comunità rumena si impegna per creare un altro tipo di movida, multietnica. Delle discoteche avellinesi che ricordano un passato glorioso di libertà, prime esperienze e sperimentazione musicale, resta soltanto uno scheletro abbandonato o riutilizzato con la formula di festa privata, ma comunque vuota e fine a se stessa.

 Invece i condizionamenti esterni e le culture nuove hanno un peso determinante anche sulla vita notturna della città, la influenzano e magari partendo dall’aggregazione in un locale si potrebbe arrivare alla svolta, lasciando spazio a contributi e idee che aspettano solo di essere integrate.

Fonte:Orticalab

giovedì 18 giugno 2015

„Festival del pensiero in/verso”: lectură de poezie italo-română la Institutul Român de la Veneţia, în cadrul Venice Art Night / „Festival del pensiero in/verso”: festival di poesia italo-romena all’Istituto Romeno di Venezia, nell’ambito di Venice Art Night

 COMUNICAT DE PRESĂ

„Festival del pensiero in/verso”: lectură de poezie italo-română la Institutul Român de la Veneţia, în cadrul Venice Art Night

 Sâmbătă, 20 iunie 2015, începând cu orele 18,00, în sala „Marian Papahagi” a Institutului Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia, va avea loc cea de-a doua ediţie a seratei de poezie intitulată „Festival del pensiero in/verso”, eveniment inclus în programul de manifestări Venice Art Night. Invitaţi la eveniment sunt poeţii Lorenzo Viscidi (Bluer), Natasha Bondarenko, Alessandro Cabianca, Maddalena Capalbi, Gianfranco Chinellato, Ştefan Damian, Daniela Muti, Loredana Pra Baldi, Enzo Santese și Sergio Maria Serraiotto.

 În zilele cele mai lungi ale anului, de la apusul soarelui până în miez de noapte, „arta se întoarce pentru a elibera noaptea la Veneția”, mai bine spus artele, mai ales că străzile și piațetele vor fi ocupate de muzică, cinema, literatură, poezie etc., va fi o noapte de „contaminare” culturală. Printre instituțiile de cultură ce vor rămâne deschise până în miez de noapte se numără muzee, galerii, fundații, spații publice și private, librării, care îşi vor deschide porțile și vor îngădui vizitarea acestora liberă, pentru cei care doresc să le descopere patrimoniul cultural-artistic.

 Institutul  Român de la Veneţia s-a alăturat evenimentelor Venice Art Night Veneţia încă din anul 2013, când a organizat o seară muzicală cu titlul „Muzică şi dansuri din timpul dogilor”. „Festivalul gândului invers/în vers” („Festival del pensiero in/verso”), a fost demarat începând cu anul 2014 și se constituie într-o serată de poezie coordonată de profesorul, poetul, scriitorul şi criticul de artă Enzo Santese, constând într-o întâlnire a poeţilor din România și Italia menită să prezinte aspecte dintre cele mai reprezentative din propria creaţie poetică.

 În cadrul seratei de poezie va fi prezentată și traducerea în limba română a volumului de versuri aparţinând poetului Alessandro Cabianca, intitulat Influssi/Influenţe, apărut la Editura Studia, Cluj‒Napoca 2015, în traducerea scriitorului și poetului Ştefan Damian.

Evenimentul este organizat de Institutul Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia în colaborare cu Universitatea Ca’ Foscari din Veneţia şi Primăria Veneţiei.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

COMUNICATO STAMPA

„Festival del pensiero in/verso”: festival di poesia italo-romena all’Istituto Romeno di Venezia, nell’ambito di Venice Art Night

 Sabato, 20 giugno 2015, dalle ore 18,00, nell’aula “Marian Papahagi” dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, avrà luogo la seconda edizione della serata di poesia intitolata “Festival del pensiero in/verso”, evento incluso nell’ambito delle manifestazioni Venice Art Night. Invitati all’evento sono i poeti: Lorenzo Viscidi (Bluer), Natasha Bondarenko, Alessandro Cabianca, Maddalena Capalbi, Gianfranco Chinellato, Ştefan Damian, Daniela Muti, Loredana Pra Baldi, Enzo Santese e Sergio Maria Serraiotto.

 Durante i giorni più lunghi dell’anno, dal tramonto del sole e fino a mezzanotte, “l’arte ritorna per liberare Venezia”, per meglio dire le arti, proprio perché le calli e i campi saranno occupati dalla letteratura, dal cinema dalla musica ecc.; sarà una notte di “contaminazione” culturale. Tra le istituzioni culturali che resteranno aperte fino a mezzanotte si annoverano musei, gallerie, fondazioni, spazi pubblici e provati, librerie, che lasceranno le porte aperte per essere visitate.

 L’Istituto Romeno di Venezia ha iniziato la partecipazione agli eventi di Venice Art Night Venezia già dal 2013, quando ha organizzato una serata musicale intitolata “Musica e balli dei tempi dei dogi”. Il programma di quest’anno, intitolato il “Festival del pensiero in/verso”, è costituito da una serata di poesia coordinata dal professore, poeta, scrittore e critico d’arte Enzo Santese. Sarà un incontro tra poeti romeni e italiani che ha il fine di presentare gli aspetti più rappresentativi della loro creazione poetica.

 Nell’ambito della serata di poesia sarà presentata anche la traduzione in romeno del più recente volume di versi di Alessandro Cabianca, intitolato Influssi/Influenţe, Casa Editrice Studia, Cluj‒Napoca 2015, nella traduzione dello scrittore e poeta Ştefan Damian.

L’Evento è organizzato dall’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari di Venezia ed il Comune di Venezia.

Festival Industria, gli open day a La Petrolifera Italo Rumena e Novaol


 Doppio open day venerdì 19 giugno 2015 alle aziende “La Petrolifera Italo Rumena” e “Novaol”, che aprono le loro porte alla cittadinanza nell’ambito degli eventi organizzati per il 1° Festival dell’Industria e dei Valori d’Impresa, promosso in occasione del 70° dell’Associazione.

La Petrolifera Italo Rumena, fondata nel 1920 e cofondatrice dell’Associazione Industriali, è leader in Italia e all’estero nello stoccaggio di prodotti petroliferi, petrolchimici, chimici e alimentari.

 La sua attività di deposito costiero per conto terzi si è sviluppata costantemente negli anni e oggi ha 133 serbatoi, situati a Porto Corsini, per una capacità complessiva di circa 300.000 m³.

 “L’affidabilità e la qualità dei servizi offerti e il pieno rispetto delle norme ambientali, della salute e della sicurezza – spiegano gli organizzatori del Festival dell’Industria e dei Valori d’Impresa - sono gli obbiettivi primari dell’azienda, che ha deciso di aprire le porte dei propri depositi di Porto Corsini alla cittadinanza per fare conoscere quanto la sicurezza e il rispetto per l’ambiente siano principi fondamentali nella gestione dell’operatività quotidiana.

 La visita è prevista per la giornata di venerdì 19 giugno, dalle ore 14 alle 18, in via Baiona, 279 a Porto Corsini.

 Per l’organizzazione è gradita la prenotazione al tel. 0544 696611, anche se non fondamentale.

 “Novaol – riprende Confindustria Ravenna - dall’inizio degli anni novanta, non fa che confermare la sua forte vocazione a promuovere lo sviluppo e il consumo di biodiesel, combustibile di origine vegetale. L’open day è, quindi, un’occasione per conoscere il mondo dei biocarburanti. L’azienda è focalizzata nel fornire un’alternativa a basso impatto ambientale ai carburanti tradizionali derivanti dal petrolio, realizzando un prodotto dalle elevate performance e dai costi contenuti, e applicando il concetto di sostenibilità a tutta la filiera di produzione. La sicurezza delle operazioni e delle persone in esse coinvolte è un principio fondamentale che guida le scelte e le decisioni dell’azienda. L’esperienza maturata nel mercato del biodiesel fa di Novaol un punto di riferimento per la qualità del prodotto e del servizio offerto ai propri clienti. Attualmente Novaol –conclude Confindustria - è un interlocutore privilegiato di molti partner industriali a cui offre un servizio di eccellenza. Ogni giorno, in differenti contesti e in molti paesi del mondo, migliaia di persone utilizzano biocarburante prodotto da Novaol”.

 La visita è prevista per la giornata di venerdì 19 giugno, dalle ore 14 alle 18, in via Baiona, 259 a Porto Corsini.

 Fonte:Ravenna 24 ore

Monterotondo - L’ex mobilificio va alla chiesa ortodossa romena, e la mensa dei poveri si sposta alla stazione


 La "mensa" per gli stranieri in difficoltà - romeni, polacchi, bulgari ma anche qualche italiano - si sposta sotto il parcheggio della Stazione di Monterotondo.

Venerdì scorso 12 giugno gli occupanti hanno dovuto sgomberare i locali dell’ex mobilificio di via Salaria 123, davanti ai carabinieri e al personale della Polizia di Stato intervenuto per verificare che tutto filasse liscio.

Al posto dell’associazione che si occupa di stranieri in difficoltà - soprattutto romeni - ora c’è la chiesa ortodossa romena, a cui i locali sono stati assegnati dal Comune in via provvisoria.

 Ora la distribuzione domenicale di cibi freddi, che prima si teneva nei locali sequestrati alla criminalità organizzata allo Scalo, si svolge sotto il parcheggio della stazione di Monterotondo, con tanto di autorizzazione della Questura di Roma e zona vietata alla sosta da parte del Comune di Monterotondo.

 La distribuzione dei generi alimentare dovrebbe andare avanti ancora per qualche domenica.

Fonte:Tiburno TV

L'ambasciatore rumeno a spasso per Lucca


Elegante, gestualità raffinata, vestito blu mare, giacca verde acqua chiaro, foulard di seta con i medesimi colori: un pendant neanche tanto velato con i suoi splendidi occhi. Dana Manuela Costantinescu, ambasciatore della Repubblica di Romania in Italia, anni 53, già ambasciatore straordinario e plenipotenziario della Romania in Repubblica Slovena. Insignita dell'onorificenza, "Cavaliere" dell'Ordine Nazionale Servizio Fedele della Romania.

 Nel 1986 consegue la laurea in ingegneria meccanica in costruzioni presso l'istituto di Costruzionidi Bucarest e tanti altri titoli e riconoscimenti: è una vera first lady. E' a Lucca per partecipare ad un convegno presso la Camera di Commercio, finalizzato a promuovere le relazioni di interscambio commerciale, già forti, tra i due Paesi: nel 2014,il volume di affari si è aggirato su cifre come 12,5 miliardi di euro.

 Un incontro con il prefetto di Lucca e poi alle 16 di ieri, inizio dei lavori in via Corte Campana, a fare gli onori di casa il presidente della Camera di Commercio, Giorgio Bartoli di Lucca e il sindaco Alessandro Tambellini che subito dopo l'avvio dei lavori, assieme all'ambasciatore, si sono congedati dalla platea per andare a visitare il centro storico.Alle 19,30, l'alta rappresentante della Repubblica di Romania ha incontrato la comunità romena presso la chiesa ortodossa in piazza S. Anastasio, dove si è soffermata ad ascoltare tutti tra chi, dei suoi connazionali, avesse necessità di parlarle.

 Nonostante la stanchezza accumulata per i molteplici impegni della giornata, con la semplicità, pari alla sua elegante bellezza, ha concesso alla Gazzetta di porle qualche domanda.

 E' venuta a Lucca per un convegno che si è tenuto presso la Camera di Commercio, dal titolo "fare impresa in Romania". Ci sono nuove iniziative commerciali tra i due Paesi?

 No, al momento non c'è nessuna nuova iniziativa. L'ambito imprenditoriale italiano è già ben rappresentato in Romania da più di 40 mila aziende, in questo momento, tra piccole, medie e grandi. Nel 2014, il volume di affari tra la Romania e l'Italia ha raggiunto la ragguardevole cifra di 12,5 miliardi di euro, ma ci sono ancora spazi in alcuni settori dove alcune aziende possono ancora attecchire, come, per esempio, nel campo della ricerca.

 Oggi ha incontrato il prefetto di Lucca, sicuramente avrete parlato del problema sicurezza connessa alla delinquenza nei due paesi: cosa intende fare la Romania in collaborazione con l'Italia per porvi rimedio sui rispettivi territori e a livello europeo?

 La Romania e l'Italia hanno già delle forti e solide collaborazioni in tal senso e spesso le due autorità di polizia hanno cooperato assieme raggiungendo ottimi risultati sia a livello nazionale che europeo.

Cosa ne pensa dell'Expo Milano 2015 a cui partecipa anche la Romania?

 Ho visitato L'Expo e debbo dire che è straordinario, in questi sei mesi l'Italia ne trarrà lustro e benefici: veramente uno straordinario evento che l'Italia con la sua cultura e le sue maestranze ha saputo organizzare e saprà gestire al meglio.

 Cosa propone la Romania per i prossimi decenni per affrontare e sostenere uno sviluppo eco-sostenibile?

 Il padiglione del mio paese all' Expo Milano 2015, che è incentrato su questo delicatissimo argomento, rappresenta una grande casa, costruita solo con materiali che la natura e il territorio romeno offrono e nel rispetto dell'ambiente e delle migliori tradizioni. Detto questo, per quanto attiene iniziative in tal senso, la Romania collabora a qualsiasi livello in ambito della UE e sostiene tutte le proposte e iniziativeche da questo organismo vengono trattate.

 È la prima volta che viene a Lucca e il sindaco, Alessandro Tambellini, elegantemente le ha fatto da cicerone per farle visitare i suoi "luoghi del cuore": le ha fatto visitare anche il campo rom di via delle Tagliate?

 No, ma lo farà sicuramente la prossima volta.

 L'amministrazione del comune di Lucca paga le bollette del gas agli zingari del campo di via delle Tagliate che peraltro doveva essere solo provvisorio, ma che poi, come spesso succede in Italia, nessuno ha più rimosso: voi, in Romania cosa fate agli zingari che non pagano le bollette?

Applichiamo la legge. Valutiamo quali siano le cause, se sono a carattere contingente e momentaneo, gli andiamo incontro ma, se la cosa è permanente e strumentale al fine di non pagare, ribadisco: applichiamo la legge, cioè viene staccata subito l'utenza come da contratto.

 Da qualche anno a questa parte l'emigrazione dalla Romania verso l'Italia è diminuita, secondo lei è dovuta alla regressione economica dell'Italia oppure al progresso economico della Romania che nel 2013 è stato tra i primi a livello europeo?

 È sicuramente dovuto al fatto che la Romania sta progredendo economicamente inserendosi a pieno titolo tra gli altri paesi della UE.

 Essendo molto pratico della Romania, mi capita qualche volta di sentire cittadini romeni rimpiangere il periodo comunista di Ceausescu: è possibile che sia così?

 Ricordo che in quel periodo, essendo la Romania un paese dove l'inverno si fa sentire, per il freddo perché senza riscaldamento, a scuola non riuscivo neanche a tenere in mano la penna per scrivere, spesso non c'era la corrente elettrica, a volte non ci si poteva lavare perché non c'era l'acqua. Per comprare il pane bisognava andare con una tessera e spesso non si trovava neanche: non si possono dimenticare queste cose e non capisco come ci possano essere ancora romeni che rimpiangono quel periodo.

 Nel 1986, in pieno regime comunista, lei si è laureata in ingegneria meccanica: come mai una donna così bella e così dolce come lei, ha scelto questa materia?

In quel periodo era uno dei settori che mi dava più possibilità di affermarmi a livello di lavoro.

Ha alloggiato presso l'albergo B&B Principe Calaf, a S.Marco che è una struttura gestita dalla signora Maria, una lungimirante donna romena:una scelta casuale?

 No. Io avevo prenotato in un altro albergo all'interno del centro storico di Lucca, poi sono venuta a sapere di questo albergo, gestito appunto da una mia connazionale, che è molto seguito su Tripadvisor e ho voluto vedere personalmente. Debbo dire che la signora Maria gestisce il suo B&B in maniera egregia, pienamente integrata con la città e con il suo stile di accoglienza: ne sono orgogliosa.

 Le è piaciuta Lucca?

 Ho trovato Lucca stupenda, ricca di opere d'arte che trasmettono una grande cultura: veramente bella, tornerò a visitarla sicuramente, magari con più comodo. (Fiorenzo Sernacchioli)

Fonte:La Gazzetta di Lucca

Corso per giornalisti sul tema della migrazione


Roma, 18 giugno, Spazio Europa, via IV Novembre 149 il 18 giugno, presso i locali di Spazio Europa, spazio cogestito dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea e dall'Ufficio del Parlamento europeo in Italia, si terrà un corso per giornalisti relativo al tema della migrazione. La giornata è aperta anche ai non giornalisti ma comunque interessati al tema.

 Di seguito il programma della formazione.

 PARTE I – Basi giuridiche e politiche dell'immigrazione – briefing tecnico
 9.00 – 9.30 Registrazione

9.30 – 9.45 Benvenuto e introduzione del corso – Lucio Battistotti, Direttore della Rappresentanze in Italia della Commissione europea

9.45 – 11.00 Le parole dell'immigrazione – il glossario – Michele Cercone, responsabile comunicazione, DG HOME, Commissione europea

11.00 – 12.00 Agenda dell'Immigrazione – Michele Cercone

12.00 – 12.15Pausa caffé

PARTE II – L'immigrazione tra la comunicazione e la realtà

 12.15 – 12.30 Introduzione – Gennaro Migliore, Presidente della Commissione di inchiesta parlamentare sull'immigrazione

12.30 – 14.30 Tavola rotonda

 Carlotta Sami, portavoce dell'UNHRC
  Valerio Cataldi, giornalista TG2
 Luca Attanasio, giornalista
 Licia Corbolante, terminologa e blogger
 Pietro Suber , Vicepresidente Carta di Roma

 Maggiori informazioni

 I giornalisti possono iscriversi al corso tramite la piattaforma online SiGeF

 I non giornalisti possono iscriversi inviando una mail a comm-rep-rom@ec.europa.eu

 Per ulteriori approfondimenti:

 Scheda dell'Italia sui finanziamenti nei settori della migrazione per il periodo 2014-2020

Scheda informativa sull'operazione Triton

 Scheda informativa sul reinsediamento e la ricollocazione di persone

 Glossario, fatti e cifre dell'Agenda europea sulla migrazione

Scheda informativa sulla migrazione legale

 Quattro pilastri dell'Agenda UE sulla migrazione

Fonte:Commissione Europea

domenica 7 giugno 2015

Spazi Aperti 2015

SPAZI APERTI 2015

VOI SIETE QUI / CENTRO E PERIFERIA
YOU ARE HERE / CENTRE AND PERIPHERY
VOI SUNTETI AICI / CENTRALI SI PERIFERICI

XIII edizione, 2015
12 - 20 giugno 2015

INAUGURAZIONE 12 Giugno - ore 19,00
Accademia di Romania


SPAZI APERTI 2015
VOI SIETE QUI / CENTRO E PERIFERIA
YOU ARE HERE / CENTRE AND PERIPHERY
VOI SUNTETI AICI / CENTRALI SI PERIFERICI

Accademia di Romania in Roma annuncia l'inaugurazione della XIII-a edizione Spazi Aperti, che aprirà le sue porte venerdì 12 giugno 2015, dalle ore 19:00. La mostra sarà aperta dal 12 al 20 giugno 2015 presso l'Accademia di Romania in Roma.

Spazi Aperti
Spazi Aperti, giunto quest'anno con You are here alla tredicesima edizione, è un progetto che riunisce gli artisti diverse residenti nelle varie accademie straniere che hanno sede a Roma, in dialogo con artisti affermati che vivono e operano nell’urbea. L'evento si vuole incontro una piattaforma d’incontro tra i borsisti e la città, tra gli artisti e i suoi abitanti. Accademia di Romania torna così tutti gli anni a sottolineare, con l'apertura della sede istituzionale, la sua volontà di consolidare le buone relazioni di cooperazione e partenariato tra le istituzioni artistiche e culturali che operano a Roma. Le risorse e gli spazi espositivi dell'Accademia saranno anche quest’anno a disposizione degli artisti con il fine di riunire un gran numero di realtà ed evidenziare le diverse peculiarità.

You are here. Centre and periphery / Voi siete qui. Centro e periferia
You are here / Voi siete qui, indica principalmente il luogo dove ci si trova quando si è in un nuovo ambiente ed aiuta ad orientarsi con l’ausilio di una carta geografica. Roma è il punto di riferimento geografico, culturale e storico, in cui gli artisti operano, ma non è più sufficiente la classica carta geografica per definire un vero posizionamento e orientamento in questo spazio. Incontri, influenze, coincidenze, scelte, errori e deviazioni hanno un valore fondamentale e creano un percorso invisibile e immateriale, ugualmente rilevante, rispetto al necessario orientamento geografico. Al contempo, durante il loro soggiorno a Roma i borsisti diventano temporaneamente periferici rispetto ai loro luoghi d’appartenenza, ma centrali e visibili attraverso le istituzioni che rappresentano e attraverso il loro lavoro. Come si rapportano a questa nuova dimensione? You are here, affermazione di una precisa localizzazione arriva a declinarsi all’occasione in una destabilizzante provocazione: Are you here?
L'evento è organizzato negli spazi dell'Accademia di Romania in Roma e ospiterà le opere di oltre 50 artisti - borsisti di altre Accademie culturali e Istituti di Roma, alcuni degli artisti partecipanti alle edizioni degli anni precedenti, giovani da importanti centri d'arte emergenti, così come una selezione di ospiti speciali. Quest'anno l'edizione è coordinata e curata da Andrei Ciurdarescu borsista "Vasile Parvan" dell'Accademia di Romania a Roma e Ovidiu Leuce, artista proveniente dalla Romania e residente a Roma.

Accademie e Istituti di cultura partecipanti: Accademia di Danimarca, Istituto Svedese di Studi Classici a Roma, Accademia Tedesca Villa Massimo, British School at Rome, Accademia d'Ungheria, Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, insieme all'Accademia di Romania in Roma.

ARTISTI PARTECIPANTI:
Isa Balog-Verly, Zsofia Barabas, Radu Baies, Viorela Bogatu, Dragos Bojin, Alin Bozbiciu, Marius Burhan, Ciprian Buzila, Carlo Caloro, Andrei Ciurdarescu, Diana Cirdeiu, Otto Constantin, Felix Deac, Mircea Dragomirescu, Arpád Forgó, Cristian A. Godeanu, Michael Hirschbichler, Michele Iodice, Valentin M. Ionescu, Sergey Kalinin, Roman Kirschner, Siri Kollandsrud,
Marie Kraft, Geraldo Lafratta, Britta Lenk, Ovidiu Leuce, Johannes Luchmun, Diana Machulina, Maix Mayer, Roxana Mihaly, Nancy Milner, Leila Mirzakhani, Zsuzsa Moizer, Valentin Morariu, Iulia Morcov, Ciprian Muresan, Anita Viola Nielsen, Catherine O’Donnell, Cristiana Pacchiarotti, Jane Maria Petersen, Leonardo Petrucci, Florina Pop, Marcel Rusu, Alexandra Serban,
Ionuț Stefan, Diana Vasiliu.

PROGRAMMA DELL'EVENTO:
12 Giugno INAUGURAZIONE
Ora 19: COCKTAIL DÌ APERTURA
Ora 19.30: CONCERTO JAZZ - RAF FERRARI QUARTET
(Raf Ferrari, Vito Stano, Andrea Colella, Claudio Sbrolli)
Ora 21: DJ. GESTALT - FABIO GALLETTI

15 Giugno
Ora 18: L'ESPRESSIONISMO BALCANICO E SPAZI APERTI 2015 - DA BUCAREST A ROMA
conferenza Mihai Alexandru Plesu, titolare della galleria di arte contemporanea PleshooContemporary (Bucarest) in dialogo con Carlo Claoro direttore dello spazio di ricerca e sperimentazione artistica artQ 13 (Roma).

18 Giugno
Ora 18: L'IMPORTANZA DEL FATTORE LATINO NELLA MUSICA JAZZ -
DA CUBA A BRASILE FINO IN ROMANIA
conferenza Virgil Mihaiu Prof. univ. di Estetica del Jazz
preso l’Accademia di Musica di Cluj-Napoca

20 Giugno FINISSAGE
ORA 20: CONCERTO DÌ MUSICA CLASICA E TRADIZIONALE
Ghenadie Rotari - fisarmonica

Contatto Tel
Andrei Ciurdarescu +39 380 135 5433
Ovidiu Leuce +39 347 598 4696
spaziaperti2015@gmail.com

Accademia di Romania in Roma

Performanță pentru ciclismul românesc. Eduard Grosu, pe locul 5 într-o etapă din Turul Italiei

Sâmbătă, 23 Mai 2015
Autor: Agerpres

Eduard Grosu (costum albastru-portocaliu) a sosit pe locul cinci în etapa a 13-a din Turul Italiei / FOTO: nippovinifantini.com

Etapa a 13-a a Turului ciclist al Italiei a fost, vineri, cu noroc pentru debutantul român Eduard Grosu, unul dintre remarcații zilei, clasat la un sprint masiv pe un excelent loc 5, în același timp cu învingătorul, italianul Sacha Modolo, iar tricoul roz a fost preluat de Fabio Aru, scăpat de o căzătură în care a fost prins fostul lider, Contador.

Etapa, scurtă și perfect plată de-a lungul celor 147 km, dintre Montecchio Maggiore și Lido di Jesolo, anunța o zi liniștită, numai că finalul extrem de tehnic și, mai ales, vremea ploioasă au dus la o răsturnare spectaculoasă de ierarhie. Evenimentul care a produs această schimbare a fost o căzătură cu 3,2 km înainte de sosire, deci dincolo de zona de 3 km în care incidentele nu influențează clasamentul final al etapei.

În dorința de a se plasa cât mai bine pentru sprintul final, pe șoseaua îngustă, mai mulți rutieri s-au înghesuit pe partea dreaptă a șoselei, producând acel dramatic incident, gen "scapă cine poate". Bine plasat, pe față, deși lipsit de sprijinul coechipierilor de la Nippo — Vini Fantini, Eduard Grosu a rezistat alături de rutieri deja consacrați în pluton.

În cele din urmă, victoria în etapă a revenit italianului Sacha Modolo, de la echipa cea mai bine organizată, cu 3 cicliști în "trenulețul" de final, Lampre. Modolo a fost cronometrat în 3h03'08" (medie orară 48,161 km), urmat, în același timp, de alți sprinteri atestați ai plutonului profesionist, Nizzolo și Viviani, rusul Porșev a fost al patrulea, iar Grosu al 5-lea, un loc de bun augur, pentru o carieră care abia începe.

Prins în căzătura amintită, spaniolul Alberto Contador (Tinkoff) a predat tricoul de lider al clasamentului general italianului de la Astana Fabio Aru, care are acum 19 secunde avans față de experimentatul iberic, inversând locurile. Un alt perdant, probabil definitiv scos din calculele pentru victoria finală, australianul Richie Porte (Sky) a cedat în primul rând psihic, venind cu peste 2 minute întârziere.

Celălalt rutier român prezent în selectul pluton al acestui mare tur, tot debutant, Serghei Țvetcov (Androni), a sosit pe locul 152 în etapă, cu 2'47" întârziere, și se află la general pe locul 159, la 2h37'36", în același clasament Grosu ocupând locul 169, la 2h51'22". În cursă au mai rămas 182 de cicliști.

Etapa a 14-a, de sâmbătă, reprezintă încă o piatră de încercare pentru cicliști, fiind programat un contratimp individual pe nu mai puțin de 59,4 km, între Treviso și Valdobbiadene.

Sursa: REALITATEA.NET

sabato 6 giugno 2015

Equivalenze poetiche romeno-italiane. La poesia romena in Italia

Equivalenze poetiche romeno-italiane.
La poesia romena in Italia

Lunedì 8 giugno 2015,
ore 15.00-17.00

Sapienza Università di Roma
Facoltà di Lettere,
Dipartimento di Studi Europei,
Americani e Interculturali,

Aula Seminario, III piano
Piazzale Aldo Moro, 5

Tavola rotonda

Partecipano:
Oana Bosca-Malin,
Daniela Crasnaru,
Stefan Damian,
Bruno Mazzoni,
Adrian Popescu,
Angela Tarantino (moderatrice),
Luisa Valmarin

Martedì 9 giugno 2015,
ore 19.00

Accademia di Romania,
Sala Concerti
Piazza José de San Martin, 1

Spettacolo poetico musicale

Lettura poetica nello spazio scenico
a cura di Thomas Otto Zinzi
e gli attori della compagnia Progetto Miniera

Accademia di Romania in Roma

Cultura e arte romena in diaspora

Sarà dedicata all'associazionismo e alla cultura il prossimo fine settimana. Si inizia domani alle 10 in sala Toffoli con «Cultura e arte romena in diaspora» organizzata dall'associazione Daci si Romani (Daci e Romani, progenitori degli odierni romeni), con la collaborazione di vari enti.

Durante l'evento, che continuerà nel pomeriggio, vi saranno esposizioni di artisti romeni noti a livello internazionale. Al teatro Smeraldo dalle 20.45 toccherà alle premiazioni dei vincitori della nona edizione del premio di poesia Valeggio futura 2015, organizzato dal Comitato di biblioteca e che ha una sezione a tema (Vivere la libertà) e altre libere e per il dialetto.

Il concorso è legato alla Festa delle associazioni che si svolgerà domenica in piazza Carlo Alberto, con apertura degli stand del volontariato dalle 9,30 alle 19. Una settantina di associazioni presenterà la propria attività, dal karate alla danza, dalla esibizioni acrobatiche alle dimostrazioni di primo soccorso.

Non mancheranno il mercato arcobaleno dei bambini, gli stand enogastronomici, il cui ricavato andrà a favore di un progetto in Tanzania e tanta musica in serata con le band giovanili del Cea e il gruppo Dreamin' Liga. A.F.

Fonte: L'Arena

Expoziţie de Marcel și Ilarion Voinea în Mica Galerie a Institutului Român de Cultură și Cercetare Umanistică de la Veneţia /Mostra d’arte di Marcel e Ilarion Voinea presso la Piccola Galleria dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia



COMUNICAT DE PRESĂ

 Expoziţie de Marcel și Ilarion Voinea în Mica Galerie a Institutului Român de Cultură și Cercetare Umanistică de la Veneţia Institutul Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia are plăcerea de a vă invita miercuri, 10 iunie 2015, ora 18.30, la vernisajul expoziţiei de pictură și sculptură a artiştilor Marcel și Ilarion Voinea, eveniment ce va avea loc în Mica Galerie situată în Cannaregio 2211 ‒ 30121 Veneţia.

 Expoziţia va cuprinde sculpturi de mici dimensiuni, alături de picturi și desene. Se poate spune că întâlnirea celor doi fraţi, antinomică în aparenţă, sub raportul concepţiei artistice numai, închide în sine două drumuri diferite, care, paradoxal, unifică căutările unei generaţii care şi-a atins apogeul.

“Marcel Voinea este un artist fabulatoriu.
Reconstruieşte poveşti din texte biblice şi nu numai, folosindu-se de praful de cretă pe care-l amestecă în var, iar apoi îl distribuie pe pânză cu o virtuozitate ieşită din comun, în scene ale căror desene apropie munca sa de cea a graficienilor, ori mai degrabă a gravorilor, iar celălalt, Ilarion Voinea, destructurează realitatea materiei în fragmente cărora le dă un sens independent, cu valoare de simbol, atunci când le desprinde de contextul locului comun.

Mai întâi, Marcel Voinea este un excepţional desenator, a cărui imaginaţie poetică completează fericit, în secvenţialităţi memorabile, adevărate poveşti şi interpretări ale textelor biblice, subminate, însă, permanent de o ironie devastatoare. Pentru că toate personajele sale, aflate într-o dinamică de o inocentă spontaneitate, se trezesc într-un spaţiu al fabulei, reinterpretate mereu într-o citire trecută prin grila metafizică. Şiruri de oameni duc în spate cetăţi părăsite, ca şi când o mare nenorocire s-ar fi aşezat peste ele, dar încăpăţânarea lor de a merge înainte îi identifică cu un destin inexorabil. […]

E multă poezie în fragmentele de realitate prelucrate în lemn ori bronz de Ilarion Voinea, o poezie subtilă şi eterată, din care au căzut cuvintele de prisos, rămânând uneori doar o urmă a acestora, o idee. Pe un platou de lemn desenează o deschizătură ca un semicerc, o fantă prin care ai putea să vezi, dincolo de suprafaţa limpede a realităţii, un miez, pe care-l cauţi, al energiilor ce ar putea să revitalizeze materia moartă …” (Petre Tănăsoaica, România literară nr. 40, 2012)

 Ilarion Voinea este absolvent al Facultăţii de Arte Plastice „Ion Andreescu” din Cluj-Napoca, secţia sculptură. Între anii 1973‒2012 a fost profesor de sculptură la Şcoala Populară de Artă, între 1998‒2006, conferenţiar universitar la Facultatea de Arte Vizuale a Universităţii din Oradea, iar între 1990‒1991 Lector univ. la Academia de Arte Frumoase din Cluj-Napoca. Este autorul a numeroase expoziţii personale și de grup și a realizat numeroase monumente atât în ţară, precum și în străinătate.

 Marcel Voinea este absolvent al Institutului de Arte Plastice şi Decorative „Ion Andreescu” din Cluj, secţia sculptură 1977. Profesor de sculptură din 1977‒1990 la Școala de arte „Grigore Gabrielescu” și la Liceul de Artă din Craiova; din 2002 este vicepreşedinte al Uniunii Artiştilor Plastici (U.A.P.), iar din 2010 este preşedinte al filialei Craiova a U.A.P. Din anul 2007 este membru în Comisia Zonală Oltenia pentru monumente de for public.

 Evenimentul realizat cu sprijinul Institutului Cultural Român. Expoziţia va putea fi vizitată în Mica Galerie a IRCCU Veneţia din Cannaregio 2211, până în data de 28 iunie 2015, de marţi până duminică, în intervalul orar 10‒12 şi 16‒19.
 Intrarea este liberă.

 Pentru mai multe detalii:
 Alexandru Damian, coordonator proiecte arte vizuale
 Tel. +39.041.524.2309
 INSTITUTUL ROMÂN DE CULTURĂ ŞI CERCETARE UMANISTICĂ
 Palazzo Correr ‒ Cannaregio 2214 (Campo Santa Fosca)
 30121 Veneţia, ITALIA

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

COMUNICATO STAMPA

 Mostra d’arte di Marcel e Ilarion Voinea presso la Piccola Galleria dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia L’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia ha il piacere di invitarvi mercoledì, 10 giugno 2015, dalle ore 18.30, alla vernice della mostra di pittura e scultura degli artisti Marcel e Ilarion Voinea, evento che si terrà nella Piccola Galleria, sita in Cannaregio 2211‒30121 Venezia.

 La mostra includerà sculture e pitture accompagnate da disegni. Si può dire che l’incontro dei due fratelli, antinomico in apparenza, ma solamente per quanto riguarda la concezione artistica, racchiude in sé due vie diverse, che, paradossalmente, unificano le ricerche di una generazione che ha toccato l’apice.

 “Marcel Voinea è un artista che favoleggia. Ricostruisce storie da testi biblici e non solo, utilizzando la polvere che mescola alla calce, e che poi distribuisce sulla tela con una virtuosità fuori dal comune, in scene i cui disegni avvicinano il suo lavoro a quello dei disegnatori, o meglio degli incisori, mentre l’altro, Ilarion Voinea, destrutturalizza la realtà della materia in frammenti ai quali da senso indipendente, con valore di simbolo, quando gli distacca dal contesto del luogo comune… (Petre Tănăsoaica, România literară no. 40, 2012)

 Ilarion Voinea è laureato della Facoltà di Belle Arti „Ion Andreescu” di Cluj‒Napoca, indirizzo scultura. Tra gli anni 1973‒2012 è stato professore presso la Scuola Popolare d’Arte, mentre tra gli anni 1998‒2006 è stato professore alla Facoltà di Arti Visive dell’Università di Oradea. Trai l 1990‒1991 è stato professore associato all’Accademia di Belle Arti di Cluj-Napoca. E’ autore di numerose mostre personali e di gruppo ed ha realizzato vari monumenti sia nel paese che all’estero.

 Marcel Voinea è laureato dell’Istituto di Belle Arti „Ion Andreescu” di Cluj‒Napoca, indirizzo scultura, promozione 1977. E’ stato professore di scultura tra il 1977‒1990 alla Scuola d’arte „Grigore Gabrielescu” ed al Liceo d’Arte di Craiova; dal 2002 è vicepresidente dell’Unione degli Artisti (U.A.P.), e dal 2010 è presidente della filiale Craiova dell’U.A.P. Dal 2007 è membro della Commissione Zonale Oltenia per i pubblici monumenti.

 L’evento è realizzato con il sostegno dell’Istituto Culturale Romeno. La mostra potrà essere visitata presso la Piccola Galleria dell’Istituto Romeno di Venezia di Cannaregio 2211, fino al 28 giugno 2015, da martedì a domenica, nell’intervallo orario 10-12 e 16-19.
 L’entrata è libera.

 Per ulteriori informazioni:
 Alexandru Damian, coordinatore progetti arti visive
 Tel. +39.041.524.2309
 ISTITUTO ROMENO DI CULTURA E RICERCA UMANISTICA
 Palazzo Correr ‒ Cannaregio 2214 (Campo Santa Fosca)
 30121 Venezia, ITALIA