La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

mercoledì 22 luglio 2015

Soprana Rodica Vică in concert la Festivalul "Lo spirito della musica di Venezia " 2015 / Il soprano Rodica Vică in Concerto al Festival "Lo spirito della musica di Venezia " 2015


Comunicat de presa

În perioada 15 iunie – 26 iulie 2015 are loc cea de-a treia ediție a Festivalului “Lo spirito della musica di Venezia”, un eveniment cultural organizat de Fundația Teatrului La Fenice, Regiunea Veneto, Primăria orașului Veneția și Camera de Comerț a Veneției, în colaborare cu Universitatea Ca’ Foscari și Conservatorul de Muzică Benedetto Marcello și sub patronajul Ministerului pentru Bunuri și Activități Culturale al Italiei. Tema ediției din acest an a festivalului este: Veneția poartă spre Orient: dialog între culturi - temă dedicată orașului lagunar – un oraș emblemă și centru de schimburi culturale, muzicale, economice și filozofice între diferite civilizații și culturi ale zonei mediteraneene și Orientul Mijlociu.

 Cu această ocazie, Institutul Român de Cultură și Cercetare Umanistică de la Veneția, în colaborare cu Fundația Teatrului La Fenice, organizează un concert de muzică barocă cu titlul: Canto barocco: viaggio musicale dal madrigale al melodramma. Concertul va fi susținut de soprana Rodica VICĂ și pianista Diana IONESCU în data de 22 iulie 2015, ora 18:00, în Sala Apollinee a Teatrului La Fenice. În program piese de: Claudio Monteverdi, Georg Friedrich Händel, Antonio Vivaldi, Domenico Scarlatti, Jean Philippe Rameau, Marc Antonio Cesti și Domenico Cimarosa.

 Tot la Veneția, la invitația Venetia Antiqua Ensemble, soprana Rodica VICĂ va susține două concerte, în data de 24 și 26 iulie 2015, ora 19:00, pe scena prestigioasei Scuola Grande di San Giovanni Evangelista. Cu titlul L’opera stravagante: Vivaldi vs Händel – virtuosismi e confronto, soprana Rodica VICĂ alături de Venetia Atiqua Ensemble va interpreta arii de Antonio Vivaldi și Georg Friedrich Händel. Institutul Român de Cultură și Cercetare Umanistică de la Veneția este partener al celor două concerte.

 Rodica VICĂ, soprană – este solist invitat al multor opere și filarmonici, atât din România, cât și din străinătate. Soprana a debutat pe scena Operei Naționale București, în anul 2010, la vârsta de 24 de ani, iar apoi a colaborat permanent cu această instituție, interpretând roluri principale în operele: Flautul fermecat (Regina Nopții) de W. A. Mozart, Rita de G. Donizetti,  Alcina de G. Fr. Händel, La Cenerentola de G. Rossini, L’elisir d’amore de G. Donizetti. În ceea ce priveşte interpretarea altor roluri de operă, Rodica Vică a mai susținut până în prezent: Rosina din Bărbierul din Sevilla de G. Rossini, Norina din Don Pasquale de G. Donizetti,  Nerina din Le Pescatrici de J. Haydn şi Belinda din Dido şi Aeneas de H. Purcell (spectacol înscris în „Stagiuniea Tinerilor Muzicieni” şi transmis de TVR Cultural şi Radio România Muzical). Rodica Vică este câștigatoarea a numeroase premii la concursuri naționale si internaționale: Premiul I la Concursul Internaţional de muzica barocă “La Stravaganza“ Cluj- Napoca, Premiul II la Concursul Radiodifuziunii Române “Drumul spre celebritate” (2012), Premiul pentru cea mai Bună Interpretare Muzicală în cadrul Trofeului “Ion Dacian“ pentru Tineri Interpreţi (2011)

În toamna anului 2012, Rodica Vică a fost invitată să participe la unul dintre cele mai prestigioase proiecte de operă din Romania, Indiile Galante de J. Ph. Rameau în regia celebrului Andrei Șerban, la Opera Națională Română Iași. În urma concursului Piccolo Festival del Friuli Venezia, soprana Rodica Vică a obținut rolul Marchesa Lucinda din opera La Cecchina de N.  Piccini, producție ce a avut loc în vara anului 2013, în numeroase orașe din Italia, sub conducerea muzicală a reputatului dirijor Filippo Maria Bressan.

În vara anului 2014 Rodica Vică debuta internațional în rolul Donna Anna din opera Don Giovanni de W. A Mozart la Viena în cadrul festivalului Klassik Festival Schloss Kirchstetten, iar în toamna aceluiași an deschidea Festivalul Internațional de muzică barocă din Varazdin – Croația, alături de una dintre cele mai bine clasate orchestre de muzică barocă, Accademia Bizantina, sub conducerea dirijorului Ottavio Dantone.

În vara anului 2015, soprana își va face apariția în numeroase concerte cu programe inedite și în primă audiție alături de orchestre de renume din Austria, Italia, Germania, Romania și Croația.

Diana IONESCU, pianistă – “Ambasadoare a culturii române peste hotare și premiată pentru contribuția sa la relațiile româno-britanice, pianista Diana Ionescu este considerată una dintre cele mai fermecătoare interprete ale generației sale.“

Îndrumată încă de la o vârstă fragedă de personalităţi precum Sanda Bobescu, Olga Szel şi Dan Grigore, iar mai târziu de Alexis Weissenberg, Marta Argerich, Lory Wallfisch şi Richard Goode, ea a fost încurajată în mod constant să-şi dezvolte abilităţile extraordinare de care a dat dovadă încă din copilărie. Numeroasele premii obţinute în competiţii internaţionale (Premiul I la Concursul “George Enescu” – Bucureşti 2001; Premiul “Alexis Weissenberg”, The Glass Seller's Trophy – Londra 2010), precum şi prestaţiile de marcă în cadrul marilor festivaluri (George Enescu 2001, Verbier Festival 2006, Progetto Martha Argerich 2008, St Prex Classics 2010–2011) au transformat-o într-un vector important al culturii române în străinătate. În timpul studiilor la Guildhall School of Music and Drama cu Joan Havill şi Ronan O’Hora, a avut numeroase concerte în Marea Britanie, pe scene prestigioase precum Wigmore Hall, Barbican Hall, Queen Elizabeth Hall, Purcell Room, LSO St Luke’s, St Martin-in-the-Fields, CBSO Birmingham, Covent Garden. Colaborările ei cu muzicieni precum Belcea Quartet, Transylvan Quartet, violonistul şi compozitorul Vlad Maistorovici, soprana Teodora Gheorghiu, precum şi cu orchestre faimoase – Orchestra Naţională Radio, Orchestra Filarmonicii din Bucureşti, Guildhall School Orchestra – i-au asigurat concerte şi înregistrări de cea mai înaltă calitate. Pentru toate aceste realizări, i s-a decernat “Diploma Ambsadorilor” pentru contribuţia la parteneriatul cultural româno–britanic (22 octombrie 2011). În prezent, îşi finalizează teza de doctorat pe tema lucrărilor solo pentru pian ale lui Enescu, sub îndrumarea prof. Ronan O’Hora şi a prof. Alexander Lingas. Printre proiectele sale se numără înregistrarea integralei sonatelor pentru pian de Mozart pentru Radio România. Prezenţa Dianei Ionescu în Marea Britanie a fost sprijinită cu generozitate de Fundaţia Raţiu şi de The Leverhulme Trust

Pentru informații:

http://www.teatrolafenice.it/site/index.php?pag=21&spettacolo=23945&lingua=ita
http://www.venicemusicproject.it/events/ospiti-12/ 

Responsabil proiect: MIHAI STAN
Tel. +39.041.5242309;
mail: mihai.stan@icr.ro

INSTITUTUL ROMÂN DE CULTURĂ ȘI CERCETARE UMANISITCĂ DE LA VENEȚIA

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
  
Comunicato stampa

Il soprano Rodica Vică   in Concerto al Festival 2Lo spirito della musica di Venezia " 2015

Nel periodo  15 giugno – 26 luglio 2015 si svolge la terza edizione del Festival “Lo spirito della musica di Venezia”, un evento culturale organizzato dalla Fondazione Teatro La Fenice con la Regiune Veneto, il Comune di Venezia e la Camera di Commercio di Venezia, in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari e il Conservatorio di Musica Benedetto Marcello di Venezia e con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Il tema dell’edizione di quest’anno del festival è: Venezia porta d’Oriente: dialogo fra culture – tema dedicato alla cità lagunare – una città emblematica e centro di scambi culturali, musicali, economici e filosofici tra le diverse civiltà e culture del Mediterraneo e del Medio Oriente.

 In tale occasione l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, in collaborazione con la Fondazione Teatro La Fenice, organizza un concerto di musica barocca dal titolo: Canto barocco: viaggio musicale dal madrigale al melodramma. Il concerto sarà sostenuto dal soprano Rodica VICĂ e dalla pianista Diana IONESCU il 22 luglio 2015, ore 18:00, presso la Sala Apollinee del Teatro La Fenice. In programma brani di: Claudio Monteverdi, Georg Friedrich Händel, Antonio Vivaldi, Domenico Scarlatti, Jean Philippe Rameau, Marc Antonio Cesti e Domenico Cimarosa.

 Sempre a Venezia, su invito della Venetia Antiqua Ensemble, il soprano romena Rodica VICĂ terrà due concerti il 24 e il 26 luglio 2015, ore 19:00, sul prestigioso palscoscenico della Scuola Grande di San Giovanni Evangelista, dal titolo L’opera stravagante: Vivaldi vs Händel – virtuosismi e confronto; il soprano Rodica VICĂ, insieme a Venetia Atiqua Ensemble, interpreterà brani di Antonio Vivaldi e Georg Friedrich Händel. L’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia è partner dei due concerti.

 Rodica VICĂ, soprano – è solista invitata di numerosi teatri d’opera e filarmoniche sia in Romania che all’estero. Il soprano ha debuttato su palcoscnico dell’Opera Nazionale di Bucarest nel 2010, all’età di 24 anni, ed è diventata collaboratore permanente dell’Opera di Bucarest protagonista nelle opere: Il flauto magico (Regina della Notte) di W. A. Mozart, Rita di G. Donizetti, Alcina di G. Fr. Händel, La Cenerentola di G. Rossini, L’elisir d’amore di G. Donizetti. Per quanto rigurada altri ruoli d’opera Rodica Vică ha interpretato: Rosina – Barbiere di Sevilla di G. Rossini, Norina – Don Pasquale di G. Donizetti,  Nerina – Le Pescatrici di J. Haydn e Belinda – Dido e Aeneas di H. Purcell (spettacolo presentato nella “Stagione dei Giovani Musicisti” e trasmesso su TVR Cultural e Radio Romania Musicale. Rodica Vică è la vincitrice di numerosi premi presso i concorsi nazionali e internazionali: Primo Premio al Concorso Internazionale di musica barocca “La Stravaganza” di Cluj-Napoca, Secondo premio al Concorso della Rdiodifusione Romena “La strada verso la celebrità” (2012), il Premio per la miglior interpretazione musicale nell’ambito del progetto Trofeo “Ion Dacian” per Giovani Interpretri (2011)

Nell’autuno del 2012, Rodica Vică è stata invitata ha partecipare a uno dei più prestigiosi progetti d’opera in Romania, Les Indes galantes di J. Ph. Rameau nella regia del famoso Andrei Serban, presso l’Opera Nazionale Romena di Iași. Dopo aver vinto il concorso il Piccolo Festival del Friuli Venezia, il soprano romena Rodica Vică ha ottenuto il ruolo Marchesa Lucinda dell’opera La Cecchina di N. Piccini – una produzione che si è svolta nell’estate 2013 in numerosi città italiane sotto la direzione musicale del famoso direttore Filippo Maria Bressan.

Nell’estate 2014 Rodica Vică fece il suo debuto internazionale nel ruolo di Donna Anna – Don Giovanni di W. A Mozart a Vienna nell’ambito del festival Klassik Festival Schloss Kirchstetten. Nell’autunno dello stesso anno inaugurò il Festival Internazionale di Musica Barocca di Varazdin – Croazia insieme a una delle più importanti orchestre di musica barocca l’Accademia Bizantina, sotto la direzione di Ottavio Dantone.

Nell’estate 2015 il soprano terrà numerosi concerti con programmi inediti, insieme a rinomate orchestre, in Austria, Italia, Germania, Romania e Croazia.

Diana IONESCU, pianista – “Ambasciatrice della cultura romena all’estero e premiata per il suo contributo alle relazioni romeno-britanniche, la pianista Diana Ionescu é considerata una delle più affascinanti interpreti della sua generazione“.

Sin da un’età molto tenera studio con personalità come Sanda Bobescu, Olga Szel e Dan Grigore e più tardi da Alexis Weissenberg, Marta Argerich, Lory Wallfisch e Richard Goode, è stata costantemente incoraggiata a sviluppare le abilità straordinarie che dimostrò sin dall’infanzia. I numerosi premi ottenuti nei concorsi internazionali (I° Premio al Concorso ,,George Enescu” – Bucarest 2001; Premio ,,Alexis Weissenberg”, The Glass Seller's Trophy – Londra 2010), come anche le straordinarie partecipazioni nell’ambito di grandi festival (George Enescu 2001, Verbier Festival 2006, Progetto Martha Argerich 2008, St Prex Classics 2010-2011) la resero un’ambasciatrice importante della cultura romena all’estero. Durante gli studi presso Guildhall School of Music and Drama con Joan Havill e Ronan O'Hora, ha sostenuto numerosi concerti in Gran Bretagna, su palcoscenici di prestigio come Wigmore Hall, Barbican Hall, Queen Elizabeth Hall, Purcell Room, LSO St Luke's, St Martin-in-the-Fields, CBSO Birmingham, Covent Garden. Le sue collaborazioni con musicisti come Belcea Quartet, Transylvan Quartet, il violinista e compositore Vlad Maistorovici, il soprano Teodora Gheorghiu, e con orchestre famose – Orchestra Nazionale Radio, Orchestra della Filarmonica di Bucarest, Guildhall School Orchestra – hanno garantito l’altissimo livello dei suoi concerti e delle sue registrazioni. Per tutti questi successi ha ricevuto il ,,Diploma degli Ambasciatori” per il suo contributo al partenariato culturale romeno-britannico (22 ottobre 2011). Attualmente sta ultimado la tesi di dottorato sull’argomento dei brani per pianoforte di Enescu, avendo come relatori il Prof. Ronan O' Hora e il Prof. Alexander Lingas. Tra i suoi progetti futuri si trova la registrazione di tutte le sonate per pianoforte di Mozart per Radio România. La presenza di Diana Ionescu in Gran Bretagna fu generosamente sostenuta dalla Fondazione Raţiu e da The Leverhulme Trust.

Per informazioni:

http://www.teatrolafenice.it/site/index.php?pag=21&spettacolo=23945&lingua=ita
http://www.venicemusicproject.it/events/ospiti-12/

Reponsabile progetto: MIHAI STAN
Tel. +39.041.5242309;
mail: mihai.stan@icr.ro

ISTITUTO ROMENO DI CULTURA E RICERCA UMANISTICA DI VENEZIA

martedì 21 luglio 2015

Cariati, le associazione romene a tu per tu con l'ambasciatrice Dana Costantinescu


Seimila romeni vivono nella Piana di Sibari, una comunità attiva che pur essendosi integrata in Calabria ancora ha un lungo percorso da comppiere. Così ecco che per capire meglio come disegnare un futuro possibile le autorità diplomatiche romene in Italia hanno voluto incontrare le associazioni e i ciitadini romeni, insieme alle autorità locali.

 "Ascoltare, discutere, confrontarsi, proporre" è stato l'obiettivo dell'incontro tenutosi nel Centro sociale di Cariati, con la partecipazione dell'Ambasciatrice romena in Italia, Dana Costantinescu, accompagnata da Ovidiu Pufu secondo segretario - addetto stampa.

 Il dibattito è stato moderato da Carmen Florea, mediatrice culturale, la quale, nel fare gli onori di casa, ha illustrato le condizioni della comunità e le problematiche con le quali si confrontano i romeni residenti nella piana di Sibari. Sono poi intervenuti: Rodica Giacco, presidente dell'Associazione Romena di Cariati che, nel dare il benvenuto agli ospiti, ha interpretato, con i bambini cariatesi e romeni, una danza calabrese; don Pino Strafaci, direttore della Caritas Diocesi Rossano – Cariati, ha portando i saluti del Vescovo, assicurando il sostegno della chiesa cattolica alle sorelle e ai fratelli romeni che vivono nel territorio; Assunta Trento, cittadina delegata alla Cultura del Comune di Cariati, ha rivolto i saluti a nome del sindaco di Cariati, Filippo Sero; Cataldo Perri, medico di base, ha messo in risalto l'importanza del lavoro di assistenti familiari che svolgono le donne romene, senza le quali gli anziani italiani non possono farne a meno, ribadendo che l'immigrazione è sinonimo di risorsa per il territorio; Giuseppe Giudiceandrea, Consigliere Regionale, ha parlato della Calabria interculturale terra d'emigrazione e d'immigrazione; Maurizio Alfano, referente UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) per la Calabria, ha parlato della discriminazione nell'amministrazione pubblica e il non riconoscimento di alcuni diritti comunitari; Elena Faina, presidente dell'Associazione "Insieme per la nostra voce" organizzattrice del convegno, ha descritto quanto sia difficile andare avanti per le associazioni romene del territorio; Pino de Lucia, presidente della Cooperativa sociale Agorà di Crotone, ha spiegato l'importanza dell'accoglienza e la distinzione tra le vere e le false cooperative che operano nel sociale; Giuseppe De Lorenzo, segretario CGIL Corigliano Calabro, ha descritto lo sfruttamento lavorativo dei cittadini rumeni, impegnati in vari settori e l'aumento allarmante del fenomeno di caporalato, plaudendo all'importanza degli accordi bilaterali tra l'Italia e la Romania, per contrastare il fenomeno della tratta degli esseri umani; Mariarosa Novellis, avvocato e membro della Commissione Migrantes della diocesi Rossano – Cariati, ha sottolineato l'importanza nel denunciare i soprusi, sfruttamenti e maltrattamenti, considerato che sono tantissime le denunce da parte di cittadini romeni che sono stati sfruttatati.

Ha concluso i lavori l'ambasciatrice Dana Costantinescu, la quale ha garantito l'impegno delle autorità diplomatiche ad aprire qualsiasi dialogo, per coinvolgere la partecipazione della comunità romena alla cittadinanza attiva e per accogliere, da parte dei rappresentanti delle associazioni e dai referenti della comunità romena che vive in Calabria, le problematiche e le proposte ai fini dell'inclusione sociale e il riconoscimento dei diritti dei cittadini romeni, attraverso una linea di collaborazione e dialogo diretto tra l'ambasciata e i propri connazionali. A questo importante e utile incontro, ospitato dall'Associazione "Insieme la nostra voce", hanno partecipato anche cittadini romeni che vivono a: Castrovillari rappresentati da Lia Birsan; Corigliano Calabro e Cariati, oltre a: Giovanni Fortino, direttore della Commissione Migrantes della Diocesi Rossano – Cariati; Pierpaolo Graziadio, Cidis Onlus Cassano allo Ionio; autorità locali, regionali e stampa accreditata.

Fonte:IM Mezcla

L’ambasciatrice della Romania ricevuta in Comune dal vicesindaco


Oggi a Palazzo De Nobili il colloquio traGabriella Celestino e Diana Costantinescu

 Il vicesindaco Gabriella Celestino, affiancata dal segretario generale Vincenzina Sica, ha ricevuto a Palazzo de Nobili l’ambasciatrice della Romania in Italia, Dana Costantinescu, giunta in Calabria per incontrare le comunità rumene presenti sul territorio regionale e avviare un confronto con le istituzioni locali. Come sottolineato dalla stessa ambasciatrice, sono oltre un milione i rumeni in Italia, la più grande comunità straniera presente nei confini italiani, e oltre 40mila le imprese italiane che hanno scelto i distretti produttivi rumeni.

 Sulla base di questi numeri si rende, dunque, necessario avviare un percorso di collaborazione che possa consentire una maggiore integrazione sociale e culturale sul territorio. In particolare, il vicesindaco Celestino, a nome del sindaco Sergio Abramo e dell’amministrazione comunale, ha sottolineato come la comunità rumena sia ben accolta ed inserita nel tessuto urbano di Catanzaro dal punto di vista della partecipazione alla vita sociale e lavorativa. Il confronto è stato, dunque, utile a porre le basi per una collaborazione istituzionale volta a garantire assistenza specialmente ai tanti lavoratori domestici rumeni e a favorire la possibilità di frequentare corsi di apprendimento di lingua rumena per connazionali e per gli stessi italiani che, in numero sempre più crescente, scelgono la Romania per motivi di studio o di lavoro.

Al termine dell’incontro l’ambasciatrice Costantinescu e il vicesindaco Celestino si sono scambiate dei volumi sulla storia della Romania e della Calabria auspicando di poter dare seguito anche in futuro alla collaborazione avviata.

Fonte: Catanzaro Informa

I rumeni sul web


Stando agli ultimi dati diffusi dall'Istat nazionale, la maggior parte dei cittadini della repubblica ex comunista usa Internet per leggere notizie e trovare informazioni su beni e servizi Nel 2014 oltre un terzo dei cittadini rumeni ha utilizzato Internet per leggere le notizie online, trovare informazioni su beni e servizi, inviare email e chattare.

A riferirlo sono gli ultimi dati forniti dall'Istat rumeno, secondo cui il 70,3% degli utenti sfrutta il web per leggere le notizie, il 65,7% per cercare informazioni su beni e servizi ed il 45,5% per giocare o scaricare film, musica, foto e giochi. Inoltre, negli ultimi tre mesi dello scorso anno gli utenti rumeni hanno utilizzato Internet soprattuto per inviare email (78,6%) e accedere ai social network (67%).

 La maggior parte dei lavoratori, invece, accede a Internet per leggere le notizie online (75% fra i dipendenti e 78,4% fra i datori di lavoro) e per cercare informazioni su beni e servizi (rispettivamente 70,6% e 82,8%).

Fonte:Globalist

Avellino, Ufficiale: preso Costantin Nica dall’Atalanta


Il difensore rumeno, lascia la squadra allenata da Edy Reja per approdare al club irpino in Serie B

NICA ALL’ATALANTA – Prosegue in Irpinia l’avventura di Costantin Nica. Il giocatore dell’Atalanta infatti è ufficialmente un nuovo giocatore dell’Avellino che lo ha prelevato in prestito dalla squadra bergamasca. Il terzino rumeno, che nell’ultima stagione ha vestito anche la maglia del Cesena, lascia i neroazzurri.

“L’U.S. Avellino comunica di aver ingaggiato dall’Atalanta il difensore rumeno Constantin Nica. Cresciuto nelle giovanili del club nerazzurro, ha poi vestito la maglia della Dinamo Bucarest venendo poi tesserato dall’Atalanta, che lo ha ceduto la scorsa stagione al Cesena, in Serie A”.

 “Con esperienze dall’Under 19 alla nazionale A della Romania, si è trasferito dal club orobico all’Avellino con la formula del prestito con diritto di riscatto” questo il comunicato del club irpino che accontenta così il suo tecnico Attilio Tesser che era alla ricerca di un nuovo difensore.

Fonte:Stop and Goal

Dinu Adamesteanu, il romeno (da museo) più famoso della Basilicata


 Archeologo e soprintendente, fu un precursore dell’aerofotografia archeologica. E a Potenza il museo nazionale porta il suo nome

Roma – 20 luglio 2015 - Il romeno più conosciuto e apprezzato della Basilicata? Probabilmente Dinu Adamesteanu, archeologo e primo soprintendente della Regione.

Romeno naturalizzato italiano, Adamesteanu è stato pioniere e promotore dell'applicazione delle tecniche di aerofotografia e prospezione aerea nella ricerca archeologica. Fu professore, all'Università di Lecce, di Etruscologia e antichità italiche, di topografia dell'Italia antica oltre che direttore dell'Istituto di Archeologia, del Dipartimento di Scienze dell'Antichità, e della Scuola di specializzazione in Archeologia classica e medievale presso la medesima università. È stato inoltre membro di un gran numero di istituzioni scientifiche.

 Ha ricevuto nel 1975 il Premio Feltrinelli dell'Accademia nazionale dei Lincei; il "premio Basilicata" per la saggistica (1975); la medaglia d'oro con diploma di prima classe di Benemerito della Scuola, della Cultura e dell'Arte, dal Ministero per i Beni Culturali e Ambientali (1982); il premio "Una vita per la Lucania" (1986); il premio Lucania Oro per la Cultura, dall'Amministrazione Comunale di Pomarico (1987); il premio letterario "Carlo Levi" (2000); La Légion d'honneur dalla Repubblica Francese; la Stella della Repubblica di Romania (2003).

 Il 21 gennaio 2004, il professor Dinu Adameșteanu è morto nella sua casa di Policoro, in provincia di Matera. Il 20 maggio del 2005 è stato inaugurato e dedicato alla sua memoria il Museo archeologico nazionale della Basilicata "Dinu Adameșteanu", nel palazzo Loffredo di Potenza.

 All’interno del museo è esposta anche la collezione di lavori e scoperte archeologiche di Adamesteanu. Il prossimo autunno, l’Ambasciata della Romania in Italia porterà a Roma questa esposizione per far conoscere al pubblico il contributo dell’archeologo alla cultura italiana.( Anna Balea)

Fonte:Stranieri in Italia

La Romanian Orchestra fa il tutto esaurito

Dobbiaco, le “Settimane Musicali Gustav Mahler” partono col piede giusto E domani tocca ai filosofi Osten e Sloterdijk affrontare il tema dell’ebraismo.

 La Romanian Orchestra fa il tutto esaurito DOBBIACO. Tutto esaurito e grande successo, sabato a Dobbiaco, per l’inaugurazione delle Settimane Musicali Gustav Mahler, giunte alla 35esima edizione.

 La serata inaugurale ambientata nella sala Gustav Mahler e animata dalla presenza della Romanian National Symphony Orchestra, diretta da Cristian Mandeal, ha registrato interventi di Hansjörg Viertler, presidente delle Settimane mahleriane, nonché di Vera Nicolussi Leck - in rappresentanza dell’assessore alla cultura Philipp Achammer - e del sindaco di Dobbiaco, Guido Bocher.

 L’Orchestra rumena ha eseguito la Sinfonia n. 1 di Gustav Mahler, la Rapsodia rumena in la maggiore op. 11 n. 1 die George Enescu e la Burlesca in re minore per pianoforte e orchestra di Richard Strauss, interpretata con maestria da Oxana Corjos.

 Grande e caloroso è stato l’applauso del pubblico.

Viertler nel suo indirizzo di saluto ha ringraziato tutti i sostenitori del festival – Provincia Autonoma di Bolzano, Regione Trentino Alto Adige, il Comune di Dobbiaco, Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano, Raiffeisen - e ha passato in rassegna i 35 anni della kermesse mahleriana a Dobbiaco: «Trentacinque anni di settimane musicali: l’idea a suo tempo, nel 1981, era semplice e geniale. In memoria di Gustav Mahler che qui creò le sue ultime opere inventammo un festival a lui dedicato al fine di promuovere il richiamo turistico di Dobbiaco. Fu il primo modello di successo per un concetto di turismo culturale in Alto Adige. Oggi, più che un modello siamo diventati probabilmente un classico, con le sue radici in questa regione, ma con l’Europa come obiettivo: quest’anno con il concerto di apertura con l'Orchestra Nazionale Rumena. Ormai sappiamo che, affinché la cultura si concretizzi come un valore aggiunto di una regione, ci vuole un respiro lungo, un sacco di motivazioni e molte risorse finanziarie. Il respiro lungo e la motivazione negli ultimi 35 anni li abbiamo avuti in abbondanza, le risorse finanziarie erano piuttosto limitate».

 La parte scientifica delle Settimane musicali Gustav Mahler – curata anche quest’anno da Hubert Stuppner – ruota, come abbiamo scritto nei giorni scorsi, intorno all’argomento dell’antisemitismo culturale e razziale sperimentato da Gustav Mahler quando era a capo dell’Orchestra dell’Opera di corte di Vienna. Risale a quell’epoca la famosa frase di Mahler, benché fosse all’apice della sua carriera da direttore: «Tre volte senza patria, boemo fra gli austriaci, austriaco fra i tedeschi, ebreo in tutto il mondo. Ovunque un intruso, uno straniero».

 Alle conferenze, alle quali interverranno musicologi di fama internazionale ed esperti italiani e stranieri, farà da cornice un’esposizione con vignette antisemite pubblicate a Vienna all’epoca di Mahler. Enzo Restagno e Angelo Foletto parleranno dell’aspetto ebraico nella musica di Schönberg e di Mahler, il giovane direttore d’orchestra e compositore israeliano Yoel Gamzou, direttore della “Internationale Gustav-Mahler-Orchester Berlin”, illustrerà la sua versione, molto discussa, della Decima di Mahler e il celebre biografo mahleriano Jens Malte Fischer tratterà la genesi dell’antisemitismo austriaco.

 All’ebraismo in generale è dedicato il pomeriggio di domani con le conferenze di due dei maggiori pensatori e filosofi culturali tedeschi: Manfred Osten, ex direttore della Fondazione “Alexander von Humboldt-Stiftung”, e Peter Sloterdijk, uno dei più illustri e ascoltati filosofi tedeschi contemporanei. L'appuntamento è alle 16 nella Sala degli Specchi, le relazioni saranno in tedesco con traduzione simultanea. Osten farà luce sull’illuminismo ebraico da Goethe a Mahler, mentre il Prof. Peter Sloterdijk metterà al centro del suo intervento le tesi del suo recente libro “I terribili figli dell’era moderna”. Seguirà una tavola rotonda, nella quale saranno approfonditi i vari aspetti dell’antisemitismo. Peter Sloterdijk vede invece una delle radici dell’antisemitismo nell’”esperimento antigenealogico” del fondatore del Cristianesimo, il quale rinnegò il suo padre fisico mettendo al suo posto il Padre nel cielo, riservando a questi la vendetta e chiedendo agli uomini un comportamento d’amore. L’intervento di Sloterdijk susciterà a Dobbiaco non poche polemiche e darà spazio a una discussione ricca di spunti filosofici e umanistici.

 Con questi interventi le Settimane musicali Gustav Mahler cambieranno pelle, posizionandosi come una sorta di “forum culturale“, luogo d’incontro europeo per temi musicali e morali, etici ed estetici, nonché politici – nello spirito di Mahler che nella musica non vedeva solo consolazione e confessione esistenziale ma anche una valida interpretazione del mondo. Insomma, una crescita ulteriore che nato per la musica sta diventando qualcosa d’altro. E di migliore.

Fonte:Alto Adige

domenica 12 luglio 2015

Operele lui Brâncuşi la Torino


 Domnişoara Pogany III şi Prinţesa X, alături de alte câteva opere (un "Sărut" din ghips), precum şi o serie de fotografii pe care însuşi maestrul Constantin Brâncuşi le-a făcut unor opere ale sale: toate aceste opere sunt expuse la Galeria de Artă Modernă (GAM) din Via Magenta n. 31 10128 Torino şi pot fi admirate până pe data de 19 iulie 2015, în cadrul expoziţiei "Modigliani e la Bohème di Parigi".

 Expoziţia este structurată în 5 secţiuni, a doua intitulându-se tocmai "Modigliani/Brâncuşi şi sculptura". Comunicatul de presă ilustrează faptul că "din 1909 şi până în 1914 Modigliani s-a dedicat exclusiv sculpturii, aplicând modelul său de sinteză la faimoasele capete alungate, cu gâtul lung şi ochii fără pupile. Această secţiune analizează în mod special confruntarea cu operele marelui său prieten, Constantin Brâncuşi, alături de care a studiat şi a împărtăşit pasiunea pentru curbele ample şi armonioase".

 Alţi artişti în expoziţie, alături de Brâncuşi şi Modigliani: Soutine, Utrillo, Chagall, Gris, Marcoussis, Survage, Picasso.

Sursa:Citta' di Torino

Proiectul "Accademia" Descopera-ti pasiunea


Marţi 7 iulie 2015 la Circolo lettori di Torino, Via Bogino, 9, în sala Gioco a avut loc conferinţa: "Accademia. Descoperă-ţi pasiunea". Au participat, în ordinea intervenţiilor, Daniel Robu, croitor şi designer vestimentar, Alina Pascariu, fostă gimnastă şi actuală antrenoare, medicul cardiolog Gheorghe Cerin şi Ramona Herciu, antreprenor de succes din Bacău.

 Organizatorul evenimentului, Dr. Bogdan Adrian Popa ne-a oferit cu generozitate descrierea acestui minunat proiect, care îşi propune să prezinte publicului participant posibilitatea de a asculta mărturia unor oameni de excepţie care şi-au găsit vocaţia şi care trăiesc cu pasiune propria viaţă profesională.

 "Fiecare om se naşte cu un anumit talent, inclinaţie sau cu o combinaţie de aptitudini care este unica pentru fiecare in parte.

 Intr-un anumit sens aceasta reprezinta identitatea persoanei respective si ar trebui ca sistemul de invatamant sa asiste tinerii in descoperirea aceastei identitati, sa asigure cultivarea ei in vederea integrarii lor eficiente si productive in dinamica societate moderna.

 Prea multi oameni trec insa prin sistemul de invatamant fara sa afle daca se pricep de fapt la ceva anume. In Italia, rata de somaj a tinerilor depaseste 40%, un numar alarmant de mare care insa demostreaza ca acest tip de inavatamant nu reuseste sa stimuleze curiozitatea si creativitatea individuala.

 Fiecare om se naste cu o tendinta naturala de a invata, este un instinct care ne caracterizeaza inca din primele clipe ale existentei noastre: fatul invata singur sunete si ritmuri verbale; curiozitatea este una dintre trasaturie definitorii ale copiilor mici care invata automat cuvinte si comportamente, de cele mai multe ori independent de interventia parintilor. In timp aceasta tendinta se altereaza progresiv, ajungandu-se in multe cazuri la situatii in care elevii trebuie sa fie obligati sa invete cu ajutorul medicamentelor.

 In anumite tari pana la 10% dintre elevi trebuie sa primeasca tratamente farmacologice pentru a putea urma cursurile scolare (de ex ADHD); in anumite cazuri intre 30 si 55% dintre elevi nu termina liceul.

 Toate aceste fenomene se explica prin incapacitatea sistemului de a oferi o educatie care sa tina cont de unicitatea si particularitatile fiecarui individ.

 Deseori, cadrele didactice isi fac doar meseria urmand programa scolara impusa de un grup de oameni dintr-un birou al guvernului fara sa puna pasiune in ceea ce fac.

 Exista insa din fericire si multe cazuri cand Profesorii sunt cu adevarat niste Educatori, in sensul ca fac mai mult decat o meserie, ei traiesc si transmit de fapt o pasiune pentru domeniul respectiv.
 
Fiecare dintre noi isi aminteste cu placere o (mica) parte dintre profesorii cu care am avut contact de exemplu in Liceu sau la Facultate; personal imi amintesc mai ales de Prof. Florescu de la Cluj. Sala de curs era in permanenta plina; participau nu doar studentii din acea serie dar si studenti din ani superiori, sau uneori chiar fosti studenti. Spre deosebire de multe altele, ora de curs a acestuia trecea mult prea repede. Despre el s-a spus: “Nu ne-a invatat doar anatomie patologica, a incercat sa ne invete sa fim oameni onesti, corecti, sa avem responsabilitatea fiecarui diagnostic, sa avem coloana vertebrala, sa iubim ceea ce facem, sa nu ne credem buricul pamantului, sa invatam mereu, sa fim dornici sa invatam mereu, sa fim mereu oameni.” Desi era una dintre cele mai dificile materii din Facultate am studiat-o cu mare placere. Instiinctiv imi doream ca toti profesorii sa semene cu el pentru a invata mai usor, insa aste era evident o utopie pentru ca nu toti erau la fel de pasionati de propria materie.

 E greu, dar nu imposibil de imaginat un sistem de invatamant in care principalul criteriu de selectie pentru profesori sa fie cuantificarea pasiunii pe care o au pentru domeniul respectiv. Schimbarea unui sistem depaseste capacitatile unui om sau ale unui grup de persoane insa este in puterea noastra organizarea unor intalniri in care oameni care si-au gasit o pasiune pe un anumit plan, au trait-o si au cultivat-o vorbesc publicului interesat despre experienta lor in acest sens.

Chiar daca nu va fi intotdeauna cazul de a asculta profesori in sensul literal al cuvantului, adica “cu acte de profesor”, oamenii care si-au descoperit propria pasiune constituie modele vii in acest sens. Experienta lor traita si impartasita ar putea constitui un imbold si un argument pentru public de a cauta si cultiva propriile pasiuni. Vom incerca in decursul acestor intalniri sa aducem in fata oameni cu din cat mai multe domenii cu putinta, discipline scolare sau nu, in incercarea de ilustra un spectru cat mai larg.

 Vom incerca sa aflam cum anume si-au descoperit aceste pasiuni, in ce mod si cu ce dificultati s-au confruntat pentru a le transpune in practica si care este efectul acesti transpuneri in viata obisnuita. Altfel spus cum percep acesti oameni propria viata profesionala, cum percep la nivel individual trecerea timpului, cum se raporteaza de exemplu la weekend, la vacante sau la idea de pensionare.

Obiectivul general este ca in urma acestor intalniri tinerii si de fapt toti participantii să-şi puna serios si concret problema identificarii propriilor pasiuni în interesul împlinirii personale, dar şi în interesul Societăţii din care fac parte. Un om care işi identifica şi cultiva propriile pasiuni devine automat un membru creativ, productiv si adaptabil adica tocmai calitatile de care azi, mai mult decat oricand Italia si nu numai are cea mai multa nevoie".

Sursa:Citta' di Torino

Italia-Romania: Gentiloni, i due Paesi partner strategici

 Bucarest, 9 lug. - "Italia e Romania sono partner strategici": il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, ribadisce il forte legame economico dei due Paesi, intervenendo a 'Italy & Romania: building together', nell'ambito della missione imprenditoriale organizzata dall'Ice (Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane) in collaborazione con l'Ance (Associazione nazionale costruttori edili) e l'Oice (Associazione delle organizzazioni di ingegneria, architettura e consulenza tecnico-economica) con il sostegno dei ministeri degli Esteri e dello Sviluppo Economico e dell'ambasciata italiana a Bucarest. Il ministro Gentiloni ha ricordato l'interscambio commerciale complessivo tra i due Paesi, 12 miliardi di euro nel 2014, il 7% in piu' rispetto al 2013. "L'Italia - ha continuato il ministro - e' il primo Paese in Romania per numero di imprese presenti: 17mila attive su oltre 40mila registrate. L'anno scorso se ne sono aggiunte 1.800 e nel 2015 altre 756. Nel 2014 inoltre l'Italia e' risultato il secondo Paese fornitore della Romania dopo la Germania". I due Paesi quindi sono sempre piu' vicini e "l'Italia - ha sottolineato Gentiloni - e' e rimarra' sempre al fianco della Romania. Fare business diventa sempre piu' naturale". Alla missione imprenditoriale sono presenti 110 aziende italiane.

 L'obiettivo e' fornire alle imprese un quadro completo dei progetti infrastrutturali programmati in Romania con particolare riferimento a quelli cofinanziati dalla Ue e sostenuti dalle organizzazioni finanziarie internazionali. Le aziende italiane in Romania sono attive in tutti i settori; e se inizialmente il mercato romeno aveva attratto principalmente l'afflusso di pmi, negli ultimi anni sono aumentati anche gli investimenti delle grandi imprese. Il capo della Farnesina ha ricordato alle aziende italiane che vogliono investire in Romania che vi sono istituti bancari pronti ad aiutare l'inserimento delle imprese. Parole di ringraziamento all'Italia sono state espresse dal premier romeno, Victor Ponta, che si e' detto "orgoglioso e ottimista del futuro, grazie anche ai grandi investitori italiani che hanno fiducia nella Romania". Ponta ha usato parole di lode per il premier italiano, Matteo Renzi, conosciuto quando era sindaco di Firenze e ha ringraziato le tante imprese che continuano a investire nel Paese. E alle industrie italiane che vorrebbero in futuro entrare nel mercato romeno, ha assicurato che nonostante la grande crisi che la Romania ha dovuto affrontare, "il Paese e' da quattro anni in crescita grazie alle riforme attuate dal governo".

 Ponta ha infine annunciato che domani a mezzogiorno nella sede del governo alla presenza del commissario europeo per lo Sviluppo regionale, la Romania firmera' un accordo sulle infrastrutture del valore di 12 miliardi di euro. Il presidente dell'Ice, Riccardo Maria Monti, ha sottolineato come la Romania in questo momento sia "un esempio ottimo di partnership tra due Paesi con flussi di export diversificati e bilanciati oltre che in costante crescita negli ultimi anni e ormai stabilizzato oltre i 12 miliardi".

 Fonte:AGI

Perugia: Il cardinale Gualtiero Bassetti insignito della più alta onorificenza dello Stato di Romania


Domenica 12 luglio, alle ore 11, nella Parrocchia Ortodossa Romena in Perugia (chiesa di San Fiorenzo, via della Viola, 1 – traversa di via Alessi), l’ambasciatore di Romania presso la Santa Sede, Bogdan Tataru-Cazaban, consegnerà al cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti il titolo dell’“Ordine Nazionale ‘Servizio fedele’ in grado di Gran Croce”. Si tratta della più alta dell’onorificenza che viene concessa dal Presidente della Romania anche ai cittadini stranieri per il loro particolare contributo allo sviluppo delle relazioni con questo Paese. Lo stesso riconoscimento è stato conferito nel 2005 al cardinale arcivescovo di Vienna Christoph Maria Schonborn.

 Il cardinale Bassetti riceverà quest’onorificenza concessa dal Presidente Klaus Werner Iohannis “in occasione della ricorrenza dei 25 anni dal ripristino delle relazioni diplomatiche tra la Romania e la santa Sede – si legge nella motivazione -, quale segno di alto apprezzamento per il particolare contributo allo sviluppo delle relazioni tra i due Stati, per la promozione costante del dialogo interconfessionale, nonché per il sostegno dato alle comunità romene d’oltre confine”.

 L’“Ordine Nazionale ‘Servizio fedele’” è stato istituito nel 1932 da re Carlo II, attivo fino al 1948. E’ stato ripristinato nell’anno 2000, al momento della ridefinizione della Cancelleria degli “Ordini” nella Romania democratica. Di tale “Ordine” sono stati insigniti ministri dei governi europei, il direttore generale dell’UNESCO, ambasciatori di vari Stati in Romania e membri delle famiglie reali.

«Domenica prossima una numerosa rappresentanza della nostra comunità romena in Umbria si darà appuntamento, alle ore 9, nella chiesa di San Fiorenzo, per la liturgia festiva, per poi partecipare alla cerimonia di consegna dell’importante riconoscimento del nostro Paese al cardinale Bassetti», annuncia padre Ionut Radu, parroco della Parrocchia Ortodossa Romena in Perugia. La motivazione, spiega il sacerdote ortodosso, «è il segno tangibile dell’apprezzamento e della gratitudine per l’opera svolta dal nostro amico cardinale a livello culturale e, in particolare ecumenico, nei confronti dei romeni che vivono a Perugia e in Umbria. La sua è una vicinanza concreta nel favorire una maggiore integrazione della nostra gente anche a livello sociale, oltre che a sostenere la nostra Chiesa nel concederle una sede dove i fedeli ortodossi possono ritrovarsi per celebrare la liturgia e partecipare alle attività pastorali».

 Attualmente la Parrocchia Ortodossa Romena in Perugia, che abbraccia anche i territori dei comuni di Foligno, Gubbio e Marsciano, conta tra i 6 e i 7mila fedeli, costituita da padre Ionut Radu nel 2009 e con sede presso il complesso dell’antica chiesa di San Fiorenzo, in pieno centro storico perugino, concesso nel 2011 dal cardinale Bassetti in comodato d’uso gratuito.

 Fonte:Umbria Journal

lunedì 6 luglio 2015

Mostra di pittura "Ratto d'Europa" di Ioan Sbarciu‏

Comunicato stampa

Giovedì 9 luglio 2015 ore 19.00 presso la Sala Esposizioni dell’Accademia di Romania in Roma avrà luogo l’inaugurazione della mostra di pittura “Ratto d'Europa” di Ioan Sbarciu.

Interviene: Aurel Codoban - dottore in filosofia e professore presso l'Università Babes-Bolyai.

La storia del Ratto d'Europa comporta una simbolizzazione attenta, una descrizione della personalità intrinseca dell'Europa come avatar di un continente speciale. Nessun altro continente ha fatto della persona l’effigie di un'intera civiltà, istituendo l'obbligo di comportarsi in maniera accettabile e convenzionalizzata, quando invece si potrebbe agire in modo intempestivo, incontrollato, vulcanico. Si delinea quindi una differenza fondamentale tra lo spirito libero, esacerbato e quello intellettualmente configurato e impostato: si tratta forse della notevole differenza tra Est e Ovest, tra una società dell’intempestivo e una del convenzionale. È la storia di una raffigurazione mutata: non più la collocazione dell’individuo in uno spazio paradisiaco, afrodisiaco, bensì in uno spazio convenzionalizzato, pensato e perpetuato attraverso la ragione.

Ioan Sbarciu, è professore universitario, docente e direttore della Scuola di Pittura, Università di Arte e Design, Cluj-Napoca, nonché egli stesso artista.

La mostra potrà essere visitata tutti i giorni dal 9-19 luglio 2015 nella Sala Esposizioni dell’Accademia di Romania, Viale delle Belle Arti, 110. Ingresso libero.

Ufficio stampa,
Accademia di Romania
Roma, luglio, 2015

Ragusa. A Palazzo dell’Aquila in visita una delegazione governativa romena

3 luglio 2015

Stamani il sindaco Federico Piccitto ha incontrato a Palazzo dell’Aquila una delegazione romena, composta dal Segretario di Stato Ioana Liana Cazacu del Ministero del Lavoro, della Famiglia, della Protezione Sociale e delle Persone Anziane della Romania, coordinatrice del Dipartimento per le Pari Opportunità, dal Capo di Gabinetto dott. Adrian Chesnoiu, dagli addetti agli affari Sociali e Lavoro presso l’Ambasciata di Romania in Italia, Mirela Videa e Andrei Sfirloaga.

La delegazione è stata accompagnata dal segretario della Camera del Lavoro Città di Ragusa Nicola Colombo, dal segretario provinciale della FLAI-CGIL Salvatore Carpentieri, dal segretario generale della FLAI CGIL Sicilia Salvatore Tripi e da Jean Renè Bilongo, della FLAI CGIL nazionale . Lo scopo della visita della delegazione romena in provincia di Ragusa è quello di approfondire le condizioni di vita e di lavoro dei lavoratori romeni presenti nel nostro territorio, con il supporto delle organizzazioni sindacali che operano a sostegno della tutela e dell’inclusione sociale e civile dei cittadini romeni. Il Segretario di Stato Cazacu ha sottolineato l’importanza per il governo romeno di reperire quanti più dati possibili in relazione alla presenza ed alle condizioni di vita dei cittadini romeni per sviluppare politiche sociali di sostegno e campagne d’informazione in tutte le aree del territorio romeno, atte a migliorare la qualità della vita ed i processi d’integrazione. Il rappresentante del governo romeno ha anche espresso la piena disponibilità a predisporre progetti transfrontalieri in sinergia con la città di Ragusa, finalizzati a realizzare interventi in tema di lavoro, servizi sociali, integrazione e sostegno alle donne, utilizzando i finanziamenti strutturali europei 2014-2020. “Ci trova concordi la proposta di creare un partenariato e di considerare i fondi europei come opportunità di sviluppo” ha affermato il sindaco Piccitto, offrendo la piena apertura dell’amministrazione comunale a collaborare con la comunità romena.
A dare alcuni dati sulla situazione e la presenza nel territorio ibleo dei lavoratori romeni è stato il segretario della FLAI CGIL di Ragusa, Salvatore Carpentieri, che ha rimarcato la crescente presenza di lavoratori romeni negli ultimi anni. Su 27.000 lavoratori agricoli censiti in provincia circa 5000 sono tunisini e più di 4000 sono romeni, con una concentrazione maggiore nel comune di Acate (su 8000 abitanti, 2100 sono lavoratori stranieri in maggioranza romeni). “Le condizioni di lavoro e di vita dei lavoratori stranieri non sono purtroppo dignitose – ha spiegato il rappresentante sindacale – E’ diffuso lo sfruttamento lavorativo, il lavoro nero, le paghe salariali sono in violazione di contratto, le condizioni abitative sono spesso pessime, la scarsa mobilità li costringe quasi sempre a dipendere dai datori di lavoro anche per i bisogni più elementari. La recente cronaca ha purtroppo messo in luce fenomeni di degrado e sopraffazione da parte di alcuni datori di lavoro che non possono essere né taciuti, né banalizzati” . Sull’importanza di avere dati e statistiche è tornato a parlare il Capo di Gabinetto Chesnoiu: “Nei prossimi 3 mesi vogliamo realizzare una campagna d’informazione in tutte le aree della Romania. E’ importante per noi avere le informazioni sul rispetto dei diritti e sui rischi che si corrono quando si lavora senza tutele. Per ottenere dei risultati è importante che il governo romeno e quello italiano collaborino nell’ambito delle proprie competenze”. A fine incontro il primo cittadino ha donato alla delegazione una pubblicazione e lo stemma in terracotta della Città di Ragusa, invitando il Segretario di Stato Ioana Liana Cazacu a firmare nel registro degli ospiti d’onore.

Fonte: Radio RTM