La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

lunedì 27 febbraio 2017

Expoziția «L’Armonia cromatica nella pittura romena conteporanea» in Noua Galerie a Institutului Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia, 2-23 martie 2017

 Comunicat de presa

2 martie 2017 - 23 martie 2017

Expoziţia «L'armonia cromatica nella pittura romena contemporanea» Noua Galerie a Institutului Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia, 2-23 martie 2017

Joi,2 martie 2017, la ora 18,00, în Noua Galerie a Institutului Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia, instituţia românească din oraşul istoric italian, în parteneriat cu Muzeul Judeţean Argeş din Piteşti, beneficiind de susţinerea Consiliului Judeţean Argeş şi a Institutului Cultural Român, va organiza vernisajul expoziţiei de artă vizuală «L'armonia cromatica nella pittura romena contemporanea», curatoriată de Augustin Lucici, ce va reuni lucrări ale unor artişti români contemporani aflate în colecţiile Galeriei de Artă «Rudolf Schweitzer-Cumpăna» a muzeului argeşean.

 În deschiderea expoziţiei, care se va afla la dispoziţia publicului în perioada 2-23 martie 2017, de marţea până duminica, în intervalul orar 10,00-13,00 şi 16,00-20,00, vor susţine alocuţiuni Prof. univ. dr. Rudolf Dinu (Directorul Institutului Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia), Lector univ. dr. Cornel Popescu (Managerul Muzeului Judeţean Argeş din Piteşti) şi doamna Simona Brătulescu (Vicepreşedinte al Consiliului Judeţean Argeş).

Expoziţia, care cuprinde 27 de lucrări ale unor artişti socotiţi de critică reprezentativi pentru peisajul artistic şi cultural din România, îşi propune să prezinte publicului o sugestivă selecţie de opere de referinţă din colecţiile Galeriei de Artă «Rudolf Schweitzer-Cumpăna» a Muzeului Judeţean Argeş din Piteşti menite a ilustra calităţile estetice ale picturii româneşti contemporane, diversitatea stilistică şi exuberanţa cromatică ce definesc evoluţia artei figurative din România în context regional şi general-european. Prin diversitatea stilurilor artiştilor şi a tematicilor abordate de aceştia, operele expuse se împart în patru categorii: compoziţie, natură statică, peisaj şi portretistică. Vor fi expuse lucrări ale următorilor artişti: Silviu Oravitzan Creţu («Peisaj galben»), George Filipescu («Compoziţie»), Constantin Marinescu («Compoziţie structură»), Gregorian Rusu («Capra»), Maria Diaconu («Capra I», «Capra II»), Madarassy György Tamás («Liniştea pământului»), Sorin Ilfoveanu («Natură statică»), Zemlényi Csaba («Oraşul medieval»), Alexandru Cumpătă («Natură moartă»), Marcel Bejgu («Trandafiri albi»), Dorin Caltofeanu («Natură statică cu obiecte»), Augustin Lucici («Ritmări în galben», «Conacul Bălcescu», «Peisaj la Mălureni», «Portret [W. Mărăcineanu]»), Costache Agafiţei («Vedere din Galata»), Virgil Demetrescu-Duval («Sibiu»), Maria Bănică («Grădina Ateneului»), A. G. Ionescu («Cioban de Vaideeni»), Lidia Nancuischi («Tânără din Ghelari»), George Ţipoia («Pictor în faţa tabloului»), Zamfir Dumitrescu («Ion Andreescu»), Nicolae Filoteanu («Tânără cu chitară»), Florica Steriade («Portret de copil»), Doina Moisescu («Maternitate»), Vladimir Zamfirescu («Oţelar»).

Organizatorii expoziţiei îşi doresc să contribuie la mai buna cunoaştere a patrimoniului cultural naţional în Italia, a calităţii estetice a artei contemporane româneşti, prezentându-l publicului din celebrul oraş istoric italian, urbe vizitată anual de peste 20 de milioane de turişti din întreaga lume.

Secretariat organizatoric:

Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica
Palazzo Correr, Campo Santa Fosca
Cannaregio 2214, 30121 Venezia (VE)
Italia

Tel.: +39 041 52 42 309
Fax: +39 041 71 53 31
E-mail: istiorga@tin.it




---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Comunicato stampa

Mostra
«L’armonia cromatica nella pittura romena contemporanea»Nuova Galleria dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia
2–23 marzo 2017

Giovedì 2 marzo 2017, alle ore 18,00, presso la Nuova Galleria dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia sita in Cannaregio 2215, 30121 Venezia (VE), l’Istituto che svolge la propria attività nella celebre città d’arte italiana e il Museo Regionale Argeş di Piteşti, con il supporto del Consiglio Regionale Argeş e dell’Istituto Culturale Romeno di Bucarest, inaugura la mostra «L’armonia cromatica nella pittura romena contemporanea» (curatore della mostra: Augustin Lucici) che intende proporre uno spaccato dell’arte romena contemporanea e consiste in opere provenienti dalla collezione della Galleria d’Arte «Rudolf Schweitzer–Cumpăna» dello stesso museo.

All’apertura della mostra, che potrà essere visitata dal pubblico nei giorni che vanno dal 2 al 23 marzo 2017, da martedì alla domenica, dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 16,00 alle 20,00, interverranno il Prof. Rudolf Dinu (Direttore dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia), il Dr. Cornel Popescu (Direttore del Museo Regionale Argeş di Piteşti) e la Dott.ssa Simona Brătulescu (Vicepresidente del Consiglio Regionale Argeş).

In occasione della mostra sono stati selezionati 27 quadri di diversi artisti del XX e XXI secolo, pittori ritenuti dalla critica tra i più rappresentativi della pittura romena contemporanea, opere provenienti dalla collezione della Galleria d’Arte «Rudolf Schweitzer–Cumpăna» del Museo Regionale Argeş di Piteşti. Le opere pittoriche, di rilevante valore estetico, presentano un’esuberanza cromatica e una diversità di temi e prospettive che nella loro pluralità ci consentiranno di percorrere le tappe dell’evoluzione dell’arte nel contesto romeno ed europeo. Per la diversità stilistica e tematica, le opere pittoriche si dividono in quattro categorie: composizione, natura statica, paesaggistica, ritratto: Silviu Oravitzan Creţu («Paesaggio dalle tonalità giallastre»), George Filipescu («Composizione»), Constantin Marinescu («Composizione strutturale»), Gregorian Rusu («La capra»), Maria Diaconu («La capra I», «La capra II»), Madarassy György Tamás («Il silenzio della terra»), Sorin Ilfoveanu («Natura statica»), Zemlényi Csaba («La città medievale»), Alexandru Cumpătă («Natura morta»), Marcel Bejgu («Rose bianche»), Dorin Caltofeanu («Natura statica e vari oggetti»), Augustin Lucici («Variazioni del giallo», «Villa Bălcescu», «Paesaggio di Mălureni», «Ritratto [Walter Mărăcineanu]»), Costache Agafiţei («Veduta di Galata»), Virgil Demetrescu–Duval («Sibiu»), Maria Bănică («Il giardino dell’Ateneo Romeno di Bucarest»), A. G. Ionescu («Pecoraio di Vaideeni»), Lidia Nancuischi («Fanciulla di Ghelari»), George Ţipoia («Pittore davanti al suo quadro»), Zamfir Dumitrescu («Ion Andreescu»), Nicolae Filoteanu («Fanciulla con la chitarra»), Florica Steriade («Ritratto di un bambino»), Doina Moisescu («Maternità»), Vladimir Zamfirescu («Operaio delle acciaierie»).

Gli organizzatori della mostra intendono contribuire a una migliore conoscenza in Italia del valore estetico–culturale del patrimonio artistico romeno, mettendolo a disposizione di un ampio pubblico amante della cultura in tutte le sue forme, soprattutto dell’arte visiva, nella splendida cornice della città di Venezia, una delle città d’arte italiane più famose nel mondo, meta di decine di milioni di visitatori annuali provenienti dall’Europa e dal resto del mondo.

Segreteria organizzativa:

Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica
Palazzo Correr, Campo Santa Fosca
Cannaregio 2214, 30121 Venezia (VE)
Italia

Tel.: +39 041 52 42 309
Fax: +39 041 71 53 31
E-mail: istiorga@tin.it

martedì 21 febbraio 2017

Taxe consulare - intra în vigoare Legea nr. 1/2017 care elimină cvasitotalitatea taxelor consulare

La data de 1 februarie 2017 va intra în vigoare Legea nr. 1/2017, care, între altele, elimină cvasitotalitatea taxelor aferente serviciilor consulare prestate de misiunile diplomatice și oficiile consulare ale României în străinătate.

În consecință, începând cu data de 1 februarie 2017, cetățenii români din străinătate vor beneficia de prestarea cu titlu gratuit a serviciilor consulare în materie de întocmire a actelor de stare civilă, a actelor notariale (autentificări, legalizări, certificări), eliberare a titlurilor de călătorie, acordare/redobândire a cetățeniei române, procurare de acte judiciare și extrajudiciare, verificare a valabilității permiselor de conducere, precum și a altor servicii consulare.

La eliberarea pașapoartelor simple electronice și a celor temporare, a fost eliminată taxa consulară aferentă, care constituia venit la bugetul de stat, cu mențiunea că de la solicitanți se va percepe în continuare, la fel ca la depunerea cererilor în țară, contravaloarea blanchetelor pașapoartelor (în cuantum de 59 euro pentru un pașaport simplu electronic, respectiv 20 euro pentru unul temporar), care reprezintă costul de producție al acestor documente de călătorie și care se virează către producători.

La autentificarea actelor notariale care urmează a fi utilizate în cadrul unor proceduri notariale din România, se va încasa doar tariful de publicitate notarială în vederea înscrierii actelor respective în registrele naționale notariale din țară (în cuantum de 3 euro), care se virează către Centrul Național de Administrare a Registrelor Naționale Notariale din cadrul Uniunii Naționale a Notarilor Publici din România, taxa consulară aferentă fiind eliminată.

Pentru a asigura aplicarea noilor prevederi legale în condiții de maximă eficiență și operativitate, în interesul cetățenilor români care apelează la serviciile consulare, Ministerul Afacerilor Externe a întreprins o serie de demersuri vizând actualizarea procedurilor și instrumentelor de lucru specifice, gestionarea corespunzătoare a activității de preluare și procesare a cererilor de servicii consulare, precum și diseminarea informațiilor privind noul regim de taxare în rândul comunităților românești din străinătate.

De asemenea, printr-un act normativ adoptat recent la nivelul Guvernului, a fost reglementată și finanțarea din alocații bugetare a unor activități care anterior erau suportate exclusiv din taxele de urgență accesorii taxelor consulare, precum asistența financiară în anumite cazuri umanitare și retribuirea personalului consular angajat pe plan local. Tot printr-o decizie recentă a Guvernului, schema de încadrare cu personal a serviciului exterior al Ministerului Afacerilor Externe a fost suplimentată cu 50 de posturi consulare, în vederea optimizării capacității de procesare a serviciilor consulare.

Sursa:Consulatul General al Romaniei la Torino

lunedì 20 febbraio 2017

Legge sulla corruzione, la comunità romena torinese torna in strada

I manifestanti in piazza San Carlo e a Porta Nuova hanno chiesto le dimissioni del governo del loro Paese d'origine

Continuano i flash-mob della comunità romena torinese contro la legge sulla corruzione nel Paese d'origine.

Sabato 18 febbraio 2017, i manifestanti hanno tenuto presidi in piazza San Carlo e davanti alla stazione di Porta Nuova. Ancora una volta hanno chiesto al governo di dimettersi e hanno distribuito volantini ed esposto cartelli con la scritta "Coruptia ucide. #rezist".

Iniziative analoghe si erano svolte la scorsa settimana.

Fonte:Torino Today

giovedì 16 febbraio 2017

România la cea de-a VIII-a ediţie a Carnavalului Internaţional al Copiilor. “Mărțișor” – semn de primăvară

Comunicato stampa

20 februarie 2017 - 24 februarie 2017 Institutul Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia propune, cu ocazia celei de-a VIII-a ediţie a Carnavalului Internaţional al Copiilor organizat de Bienala de la Veneţia, o serie de ateliere de creaţie dedicate tradiţiei româneşti a mărţişorului. Workshopurile organizate de România la acest eveniment, destinate copiilor de toate vârstele, vor avea loc în perioada 20-24 februarie zilnic, de la orele 9,45 şi 12.30.

Tradiția românească are un ritual simbolic pentru fiecare etapa a vieții şi pentru fiecare eveniment semnificativ din natura. Mărțișorul este mai mult decât un obicei tradițional, este un simbol al începutului, al renașterii şi al belșugului. Într-o contemporaneitate dominată de tehnologie, reîntoarcerea la poveste, mai ales o poveste cu aura mitologică şi care a străbătut istoria timp de secole, este o călătorie, o experiența. Pentru a crea un obiect simbolic înseamnă, pentru copii si tineri, a investi obiectul respectiv şi cu o valoare simbolica proprie, ascunsa între semnificațiile generale. Povestea devine vie, dinamică, se creează odată cu obiectul - în acest caz mărțișorul, este simultan evocată şi trăită, o condensare a trecutului, prezentului si viitorului.

Seria de workshop-uri propuse în cadrul acestui proiect are ca scop personalizarea mărțișorului care, asemenea măștilor venețiene, îmbracă forme consacrate, dar lasă loc interpretărilor, fanteziei, introspecției. Chiar daca sunt concepute ca jocuri, ca experimente creative, aceste workshop-uri au ca obiective redescoperirea valorii simbolice a lumii exterioare (indiferent de vârsta, copiii sunt capabili să atribuie semnificații fiecărui element sau eveniment din viață și lumea care ii înconjoară) şi crearea propriilor semne, crearea propriei semnături printr-un simbol.

Evenimentul este organizat de Institutul Român de Cultură şi Cercetare Umanistică de la Veneţia cu sprijinul Institutului Cultural Român

Pentru informații suplimentare despre participarea României la Carnavalul Internaţional al Copiilor: Alexandru Damian, alexandru.damian@icr.ro, 041-5242309

Pentru informaţii despre cea de-a 8-a ediţie a Carnavalului Internaţional al Copiilor: http://www.labiennale.org/

mercoledì 15 febbraio 2017

Seconda edizione del festival teatrale "NarrAzioni"

Comunicato stampa

Quattro spettacoli al Mat - Apertura sabato 18 febbraio con Ulderico Pesce

Seconda edizione del festival teatrale "NarrAzioni"

Dal 18 febbraio torna al Mat di Viterbo la rassegna “NarrAzioni” a cura di HùRum teatro, compagnia Teatraedro e Arpa.

Dopo lo scorso anno, che ha visto in scena spettacoli di narrazione sul tema “Storie e suoni dal mondo”, in questa seconda edizione sono i personaggi stessi che si raccontano, in tessiture drammaturgiche dove sono le loro storie a diventare protagoniste.

Apre la rassegna sabato 18 febbraio alle 21,30 Ulderico Pesce con “Moro: i 55 giorni che cambiarono l’Italia”, spettacolo recentemente ospitato al teatro India di Roma e portato in scena con numerose repliche in tutta Italia.

Il racconto scenico, scritto con Federico Imposimato e con interventi video del giudice stesso, vuole prima di tutto contribuire alla scoperta della verità e alla sua divulgazione.  - ATTENZIONE LO SPETTACOLO E' AL COMPLETO -

Domenica 19 febbraio alle 18,30 la compagnia HùRum teatro presenta lo spettacolo “Diario di Eva” tratto da Mark Twain per la regia di Silvia Giorgi con Berta Filacchione e con le musiche di Fabio Porroni.  - a seguire cena - contributo serata: 7 euro spettacolo + 5 cena

Il linguaggio usato prende spunto da una traduzione al testo di Dario Fo e Franca Rame, dove, la parola insegue le cadenze di un madrigale, una reinvenzione che prende ispirazione dalla prosa di Boccaccio.

La rassegna riprenderà poi sabato 1 aprile alle 19,30 con “Drumul. La strada”, scritto e diretto da Lorenzo Di Matteo con Marius Bizău, attore italo-romeno attualmente impegnato nelle riprese del film per la tv “Romanzo familiare” (Rai Uno), per la regia di Francesca Archibugi.

“Drumul. La strada” racconta una storia vera, che è quella dell’attore stesso, Marius: metà vita in Romania, l’altra metà in Italia. Alla ricerca di una nuova armonia tra due culture, cercando una nuova strada.

A concludere la rassegna, la la compagnia Arpa domenica 2 aprile alle 18,30 porta in scena “Grasse matinée”, tratto dal testo di René de Obaldia.

Le due attrici, Eva Genova e Tiziana Di Nunno, interpretano due donne morte, che nelle rispettive bare ricordano e raccontano avvenimenti della loro vita, dialogando su se stesse, il mondo, l’amore, il senso della vita e della morte. Un linguaggio ricco e divertente, pieno di ritmo e humor, ma che sottende i temi fondamentali dell’esistenza.


L'INGRESSO AL MAT E' RISERVATO AI SOCI 2017

Non sei ancora tesserato e desideri farlo ?
➟ registrati mandando una mail di richiesta a info@tetraedro.org o manda un msg ad uno dei nostri numeri - 368 3750512 - 349 1591280 , riceverai tutte le info e lo Statuto dell'Associazione;
➟ RITIRA la Tessera all'ingresso.
Tra Registrazione e Ritiro devono intercorrere 24h, quindi non ridurti all'ultimo momento!!
Basta un semplice messaggio.

Flahmob a Torino della comunità rumena contro la corruzione e il decreto salva corrotti

Sabato 11 febbraio si è svolto a Torino un flashmob della comunità della Romania contro la corruzione nel paese dopo che il Governo rumeno ha adottato di notte e con procedura d’urgenzaquello che molti cittadini definiscono il decreto “salva-corrotti”, la OUG n.13/2017.

 Il flashmob ha visto una catena umana in Piazza Castello e davanti alla Mole Antonelliana, luoghi simbolo della città di Torino, che mostrava in silenzio la frase: “Coruptia ucide. #Rezist!

 Il decreto consente ai politici di eludere i procedimenti penali e depenalizza alcuni reati non violenti, come l’abuso d’ufficio e il favoreggiamento. Rende l’abuso di potere punibile con il carcere solo nel caso in cui fosse stato dimostrabile un danno per lo stato superiore a 44.000 euro.

 Secondo i manifestanti

 Liviu Dragnea Leader PSD, già condannato a due anni di reclusione per frode elettorale , a dicembre è stato rinviato a giudizio per abuso d’ufficio. Il processo a Dragnea si è aperto martedì 31 gennaio ed il decreto è stato emanato con procedura d’urgenza qualche ora dopo, in seduta notturna.

 La Romania è uno dei paesi più corrotti dell’Unione Europea, di cui fa parte dal 2007. Secondo uno studio del 2016 il 15% dei parlamentari eletti nel 2012 era sotto indagine per corruzione, lo era stato, o si era già dimesso in passato per accuse di questo tipo. Negli ultimi anni centinaia di funzionari e politici sono stati arrestati per abuso di potere e corruzione.

Parliamo delle più grandi manifestazioni nel paese da quelle che nel 1989 portarono alla caduta del regime comunista. Il popolo dice NO alla corruzione giorno e notte davanti alla sede del Governo e in tutte le grandi piazze del Paese. Numerose le proteste anche nelle città europee, e non solo, con maggior numero di residenti romeni. Klaus Iohannis presidente della Romania, ha promesso di fare tutto il possibile per ‘ripristinare lo stato di diritto’ schierandosi dalla parte del popolo.(Fotografie di Bianca Pascariu e Chiper George)

Fonte:Quotidiano Piemontese

Lomagna: incontro con la comunità rumena il 25

Questo mese Lomagna fa tappa in Romania, paese di provenienza di una delle comunità straniere più numerose in paese. E' in calendario, infatti, il 25 febbraio il terzo appuntamento intitolato 'Un pezzo di me un pezzo di noi' promosso dall'Amministrazione in collaborazione con alcune associazioni (Ale G, GSO e Bibliocultura) e con la Parrocchia.

 Grazie ad alcuni rappresentanti, membri da molti anni della comunità, si potrà conoscere meglio la Romania, uno stato ricco di storia, tradizioni e fantastici panorami spesso vittima di pregiudizi diffusi. L'appuntamento è fissato per sabato 25 febbraio alle ore 21 presso la palestra dell'oratorio. Sarà l'occasione per ascoltare, mangiare, ballare ma soprattutto per incontrarsi e condividere un'esperienza. Come successo per le altre iniziative del progetto 'Un pezzo di me un pezzo di noi', a partire da sabato 18 febbraio, sarà allestita presso l'Auditorium di via Roma 2 una piccola mostra di oggetti rumeni per cominciare a conoscere alcuni aspetti di questo stato e della sua popolazione. Per chi la volesse visitare la mostra sarà aperta dal 18 al 25 febbraio negli orari di apertura della biblioteca.

Il progetto "Un pezzo di me un pezzo di noi" è nato alla fine del 2016 dal tentativo di accogliere localmente la responsabilità di una riflessione sul tema del migrare e di assumere una responsabilità personale e comunitaria rispetto ai fatti che avvengono nel mondo, che ci appare sempre più complesso e diviso e in cui troppo spesso facciamo fatica a riconoscere l'umanità e il valore fondamentale dell'essere umano. L'Amministrazione Comunale di Lomagna ha quindi promosso un tavolo di lavoro, in cui sono stati coinvolti attivamente la Parrocchia SS Pietro e Paolo, l'Associazione Ale G, il Gruppo Sportivo Oratorio Lomagna, l'Associazione Bibliocultura, L'Associazione La Convivenza, le comunità locali di immigrati e privati cittadini: grazie all'adesione a questo tavolo di lavoro, alla condivisione degli obiettivi e dell'opportunità del percorso, è stato co-costruito il progetto che prevede tanti eventi, tutti collegati e finalizzati a concretizzare occasioni di riflessione e di incontro per aiutare a ritrovare il senso di essere comunità solidale, aperta e accogliente, per riscoprirsi persone sempre più capaci di riconoscere pari dignità all'esistenza di altre persone, di saper leggere e promuoverne le risorse e le qualità. Ecco allora la proposta: mettersi in viaggio, in un viaggio al tempo stesso concreto e simbolico, con una valigia vuota, senza preconcetti e pregiudizi, partendo da una dimensione personale (ME) per arrivare ad una dimensione comunitaria (NOI), un viaggio che non può che arricchire se ci si mette in ascolto aperto e attento delle persone che incontreremo, delle loro storie, delle loro vite.

Il percorso prevede diverse tappe: incontri di confronto e conoscenza dei paesi maggiormente rappresentati a Lomagna attraverso iniziative realizzate grazie all'attivazione diretta delle Comunità locali (si sono è già svolti a novembre il primo incontro dedicato al Marocco e a gennaio il secondo incontro sul Senegal), momenti di riflessione e spettacoli teatrali, testimonianze e storie di migrazione, gruppi di lettura relativamente a testi di autori immigrati di seconda generazione (a cura dell'Associazione Bibliocultura), mostre presso l'Auditorium, eventi sportivi, presentazione di un'analisi di dati e informazioni sul tema dell'immigrazione e dei migranti, una festa conclusiva. Il programma è, quindi, molto ricco e tutto da esplorare.

Fonte:Merate Online