La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

lunedì 15 febbraio 2016

Presentazione libro_Antonio Possevino e la Transilvaniatra censura e autocensura_Otilia Stefania Damian


                    Comunicato stampa

      ACCADEMIA DI ROMANIA IN ROMA

              Mercoledì, 17 febbraio 2016
          l’Accademia di Romania in Roma
                      con il sostegno
           dell’Istituto Culturale Romeno
                             organizza
                 la presentazione del libro:

                  Antonio Possevino e la
                          Transilvania
               tra censura e autocensura,
             autore Otilia Stefania Damian
                  Ed. Accademia Romena:
            Centro di Studi Transilvani,
                     Cluj-Napoca, 2015.
L’evento sarà ospitato dalla Biblioteca dell’Accademia di Romania alle ore 18.


Saluto di apertura:

Prof. Dr. Mihai Bărbulescu - Direttore Accademia di Romania, membro corrispondente dell’Accademia Romena.

Invitati:

Prof. Dr. Cesare Alzati, storico dell’Universitatà Cattolica di Milano, specialista nella storia del cristianesimo, storia della chiesa e della vita religiosa in Italia e nell’Europa Orientale, membro d’onore dell’Accademia Romena. L’Università di Cluj gli ha conscesso il dottorato “Honoris Causa”. Per i contributi scientifici straordinari allo studio della lingua, della civiltà e della storia romena, per la loro diffusione in Italia e per la promozione dei legami tradizionali di amicizia tra le due nazioni il presidente della Romania gli ha concesso nel 2003, tramite decreto, l’Ordine nazionale ''La Stella di Romania'' in grado di “Ufficiale” .

Prof. Dr. Lorenzo Renzi noto filologo dell’Università din Padova. Ben cinque università in Romania (Cluj-Napoca, Bucarest, Iaşi, Timişoara, Oradea) gli hanno concesso il dottorato “Honoris Causa”. Per i contributi scientifici straordinari allo studio della lingua, della civiltà e della storia romena, per la loro diffusione in Italia e per la promozione dei legami tradizionali di amicizia tra le due nazioni il presidente della Romania gli ha concesso nel 2003, tramite decreto, l’Ordine nazionale “Per il Merito” in grado di “Grand’Ufficiale” .

Prof. Dr. Piotr Salwa, italianista all’Università di Varsavia, Direttore dell’Academia Polacca delle Scienze a Roma, membro corrispondente dell’Accademia Polacca delle Scienze, specialista nella novella italiana e nella ricezione degli autori italiani in Polonia.

P. Dr. Paul Oberholzer SJ, gesuita, teologo, storico, docente presso la Pontificia Università Gregoriana.

L’incontro sarà moderato dal Prof. Dr. Andreas Gottsmann, specialista in storia moderna, Direttore dell’Istitututo Storico Austriaco in Roma, ricercatore presso l’Accademia Austriaca delle Scienze.

Il libro Antonio Possevino e la Transilvania tra censura e autocensura è dedicato al gesuita italiano Antonio Possevino (1534-1611), un missionario, ma anche un diplomatico importante del suo tempo, che ha viaggiato nello spazio europeo (in Francia, Svezia, nei Paesi Baltici, Polonia, Russia, Transilvania ecc.) con scopi di evangelizzazione, frequentando ambienti politici e religiosi influenti all'epoca. Nel 1583 Antonio Possevino era arrivato in Transilvania e aveva deciso di scrivere su proposta dell'ex principe della Transilvania - nel frattempo diventato re di Polonia - Stefano Báthory, una descrizione storico-geografica della regione. Il lavoro, che Possevino voleva pubblicare, si conserva in più manoscritti, studiati con cura dall'autrice. A causa della pressione della censura (e nonostante l'autocensura che il padre gesuita si era imposto) il libro è stato stampato solo nel Novecento. L'autrice si sofferma con attenzione sulle ragioni che hanno bloccato la pubblicazione di un libro molto importante per la storia dei Paesi Rumeni e riporta in discussione la figura di un gesuita eccezionale.

Otilia Stefania Damian è nata nel 1978. Si è laureata e specializzata in lingua e letteratura italiana e francese all’Università “Babes-Bolyai” di Cluj-Napoca e all’Università di Würzburg. Tra 2007-2010 è stata allieva del corso di perfezionamento in discipline filologiche e linguistiche moderne alla Scuola Normale Superiore di Pisa. È stata borsista CNR Nato all’Università "La Sapienza” di Roma e borsista "Vasile Pârvan” all’Accademia di Romania in Roma. Nel 2008 ha conseguito il dottorato di ricerca in filologia italiana presso l’Università "Babes-Bolyai" Cluj-Napoca. Si è occupata dei rapporti culturali italo-romeni, di filologia italiana e di letteratura italiana moderna e contemporanea, pubblicando vari articoli in riviste scientifiche rumene e italiane. Dal 2001 è ricercatore presso il Dipartimento di Lingue e Letterature Romanze, Facoltà di Lettere,Università "Babes-Bolyai" Cluj-Napoca. È sposata e ha due figli.                                                                                                         

Nessun commento:

Posta un commento