La comunità romena in Italia

La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza dal paese natale.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Comunitatea Românească în Italia

Locul unde comunitatea românească se regăsește zilnic în știri, noutăți, mărturii, informații și sfaturi, pentru a nu uita rădăcinile și a trăi mai bine departe de țara natală. Informații utile pentru românii care trăiesc în Italia, despre oportunitățile pe care le oferă realitatea din jur și pentru a deveni cetățeni activi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate! Commenta gli articoli pubblicati!

giovedì 10 ottobre 2019

Spectacolul "Una pentru toate" @ Propatria Festival 2019


PROPATRIA FESTIVAL 2019

UNA PENTRU TOATE

Spectacol de teatru scris și regizat de Gianni Quinto

O DEZBATERE DESPRE MUNCĂ, TIMP, MATERNITATE, BOALĂ, DAR MAI ALES DESPRE PRIETENIE

Joi, 10 octombrie 2019, ora 20:30, Asociația Culturală Româno-Italiană Propatria din Roma și Accademia di Romania in Roma, în colaborare cu Baldrini Produzioni, prezintă spectacolul teatral Una per Tutte, scris și regizat de Gianni Quinto.

Distribuția: Serena Zamboni, Vasilica Gavrilaș Burlacu, Mariateresa din Bari, Lucilla Muciaccia, Stefania Bigari, Federica Calderoni, Anna Rita Mannozzi.

Spectacolul va avea loc la Teatrul Testaccio din Roma (Via Romolo Gessi, 8). Intrarea este liberă în limita locurilor disponibile, cu rezervare pe: Eventbrite.


Sinopsis: Ultima zi de muncă înainte de închiderea pentru vacanţa de vară a cunoscutei fabrici „Naturella” din Lazio, unul dintre liderii sectorului agroalimentar italian, care se ocupă de producția și distribuția cărnii preambalate. Teresa, una dintre lucrătoarele din departamentul de „producție de supă”, este chemată de conducere pentru un comunicat urgent înainte de închidere. Celelalte șase femei care rămân în departament se întreabă ce ar putea dori conducerea cu câteva ore înainte de închidere. La întoarcere, Teresa nu e deloc fericită. Colegele o sufocă cu întrebări, dar sunt departe de adevarul înfiorător. Din cauza scăderii vânzărilor, compania se confruntă cu o perioadă de criză severă și, pentru a evita ca toți lucrătorii să fie afectați, direcțiunea a optat pentru soluţia pe care o consideră ca fiind „răul cel mai mic”: un membru al fiecărui departament va trebui să fie concediat. Metoda de selectare este absurdă: fiecare departament va trebui să decidă singur cine din grup va părăsi locul de muncă. În dezbaterea dintre ele, fiecare lucrătoare va trece printr-o fază de reflecție profundă. Fiecare dintre ele încearcă să-și apere poziția „de neatins”. Unul dintre cele mai strălucitoare momente este acela în care decid să se bazeze pe noroc. Nasc momente de criză, grupul se desparte, apar contraste și păreri diferite, dar și o constatare cinică: pentru a supraviețui, fiecare dintre noi este dispus să facă orice. Prieteniile se vor rupe și vor ieși la iveală câteva adevăruri tragice care vor submina pentru totdeauna echilibrul unui grup care până atunci fusese unit.

“Totul pentru una, una pentru toate”, era strigătul obișnuit înainte de a începe ziua de lucru, “Una pentru toate” este invocarea unui sacrificiu.

Proiect realizat cu susţinerea Ministerului Pentru Românii de Pretutindeni, Accademia di Romania in Roma, Institutul Cultural Român.


Parteneri: Ambasada României în Republica Italiană, “Institut Français – Centre Saint Louis”, Conservatorul de Muzică “Santa Cecilia” din Roma, cluster-ul EUNIC Roma, Comune di Roma- Assessorato alla crescita culturale, Biblioteche di Roma,Fundaţia Sergiu Celibidache, HubArt Agency, Baldrini Produzioni, Ass. La Fenice, Ass. Roma & Romania - RO & RO”, Asociatia „Officine delle Culture”, Proiectul „Tineri pe picioare”, Golden Accademy.

Patronaje: Senatul Republicii Italiene, Camera Deputaților a Republicii Italiene, Consiliul Regional Lazio, Ambasada României în Republica Italiană, Ambasada Republicii Moldova în Italia, Reprezentanța Comisiei Europene în Italia, Comune di Roma – Departamentul pentru dezvoltare culturală, Comune di Roma – Departamentrul Biblioteci.

Parteneri media:

În România: Agenţia Naţională de Presă AGERPRES, TVR Internaţional, TVR Moldova, Radio România;

În Italia: Agenzia Stampa Askanews, Agenzia Nuova, Giornale Diplomatico, Oltre le Colonne, Abitare a Roma, Italia a Piedi, Roma a Piedi, Roma Week-end, Roma Multietnica, B in Rome, Il Metropolitano, Più Culture, Yes Art Italy, Officina delle Culture, Associazione Culture del Mondo, Cultural Pro, Abitare a Roma;

În Spania: Agenţia de Presă “Occidentul Românesc”;

În Belgia: Arthis Radio-Tv

Accademia di Romania in Roma

La Romania aprirà un museo dell'Olocausto

09/10/2019

Dopo più di 70 anni dalla fine della seconda Guerra mondiale, il presidente rumeno Klaus Iohannis ha dato il via libera martedì 8 ottobre per la creazione del primo museo nazionale dell'Olocausto a Bucarest.

Nel 2004, una commissione internazionale guidata dal premio Nobel Elie Wiesel ha concluso che il numero di rumeni e ucraini uccisi in Romania e nelle aree controllate dal paese, alleato della Germania nazista, sia stimabile tra i 280mila e i 380mila. Sarebbero 11mila i rom sterminati tra il 1940 e il 1944.

La Romania ha iniziato solo di recente a fare i conti con il suo ruolo nello sterminio degli ebrei, ammettendo una sua partecipazione all'Olocausto per la prima volta nel 2003. Il nuovo museo, coordinato dall'Istituto Elie Wiesel per lo studio dell'Olocausto in Romania, ha lo scopo di promuovere la storia, la cultura e le tradizioni degli ebrei nel paese e di evidenziare il loro contributo alla modernizzazione della società rumena.

Già nel 2017 il governo rumeno aveva dato piena disponibilità al progetto di realizzazione del museo.

"Lo stato rumeno dimostra coerenza nel raggiungere l'obiettivo di recuperare la memoria dell'Olocausto, rafforzare l'educazione sull'Olocausto e combattere l'antisemitismo", ha affermato Iohannis ai membri dell'Istituto Wiesel e ai leader della comunità ebraica locale.

Il museo sarà situato in un edificio di otto piani di 8mila metri quadrati, costruito nel 1943-1946 dalla casa produttrice di pneumatici Banloc-Goodrich per i suoi dipendenti. Sarà situato sul viale centrale Calea Victoriei.

La Romania ha fatto il salto della barricata durante la guerra nel 1944 durante l'avanzata dell'Armata Rossa sovietica nei Balcani. Il regime comunista che prese il potere non si mostrò mai troppo interessato ad indagare i crimini nazionali contro gli ebrei.

La Romania era patria per 750mila ebrei prima della guerra; oggi ne rimangono solo 8-10mila.

Fonte: EuroNews

Due cappellani romeni nella diocesi di Padova

Fonte foto: La Difesa del Popolo
09/10/2019

Il Vescovo di Padova ha nominato nelle scorse settimane il nuovo Consiglio diocesano per la gestione economica per il quinquennio 2019-2024, collaboratori pastorali e assistenti, cappellani per le comunità straniere e collaboratori festivi.
Don Alexsandru Marius Suteu della diocesi di Fagaras e Alba Iulia, Romania, è stato nominato cappellano per la comunità romena di rito bizantino greco-cattolico e Don Emanuel Imbrea della Diocesi di Iaşi, Romania, è stato nominato cappellano per la comunità romena di rito latino.

Roma, scroafă atacă un copil de 2 ani si ucide un bărbat. Copilul e în condiții grave

09/10/2019

Un bărbat de aproximativ 50 de ani a murit și un copil de doi ani e in condiții grave, la Roma, după ce au fost atacați de un porc, intr-o crescătorie di Corcolle, periferia capitalei. Tragedia s-a petrecut duminică 6 octobrie, sub ochii tatălui copilului, care nu a reușit să facă nimic pentru a evita moartea bărbatului si rănirea fiului său. "Am auzit strigătele de ajutor. Ne-am dus repede si am reușit să-l scot de acolo pe fiul meu”, a povestit tatăl copilului de 2 ani.

La fața locului au ajuns poliția si carabinierii din Tivoli. Atât bărbatul decedat cât și copilul rănit sunt de naționalitate română.

Bărbatul de 50 de ani a vrut să-i arate fiului prietenului său, purceii abia născuți, dar când a deschis poarta cotețului, au fost atacați de scroafă, care l-a mușcat provocându-i răni mortale, după care a atacat si copilul. Ziua de sărbătoare s-a transformat în tragedie.

Pentru bărbat nu s-a mai putut face nimic, în schimb copilul a fost transportat de urgență cu elicopterul la spitalul din Tivoli, împreună cu mama, după care medicii au decis sa-l transfere de urgență la spitalul din Tor Vergata si mai târziu la spitalul Bambin Gesù. Condițiile copilului sunt încă grave.

Carabinierii din Tivoli au deschis o anchetă pentru a afla în detaliu cele întâmplate si pentru a verifica dacă crescătoria de porci funcționează în condiții legale. Il caută încă pe proprietarul crescătoriei de porci care e de negăsit.

Cadavrul din Isola Capo Rizzuto aparţine unui român de 39 de ani

Sursa foto: Il Crotonese
09/10/2019

Cadavrul găsit în data de 30 septembrie în localitatea Fondo Concio, Isola di Capo Rizzuto din Calabria, aparţine unui bărbat de naționalitate română, Augustin Ion de 39 de ani.
L-a recunoscut sora sa, care locuiește în zonă, datorită unor cicatrici.

Ion, care nu avea un domiciliu stabil, era mort de aproximativ 5 zile. Dupa inspecția cadavrului s-a stabilit că a decedat din cauze naturale.

A fost efectuat si examenul toxicologic pentru a verifica o eventuală otrăvire.

Esecuzione di titolo comunitario: giudice non deve verificare competenza

EUROPA
Esecuzione di titolo comunitario: giudice non deve verificare competenza

Corte UE (caso C-347/18): ai fini dell'attestato per l’esecuzione all’estero il giudice del paese d'origine non esamina la competenza di chi ha deciso il merito

Pubblicato il 26/09/2019

Per eseguire un titolo comunitario non va accertata la competenza sul merito. L’autorità giurisdizionale nazionale adita per il rilascio dell’attestato ex art. 53 del regolamento n. 1215/2012, non deve verificare la competenza del giudice che ha pronunciato la decisione nel merito.

E’ quanto precisato dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea nella sentenza del 4 settembre 2019, causa C-347/18 (scarica il testo in calce).

Il fatto

Con la pronuncia in commento, la Corte UE è intervenuta in relazione all’interpretazione dell’articolo 53 del regolamento (UE) n. 1215/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, chiarendo quali sono i limiti del potere dei giudici nazionali, nel caso di richiesta di esecuzione di un titolo esecutivo comunitario.

Nella vicenda in esame, un avvocato, dopo aver ottenuto dal giudice italiano un decreto ingiuntivo nei confronti di una cliente residente in Germania, avente ad oggetto il pagamento del compenso per l’attività professionale svolta, aveva chiesto l’attestato previsto dall’articolo 53 del regolamento, al fine di poter riscuotere il proprio credito all’estero.

A tal riguardo, il Tribunale di Milano chiamato ad emettere l’attestato, ha sollevato il rinvio pregiudiziale sull’articolo 53 del regolamento n. 1215/2012, chiedendo alla Corte se detto articolo, in combinato disposto con l’articolo 47 della Carta, consenta all’autorità giurisdizionale d’origine, adita con istanza di rilascio dell’attestato previsto da tale norma, di verificare d’ufficio se le disposizioni del capo Il, sezione 4, del regolamento siano state violate.

Tutto ciò al fine di informare il consumatore della violazione, ipoteticamente accertata, e dunque consentire a quest’ultimo di considerare la possibilità di avvalersi del rimedio previsto all’articolo 45 del medesimo regolamento.

La decisione
I giudici comunitari hanno precisato che non spetta all'autorità giurisdizionale nazionale chiamata a pronunciarsi sul rilascio dell'attestato di esecutività, esaminare la competenza del giudice che ha pronunciato la decisione nel merito, a differenza di quanto richiesto nell’ipotesi di una decisione che dispone un provvedimento provvisorio o cautelare.

Solo in queste ultime ipotesi l’articolo 42, paragrafo 2, lettera b), di detto regolamento prevede che l’attestato fornito per l’esecuzione di una decisione che dispone un provvedimento provvisorio o cautelare, debba specificatamente certificare che il giudice d’origine era competente a conoscere del merito, mentre l’articolo 42, paragrafo 1, lettera b), di tale regolamento impone al richiedente, ai fini dell’esecuzione di una decisione nel merito, di fornire solo l’attestato che certifica l’esecutività della decisione.

A ciò si aggiunga che, dalla formulazione dell’articolo 53 del regolamento n. 1215/2012 risulta che l’autorità giurisdizionale d’origine è tenuta a rilasciare l’attestato da essa redatto se un’istanza in tal senso le sia presentata da una parte interessata; al contrario, detta disposizione non prevede in alcun modo che l’adìta autorità giurisdizionale debba esaminare gli aspetti della controversia che non rientrano nell’ambito di applicazione della disposizione in esame, come le questioni di merito e di competenza già giudicate nella decisione di cui si chiede l’esecuzione. D'altra parte dalla giurisprudenza della Corte UE, emerge che il rilascio di detto attestato è quasi automatico.

Pertanto, la Corte Ue ha concluso dichiarando che l’articolo 53 del regolamento n. 1215/2012 va interpretato nel senso che non spetta l’autorità giurisdizionale dello Stato membro d’origine, adita con istanza di rilascio dell’attestato previsto da tale articolo, con riferimento ad una decisione definitiva resa nei confronti di un consumatore, verificare d’ufficio, in una controversia come quella oggetto del procedimento principale, se la decisione in esame sia stata adottata nel rispetto delle norme sulla competenza relative al medesimo regolamento.

CGUE, SENTENZA 4 SETTEMBRE 2019 (CAUSA C-347/18) >> SCARICA IL TESTO PDF

Fonte: Altalex

domenica 6 ottobre 2019

Dialogo poetico. Incontro a Milano con la poesia di Daniel Corbu e Marioara Vișan


COMUNICATO/INVITO

Nel cuore di Milano presso la libreria Bocca, siamo lieti di invitarVi mercoledi 9 ottobre 2019, ore 17 30 alla presentazione di due libri di poesia, recentemente usciti presso la casa editrice Rediviva: „La lezione d’abisso” di Daniel Corbu, traduzione in italiano di Geo Vasile e „Diamante” di Marioara Vișan, traduzione dal romeno di Francesco Altieri. Interverranno: Daniel CORBU, Marioara VISAN, Florentina NITA, Alessandro VILLA, Violeta POPESCU. Con la partecipazione del violinista Andrei PAIU. Sempre nella serata sarà presentato il libro bilingue “INFLORESCENZE. Poeti romeni in Italia. Antologia di poesia contemporanea”, ed. Rediviva, a cura di Florentina NITA, volume già lanciato al Festival Internazionale di Poesia a Milano nel maggio 2019.

“La lezione d’abisso” di DANIEL CORBU, ed. Rediviva 2019

Saggista, dottore in filologia, editore, direttore del Museo di Letteratura Romena della città di Iasi, Daniel Corbu (n. 1953, Târgu Neamţ) è prima di tutto un poeta seguace della profetica modernità di George Bacovia (1881- 1957), ma anche della melodica tragicità di Cezar Ivanescu (1941-2008). Secondo l’eccellente studio di Theodor Codreanu, egli è giunto “a questa ironica esitazione tra il modernismo e il postmodernismo”, prova di “un buon istinto artistico che potrebbe essere a favore dell’autore poiché lascia aperta una porticina verso il seguente paradigma poetico, della trasmodernità”. Evitando a tempo l’esibizionismo parodico-ludico della generazione degli anni ottanta, le poesie di Daniel Corbu certificano un “postmoderno moderato”, affascinato dalla borgesiana biblioteca di Babele nonché dagli enigmatici idiomi, ma non tanto da non aver la forza della rottura dai modelli a partire da Eminescu, Elytis o Gellu Naum, poeti già diventati fonti di riferimento degne di essere citate (…) Dalla prefazione Geo Vasile.

“Diamante” di MARIOARA VISAN, ed. Rediviva 2019

Leggendo le poesie di Marioara Vișan, ho sempre avuto l’impressione che stesse scrivendo per allontanare la morte di qualche passo in più. In effetti, nella poesia Danza del cigno dice chiaramente: La mia canzone sta suonando allontanando l’oscurità. Una poetessa di grande sensibilità, la cui estasi è legata allo spettacolo di idee e alla rivelazione della parola. Finora Marioara Vișan ha pubblicato cinque libri di poesie: Anotimpul culorilor (2010), Roua din suflet (2011), Pelegrin printre cuvinte (2012), Metamorfoză/Metamorfosi (2016), Dincolo de tăcere/Dall’altra parte del silenzio (2018). Il libro che abbiamo di fronte, Diamante, appare in edizione bilingue (la variante italiana – Il diamante – è firmata da Francesco Altieri). La poetessa, che ha vissuto per molti anni a Torino, offre i suoi scritti sia ai romeni in patria che a quelli in Italia. Il lettore ben informato delle poesie di Marioara Vișan scopre almeno due guide che lo conducono, come i vecchi Tuareg, attraverso i suoi meandri lirici: una percezione verginale del mondo e il dramma di conoscere tutto ciò che lo circonda e di sé stesso. (Dalla prefazione di Daniel Corbu).

“Inflorescenze. Antologia di poesia contemporanea” , ed. Rediviva. All’inizio del 2019 – scrive nella prefazione Florentina NITA – abbiamo pensato di raccogliere le creazioni liriche inedite dei tanti poeti romeni residenti in Italia in un’antologia collettiva, con il desiderio di uscire in primavera con un florilegio fatto di tante piccole inflorescenze liriche sbocciate in un’unica dimostrazione di talento e sensibilità. Sono voci di cui si è sentito ancora parlare ma anche alcune che escono per la prima volta alla stampa. Per questo motivo abbiamo ritenuto utile inserire per ciascuno un breve profilo letterario e le informazioni sulla zona di origine dalla Romania nonché dell’attuale collocamento in Italia.

Fonte: Cultura Romena

sabato 5 ottobre 2019

Ravenna: Balli, cibi popolari, musica e party: anche il quartiere Farini si colora per la Notte d'oro

Balli, cibi popolari, musica e party: anche il quartiere Farini si colora per la Notte d'oro Eventi a Ravenna

Eventi / Manifestazioni

DOVE
quartiere Farini
Piazza Luigi Carlo Farini
QUANDO
il 05/10/2019 SOLO OGGI

04 ottobre 2019

Nel weekend tutta la città si accende dell’oro dei mosaici. Anche il quartiere Farini non è da meno. Per la Notte d'oro ad aprire il programma della Farini Social Week di sabato è proprio il mosaico.

Alle 17 inaugura la nuova galleria d’arte Pallavicini 22, nata quest’anno per offrire alla città di Ravenna e al quartiere Farini uno spazio destinato alle arti e agli artisti, dove poter sperimentare e farsi conoscere, riunirsi e proporre eventi e mostre, con l’obiettivo che questo luogo possa contribuire alla riqualificazione del quartiere Farini con l’arte e la cultura. Lo spazio ospita fino al 24 novembre la mostra I cartoni per i mosaici di Dora Markus.

La Notte d’Oro nel quartiere continua con Balli e cibi popolari dal mondo ai Giardini Speyer: una serata in compagnia di balli, musica popolare, laboratori e giochi per bambini e cena tradizionale rumena, a cura del collettivo Amici della Tammorra e delle associazioni Romania Mare e Mabuhay. Alle 17.30 balli e musica popolare, alle 18.30 laboratorio di bricolage e giochi della tradizione filippina, alle 19.30 cena ai giardini con sapori della tradizione rumena ed esibizione di balli filippini e dello Sri Lanka, alle 20.30 balli e musiche rumene.

In occasione della Notte d’Oro, l’osteria Il Paiolo propone un evento a cielo aperto in piazzale Farini: musica live con Piper Band e cena in veranda. Festa anni 2000 al Grinder Coffee Lab di via di Roma 178: Top of the Pop 2000s party – omaggio ai primi 10 anni del 2000.

Gli eventi della Notte d’Oro nel quartiere fanno parte della rassegna di eventi della Farini Social Week, terza edizione della settimana di iniziative, realizzata da CittAttiva in collaborazione con le associazioni, i cittadini attivi, i residenti ed i commercianti, per far conoscere, animare e vivere sempre di più il quartiere Farini.

Fonte: RavennaToday

Il direttore rumeno Petronius Negrescu a Crotone per dirigere l’Orchestra degli Incontri Musicali Mediterranei

Crotone

IL DIRETTORE RUMENO PETRONIUS NEGRESCU A CROTONE PER DIRIGERE L’ORCHESTRA DEGLI INCONTRI MUSICALI MEDITERRANEI

3 ottobre 2019

La stagione concertistica Incontri Musicali Mediterranei sta coinvolgendoun pubblico sempre più numeroso che accoglie con entusiasmo, presso il Museo di Pitagora, una ricca proposta artistica che unisce i migliori talenti locali ad artisti di fama nazionale ed internazionale.

Domenica 6 ottobre,alle ore 21, si arriverà al culmine di tale percorso con il concerto dell’Orchestra degli Incontri Musicali Mediterranei, diretta per l’occasione dal maestro rumeno Petronius Negrescu. La compagine orchestrale, nata in seno all’omonima stagione concertistica, ha all’attivo numerosi progetti e collaborazioni con direttori di fama internazionale che con la loro presenza arricchiscono il bagaglio dei migliori talenti locali.

Quest’anno, si è scelto di collaborare con il direttore Negrescu, uno dei più noti direttori rumeni nonché direttore musicale delle Orchestre Filarmoniche di Arad e Botosani. Alle prove dell’orchestra parteciperanno anche gli studenti del Liceo Musicale Gravina che avranno modo di incontrare ed assistere al lavoro di un importante maestro.

Il programma spazierà dal barocco di Bach e Haendel al classicismo di Mozart, per finire con le Danze popolari rumene di Bartok, coinvolgendo come solisti il basso-baritono rumeno Victor Aciocîrlănoaei e il pianista Alessandro Marano.

L’appuntamento si annuncia imperdibile per tutti gli amanti della buona musica.

Fonte: Strill

Norbert da Castellanza (e dal liceo Tosi), il più bravo d’Italia al test di medicina

02/10/2019 Andrea Aliverti
BUSTO ARSIZIO | VALLE OLONA

CASTELLANZA – Il miglior studente di medicina d’Italia? È un giovane di Castellanza, diplomato con il massimo dei voti al liceo scientifico Arturo Tosi di Busto Arsizio. Si chiama Norbert Kereszteny, ha 19 anni, è di origine rumena ma vive da quando ha sei anni a Castellanza, insieme ai genitori, infermieri di professione.

Primo su oltre 60mila studenti
La sua performance è stata raccontata questa mattina dal Corriere della Sera e i suoi genitori hanno già rilanciato l’articolo sui social affermando di essere orgogliosi di loro figlio. Norbert risulta essere il numero uno in assoluto nella graduatoria dei risultati del temutissimo test di ammissione alla facoltà di medicina del 3 settembre scorso: con 82,4 punti su un massimo di 90 ha fatto meglio di tutti gli oltre 60mila studenti che hanno partecipato al quiz.
Che Norbert avesse del talento scolastico dalle nostre parti non era poi tanto un mistero, visto che sul territorio aveva già fatto parlare di sé negli scorsi anni. Nel 2014, in terza media, era il capitano della squadra che alla scuola media Leonardo da Vinci di Castellanza si aggiudicava i giochi matematici, mentre nel 2018 aveva ottenuto la qualificazione alla fase regionale delle Olimpiadi della Chimica.

L’arma segreta? Gli anni del liceo Tosi
Ma il vero segreto del suo successo, stando a quanto ha dichiarato al Corriere, è proprio la sua scuola, il Liceo Tosi: «Devo soprattutto ringraziare i miei professori di liceo: tutti i miei compagni che hanno tentato il test, il 45% della classe, lo hanno superato. E sono andati nelle università che avevano indicato come prima scelta».

Fonte: Malpensa24

Elezioni del Presidente della Repubblica di Romania: un seggio anche a Forlì

Nel corso dell'incontro è stato ufficializzato l’accordo tra il Comune ed il Consolato per ospitare nella città mercuriale il seggio alle elezioni del Presidente della Repubblica di Romania

03 ottobre 2019

Il sindaco di Forlì Gian Luca Zattini ha ricevuto giovedì mattina in Municipio il Console Generale di Romania a Bologna Daniela Dobre. Nel corso dell'incontro è stato ufficializzato l’accordo tra il Comune ed il Consolato per ospitare nella città mercuriale il seggio alle elezioni del Presidente della Repubblica di Romania che sarà aperto fra l'8 e il 10 novembre.

Il Console ha espresso parole di ringraziamento per la collaborazione tra il Comune ed il Consolato, e ha sottolineato l’ottimo livello di integrazione della comunità romena all’interno della comunità forlivese. Il primo cittadino ha sottolineato "la grande disponibilità del Comune a favorire il più possibile la partecipazione democratica dei cittadini romeni", ed ha apprezzato il notevole inserimento della comunità romena nel tessuto sociale della città, esprimendo "la più ampia attenzione per lo sviluppo di una forte partecipazione di questa comunità alla vita di Forlì".

A riguardo della scadenza elettorale è necessario precisare che il quadro normativo nazionale romeno garantisce il diritto di voto a tutti i propri cittadini di età superiore a 18 anni, indipendentemente da dove risiedono. A questo si aggiunge il particolare interesse mostrato dalla comunità presente a Forlì e nel comprensorio, vista anche la sua consistente dimensione. Le votazioni saranno ospitate alla Fabbrica delle Candele venerdì 8 novembre dalle 12 alle 21, sabato 9 e domenica 10 novembre dalle 7 alle 21.

Nella foto Sindaco e Console Repubblica Romania

Fonte: ForlìToday