La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

mercoledì 20 settembre 2017

Reuniunea anuală a profesorilor din cadrul proiectului de Limbă, Cultură și Civilizație Română

 La 14 septembrie, sub patronajul Ambasadei, a avut loc, la sediul Accademia di Romania a Roma, reuniunea anuală a profesorilor de limba română din Italia, colaboratori ai Institutului Limbii Române (ILR) în cadrul proiectului de predare a cursului de Limbă, Cultură și Civilizație Română (LCCR) în unitățile de învățământ din Peninsulă. La întâlnire au participat directorul ILR, Corina Cherteș, consilierul ILR și responsabil al proiectului în Italia, Eugenia Caraiman, profesori de limba română din cele 16 regiuni italiene incluse în proiect, precum și reprezentanții misiunii diplomatice a României la Roma.

Reuniunea a oferit prilejul unui bilanț al activității anului școlar 2016-2017, precum și a propunerilor de activități și evenimente pentru anul școlar care urmează să înceapă. Au fost de asemenea prezentate trei noi cadre didactice participante la proiect, admise în urma concursului organizat de ILR în luna septembrie, acesta fiind și un semn al dezvoltării unui format prin care limba și cultura română prinde rădăcini tot mai puternice în sistemul de învățământ din Italia.

Le dorim profesorilor și elevilor români din Italia mult succes în noul an școlar, în care Ambasada va fi, ca și în anii anteriori, alături de ei. Cursul de Limbă, Cultură și Civilizație Românească este unul din proiectele prin care statul român urmărește păstrarea identității lingvistice și culturale a elevilor originari din România, precum și dinamizarea dialogului și a proiectelor de interes european între instituțiile de învățământ din România și Italia.

Fonte:Ambasada Romaniei in Republica Italiana

Violeta Bîrlă, regizor la Roma: ”Ajutați tinerii, enorm de mulţi hotărăsc să emigreze şi renunţă la visele lor”


Violeta Bîrlă, 34 de ani, în prezent trăiește la Roma, a scris o carte despre viața ei, e actriță și are deja o carieră de regizor. Talentul ei a fost apreciat și au început să apară și premiile. A fost premiată atât în străinătate, cât și în țară. În prezent are în proiect realizarea unui film despre românii din străinătate, în a cărui casting figurează marea actriță română Maia Morgenstern.

Violeta a ajuns la Roma în urmă cu 14 ani, s-a înscris la cursurile de actorie de la Accademia del Cinema, pe care a absolvit-o într-o grupă de 22 de studenți aleși din 1600 de candidați. A mai făcut cursuri de actorie la “Clesis Arte – La scuola din Carlo Merlo” și “Accademia della Comunicazione e dello Spettacolo di Stefano Jurgens”. A interpretat roluri principale în piese de Moliere, Shakespeare iar în ultimii ani a lucrat la mai multe proiecte de regie.

În urmă cu doi ani a terminat cel de-al treilea film, intitulat “La Perla “. Este un film care tratează o temă socială, povestea unei familii numeroase, în care cinci copii sunt lăsaţi în voia sorţii, având doar o mamă care nu are grija lor. ”Povestea nu este o ficţiune, scenariul, din păcate, este inspirat dintr-un caz real. Spectatorii vor vedea un film emoţionant, un film pe care eu l-am dedicat tuturor copiilor mai puţin norocoşi. ” ne-a declarat Violetă Bîrlă.

În anul 2013 a fost premiată și în România, de către regizorul Cornel Diaconu, președintele asociației “ProFamilia”, la Festivalul internațional al Filmului Ecologist care a avut loc la Băile Felix, unde a ajuns cu sprijinul Asociației Românilor din Italia. “Mă așteptam la toate dar mai puțin că voi fi premiată și în România. Un alt vis care mi s-a îndeplinit.”

”Ce ar schimba în România, Violeta Bîrlă, și în ce condiții s-ar întoarce”, am întrebat-o pe talentata româncă.

”Foarte des m-am gândit la ceea ce mi-aş dori să se schimbe în România cA eu să fiu motivată să revin acasă. Mi-aş dori foarte mult cA Statul Român să creadă mai mult în generaţia de astăzi. Avem tineri plini de talent, tineri artişti care merită să fie încurajaţi, dar din păcate văd că asta încă nu se întâmplă. De aceea, din păcate, enorm de mulţi hotărăsc să emigreze şi tot în acelaşi timp renunţă la visele lor. De curând am fost contactată de o tânăra de doar 26 de ani, care visa foarte mult să între în lumea cinematografiei dar, nefiind încurajată de nimeni a renunţat la visul ei şi astăzi lucrează în Italia, într-un bar. Ce pot spune altceva decât că o respect pentru ceea ce face dar, în acelaşi timp, simt acelaşi sentiment pe care l-am trăit şi eu în România în urmă cu 14 ani. Pentru mine personal tinerii sunt viitorul nostru, ei au nevoie de noi şi în primul rând de o politică care să-i sprijine, să-i motiveze, să-i valorize, doar aşa putem să îmbogăţim ţara noastră fără să pierdem în fiecare zi oameni valoroşi de care se pot bucură străiniI sau, mai trist, nimeni…pentru că ajung să muncească din greu în agricultură, pe şantiere sau uneori pică pe panta infracţionalităţii…”, a răspuns ea.

Sursa:Diaspora Azi

Asociația Românilor din Italia: «Delegații la Congres aleși NUMAI PRIN VOT, simultan cu Referendumul din toamnă»

Comunicat de presa

Roma, 20 septembrie 2017 - Asociația Românilor din Italia solicită Parlamentului României și Guvernului să adopte singura metodă valabilă pentru desemnarea delegaților la Congresul Diasporei: VOTUL DEMOCRATIC, organizat în același timp și în aceleași locații cu scrutinul pentru Referendumul anunțat din toamnă.

"Considerăm că metodologia propusă pentru organizarea în acest an a Congresului Românilor de Pretutindeni introduce criterii subiective de desemnare a delegaților. Au fost eliminate semnăturile de susținere din comunitate, introducându-se recomandări și autoevaluări pentru care va acorda puncte o comisie formată din reprezentanți ai tuturor partidelor parlamentare. Această comisie va fi un focar de ceartă infinită, iar delegații la Congres vor fi aleși după criterii politice și după bunul plac al unor partide. ARI protestează contra acestei metodologii dezastruoase, aprobată în Comisia pentru românii din afara granițelor de la Camera Deputaților și cere Comisiei românilor de pretutindeni din Senat SĂ NU VOTEZE această metodologie.

ARI solicită aplicarea singurei metode necontroversate de desemnare a reprezentanților diasporei în Congres, și anume VOTUL DEMOCRATIC. Având în vedere că în această toamnă va fi organizat un Referendum, pe tema familiei, este oportun ca în aceeași zi și în aceleași secții de vot din străinătate să fie organizat și un scrutin pentru Congresul Românilor de Pretutindeni.

Eugen Terteleac, preşedintele Asociaţiei Românilor din Italia (ARI), a fost delegat în primul Congres al Românilor de Pretutindeni, convocat în 2016. ”Am fost delegat la prima ediție a Congresului. Nefiind un for ales, nu a avut legitimitatea necesară. În Diaspora trăiește un sfert din populația României, care merită să-și aleagă reprezentanții. Milioane de români sunt reprezentați numai de 6 parlamentari, cu totul insuficient. Congresul Românilor de Pretutindeni poate suplini această lipsă. Dar Congresul trebuie să fie ales prin vot democratic, pentru a avea legitimitate. În schimb constat că partidele reprezentate în Parlament SE TEM de un Congres legitim, care să le facă concurență și au adoptat metoda numirii, pe criterii subiective, pentru a controla componența acestui for.
Participanţii la Congres trebuie aleşi NUMAI PRIN VOT. Un Congres nevotat și deci nerecunoscut de românii din diaspora este inutil.

Norma de reprezentare să fie un Congresman la fiecare 100.000 de rezidenți români. La alegerile pentru Congres îşi pot depune candidaturile români rezidenţi în diaspora care prezintă cel puţin 500 de semnături de susţinere din comunitate. Norma de reprezentare să fie de 1 congresman la 100.000 de români rezidenţi.
Trebuie schimbat modul de delegare la Congres, nu prin semnături, nu prin recomandări, ci prin alegeri.
Nu vă temeți de Congresul legitim al Românilor de Pretutindeni!”, a declarat președintele ARI.

„Persecuţie şi rezistenţă. Vasile Cesereanu, un preot greco-catolic în dosarele de urmărire de către Securitate”. Conferinţe de Ruxandra Cesereanu şi Domiţian Cesereanu

Comunicat de presă

Joi, 21 septembrie 2017, începând cu orele 18.00, în Sala Marian Papahagi a Institutului Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia (Palazzo Correr, Campo Santa Fosca, Cannaregio 2214, 30121 Venezia), prof. Ruxandra Cesereanu şi criticul şi istoricul literar Domiţian Cesereanu vor vorbi în cadrul unei duble conferinţe despre persecuţiile la care a fost supus preotul greco-catolic Vasile Cesereanu în perioada comunistă, cu ocazia publicării noului volum: „Persecuţie şi rezistenţă. Vasile Cesereanu un preot greco-catolic în Dosarele de urmărire de către Securitate” (Ed. Şcoala Ardeleană, Cluj-Napoca, 2016).

Ruxandra Cesereanu (n. 1963) este poetă, scriitoare, eseistă, jurnalistă, critic şi istoric literar şi cinematografic. Este fiica lui Domiţian Cesereanu, critic si istoric literar şi nepoata preotului greco-catolic Vasile Cesereanu. În prezent este profesoară universitară de Literatură Comparată la Universitatea “Babeş–Bolyai” din Cluj-Napoca. Face parte din echipa «Phantasma» – Centrul de Cercetare a Imaginarului, în cadrul căruia susţine ateliere de scenariu de film si de scriere creativă de poezie şi proză. A scris numeroase volume de poezie, proză şi numeroase articole şi studii rezultate în urma cercetărilor universului concentraţionar din România. A îngrijit volumul „Persecuţie şi rezistenţă. Vasile Cesereanu un preot greco-catolic în dosarele de urmărire de către Securitate” şi semnează atât cuvântul înainte al acestuia, cât şi nota asupra ediţiei.

DomiţianCesereanu (n. 1935) este critic, istoric literar şi poet. Este fiul preotului Vasile Cesereanu. În anul 1958 a absovit Facultatea de Filologie, secţia română-franceză, la Universitatea din Bucureşti. Din 1959, a fost redactor şi redactor şef al revistei „Tribuna”. După debutul din 1958 a publicat mai multe volume de critică, istorie literară şi poezie, printre care: „Arghezi şi folclorul”, eseu, 1962; „Permanenţe ale criticii”, 1968; „Ipostaze. Portrete critice”, 1972; „Celălalt”, versuri, 1982. A contribuit, de asemenea, la volumele colective: „Folclor din Ţara Zarandului”, studiu etnografic, coord. Ioan Şerb, 1962; „Omagiu Brâncuşi 100”, 1976; „Almanahul Tribuna”, 1976–1983; „Pagini transilvane”, 1993; „Poeţi clujeni contemporani”, 1997. Este membru al Uniunii Scriitorilor din România, Filiala Cluj-Napoca.

Preotul greco-catolicVasile Cesereanu (1899–1984) este subiectul principal al volumului ce prilejuieşte cele două conferinţe, volum care conţine dosarele sale de urmărire de către Securitate. A absolvit Academia de Teologie de la Gherla în 1925, iar în 1926 a fost hirotonit preot de către viitorul cardinal Iuliu Hossu. În 1937 a mers în pelerinaj la Roma. A fost preot greco-catolic în parohia Copru vreme de 21 de ani, până în 1947, când s-a pensionat pe motiv de boală. După desființarea de către regimul comunist a Bisericii Greco-Catolice, în 1948, s-a implicat personal într-o pledoarie tenace pentru repunerea în drepturi a acestui cult, desfăşurând activităţi clandestine. Vasile Cesereanu a suferit șase condamnări, fiind încarcerat în închisorile Gherla, Cluj, Aiud, Jilava, cu intermitențe, din 1952 până în 1964. În total, perioada sa de închisoare însumează aproape șase ani. În vara lui 1978 a plecat la Roma unde s-a stabilit definitiv și unde a slujit, ca monah bazilitan, la o mănăstire de maici.

Intrarea este liberă.

Vă rugăm confirmaţi prezenţa:istiorga@tin.itsau tel. 041/5242309

Organizator:Institutul Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia

Tel. +39 0415242309
E-mail: istiorga@tin.it

domenica 17 settembre 2017

Concerto dedicato alla giornata delle lingue europee - La musica e il suo linguaggio

Accademia di Romania in Roma

La musica e il suo linguaggio
Concerto dedicato alla giornata delle lingue europee e al consolidamento dell’amicizia tra Italia e Romania in ambito musicale

Con la partecipazione di: Asociazione Culturale “Musica e Canto” Carrara – Italia,
Carmen Vasile e Toni Suler – Romania, Yohanna Grace – Francia, Michelangelo Ferri - Italia
Sala Concerti dell’Accademia di Romania in Roma
Sabato, 23 settembre 2017, ore 18.00

In occasione della giornata delle lingue europee, l’Accademia di Romania presenta a Roma il concerto La musica e il suo linguaggio, un progetto dell’Associazione culturale «Musica e canto» e della Casa di Cultura dei Sindacati di Oradea. L’iniziativa gode del sostegno dell’Istituto Culturale Romeno e dell’Ambasciata Romena in Italia. Gli organizzatori si propongono di celebrare con la musica e il suo linguaggio universale questa festa europea. I brani scelti sono in più lingue europee: italiano, romeno, inglese, francese, tedesco. Il programma include componimenti di: C. Porumbescu, G. Enescu, C. Gounod, R. Wagner, M.P. Musorgskij P. Mascagni, G. Faure, G. Donizetti, J. Offenbach, E. de Curtis, E. Morricone, S. Mucedola e Y. Grace. La giornata delle lingue europee, istituita nel 2001, celebra la diversità linguistica, il multilinguismo, l’apprendimento delle lingue straniere a qualsiasi età. La festa si prefigge di attirare l’attenzione del pubblico sull’importanza della conoscenza delle lingue straniere e sensibilizzarlo riguardo l’esistenza e il valore di tutte le lingue parlate in Europa. In Europa si parlano 24 lingue ufficiali, a cui si aggiungono oltre 60 comunità autoctone che parlano lingue regionali o minoritarie.

L’Associazione culturale «Musica e canto» ha sede a Carrara, dove opera nel campo della cultura musicale. Si propone di stimolare la formazione dei giovani nell’arte della musica, quella di ensamble musicali e di diffondere la musica a fini culturali, ricreativi e terapeutici. L’associazione ha riunito attorno a sé un gruppo musicale (piano, violini, violoncello, chitarra classica e altro sassofono, soprano, arpa, trombette e solisti vocali). Complessivamente sono 15 elementi, principalmente giovani uomini e ragazzi provenienti da vari conservatori dell’Italia, diretti dalla coordinatrice Hoka Anna Maria Leonardi. Il gruppo ha partecipato a alcune turnée in Italia, Ungheria e Romania. Nel 2017 il gruppo si esibirà anche a Parigi, e nel 2018 in Germania, Repubblica Ceca e Confederazione Svizzera.

Musicista, cantautrice che impressiona per la sensibilità della voce, Yohanna Grace è un’artista molto originale, che ama giocare con i suoni e la voce, alla ricerca di un’armonia che risveglia e trasmette emozioni elevate. Agli antipodi delle logiche specifiche dell’entertainment, l’artista vi invita a vivere un’esperienza musicale poco comune, in cui lo spettatore è provocato a diventare co-creatore, liberando i freni della propria immaginazione. Nel album Grace (“Grazia”), Yohanna Grace affronta le varie facce della femminilità, dalla “Saggezza della Terra” all’Infinità del cielo, passando per la condizione femminile contemporanea. Ha sostenuto vari concerti in Francia, Italia, Romania, Stati Uniti e in Canada. Per scoprirla nel proprio universo, si rinvia alla sua pagina internet www.yohannagrace.com e al conto Facebook: Yohanna Grace.

Carmen Vasile è cantante, regista e professoressa; Si è laureata presso il conservatorio "Gh. Dima " Cluj-Napoca nel 1995, dove si è anche specializzata l’anno seguente con il Prof. Dr. Eduard Terényi. Ha insegnato corsi di opera, movimento e teatro all’Università di Oradea, dal 1995. Interpreta in particolare musica contemporanea, come il monodramma, genere creato da Eduard Terényi con i Nomad Songs, Hortus deliciarum, Amor Sanctus, Fiori giapponesi, Kalevala, Noul Adam, La Divina Commedia, Les fêtes d'Ulysse. Il piccolo principe, Mahabharata, Mephisto Faust. È anche regista ed ha anche interpretato vari ruoli musicali, tra cui Dido e Aeneas di Purcell, Die Kluge de Orff, L'infedelita delusa de Haydn, Le nozze di Figaro, Don Giovanni de Mozart, L'Orfeo di Monteverdi, La voix humaine di Poulenc.

Michelangelo Ferri è il vincitore del Concorso Nazionale di Canto di Parma e Fonte dei Marmi.

l coraggio di Giorgia, liceale modello Vive senza genitori ma nessuno lo sa

 Iscritta al liceo linguistico Lucrezio Caro si è fatta notare durante uno stage di alternanza scuola-lavoro alla Luiss. Colleziona sette e otto, parla 5 lingue, anche se vive sola col fratello: la mamma è tornata in Romania per lavoro, il papà è morto tre anni fa .
Allegra, solare, energica, attiva, studiosa e volenterosa. Giorgia Enache, studentessa diciassettenne di Roma, appare subito così: bella fuori e bella dentro. Quando è arrivata alla Luiss per una settimana di alternanza scuola-lavoro, spedita dal prestigioso liceo linguistico Lucrezio Caro, hanno pensato subito tutti che fosse una delle tante ragazze fortunate, solide e di buona famiglia, a cui la vita sorrideva, e che avrebbe avuto grandi chance per il futuro. Giorgia in effetti un futuro brillante se lo immagina.

 «Voglio fare l’avvocato, ho una vera passione per la legge», racconta e sicuramente riuscirà a raggiungere ottimi risultati. Ma il suo passato e il suo presente, nascosto energicamente a tutti, l’hanno messa a dura prova. «Io vivo con mio fratello, che ha 25 anni e lavora tutto il giorno — si è confidata un giorno mentre scriveva una newsletter per l’ufficio stampa della Luiss —. Preparo da mangiare per entrambi, rassetto casa, bado a tutto io. Mamma è in Romania, per lavoro, e papà è morto tre anni fa».
Le giornate tutte uguali Lo dice con tono lieve, eppure deciso, come se quelle parole non ammettessero retorica, zittendo immediatamente chiunque possa anche solo lontanamente pensare di compatirla. Giorgia è figlia di due romeni, che in Italia hanno trovato lavoro e un’opportunità per tirare su i tre figli: la sorella più grande di Giorgia, che ha 28 anni, è sposata, il fratello che vive con lei lavora, e lei studia, inanellando tutti sette e otto, in attesa di frequentare il quarto anno e poi puntando alla facoltà di Giurisprudenza.

 «Parlo italiano, romeno, francese, inglese e spagnolo — spiega —. E mi piace studiare, penso che papà sarebbe orgoglioso di me». Il papà, che lavorava nel settore edile, è stato ucciso da un tumore allo stomaco, e da allora «la mia famiglia è andata in frantumi», ammette Giorgia senza una sola incrinatura nella voce. Per lei dopo quel giorno la vita è cambiata moltissimo: la mamma costretta a tornare in Romania per guadagnare di più e mantenere tutti, il viaggio tutti i giorni da Capena al centro di Roma per frequentare la scuola, la vita quotidiana solitaria fatta di pasti frugali, libri, pulizie per mantenere almeno in apparenza un ordine in quella casa vuota ma di cui riescono ancora a pagare l’affitto senza saltare un mese.

Tanti giorni uguali, uno dopo l’altro, senza confidarsi con nessuno, senza uno sfogo, senza una piega, un cedimento: «Sono molto riservata — spiega —. È stato abbastanza difficile cavarsela, mi sono sentita fragile. Ma bisognava andare avanti, cosa potevo fare?». E senza ripensamenti: «No, in Romania non ci andrei, per me è un luogo di vacanze, non la mia patria. E lo stage mi ha dato un po’ di sicurezza: ho aiutato l’organizzazione di un evento sulla moda, scritto articoli, ho conosciuto Calenda... La mia vita è qui, voglio confrontarmi con questo mondo. So che mamma e papà saranno felici e orgogliosi di me. E forse anche i miei compagni di scuola: non hanno mai saputo niente della mia storia, adesso forse capiranno». (Valentina Sartarpia)

Fonte:Corriere della Sera

giovedì 14 settembre 2017

Norman Manea, scrittore dell'esilio

13 settembre 2017

Ebreo, scettico, spesso in tensione con l’establishment politico: il grande autore romeno è in tour in Italia con il libro/intervista Corriere dell’Est.

ANTONIO BUOZZI

Nel panorama frastagliato della diaspora ebraica e dei suoi rapporti tragici con il potere, la figura di Norman Manea, scrittore romeno in volontario esilio negli Stati Uniti dal 1988, ha una sua peculiarità: quella di aver attraversato, sopravvivendo ma portandone profonde cicatrici, i due grandi totalitarismi del Novecento, quello nazista e quella comunista. E la sua opera, una quindicina di romanzi, oltre a saggi storici e letterari, porta il segno di un ebraismo rovesciato, un’appartenenza quasi imposta dai suoi detrattori antisemiti piuttosto che vissuta in profondità, come propria identità etnica o religiosa.
Manea è uno scettico, nella linea di Ciorano Ionesco, un rappresentante di quello straniamento esistenziale maturato nei pogrom e nell’esilio. Fascismo, comunismo, esilio sono in filigrana i temi e le ossessioni di tutta la sua opera, fino al libro-intervistaCorriere dell’Est, curato da Edward Kanterian, filosofo e autore di studi importanti sul totalitarismo, ora pubblicata in Italia dal Saggiatore nella traduzione diAnita Bernacchia.

DALLA ROMANIA A NEW YORK. Nato nel 1936 in una famiglia ebrea a Burdujeni, borgo satellite di Suceava, nel nord-est della Romania, in un territorio fino al 1917 di confine con la Bucovina dell’impero austro-ungarico, Manea conobbe a cinque anni, insieme alla famiglia, la deportazione, decisa dal regime fascista del generaleAntonescu, in un campo di concentramento nella vicina Transnistria.
Rientrato in Romania, vive il drammatico cambio di regime che porta nel 1947 alla costituzione della Repubblica Popolare di Romania.
Ingegnere idrotecnico, solo nel 1974 si dedica interamente alla scrittura pubblicando dieci volumi fino all’abbandono della patria nel 1986 e due anni dopo all’arrivo al Nuovo Mondo o alParadiso, come definisce ironicamente gli Stati Uniti. Si stabilisce nello stato di New York dove ottiene la cattedra di Studi e letteratura Europea al Bard College.

SCRITTORE DELL'ESILIO. Poco conosciuto in Italia, dove una limitata notorietà si deve allo studioso torinese Marco Cugno, oggi scomparso, che ha tradotto tutte le sue opere più importanti, Manea è unanimamente considerato uno dei maggiori scrittori romeni del secondo Novecento, anche se assegnato, suo malgrado, alla categoria degli “scrittori dell’esilio”, su cui sono fiorite polemiche e incomprensioni negli anni Novanta, come ricorda Roberto Merlo, professore di letteratura romena all’Università di Torino e allievo di Cugno, in una disputa sterile tra gli scrittori emigrati dalla Romania e quelli rimasti in patria.

MANEA E IL POTERE. In tensione permanente anche con l’establishment politico, prima della caduta del regime e nel decennio successivo, Manea non è mai stato un dissidente alla Solženicyn, ma certamente uno spirito critico, capace di censurare pubblicamente un monumento della cultura novecentesca romena comeMircea Eliade per contiguità al fascismo della Guardia di ferro, il movimento ultranazionalista di Corneliu Codreanusviluppatosi in Romania nel periodo interbellico. «Né comunista, né dissidente… non è questa forse arroganza?» scrive autoironicamente nel suo libro più conosciuto, Il ritorno dell’huligano, una sorta di autobiografia letteraria pubblicata nel 2003 che è anche la parabola infelice del suo destino di ebreo.
In realtà, anche l’esilio è stato per Maneaun azzardo infelice, consapevole di dover rinunciare, almeno in parte, al bene più prezioso per uno scrittore, la lingua natia. Di se stesso scrive in terza persona, nell’opera citata: «sarebbe rimasto un marmocchio che doveva imparare, nella vecchiaia, l’alfabeto dei sordomuti, senilmente costretto a balbettamenti infantili, pieni di gratitudine».

LA TOURNÉE ITALIANA. Grazie all’attività di promozione dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia,Manea si intratterrà in questi giorni con il pubblico italiano in un tour di presentazione di Corriere dell’Est , di cui Lettera43.it è mediapartner, che toccherà alcune città italiane: oggi a Venezia e domani a Padova in dialogo con Claudio Magris, poi a Torino il 17 settembre con Andrea Bajani, per chiudere a Milano il 19 settembre.

Fonte: Lettera 43

mercoledì 13 settembre 2017

„Materii fluide” – expoziție de sculptură de Nikolaus Otto-Kruch la Institutul Român de Cultură și Cercetare Umanistică de la Veneția

Comunicat de presa

Luni, 18 septembrie 2017, începând cu orele 18.00, în Mica Galerie a Institutului Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia va avea loc vernisajul expoziției de sculptură semnată de Nikolaus Otto–Kruch intitulată „Materii Fluide”. Cu ocazia vernisajului va fi dezvelită și o nouă efigie din bronz dedicată fondatorului instituției române de la Veneția, Nicolae Iorga, donată de artist.

„Veneția reprezintă pentru Nikolaus Otto–Kruch un important punct de reper în activitatea sa, nu doar în ceea ce privește relația artistică cu orașul lagunar, dar și un loc aparte care invită la reîntoarcere, la profunzime, la regăsirea propriului eu, care insuflă frumusețe (de orice tip) privitorului.

Expoziția ilustrului artist la Institutul Român de Cultură și Cercetare Umanistică de la Veneția se prefigurează a fi una de mare impact, căci, în cei peste 30 de ani de activitate, desăvârșirea formelor – sculptate într-un contrast al normalului – a devenit o certitudine, în vreme ce sensibilitatea artistului a rămas mereu o constantă.

În lucrările maestrului Otto–Kruch, materialitatea, greutatea și duritatea bronzului fuzionează până la atingerea unei forme pseudo-lichide, generată de retopirea materialului deja topit o dată. Este vorba despre o contopire a formei cu spațiul pentru a modela ‘obiecte’ pentru eternitate, câteodată sensibile și fine, alte ori grotești și brute, reprezentări zoomorfe sau ale frumuseții umane, dar toate subliniind mișcarea, sentimentul, contemplarea, imortalitatea”. (Cristian A. Damian)

Nikolaus–Otto Kruch s-a născut la 21 decembrie 1954 în Cluj-Napoca, România. Absolvent al Academiei de Arte Plastice “Ion Andreescu” din Cluj-Napoca (1978), secția sculptură, a avut profesori pe Maria Magdalena Nemeș la artă decorativă și a studiat sculptura cu Egon Marc Löwit și Mircea Spătaru.

Monetăria Statului Român a emis prima emisiune de medalii cu portretul lui Nicolae Iorga pe avers și Palazzo Correr–Veredin pe revers, comandate de Ministerul Afacerilor Externe al României, concepute și modelate de artist. Va modela medaliile comemorative și omagiale pentru biserica ortodoxă din Viena, precum și numeroase medalii cu chipuri ale marilor personalități din istoria României. Execută bustul poetului Octavian Goga în Marghita-Bihor, reliefuri comemorative cu portretele lui Ady Endre și Aurel Lazăr în Oradea, a Dr. M. Pop la Marghita și a lui Gheorghe I. Brătianu la Cluj-Napoca. În 1996 se repatriază împreună cu familia în Germania, unde va locui în orașul Brandenburg de pe Havel. Aici și-a continuat activitatea didactică și artistică.

Este membru al Uniunii artiștilor vizuali din Eislingen/Fils și Schwäbisch Gmünd. Expune cu regularitate în această perioadă și participă la târgurile internaționale de artă de la Innsbruck în 2002 și Schwäbisch Gmünd 2014. Expune în castelul din Gaildorf–Germania în anul 2010 peste 100 de lucrări reprezentând o amplă retrospectivă a creației sale în bronz.

Operele sale se află în colecții private, în muzee din România, Ungaria, Italia și Germania.

Lucrările de artă monumentală se regăsesc în Aleșd, este vorba despre Monumentul răscoalei din 1904. În anul 2006 a executat, cu ocazia campionatului mondial de fotbal din Germania, instalația în bronz GLOBAL FEET pentru Daimler Stadion din Stuttgart. Activitățile sale se desfășoară pe planurile design-ului ambiental, al sculpturii și graficii de șevalet și a celei publicitare. Consiliază și ajută la punerea în spațiu și în material definitiv a operelor realizate de artiști din spațiul european.

Expoziția va putea fi vizitată în Mica Galerie a IRCCU Veneția (Cannaregio 2212 – 30121 Veneția) până pe data de 12 octombrie 2017, de marți până duminică, în intervalul orar 15.00-19.00.

Intrarea este liberă.

Turneul Norman Manea în Italia Norman Manea şi Andrea Bajani la Torino 16 septembrie 2017/Tournée Norman Manea in Italia Norman Manea e Andrea Bajani a Torino 16 settembre 2017

Comunicat de presa

Turneul în Italia al scriitorului şi eseistului român din exil, Norman Manea, continuă la Torino, în data de 16 septembrie, ora 18.00, la Il Circolo dei Lettori (Via Giambattista Bogino, nr. 9) cu dialogul dintre Norman Manea şi scriitorul italian Andrea Bajani, la care vor participa Edward Kanterian, Senior Lecturer la Universitatea din Kent şi coautorul volumului Curierul de Est. Dialog cu Edward Kanterian şi traducătoarea Anita Bernacchia. Evenimentul este organizat de Institutul Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia, editura Il Saggiatore şi Il Circolo dei Lettori din Torino, în colaborare cu Salonul Internaţional de Carte de la Torino, Librăria Luxemburg din Torino şi Universitatea din Torino. Dialogul va porni de la prezentarea cărţii “Curierul de Est”, recent tradusă în limba italiană de Anita Bernacchia, opera constând într-o serie de dialoguri între Norman Manea şi Edward Kanterian pe teme precum antisemitismul, Germania nazistă, Gulagul şi Holocaustul, condiţia intelectualului est-european după căderea regimurilor totalitare, atacul de la 11 septembrie, violenţele din Irak şi Afganistan, cultura pop din America, cultura umanistică confrontată cu dezvoltarea tehnologiilor, etc.

Intrarea este liberă in limita locurilor disponibile.
Pentru informații suplimentare: mailto:istiorga@tin.it@tin.it o
tel.: 041 5242309

Norman Manea este un scriitor român, născut în Bucovina, în 1936. A suferit atât de pe urma persecuţiei naziste şi a internării într-un lagăr de concentrare, cât şi de pe urma regimului comunist şi a dictaturii lui Nicolae Ceauşescu. A părăsit România în 1986 şi s-a stabilit în Statele Unite, la New York, unde predă şi astăzi literatură europeană la Bard College. Romanele sale sunt influenţate de evenimente din biografia sa marcată de regimurile totalitare, în special Despre clovni: dictatorul și artistul (1997) şi Întoarcerea huliganului (2003), cu care a câştigat Premiul Médicis în 2006.

Printre cărţile cele mai reprezentative amintim Plicul negru (1986), Fericirea obligatorie (2004), Variante la un autoportret (2008), Vizuina (2009), Curierul de Est (2010), Cuvinte din exil (2011). Pentru cărţile şi activitatea sa Norman Manea a primit numeroase premii, printre care: Premiul naţional român pentru literatură (România), McArthur Fellowship (SUA), Premio Nonino (Italia), Medicis Etranger (Franţa), Nelly Sachs (Germania),  Palau Fabre (Spania) etc. Este membru al Royal Society of  Literature din Marea Britanie şi al Acadamiei de Arte Frumoase din Berlin. A fost decorat de către guvernul francez cu titlul de Commandeur de l’Ordre des Arts et des Lettres.

Organizatori: Institutul Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia; Il Circolo dei Lettori di Torino, Il Saggiatore;

Patronaj: Ambasada României în Italia, Consulatul General al României de la Torino, Regione Piemonte, Città Metropolitana di Torino, Città di Torino;

Parteneri: Salone Internazionale del Libro di Torino, Libreria Luxemburg di Torino, Università degli Studi di Torino;

Parteneri Media: Radio Torino International, Radio România, Tazzina di Caffè, Agenda Diasporei, Emigrantul, Gazeta Românească, Ziarul Românesc, Români în Piemonte.

Responsabili de proiect: Aurora Firţa, Mihai Stan

Tel. +39 0415242309
E-mail: istiorga@tin.it
Institutul Roman de Cultura si Cercetare Umanistica de la Venetia

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Comunicato stampa

La tournée in Italia dello scrittore, saggista ed esule romeno Norman Manea continua a Torino, il 16 settembre, ore 18.00, al Circolo dei Lettori (Via Giambattista Bogino 9) con un dialogo tra Norman Manea e Andrea Bajani, durante il quale interverranno Edward Kanterian, Senior Lecturer all’Università di Kent e la traduttrice Anita Bernacchia. L’evento è organizzato dall’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia insieme a Il Saggiatore e a Il Circolo dei Lettori di Torino, con la collaborazione del Salone Internazionale del Libro di Torino e della Libreria Luxemburg di Torino. Il dialogo partirà dal libro Corriere dell’Est, pubblicato da Il Saggiatore e tradotto in italiano da Anita Bernacchia. Il libro consiste in una serie di dialoghi tra Norman Manea e  Edward Kanterian su temi come l’antisemitismo, la Germania nazista, i Gulag e l’Olocausto, la condizione dell’intellettuale est-europeo dopo la caduta dei regimi totalitari, l’11 settembre, le violenze in Irak e Afganistan, la cultura pop in America, la cultura umanistica confrontata con lo sviluppo delle tecnologie ecc.

Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili.
Per ulteriori informazioni: istiorga@tin.it o
tel.: 041 5242309.

Norman Manea è uno scrittore romeno nato in Bucovina nel 1936. Durante la sua vita ha subito prima la persecuzione nazista e l’internamento in un lager,  in seguito l’oppressione del regime comunista e la dittatura di Ceauşescu.  Ha lasciato la Romania nel 1986 e si è stabilito negli Stati Uniti, a New York, dove insegna, ancor oggi, letteratura europea presso Bard College.  I suoi romanzi risentono degli influssi della sua vicenda biografica segnata dai regimi totalitari,  soprattutto  «Clown.  Il dittatore e l’artista» (2004), «La quinta impossibilità.  Scrittura d’esilio» (2006), «Il ritorno dell’huligano» (2004, vincitore del Prix Médicis 2006). 

Tra i suoi libri più importanti ricordiamo  «Felicità obbligatoria» (2008), «La busta nera» (2009), «Il rifugio magico» (2011), «Al di là della montagna» (2012), «Conversazioni in esilio» (2012), «Varianti di un autoritratto» (2015), il «Corriere dell’Est» (2017), tutti pubblicati in Italia da Il Saggiatore. Per i suoi libri e per la sua attività Norman Manea ha ricevuto numerosi premi, tra i quali: in Romania il Premio nazionale romeno per la letteratura,  negli Stati Uniti la McArthur Fellowship, in Italia il Premio Nonino,  il premio francese Médicis Etranger, il Nelly Sachs in Germania e in Spagna il  Palau Fabre ecc. È membro dell’Accademia di Belle Arti di Berlino e della  Royal Society of  Literature di Gran Bretagna. È stato insignito dal governo francese della distinzione di  Commendatore dell’Ordre des Arts et des Lettres.

Organizzatori: Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, Il Circolo dei Lettori di Torino, Il Saggiatore;

Patrocinio: Ambasciata di Romania in Italia, Consolato Generale di Romania a Torino, Regione Piemonte, Città Metropolitana di Torino, Città di Torino;

Partner: Salone Internazionale del Libro di Torino, Libreria Luxemburg di Torino, Università degli Studi di Torino;

Media Partner: Radio Torino International, Radio România, Tazzina di Caffè, Agenda Diasporei, Emigrantul, Gazeta Românească, Ziarul Românesc, Români în Piemonte.

Responsabili progetto: Aurora Firţa, Mihai Stan

Tel. +39 0415242309
E-mail: istiorga@tin.it
Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia

Mostra di pittura " La caduta" di Nadia Ioan

ACCADEMIA DI ROMANIA IN ROMA
http://www.accadromania.it/home.htm

INVITO

Mostra di pittura (13 – 30 settembre 2017)

La caduta

Nadia Ioan

Inaugurazione: Mercoledì, 13 settembre 2017, ore 18.30

presso l’Accademia di Romania in Roma

SALA ESPOSIZIONI

Viale delle Belle Arti 110

Ingresso libero

La mostra è visitabile su prenotazione: 06.320.15.94.

Piccolo rinfresco

Mercoledì 13 settembre 2017, alle ore 18.30, all’Accademia di Romania sarà inaugurata la mostra di pittura La caduta, esposizione personale dell’artista Nadia Ioan. La mostra gode del sostegno dell’Istituto Culturale Romeno.
La mostra crea un parallelo visivo tra “la caduta/il decadimento” del mondo contemporaneo (almeno a livello percettivo) e la caduta dell’Impero romano. Le tendenze politiche nazionaliste, le tensioni sociali, le migrazioni, i problemi economici del mondo contemporaneo hanno determinato l’artista a riflettere sul periodo della “caduta dell’Impero romano”. Per Nadia Ioan, caduta implica automaticamente anche decadimento, poiché sempre riferita anche alla spiritualità.
Sensibile al mondo che la circonda, l’artista crea tuttavia sempre con lo sguardo rivolto verso l’interno, cercando di riprodurre nella pittura quel che è “scritto nell’animo” (Platone). Lavora a queste opere da quattro anni, da quando il sentimento acuto della caduta del mondo l’ha fatta sentire l’urgenza di incarnarsi sulla tela. Negli ultimi anni, sin quando ha cominciato a fare i primi schizzi, Nadia Ioan è rimasta profondamente colpita dalla perdita dei valori, dal mutamento degli insegnamenti morali, dai rapporti tesi tra gli esseri umani, dal venir meno dell’idea di individuo a favore dell’idea di gruppo, dal fatto che l’amicizia e la collegialità hanno cambiato significato, trasformandosi in relazioni basate sull’interesse. Come individuo, non conti più nulla. L’individuo è emarginato, soprattutto se è un individuo di pregio. O forse è proprio questo il motivo! L’artista pensa che ciò accada perché l’asticella del valore è scesa molto in basso, percependo tutto come una caduta dai valori standard universali!
Il momento catturato su tela è un’istantanea della caduta, in un punto imprecisato tra cielo e terra. La caduta dei corpi può essere percepita anche come un fluttuare, uno stato che suggerisce quanto gli esseri umani siano alla deriva: non sanno dove stanno cadendo. L’oppressione sotto la quale vivono i personaggi deriva dal sentimento di incertezza. E il nero è lo spazio dell’incertezza, dell’ignoto.
Nadia Ioan non ha tralasciato il fatto che, nell’immaginario collettivo, il nudo in movimento/caduta ha un impatto forte. I nudi in caduta, realtà immaginate, sono più importanti della realtà naturale. Ecco perché tutto è esagerato ed eccentrico, a cominciare dalle proporzioni dei corpi, allungati o robusti, sinuosi o diritti, immateriali, in movimento, sonori, tattili, erotici. I nudi hanno una forza visiva straordinaria, che permette di imprimere veridicità all’effetto della caduta, manipolandoli su strutture compositive adeguate al movimento.

Nadia Ioan è artista visivo, dottore in belle arti dell’Università Nazionale d’Arte di Bucarest, specialista nella conservazione dei beni artistici, curatore. È membra dell’Unione degli Artisti Visivi della Romania. Espone regolarmente le proprie opere in mostre personali, a cominciare dal 1978, presentate in Romania e all’estero (tra cui Parigi, Venezia, Geldrop – Olanda, Barbizon – Francia, Viena e Colonia, in Germania); ha preso parte a numerose mostre annuali, in particolare a quelle presentate in patria o all’estero dall’Unione degli Artisti Visivi della Romania, ai principali saloni d’arte. Sono numerose le sue opere che fanno parte di importanti collezioni private.
All’Accademia di Romania, la mostra La Caduta resterà aperta fino al 30 settembre 2017.

Accademia di Romania in Roma

sabato 9 settembre 2017

Pietrasanta, lavoratori stranieri premiati in consiglio comunale

 Lavorano nel settore della ristorazione, in quello alberghiero e dell’accoglienza, e sono in Italia da almeno 5 anni. In alcuni casi sono stati costretti a lasciare la famiglia nel paese di origine per assicurargli una vita più dignitosa in patria, una casa e tutto il necessario.
In altri casi hanno trovato a Pietrasanta, in Italia, l’opportunità lavorativa che sognavano.




Sono:

Neboisa Andrei (Romania),
Ioana Maria Fratean (Romania),
Gordon Flores Alejandro (Cile),
Moseichuck Chinelato Sidney Max (Brasile),
Ana Gore (Moldavia),
Plesca Doina (Moldavia),
Aramram Zahra (Marocco),
Ajdid Kaountar (Marocco),
Marcu Flora (Albania),
Flora Nili (Albania),
Ilie Cojocariu (Romania)

e tutti hanno in comune una bella caratteristica: con il lavoro e la serietà hanno favorito l’integrazione e avvicinato culture spesso lontane e diverse. Consegnati dall’amministrazione comunale di Pietrasanta guidata da Massimo Mallegni i riconoscimenti ad undici lavoratori stranieri.

Per loro una pergamena che ne attesta, insieme alle qualità professionali, il ruolo di ambasciatori dei lavoratori stranieri in città e della grande comunità di non italiani che vivono nella Piccola Atene, quasi 13500.

I riconoscimenti sono stati consegnati dal sindaco, Mallegni e dal presidente del Consiglio, Francesca Bresciani unitamente ai capigruppo Rossano Forassiepi, Pietro Lazzerini, Michele Lari e Alberto Giovannetti in apertura dell’assise comunale.

Fonte:Lucca in Diretta

mercoledì 6 settembre 2017

Norman Manea şi Claudio Magris la Veneţia şi la Padova 13 - 14 septembrie 2017 / Tournée Norman Manea in Italia Norman Manea e Claudio Magris a Venezia e a Padova 13-14 settembre 2017

Comunicat de presa

Turneul în Italia al scriitorului şi eseistului român din diaspora Norman Manea începe la Veneţia, în data de 13 septembrie, ora 18:00, la Auditorium Santa Margherita (Campo Santa Margherita, Dorsoduro 3689) cu întâlnirea dintre Norman Manea şi Claudio Magris, întâlnire ce face parte din seria“Writers in conversation / Scriitori în dialog”. Dialogul, la care va participa şi criticul literar şi redactorul-şef al revistei culturale “Observator Cultural”, Carmen Muşat, este organizat de Institutul Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia şi Universitatea Ca’Foscari din Veneția, în colaborare cu editura Il Saggiatoreşi cu festivalul literar internaţional “Incroci di civiltà”. Dialogul va fi purtat atât în limba italiană, cât şi în limba română, cu traducerea consecutivă realizată de Anita Bernacchia, şi va porni de la volumul “Curierul de Est”, recent tradus în limba italiană de Anita Bernacchia. Volumul constă într-o serie de dialoguri între Norman Manea şi Edward Kanterian, Senior Lecturer la Universitatea din Kent, pe teme precum antisemitismul, Germania nazistă, Gulagul şi Holocaustul, condiţia intelectualului est-european după căderea regimurilor totalitare, atentatul de la 11 septembrie, violenţele din Irak şi Afganistan, cultura pop din America, cultura umanistă confruntată cu dezvoltarea tehnologiilor, etc. Intrarea este liberă. Vă rugăm să confirmaţi participarea la: eventi@unive.it sau la tel. 041 2348358.

 În ziua imediat următoare întâlnirii de la Veneţia, 14 septembrie, va avea loc, începând cu ora 10.30, un minicolocviu dedicat lui Norman Manea, la Departamentul de Studii Lingvistice şi Literare al Universităţii din Padova, Aula Calfura 2 (Piazzetta Gianfranco Folena, 1 – 35137 Padova). Minicolocviul este organizat de Institutul Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia şi de Departamentul de Studii Lingvistice şi Literare al Universităţii din Padova. În deschidere vor interveni Norman Manea şi Claudio Magris, urmând a fi prezentate comunicări realizate de: Anita Bernacchia, Irma Carannante, Dan Octavian Cepraga, Donato Cerbasi, Emilia David, Carmen Muşat, Roberto Scagno, Lorenzo Renzi, Giovanni Rotiroti. Intrarea este liberă în limita locurilor disponibile. Pentru mai multe informaţii şi pentru a consulta programul minicolocviului: http://icr.ro/venezia;istiorga@tin.it sau tel.:041 5242309.

Norman Maneaeste un scriitor român, născut în Bucovina, în 1936. A suferit atât de pe urma persecuţiei naziste şi a internării într-un lagăr de concentrare, cât şi de pe urma regimului comunist şi a dictaturii lui Nicolae Ceauşescu. A părăsit România în 1986 şi s-a stabilit în Statele Unite, la New York, unde predă şi astăzi literatură europeană la Bard College. Romanele sale sunt influenţate de evenimente din biografia sa marcată de regimurile totalitare, în special Despre clovni: dictatorul și artistul (1997) şi Întoarcerea huliganului (2003), cu care a câştigat Premiul Médicis în 2006. Printre cărţile cele mai reprezentative amintim Plicul negru (1986), Fericirea obligatorie (2004), Variante la un autoportret (2008), Vizuina (2009), Curierul de Est (2010), Cuvinte din exil (2011). Pentru cărţile şi activitatea sa Norman Manea a primit numeroase premii, printre care: Premiul naţional român pentru literatură (România), McArthur Fellowship (SUA), Premio Nonino (Italia), Medicis Etranger (Franţa), Nelly Sachs (Germania), Palau Fabre (Spania) etc.Este membru al Royal Society of Literature din Marea Britanie şi al Acadamiei de Arte Frumoase din Berlin. A fost decorat de către guvernul francez cu titlul de Commandeur de l’Ordre des Arts et des Lettres.

Organizatori:Institutul Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia, Università Ca’ Foscari, Writers in conversation, Departamentul de studii lingvistice şi literare al Universităţii din Padova;

Patronaje: Ambasada României în Italia, Consulatul General al României de la Trieste, Regione del Veneto, Città Metropolitana di Venezia, Provincia di Padova, Comune di Venezia, Comune di Padova;

Parteneri: Il Saggiatore, Incroci di civiltà, Libreria Cafoscarina; Parteneri Media: Radio Ca’ Foscari, "Romania e Cultura, Ora", Emigrantul, Gazeta românească, Ziarul românesc, Venice Classic Radio, Radio România, Cultura Venezia Magazine, Venezia News, Un Ospite di Venezia, Agenda Venezia, PadovaOggi, Agenda diasporei, Lettera 43.

Responsabili proiect: Aurora Firţa, Mihai Stan
Tel. +39 0415242309
E-mail: istiorga@tin.it
Institutul  Roman de Cultura si  Cercetare Umanistica din Venetia  ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Comunicato stampa

La tournée in Italia dello scrittore, saggista ed esule romeno Norman Manea si apre a Venezia, il 13 settembre, ore 18.00, all’Auditorium Santa Margherita (Campo Santa Margherita, Dorsoduro 3689) con un incontro tra Norman Manea e Claudio Magris che fa parte della serie “Writers in conversation”. L’incontro, al quale partecipa il critico letterario e capo-redattrice del settimanale culturale “Observatorul cultural” Carmen Muşat, è stato organizzato dall’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica e dall’Università Ca’ Foscari, in collaborazione con Il Saggiatore e il festival Incroci di civiltà. Il dialogo si terrà in lingua italiana e romena con la traduzione consecutiva di Anita Bernacchia e partirà dal libro Corriere dell’Est, pubblicato da Il Saggiatore. Anita Bernacchia firma anche la traduzione del libro, che consiste in una serie di dialoghi tra Norman Manea e Edward Kanterian, Senior Lecturer all’Università di Kent, su temi come l’antisemitismo, la Germania nazista, i Gulag e l’Olocausto, la condizione dell’intellettuale est-europeo dopo il crollo dei regimi totalitari, l’11 settembre, le violenze in Irak e Afganistan, la cultura pop in America, la cultura umanistica confrontata con lo sviluppo delle tecnologie ecc. L’ingresso è libero previa conferma della partecipazione a: eventi@unive.it o tel.: 041 2348358.

 All’incontro di Venezia seguirà, il giorno successivo, 14 settembre, dalle 10.30, una giornata di studi dedicata a Norman Manea che si terrà presso il Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari, Aula Calfura 2 (Piazzetta G. Folena, 1 – 35137 Padova). La giornata di studi è organizzata dall’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia e dal Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari dell’Università degli Studi di Padova. In apertura interverranno Norman Manea e Claudio Magris. Seguiranno le relazioni tenute da: Anita Bernacchia, Irma Carannante, Dan Octavian Cepraga, Donato Cerbasi, Carmen Muşat, Roberto Scagno, Lorenzo Renzi, Giovanni Rotiroti. L’entrata è libera fino all’esaurimento dei posti disponibili. Per ulteriori informazioni e per il programma: http://icr.ro/venezia; istiorga@tin.it o tel. 041 5242309.

Norman Manea è uno scrittore romeno nato in Bucovina nel 1936. Durante la sua vita ha subito prima la persecuzione nazista e l’internamento in un lager, in seguito l’oppressione del regime comunista e la dittatura di Ceauşescu. Ha lasciato la Romania nel 1986 e si è stabilito negli Stati Uniti, a New York, dove insegna, ancor oggi, letteratura europea presso Bard College. I suoi romanzi risentono degli influssi della sua vicenda biografica segnata dai regimi totalitari, soprattutto «Clown. Il dittatore e l’artista» (2004), «La quinta impossibilità. Scrittura d’esilio» (2006), «Il ritorno dell’huligano» (2004, vincitore del Prix Médicis 2006). Tra i suoi libri più importanti ricordiamo «Felicità obbligatoria» (2008), «La busta nera» (2009), «Il rifugio magico» (2011), «Al di là della montagna» (2012), «Conversazioni in esilio» (2012), «Varianti di un autoritratto» (2015), il «Corriere dell’Est» (2017), tutti pubblicati in Italia da Il Saggiatore. Per i suoi libri e per la sua attività Norman Manea ha ricevuto numerosi premi, tra i quali: in Romania il Premio nazionale romeno per la letteratura, negli Stati Uniti la McArthur Fellowship, in Italia il Premio Nonino, il premio francese Médicis Etranger, il Nelly Sachs in Germania e in Spagna il Palau Fabre ecc. È membro dell’Accademia di Belle Arti di Berlino e della Royal Society of Literature di Gran Bretagna. È stato insignito dal governo francese della distinzione di Commendatore dell’Ordre des Arts et des Lettres.

Organizzatori: Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, Università Ca’ Foscari, Writers in conversation, Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari dell’Università degli Studi di Padova;

Patrocini: Ambasciata di Romania in Italia, Consolato Generale di Romania a Trieste, Regione del Veneto, Città Metropolitana di Venezia, Provincia di Padova, Comune di Venezia, Comune di Padova;

Partner: Il Saggiatore, Incroci di civiltà, Libreria Cafoscarina; Media Partner: Radio Ca’ Foscari, Emigrantul, Gazeta românească, Ziarul românesc, Venice Classic Radio, Radio România, Cultura Venezia Magazine, Venezia News, Un Ospite di Venezia, Agenda Venezia, PadovaOggi, Agenda diasporei, Lettera 43.

Responsabili progetto: Aurora Firţa, Mihai Stan
Tel. +39 0415242309
E-mail: istiorga@tin.it
Istituto  Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia

martedì 8 agosto 2017

Milano – Municipio 5: evento culturale romeno

 Milano 5 Agosto – La splendida cornice culturale del CAM Gratosoglio del municipio 5° ha ospitato ultimamente la scrittrice romena Lili Craciun in visita a Milano. La scrittrice ha presentato i suoi ultimi due libri “Le badanti di mia suocera” e “Il Viaggio”.

Il primo, “Le badanti di mia suocera”, è una raccolta di 13 racconti che presentano in un modo spiritoso, ma non solo, stralci di vita delle donne che accudiscono gli anziani. Il libro, di facile lettura, stuzzica la curiosità del lettore. Nel suo contenuto sono stati riportati episodi autentici che hanno come protagoniste ragazze che lavorano come badanti, governanti, custodi. Nei racconti si parla di brave badanti, ma anche di quelle che brave non sono.

Leggendo questo libro si nota quanto la cura per gli anziani e le loro famiglie non sia un lavoro facile, anche se ha dei lati positivi. Si comprende come questa professione non sia alla portata di tutti. Apparentemente semplice, in realtà è un lavoro che richiede capacità non indifferenti, oltre a una notevole consapevolezza della responsabilità che si devono assumere.

Il secondo libro “Il Viaggio”, racconta il terrificante dramma delle donne rumene nella Romania di Ceausescu in seguito al decreto del 1966, che vietava l’aborto, fatto salvo per le donne già madri di quattro figli. Il libro è stato dedicato alla memoria di più di 10.000 donne rumene decedute in seguito agli aborti clandestini e alle centinaia di migliaia di donne traumatizzate fisicamente e psicologicamente durante il regime dittatoriale. Un libro in cui, Lina, l’eroina del romanzo, cammina in bilico tra il carcere e la morte.

Alla bellissima manifestazione organizzata dall”associazione “Romania-Lombardia”, presentata dalle portavoce Maria Popovici e Carmen Costanda, hanno preso parte Robert Raducescu, Coordinatore Nazionale del Gruppo Associativo Romeno in Italia oltre che Presidente di “Romania-Lombardia”, il Console Generale della Romania a Milano, Iulia Cupsa-Kisseleff, l’assessore del Municipio 5° del comune di Milano Giovanni Esposito, che ha fatto i saluti istituzionali, il presidente dell’associazione Andacon Cosimo Stallo, l’avvocatessa Anna Gesualdo e l’avvocato Bruno Caterina.

Gli organizzatori ringraziano tutti i partecipanti per la loro presenza con un speciale ringraziamento alle autorità per la loro collaborazione.

Fonte:Milano Post

Sulmona, Costanza si aggiudica il palio della Giostra d’Europa

La città romena di Costanza, per la prima volta partecipante alle sfide di piazza Maggiore, è la regina della XVII Giostra d’Europa.

 Il torneo disputato ieri sera si è concluso a notte fonda nello splendido scenario di piazza Maggiore a Sulmona, consegnando il Palio disegnato dall’artista sammarinese Antonio Giuffrida al cavaliere Alessio Ricchiuti portacolori della città romena, abbinata a Villalago, centro della Valle Sagittario, in gara tra i Borghi più belli, Capestrano, città inserita nella categoria Terre d’Abruzzo ed il sestiere di Porta Manaresca. A Villalago è andato quindi il Palio del torneo dei Borghi più belli d’Italia, disegnato da un suo concittadino, Domenico Di Paolo.

Una serata piena di suggestioni ha accompagnato le sfide. Grandi le emozioni non solo in campo ma anche durante il variopinto corteo storico lungo corso Ovidio, con le delegazioni delle città europee e dei Borghi più belli artefici di un grande spettacolo insieme a Borghi e Sestieri. Sul campo di piazza Maggiore spettacolari e a lungo applaudite le esibizioni del Gruppo storico degli sbandieratori dell’Aquila e della compagnia Ilex proveniente da Elice (Pescara), che si è caratterizzata per giochi acrobatici con il fuoco e abilissimi trampolieri.

“Il nostro corteo storico è il più bello d’Italia – ha dichiarato un emozionato Domenico Taglieri, presidente onorario dell’associazione Giostra Cavalleresca – non temiamo confronti, come pure è una meraviglia lo spettacolo che i nostri ospiti insieme a borghi e sestieri offrono ogni anno in piazza Maggiore”. Taglieri inoltre ha ribadito che nella primavera del 2018 saranno a Sulmona tutte le città che dal 2000 ad oggi hanno partecipato alla Giostra d’Europa, per sottoscrivere un patto di amicizia e di scambi culturali ed economici, rappresentando così una pietra miliare per rafforzare l’unità e la fratellanza tra nazioni europee.

 “Abbiamo la legittima ambizione diventare una capitale della pace e della fratellanza europea – ha concluso Taglieri – per questo siamo impegnati a raggiungere questo obiettivo”.

Proprio pensando all’Europa unita il presidente onorario ha reso omaggio alla memoria della giovane professionista sulmonese, Fabrizia Di Lorenzo, vittima dell’attentato terroristico di Berlino, nel dicembre scorso. Un lungo applauso, con il pubblico sugli spalti tutto in piedi, ha segnato questo ricordo, commuovendo i genitori e il fratello di Fabrizia, ospitati in tribuna. A Fabrizia è stata dedicata questa XVII Giostra d’Europa.

Oggi pomeriggio lo spettacolo continua, con le esibizioni delle delegazioni estere lungo corso Ovidio e nelle principali piazze del centro storico. Poi tutti insieme delegazioni europee, Borghi più Belli con Borghi e Sestieri si ritroveranno, alle 20, in piazza Maggiore per il gran ballo finale che porrà il sigillo alle conclusioni di questa edizione. Subito dopo tutti saranno a cena nelle piazze di Borghi e Sestieri.

Fonte:City Rumors

lunedì 7 agosto 2017

Italia-Romania di pallacanestro, Torino entra già in clima partita

 L'assessore regionale Ferraris ha incontrato il console generale rumeno Dinu in vista della sfida per la qualificazione ai Mondiali di Cina 2019 Un incontro per suggellare i rapporti internazionali nel segno dello sport, quello avvenuto ieri tra l’assessore regionale allo Sport Giovanni Maria Ferraris ed il Console Generale di Romania a Torino Tiberiu Mugurel Dinu. Un colloquio di coordinamento in vista dello storico match di pallacanestro Italia – Romania, che sarà valido per la qualificazione ai Mondiali di Cina 2019 e che si svolgerà il 23 novembre 2017 proprio a Torino, al PalaRuffini.

“In quell’occasione – ha commentato l’assessore Ferraris – il pubblico del capoluogo piemontese sarà chiamato ad essere il sesto uomo in campo. Avremo l’occasione di portare a casa una medaglia europea, ma soprattutto di offrire un grande spettacolo di sport come solo Torino e il Piemonte sanno regalare”.

Occorre pertanto una preparazione ottimale di tutto il sistema sportivo in vista di questo importante appuntamento. Per questo è già stato calendarizzato un incontro per il mese di settembre con Paolo Bellino, direttore generale di RCS Sport, società organizzatrice, con cui costruire un percorso di valorizzazione dell’evento.

“Ringrazio l’Assessore ed il Console Generale – ha commentato il direttore Bellino – per averci dato l’opportunità di incontrarci, con l’obiettivo di coinvolgere la comunità romena in una grande festa in vista della partita di novembre”.

Soddisfazione evidente anche nelle parole di Ferraris: “Ho trovato nel Console Generale un interlocutore capace e disponibile ad un dialogo costruttivo che certamente darà i suoi frutti. Questo è il bello dello sport: anche se le nostre nazioni saranno avversarie in campo, nella vita si possono costruire rapporti di cooperazione, amicizia e rispetto reciproco, che vanno ben oltre la competizione sportiva. Un ulteriore passo in avanti per promuovere la cultura sportiva per i nostri amici romeni presenti su terra piemontese”.

Gli auspici sono quindi ottimi, tanto che il Console Generale Dinu ha concluso: “Aspettiamo con grande piacere questo evento, che vedrà coinvolta la numerosissima comunità romena presente a Torino e in Piemonte”.

Fonte:Torino Oggi

Caporalato, Ardizzone riceve segretario di Stato romeno

 Il segretario di Stato della Repubblica romena con delega per i cittadini all’estero Vaeceslav Saramet ha incontrato nel pomeriggio il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone. Saramet ha illustrato ad Ardizzone il progetto che vede il governo romeno impegnato nella lotta contro gli abusi e lo sfruttamento subiti dai cittadini della Romania che soggiornano ormai in diversi stati dell’Ue.

“In particolare, in Sicilia – ha detto Saramet – sono presenti 53.189 romeni, una parte di questi sono donne che vengono sfruttate e subiscono abusi. Il governo romeno ha intenzione di chiedere in affidamento uno dei beni confiscati alla mafia per farlo diventare punto di riferimento di questi cittadini e cittadine romene che possono finalmente ricevere il supporto del proprio governo per cercare di integrarsi nei territori in cui hanno scelto di vivere e lavorare”.

Il progetto sara’ esteso anche ad altri paesi dell’Ue e accompagnato da una campagna di informazione e sensibilizzazione contro lo sfruttamento. “Il fenomeno e’ molto forte anche in Francia e in Gran Bretagna”, ha detto Saramet. Per il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone, che si rechera’ a Bucarest a settembre, “Il fenomeno si collega al dramma dello sfruttamento dei migranti. La Sicilia e’ terra di grande accoglienza, ma purtroppo si verificano anche episodi di sfruttamento su cui non si possono chiudere gli occhi. Occorre agire per arginare il caporalato e gli abusi e far arrivare alle donne e agli uomini romeni il messaggio che le istituzioni siciliane e quelle del loro paese lavorano insieme per questo obiettivo”.

Saramet, nel suo viaggio, intrapreso con la finalita’ di proseguire il dialogo con i membri della comunita’ romena in Sicilia e intensificare il dialogo bilaterale con le autorita’ italiane, incontrera’ sabato a Vittoria (Rg) padre Beniamino Sacco, il parroco che ha denunciato il fenomeno della tratta delle romene nei campi del ragusano e Giorgio Assenza, componente della commissione antimafia dell’Ars. (ItalPress)

Fonte:Sicilia Informazioni

sabato 15 luglio 2017

Mostra all'Accademia di Romania "Roma. Sensosospeso"

Comunicato stampa

L’Accademia di Romania in Roma  invita venerdì, 14 luglio, ore 19 all’inaugurzione della mostra
Roma. Sensosospeso (La riflessione di una ricerca) Mostra d'arte, fiber art e fotografia.

Alexandra Rusu (borsista 2016-2017,
Accademia di Romania in Roma)
Viorica Sladescu (Coordinatrice del progetto, artista invitata)

Il progetto artistico "Roma. Sensosospeso" fa parte della ricerca di post-dottorato "Dallapitturaall’arrazzo. La dinamicadellearazzerieitalianefra Quattro e Settecento". Il lavoro teorico presentato dall'artista nella conferenza internazionale Metamorphosis. Before and after Rome (12.06.2017/ Spazi Aperti XV) è visivamente completato da una serie di opere d'arte, fiber art e fotografie, individualizzate in serie, un viaggio dalla documentazione dei tessuti storici fino alla riscoperta fotografica degli "arazzi" dello spazio contemporaneo o allo sviluppo di “verdures” ispirate dall’action painting e le techniche della stampa sui tessuti.

Prima serie :È rappresentata da un quaderno di documentazione visiva della ricerca teorica che comprende bozzetti e riproduzioni dei principali motivi e schemi compositivi di tessuti dei secoli 14-18, scelti dall’artista per essere parte dall’insieme di imagini del lavoro teorico. Allo stesso tempo, le pagine contengono esempi di ricostruzioni compositivi. Le composizioni presenti in modo frammentario nelle opere di pittori del periodo preso in esame sono sviluppate e modificati per inserirci nel mondo dei tessuti reali o immaginari degli artisti italiani.

Seconda serie: La serie di “ verdures” (progetti di arazzi e fiber art) rappresenta un atto di inserimento dell'artista nel paesaggio vegetale degli arazzi italiani ritrovato nella vegetazione della capitale. Lo studio ha generato una ricerca subconscia degli elementi compositivi, i frammenti documentari stampati sulla retina trovando corrispondenti nello spazio reale. Da qui la necessità dell'artista di effettuare una seconda operazione di introspezione, la prima, la ricerca bibliografica, esigendo la trasposizione nel linguaggio artistico. Il action painting, le tecniche di stampa sui tessuti sono le tecniche scelte per la seconda introspezione. Il gesto, l’immersione del corpo nella tecnica rispecchia la laboriosa tecnica del tessere. Il pubblico può diventare un performer e comporre la sua versione di una “verdure”. L’esempio d’arrazo classico con soggeto vegetale lo ritroviamo nella istallazione artisticache completa lo spazio espositivo e collega il concetto della mostra con l'ultima serie di opere.

Terzaserie:La serie fotografica è una riflessione personale basata sul tessuto visto come parte del contesto contemporaneo della città. Il punto di partenza della ricerca è il forte contrasto tra l'insieme della Roma turistica e la presenza espansiva e talvolta brutale del tessuto tessile, soprattutto nella forma dei vestiti scartati, in luoghi e circostanze impreviste. Il contrasto è stato aumentato dalla ricerca teorica sulla scena degli arazzi lussosi del passato.

Questa insinuazione nello spazio asettico del patrimonio, dello spazio aperto e del museo quotidiano - come oggetto scartato, perso, commerciale o rifugio per i senza tetto - alimenta il messaggio dei tessuti. Attraverso gli occhi dell'artista diventano un intervento artistico nello spazio pubblico, un installazione di tessuti o, a livello cittadino, land art. Cercato o involontario, frammentando spazio e tempo, questi tipidi oggetti decostruiscono la mappa della città in prospettive metaforiche e ci collega all'attuale sistema culturale e con i problemi sociali correnti.

Visita mostra su prenotazione: 3887267562.

Ufficiale: Roma, preso il giovane terzino rumeno Trusescu

La Roma ha depositato in Lega Calcio il contratto di Andrei Trusescu. Classe 1999, è un terzino sinistro arrivato dall'A.C.S. F.C Danut Coman, accademia che ha proprio come presidente l'ex calciatore rumeno. (di Marco Conterio)











Fonte:Tutto Mercato Web

mercoledì 5 luglio 2017

Caporalato, accordo tra la Flai Puglia e il sindacato romeno

L'intesa

La firma con i sindacati Cnslr Fratia e Agro-Fratia, in concorso con l’ambasciata di Romania e il Consolato rumeno in Puglia. Presentazione venerdì 7 maggio dalle ore 10.30 presso la Sala Trulli del sindacato. Sono 35mila i romeni nella Regione

“Due nazioni, unica tutela”. È lo slogan scelto dalla Flai Cgil per presentare l’intesa di cooperazione tra la Federazione dei lavoratori agricoli della Cgil pugliese con i sindacati di Romania Cnslr Fratia e Agro-Fratia, in concorso con l’ambasciata di Romania e il Consolato rumeno in Puglia. Oggetto dell’intesa la collaborazione ad una maggiore tutela dei lavoratori impegnati nel settore agricolo nella nostra regione e di strumenti atti a contrastare i fenomeni dello sfruttamento e del caporalato. Le modalità operative dell’accordo saranno illustrate nel corso di una conferenza stampa che si terrà presso a Bari, venerdì 7 luglio alle ore 10.30, la Sala Trulli della Cgil Puglia in via Calace 4.

Sono circa 35mila i rumeni residenti in Puglia, e oltre 17mila sono impiegati in agricoltura. Rappresentano il 74% dei lavoratori comunitari presenti negli elenchi degli operati agricoli dell’Inps; di questi il 64% sono uomini e il 36% donne. Inoltre risulta molto complicato avere un dato certo sui lavoratori rumeni che vengono impiegati senza contratto di lavoro sul territorio pugliese; stime molto approssimate ci dicono che sono almeno 3.000 le lavoratrici e i lavoratori rumeni che sfuggono alle normali regole del mercato del lavoro.

Numeri che dicono dell’importanza dell’accordo che sottoscrivono Flai Cgil Puglia e il sindacato rumeno Cnslr Fratia, il più rappresentativo del paese balcanico, assieme alle istituzioni di rappresentanza in Italia. Alla conferenza stampa saranno presenti Leonardo Barascu, presidente del sindacato Fratia; Vasile Stroe, presidente del sindacato Agro Fratia; Pietro Ruffolo, responsabile Area Politiche Internazionali della Flai; Antonio Gagliardi, segretario generale della Flai Cgil Puglia; Pino Gesmundo, segretario generale della Cgil Puglia; Dan Stefanesa, Console del Consolato generale di Romania a Bari; Andrei Sfirloaga, dell’Ambasciata di Romania a Roma.

04/07/2017

Fonte: Rassegna Sindacale

sabato 1 luglio 2017

Interscambio tra Italia e Romania, se ne è parlato in un convegno a Viterbo

Viterbo - Alla Camera di commercio dai numerosi operatori aderenti alla Confesercenti

Viterbo – Il convegno alla Camera di commercio

Viterbo – Si parla di cooperazione economica tra interscambio bilaterale tra Italia e Romania, con nuove opportunità nel campo agroalimentare, dell’artigianato, costruzione e distribuzione.

Gremita la sala della Camera di commercio dai numerosi operatori aderenti alla Confesercenti, rappresentati dai vari settori di produzione dall’olio, al formaggio, nocciole, vivaistica, che manifestano un notevole interesse e coinvolgimento.

Il presidente Domenico Merlani, oltre a portare il saluto della Ccia, ente ospitante la manifestazione, ha voluto ricordare la vicinanza dei due paesi, ma anche l’affidabilità dei lavoratori romeni nelle aziende italiane, soprattutto quelle di sua conoscenza nel campo dell’edilizia e anche le molte aziende romene iscritte alla Camera di commercio di Viterbo.

Inoltre, ha dato la propria disponibilità e quella dell’ente da lui rappresentato, a partecipare ad un Forum economico bilaterale dei Paesi, rispondendo all’invito della dottoressa Norina Boru dell’Ambasciata Romena in Italia.

Sono seguiti i saluti di Eugenio Stelliferi, direttore dell’istituto tecnico superiore agroalimentare made in Italy di Viterbo, che ha ricordato l’importanza della formazione dei giovani nel comparto dell’agroalimentare, il futuro della gestione del comparto tra i più importanti della nostra economia, soprattutto per la qualità di nuovi prodotti. Ha anche annunciato un progetto di formazione tra l’Istituto e la Romania, per formare studenti romeni, con stage presso aziende italiane a Viterbo.

L’assessore alle Attività produttive del comune di Viterbo, Sonia Perà, oltre naturalmente a porgere i saluti, si è resa disponibile alla collaborazione con l’ambasciata, gli altri enti ed i privati a partecipare al progetto di cooperazione bilaterale, visto il grande interesse delle nostre imprese a sviluppare investimenti di import-export e di nuove realizzazioni.

Dopodiché è intervenuto Maurizio Fiacchi, promotore per la Confesercenti del progetto Italia – Romania, con una grande conoscenza della nazione con esperienza consulenziale di oltre 25 anni. Ha dato inizio al programma della giornata, passando la parola alla dottoressa Norina Boru, la quale ha presentato ed illustrato, attraverso slide, le opportunità di investimento e le collaborazioni da parte di aziende italiane in Romania, ma anche l’interesse di imprenditori e distributori romeni interessati alle nostre eccellenze.

Inoltre ha presentato gli aiuti, le agevolazioni e la fiscalità del Governo romeno per le imprese, sia straniere che romene ,che vogliono internazionalizzare ed investire nei vari settori, oltre che agroalimentare, artigianato, distribuzione costruzione meccanica, il nostro know-how, made in Italy e di interscambio bilaterale.

Flavio Giovagnoli, imprenditore italiano con aziende già attive in Romania nel campo ortofrutticolo e florovivaistico e non solo, ha parlato di rapporti commerciali e piani di sviluppo agricoli industriali tra imprenditori italiani e romeni. Ha già un proprio ufficio di rappresentanza, che sarà a breve messo a disposizione anche di una rappresentanza degli operatori della Confesercenti.

A seguire Francesco Monzillo, segretario generale della Ccia, ha reso noti nel suo intervento con illustrazione informatica,le realtà della provincia di Viterbo nei rapporti commerciali con il mercato romeno, sottolineando le grandi potenzialità di sviluppo e export- import di investimenti commerciali tra i due mercati.

Valter Giammaria, presidente Confesercenti regionale e del Car (Centro agroalimentare Romano) ha presentato nel suo intervento, la struttura del nostro agroalimentare la sua organizzazione e le attività che il centro già utilizza rispetto agli scambi internazionali di prodotti agroalimentari con altri Paesi.

L’occasione di incontro di ieri è stata favorevole, da subito, per tessere rapporti con l’Ambasciata del Governo romeno per la cooperazione bilaterale.

Il presidente Gianmaria si è reso disponibile per una partecipazione in occasione di una importante Fiera che si svolge a Bucarest nel mese di ottobre, dove possono partecipare le nostre aziende dell’agroalimentare, ma anche della meccanica e dell’agricoltura.

Vincenzo Peparello nel suo intervento ha ricordato l’importanza di eventi e workshop dedicati l’incontro tra domanda e l’offerta e i parternariati che vanno attivati sia da parte pubblica che pubblico-privata, dai quali non si può prescindere per uno sviluppo sostenibile tra i due Paesi ed investimenti nei vari settori strategici e aiuto e sostegno alle imprese italiane e romene.

Ha poi annunciato che la prossima edizione di Visituscia, sempre più specializzata in turismo enogastronomico ed agroalimentare, ospiterà per l’occasione una delegazione di Buyer romeni, che hanno canali commerciali già avviati, anche per altri Paesi dell’Est Europa.

Visituscia si offrirà a fine ottobre- primi di novembre con le aziende agroalimentari viterbesi in piena attività.

Infine, il delegato della Fao Agricoltura Vlad Mustaciosu della Romania, che ha accompagnato la dottoressa Boru, per noi inaspettata presenza, ma graditissima e soprattutto utile, in quanto, ha risposto tecnicamente alle domande e chiarimenti posti dai nostri operatori dell’agroalimentare presenti all’incontro.

Il presidente Peparello ha inoltre donato un omaggio alla dottoressa Norina Boru con l’opera di un artista locale del bucchero, raffigurante la civiltà Etrusca. Gli ospiti romeni hanno infine partecipato ad un lunch di lavoro, dove hanno potuto apprezzare le eccellenze del territorio della Tuscia.

29 giugno 2017

Fonte: TusciaWeb

La Romania al Salone del Libro di Torino

L'immagine della locandina di presentazione del Salone del libro di Torino 2017

Una scrittrice rumena in visita all'edizione 2017 del Salone del libro di Torino. Il suo racconto

27/06/2017 -  Mariana Gorczyca*

(Pubblicato originariamente suObservator Cultural  , il 2 giugno 2017)

“Una ragazza, un libro, un muro, un orizzonte” sono le quattro parole con cui si potrebbe descrivere l’immagine emblematica scelta dagli organizzatori del Salone del Libro di Torino di quest’anno. Quando ho indicato la mia destinazione al tassista che mi avrebbe portato da Porta Nuova a Lingotto Fiere, lo spazio dove si tiene il Salone, mi è stato subito chiesto cosa ne pensassi dell’aggressiva concorrenza che Milano aveva deciso di fare alla fiera torinese, giunta alla trentesima edizione.

Confesso sinceramente che non avevo alcun parere al riguardo, né avevo idea di quale delicata questione fosse divenuta per gli abitanti di Torino il progetto milanese di spostare un gran numero di editori e indurli a preferire la loro città, che molti stranieri associano soprattutto alla Moda e al Duomo.

Soltanto arrivata in fiera ho cominciato a carpire qualcosa riguardo a interessi politici, ingerenze berlusconiane, all’assenza della casa editrice Bompiani dalla fiera, il tutto ascoltando conversazioni off the record. Ma il momento culminante del dibattito sull’argomento, davvero caldo in questa edizione, è stato la presentazione del libro Questa non è l’America in Sala Gialla, che ha una capienza di 600 posti. Autore del libro: Alan Friedman. Seduto tra Piero Fassino (uno dei principali “costruttori” del Salone) e Maurizio Molinari (direttore de La Stampa), al suo primo intervento il celebre giornalista americano ha reso un omaggio emozionante al Salone del Libro. Semplificando fino all’iperbole, le sue parole sono state: “Il vero Salone del Libro è a Torino”, e Milano non potrà mai cancellare la tradizione, la serietà, il fascino e il grande impatto internazionale, tratti caratteristici di questo grande evento dedicato ai libri che si svolge nel mese di maggio nel generoso e versatile spazio del Lingotto Fiere.

Solo dopo questo sostegno esplicito ed affettuoso, applaudito empaticamente da centinaia di spettatori, si è passati a parlare del tema del libro. Il messaggio centrale sarebbe questo: l’America di Trump non è, e non può essere l’America reale. E questo a dispetto della forza manipolatrice, dell’alta percentuale di elettori che crede tutto quel che gli viene propinato, della riproduzione immediata e supina di messaggi costruiti su basi facilmente identificabili; del resto, gli Stati Uniti non sono l’unico paese in cui i messaggi elettorali fabbricati con artifizio sull’onda di paure collettive riscuotono un sicuro successo populista. “La presa sul pubblico” ce l’hanno, sempre più spesso, quegli esponenti politici che danno continuamente spettacolo. Quale sia il livello d’istruzione di coloro che li votano è stato un altro degli interrogativi affrontati.

L’attenzione è poi passata al personaggio di Donald Trump, che Alan Friedman conosce bene da molti anni, e che ha descritto come un tipo incapace di concentrarsi sullo stesso argomento per più di due minuti. L’attuale presidente ha il “merito” di aver provocato una spaccatura del popolo americano senza precedenti. È riuscito a fidelizzarne una parte tanto consistente (oltre il 45%) che, afferma il giornalista, costoro “sono in grado di credere a chi mostra loro un telefono spacciandolo per coltello, o a chi dice loro che Obama è un criminale”.

Ma il caos è all’ordine del giorno non soltanto negli USA. È palese che anche l’Europa ha i suoi problemi e questa situazione durerà ancora, secondo Friedman, “almeno cinque o dieci anni”. La democrazia liberale è in piena crisi; a complicare le cose, il farraginoso funzionamento dei parlamenti degli stati europei, colti alla sprovvista da eventi di grande portata e inadeguati alla rapidità con cui le informazioni si diffondono online.

È a partire da libri del genere che le fiere del libro europee creano spazi di dibattito in grado di generare pubblico, un pubblico che a sua volta coinvolge ulteriori partecipanti che acquistano libri. Il singolo stand o la singola presentazione allo stand di un editore non costituiscono più l’evento di primo piano. I visitatori cercano sale dove incontrare i libri, gli autori, i responsabili degli eventi, gli editori, i traduttori.

L’Istituto Culturale Romeno, tramite la sua filiale di Venezia, che per tradizione organizza la partecipazione della Romania al Salone di Torino, ha inteso creare una “Sala Romania”, idea felice poiché quel che fanno i visitatori avvisati è consultare in primo luogo il programma stampato dagli organizzatori, ovvero quel che accade nelle varie Sale. Da lì, vanno via non solo pieni di libri, ma anche di idee, punti di vista, domande, a volte persino risposte, cose difficilmente accessibili agli stand, per via della ressa e del rumore di fondo.

Con una superficie estremamente generosa di oltre 120 mq, uno spazio-scena (pubblico/emittenti-riceventi) circondato da entrambi i lati da scaffali con i libri proposti, la Sala Romania è stata il vero fulcro degli eventi di questa edizione. La filiale veneziana dell’ICR – denominazione completa: Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica –riesce a portare in molti eventi un’atmosfera accademica e rigorosa, proponendo tuttavia anche temi, libri e autori in grado di catturare dall’inizio alla fine l’attenzione di visitatori provenienti, tra l’altro, dalla numerosa comunità romena del Piemonte. Tale cura per il pubblico-destinatario, che caratterizza ogni evento del programma, è e deve essere prioritaria. Infatti, al di là della pura sequela di proposte editoriali meritevoli, risultato di un assiduo lavoro di ricerca, è opportuno comprendere il fenomeno del pubblico in fiera e le sue caratteristiche. Ecco alcuni degli eventi ai quali ho potuto assistere: Trilogia della cultura. Presentazione del sistema filosofico di Lucian Blaga; Ritorno a Emil Cioran. Presentazione dei libri di Emil Cioran; I miei paradossi. Intervista con Leonhard Reinisch (ed. La scuola di Pitagora); Un’altra verità. Lettere a Linde Birk e Dieter Schlesak, 1969-1986 (edizioni Mimesis); La nascita di una potenza regionale. La Romania dopo la Grande Guerra. Incontro con Alberto Basciani…

Ho avuto poi il piacere di rivedere l’eccellente traduttrice di Alessandro Baricco, Gabriela Lungu, impegnata stavolta nel processo inverso, ovvero la traduzione dal romeno all’italiano. Così ho assistito anche alla presentazione del libro di Radu Țuculescu, Il nostro bravo Michele,pregevole iniziativa dell’editrice Aracne, che pubblica drammaturgia romena, in questo caso commedie brillanti. L’autore e la traduttrice sono stati presentati con verve ed entusiasmo da Dan Octavian Cepraga, docente di letteratura romena presso l’Università di Padova.

All’ingresso della Sala Blu, per vedere e ascoltare Mircea Cărtărescu, non c’erano naturalmente solo scrittori e giornalisti romeni, ma anche lettori italiani, che hanno atteso nella lunga fila con pazienza. A dire la verità, la sala, dotata di “soli” 150 posti, si è rivelata poco capiente, dato che il pubblico europeo del “nostro” scrittore affluisce copioso ormai da diversi anni, poiché la notorietà e la sostanza del personaggio danno vita a una vera e propria reazione a catena. Molti, infatti, vengono a vederlo perché ne hanno sentito parlare nei media (mi riferisco a quanto avviene fuori dalla Romania) e, dopo averlo visto e ascoltato, lo adottano e fanno il passaparola, aumentando il numero dei potenziali interessati alla sua letteratura. Ricordo che qualche anno fa, a Göteborg, la scrittrice Sofi Oksanen (che ammiro per come sa affrontare argomenti dei più vari e, tra l’altro, per l’anticonformismo nell’abbigliamento) era sullo stesso palco di Mircea Cărtărescu e si ritrovò messa un po’ in disparte, non perché l’autore romeno lo facesse espressamente, ma perché le risposte che lui forniva alle stesse identiche domande del presentatore suscitavano nelle centinaia di spettatori molti più applausi delle sue. Nel discorso di Cărtărescu c’è qualcosa di semplice che conquista, qualcosa di denso, di paradossale e sincero. Della traduzione del suoAbbacinante ha parlato – me lo si consenta - l’altra superstar della serata, il professor Bruno Mazzoni, colui che meriterebbe forse un angolo apposito nel Museo Nazionale della Letteratura Romena, per il contributo decisivo dato alla conoscenza della letteratura romena in Italia e non solo.

Quest’anno il mio soggiorno torinese non è stato molto lungo – il Salone avveniva nella stessa settimana dell’anniversario del PEN Club Romania - ma abbastanza da poter partecipare ad alcuni eventi, vedere i miglioramenti rispetto alle altre edizioni (più sale insonorizzate, più spazio per gli atelier dedicati ai bambini, una sala stampa dove Internet, diversamente da quanto in genere accade in Italia, funzionava secondo parametri normali, almeno qui). E abbastanza per poter ammirare il logo di quest’anno: “Una ragazza, un libro, un muro, un orizzonte”.

* Mariana Gorczyca è scrittrice e giornalista. Autrice di romanzi, versi e racconti, la sua opera principale èParcurs (Percorso, edizioni Eikon 2013), originale romanzo in cui il gioco del golf diventa metafora della vita.

Traduzione dal romeno di Anita Natascia Bernacchia

Fonte: Osservatorio Balcani e Caucaso

Le persecuzioni contro gli omosessuali e l’esilio della danza romena

STORIA: Le persecuzioni contro gli omosessuali e l’esilio della danza romena

Federico Donatiello
 1 giorno fa

Il martello senza padrone di Pierre Boulez, messo in scena a Parigi dalla compagnia di balletto dell’Opera di Bucarest, fu il classico “successo di scandalo”. Era il 1965 e il governo romeno cercava accreditarsi a livello internazionale grazie a una moderata apertura verso la sperimentazione artistica. Nel corso degli anni Cinquanta, il proletcultism, variante nazionale del realismo socialista, aveva imposto canoni estetici molto restrittivi anche per il balletto: il nuovo corso “liberale” doveva dimostrare, invece, quanto la Romania fosse perfettamente sincronizzata dal punto di vista musicale con l’Occidente.

Dopo tanti anni, il Festival Internazionale della Danza, tenutosi nella capitale francese, fu la prima occasione per una troupe di balletto romena per esibirsi al di fuori della Romania. La scelta del direttore artistico Mihai Brediceanusi indirizzò verso Boulez: un’idea decisamente coraggiosa dato che i lavori in stile seriale del compositore francese non erano ancora mai stati oggetto di coreografia. Quest’ultima venne affidata a Stere Popescu, che volle riallacciarsi alle esperienze coreografiche espressioniste del periodo interbellico. Le grandi capacità artistiche di Brediceanu avevano portato a una vera e propria età dell’oro dell’Opera di Bucarest: qui, nel balletto, dominava lo straordinario sodalizio artistico tra i ballerini Gabriel Popescu e Silvia Liciu.

Le persecuzioni anti-gay

Lo scandalo ebbe conseguenze nefaste in patria: il primo premio inoltre spettò a una troupesovietica con grave scorno del nazionalismo romeno. Stere Popescu e il primo ballerino Gabriel Popescu decisero di chiedere asilo politico alla Francia. La richiesta non era dovuta soltanto al timore di ritorsioni: sia Stere che Gabriel Popescu (nonostante il cognome identico, i due non erano parenti) erano stati oggetti di una pesante persecuzione anti-gay.

Negli anni Cinquanta era stata messa in atto una prima ondata di omofobia di stato: l’attacco verso la sfera intima e personale costituiva, infatti, uno dei modi migliori per mettere a tacere l’opposizione intellettuale. Una vittima eccellente di queste prime persecuzioni fuGabriel Popescu che, nel 1959, venne condannato con un processo farsa. Il critico Liana Tugearu racconta che «venne rinchiuso e percosso ai menischi» e «una volta rilasciato, non era in grado di ballare».

Quanto accaduto impoverì molto la scena culturale perché costrinse artisti di grande valore all’allontanamento: Silvia Liciu decise di ritirarsi dalle scene poco tempo dopo la partenza di Gabriel Popescu. Questi si legò all’Italia, avendo come allieva e partner Carla Fracci.

 La difficile strada dell’esilio e il coreografo suicida

Stere Popescu, invece, nonostante gli inizi promettenti e la possibilità di una nuova vita in Occidente, si tolse la vita nel 1968. Monica Lovinescu, illustre rappresentante dell’esilio romeno, scrive alcune righe riguardo alla sua morte. Le sue parole, amaramente lucide, ci testimoniano lo stato di prostrazione umana cui può portare la condizione dell’esule:

Perché si è ucciso Stere Popescu? […] Era sulla soglia dell’esasperazione. Non si permetteva un attimo di respiro. Aveva già sofferto abbastanza per poter aspettare che un simile regime evolvesse verso una libertà reale. Sentiva che la “liberalizzazione” – così si chiamava allora – non sarebbe durata, che era una trappola e chissà quale sadico esperimento. […] In un simile stato di ansia e saturazione, il gesto di rottura viene da sé, non hai nemmeno il tempo di chiederti dove ti porta. […] Non è a causa della non realizzazione artistica che si è suicidato Stere Popescu nel marzo 1968”.

Chi è Federico Donatiello

Sono nato a Padova nel 1986. Ho studiato Lettere all'Università di Padova e mi sono laureato con una tesi in Filologia Romanza riguardante la poesia dei trovatori. Al momento sono dottorando di ricerca sempre presso l'Università di Padova con una tesi di storia della lingua romena. Mi occupo anche di traduzioni letterarie (specialmente dal romeno) e di storia del melodramma italiano.

Fonte: East Journal