La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

mercoledì 31 maggio 2017

Colf e badanti: 10 euro all’ora e più diritti. Ecco i nuovi voucher Inps per lavoro domestico

Colf e badanti: arriva il Libretto Famiglia, il nuovo contratto Inps telematico che prevede una retribuzione di 10 euro all’ora e maggiori diritti per i lavoratori.

Ecco novità e come funzionano i nuovi voucher.

Colf e badanti: i nuovi voucher introdotti dal Governo con un emendamento alla Manovra 2017 consentiranno ai lavoratori domestici di essere retribuiti per lavoro occasionale con buoni lavoro di valore unitario di 10 euro netti.

Si tratta del Libretto Famiglia che ogni datore di lavoro dovrà richiedere esclusivamente all’Inps; addio ai voucher acquistati presso tabacchi, poste e banche. Questa è la misura introdotta con la Manovra 2017 per colmare il vuoto per la retribuzione di piccoli lavoretti in ambito domestico.

I nuovi voucher, che rischiano di causare una frattura tra Governo e maggioranza, introducono un nuovo metodo di pagamento del lavoro domestico; colf, badanti e babysitter sono i lavoratori maggiormente interessati dalle nuove misure perché, come noto, con l’abolizione dei buoni lavoro Inps per molti era tornata come unica alternativa la retribuzione in nero.

Nonostante le proteste di chi sostiene che i nuovi voucher e il Libretto Famiglia non faranno altro che alimentare nuovamente la piaga del precariato, per alcune categorie di lavoratori non può che essere una buona notizie e tra questi soprattutto i lavoratori domestici, per i quali le famiglie difficilmente avrebbero accettato come alternativa quella di stipulare un regolare contratto di lavoro.

Il nuovo “contratto telematico” Inps per colf, badanti e babysitter consentirà di percepire una retribuzione netta oraria di 10 euro e secondo quanto contenuto nel testo dell’emendamento alla Manovra 2017 sono maggiori i diritti e le tutele per i lavoratori domestici.

Ecco come funziona il nuovo contratto Inps, chi potrà utilizzare i nuovi voucher per il lavoro domestico e quali sono le regole per colf, badanti, babysitter e datori di lavoro in ambito familiare che dovranno richiedere il Libretto Famiglia.

Colf e badanti: 10 euro all’ora e più diritti. Ecco come funziona il nuovo contratto Inps

Più che di un vero e proprio contratto, la Manovra 2017 ha introdotto in una nuova forma i tanto chiacchierati voucher, aboliti con l’accusa di essere uno strumento abusato e piaga del precariato che, tuttavia, nell’ambito del lavoro domestico si sono rivelati l’unico strumento in grado di far emergere il lavoro nero e irregolare.

 Per colf, badanti, babysitter e tutte le altre categorie di lavoratori impiegati in lavori commissionati da famiglie, il nuovo contratto Inps semplificato e telematico consentirà non soltanto di percepire 10 euro netti all’ora ma anche di essere maggiormente tutelati.

I lavoratori domestici retribuiti con i nuovi voucher Inps saranno coperti sia sul fronte previdenziale che su quello assicurativo; i datori di lavoro domestico, ovvero le famiglie, pagheranno per singolo voucher un importo complessivo di 12 euro. Oltre alla retribuzione oraria netta di 10 euro erogata in favore di colf, badanti e babysitter, i due euro aggiuntivi serviranno per pagare i contributi Inps e Inail in caso di infortuni sul lavoro.

 In più, la novità dei nuovi voucher e del Libretto Famiglia è che i lavoratori retribuiti con il nuovo contratto Inps saranno maggiormente tutelati: sono previsti riposi giornalieri e mensili di diritto. Tuttavia restano i limiti di retribuzione annua: nel corso dell’anno non si potrà percepire uno stipendio di importo maggiore a 5.000 euro in voucher e di 2.500 euro all’anno dallo stesso datore di lavoro.

 Dopo aver visto quali sono le novità per colf, badanti e babysitter, cerchiamo di capire cosa cambia invece per le famiglie che intendono richiedere il Libretto Famiglia per la retribuzione delle prestazioni di lavoro domestico con i nuovi voucher.

Libretto Famiglia: come funziona il nuovo contratto Inps per retribuire colf e badanti. Gli adempimenti del datore di lavoro domestico

 Le novità introdotte con i nuovi voucher 2017 non riguardano soltanto i lavoratori in ambito domestico e familiare ma anche i datori di lavoro, ovvero le famiglie, chiamate a rispettare nuove regole e nuovi adempimenti per la richiesta del Libretto Famiglia.

Il Libretto Famiglia dovrà essere acquistato esclusivamente tramite il sito Inps e i datori di lavoro domestico potranno usufruire anche del supporto degli Enti di Patronato sul territorio.

Sarà una sorta di carta pre-caricata con buoni lavoro da utilizzare per la retribuzione di piccoli lavori in ambito familiare, come prestazioni di colf, badanti, servizi di babysitting o assistenza a disabili e lavori di giardinaggio e manutenzione.

 Le famiglie avranno inoltre l’obbligo di trasmettere in modalità telematica all’Inps i dati sul lavoratore nei tempi previsti, oltre a comunicare le ore di lavoro, il luogo di svolgimento della prestazione occasionale e il compenso concordato. Lo stipendio verrà erogato al lavoratore direttamente dall’Inps tramite una carta prepagata; non si dovranno più riscuotere i voucher presso tabacchi e altri esercizi convenzionati.

Per l’entrata in vigore, l’utilizzo e le regole specifiche del Libretto Famiglia bisognerà tuttavia attendere: il voto alla Manovra 2017 e alle novità previste dovrebbe arrivare nelle prossime ore e successivamente sarà compito dell’Inps illustrare le novità del nuovo contratto telematico per colf e badanti.(Anna Maria D’Andrea)

Fonte:Money.it

Nessun commento:

Posta un commento