La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

domenica 23 ottobre 2016

Ulss 10, all'ospedale di Jesolo il primo soggiorno terapeutico riabilitativo

Cronaca / Jesolo

Un paziente romeno di 51 anni ha scelto la struttura fornte mare per recuperare, a proprie spese, i postumi di un infarto. Bramezza: "La vocazione riabilitativa porterà soddisfazioni"

06 ottobre 2016

È il primo esempio tangibile di turismo sanitario con destinazione ospedale di Jesolo, oggi un moderno polo riabilitativo specialistico. Nei giorni scorsi un imprenditore romeno di 51 anni, colpito da un infarto, ha scelto la struttura fronte mare dell’Ulss 10 per recuperare i postumi dell’accaduto, interamente a proprie spese, usufruendo di una stanza con vista mare e del contesto naturalistico in cui è immersa questa struttura, tra una rigogliosa pineta e l’arenile che include la nota Spiaggia di Nemo.

"La riabilitazione a cui è stato sottoposto questo ospite è stata una rivalutazione della terapia in fase acuta - spiega il direttore della cardiologia riabilitativa, dottor Loredano Milani - Pertanto ha svolto un’attività fisica controllata e monitorata, unita a un’educazione sanitaria completa: dal controllo autonomo dei parametri alla corretta alimentazione, elementi fondamentali dopo il rientro a casa, dove sta riprendendo pian piano la vita quotidiana>".

Rientrato a casa, l’ex paziente ha impugnato carta e penna e inviato una lettera di ringraziamenti alla direzione generale dell’Ulss 10 per il trattamento avuto nei sette giorni di permanenza. "Quale medico che tratta anche pazienti provenienti dall’estero - scrive l’utente - conosco le difficoltà organizzative e logistiche connesse alle prestazioni sanitarie erogate a pazienti stranieri, a tal proposito ringrazio lo staff amministrativo dell’ospedale di Jesolo e dell’Ulss 10, che con professionalità e prontezza hanno saputo organizzare la mia trasferta in sole 24 ore dalla richiesta".

Oltre ai ringraziamenti al dottor Milani e al suo staff, il medico romeno ha spiegato anche il motivo della propria scelta. "Grazie al supporto fornito nella città di Timisoara, ho scelto l’ospedale di Jesolo rispetto ad altre strutture sanitarie dell’Austria e dell’Ungheria per i servizi offerti e per la sua posizione strategica - continua l’ex paziente - Il trattamento alberghiero è stato ottimo, sentendomi quasi l’ospite di un hotel piuttosto che di un ospedale. Sono quindi contento e soddisfatto della mia scelta e considero l’ospedale di Jesolo un centro riabilitativo qualificato e di riferimento europeo per pazienti stranieri che necessitano di prestazioni riabilitative qualificate".

"Queste considerazioni gratificano il grande lavoro svolto nell’ospedale di Jesolo e confermano, come d’altronde sostengo da tempo, che la vocazione riabilitativa sta portando e porterà grandi soddisfazioni, sia al personale che vi lavora e sia alla città di Jesolo - commenta il direttore generale Carlo Bramezza - Questo polo riabilitativo, su cui c’è ancora molto da lavorare, aprirà infatti a nuovi e interessanti scenari di turismo sanitario, inclusivo, in piena sintonia con la direttiva europea sul Cross Border Care per la libera circolazione dei pazienti in Europa, e in piena sintonia con le scelte che la Regione ha riservato per questa meravigliosa struttura fronte mare. Il mio ringraziamento all’utente per quanto scritto, e a tutto il personale che ha contribuito nel trasformare l’ospedale di Jesolo in un moderno polo riabilitativo specialistico".

Fonte: VeneziaToday

Nessun commento:

Posta un commento