La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

mercoledì 6 aprile 2016

La corsa “Oderzo Città Archeologica” avrà una testimonial d'eccezione: Gabriela Szabo


Sport / Oderzo / Piazza Grande

Considerata una delle più grandi atlete al mondo, Szabo parteciperà ad incontri con dirigenti sportivi e con i rappresentanti della folta comunità romena dell'Opitergino

29 marzo 2016

ODERZO La 21^ edizione della corsa “Oderzo Città Archeologica”, del 1° maggio, avrà una testimonial d’eccezione: la romena Gabriela Szabo, dominatrice sulla scena del mezzofondo mondiale per un decennio, a partire dalla metà degli anni ’90. La Szabo sarà a Oderzo nel fine settimana della gara. Parteciperà ad incontri con dirigenti sportivi e con i rappresentanti della folta comunità romena dell’Opitergino. Insieme a lei, per prendere parte alla gara, arriveranno a Oderzo anche alcuni atleti di punta della Nazionale romena.

Gabriela Szabo è stata una grande specialista di 1500, 3000 e 5000 metri. Nel suo palmarés figurano tre medaglie olimpiche, sette titoli mondiali e due ori agli Europei indoor. Apice della carriera, nel 2000 all’Olimpiade di Sydney, dove l’esile atleta romena dal passo frenetico vinse l’oro nei 5000 e il bronzo nei 1500.

Gabriela Szabo, oggi quarantenne, si è ritirata dalle competizioni nel 2005, intraprendendo una carriera politica e dirigenziale che l’ha portata a diventare Ministro della Gioventù e dello Sport, membro del Women’s Committee della Iaaf, consigliere della Federazione europea e vicepresidente della Federazione romena.

Gabriela Szabo
Il 1° maggio, in piazza Grande a Oderzo, sarà una domenica all’insegna corsa. Aprirà la giornata, la Gladiatorum Race, gara sulla distanza di 11,097 km con gli atleti vestiti da antichi romani, che tanta curiosità ha suscitato, al debutto, l’anno scorso. Nel pomeriggio, dopo le gare del Grand Prix Giovani e la classica passerella dei diversamente abili impegnati nel 20° Trofeo Mobilificio Vittoria, spazio alle due prove internazionali che richiameranno al via i migliori azzurri e diversi campioni stranieri. Con Gabriela Szabo ad applaudire.

Fonte: Treviso Today

Nessun commento:

Posta un commento