La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

venerdì 30 ottobre 2015

2^ conferenza nazionale ‘Cosmocity – Migrazioni, religioni e città interculturali’‏

2^ Conferenza nazionale ‘Cosmocity – Migrazioni, religioni e città interculturali’: online il programma

Scuola, lavoro, sanità: quali e quanti i cambiamenti operati nella struttura sociale dalla presenza nel nostro Paese di differenti comunità migranti e religiose? E’ su questi temi che intende riflettere la 2^ Conferenza nazionale ‘Cosmocity – Migrazioni, religioni e città interculturali. Le celebrazioni di Divali: un’occasione per promuovere il dialogo interreligioso’, che si terrà a Roma il 10 novembre 2015.

La giornata si articola in due sessioni, una mattutina e una pomeridiana. La mattinata prevede interventi di studiosi sul tema del dialogo interreligioso e il racconto di esperienze e testimonianze sui cambiamenti apportati dalla presenza di differenti comunità religiose negli ambiti del vivere quotidiano. Durante la sessione pomeridiana verranno proiettati cortometraggi selezionati tra le opere presentate al Religion Today Film Festival e sarà dato spazio a interventi dei principali rappresentanti delle comunità religiose presenti nella Capitale. Al termine dell’evento si terrà una camminata urbana che si concluderà con una cerimonia simbolica sulle sponde del Tevere.

La Conferenza si terrà il 10 novembre, dalle ore 10,00 presso l’Aula Magna della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma La Sapienza, Piazzale Aldo Moro, 5.

L’evento è organizzato da Programma integra, in collaborazione con Religions for Peace, Fondazione Roma Solidale, Master di I livello in Religioni e mediazione culturale dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza, Associazione Pontieri del dialogo, Fondazione ISKCON Italia Tathata Edizioni, Religion Today Film Festival.

Programma

Per partecipare è necessario inviare una email di prenotazione all’indirizzo comunicazione@programmaintegra.it.

Per informazioni:

Programma integra
tel. 0678850299
e-mail: comunicazione@programmaintegra.it
www.programmaintegra.it

giovedì 29 ottobre 2015

Inas e ente previdenziale rumeno: accordo per assistere i cittadini

 27-10-2015
 Assistere al meglio i moltissimi cittadini che lasciano la Romania per lavorare e vivere in Italia, così come gli italiani che si spostano in quel Paese, per tutto quello che riguarda pratiche e procedure legate ai sistemi previdenziali dei due Stati e ai regolamenti comunitari: è questo l’obiettivo dell’intesa siglata questa mattina a Roma tra Inas Cisl e Casa nazionale di pensioni pubbliche (Cnpp), ente rumeno che si occupa delle prestazioni pensionistiche e di altre indennità sociali.

 “La collaborazione a livello internazionale su questi temi per noi è essenziale: per questo l’accordo con l’Inas è stato approvato anche dal Governo rumeno con un apposito memorandum”, ha detto la presidente della Cnpp, Ileana Ciutan.

 “Questa iniziativa per noi rappresenta un modo di fare socialità in un momento in cui l’Europa sperimenta tante difficoltà in tema di integrazione”, ha commentato il presidente dell’Inas Cisl, Antonino Sorgi.

 “L’intesa siglata oggi, ha spiegato Cesare Insinsola, responsabile dell’Inas Romania, nasce dalla conoscenza delle criticità in questo ambito, soprattutto quando si considerano le situazioni più periferiche”.

 All’incontro hanno preso parte anche il direttore delle relazioni esterne della Cnpp, Luiza Florescu, ed il segretario generale dell’ente Tomita Murgoci, mentre per l’ambasciata di Romania in Italia, che ha fatto da “connettore” tra Inas ed istituto di previdenza, era presente l’addetta agli Affari sociali e Lavoro, Mirela Videa.

 Per l’Inas erano invece presenti alla firma dell’intesa anche il vicepresidente Paolo Mezzio, il responsabile dell’area Estero Gianluca Lodetti e quello della Previdenza internazionale Luca Geromin.

 Nella foto, da sinistra a destra: il presidente dell’Inas, Antonino Sorgi e la presidente della Cnpp, Ileana Ciutan.

 Fonte:INAS

Succes al participării Editurii Rediviva la Festivalul International BookCity din Milano


Miercuri, 28 Octombrie 2015 Milano

Pentru a treia oara consecutiv, editura românească Rediviva - proiect al Centrului Cultural Italo Român a participat la Festivalul Internațional Bookcity din Milano - manifestare internațională care a cuprins peste 700 de evenimente în oraș și toată Lombardia.

Echipa editurii Rediviva a fost onorată ca în peisajul intercultural al acestui festival să fie din nou prezentă cu noile apariții.

Deși, sunt doar trei ani de la fondarea ei, Editura a publicat peste 30 de titluri în cele șapte colecții propuse, aducând deopotrivă în fața publicului român dar și italian, proiecte editoriale bilingve pentru a face cunoscută literatura românească, istoria, dar și autorii români care trăiesc în Peninsulă.

In ciuda dificultăților pe care le are - lipsa unui suport logistic pentru a dezvolta acest proiect de o importanță deosebită - Editura încearcă să facă cunoscute valorile literare și cultura românească, considerând că proiectele de acest gen își au o relevanță în contextul păstrării identității naționale, pentru cunoașterea și promovarea culturii românești.

Au fost prezentate, în cadrul întâlnirii care a avut loc la Museo delle Culture del Mondo din Milano, publicațiile bilingve: Badante per sempre (Badante pentru totdeauna - titlu în română) de Ingrid B Coman, I confine del cuore de Lilian v Kertay (Frontierele inimii - titlu în română) și la colecția Quaderni romeni- volumul Adam și Eva de Liviu Rebreanu.

Au intervenit: jurnalistul Antonio Buozzi, scriitoarea Ingrid Coman și Violeta Popescu.

Din partea grupului organizatoric Bookcity din Milano a fost prezentă Alessandra Cecchinato. Din partea Consulatului General al României care a acordat Patronajul instituției: dl. George Miloșan.( corespondenta de la Violeta Popescu)

Rediviva, 26 octombrie 2015
www.redivivaedizioni.com  

Fonte:Romanian Global News

Il Bosco di San Francesco - Uno sguardo verso la Romania / O privire catre România -

Press Release
Il Bosco di San Francesco - O privire catre România -
Platforma interculturala de arta pentru pace și dialog

Venetia– din 6 pana pe 30 noiembrie 2015, "Institutul Roman de Cultura si Cercetare Umanistica din Venetia, găzduiește proiectul artistic itinerant "Il Bosco di San Francesco" si prezentarea cartii “O privire catre România", proiect relizat de fotografa de origine italiana Beba Stoppani si jurnalista de origine romana Irina Tirdea.
Inaugurarea va avea loc vineri, 6 noiembrie 2015, incepand cu orele 17:00.

Programul evenimentului:

Orele 17 - Masa rotunda "Padurea Sfanta ca "Harmonia Mundi"
Dialoga:
Philippe Daverio - Istoric de Arta
Osvaldo Santi Thupten Tharpa - Monac budist al traditiei Ghelupa
Daniela Dumbrava - Istoric roman
Ilari Valbonesi - Critic de arta
Prezentarea cartii “Il Bosco di San Francesco – O privire catre Romania “ – Irina Tirdea – jurnalist

Ore 18 - Concert de muzica sinfonica
- vioara Emma Santi
- violoncel Kerem Brera
Interpreteaza:
Johann Sebastian Bach - inventiei în două voci n. 1
Wolfgang Amadeus Mozart - Duo în G major KV 423
Johann Sebastian Bach - inventiei în două voci 4 Iannis Xenakis - Dhipli Zyia Johann Sebastian Bach - inventiei în două voci n. 8
Maurice Ravel - Sonata pentru vioară și violoncel

Orele 19 - Deschiderea expoziție inaugurale "Il BOSCO DI SAN FRANCESCO" (Assisi) - Platforma de arta pentru pace și dialog intercultural, cu aperitiv

Artisti: Beba Stoppani, Wanda Casaril, Daniele Crepaldi, Lorenzo Passi

Activitate expozitiva:
din 6 pana pe 30 noiembie 2015
Institutul Roman de Cultura si Cercetare Umanistica din Venetia
Palazzo Correr, Campo Santa Fosca - Cannaregio 2214 - Venetia
de luni pana sambata: intre orele 10: 00-12: 00 si 16: 00-19: 00
Intrarea este libera la public.

"Il Bosco di San Francesco" este o serie de 25 de fotografii de format mare realizate de fotografa de origine italiana Beba Stoppani între 2010 și 2012 în cadrul “Padurii lui San Francesco din Assisi, Italia”, pădurea milenară și centrul mistic al Italiei și al lumii, unde natura, istoria si spiritualitatea se imbina într-o cale solitara, interculturala și religioasa.

Clic dupa clic, prin tehnica simpla a miscarii imaginii (deformarea imaginii), Beba Stoppani transcende progresiv aspectele mimetice ale păduri pentru a izola viziunea sa, tese transparente, sculturi, dizolva atmosfere luminoase, urmărind formele estetice, desenand mandala, intampinand structura arborescentă în stadiul actual, într-o legătură constantă între interior şi exterior, aducând privitorul să se cufunde în contemplarea unui material realizat în întregime optic.
Expoziția, un proiect al artistei Beba Stoppani, in grija criticului Ilari Valbonesi si al jurnalistei Irina Tirdea, este in plina dezvoltare, cu scopul de a crea o platformă relationala în jurul valorilor cuprinse de Padurea lui San Francesco.

Etapă cu etapă, artiști, muzicieni, scriitori, oameni de stiinta au fost invitați să intre în rezonanță cu expoziția de fotografie și să contribuie la ea cu ideale și experiența lor din "Il Bosco di San Francesco", conectand diferite locații geografice și o moltitudine etica a privirilor și perspectivelor într-un proiect de artă în curs, cu scopul de a crea o platformă de arta intineranta internațională de pace si dialog.

Ca urmare a acestei expoziții a fost realiazata o carte Italo - Romana "O privire catre România" - o reflecție asupra asemănările dintre cele două țări - Italia – România. (Texte realizate de: Irina Tirdea, Violeta Popescu, prefata George Bologan, Consul General al Romaniei la Milano.)
Temele principale care pot fi identificate sunt: protecția creației; refugierea de zgomotul și poluarea lumii în toate sensurile; contemplarea, cunoașterea si prietenia dintre Italia și România.

Acest proiect a fost realizat cu sprijinul orașului Assisi, Umbria, FAI - Bosco di San Francesco, Consulatului General al României la Milano, Institutului Cultural Italian la București, Institutul Român de Cultură și Cercetare Umanistică de la Veneția, Centrul de Cultura Italo-Roman la Milano, Institutul Italian de Cultură al orașului Mexic, Centrul Cultural Santo Domingo - Oaxaca, Ora World Mandala Lab. For Ahimsa through Art and Science Peace Research Centre, Gujarat Vidyapith (University founded by Mahatma Gandhi in 1920) India, Academia Romana de la Roma.

Sponsori
Evenimentul a fost realizat si cu sprijinul Veneto Banca, prezenta in Romania prin Sucursala Bucaresti si prin 22 de filiale.
In Italia, Veneto Banca acorda o atentie deosebita comunitatii romanesti, punand la dispozitie produse bancare dedicate, consultanta in limba romana si sprijinind numeroase iniziative culturale.

Press Office
Irina Tirdea
irina_tirdea@yahoo.com
cell. (0039)3443800777
------------------------------------------------------------------------
Comunicato stampa

Il Bosco di San Francesco – Uno sguardo verso la Romania
Piattaforma d'arte per la pace e il dialogo interculturale

Venezia - dal 6 novembre fino al 30 novembre 2015, “L’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca
Umanistica di Venezia " ospita il progetto artistico itinerante "Il Bosco di San Francesco" e la
presentazione del libro "Uno sguardo verso la Romania", progetto condotto dalla fotografa Beba
Stoppani e dalla giornalista Irina Tirdea.
L'inaugurazione sarà organizzata Venerdì, 6 Novembre 2015, a partire dalle ore 17: 00 fino alle
ore 19:00.

Il programma:

Ore 17 - Tavola rotonda "Il Sacro Bosco come Harmonia Mundi"
Dialogo aperto sul tema con:
Philippe Daverio - Storico dell'Arte
Osvaldo Santi Thupten Tharpa - Monaco buddhista della tradizione Ghelupa
Daniela Dumbrava - Storica romena
Modera Ilari Valbonesi - Critica d'Arte
Presentazione libro “Il Bosco di San Francesco – Uno sguardo verso la Romania “ – Irina Tirdea –
Giornalista

Ore 18 - Concerto per archi Emma Santi, violino, Classe 1994, inizia lo studio del violino all'età di 2
anni. A 13 anni inizia il corso pre-professionale del Conservatorio della Svizzera Italiana con Anna
Modesti. Successivamente studia sotto la guida dei Maestri Hana Kotkova e Klaidi Sahatçi.
Attualmente frequenta il secondo anno di Bachelor in Arts and Music Performance nella classe del
Maestro Massimo Quarta.
Kerem Brera, violoncello Classe 1982, inizia lo studio del violoncello all'età di 5 anni. Si diploma al
Conservatorio “G. Verdi” di Milano sotto la guida del M° Marco Scano nel 2003 e consegue la laurea
specialistica di II livello nel 2006 con il massimo dei voti. Ottiene i Masters of Arts in Music Pedagogy e Music Performance al Conservatorio della Svizzera Italiana nella classe del M° Robert Cohen .
Partecipa a diverse Masterclass con i M° Flaksman, T. Demenga, P. Masi, Franco Rossi, Karina
Georgian e Alain Meunier. Dal settembre 2014 è docente presso la Scuola di Musica del Conservatorio della Svizzera Italiana.
Eseguono Johann Sebastian Bach - Invenzione a due voci n. 1 Wolfgang Amadeus Mozart - Duo in Sol maggiore KV 423 Johann Sebastian Bach - Invenzione a due voci n.4 Iannis Xenakis - Dhipli Zyia Johann Sebastian Bach - Invenzione a due voci n. 8 Maurice Ravel - Sonata per violino e violoncello

Ore 19 - Apertura con brindisi inaugurale della mostra "Il BOSCO DI SAN FRANCESCO" (Assisi)
Piattaforma d'arte per la pace e il dialogo interculturale

Artisti: Beba Stoppani, Wanda Casaril, Daniele Crepaldi, Lorenzo Passi

Attività espositiva:
6-30 novembre 2015
Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica - Palazzo Correr, Campo Santa Fosca - Cannaregio
2214 - Venezia dal lunedì al sabato: tra le 10: 00-12: 00 e 16: 00-19: 00
Ingresso gratuito al pubblico.

“Il Bosco di San Francesco” è una serie di 25 fotografie di gran formato scattate da Beba Stoppani
tra il 2010 e il 2012 all’interno del Bosco di San Francesco – bene tutelato dal FAI – Fondo Ambiente
Italiano che ha dato il patrocinio alla mostra - selva millenaria e cuore mistico d’Italia e del mondo
dove natura, storia e spiritualità si fondono in un percorso olistico interculturale e interreligioso.
Scatto dopo scatto, l'arte fotografica di Beba Stoppani trascende progressivamente gli aspetti più
mimetici della visione per tessere la luce, intrecciare mappe, disegnare matasse, isolare forme
mandaliche, cogliere l'arborescenza nella sua fase attuale, portando così lo spettatore ad immergersi
nella contemplazione di una materia resa completamente ottica.

La mostra, curata da Ilari Valbonesi, critico d’arte e la giornalista Irina Tirdea è un divenire con
l’obiettivo di creare una piattaforma relazionale intorno ai valori incarnati dal Bosco di San Francesco, (r)accogliendo le espressioni artistiche di chi si lascerà ispirare dagli scatti di Beba Stoppani. Tappa dopo tappa artisti, musicisti, letterati, scienziati saranno invitati ad entrare in risonanza con la mostra fotografica e a contribuire ad essa con la loro idea e il loro vissuto del “Bosco di San Francesco”, mettendo in collegamento diverse località geografiche e una pluralità etica di sguardi e prospettive in un progetto artistico in progress con l’obiettivo di creare una piattaforma itinerante internazionale.

Come risultato di questa mostra è stato realizzato un libro italo - rumeno "Uno sguardo verso la Romania" - una riflessione sulle analogie tra i due paesi - Italia - Romania.
(Testi realizzati da: Irina Tirdea, Violeta Popescu, la prefazione del libro - George Bologan, Console Generale di Romania a Milano.)
I temi principali che possono essere identificati nel libro sono: la salvaguardia del creato; il rifugio dal rumore e l'inquinamento del mondo in tutti i sensi; la contemplazione, la conoscenza e l'amicizia tra Italia e Romania.

Con il Patrocinio della Città d’Assisi, Regione Umbria, FAI - Bosco di San Francesco, Consolato
Generale di Romania, Istituto Italiano di Cultura "Vito Grasso" Bucarest, Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia,Centro di Cultura Italo – Romena a Milano, Istituto Italiano di Cultura di Città del Messico, Centro Culturale Santo Domingo – Oaxaca, OraWorldMandala Lab. For Ahimsa through Art and Science Peace Research Centre, Gujarat Vidyapith (University founded by Mahatma Gandhi in 1920), India, Accademia di Romania in Roma.

Sponsor
L’evento si realizza anche grazie al contributo di Veneto Banca, che in Romania è operativa con la
succursale di Bucarest e una rete di 22 filiali.
In Italia, Veneto Banca dedica particolare attenzione alle comunità romene presenti nella Penisola,
attivando prodotti dedicati, assicurando consulenza in lingua romena e appoggiando numerose
iniziative culturali.

Ufficio stampa
Irina Tirdea
irina_tirdea@yahoo.com
cell.(0039)344/3800777

Secondo Concerto del Festival Internazionale Altrerisonanze 2015‏

(Foto Furio Zanasi
per gentile concessione di Annette Schreyer)
ALTRE|RISONANZE 2015

FESTIVAL MUSICALE INTERNAZIONALE

"ALTRERISONANZE - DALL'ANTICO AL MODERNO, TRA IL RUMENO E L'UNIVERSALE"

L'Accademia di Romania in Roma e l'Associazione Aliusmodum vi invitano al secondo concerto della quarta edizione del festival, che si svolge a Roma con il sostegno dell'Istituto Culturale Rumeno di Bucarest e la collaborazione di Continuo Records, Incontri Mediterranei – Orte, Scatola Sonora.

Domenica 1 NOVEMBRE 2015 • ore 21:00
Oratorio del Caravita (Via del Caravita 7, Roma)

...LA PIAŢĂ...
[ ...alla piazza... ]

Gustav Mahler • Adagietto dalla Quinta Sinfonia
Gustav Mahler • Kindertoten-Lieder su testi di Friedrich Rückert, per baritono ed ensemble da camera
George Enescu • "Cantabile et Presto" per flauto ed ensemble da camera
George Enescu • Rapsodia Rumena n° 2
Mihail Jora • La Piata, Suite dal balletto
(orchestrazioni di Andrea Riderelli, 2015 • prime esecuzioni assolute)

Furio Zanasi • baritono
Pierluigi Tabachin • flauto
ensemble altrerisonanze
Andrea Riderelli • direttore

IL PROSSIMO CONCERTO

8 NOVEMBRE 2015 • ore 20:00
Accademia di Romania • Sala Esposizioni (Viale delle Belle Arti 110)

...JOC...
[ ...gioco... ]

musiche di G. Diruta, I. Caianu, J.P. Sweelinck, L.Couperin, J.J. Froberger, A. Valente, D. Scarlatti, J.S. Bach, P. Constantinescu, R. Paladi

Cipriana Smarandescu • clavicembalo

[ ...INGRESSO LIBERO... ]

info: www.altrerisonanze.itwww.accadromania.it • 06.320.8024

Festiva altre|risonanze 2015

Accademia di Romania in Roma

mercoledì 28 ottobre 2015

Concerto Enescu 60 a Milano

IL VIOLINISTA REMUS AZOIȚEI E IL PIANISTA EDUARD STAN IN CONCERTO A MILANO

Venerdì, 30 ottobre 2015, ore 19:00, presso l’Auditorium San Fedele di Milano (Via Hoepli 3/b), l’Istituto Culturale Romeno di Bucarest, l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, il Consolato Generale di Romania di Milano, il Padiglione Romania presso l’EXPO Milano 2015, in partenariato con il Centro Culturale Italo-Romeno di Milano e l’Ente Nazionale per il Turismo della Romania in Italia, con il patrocinio dell’Ambasciata di Romania in Italia, organizza il terzo concerto ENESCU 60. Il recital sarà sostenuto dal violonista Remus AZOIȚEI e dal pianista Eduard STAN. In programma musiche di: George ENESCU Ciprian PORUMBESCU e Gabriel FAURÉ.

L’evento si avvale del sostegno finanziario dell’Istituto Culturale Romeno di Bucarest e rientra nella strategia dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia per la promozione dell’opera del grande violinista, compositore e direttore d’orchestra George Enescu attraverso una serie di concerti organizzati in occasione del 60° anniversario dalla morte. Ingresso libero fino esaurimento posti.

Remus Azoitei – direttore artistico della Società Enescu di Londra e professore presso la Royal Accademy of Music di Londra ha debuttato a 8 anni con l’Orchestra Sinfonica della sua città, Galați. Dopo il conseguimento della laurea, nel 1995, presso il Conservatorio di Bucarest nella classe di Daniele Podlovski, Remus Azoitei ottiene una borsa di studio presso la rinomata Juilliard School di New York, dove ebbe la possibilità di studiare con Dorothy DeLay e Itzhak Perlman, conseguendo alla fine della sua preparazione il titolo di “Master of Music”.
Remus Azoitei si è esibito in prestigiose sale da concerto come la Carnegie Hall di New York, Concertgebouw di Amsterdam, Salle Cortot di Parigi, Konzerthaus di Berlino, St. Martin-in-the-Fields e la Wigmore Hall di Londra, Auditorio Nacional di Madrid o Konzerthaus di Vienna. Ha suonato anche nell’ambito di vari festival di musica a Tokyo, Cambridge, Londra, Berlino, Heidelberg, Santander e altri. Ha collaborato con artisti di fama tra cui Lawrence Foster, David Geringas, Gérard Causse, Michael Sanderling, Adrian Brendel, o il quartetto d’archi “Voces”. Nel 2009, Remus Azoiței è stato solista di prestigiosi ensemble come la Berlino Kammer Orchestra, l’Orchestre National de Belgique a Bruxelles, o la Philarmonique Orchestra di Radio France nell’ambito del Festival Enescu di Bucarest. Inoltre, ha sostenuto numerosi concerti camerali nel mondo tra cui una tournée di 15 concerti in giro per l’Europa, Washington DC e New York con il pianista Eduard Stan. Nell’ambito della tournée organizzata dall’Istituto Culturale Romeno di Bucarest, ha presentato opere per violino e pianoforte di Enescu e Brahms.
Vincitore di concorsi internazionali a Bucarest, Milano, Weimar, Tokyo e Auckland, Remus Azoitei ha registrato nel 2001, il concerto per violino di Tchaikovsky con l’Orchestra Nazionale Radio diretta da Horia Andreescu. Nel 2005 ha interpretato il doppio Concerto di Bach con il violinista Nigel Kennedy nel Festival Internazionale George Enescu, un concerto trasmesso da oltre 19 radio e televisioni europee tra cui la BBC, Arte e Mezzo.
Al suo debutto presso la famosa Wigmore Hall di Londra, il giornale Sunday Express ha scritto: "ha suonato un concerto memorabile davanti ad una affollata Sala Wigmore, alzando il pubblico in piedi. Ecco un eccellente musicista."
Remus Azoitei suona un violino Gagliano del 1753 ed è il più giovane professore di violino nella storia della Royal Academy of Music di Londra. Nel 2007, diviene uno dei fondatori della Società Enescu di Londra occupando la posizione di Direttore Artistico. Nel 2005 è stato insignito dal Presidente della Romania con il titolo di Ufficiale dell'Ordine per Merito Culturale, nel 2013 ha ricevuto da parte di SM Il Re Mihai I il titolo di Ufficiale dell’Ordine della Corona di Romania.

Eduard Stan – fondatore del Festival George Enescu di Heidelberg/Mannheim (2005), è stato acclamato dalla Frankfurter Allgemeine Zeitung per il suo "eminente senso di timbri tonali e colori" e ha ricevuto il plauso internazionale dopo l’emigrazione in Germania nel 1978, all’età di undici anni.
Il pianista romeno Eduard Stan è nato a Brasov in Transilvania. Si è esibito in Europa e negli Stati Uniti d’America, gli ultimi impegni portandolo sui palchi prestigiosi quali Carnegie Hall di New York, Kennedy Center di Washington DC, Konzerthaus e la Philharmonie di Berlino, Konzerthaus Vienna, Salle Cortot di Parigi, Concertgebouw di Amsterdam, Auditorio Nacional di Madrid, Lussemburgo Philharmonie, Palais des Beaux Arts e Flagey di Bruxelles, Praga Rudolfinum, Gasteig di Monaco, Musikhalle di Amburgo, Stoccolma Konserthus, Copenhagen Queen's Hall e la National Concert Hall di Dublino. Analizzando il suo debutto alla Wigmore Hall di Londra nel 2008, la rivista “Classical Sources” ha elogiato il suo "pianismo di grande impetuosità."
Eduard Stan si è esibito ai Festival per Pianoforte di Massenet e Lille in Francia, al Festival Enescu in Romania, al Mid-Europe Festival nella Repubblica Ceca, al Brunswick Classix Festival in Germania, al Festival Schumann Galway in Irlanda e al Festival Bourglinster in Lussemburgo. Nel 2010, fece il suo debutto acclamato con la Filarmonica George Enescu all’Ateneo di Bucarest, suonando il Concerto di Grieg sotto la direzione di Christian Badea.
Studente di Arie Vardi, Karl-Heinz Kämmerling e Martin Dörrie, Eduard Stan si è diplomato presso l'Accademia di Musica e Teatro di Hannover, dove ha conseguito il master. Ha inoltre beneficiato di lezioni di direzione d'orchestra presso lo stesso istitut. Negli anni, Herbert Blomstedt, Matthias Goerne, Karl Engel, Boris Berman, Paul Badura-Skoda hanno avuto un forte interesse a coltivare il suo talento come musicista versatile.
Eduard Stan ha sviluppato un duo artistico di successo con il violinista Remus Azoiței, attivo da più di quindici anni. Insieme hanno registrato l’integrale delle opere per violino e pianoforte di George Enescu. Nella prossima stagione Eduard Stan terrà cocnerti nell’ambito dei festival: Lille Piano in Francia, Mid-Europé Festival in Reppublic Cecca, Galway Schumann Festival in Irlanda e Bourglinster Festival di Lussemburgo.

Organizzatori: Istituto Culturale Romeno di Bucarest, Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, Consolato Generale di Romania di Milano, Padiglione Romania all’EXPO Milano 2015
Con il patrocinio di: Ambasciata di Romania in Italia
In partenariato con: Centro Culturale Italo-Romeno di Milano e l’Ente Nazionale per il Turismo della Romania in Italia
Evento promosso da: Expo in Città
Ingresso su invito fino esaurimento posti disponibili. Per informazioni: 041 524 2309

Responsabile progetto: MIHAI STAN
Tel. +39.041.5242309; mail. mihai.stan@icr.ro

ISTITUTO ROMENO DI CULTURA E RICERCA UMANISTICA

‘Il mondo a tavola’ con la cucina romena a Cori

Cultura e appuntamenti
26 ottobre 2015

Dopo lo straordinario successo del primo laboratorio dedicato al cibo indiano (video disponibile a questo link ) continuano gli appuntamenti con la cucina interetnica ‘Il mondo a tavola’. Questo fine settimana sarà protagonista la tradizione culinaria romena, la comunità più numerosa sia a Cori che in provincia. Ricca e gustosa, la retete romanesti offre sapori molto diversi dai nostri, da scoprire ed assaporare, in compagnia ed allegria.

L’iniziativa si terrà venerdì 30 Ottobre 2015, alle ore 17:00, presso i locali del Complesso Monumentale San Francesco. Alla prima parte pratica ne seguirà una seconda conviviale in cui si mangerà insieme quanto preparato. A condurre il workshop saranno gli stessi romeni residenti a Cori e Giulianello, che condivideranno con i presenti i propri saperi gastronomici. La partecipazione è gratuita ed aperta a tutti, ma si raccomanda la prenotazione: 06.96617267, 3471395433, 3341004351. Il ciclo si concluderà il 5 Novembre con la cucina Mediterranea, riconosciuta dalla Commissione Europea come veicolo di uno stile di vita sano ed equilibrato. ‘Il mondo a tavola’ inaugura il più ampio Progetto Intercultura che vedrà impegnati, fino all’estate prossima, l’Assessorato alle Politiche Sociali e i Servizi Sociali del Comune di Cori, in collaborazione con le associazioni ‘Il Circo della Farfalla Onlus’, ANOLF Latina e Arcadia.

Un percorso di promozione del dialogo interculturale e di valorizzazione del patrimonio dei migranti presenti sul territorio che abbraccerà diversi ambiti, oltre la gastronomia: formazione linguistica, educazione informatica, danza, strumenti di cittadinanza attiva e conoscenze basilari per acquisire la patente di guida in Italia. Una serie di servizi gratuiti di fondamentale utilità per i diretti destinatari e di reciproco arricchimento umano e culturale per l’intera cittadinanza. A tal proposto continua la raccolta delle adesioni ai corsi di lingua italiana gratuiti che inizieranno il 9 Novembre 2015 presso la Biblioteca Civica ‘Elio Filippo Accrocca’. Il livello base A0, per i principianti, si svolgerà il lunedì e venerdì, dalle 17:30 alle 19:30. Il livello A1, di potenziamento linguistico, si terrà il martedì e venerdì, dalle 17:30 alle 19:30, e da Aprile a Giugno si evolverà in un tutoraggio i preparazione all’esame per il conseguimento dell’attestato che certifica il raggiungimento del livello A2, necessario per richiedere il permesso di soggiorno, anch’esso gratuito per i frequentanti.

Fonte: H24 Notizie

Ricordato il poeta Vasile Alecsandri a Magenta

Sabato 17 Ottobre 2015 presso la "Casa Giacobbe" sita nel Comune di Magenta si è svolta la commemorazione del poeta e statista romeno Vasile Alecasndri. La mattinata è iniziata con gli inni nazionali di Italia, Romania e della Ue . Dopo questo primo momento ha preso la parola il Sindaco di Magenta, Dott Marco Invernizzi, che ha voluto sottolineare l'importanza di questo evento nato dalla volontà del Dott Marco Baratto, Asociatia Nationala Cultul Eroilor e che il Comune di Maganta ha sostenuto. Una imporantaza che , nelle parole del Sindaco, si lega alla necessità di essere una comunità aperta e pronta a scoprire momenti di comune raccordo tra le varie Nazioni. Subito dopo ha preso la parola il Console Milosan , in rappresentanza del Consolato Generale di Romania a Milano, che ha ripercorso alcuni eventi e passaggi della vita di Vasile Alecsandri. Al termine di questi interventi ufficiali ha preso la parola il Dottor Marco Baratto, che ha ripercorso le principali tappe dei rapporti italo romeni durante il periodo 1848-1860 soffermandosi , in particolar modo sulla nascita dei Principiati Uniti di Moldavia e Valacchia e sulla missione diplomatica di Alecasandri in Francia , presso Napoleone III e presso la corte Piemontese di Vittorio Emanuele II. In particolar modo , il Dott Baratto ha parlato della presenza di Alecsadri sui luoghi delle principali battaglie del Risorgimento nazionale come Montebello della Battaglia, Palestro e Magenta e su come Alecsandri ricordò questi avvenimenti tramite le sue poesie.
Al termine della relazione. Il Console Milosan, il Sindaco Invernizzi e il Dottor Baratto si sono recati nel parco della Casa Giacobbe per procedere alla piantumazione di una pianta, offerta dal Dottor Baratto a nome dell'Asociatia Nationala Cultul Eroilor, in segno di amicizia tra Magenta e la Romania e in ricordo di Vasile Alecsandri, testimone oculare dello scontro del 4 Giugno 1859

Foto : (C) feliciafotoreporter

Propatria Festival, giovani talenti romeni premiati a Roma

Roma, 19 ott. – Musica, recitazione, canto e danza. La serata finale del Festival Internazionale Propatria “Giovani Talenti Romeni” ha incoronato i vincitori del 2015, gli under 30 più talentuosi della diaspora romena. I concorrenti provenienti da Italia, Moldavia, Francia, Austria, Belgio, Germania, Spagna e Olanda si sono “affrontati” con un obiettivo: dare della Romania un’immagine fresca e vera. Per questo l’ambasciatore di Romania in Italia, Dana Constantinescu, li ha voluti definire “giovani ambasciatori di Romania”.

“Siamo arrivati alla quinta edizione, il Propatria è ormai una tradizione. La sua importanza sta nel fatto che fa conoscere la comunità romena da un’altra prospettiva, dal punto di vista dei giovani romeni talentuosi che lavorano moltissimo per arrivare a questi risultati e ci mettono tutto il cuore e la determinazione – ha spiegato l’ambasciatore al termine della serata che ha concluso tre settimane di spettacoli e manifestazioni a Roma – Io li considero dei colleghi, perché ci rappresentano così bene: li chiamo i giovani ambasciatori della Romania”.

Quest’anno sono stati assegnati tre diplomi di eccellenza. Il primo alla 18enne Emanuela Ionica, giovane cantautrice, voce ufficiale di Violetta in Italia e doppiatrice di film famosi come “Storia di una ladra di libri”. “Sono onorata di essere condiderata un talento e di rappresentare la Romania perché faccio quello che amo – ha dichiarato – E quest’anno ho avuto la possibilità di farlo anche in romeno: ad agosto 2015 ho recitato in un film in Romania, un’esperienza meravigliosa, la prima sul set. Recitare in romeno è stato un sogno, mi ha permesso di fare quello che voglio e di scoprire la Romania dove non tornavo da quando avevo 3 anni”.

Altro diploma di merito è andato a Ghenadie Rotari, musicista moldavo, virtuoso della fisarmonica che vive a Trieste che ha incantato la giuria con un’esecuzione di “Omaggio ad Astor Piazzolla” di Zubitsky. Altro premio alla ginnasta romena plurimedagliata e alle sue allieve di Cerveteri, Elena Constantin, che ha presentato una coreografia dedicata alla Romania e all’Italia e all’unione delle due culture.

Il premio speciale “Romania nel cuore” creato e accordato dal direttore artistico del Festival, Catalina Diaconu, docente di pianoforte presso il Conservatorio Santa Cecilia di Roma, è stato assegnato alla giovane pianista Cosmina Dumitrescu, nata a Craiova nel 2004 e che ha studiato tra la Romania, la Spagna e l’Italia. “È molto bello rappresentare la Romania in un contesto di arte e di musica. È bello andare in Paesi stranieri e poter dire con piacere achi me lo domanda che vengo dalla Romania, il mio Paese”.

La manifestazione, nata per promuovere l’immagine autentica della Romania, soprattutto per incoraggiare i giovani talenti romeni che vivono all’estero, e per premiare coloro che hanno ottenuto risultati a livello di eccellenza in vari settori dell’arte, della scienza o dello sport, quest’anno ha aperto le porte anche alle altre culture presenti nella capitale, dando vita a molti spettacoli interculturali.

Fonte: ContattoNews

Statul român şi-a rupt piciorul la Expo Milano

Statul român şi-a rupt piciorul la EXPO Milano - Comunicat CCIRO Italia‏

Roma, 28 octombrie 2015 - Expoziţia mondială de la Milano se pregăteşte în aceste ultime zile să intre în istorie. În data de 31 octombrie îşi va închide porţile un eveniment prin care Italia a demonstrat din nou că îşi merită locul între primele puteri economice ale lumii.

EXPO Milano un succes preanuntat, pe ansamblu o organizare perfectă. Comisarul general al expoziţiei mondiale, Giuseppe Sala a reuşit să coordoneze perfect reprezentanţii celor peste 140 de ţări şi organizaţii internaţionale implicate.

Şi totuşi la expoziţia de la Milano, România s-a prezentat modest. Au fost nenumărate articole în presă română, dar şi în cea italiană, despre modul dezastruos de organizare a Pavilionului României. România iese şi din acest eveniment cu capul plecat.

CCIRO Italia consideră că prezenţa la acest eveniment planetar a fost o ruşine pentru mediul de afaceri românesc din Italia, pentru comunitatea românească din Italia.

Noi am încercat, ca organizaţie, să dăm o mână de ajutor, dar nu am reuşit să împiedicăm eşecul, datorat în primul rând celor numiţi să administreze pavilionul României.

Pentru a exemplifica modul de organizare de la pavilionul României, iată cel mai recent exemplu:

În data de 27 octombrie a fost anunţat un important eveniment. România trebuia să prezinte interlocutorilor de pe întreg mapamondul, prezenţi la Milano, prin secretarul de stat Alexandru Năstase, preşedintele departamentului de investiţii străine şi parteneriat public privat, politicile statului român pentru atragerea investiţiilor străine, facilităţi fiscale, fonduri europene, s.a.m.d.

Domnul secretar de stat urma să se întâlnească, prin implicarea CCIRO Italia, cu reprezentanţi ai firmelor înfiinţate de români în Italia, cu reprezentanţi ai sistemului cameral italian, cu reprezentanţi ai patronatelor, oameni de afaceri, investitori interesaţi să investească în România.

Pentru acest eveniment, Camera de Comerţ şi Industrie a României în Italia a fost chemată vineri, 23 noiembrie 2015 de către reprezentanţii Pavilionului României de la EXPO. Am considerat-o o oportunitate importantă şi am dat curs organizării. Maşina de organizare CCIRO Italia a lucrat în forţă în weekend şi a folosit toate relaţiile la dispoziţie pentru invitarea unor persoane importante din domeniul economic, care au fost în anumite cazuri puţin “deranjate” de abordarea noastră în weekend, dar poate din respect şi unei excelente colaborări au confirmat participarea.

“Surpriza” din partea Pavilionului României ne-a fost comunicată luni, 26 octombrie în jurul orei 12:00. Ne-a fost comunicată anularea evenimentului: secretarul de stat nu mai poate veni, şi-a “rupt” piciorul.

În zadar insistenţele noastre de a menţine calendarul şi de a înlocui vizita secretarului de stat cu un alt demnitar: un director de cabinet, un alt secretar de stat, nici o şansă. Ni s-a comunicat cu nonşalanţă că evenimentul a fost anulat.

Această situaţie comporta daune de imagine mari organizaţiei noastre şi României în general. Un gest de batjocură la adresa interlocutorilor pe care România intenţiona să-i atragă prin prezenţa la acest eveniment.

Este doar un exemplu dintr-un lung şir de acţiuni eşuate, din care în presă a apărut în aceste luni numai vârful icebergului.

În puţine cuvinte, România iese foarte prost din această expoziţie mondială. Cu siguranţă, mai avantajaţi am fi fost dacă nu ne-am fi prezentat. Din punctul nostru de vedere, vinovaţi pentru această catastrofă nu sunt doar comisarul şi staff-ul care au coordonat pavilionul; o mare vină o au ataşaţii economici din Italia, cei trei ataşaţi care costă statul român peste 30 mii de euro lunar (între salarii, chirii, indemnizaţii, deplasări, carburant, etc.). Ataşaţii economici, teoretic ar fi trebuit pe perioada expoziţiei monidale să aibă rezidenţă în Pavilionul României, să organizeze dacă nu zilnic, cel puţin de două ori pe saptmana, evenimente, întâlniri, dezbateri, să convingă milioanele de investitori străini care au vizitat expoziţia mondială în căutarea unor oportunităţi pe alte pieţe.

La Pavilionul României, ataşaţi economici nu prea s-au văzut şi nici nu au promovat prezenta României la EXPO.

Denunţăm pe această cale, boicotarea prin neimplicare a prezenţei României la EXPO de către acei oameni care au obligaţia să promoveze economia românească.

Cerem instituţiilor abilitate ale statului român (DNĂ, corpul de control al guvernului şi al preşedintelui) demararea unei anchete şi tragerea la răspundere a vinovaţilor pentru falimentul României la expoziţia mondială 2015.

Cerem pe această cale Guvernului României şi Camerei de Comerţ a României modificarea cadrului legislativ prin care ataşaţii economici să fie înlocuiţi cu profesionişti ai sistemului camerelor de comerţ ale României, profesionişti care deseori îi avem în comunităţile romanilor din diaspora, oameni valoroşi care îndeplinesc toate condiţiile pentru a desfăşura activitatea de ataşat economic şi costurile acestora s-ar reduce cu până la 70%.

Eugen Terteleac
Preşedinte CCIRO Italia

CCIRO Italia
Via Cola di Rienzo 212, 00192 Roma - Italia
FAX +39 06 263 162
EMAIL info@cciro.it
Sede Operativa: Largo Carlo Salinari, 19
SITO www.cciro.it
TEL. +39 06 31 057 771 /FAX: +39 06 325 02681

Migliaia di volumi ricevuti in dono grazie a Niculescu

L’ECCELLENZA

Basta consultare i volumi raccolti nel fondo Carlo Tagliavini oppure quelli donati dall’università di Praga all’ateneo friulano grazie all’interessamento del professor Alexandru Niculescu, per...
18 ottobre 2015
Basta consultare i volumi raccolti nel fondo Carlo Tagliavini oppure quelli donati dall’università di Praga all’ateneo friulano grazie all’interessamento del professor Alexandru Niculescu, per comprendere la portata del centro internazionale di romenistica dell’università di Udine. A dirlo sono gli studiosi che fanno capo a palazzo Antonini per completare le loro ricerche. Qui sono conservati pezzi rari che solo noi possiamo vantare.
Un patrimonio indiscusso che va tutelato senza se e senza ma. Udine non può perdere questa ricchezza necessaria per rafforzare le collaborazioni internazionali con l’est Europa. Non solo dal punto di vista culturale, ma anche economico perché la maggior parte dei laureati in romeno oggi lavorano nelle ambasciate piuttosto che nelle imprese che hanno rapporti commerciali con la Romania.
L’ateneo friulano è considerato, a livello internazionale, uno dei principali centri per gli studi di romenistica anche e soprattutto per il fondo librario che conta migliaia di volumi di lingua, letteratura e cultura romena. Tutto questo rischia di svanire se la cattedra di Lingua e letteratura romena non avrà un futuro.
Il centro internazionale sulla cultura romena è stato inaugurato nella primavera del 2012 alla presenza dei soci fondatori provenienti dalle università di Padova, Pisa, Bucarest e Iasi. Solo tre anni fa, infatti, l’università descriveva questa iniziativa come «un importante risultato raggiunto nell’ambito degli studi delle lingue, letterature e culture dell’Europa orientale. La cattedra di romeno è stata istituita a Udine nel

1986 e il primo corso inaugurato l’anno seguente da Alexandru Niculescu, oggi professore emerito. Tant’è che il professore residente in Francia dove si era trasferito come rifugiato politico, a palazzo Antonini ha ancora un ufficio con il suo nome sulla targhetta.

18 ottobre 2015

Fonte: Messaggero Veneto


Leggi anche:
Lo storico corso di romeno a rischio per pochi spiccioli
«Il posto da ricercatore è già stato chiesto»
«Cerchiamo sinergie con altri atenei»
Il fondatore del corso: «Il romeno va salvato»
L’appello di padre Ioan: «L’università salvi il corso di romeno»
«Il rettore ci ripensi e salvi il corso di romeno»

Ladispoli - Corso di romeno 'obbligatorio'? Le precisazioni della dirigenza scolastica

22/10/2015

Il preside Agresti in conferenza stampa chiarisce definitivamente la questione che ha tenuto banco a Ladispoli (e in Italia) nelle ultime settimane

Si è svolta questa mattina la conferenza stampa indetta dalla dirigenza scolastica dell'Istituto Comprensivo Ladispoli 1, negli uffici di via Castellamare, in merito alla tanto discussa questione del corso obbligatorio di lingua e cultura romena. Alla presenza del preside Riccardo Agresti e dell'ex preside Roberto Tasciotti, si è partiti proprio dall'accezione dell'aggettivo obbligatorio, termine che secondo i dirigenti sarebbe stato male interpretato fin dall'inizio della vicenda, per chiarire diversi punti.

"In primo luogo - ha dichiarato Agresti - credo sia importante sottolineare che per l'inserimento del corso in questione non si è ricorsi a quanto stabilito dalla legge 275, che consente di sottrarre ore ad alcune materie per inserirne delle altre. Quindi il corso di lingua e cultura romena non ha tolto ore a nessun altro insegnamento. Si tratta di lezioni integrate con un collaboratore esterno, che partecipa attivamente al lavoro dell'insegnante".

"La nostra intenzione - ha proseguito il preside - è quella di intraprendere un percorso di accettazione del diverso. L'uomo ha paura di ciò che non conosce, ma non potrà mai conoscere una determinata realtà se non inizia ad interagire con essa, a capirne la lingua, la cultura, i modi, le usanze. E quindi continuerà a temerla. Sul termine obbligatorietà ci sono state incomprensioni fin dall'inizio e la questione, anche a causa dell'intervento della politica nazionale, è finita per essere strumentalizzata. Si parla di corso obbligatorio in quanto, se la scuola ritiene utile un'attività didattica e questa viene democraticamente approvata sia dall'insegnante che dalla dirigenza, rispettando le regole previste dalla legge, l'attività viene svolta. La volontà dell'insegnante è ciò che davvero conta. A chi chiede delucidazioni riguardo l'utilità effettiva del corso, rispondo che gli stessi dubbi si sarebbero potuti sollevare anche con altre lingue, come spagnolo o russo o tedesco, per fare alcuni esempi, in quanto le uniche due riconosciute come universalmente utili dall'Unione Europea sono l'inglese e il francese".

"L'insegnante - ha spiegato l'ex preside dell'Istituto, Roberto Tasciotti - ha la possibilità di scegliere fra diversi progetti di varia natura. Progetti da cui può attingere per formare il programma che più ritiene opportuno. Non esiste obbligatorietà, ma ricchezza della formazione".

"Tra l'altro - ha specificato un'insegnante - parliamo di 18 ore settimanali divise fra tre istituti diversi. In pratica circa un incontro al mese per classe".

Altra importante precisazione è quella legata al discorso temporale. "Il corso - ha continuato Tasciotti - era già stato avviato da circa quattro anni in altri istituti, già come corso integrato, attraverso le modalità che abbiamo descritto. Come corso pomeridiano, invece, aveva visto la luce anche da molto tempo prima".

"Fra le tante obiezioni sollevate - ha affermato Agresti - qualcuno ha accennato al modo in cui gli italiani venivano descritti quando ad emigrare verso altre mete eravamo noi e al trattamento che abbiamo ricevuto in altri paesi come Stati Uniti, Germania e Svizzera. Ebbene, il mio interesse è quello di essere migliore di coloro che mi hanno accolto e di accogliere il mio prossimo nel modo più giusto possibile".

C'è forse stato allora un errore di comunicazione alla base di tutta la vicenda? "Non sono un politico, il mio interesse non è quello di accontentare le piazze o apparire in un certo modo davanti all'opinione pubblica - ha concluso il preside - ma semplicemente quello di salvaguardare l'interesse dei miei alunni. Non prendo decisioni per piacere alla gente, ma per assicurare il meglio agli studenti".

Fonte: Baraonda News

Trapianto simultaneo di reni, a Torino è primato mondiale: la donatrice è rumena

15 ottobre 2015, Americo Mascarucci

Da oggi l'ospedale Molinette della Città della Salute di Torino potrà vantare un primato mondiale, quello cioè di aver effettuato il primo trapianto simultaneo di reni su due fratelli.

Fratello e sorella venezuelani, entrambi residenti in Piemonte, si sono visti trapiantare nello stesso pomeriggio due reni prelevati da una donatrice di quarantuno anni di nazionalità rumena deceduta per emorragia cerebrale presso lo stesso ospedale.

Il rene sinistro è stato trapiantato su un uomo venezuelano di 48 anni in dialisi dal 2013 per nefropatia policistica ereditaria. Quello destro sulla sorella di 50 anni, affetta dalla stessa patologia e non ancora in dialisi.

In realtà di interventi di questo tipo, anche se non frequentissimi, se ne sono fatti anche in passato, ma la particolarità sta nel fatto che grazie all’espianto e al successivo trapianto dei due reni si sono salvati due fratelli, un uomo e una donna che erano affetti dalla stessa patologia genetica.

Il doppio trapianto è stato effettuato dai chirurghi vascolare Aldo Verri e Monica Hafner (équipe dottor Maurizio Merlo) e dagli urologi Giovanni Pasquale ed Alessandro Greco (équipe professor Bruno Frea).
I due trapianti sono tecnicamente riusciti ed ora i pazienti sono ricoverati presso la terapia intensiva della Nefrologia Dialisi Trapianto delle Molinette e seguiti dall'équipe nefrologica diretta dal professor Luigi Biancone.
La coincidenza che da un donatore vengano trapiantati una coppia fratello e sorella è dovuta alla compatibilità immunitaria molto simile tra i due trapiantati ed ovviamente alla donatrice e rafforza l'importanza della compatibilità nell'allocazione di questi organi proprio per ridurre i rischi di rigetto.

Ha sottolineato il dottor Biancone: “Questo evento deve riportare l’attenzione su questa malattia renale ereditaria, il rene policistico, che per la sua trasmissione autosomica dominante può colpire diversi membri all’interno di una stessa famiglia. E’ una causa importante di insufficienza renale avanzata, dal momento che circa l’8% dei pazienti in dialisi è affetto da questa patologia”.

E’ tuttavia straordinario anche l’aspetto etico di questa vicenda, ossia come il decesso di una vita abbia permesso di salvarne due.

Fonte: IntelligoNews

Si dice romeno o rumeno? L’importante è non discriminare...

Roma – 19 ottobre 2015 - Romeno o rumeno? Quale sarà la forma più corretta da utilizzare quando ci si riferisce agli abitanti della Romania?

Anche nella lingua romena esistono due varianti dell'etnonimo: român e il più antico rumân derivati entrambi dal latino Romānu(m) = romano. Per capire meglio la storia di queste due parole è utile fornire qualche informazione sulla storia della Romania.

La Romania è uno Stato di formazione recente. Il processo di unificazione si è concluso solo alla fine della Seconda Guerra mondiale. In Romania convivono diversi gruppi etnici, anche se dopo la Seconda Guerra Mondiale il numero delle minoranze non romene diminuì notevolmente. Lo stesso nome del Paese è il risultato di questo processo.

"L'ipotesi di un'origine latina come base per il formarsi di una coscienza nazionale romena si sviluppò particolarmente nel sec. XVIII, quando nella Transilvania, passata sotto il governo austriaco, si favorì la diffusione della cultura classica" si legge sul sito dell’Accademia della Crusca. "Alla volontà di rendere esplicita la connessione con la latinità e con Roma si ricollega solitamente l’adozione dell’etnonimo român in luogo del più antico (ed etimologico secondo le regole dell’evoluzione fonetica locale) rumân".

Cosi, nella lingua italiana la forma romeno compare nella prima metà del Novecento, negli anni della Seconda guerra mondiale, soprattutto nella lingua dei quotidiani. I linguisti sono da sempre divisi sulla questione, tra quelli che preferiscono la variante rumeno e anche Rumania rispetto a Romania, e quelli che pensano che la forma romeno sia quella più corretta, soprattutto nel linguaggio della stampa.

L’ Accademia della Crusca conclude cosi le sue opinioni sul problema: "Venuta meno l'ideologia che vedeva nella comune discendenza dall'impero romano un motivo per sostenere romeno, la scelta fra le due varianti può essere ricondotta al solo piano formale per cui, di contro alla ragione etimologica e alla tradizione letteraria a sostegno di rumeno, si pongono a favore di romeno la simmetria con Romania e la maggiore adesione alla lingua romena."

Insomma, si dice rumeno o romeno? Siamo in tanti a testimoniare che i dubbi effettivamente esistono. Entrambe le forme possono essere utilizzate in modo corretto, sia in funzione di aggettivo sia di sostantivo, e non c'è alcun motivo per discriminare l'una a favore dell'altra.

Anna Balea

Fonte: Stranieriinitalia

sabato 17 ottobre 2015

Ziua europeană de luptă împotriva traficului de persoane/ ADRI, C.I.A.O Romania și Associazione Ebano


Comunicat de presa/Comunicato stampa

 Ziua europeană de luptă împotriva traficului de persoane este celebrată în fiecare an în data de 18 octombrie, având ca scop informarea și sensibilizarea societății asupra fenomenului ce încalcă grav drepturile și libertățile fundamentale ale omului.

 Cu toții ar trebui să luăm atitudine împotriva acestei forme de ‘sclavie modernă’, în continuă expansiune. Traficul de persoane și exploatarea prin munca reprezintă o problemă majoră cu care se confrunta și românii din diaspora, Italia fiind una dintre primele 10 țări de destinație a victimelor traficului de persoane.

 Ar fi util ca Ministerul Afacerilor Externe și organizațiile non-guvernamentale active în acest sector să desfășoare acțiuni și campanii de informare în acest domeniu și pentru românii din diaspora. În cele mai multe cazuri, victimele provin nu atât din familii dezorganizate, cât mai ales din familii în care nu au primit dragostea și atenția necesare sau din rândul celor care au părinți la munca în străinătate.

 Sporirea gradului de cunoaștere a acestui fenomen de către cetățeni reprezintă o cale în plus de prevenire a acestui flagel care ar fi util să fie în centrul preocupărilor autorităților, spre binele întregii societăți.

 Giornata Europea contro la tratta degli esseri umani

 La Giornata europea contro la tratta degli esseri umani si celebra il 18 ottobre di ogni anno, al fine di informare e sensibilizzare la società sul fenomeno che costituisce una violazione dei diritti umani e una forma moderna di schiavitù che gravemente viola la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, la quale considera la lotta contro tale fenomeno una delle priorità di intervento.

 La tratta a scopo di sfruttamento lavorativo e sessuale è un problema che colpisce anche la diaspora romena, l’Italia essendo uno dei primi 10 paesi di destinazione dove operano le organizzazioni criminali che gestiscono il “trafficking” a livello mondiale.

 Sarebbe utile che il Ministero degli Affari Esteri e le organizzazioni non governative che operano in questo settore svolgano azioni e campagne di informazione anche per i romeni della diaspora. Nella maggior parte dei casi, le vittime provengono non tanto da famiglie disorganizzate, ma soprattutto provenienti da famiglie dove non hanno ricevuto né l’amore né l’attenzione necessari, oppure da coloro i cui genitori sono all’estero per lavoro.

 Aumentare la conoscenza e la comprensione di questo fenomeno da parte dei cittadini rappresenta un ulteriore modo per prevenire questo flagello, il quale dovrebbe essere al centro dell’attenzione e delle azioni delle autorità per il bene di tutta la società.

 ADRI — Asociația Femeilor Românce din Italia
 C.I.A.O Romania — Comitato Italiano Associazioni e ONG in Romania
Associazione Ebano




  





Fonte:Associazione delle Donne Romene in Italia

“Vi racconto di mio padre Ion, bruciato vivo. E degli stranieri ancora sfruttati”


“Un uomo bruciato vivo”, scritto da Dario Fo e Florina Cazacu, racconta la terribile vicenda del romeno Cazacu ucciso dal datore di lavoro nel 2000 e riflette sui persistenti soprusi verso i lavoratori immigrati. Il premio Nobel: “Siamo tutti colpevoli per distrazione”

12 ottobre 2015

 ROMA - “Siamo tutti responsabili, per distrazione. Una distrazione preoccupante, pericolosa, il vuoto assoluto della presa di coscienza. La parte attiva, civile della nazione era bloccata, come lo è ora, e la disinformazione è la parte portante del potere”. Sono parole molto dure quelle che pronuncia Dario Fo alla presentazione del libro “Un uomo bruciato vivo – Storia di Ion Cazacu” (Chiarelettere, 2015), scritto a quattro mani con Florina Cazacu, figlia della vittima, che chiese aiuto a Franca Rame per raccontare il terribile omicidio di suo padre avvenuto nel 2000. La sala dell'Accademia di Romania è gremita, gente in piedi, fotografi che girano per ritrarre i personaggi noti intervenuti. Durante le letture e gli interventi le facce commosse sono molte, ma sono tante le voci che raccontano la rabbia per le ingiustizie subite, che non accennano a diminuire neanche oggi.

 Ion Cazacu era un ingegnere romeno di 40 anni che in Italia, a Gallarate, faceva il piastrellista, alle dipendenze di Cosimo Iannece. Alle sue richieste di avere un contratto regolare ed essere pagato, il 14 marzo del 2000, l'imprenditore piombò nella casa che Cazacu divideva con 12 connazionali gridando “Ti brucio e ti ammazzo”, lo cosparse di benzina e gli diede fuoco, chiudendolo nella cucina dove era avvenuta l'esplosione per impedirgli di salvarsi. Dopo 30 giorni di agonia, con ustioni sul 90% del corpo, la vittima morì. Iannece fu condannato in primo e secondo grado a 30 anni di reclusione, poi la Cassazione ridusse la pena a 16 anni, furono tolte le aggravanti di premeditazione e motivi abbietti, e dopo dieci anni uscì di prigione. Florina lo incrocia per strada a Gallarate. “Ho scoperto che c'era un fondo ancora più fondo di quanto accaduto, che ha riaperto la ferita, l'unica vera sconfitta era la giustizia”, commenta con amarezza. Spiega di aver deciso di scrivere questo libro per liberarsi dal peso che continua a farle rivivere quei momenti. “Sembra un'opera sacra per la violenza mitica racchiusa in essa”, aggiunge Fo, ricordando le terribili immagini portate in prima serata su Rai 2 da una trasmissione di Michele Santoro.

 In sala diversi interventi ricordano i due pesi e due misure della giustizia italiana, con pene lievi inflitte a italiani e l'ergastolo a Mailat per l'omicidio di Giovanna Reggiani nel 2007. “Serve una riforma della giustizia, una legge che faccia marcire in galera i pazzi assassini – aggiunge Florina -, ma ricordiamoci che la responsabilità è sempre individuale e personale: avevo 17 anni quando è successo, ma non ho mai confuso Iannece con tutta la sua famiglia né con gli italiani in generale. La violenza non ha nazionalità, colore di pelle o religione”.

 “In questa storia c'è un'ingiustizia più profonda – commenta Santoro -, è stato cancellato completamente il contributo positivo che queste persone hanno portato al nostro paese. Pensiamo che lo sfruttamento derivi da condizioni di arretratezza, e dimentichiamo che la nuova Fiera di Milano, anche l'Expo sono stati costruiti con il supersfruttamento dei lavoratori stranieri. Le stesse persone che aggrediscono i romeni accusandoli di ogni nefandezza ci fanno la fortuna. Dobbiamo ritrovare questi termini e fare una lotta per i diritti affinché questo non si ripeta”. La prefazione del libro ricorda un'operazione anti-evasione che fece emergere una frode contributiva per 23 milioni di euro nella stessa zona dove avvenne l'omicidio, e stima in circa 1.400 persone gli stranieri vittima degli sfruttatori, mentre ancora oggi le pagine di cronaca raccontano di soprusi giunti alle estreme conseguenze al suono di “O così o ve ne potete tornare al vostro paese”.

 “Siamo in Europa dal 2007, ma poco è cambiato – dice un signore romeno, sindacalista, in Italia da 19 anni -. Facciamo iniziative per ricordare le morti bianche, ma i lavoratori senza permesso vengono scaricati davanti agli ospedali, o abbandonati nei campi. Il 50% della forza lavoro nell'edilizia è straniera, ma se ne parla solo in cronaca nera”.

 “Nessuno è innocente – aggiunge il vignettista Vauro -, la nostra colpa è l'indifferenza, anche di fronte all'evidenza delle fiamme. Ed è una colpa antica, l'Olocausto è stato possibile, oltre che per la follia criminale di Hitler, perché un'intera popolazione è stata indifferente. Prima i romeni, poi gli 'extracomunitari', ora altri nemici, per la paura di vedere che siamo complici e colpevoli di fronte a persone uguali a noi che devono viaggiare. Per ogni straniero che entra in Italia, ci sono quattro italiani che vanno all'estero: oggi i migranti siamo noi”.

 Il libro è scritto in forma di intervista di Dario Fo alla figlia dell'ingegnere romeno morto per la follia omicida del suo datore di lavoro. È il racconto in soggettiva del fatto di cronaca che scosse l'opinione pubblica nel 2000: il tenero rapporto del padre con le figlie, le condizioni sociali in Romania, la necessità di andare all'estero per mantenere la famiglia, le bugie raccontate ai familiari per far credere che la situazione fosse migliore della realtà. E poi il tragico ingresso in un incubo, con una telefonata dall'Italia alle cinque del mattino, la difficoltà di farsi fare un passaporto per correre al capezzale del familiare, il funerale, la ricostruzione dei fatti tramite le testimonianze e gli atti processuali, la difficoltà di capire la lingua e le sottigliezze giuridiche.

 “Cosa significa azzeccagarbugli?”, chiede Florina. Da quel punto il testo si allarga dalla tragica esperienza personale ad abbracciare un fenomeno sociale ed economico, fatto di sfruttamento del lavoro ed evasione fiscale, e al terrore spinto fino all'omicidio per “affermare la propria posizione di dominus”, secondo le parole del procuratore generale Bruno Fenizia. Il racconto di Adriano “Copilul” (ragazzino in romeno), preso sotto l'ala protettiva di Ion, svela un mondo fatto di soprusi e miseria, in cui si può essere rimpatriati per una falsa denuncia anonima da parte del datore di lavoro per non pagare il dovuto.

La figlia della vittima, Florina Cazacu

 La stessa esperienza di Florina, giunta in Lombardia col proprio fidanzato, in lotta continua per ottenere riconosciuti i propri diritti e il proprio salario, mostra come la situazione non sia migliorata con gli anni. La crisi economica e l'afflusso di altri migranti ancor più disperati ha completato l'opera: la postfazione di Salvatore Cannavò riporta in numeri ciò che si può osservare alle sei del mattino alla periferia di Roma, o lungo la Pontina con migliaia di sikh in bicicletta, le campagne di Nardò e gli aranceti di Rosarno. Persone pagate pochi euro al giorno, vittime di caporali, assunte in nero e quindi senza tutele né sicurezza sul lavoro, pagate mediamente il 16% meno degli italiani (25% per le donne), che non riescono ad accedere a professioni qualificate nonostante il titolo di studio. “Non è un libro facile da leggere – commenta Florina Cazacu -, non è di quelli da mettere sotto l'albero di Natale: nessuno si può riconoscere in questa violenza”. (Elena Filicori)

 Fonte:Redattore Sociale

martedì 13 ottobre 2015

Festival "Altrerisonanze - dall'antico al moderno, tra il rumeno e l'universale"


Festival Internazionale "Altrerisonanze - dall'antico al moderno, tra il rumeno e l'universale"

che si svolgerà a Roma nell'arco di tre domeniche tra il 25 ottobre e l'8 novembre 2015,

con il sostegno dell'Istituto Culturale Rumeno di Bucarest e la collaborazione di

Continuo Records, Incontri Mediterranei – Orte, Scatola Sonora.

25 OTTOBRE 2015 • ore 20:00
Accademia di Romania • Sala Concerti (P.za José de San Martin 1)
…J.S. BACH…
presentazione del compact disc "Notenbüchlein für Anna Magdalena Bach" di Cipriana Smarandescu (Continuo Records)
Johann Sebastian Bach:
Concerto per clavicembalo e archi in fa minore, BWV 1056
Cantata “Ich habe genug” BWV 82 per baritono, oboe e archi
Arie “Bist du bei mir” e “Aria di Giovannini” dall'“Album per Anna Magdalena Bach”
Concerto Brandeburghese n° 5 in Re Maggiore, BWV 1050
Furio Zanasi • baritono
Cipriana Smarandescu • clavicembalo
Mauro Lopes Ferreira • violino barocco
Pierluigi Tabachin • flauto traversiere
Andrea Mion • oboe barocco
ensemble aliusmodum

1 NOVEMBRE 2015 • ore 21:00
Oratorio del Caravita (Via del Caravita 7A)
…LA PIATA…
[...alla piazza...]
Gustav Mahler • Adagietto dalla Quinta Sinfonia
Gustav Mahler • Kindertoten-Lieder su testi di Friedrich Rückert, per baritono ed ensemble da camera
George Enescu • "Cantabile et Presto" per flauto ed ensemble da camera
George Enescu • Rapsodia Rumena n° 2
Mihail Jora • La Piata, Suite dal balletto
(Orchestrazioni Andrea Riderelli, 2015 • prime esecuzioni assolute)
Furio Zanasi • baritono
Pierluigi Tabachin • flauto
ensemble altrerisonanze
Andrea Riderelli • direttore

8 NOVEMBRE 2015 • ore 20:00
Accademia di Romania • Sala Esposizioni (Viale delle Belle Arti 110)
…JOC…
[...gioco...]
musiche di G. Diruta, I. Caianu, J.P. Sweelinck, L.Couperin, J.J. Froberger, A. Valente, D. Scarlatti, J.S. Bach, P. Constantinescu, R. Paladi
Cipriana Smarandescu • clavicembalo

[...INGRESSO LIBERO...]

www.altrerisonanze.it www.accadromania.it

Il 17 ottobre Gran Gala dei Giovani Talenti Rumeni

il trio: da sin. Lavinia Bocu, Catalina Diaconu, Jieun Lee
Cultura 15 (Ex 20), Roma | Concerti E Musica

Serata conclusiva del Festival Internazionale Propatria realizzato dall’associazione culturale rumeno-italiana, al Teatro Cassia
di Federico Carabetta - 12 ottobre 2015

Alla ricerca della musica tradizionale romena ed alle attività artistiche della comunità di origine straniera più cospicua della Capitale, abbiamo partecipato a due delle serate del Festival Propatria, Festival Internazionale dei Giovani Talenti, quelle svoltesi a Roma, e ci promettiamo di non mancare alla serata conclusiva dell’evento egregiamente realizzato dall’associazione culturale romeno-italiana Propatria.

Le prime due serate- presentate dalla Direttrice artistica Catalina Diaconu – si sono volte nella prestigiosa sala sede di grandi eventi della Città, la Sala Baldini in Piazza Campitelli, ed hanno già riscosso meritato apprezzamento; quella conclusiva del 17 ottobre si annunzia di pari dignità.

A deliziare la folta platea, il 7 ottobre, nel concerto “Armonie Rumene”, è stata la bella voce del mezzosoprano Lavinia Bocu e i virtuosismi di Pietro Roffi alla fisarmonica e Gaetano Falzarano al clarinetto. La parte più interessante delle armonie romene è che sono pagine uniche ed originali appositamente trascritte ed adattate dagli originali del compositore rumeno Tiberiu Brediceanu per la voce di mezzosoprano e due strumenti quali la fisarmonica e il clarinetto. Lavinia Bocu, dalla bella presenza scenica, in questa occasione ha rivelato una voce espressiva e comunicativa dal timbro caldo ed una promettente estensione vocale.. Ha perciò riscosso il plauso del folto uditorio interpretando la calda passionalità popolare incline ad amori struggenti e l’antico armonioso legame del romeno con la natura.

La seconda serata, l’8 ottobre, con il concerto “Viaggio musicale nei secoli”, ha presentato il recital di Jieun Lee, giovane pianista ventiquattrenne coreana. Parlare di una performance eccezionale è poca cosa: la pianista ha fatto strabiliare la sala. La Direttrice artistica Catalina Diaconu ha mostrato tutto il suo apprezzamento per questa giovane artista che, benché così giovane, ha maturato una così forte padronanza dello strumento musicale.

Il Concerto – come ha tenuto a dire Catalina Diaconu – vuole essere un omaggio alla memoria del grande pianista romeno Dinu Lipatti (Bucarest, 19 marzo 1917 – Ginevra, 2 dicembre 1950) vissuto solo 33 anni.

La serata conclusiva del 17 ottobre, il Gran Gala dei Giovani Talenti Rumeni, avrà luogo alle ore 18 al Teatro Cassia in via Santa Giovanna Elisabetta, 69 in Roma. Sarà onorato da ospiti internazionali e giovani concorrenti provenienti da Romania, Italia, Moldavia, Francia, Austria, Belgio, Germania, Spagna, Olanda. Giovani rumeni di talento massimo trentenni, che verranno premiati per i loro successi in ambiti artistici, scientifici e sportivi. Accanto ai giovani talenti in gara per il trofeo Propatria 2015, saranno alcuni personaggi di spicco, di origini rumene, presenti al Festival. La serata sarà un susseguirsi di esibizioni di eccellenza.

Il Festival Internazionale Propatria realizzato dall’associazione culturale rumeno-italiana Propatria, con il sostegno del Ministero degli Esteri Romeno – Dipartimento per i Romeni all’Estero in collaborazione con l’Ambasciata di Romania in Italia, ha ricevuto il patrocinio oltre che dell’Ambasciata di Romania anche del Senato della Repubblica Italiana, della Camera dei Deputati, della Regione Lazio e del Municipio Roma I, Comune di Cetona ( SI), Comune di Formello (Rm).

Jieun Lee, 24 anni, nata in Corea, si è aggiudicato nel maggio 2015 il Premio assoluto nel Concorso International Music Competition for Youth “ Dinu Lipatti”, organizzato dall’Accademia Musicale Mediterranea all’Accademia di Romania in Roma.
In quest’occasione ha ricevuto un riconoscimento speciale del Direttore artistico dell’Associazione culturale romano-italiana Propatria: il Premio Speciale del “ Festival Internazionale Propatria dei Giovani Talenti”, consistente nel concerto da tenere a Roma nell’ambito della nostra rassegna internazionale. Jieun Lee, dal 2010 fino al 2014 ha studiato in Corea con Alexey Lebedev presso la Kyungsung University e attualmente prosegue il suo perfezionamento in Germania, presso la Hochschule fur Musik in Karlsruhe con il Prof. Markus Stange. Ha seguito corsi di specializzazione con vari Maestri fra i quali ricordiamo: Alexey Lebedev, Gabriel Kowk, Paul Shenly, Margolina Heit, Sunghoon Hwang.
Nonostante la giovane età, Lee Jieun e vincitrice di importanti competizioni pianistiche nazionali ed internazionali, fra le quali segnaliamo: il Primo premio nel concorso Korea Art Education Meister National Competition 2008, il Premio assoluto nel Concorso Silla University Music National Competition 2009, il Premio assoluto nel Dongeui University Music National Competition 2009, il Premio assoluto nel Korea HaneoI National Music Competition 2011, il Primo premio nel Korea Music Society National Competition 2013, il Premio assoluto nel Korea National Society for Music Competition ed anche il Primo Premio nel Gaya Culture Festival Music National Competition nel 2013, il IV Premio nel Concorso Internazionale “Città di Padova” 2013, Il Premio assoluto nel concorso Korea Globil Music National Competition, il Primo Premio nel Concorso Internazionale di Musica “ Music Competition for Youth “ Dinu Lipatti” 2014 e, nello stesso concorso, il Premio Speciale “ Festival Internazionale Propatria dei Giovani Talenti”.
In seguito a questi riconoscimenti, Lee Jieun svolge un’intensa attività concertistica nell’ambito della quale vi ricordiamo alcune occasioni speciali per la carriera della giovane pianista: nel 2010 il concerto del Grande Premio presso la Dongeui University, nel 2011 il Concerto n. 2 per pianoforte ed orchestra di C. Saint- Saens con la Korea New Prime Orchestra, dal 2010 al 2013 ha partecipato al Festival Pianistico dell’Università Kyungsung, nel 2013 il Concerto di premiazione al Concorso Korea National Competition, nel 2013 il concerto del Grande Premio al Concorso Korea Society for Music Competition. Numerose le collaborazioni: Fondazione Cantiere d’Arte Montepulciano, Istituto di musica di Montepulciano, IRFI Onlus, ADGRI, Proloco Cetona, Ass. Dacia, Ass Spirito Romeno, FARI, Comitato per un centro interculturale a Roma, Conservatorio di Santa Cecilia, Piccole Stelle Cantano, Tabara de Film( Ro), ElanaGym, Federazione Scacchistica Italiana. Media Partners: Agenzia Nazionale Agerpres Romania, Radio Romania, TVRInternational, Cealalta Romanie.

Fonte: Abitare a Roma

La Battaglia di Magenta nella descrizione del poeta e statista romeno Vasile Alecsandri

LA BATTAGLIA DI MAGENTA COME INCONTRO TRA I POPOLI:

EVENTI CULTURALI PER PROMUOVERE I VALORI DELLA PACE E DELLA AMICIZIA

Si comincia sabato 17 ottobre ore 09.30 al Teatro Lirico con un appuntamento dedicato alla Romania e in particolare al poeta Vasile Alecsandri

Sarà presente il Console Bologan

Il sindaco Invernizzi: ‘Iniziativa in collaborazione con l’Asociatia Nationala Cultur Eroilor

e volta a rimarcare come la cultura sia un elemento identitario della nostra Città ma anche dell’Europa dei Popoli

Magenta, 5 ottobre 2015 – Il prossimo 17 ottobre ore 09.30 presso il Teatro Lirico di Magenta si terrà il primo di due eventi dal titolo generale ‘La Battaglia di Magenta come incontro tra i Popoli’ dedicati all’amicizia e alla collaborazione tra i popoli valorizzando il legame storico di Magenta con l’Europa e, in particolare, con i Paesi coinvolti nella Battaglia di Magenta. L’appuntamento del 17 ottobre si intitola nello specifico ‘Il poeta romeno Vasile Alecsandri’, letterato e statista famoso in patria che fu presente a Magenta il 4 giugno 1859 e che dedicò una sua poesia, dal titolo ‘La Magenta’ ai fatti storici cui assistette. L’evento è organizzato in collaborazione con l’Asociatia Nationala Cultur Eroilor ed è rivolto in particolare agli studenti della classi 4e e 5e degli istituti superiori della città e alla comunità romena di Magenta. Il programma prevede l’inizio alle 9.30 con il saluto del sindaco Marco Invernizzi e del Console Romeno George Bologan, seguiti dall’intervento di Marco Baratto, studioso e rappresentante dell’Asociatia Nationala Cultur Eroilor dal titolo 'La Battaglia di Magenta nella descrizione del poeta e statista romeno Vasile Alecsandri'. Sarà poi letta la poesia di Alecsandri e infine, nel Parco di Casa Giacobbe, si svolgerà la cerimonia di piantumazione di un albero in segno di amicizia tra Magenta e la Romania e a ricordo della giornata. ‘Con questo e il prossimo evento vogliamo rimarcare come la cultura sia un elemento identitario della nostra Città ma anche dell’Europa dei Popoli e come da fatti negativi si possano poi costruire percorsi di condivisione dei valori della pace, dell’amicizia e della collaborazione tra Nazioni’, questo il commento del sindaco Marco Invernizzi.

Programma

LA BATTAGLIA DI MAGENTA COME INCONTRO TRA I POPOLI:
EVENTI DEL 17 OTTOBRE 2015
17 ottobre, Teatro Lirico: IL POETA ROMENO VASILE ALECSANDRI
Inizio: ore 9.30
- ascolto dei tre inni, italiano, romeno e UE
- saluto del sindaco Marco Invernizzi
- intervento del Console Romeno Gorge Bologan
- intervento di Marco Baratto, studioso e rappresentante dell’Asociatia Nationala Cultur Eroilor dal
titolo 'La Battaglia di Magenta nella descrizione del poeta e statista romeno Vasile Alecsandri'
- lettura della poesia 'La Magenta'di Vasile Alecsandri
- al termine, in esterno - nel Parco di Casa Giacobbe - cerimonia di piantumazione di un albero in
segno di amicizia tra Magenta e la Romania

La storia di Ana, rumena di nascita, italiana per scelta e con orgoglio

venerdì, 9 ottobre 2015

Ana Merisca, 40 anni, nata a Pascani in Romania, in Italia dal settembre 1995, sposata e con un figlio. Dopo venti anni di permanenza nel nostro paese, è finalmente riuscita a coronare il suo sogno, diventare cittadina italiana a tutti gli effetti e senza passare per la via più semplice, quella del matrimonio con un italiano.

In un momento storico in cui essere italiani sembra non costituire né un vanto né, tantomeno, un diritto e un orgoglio, ecco che lei, che italiana non è, l'altra mattina ha prestato giuramento per divenire, a tutti gli effetti, cittadina del nostro paese. Perché?

Perché era il mio sogno. Italia, significa, storia, arte e cultura. Essere italiani, comunque sia, è sempre un motivo di orgoglio.

Può raccontarci, nei dettagli, il suo viaggio della speranza dalla Romania all'Italia?

Era settembre del 1995, quando mi si è presentata l'opportunità, appunto, di realizzare il mio sogno venendo in Italia con una gita organizzata. A dire il vero il bus che trasportava una trentina di persone, me compresa, andava con il motore ad avancarica, cioè, ogni tanti chilometri bisognava scendere, tutti, e il conducente, con una manovella applicata dietro al bus, nel vano motore, girandola, caricava, non so esattamente cosa. Ciò la dice lunga sulle notevoli difficoltà di un viaggio a dir poco avventuroso. Il viaggio, è durato due notti e tre giorni. Tutto sommato, visto che so di un mio paesano che ha raggiunto l'Italia più a piedi che con i mezzi di trasporto, debbo dire che mi è andata di lusso, ma, comunque avrei affrontato difficoltà anche maggiori.

Lei è sposata con un italiano, ma per ottenere la cittadinanza ha scelto la via meno scontata ossia la procedura dei dieci anni di permanenza e tutti i requisiti necessari. Non era più semplice prendersi la cittadinanza con il matrimonio evitando formalità e percorsi più complessi?

Poiché sono abituata a raggiungere i miei obiettivi da sola, non volevo neanche per ipotesi che qualcuno potesse pensare che mi fossi sposata per avere la cittadinanza. E' stata una scelta di dignità ed orgoglio.

Molti tra coloro che lasciano il proprio paese di origine finiscono, poi, per voler tornare a casa propria. Anche lei è di questo avviso?

No, perché ormai ho realizzato la mia famiglia qui in Italia, anche se conservo dei ricordi bellissimi della mia terra.

Che cosa l'ha fatta e la fa sentire così vicina all'Italia?

Di sicuro l'accoglienza e l'affabilità degli italiani e, inoltre, i tratti latini che avvicinano i due Paesi.

Lei è giunta nel nostro paese esattamente 20 anni fa. Ci può ricordare da che cosa fuggiva e che cosa cercava?

Erano passati solo cinque anni dalla rivoluzione e in Romania c'era ancora tanta povertà. L'Italia rappresentava la svolta della mia vita.

Sia sincera: si è mai pentita di essere venuta qui?

Assolutamente no! L'Italia mi ha dato tanto e io cercherò, con l'aiuto di Dio, di ricambiarla.

Lei avrà lasciato, in Romania, affetti e ricordi. Che cosa le è mancato di più in tutti questi anni?

Sicuramente i miei genitori e, poi, l'unità delle persone del paese.

Oggi lei ha giurato fedeltà allo stato italiano ed è, a tutti gli effetti, italiana anche lei. Si sente più italiana o rumena a questo punto?

Visto che ho vissuto per metà in Romania e l'altra metà qui in Italia, sono ai pari e non mi sento di fare alcuna discriminazione, perciò diciamo un po' e un po'.

Che cosa ha provato quando le è stata consegnata, all'anagrafe di via S. Paolino, la bandiera italiana al termine del giuramento?

Per me è stato un momento storico e molto importante.

Lei si è emozionata quando il funzionario le ha detto i doveri e i diritti della Costituzione. Eppure a Livorno, non molto distante da qui, allo stadio hanno l'abitudine di fischiare l'inno nazionale. Cosa ne pensa?

Sì, lo ammetto, mi sono emozionata talmente tanto da riuscire a far emozionare un po' anche il funzionario. Cosa dire di questi persone che offendono in questo modo ciò che è stato conquistato con tanta fatica? Forse i giovani di oggi, ma anche i più grandi, che si sono trovati da subito in questo bel Paese libero e democratico e non si rendono conto che il loro bisnonno lo ha conquistato lasciandoci, spesso, la pelle; sarebbe più opportuno per loro fare di tanto in tanto un ripassino di storia.

Lei è cristiana evangelica e praticante. Quanto ha inciso la fede nel suo percorso ad oggi?

La mia fede è la mia grande forza, è la cosa più preziosa che ho, mi dà tantissima pace e serenità. Dopo che mia mamma è venuta a mancare, alcuni anni fa, ho cominciato a leggere la bibbia, dove ho trovato un sacco di versetti incoraggianti, versetti che parlano soprattutto dell'amore che Dio ha per tutti noi e che aiutano veramente a crescere nella fede. Il mio preferito è: "Nella mia angoscia ho gridato all'Eterno, ed egli mi ha risposto!"(Salmi 120:1). Vorrei concludere dicendo che l'Italia è un Paese fantastico e pieno di gente meravigliosa!

Fonte: La Gazzetta di Lucca

In quell'ora di rumeno a scuola c'è la nostra occasione di accogliere davvero

Marietta Tidei
Deputata Pd - membro bureau assemblea parlamentare Osce
Pubblicato: 07/10/2015

C'è un'accoglienza fatta di parole: tante e, forse per questo, a volte vuote. Ma l'Italia sa anche essere il Paese dell'accoglienza concreta, quella delle centinaia di volontari che salvano le vite dei migranti in mare, quella degli uomini e delle donne che si prendono cura di chi scappa da una guerra o dalla fame. I numeri forniti dall'Organizzazione internazionale per le migrazioni sono drammatici: quasi 3mila persone sono morte nel Mediterraneo dall'inizio dell'anno.

Un'ecatombe, una macabra contabilità che scuote le nostre coscienze e le interroga. Migranti: da una parte all'altra del mondo per sopravvivere. Siamo chiamati a una responsabilità precisa: non voltare lo sguardo altrove. Per farlo in modo concreto dobbiamo lavorare pancia a terra per favorire l'integrazione tra culture diverse e per incentivare il dialogo, fuori da ogni retorica e da ogni cornice dal sapore buonista. In questi giorni sta suscitando molto scalpore la decisione di due scuole elementari di Ladispoli, in provincia di Roma, in cui è stato introdotto il corso obbligatorio di ''Lingua, cultura e civiltà romena'': un'ora a settimana, un'altra facoltativa durante l'orario extrascolastico. La Lega parla di limitazione alla libertà educativa, millantando costrizioni indegne e invocando l'intervento degli ispettori.

In questo atteggiamento e in queste parole risiede l'incapacità di affrontare un tema, quello dell'immigrazione, dell'accoglienza e dell'integrazione che non può essere intriso di populismo e ideologia. La libertà educativa può solo che arricchirsi da questa esperienza, considerando anche che il 20% della comunità di Ladispoli è costituita da cittadini rumeni. I genitori erano stati informati dagli istituti scolastici dell'attivazione del corso prima dell'iscrizione, ma non è una questione di prima o di dopo: è piuttosto una questione di civiltà e di rispetto.

Di accoglienza. Gli egoismi e i preconcetti degli adulti nulla hanno a che fare con le coscienze dei minori: educare i bambini all'odio e al disprezzo equivale a gettare alle ortiche il futuro del nostro Paese. Perché pensare, erroneamente e a priori, che un ''contatto'' tra la cultura italiana e quella rumena possa costituire un errore?

È nella diversità che si sviluppa e si potenzia la coscienza di ognuno di noi, non nell'omologazione e nella difesa, forte ma poco intelligente, del proprio mondo, considerato unico e infallibile. In quell'ora di rumeno risiede la nostra occasione di accogliere davvero. È lì, in quei 60 minuti, che i bambini rumeni possono presentarsi a quelli italiani come bambini, e non etichettati, come spesso accade, in modo negativo.

È lì, in quell'ora tra i banchi di scuola, che si possono gettare le basi per un Paese multiculturale degno di questo nome. Lo stesso titolo scelto per il corso contiene due parole cruciali per la sfida che ci attende: cultura e civiltà. Non spetta alla Lega, così come a nessun altro, giudicare se la cultura e la civiltà rumena siano peggiori rispetto a quelle italiane: sarebbe una gara senza senso verso la chiusura, il rifiuto, lo sguardo basso. Il nostro dna contiene i cromosomi dell'accoglienza: attivarli è un dovere morale dal quale non possiamo prescindere. Facciamolo prima che sia troppo tardi, prima ancora che qualcuno possa dire che potevamo fare di più e invece abbiamo preferito non farlo".

Fonte: L'Huffington Post



Leggi anche:
Integrazione: a Ladispoli romeno obbligatorio in due elementari, genitori contrari
A Ladispoli si studia il romeno alle scuole elementari
Ladispoli - Corsi di romeno obbligatori: ma i romeni che ne pensano?
Ladispoli, corsi di romeno: i genitori hanno problemi che i figli nemmeno si pongono

lunedì 12 ottobre 2015

Gimnastică: Larisa Iordache și echipa României au câștigat, detașat, Cupa Novara


Sâmbătă, 10 Oct 2015

  Larisa Iordache și echipa României s-au clasat, detașat, pe primul loc în concursul de gimnastică artistică "Coppa Novara", competiție disputată sâmbătă în orașul italian, cu participarea, de asemenea, a Italiei, Belgiei și Spaniei, ca ultimă verificare înaintea Campionatului Mondial de la Glasgow (23 octombrie-1 noiembrie).

 În clasamentul individual compus, Larisa Iordache a dominat clar concursul din "Palazzetto del Terdopio", totalizând 59,750 puncte, cu 3 puncte și jumătate aproape mai bine decât a doua clasată, italianca Carlotta Ferlito — 56,300 puncte, locul 3 fiind ocupat de o altă sportivă din țara gazdă, Elisa Meneghini — 56,100 puncte.

 Abia revenită după o lungă absență, cauzată de o accidentare serioasă, românca Diana Bulimar a făcut toate cele 4 aparate, obținând un total promițător, de 55,600 puncte.

 Pe echipe, România, reprezentată, pe lângă cele două, de Anamaria Ocolișan, Laura Jurca, Silvia Zarzu și Andreea Iridon, a ocupat, de asemenea, primul loc, cu 226,500 puncte. Pe 2 s-a situat Italia — 225,150 puncte, urmată, la rândul ei, de Belgia — 218,550 puncte și Spania — 211,200 puncte.

 Fonte:AGERPRES