La comunità romena in Italia

La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza dal paese natale.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Comunitatea Românească în Italia

Locul unde comunitatea românească se regăsește zilnic în știri, noutăți, mărturii, informații și sfaturi, pentru a nu uita rădăcinile și a trăi mai bine departe de țara natală. Informații utile pentru românii care trăiesc în Italia, despre oportunitățile pe care le oferă realitatea din jur și pentru a deveni cetățeni activi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate! Commenta gli articoli pubblicati!

mercoledì 23 giugno 2021

Effetto del blocco sul mercato del lavoro europeo

In un recente rapporto, diversi milioni di posti di lavoro sono a rischio se il blocco continua per mesi. In effetti, lo studio è stato specifico nel riferire che circa un quinto di tutti i lavoratori è minacciato. 
E questo può essere frenato solo se il blocco in Gran Bretagna e in altri paesi europei verrà gradualmente eliminato in alcuni settori molto importanti. 
Ciò sta a indicare che alcuni settori dell'economia che non sono considerati elementi essenziali possono toccare il fondo. 
 La buona notizia, tuttavia, è che molte persone stanno adattando le proprie competenze per assumere nuovi ruoli. 
Mentre vi è una drastica perdita di posti di lavoro in diverse aziende all'ingrosso, al dettaglio, in hotel, in ristoranti e pub, l'infrastruttura digitale del mondo sta promuovendo posti di lavoro remoti. 
Tuttavia, nonostante questi cambiamenti nel modo di lavorare, l'economia sta ancora subendo un colpo. Questo sta semplicemente raccontando l'importanza del mercato del lavoro. Il tuo lavoro è importante per la crescita e il sostentamento del Paese. 
 Il crollo del mercato del lavoro è sinonimo del crollo dell'economia e ciò richiede un'evoluzione in tempo reale del funzionamento del mercato del lavoro. 
Per i paesi che sono principalmente guidati dal mercato del lavoro, il blocco ha portato lo stato ad intervenire per allentare la pressione sulle famiglie. Ma c'è solo un limite a quanto tempo può persistere. 
 L'effetto è attualmente dannoso per il mercato del lavoro, che pone l'accento sul drastico cambiamento nel futuro del lavoro. 
Non si può dire che la sezione del mercato del lavoro che si sta comportando in modo efficiente in questo periodo sia la sezione remota dei lavori. 
 Il mondo è cambiato, un nuovo modo di vivere e stanno emergendo affari, le start-up stanno spuntando e le aziende lavorano a distanza. Il mercato del lavoro è in rapida evoluzione e molti non sembrano riconoscere questo fatto. 
Questo è un cambiamento e tu, come cercatore di lavoro, devi essere pronto. 

 ​Fonte: Jobsora

lunedì 21 giugno 2021

Consiliul UE a adoptat Garanția europeană pentru copii, în vederea promovării egalității de șanse pentru copiii expuși riscului de sărăcie sau de excluziune socială

Statele membre au adoptat luni o recomandare de instituire a Garanției europene pentru copii. 

Potrivit unui comunicat remis CaleaEuropeană.ro, Consiliul Uniunii Europene urmărește să prevină și să combată excluziunea socială a copiilor aflați în dificultate prin garantarea accesului la un set de servicii-cheie, contribuind astfel la respectarea drepturilor acestora prin combaterea sărăciei în rândul copiilor și promovarea egalității de șanse. 
Recomandarea îndeamnă statele membre să asigure accesul efectiv și gratuit la educația și îngrijirea copiilor preșcolari, la educație și activități școlare, la cel puțin o masă sănătoasă în fiecare zi de școală și la asistență medicală, precum și accesul efectiv la o alimentație sănătoasă și la o locuință adecvată. ”Copiii sunt viitorul nostru. 
Planul de acțiune al drepturilor sociale a stabilit un obiectiv ambițios de reducere cu cinci milioane, până în 2030, a numărului de copii expuși riscului de sărăcie sau excluziune socială, iar acest obiectiv a fost consolidat la Summitul social de la Porto. 
Garanția europeană pentru copii reprezintă un pas important în direcția atingerii acestui obiectiv. 
Avem nevoie de o acțiune concertată pentru a ne asigura că abordăm problema dezavantajelor și a excluziunii în primii ani de viață ai copiilor noștri, pentru a le garanta un viitor mai bun în viața de adult”, a transmis ministrul portughez al muncii, solidarității și securității sociale, Ana Mendes Godinho. 
Aproape 18 milioane de copii din UE sunt expuși riscului de sărăcie sau de excluziune socială, iar criza COVID-19 va accentua inegalitățile existente. 
 Recomandarea adoptată de Consiliul UE stabilește o serie de măsuri precum: 
  •  crearea unui cadru politic pentru a aborda excluziunea socială a copiilor; 
  • identificarea și eliminarea barierelor financiare și nefinanciare din calea participării la educația și îngrijirea copiilor preșcolari, la educație și la activitățile școlare; 
  • cel puțin o masă sănătoasă în fiecare zi de școală; 
  • asigurarea furnizării de materiale educaționale, inclusiv instrumente educaționale digitale, cărți, uniforme și orice articole vestimentare necesare; 
  • asigurarea transportului către unitățile de educație și îngrijire a copiilor preșcolari și de învățământ;
  • asigurarea accesului egal și incluziv la activitățile școlare, inclusiv participarea la excursii școlare și la activități sportive, de agrement și culturale; 
  • punerea în aplicare a unor programe accesibile de promovare a sănătății și de prevenire a bolilor, destinate copiilor aflați în dificultate și familiilor acestora; 
  • asigurarea accesului la asistență socială pentru copiii aflați în dificultate și pentru familiile acestora.
Garanția europeană pentru copii este primul instrument de politică la nivelul UE care vizează combaterea dezavantajelor și a excluziunii în copilărie, care duc adesea la dezavantaje în viața adultă. Garanția pentru copii pune în practică principiul 11 din Pilonul european al drepturilor sociale privind îngrijirea și sprijinirea copiilor. 
Acest pilon reprezintă strategia UE de construire a unei Europe sociale echitabile și favorabile incluziunii.                
    Recomandarea stipulează că statele membre ar trebui să desemneze un coordonator național al Garanției pentru copii care să coordoneze și să prezinte Comisiei, în termen de nouă luni de la adoptarea recomandării, un plan de acțiune care să acopere perioada până în 2030. 
    Statele membre ar trebui să prezinte Comisiei, la fiecare doi ani, un raport despre progresele înregistrate în punerea în aplicare a acestei recomandări. Comisia Europeană are sarcina de a analiza progresele înregistrate și de a prezenta un raport Consiliului la cinci ani de la adoptarea regulamentului. 
    Comisia își va fixa drept obiectiv îmbunătățirea standardelor în materie de educație și îngrijire timpurie la nivelul UE și construirea unui sistem de educație incluziv și de calitate. 
Alte drepturi avute in vedere:
Dreptul copiilor de a duce o viață ferită de violență:  
Dreptul copiilor la o justiție care este în interesul lor, indiferent dacă sunt victime, martori, suspecți, acuzați de săvârșirea unei infracțiuni sau părți în cadrul unei proceduri judiciare. 
Dreptul copiilor de a naviga în condiții de siguranță în mediul digital și de a profita de oportunitățile oferite de acesta: 
Drepturile copiilor pe plan internațional: Drepturile copiilor sunt universale, iar UE își reafirmă angajamentul de a proteja, a promova și a veghea la respectarea acestor drepturi pe plan internațional și în cadrul forurilor multilaterale.
În acest sens va aloca, de exemplu, 10 % din fondurile destinate ajutorului umanitar pentru sprijinirea educației copiilor aflați în situații de urgență și de criză prelungită. Până în 2022, Comisia va elabora un plan de acțiune pentru tineret pentru a promova participarea tinerilor și a copiilor la nivel mondial și a consolida capacitățile de protecție a copilului în cadrul delegațiilor UE. 
De asemenea, Comisia are o politică de toleranță zero față de exploatarea prin muncă a copiilor.

domenica 20 giugno 2021

Da Sacile all’Europa riparte il progetto AdTrans-MEDES sulla mediazione scolastica

12 partner di 4 Paesi Europei al lavoro per la ripartenza del progetto europeo AdTrans-MEDES, prosecuzione, nel senso della disseminazione di buone prassi, del progetto MEDES già finanziato da Erasmus+ nel triennio 2015-18. 
Una conferenza stampa in presenza e via web ha riunito nuovamente i partner delle città gemellate di Vila-real (Spagna), Sacile (Italia), La Réole (Francia) e Novigrad-Cittanova (Croazia) per riprendere la programmazione delle attività, prorogate dal Covid fino a primavera 2022. 
La rete europea coinvolge Comuni, scuole – dalle primarie alle superiori – associazioni e centri socio-educativi per incentivare l’uso delle metodologie di Mediazione come strumento di risoluzione dei conflitti, contribuendo al miglioramento del clima educativo e alla riduzione dell’abbandono scolastico. Hanno partecipato al meeting anche i rappresentanti del Comune di Sabaudia, legati a Sacile da un Patto di Amicizia e interessati a seguire gli sviluppi del progetto.

Italia. Român, căutat în toată Europa, se cazase liniștit într-un hostel din Piacenza

Cu toate că pe numele lui fusese emise un mandat european de arestare, un cetățean român în vârstă de 50 de ani stătea liniștit într-un hostel din orașul italia Piacenza. 

Cu toate acestea, numele românului nu a scăpat de sistemul de control, care transmite, zilnic, la poliție cazările de la hoteluri și pensiuni. 

Astfel, polițiștii s-au deplasat la fața locului și l-au arestat pe bărbatul român, care era căutat atât în Italia, cât și în România, pentru mai multe jafuri comise, relatează piacenzaonline.info. 
Românul a fost însoțit la închisoarea Novate. 
Acesta fusese condamnat, de justiția italiană, la trei ani și șase luni pentru furt, dar și de justiția română, la cinci ani de închisoare pentru infracțiuni împotriva persoanei.

sabato 19 giugno 2021

Cu ocazia zilei Mondiale a Limbii Române - concurs dedicat copiilor și tinerilor români din Italia de la 0 -18 ani


Dăm startul la concursul de creație literară și desen dedicat Limbii Române: organizatori GRASP Milano și Centro Culturale Italo Romeno în Parteneriat cu Digi Mobil Italia, câștigătorii vor fi premiați cu ocazia Zilei Limbii Române
Concursul este dedicat copiilor și tinerilor români din Italia de la 0 -18 ani. 
Participanții pot trimite creațiile lor în perioada 15 Iunie - 31 Iulie. 
Participarea este gratuită! 
Pe 31 August se sărbătorește Ziua Mondială a Limbii Române: cu aceasta ocazie GRASP Milano și Centro Culturale Italo -Romeno Milano în parteneriat cu Digi Mobil Italia lansează un concurs dedicat copiilor și tinerilor români din Italia cu vârsta între 0-18 ani pentru a sărbători legătura acestora cu limba română și pentru a promova talentul și creativitatea acestora. 
Participarea este gratuită și participanții pot trimite până pe 31 Iulie, un desen sau un eseu de maxim 300 de cuvinte în limba română, pe una dintre cele trei teme le alegere propuse de organizatori, “Dorul de bunici” tema care își propune să evidențieze emoțiile copiilor legate de relația cu bunici și rudele care sunt departe de ei, “Limba română -tezaur” tema legată de importanța limbii române în a transmite valorile și tradițiile românești și “Pandemia COVID19 tema propusă pentru a da oportunitatea copiilor să își exprime sentimentele legate de acest moment istoric pe care îl trăim cu toții. 
Creațiile artistice și literare vor fi selectate și evaluate de către juriu pe parcursul lunii august, iar în data de 31 iulie, cu ocazia sărbătoririi Zilei Mondiale a Limbii Române vor fi anunțați câștigătorii: se vor acorda câte trei premii (I, II, III) pentru fiecare secțiune a concursului (eseu și desen) pentru fiecare grupă de vârstă (până la 10 ani, de la 10 la 14 ani și de la 14 la 18 ani) plus un premiu special de popularitate care va fi acordat desenului care va primi cele mai multe aprecieri pe canalele de socializare GRASP Milano. 
Premiile vor consta în cărți, rechizite și voucher pentru participarea la cursuri de creație literară și artistică. Dragos Chivu, Directorul General Digi Mobil Italia afirma: “Suntem foarte încântați de oportunitatea de a fi parteneri în această inițiativă împreună cu GRASP Milano și Centrul Cultural Italo-Român. 
Acesta este un proiect menit să favorizeze dezvoltarea și creșterea culturală a tinerelor noastre talente care trăiesc în Italia, fără a uita țara de origine și valorile culturale ale acesteia, în acest moment istoric în care apropierea și apartenența la tradițiile românești a căpătat o semnificație deosebit de importantă, mai ales în rândul tinerei generații. 
Și toate acestea se potrivesc perfect cu viziunea Digi Italia, care a jucat întotdeauna un rol de promotor în acest context.”
Pentru mai multe informații despre concurs puteți vizita pagina: https://mygrasp.org/our--projects/concurs-de-creatie-literara-si-desen/

Costruire un nuovo mercato del lavoro

Costruire un nuovo mercato del lavoro: l'Europa è pronta per una nuova pandemia?
 
Il 23 marzo 2020, il Regno Unito ha dichiarato un blocco per frenare la pandemia di Coronavirus. 
Mentre questa misura restrittiva adottata dal governo sembra aver aiutato a controllare la diffusione del virus, ha anche avuto effetti drastici sulla vita lavorativa di milioni di persone poiché molti lavoratori hanno perso il lavoro. 
E altri milioni sono stati collocati in in regimi di occupazione a breve termine. 
 Quasi tutti i settori dei mercati del lavoro europei sono stati colpiti dal blocco COVID-19 e dalle restrizioni alla mobilità. 
La maggior parte delle sono state costrette a chiudere completamente, mentre la maggior parte delle aziende che stanno ancora operando hanno registrato un calo delle entrate. 
Si prevede che l'economia europea si ridurrà di circa il 7%, con un tasso di disoccupazione che sale dal 6,7% nel 2019 al 9% nel 2020, come previsto dalle previsioni economiche di primavera della Commissione europea. 
È importante sapere come le imprese europee si stanno preparando per il mercato del lavoro in trasformazione. 
Questo post cerca di affrontare quanto segue: Professionisti molto richiesti: quali professioni avranno un aumento della domanda Chi rischia di perdere il lavoro? Cosa stanno facendo le aziende per garantire che i dipendenti mantengano il loro posto di lavoro? Quali professioni avranno un aumento della domanda? 
Molte aziende e professioni hanno subito gravi perdite a causa del blocco COVID-19. 
Tuttavia, ce ne sono alcuni che prosperano in quanto hanno registrato un aumento significativo della domanda. 
 Le misure restrittive adottate dal governo per fermare la diffusione del virus hanno portato a importanti aggiustamenti per le aziende poiché la maggior parte delle aziende modifica i propri modelli di business e ambienti per adattarsi alla crisi COVID-19. 
  •  Ecco sei professioni con una domanda crescente: 
 1. Specialisti sanitari 
 A causa della pandemia di COVID-19, gli specialisti sanitari stanno subendo un aumento della domanda. 
La pandemia ha messo in luce l'importanza di una buona salute e il ruolo cruciale svolto dai professionisti del settore sanitario nel trattamento e nel contenimento della diffusione del virus. Molte attrezzature e prodotti medici sono anche molto richiesti, come maschere chirurgiche e disinfettanti per le mani. Gli squilibri della forza lavoro sanitaria rappresentano un grave problema nella regione europea. 
Secondo le indicazioni sanitarie fondamentali della regione europea dell'OMS, il numero di medici e infermieri nella regione è aumentato di circa il 10% negli ultimi dieci anni. 
Tuttavia, è improbabile che questo aumento sia sufficiente a soddisfare i bisogni della popolazione. 
La domanda di infermieri è ancora maggiore in quanto svolgono un ruolo importante nella cura di una popolazione che invecchia. Ottenere il giusto numero di operatori sanitari è indispensabile se l'Europa vuole frenare efficacemente la pandemia di Coronavirus. 

 2. Lavori di consegna 
Man mano che le persone aderiscono ai principi di distanziamento sociale e restano a casa, le opportunità di lavoro si aprono per i conducenti di consegna. C'è una forte richiesta di ragazzi che possono fornire generi alimentari e altri elementi essenziali poiché il movimento è limitato. Dopo il Lockdown, la domanda di conducenti di consegne in Europa è aumentata alle stelle, con un aumento del numero di ristoranti che offrono consegne a domicilio. La maggior parte dei ristoranti è stata costretta a chiudere per aderire alle linee guida di distanziamento sociale e alcuni hanno adottato i servizi di consegna a domicilio come modo per mantenere le imprese durante la crisi. 3. Telecomunicazioni Oggi più che mai molte aziende lavorano a distanza per garantire la sicurezza dei propri dipendenti di fronte a questa pandemia. Mentre alcuni settori dell'economia stanno crollando, questo settore sta raggiungendo i massimi storici in quanto la valutazione delle telecomunicazioni è salita alle stelle. 

 3. Lavoro da remoto 
Professionisti come sviluppatori web, autori di contenuti, esperti di marketing e altri sono anche molto richiesti. Poiché la maggior parte dei lavoratori è stata costretta a lavorare da casa a seguito delle linee guida sul distanziamento sociale, molte aziende sono diventate digitali e automatizzate. Ciò spiega il significativo aumento della domanda di professionisti che possono svolgere il proprio lavoro da remoto. 

5. Ingegnere del software Gli ingegneri del software sono anche in cima alla lista dei professionisti richiesti, poiché le aziende di tutti i settori si sforzano di migliorare il proprio talento tecnico. La maggior parte degli sviluppatori di software possono lavorare da casa. Di conseguenza, possono continuare a lavorare mentre aderiscono alla regola di rimanere a casa. 

 6. Data Analyst 
 La maggior parte delle aziende sta attualmente assumendo analisti di dati per aiutarli ad analizzare i numerosi dati sulla diffusione di COVID-19 e sul suo impatto sulle loro attività. Ciò pone questa professione nell'elenco dei lavori con un requisito maggiore. 
 Chi rischia di perdere il lavoro? Non è una novità che le misure di restrizione del COVID-19 stiano avendo un impatto su tutti i settori del mercato del lavoro europeo. Tuttavia, il suo impatto varia da settore a settore. La maggior parte della forza lavoro è impiegata in settori con un enorme calo della domanda a causa del blocco, on conseguenti enormi perdite di posti di lavoro nella regione. L'agenzia europea delle statistiche riferisce che circa 397.000 persone nell'Unione europea hanno perso il lavoro ad aprile. Il tasso di disoccupazione nell'Unione europea è passato da un minimo di 12 anni del 6,4% al 6,6% ad aprile.

 L'Organizzazione Internazionale del Lavoro ha avvertito che 1,6 miliardi di lavoratori nell'economia informale corrono il pericolo immediato di perdere i propri mezzi di sussistenza. Per minimizzare efficacemente il numero di perdite di posti di lavoro dovute a COVID 19, si deve prima capire quali lavori sono maggiormente a rischio; in altre parole, coloro che rischiano di perdere il lavoro. Quelli con il rischio immediato di perdita di posti di lavoro sono giovani professionisti che lavorano in settori maggiormente colpiti dalla chiusura. 
 Secondo una ricerca condotta da McKinsey & Company, circa 7,6 milioni di posti di lavoro sono a rischio e le persone con i redditi più bassi sono le più vulnerabili alla perdita del lavoro. I dati della ricerca suggeriscono che quasi il 50% dei posti di lavoro a rischio sono occupati con guadagni inferiori a £ 10 l'ora. 
 Un altro gruppo di persone che hanno maggiori probabilità di perdere il lavoro sono le persone nei settori più colpiti dai principi di distanziamento sociale. Questi settori includono, ma non sono limitati: ospitalità, vendita al dettaglio, intrattenimento artistico, trasporti e costruzioni. Da quanto precede, è chiaro che se non viene intrapresa alcuna azione politica rapida, molte persone rischiano di perdere il lavoro a causa dell'impatto del COVID-19 sul mercato del lavoro europeo. Cosa stanno facendo le aziende per garantire che i dipendenti mantengano il loro posto di lavoro? 
 Sebbene la regola della permanenza a casa possa aver aiutato molto nella lotta contro il COVID 19, senza dubbio ha avuto effetti drastici sul benessere dei dipendenti di varie aziende. 
Ciò ha modificato il normale modo di lavorare e anche aziende e datori di lavoro devono adattarsi e adottare misure per mantenere i propri dipendenti durante questo periodo. Ecco cinque modi in cui le aziende possono aiutare i dipendenti a mantenere il posto di lavoro 
 • Formazione dei dipendenti per lavorare da remoto I primi ad adottare qualsiasi innovazione spesso ne traggono il meglio. 
Poiché molte aziende passano al digitale, è importante educare i dipendenti al concetto di lavoro a distanza. 
Fornire e-learning attraverso lo sviluppo professionale può fornire ai dipendenti le competenze necessarie per prosperare in un ambiente di lavoro da remoto. 
 • Funzionamento flessibile Più che mai, il concetto di flessibilità sul posto di lavoro è diventato molto importante. 
Lavorare da casa influenza i dipendenti in modo diverso. I dipendenti hanno condizioni di vita e responsabilità diverse; non è pertanto consigliabile generalizzare il piano di flessibilità operativa per i dipendenti. 
 È importante avere conversazioni con i dipendenti per sapere quando e come possono lavorare meglio con distrazioni minime. 
 • Miglioramento della comunicazione aziendale 
 È importante che i dipendenti dispongano di informazioni accurate sulle strategie dell'azienda e sui vari cambiamenti che la società ha apportato per adattarsi alla nuova realtà del lavoro durante il COVID 19. Molti dipendenti hanno paura di perdere il lavoro a causa della ricezione di informazioni da fonti diverse. Il datore di lavoro deve assumersi la responsabilità di rassicurarli sul fatto che il loro lavoro è sicuro e di informarli sulle ultime strategie di gestione delle crisi che la società ha adottato per affrontare l'impatto della pandemia sulla società. 
 • Rivedere le politiche sanitarie della società Mentre le restrizioni di blocco vengono revocate, qualsiasi dipendente malato deve rimanere a casa per non lasciare che metta a rischio la salute degli altri dipendenti. Tuttavia, la maggior parte dei dipendenti lavora in ufficio anche quando è malata. 
Ecco perché è importante disporre di una politica per i malati più flessibile che consenta ai dipendenti di ammettere onestamente le loro condizioni di salute senza temere di esaurire i loro giorni di malattia limitati. 
 • Fornire un ambiente di lavoro sicuro Come datore di lavoro, devi assicurarti che il luogo di lavoro sia sicuro per i dipendenti. 
È consigliabile mettere in pratica le linee guida per il distanziamento sociale e, se lo spazio dell'ufficio è limitato, potresti prendere in considerazione la possibilità di eseguire turni per assicurarti che l'area di lavoro non sia affollata in nessun momento. 
 • Prendere sul serio la salute dei dipendenti 
 Un dipendente sano è un business sano. 
I datori di lavoro dovrebbero sviluppare strategie che aiutino l'azienda a garantire il benessere dei dipendenti di fronte a questa crisi. 
Potresti prendere in considerazione l'idea di incorporare la meditazione nel tuo programma quotidiano per aiutare i dipendenti a gestire lo stress e renderli più attenti e produttivi. 

 Conclusione 
 La pandemia COVID-19 ha avuto un impatto significativo sul mercato del lavoro europeo, aumentando il numero di posti di lavoro. Tra i soggetti a maggior rischio di perdere il posto di lavoro vi sono persone a basso reddito, giovani professionisti che lavorano in settori come l'ospitalità, la vendita al dettaglio, le arti e l'intrattenimento. 
A tal fine, le aziende dovrebbero applicare le seguenti misure: orari di lavoro flessibili, comunicazione migliorata e un ambiente di lavoro sicuro per proteggere i propri dipendenti.

Fonte: Jobsora

La rete dei servizi per la popolazione straniera: confronto tra esperienze da diverse realtà territoriali -24 giugno, ore 15.30

Abbiamo il piacere di invitarvi al workshop intermedio “La rete dei servizi per la popolazione straniera: confronto tra esperienze da diverse realtà territoriali” (locandina in allegato), previsto per il prossimo 24 giugno dalle ore 15.30, nell’ambito del progetto FAMI MI.MAIN Migration Mainstreaming (link Facebook del Progetto) 
Il progetto MI.MAIN, avviato a settembre 2019, vede il coinvolgimento dell’Università di Palermo in qualità di capofila, in partnership con l’Università di Roma Tre, Comune di Palermo e Distretto 50 di Trapani, e la collaborazione del Dipartimento Politiche Sociali di Roma Capitale. 
Il progetto ha l’obiettivo di promuovere attività di capacity building per gli operatori della Pubblica Amministrazione che quotidianamente lavorano, a diverso titolo, nella programmazione, gestione ed erogazione dei servizi rivolti a cittadine e cittadini di Paesi terzi. 
Sarà possibile seguire la diretta del workshop su YouTube utilizzando il link riportato sulla locandina. 
Per informazioni potete contattare la Team ai seguenti indirizzi email: idos@dossierimmigrazione.it; a.rossicomunicazione@gmail.com.

Raport | Migrația s-a dublat în ultimul deceniu. România are printre cele mai mari diaspore din lume

În cazul României, majoritatea diasporei se află în țări membre OCDE (Organizația pentru Cooperare și Dezvoltare Economică). 

Potrivit unui raport din 2019 al OECD, diaspora României este a cincea cea mai mare la nivel global. În jur de 3,6 milioane de persoane din România locuiau în țări OCDE în 2015-2016, iar 54% din acestea erau femei. 

Acest număr a reprezentat o creștere semnificativă (de 2,3 milioane) raportat la perioada 2000 – 2016. Cei mai mulți oameni au plecat între 2005-2011, ajungând ca în 2016, 17% din populația țării să locuiască în țări OCDE. 
 În plus, în acea perioadă populația migrantă a României era mult mai mare decât cea a țărilor vecine – Moldova, Bulgaria, Serbia, Ungaria și Ucraina. 
Diaspora țării noastre a reprezentat jumătate din toți migranții din regiunea prezentată în raport (7,8 milioane de oameni). 90% din diaspora trăia atunci în țări europene. 
Este improbabil ca numărul să fi scăzut semnificativ în ultimii ani. Italia a fost una dintre țările cu cea mai mare diaspora românească - 1 milion de locuitori, o treime din întreagă populație migrantă. 
În Germania locuiau de asemenea mulți români - 680.000. 
În Spania locuiau 573.000. Alte destinații populare menționate de raport au fost Marea Britanie, Statele Unite, Ungaria, Franța și Canada. 
 Totuși, 1 din 4 români plecați în străinătate au spus că plănuiesc să se întoarcă în țară. Aproximativ 26% dintre emigranții români au declarat că intenționează să părăsească actuala țară de reședință pentru a se întoarce în România sau pentru a se muta în altă țară. 
 Pandemia i-a motivat deja pe unii să se întoarcă dar numărul exact al celor reveniți în România de la începutul pandemiei nu este cert. 
Ministrul Muncii a estimat numărul românilor întorși la un milion, echivalentul tuturor românilor care locuiesc în Italia.

venerdì 18 giugno 2021

Alin - l'Angelo custode a Ostia. L'intervento baywatch

Il mare di Ostia ha un bagnino di salvataggio ormai considerato l'"angelo custode" dei villeggianti romani: si chiama Alin, 39 anni, di nazionalità romena. 
Da diversi anni è impiegato nello stabilimento balneare Bahia e ieri pomeriggio è stato costretto ad intervenire su uno specchio d'acqua non di sua competenza, salvando un 15 enne, romano, quasi svenuto mentre faceva il bagno, dopo essere stato colto da un malore. 
 L'episodio è avvenuto in corrispondenza della spiaggia libera attrezzata gestita dal Comune di Roma nota come la 'spiaggia della sposa': un tratto di arernile che al momento è sguarnito dal servizio di bagnini di salvataggio, durante i giorni feriali. 
Ma l'intervento di Alin, per fortuna, ieri è stato provvidenziale: un 15enne appena entrato in acqua rischiava di annegare se non fosse intervenuto tempestivamente il bagnino, che dopo avere assistito alla scena ha corso un centinaio di metri di spiaggia (è anche esperto di impegnative gare di corsa ad ostacoli come la Spartan Race) ed è entrato in acqua per salvare il ragazzo. 

 "Non stava molto bene - racconta Alin, fisico asciutto da atleta, occhi azzurri come il mare - forse aveva bevuto qualche qualcosa di alcolico, perché su quella spiaggia libera era in corso una festa. Gli abbiamo praticato la rianimazione, mentre un collega ha subito chiamato l'ambulanza, con cui poi è stato trasportato nel vicino ospedale di Ostia. Sano e salvo". 
Non è la prima volta che Alin salva vite umane nel mare di Ostia: lo scorso anno, il 27 giugno, il bagnino rianimò un bambino romeno di 12 anni che stava per annegare. 
 L'ennesimo intervento del 'baywatch' di Ostia solleva un'altra questione attuale e molto delicata: la momentanea carenza di bagnini di salvataggio, nei giorni feriali, sulle spiagge libere attrezzate di Ostia, gestite dal Comune di Roma. "Questo è un grave problema perché questa spiaggia confinante con la nostra - spiega Alin - non è dotata, tranne il sabato e la domenica, del servizio di salvamento. Così siamo costretti ad intervenire noi bagnini degli stabilimenti confinanti. 
Ma non riusciamo a tenere sempre sotto controllo un tratto di costa così ampio. Il Comune dovrebbe intervenire al più presto".

Fonte: Ansa

Normative anti Covid ignorate. 7 romeni multati

La sezione Polizia stradale di Pordenone sta intensificando i controlli inerenti gli adempimenti per la limitazione della diffusione del contagio da Covid. 

Questo, per salvaguardare la salute pubblica e poter permettere la circolazione nel rispetto dei dettami della normativa, in quanto eseguire efficaci controlli comporta la possibilità di limitare la diffusione del virus. 
Tenere alta la guardia in questo peculiare momento di percepito affievolimento dello stato emergenziale permette di evitare l’insorgere di cluster e di focolai epidemici. 
Nel fine settimana scorso, lungo l’autostrada A28, all’altezza degli svincoli di Pordenone, gli agenti hanno fermato un furgone adibito al trasporto di persone di nazionalità moldava con a bordo sette occupanti. 
Da quanto appurato dagli uomini della Questura, l’autista, partito dalla Romania, aveva attraversato l’Ungheria e la Slovenia, entrando in Italia dal valico di Gorizia. 
Da subito i passeggeri hanno mostrato, secondo il rapporto delle forze dell’ordine, un inusuale nervosismo che ha spinto i poliziotti ad approfondire il controllo e in particolare a verificare se fossero state rispettate le prescrizioni per il contenimento della diffusione del Covid. 
Controllati i sette passeggeri, è subito risultato agli uomini della sezione della Polizia stradale di Pordenone che gli stessi non avevano ottemperato alle prescrizioni imposte dalla normativa per l’entrata nel territorio italiano. 
 Di conseguenza, le persone sottoposte a controllo sono state contravvenzionate con una sanzione amministrativa pecuniaria complessiva di oltre 4 mila euro, nonché segnalate alle autorità sanitarie per gli adempimenti in materia di contenimento dei contagi da Covid.