La comunità romena in Italia

La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

mercoledì 13 febbraio 2019

Esce “Ognuno ha diritto ad amare – Touch Me Not”, Orso d’oro al Festival di Berlino 2018

Esce “Ognuno ha diritto ad amare – Touch Me Not”, Orso d’oro al Festival di Berlino 2018

La rumena Adina Pintilie, l’anno scorso, portava a casa l’Orso d’oro esplorando le emozioni e l’intimità di tre personaggi principali, Laura, Christian e Tudor. Durante una sorta di workshop, questi sconosciuti parleranno liberamente delle problematiche personali che li affliggono, rivelando le proprie paure, ansia e fantasie senza alcuna inibizione. Al cinema dal 14 febbraio.
TRAILER FILM
NEWS 12 FEBBRAIO 2019 di Ciro Brandi

Instructions Not Included - il trailer Italiano
Pubblicato da CineMust

Finalmente, “Ognuno ha diritto ad amare – Touch Me Not” (“Touch Me Not”), il film diretto dalla regista rumena Adina Pintilie, vincitore dell’Orso d’oro al Festival di Berlino 2018 e del Premio per la Migliore Opera Prima, arriva nelle sale italiane. La pellicola, al confine tra film e documentario, esplora le emozioni e l’intimità di tre personaggi principali: Laura, Christian e Tudor. Durante una sorta di workshop in cui questi sconosciuti parlano liberamente delle problematiche personali che li affliggono, Laura dichiara di non sopportare più di essere toccata e per sbloccarsi decide di andare a letto con un escort, ma l’esperienza risulta inutile. Christian, invece, nonostante le menomazioni fisiche, riesce a rivelare apertamente cosa gli piace e non sopporta nel sesso con sua moglie. il più disinibito e consapevole del proprio corpo sembra Tudor. Gli attori protagonisti sono Laura Benson, Tomas Lemarquis e Christian Bayerlein.

La regista, che ha scritto anche la sceneggiatura, a proposito del suo originale film ha detto:

Quando avevo 20 anni pensavo di sapere tutto sull’amore e su come funziona il desiderio. Dopo vent’anni di difficoltà, tutte le opinioni che avevo sull'intimità perdevano la loro definizione e diventavano sempre più complesse e contraddittorie. "Touch Me Not" è una ricerca artistica sul desiderio umano e sulla (in)capacità di toccare ed essere toccati, di entrare in contatto. L’intimità gioca un ruolo centrale nell’esperienza umana, avendo le sue radici nell’iniziale legame fisico, emotivo e psicologico tra la madre e il neonato. Il primo contatto modella il cervello del bambino, influenzando l’autostima, le aspettative sugli altri e, in seguito come si avvicina all’intimità da adulto. Oltre al suo ruolo cruciale nella formazione dell'identità, una sana intimità a livello individuale ha importanti implicazioni a livello sociale, consentendo una rete psicosociale di esseri umani connessi attraverso solidi legami emotivi.

La direzione della fotografia è stata curata da George Chiper-Lillemark mentre la Pintilier ha voluto occuparsi personalmente anche del montaggio. Le musiche, invece, sono di Ivo Paunov mentre i costumi sono di Maria Pitea. “Ognuno ha diritto ad amare – Touch Me Not” sarà distribuito nelle nostre sale da I Wonder a partire dal 14 febbraio.

La trama
Il film segue i percorsi emotivi di Laura, Tudor, Christian e di altri personaggi lanciando uno sguardo enormemente empatico sulle loro vite. Sul confine tra realtà e finzione, desiderosi di trovare una forma di intimità ma allo stesso tempo terrorizzati da essa, i protagonisti sono al lavoro su se stessi per superare vecchi schemi mentali, tabù e meccanismi di difesa, per trovarsi finalmente liberi dalle proprie paure.

Il cast
Laura Benson (Laura) ha girato precedentemente i film “The American”(2004) e “Dr. Knock”(2017) mentre l’islandese dagli occhi di ghiaccio Tómas Lemarquis (Tudor) è apparso in pellicole ad alto tasso adrenalinico come “Snowpiercer”, “3 Days to Kill”, “X-Men – Apocalisse” e “Blade Runner 2049”. Il resto del cast è composto da: Christian Bayerlein (Christian), Grit Uhlemann (Grit), Hanna Hofmann (Hanna), Seani Love (Seani), Irmena Chichikova (Mona), Rainer Steffen (Stefan), Georgi Naldzhiev (escort), Annett Sawallisch (Infermiera) e Dirk Lange (Radu).

Le curiosità sul film che dovete sapere
1. Il film è stato girato senza una vera e propria sceneggiatura fissa fatta di dialoghi o battute, ma il tutto è stato girato con molta improvvisazione.

2. “Touch Me Not” è la seconda pellicola rumena della storia ad aver visto l’Orso d’oro “Il caso Kerenes”(2013), di Cãlin Peter Netzer

3. La regista ha dichiarato di aver girato circa 250 ore di film ed è stato difficilissimo selezionare i 125 minuti per il grande schermo.



Fonte: Fanpage

Il Castello dei Destini Riscontrati - Expoziție de artă contemporană

Evenimente › Arte vizuale › Il Castello dei Destini Riscontrati - Expoziție de artă contemporană
11 February 2019 - 26 February 2019
Expoziție de artă contemporană
Il Castello dei Destini Riscontrati

11 – 26 februarie, Galleria Accademia di Romania in Roma

În perioada 11-26 februarie 2019, Accademia di Romania in Roma, organizează expoziția de artă contemporană „Il Castello dei destini riscontrati”, în Galeria de artă Accademia di Romania in Roma.

Citând opera lui Italo Calvino „Castelul destinelor încrucișate” (1969), în care fiecare personaj își spune povestea cu ajutorul unei succesiuni de imagini, și care în final formează o rețea bidimensională de narațiuni care se pot citi în mai multe sensuri, tot așa, poveștile celor patru tineri artiști în expoziție se întâlnesc și comunică prin corespondențe și motive recurente.

Expoziția de față unește drumurile celor patru artiști, care au ca punct de plecare realitatea imediată, percepută prin prisma imaginației, a propriilor amintiri și a bagajului cultural al fiecăruia.

Nucleul central care leagă cele 74 de lucrărieste experiența trăită ca bursier la Roma, și generează patru discursuri diferite despre proiecții personale ale unei realități specifice, despre atitudini referitoare la amintire și experiență, despre procesul de adaptare într-un mediu nou.

Titlul expoziției traduce pe deoparte întâlnirea celor patru interpretări ale aceleași realități specifice și în același timp, întâlnirea în opera fiecăruia a materialelor, a elementelor compoziționale și tematice, fie că este vorba de întâlnirea brutală, coliziunea, dintre vopsea şi pânză sau dintre cerneală şi hârtie în picturile și monotipiile lui Cătălin Tăvală, fie că este întâlnirea în același punct al unor forme abstracte care documentează evenimente și peisaje romane din lucrările Nicoletei Baciu, fie că este vorba de amintirea incompletă a unei întâlniri alterate de uitare în gravurile, schițele și broderiile Andreei Hoha, fie o întâlnire ratată sau râvnită, transformată în claustrare din operele Laurei Șonfălean.

Artiști în expoziție:

Cătălin Tăvală:

Cătălin- Petru Tăvală, născut în 1996, a absolvit Universitatea de Artă şi Design din Cluj-Napoca, secţia grafică. În prezent beneficiază de o bursă de mobilitate Erasmus în cadrul Accademiei di Belle Arti din Roma, unde îşi desfășoară activitatea artistică.

Proiectul de cercetare “Coliziuni” este o continuare a căutărilor sale în ceea ce privește procesul de alterare al materiei prin instaurarea situațiilor limită și a accidentelor.

Tema abordată pune în lumină aspectul sumbru al orașului contemporan saturat de incidente și evenimente precum accidente, subiecte obscure care distorsionează realitatea si dau naștere unor imagini sensibile şi spectaculoase În compoziţii sunt prezente uneori motive folosite în proiectele anterioare precum violența, dezastrul sau moartea.

În proiectul propus, termenul de coliziune capătă alt sens, acesta reprezentând legătura directă între materialele anorganice folosite în procesul de creație, de exemplu impactul dintre vopsea şi pânză sau mai precis dintre creneală şi hârtie atunci când asupra acestora acționează o presiune folosită in procesul de tipărire.

Din punct de vedere tehnic, Cătălin utilizează tehnica uleiului pe pânză ca principal mod de exprimare, dar folosește de asemenea şi tehnica desenului pe pânză sau monotipia, pe care o asocieză direct cu noțiunea de “accident”. Prin tehnicile abordate acesta încearcă să negocieze un spaţiu între o abordare directă și una subtilă, între elemente figurative şi elemente abstracte sau între siguranţă şi nesiguranţă.

Andreea Hoha:

Andreea Hoha, născuta în 1995 în Cluj-Napoca, și-a desfășurat activitatea și studiile în același oraș, în cadrul Universității de Arta si Design, secția grafică. Momentan masterandă și membră a Uniunii Artiștilor Plastici, a obținut o bursă Erasmus la Roma, unde își continuă studiile legate de multiplicarea prin gravură și experimentele grafice.

Proiectul personal intitulat “Zestrea” abordează tematica zestrei din două puncte de vedere diferite. Pe lângă sensul propriu de zestre ca suma de obiecte, podoabe și haine, se dorește și o abordare interioară a subiectului. Zestrea interioară, constituită din suma amintirilor, experiențelor și cunoștințelor este un bagaj pe care îl purtăm pururea, având o deosebită importanță.

In lucrările proiectului se regăsesc atât lucrări cusute – abordări contemporane ale cusăturii tradiționale, cât și desene și gravuri compuse din fragmente de amintiri și portrete. Prin aspectul neclar al lucrărilor, se dorește evidențierea faptului că amintirile și memoria sunt mereu în mișcare, iar că uitarea și experiențele schimbă fața amintirilor, lăsându-le alterate sau incomplete.

Laura Maria Șonfălean:

Maria-Laura Șonfălean, născută la 26 iunie 1995, absolventă a Liceului Vocațional de Artă din Târgu Mureș, și-a aprofundat studiile în domeniul artelor plastice și a obținut diploma de licență în cadrul secției de pictură a Universității de Arte și Design din Cluj-Napoca. În prezent, este masterand în ultimul an la aceeași instituție și continuă să studieze pictura la Roma, beneficiind de o mobilitate cu plasament Erasmus+. Proiectul ei de disertație rememorează trecutul mai apropiat al României, evocând experiența perioadei comunismului, în strânsă legătură cu simbolul Zidului Berlinului. Titlul „Tăcerea de dincolo de Zid” traduce concepte precum claustrarea, însingurarea și înstrăinarea de o societate și o realitate care par să aparțină unei alte lumi. Ansamblul lucrărilor realizate în acest semestru, caută să păstreze sensibilitatea nostalgică în raport cu contemplarea trecerii timpului.

Nicoleta Baciu:

Nicoleta Baciu, născută la 4 decembrie 1996, este în prezent studentă la pictură, Accademia di Belle Arti di Roma și beneficiază de bursa Laziodisu. Lucrările sale prezintă atât subiecte abstracte cât și figurative. Lucrările figurative aparțin unei serii care descrie dificultatea de a crește și de a se integra în societate. Personajele sunt meditative și creează o atmosferă oarecum pesimistă. Lucrările abstracte ilustrează evenimente, peisaje și experiențe ale artistului în perioada studiului la Roma.

Accademia di Romania in Roma

Le coloratissime maschere romene aprono il corteo del Carnevale di Chieri




Galleria fotografica

Le coloratissime maschere romene aprono il corteo del Carnevale di Chieri
Il corteo di Carnevale ieri a Chieri, città alle porte di Torino, è stato aperto da coloratissime maschere tipiche della tradizione romena. L'evento è stato organizzato in collaborazione con l'Associazione culturale e sociale italo romena Ovidio Onlus. Musica e danze per le vie del centro e poi la classica sfilata dei grandi carri allegorici (foto di Mihai Bursuc)
11 febbraio 2019

Fonte: La Repubblica

Biblioteca: il console di Romania dona 700 libri in rumeno

Attualità / Centro storico / Via Roma
Biblioteca: il console di Romania dona 700 libri in rumeno
Cerimonia ufficiale per la donazione di 700 volumi, che vanno ad aggiungersi a quelli in lingua rumena già presenti alla biblioteca di via Roma

08 febbraio 2019

La Biblioteca di Trento parla, anzi legge, anche rumeno. Nella mattinata di giovedì 6 febbbraio presso la sede centrale della Biblioteca comunale il Console onorario di Romania per il Trentino Alto Adige, Maurizio Passerotti e il professor Aurel Chiriac, accompagnati da una piccola delegazione ufficiale formata tra gli altri da padre Ioan Lupăşteanu, hanno consegnato ufficialmente al sindaco Alessandro Andreatta quasi settecento libri in lingua romena, frutto di una donazione del museo della città di Oradea, di cui il professor Chiriac è direttore generale.

"Nell'accettare con gratitudine la generosa donazione, che permette un notevole arricchimento della sezione romena della sede di via Roma, il sindaco ha impegnato il Comune a catalogare e rendere disponibili alla pubblica lettura e prestito i volumi, tra cui molti classici della storia e cultura romena" si legge in una nota del Comune.

Fonte: TrentoToday


Leggi anche:
Donati alla Biblioteca civica settecento libri in lingua romena

La Console Generale della Romania in visita a Carmagnola

Politica - 12 febbraio 2019
La Console Generale della Romania in visita a Carmagnola

Ieri, lunedì 11 febbraio, la dott.ssa Ioana Gheorghias ha incontrato il Sindaco, Ivana Gaveglio, quindi ha visitato la città del peperone

Si è tenuto nell’ufficio del Sindaco, Ivana Gaveglio, l’incontro tra l’Amministrazione carmagnolese e una delegazione composta dalla console generale della Romania, Ioana Gheorghias e dal console Toscuta Romulus-Catalin.

La delegazione è stata accompagnata dall’artista Lia Pascaniuc, che ha già collaborato con la Città di Carmagnola in occasione della scorsa edizione della Fiera Nazionale del Peperone. La delegazione romena è stata accolta in Comune dal Sindaco, Ivana Gaveglio, dal Vice Sindaco, Vincenzo Inglese e dal Responsabile della Ripartizione Cultura e Promozione del Territorio, Lorenzo Sola. Scopo della visita, approfondire la reciproca conoscenza, in vista di possibili future collaborazioni in ambito turistico e culturale.

La comunità romena è particolarmente numerosa a Carmagnola, così come nel resto del Piemonte, a partire dal capoluogo torinese.
Nel corso della visita l’artista Lia Pascaniuc ha donato alla città di Carmagnola una delle sue opere, intitolata Però!!, già esposta a settembre dello scorso anno presso la chiesa di San Filippo, all’interno del percorso sensoriale che ha costituito una delle novità più rilevanti e più apprezzate della 69° edizione della Fiera del Peperone di Carmagnola.

L’artista ha fatto dono della propria opera che interpreta in chiave artistica il peperone, prodotto simbolo del territorio; un dono molto apprezzato dall’Amministrazione, che va a suggellare questo rapporto di collaborazione con la comunità romena. Al termine del colloquio è seguito uno scambio di doni tra le delegazioni e la successiva visita della città. La console è stata accompagnata a visitare la chiesa Ortodossa, poi al Museo della Marina, al Museo Tipografico Rondani e a Palazzo Lomellini.
Così il Sindaco di Carmagnola, Ivana Gaveglio: “Sono molto lieta della bella relazione che si è instaurata tra le nostre comunità. La popolazione romena è molto numerosa sul nostro territorio e ben integrata nel tessuto sociale cittadino. Sono molte inoltre le caratteristiche che accomunano i nostri Paesi, pertanto sono convinta che potremo ben lavorare per avviare una proficua collaborazione, in campo turistico e culturale, a partire dalla prossima Fiera del Peperone e, in prospettiva, porre le basi per rapporti commerciali delle nostre imprese”.

comunicato stampa

Fonte: TorinOggi

Rumeni a Pistoia, l'incontro tra il sindaco e il presidente del coordinamento nazionale

Comune di Pistoia

Si è svolto nei giorni scorsi un incontro tra il sindaco di Pistoia Alessandro Tomasi e il presidente del coordinamento nazionale cittadini romeni in Italia Stefan Stanasel. A Pistoia vivono quasi 2mila cittadini romeni
Nella foto, il sindaco di Pistoia Alessandro Tomasi e il presidente del coordinamento nazionale cittadini romeni in Italia Stefan Stanasel

«Un’occasione ulteriore di confronto e di scambio con una comunità radicata da anni sul nostro territorio che – dichiara il sindaco Alessandro Tomasi - si inserisce in un percorso già intrapreso nei mesi scorsi quando ho incontrato i residenti pistoiesi di origine romena.»

«La mia visita fa parte di un ciclo di incontri più ampio, che coinvolge tutta la Toscana – evidenzia Stefan Stanasel –.

Ci tenevamo molto perché vogliamo dare il nostro contributo alla città e stare accanto all’Amministrazione comunale.

Desideriamo ringraziare il Comune per le politiche sociali che sta ponendo in essere. Noi, cittadini romeni, vogliamo partecipare attivamente alla vita sociale e culturale di questa città. Attraverso questo coinvolgimento, la nostra comunità potrà dimostrarsi un valore aggiunto per l’Italia e per Pistoia in modo particolare.»

11/02/2019
Comune di Pistoia

Fonte: Met Firenze


Leggi anche:
Rumeni a Siena, incontro tra il sindaco Luigi De Mossi e Stefan Stanasel

“Sindrome Italia” e donne rumene, il fenomeno depressivo che colpisce le donne dell’est nel Bel Paese

Esteri: Ultime notizie dal Mondo
“Sindrome Italia” e donne rumene, il fenomeno depressivo che colpisce le donne dell’est nel Bel Paese
Di maria.mento - 12/02/2019

Un male silenzioso, ogni anno, colpisce molte donne che dalla Romania sono giunte in Italia: si tratta della “Sindrome Italia”

Gli studiosi la chiamano “Sindrome Italia” ma è un qualcosa che non ha un’accezione positiva come invece potrebbe essere un amore smisurato per il nostro Paese. Si tratta di una sindrome di tipo depressivo che colpisce le donne rumene che arrivano in Italia per poi andare a lavorare come collaboratrici domestiche o come badanti. Un fenomeno assolutamente da non sottovalutare e che l’Università di Udine sta studiando. Alcuni studiosi dell’Ateneo friulano si sono recati a Iasi, una città universitaria della Romania orientale, per cercare di comprendere meglio le origini della sindrome. Si stima che ogni anno, in Italia, vengano colpite circa 3mila donne.

“Sindrome Italia” per le donne rumene, l’Università di Udine in trasferta a Iasi per studiare il fenomeno
“Sindrome Italia” è il nome che in Romania hanno dato ai disturbi mentali ed ai picchi depressivi che colpiscono le donne rumene che hanno lavorato come badanti o colf in Italia. Si tratta di problemi causati in particolar modo dalle dure condizioni di lavoro e dalle vessazioni psicologiche (lavoro poco retribuito, in nero, e così via) a cui spesso queste donne non raramente vengono sottoposte dai datori di lavoro. Un team composto da antropologi che lavorano all’Università di Udine sta studiando questo tipo di fenomeno che colpisce circa 3mila donne ogni anno: fino alla fine dello scorso Gennaio gli esperti sono stai Iesi (Romania) per vedere con i loro occhi gli effetti della sindrome sui pazienti.

“Sindrome Italia” per le donne rumene, parla lo psichiatra Andreea Nester
“La sindrome italiana è un fenomeno socio-sanitario. Il più delle volte, è una forma di depressione caratterizzata da ansia, apatia, astenia psichica e fisica, stati disattenti, insonnia associata e una disposizione profondamente triste, impressa da un sentimento di alienazione“, ha spiegato Andreea Nester, psichiatra presso l’Ospedale rumeno di Socola. Lo psichiatra ha spiegato come si tratti di disturbi che emergono in persone che in genere lasciano il loro Paese per uno nuovo, subendo così lo shock di venire a contatto con una lingua nuova, con luoghi nuovi e con una cultura diversa.

“Sindrome Italia” per le donne rumene, la testimonianza di Ana
Quella che vi presentiamo adesso è la testimonianza di Ana, donna che ha lasciato il suo Paese nel 2003 nella speranza di mantenere la famiglia con un lavoro in Italia. Sposata e con due figli, Ana non avrebbe mai voluto lasciare la sua famiglia (uno dei suoi figli, all’epoca della partenza, aveva solo due anni) ma venire in Italia rappresentava l’unica speranza per poter portare un po’ di soldi a casa. Così, Ana è arrivata nel nostro Paese e ha iniziato a lavorare coma badante presso la casa di un’anziana di 94 anni. I soldi che guadagnava li inviava a casa, al marito, per mantenere la famiglia. In Italia, essendo sola, usciva di rado. La signora anziana che accudiva la trattava male e le si rivolgeva utilizzando parole astiose. È stato un lavoro molto difficile per Ana che ha iniziato a non dormire la notte e ad aver anche paura di attraversare la strada quando usciva. Ana ha stretto i denti per i suoi figli e per il marito ma nel 2012 è arrivato l’ennesimo colpo: il divorzio dal marito, il quale aveva sprecato tutto il denaro guadagnato in precedenza da Ana. Nel 2018, dopo 15 anni trascorsi in Italia, Ana (oggi 63 anni) non ce l’ha più fatta a sopportare la vita che conduceva in Italia ed è tornata in Romania. Quando ha capito che era affetta da “Sindrome Italia” si è rivolta ai medici dell’Istituto Psichiatrico di Socola per essere aiutata.

Maria Mento

Fonte: NewNotizie

Mamma 38enne muore investita: passeggiava con la figlia

Ionita con la figlia Mamma muore falciata da un'auto davanti agli occhi della figlia 14enne

PONTE DI PIAVE - Grave incidente stradale questa sera verso le 18.30 in via Vittoria: una mamma di 38 anni, I. F., di origine romena, operaia in un'azienda di Chiarano, è stata investita da una Skoda mentre passeggiava lungo la strada in un tratto buio, insieme alla figlia 14enne che è rimasta incolume ma è sotto choc.

Alla guida dell'auto che ha centrato in pieno la mamma c'era una donna, 40 anni, di San Donà di Piave, negativa all'alcoltest. Sul posto i carabinieri per i rilievi.

Martedì 12 Febbraio 2019

Fonte: Il Gazzettino

Muore a 43 anni: tradito dall'auto in curva, stava andando al lavoro

L'incidente alle 5 a Tavarnelle, quando ancora era buio: vittima un romeno innamorato di Cortona. Tra le ipotesi anche il passaggio di un animale sulla strada

di Massimo Pucci

Valeriu Ciochinica

Arezzo, 12 febbraio 2019 - Stava per entrare in turno come ogni lunedì mattina, ma il suo viaggio si è interrotto alle curve fra Tavarnelle e Mezzavia nel comune di Cortona, a metà strada fra la sua abitazione e il posto di lavoro. C’è dolore fra i familiari e i colleghi di Valeriu Ciochinica, 43 anni, morto in un incidente in uno dei tratti più pericolosi della regionale Umbro Casentinese. La sua è uscita di strada in corrispondenza di una delle curve poco prima di un conosciuto frantoio.

L’episodio è accaduto intorno alle cinque, quando era ancora buio: a quell’ora Valeriu era atteso in fabbrica alla Menci di Montecchio Vesponi. Secondo i primi accertamenti dei carabinieri, la Alfa 159 aveva passato tutti i «curvoni» della 71, è stata fatale l’ultima svolta prima del rettilineo che porta a Mezzavia. È in questa fase che l’auto è finita fuoristrada andando a sbattere nell’argine del fossato. Iimpatto è stato fatale per il romeno.

È stato un passante a chiamare il 118, sul posto è intervenuta l’automedica e l’ambulanza del 118 della Fratta. Ciochinica è stato estratto dal veicolo dai vigili del fuoco di Tavarnelle. I sanitari hanno allertato Pegaso, ma il quarantenne è morto durante i tentativi di rianimazione. Da un primo riscontro sull’asfalto non sembrano esserci tracce di frenata. Quello di Cortona è il primo incidente mortale del 2019 in provincia e non è un caso che il teatro della tragedia sia stata la strada 71, quella dove si verifica il più alto numero di scontri, triste primato dovuto anche al traffico intenso.

L’incidente è accaduto in un tratto che non permette distrazioni, anche se non si può escludere che il romeno sia finito fuori strada per evitare un animale oppure a causa di un malore. Mentre la parte a sud di Camucia ha visto la creazione di una nuova variante ed è in progettazione anche il tratto Vallone-Pietraia fino alla Perugia-Bettolle, ancora nell’agenda delle opere pubbliche non c’è di previsione alternativa alla 71 a nord di Cortona.

I progetti precedenti al fallimento del Comune di Castiglion Fiorentino prevedevano una nuova strada daMontecchio all’ospedale della Fratta. Il crack del municipio fece dirottare le risorse previste dalla Regione nel 2010, tuttavia questo tratto sarebbe destinato a rimanere tale, perché eventuali nuove strade dovrebbero riguardare il collegamento fra Castiglion Fiorentino e l’ospedale della Fratta e da qui verso Cortona, attualmente infatti il presidio sanitario della vallata è in balìa della strade provinciali. Ancora da stabilire la data e il luogo dei funerali di Valeriu Ciochinica, l’uomo viveva a Camucia da molto tempo, lascia una compagna e un bambino di 3 anni.

Fonte: La Nazione

Con la terza media faceva chirurgo in Romania

Verona Città
6 Febbraio 2019

Era stato già smascherato aveva patteggiato a Verona un anno e mezzo di reclusione nel 2011.

Con la terza media faceva chirurgo in Romania. Era stato già smascherato aveva patteggiato a Verona un anno e mezzo di reclusione nel 2011.

Con la sola terza media faceva il chirurgo plastico in Romania dopo che era stato già smascherato aveva patteggiato a Verona un anno e mezzo di reclusione nel 2011. Si tratta di Matteo Politi, veneziano di 39 anni, che in Romania aveva cambiato nome in Matthew Mode con tanto di documenti e titoli prestigiosi (tutto falso) acquisiti in più parti del mondo e appesi nel suo studio. A rivelarlo è l’agenzia Ansa che cita lo scoop del periodico romeno “Libertatea“.

A pubblicizzarlo anche un profilo social nel quale decantava la propria abilità. L’attività del falso medico è stata scoperta non dalle forze dell’ordine, ma da una inchiesta giornalistica del quotidiano romeno Libertatea. L’inchiesta è partita da alcune confidenze fatte da infermiere che mettevano in dubbio l’abilità del sedicente chirurgo che lo descrivevano impacciato anche solo nel seguire i protocolli minimi come lavarsi le mani e indossare i guanti in lattice obbligatori per gli interventi. A suo carico anche un’operazione di routine portato a termine in quattro ore anziché in una sola ora.

Fonte: VeronaSettegiorni


Leggi anche:
Finto chirurgo plastico con la terza media sfigura le pazienti. Anche l'avvocato è falso
Veneziano si fingeva chirurgo plastico in Romania ma aveva solo la terza media

lunedì 4 febbraio 2019

Boxe – Matteo Rodena torna sul ring: il peso massimo leggero faccia a faccia con Ovidiu Enache

Sabato 9 febbraio, al teatro Principe di Milano, il ritorno del peso massimo leggero Matteo Rondena che sfiderà il rumeno Ovidiu Enache sulla distanza delle 6 riprese
Sabato 9 febbraio, al teatro Principe di Milano, avrà luogo Ring Rooster, riunione di pugilato organizzata dal Francis Boxing Team di Francis Rizzo in collaborazione con la palestra Rocky Marciano di Elvis Bejko. Sono previsti 19 incontri dilettantistici sulla distanza delle 3 riprese e 5 professionistici sulla distanza delle 6 riprese.

Presenteranno l’evento Valerio Lamanna (la voce della boxe italiana) e la bellissima Maria Maiorano. Nel clou il peso massimo leggero Matteo Rondena affronterà il rumeno Ovidiu Enache. Ex campione della Lombardia fra i dilettanti, professionista dal dicembre 2014, il 28enne Matteo Rondena ha sostenuto 11 incontri: 7 vinti, 6 prima del limite, e 4 persi. Il suo miglior risultato è stato battere per ko tecnico alla quinta ripresa lo svizzero Benoit Huber, a Martigny in Svizzera, l’8 dicembre scorso. Huber aveva un record di 5 vittorie consecutive, 4 per ko, combatteva in casa ed era il favorito, ma Rondena lo ha centrato tante volte con i suoi pugni da indurre l’arbitro a decretare la fine della contesa. “Ho colpito Huber con un gancio sinistro che lo ha fatto indietreggiare – commenta Matteo – ed ho capito che era in difficoltà. Allora, sono andato all’attacco portando diversi pugni in successione e questo ha convinto l’arbitro ad intervenire”.
Da un anno e mezzo Matteo si allena con Francis Rizzo alla palestra Francis Boxing Team di Rho e con Alessandro Meda alla palestra Hurricane di Boffalora Sopra Ticino. “Da quando mi alleno con loro – spiega Matteo – il mio modo di combattere è cambiato: tengo la guardia più alta, provo a parare con i guantoni i pugni dell’avversario, non attacco senza ragionare. La parola giusta per descrivere il mio stile di combattimento è proprio ‘ragionare’. Sul ring penso prima di sferrare un pugno. A Ring Rooster voglio vincere per rilanciarmi: iI mio obiettivo è diventare campione d’Italia dei pesi massimi leggeri. L’unico modo per riuscirci è vincere tutti gli incontri. Dopo che avrò conquistato la cintura nazionale, la difenderò. Non mi pongo altri obiettivi, per il momento. Lavoro come progettista meccanico e la boxe per me è soprattutto una passione. Mi alleno seriamente e combatto ogni volta che ho un’opportunità, ma devo conciliare la boxe con il lavoro. Quindi, non mi sembra il caso di pormi obiettivi che vadano oltre il titolo italiano”.

Matteo Rondena è ben noto al pubblico del teatro Principe avendoci combattuto 10 volte. Ha debuttato al professionismo con una vittoria per ko al primo round su Gabor Orman proprio nella riunione che ha inaugurato il ritorno della boxe nel teatro di Viale Bligny 52 dopo vari decenni. Era il 5 dicembre 2014 e il main event era la sfida tra il campione d’Italia dei pesi welter Antonio Moscatiello e Riccardo Pintaudi (vinse Moscatiello). Da quel momento, il teatro Principe è diventato una sorta di seconda casa per Matteo Rondena che ha sempre dato il 100% (anche quando ha perso).

Sabato 9 febbraio, al teatro Principe, si svolgeranno altri quattro combattimenti professionistici. Nei pesi supermedi, Vadim Gurau (5-4) sfiderà Simone Brusa (2-1). Nei pesi leggeri, Giuseppe Fiorino (al debutto) affronterà Gerardo Minio (0-2-1). Nei pesi superleggeri, Shakib El Kadimi (2-5-2) combatterà contro Bruno Maraia. Nei pesi mosca, Valeria De Francesco (1-0) concederà la rivincita a Francesca Paglia (0-1). Le due atlete si sono già affrontate lo scorso 11 novembre, a Francofonte in Sicilia, e prevalse ai punti Valeria De Francesco. Sulla carta i combattimenti sono tutti equilibrati e questo garantisce spettacolo. Per entusiasmare il pubblico non è necessario avere in cartellone un fuoriclasse, basta avere dei pugili di talento che affrontano i loro pari. Lo dimostrano le manifestazioni organizzate ogni settimana a New York, in impianti con una capienza di mille/duemila posti in cui i pugili locali si sfidano per fare esperienza, scalare le classifiche e farsi notare dal pubblico e dagli organizzatori. Molto spesso, quegli incontri sono più combattuti di quelli con in palio il titolo mondiale. La Scala di questo tipo di eventi per 18 anni è stato il BB King Blues Club and Grill di Times Square (pieno centro di New York) che aveva una capienza di 550 posti (come il teatro Principe) ed in cui si sono svolti anche seimila concerti. Oggi è il Paramount Theater di Huntington (1.500 posti), una città vicino New York.

In definitiva, Ring Rooster è un evento che gli appassionati di pugilato non possono perdersi. Organizzarlo è possibile grazie al supporto di numerosi sponsor come spiega Francis Rizzo: “Voglio ringraziare tutti i miei sponsor, in particolare Radio Taxi 02/8585, SuperMario 24, Allianz-Agenzia di Rho Sermolino Srl, Odontoap del Dott. Antonio Pennacchio, Impresa Lacci Snc e Chinelli ferramenta-utensileria-serrature-chiavi.” I biglietti per Ring Rooster costano 20 euro sia per il bordo ring che per la balconata e si possono acquistare sul sito Diyticket.it oppure scrivendo una mail a francisboxingteam@gmail.com

Fonte: SportFair