La comunità romena in Italia

La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

sabato 10 agosto 2019

Romania: registrati quasi 9 mila cittadini online per votare a presidenziali per corrispondenza

Bucarest, 08 ago - (Agenzia Nova) - Quasi 9 mila cittadini romeni che intendono votare per corrispondenza o presso i seggi elettorali all'estero alle presidenziali che si terranno in autunno si sono registrati online. Lo riferisce l'agenzia d'informazione romena "Agerpres". I cittadini romeni residenti all’estero, che desiderano votare per corrispondenza, devono registrarsi sull’apposita pagina internet compilando i moduli d'iscrizione e allegando una copia del documento d'identità e del permesso di soggiorno rilasciato dalle autorità del Paese di residenza. Le schede di registrazione saranno attive fino all'11 settembre. Circa 9,7 milioni di romeni sono stabiliti all'estero. I dati sono stati raccolti da oltre 70 missioni diplomatiche della Romania e sono stati centralizzati dal ministero per i Romeni nel Mondo.
(Rob)

Fonte: Agenzia Nova

O brașoveancă este prim-cercetător al Institutului Naţional de Fizică Nucleară de lângă Roma

Coordonează proiecte de milioane de euro
29 iulie 2019  AM de Biz Brasov

Cătălina Oana Curceanu s-a născut la Braşov, a locuit apoi în copilărie în Covasna, iar liceul şi facultatea le-a terminat la Bucureşti – la Măgurele mai exact – unde a studiat Fizica şi unde a absolvit ca şef de promoţie.

În urmă cu circa trei decenii a plecat cu o bursă în Italia, unde locuieşte şi astăzi şi unde este prim-cercetător la Institutul Naţional de Fizică Nucleară de lângă Roma. Tot aici, conduce de câţiva ani un grup de cercetare care efectuează experimente în fizica nucleară şi cuantică.

„Din grupul pe care-l conduc fac parte 20 de persoane – cercetători, ingineri, doctoranzi. Nu coordonez un business propriu-zis, ci proiecte fundamentale de cercetare cu o valoare vizibilă – adică aparatele pe care le construim şi folosim – de milioane de euro”, spune cercetătorul român. Însă valoarea reală a ceea ce fac Cătălina Oana Curceanu şi echipa sa este mult mai mare, ţinând cont de faptul că tehnologiile şi metodele pe care le inventează pentru a descoperi cum funcţionează universul ar putea produce în viitor noi tehnologii care ar avea o valoare de business de zeci sau chiar sute de milioane de euro, după cum precizează chiar ea.

Cum a ajuns Cătălina Oana Curceanu să studieze şi să încerce să înţeleagă universul? E o poveste care începe în copilărie, povesteşte ea.
„M-am născut la Braşov, însă părinţii s-au mutat când aveam doar câteva luni la Sfântu Gheorghe (judeţul Covasna).” A studiat până în clasa a VIII-a la Sfântu Gheorghe, la actualul Colegiu Naţional „Mihai Viteazu”, după care liceul l-a făcut la Măgurele, lângă Bucureşti, „la excepţionalul Liceu de Matematică şi Fizică nr. 4 – faimos în toată România întrucât pregătea intens copii din toată ţara în fizică şi matematică de vârf”. Ulterior a studiat fizica la facultatea de la Măgurele, absolvind în 1989 ca şef de promoţie, cu specializarea în fizică nucleară şi fizica particulelor elementare.

„În 1991 am venit cu o bursă de studiu la institutul de fizică de la Frascati, cel mai mare institut de cercetare italian în fizică nucleară, Laboratori Nazionali di Frascati dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (LNF-INFN), în cadrul unui grup care efectua un experiment, OBELIX, la CERN-Geneva.” În acest experiment şi-a realizat teza de doctorat. Între timp, după mai multe concursuri, a ajuns prim-cercetător la LNF-INFN, unde de câţiva ani conduce un grup de cercetare care efectuează experimente în fizică nucleară şi cuantică.

„Am plecat din ţară în 1991, cu o bursă de studiu în Italia, întrucât mi s-a oferit această posibilitate. Mai mult, în cadrul ştiinţei nu există bariere – întreaga lume este «casa ta».”
A început cu experimente de fizică nucleară la CERN (Geneva), după care a propus ea însăşi experimente la acceleratorul DAFNE de la Frascati, la laboratorul subteran de la Gran Sasso şi în Japonia, la KEK şi J-PARC.

„Mi-am făcut propriul grup de cercetare şi am mai multe proiecte finanţate de ministere din Italia, proiecte europene şi internaţionale, în special în cadrul fizicii nucleare şi cuantice.”
Ţine să precizeze că în cercetarea de vârf, în special în fizică, este absolut normal să pleci din propria ţară, oricare ar fi aceasta. „Am în grupul meu tineri din toată lumea, care lucrează cot la cot pentru a descoperi misterele universului. Faţă de univers, Terra este oricum extrem de mică şi noi, cercetătorii, ne simţim oriunde acasă.”

Cum arată o zi obişnuită pentru un om care caută să descifreze o serie de secrete care au fascinat dintotdeauna omenirea? Răspunsul e simplu. Nu există o zi obişnuită. „Fiecare zi este altfel întrucât în fiecare zi facem ceva în plus faţă de ieri: o nouă descoperire (mai rar) sau o nouă bucăţică pentru aparatul pe care-l construim pentru a măsura ceva ce nimeni nu a reuşit s-o facă până acum; un nou proces al quarcilor, o nouă proprietate cuantică.”

Cătălina Oana Curceanu are mai multe proiecte finanţate de statul italian sau de diferite instituţii – StrangeMatter, finanţat de MAECI; SICURA, finanţat de Regione Lazio şi, evident, proiecte finanţate de INFN (institutul pentru care lucrează ca prim-cercetător) –, de Europa şi de instituţii internaţionale (FQXi). „Îmi petrec parte din timp cu procedurile necesare pentru a duce mai departe aceste proiecte, dar şi propun altele pentru viitor.”
Ceea ce face cercetătoarea româncă împreună cu grupul său sunt proiecte care studiază lumea quarcilor „stranii” la acceleratoarele DAFNE de la Frascati şi J-PARC din Japonia şi eventuale procese care nu sunt prevăzute de actuala mecanică cuantică, la laboratorul subteran de la Gran Sasso şi în cadrul proiectului TEQ.
„Pe lângă cercetarea de bază, avem şi proiecte care aplică ceea ce învăţăm. Studiem de exemplu quarcii în domeniul social, cum ar fi performanţele detectoarelor de radiaţie extremă ce pot fi folosite în aeroporturi sau în evenimente publice pentru a preveni un eventual atac cu surse nucleare.” Pentru un om obişnuit, munca Cătălinei Oana Curceanu pare mai complicată ca o limbă străină necunoscută, însă de rezultatele ei se bucură direct sau indirect o lume întreagă.
Cercetătorul român a plecat din ţară acum aproape trei decenii, însă revine frecvent acasă. Mai mult, colaborează cu IFIN-HH – un grup de la institutul de la Măgurele – participând la experimentele pe care aceştia le conduc.
„E ca şi cum ţara mea – România – este mereu cu mine. În rest, la ora actuală, nu mă gândesc să mă întorc în ţară întrucât am proiecte multe aici în Italia şi în alte laboratoare din lume, pe care vreau să le văd realizate.”
În viitor nu exclude posibilitatea de a reveni în România – poate cu un proiect de cercetare. Nu taie de pe listă nici alte oportunităţi, cum ar fi cea a antreprenoriatului.
„Dacă, şi când va fi cazul, voi considera toate posibilităţile – inclusiv aceea de a deveni antreprenor cu proiecte de vârf în domeniul tehnologiilor moderne, precum cele cuantice. Este însă cineva în România gata să investească în aceste proiecte în mod serios?”
Până atunci, revine periodic în ţară pentru a-şi vizita familia, de care recunoaşte că îi e cel mai dor. Ultima dată a fost în România în aprilie.
„De când am plecat, în 1991, s-au schimbat atât de multe încât mi-e greu să fac o listă. Cel mai vizibil lucru este că de când am plecat s-a născut o nouă generaţie! La oră actuală, în România, există o nouă populaţie de adulţi care s-a născut după ce am plecat eu din ţară. Viitorul este al lor!”
Familia Cătălinei Oana Curceanu a rămas în România, mai exact surorile Luminiţa şi Mona, alături de familiile lor. Nepoţii Adina, Eric, Anastasia şi Sara, pe care îi menţionează cercetătorul român, sunt principalul imbold pentru fiecare vizită nouă.
„Îmi mai este dor câteodată şi de Sfântu Gheorghe şi de centrul Bucureştiului, care, în ciuda aglomeraţiei, îmi place mult. Şi, dacă mă gândesc bine, mi-e dor de un anumit mod de a gândi şi de a vorbi, specific, foarte specific, Ardealului (te gândeşti înainte să vorbeşti – de multe ori te gândeşti de două ori) – este modul care m-a ajutat să devin ceea ce sunt.”
La polul opus, cel mai puţin dor îi e de cei care vorbesc şi vorbesc, şi se plâng, şi iar vorbesc (de multe ori doar despre bani), de cei care-şi etalează bogăţia cu maşini de lux şi alte obiecte de lux, dar care nu au citit o carte de ani de zile. „Nu mi-e dor nici de «lasă că ne înţelegem noi», de şefii autoritari fără autoritate, de (încă) un mod de gândire tipic anilor ’80 (din secolul trecut! Da, mai există încă!). Nu mi-e dor de cei care «se dau mari» – şi sunt mulţi – mai ales la Bucureşti, de cei fără suflet şi fără idealuri.” Recunoaşte că ar mai fi multe de adăugat, dar se opreşte aici.
Astfel, dacă ar fi să aleagă doar trei lucruri care ar trebui îmbunătăţite în România, ar merge pe educaţie în toate formele ei. Mai exact, pe o şcoală care să fie preţuită şi respectată, inclusiv prin salarii mai mari, care să-i atragă pe cei mai buni spre cariera de profesor. „E necesar respectul pentru şcoală şi educaţie – începând de la politicieni. Sunt necesare investiţiile în şcoala publică.”
Cercetătorul român vorbeşte apoi despre utilitatea unor investiţii mai mari în cercetare şi atragerea cercetătorilor străini în România. Pentru acest lucru trebuie să existe şi un sistem de selecţionare a proiectelor în care să fie implicate comisii internaţionale prestigioase care să aleagă cele mai competitive idei.
„Nu în ultimul rând, trebuie să existe o alianţă între industrie şi cercetare, între dezvoltarea tehnologică şi cercetare – cu posibilitatea de a inventa, breveta şi aplica invenţiile, cu oferte avantajoase pentru tineri.”

Sursa: Biz Brasov

Viterbo: L'ex nazionale romeno Nicolae Racean nuovo tecnico del Tusciarugby

02-08-2019

L'Asd Tusciarugby raddoppia! Dopo Simon Picone, da due stagioni Direttore tecnico della società, un altro ex nazionale entra a far parte della grande famiglia bianco rossa. Si tratta di Nicolae Racean, 55 anni, nazionale romeno dal 1988 al 1995, formazione con la quale ha preso parte a due Mondiali (Inghilterra 1991 e Sudafrica 1995), collezionando 45 presenze. Con Francesco Medori si occuperà della Seniores maschile iscritta al campionato regionale di C2. "Un arrivo importante- è il commento del presidente Marco D'Ottavio. Con il suo prestigio e la sua esperienza di allenatore, ricordo i suoi recenti successi in under 18 oltre ad aver più∙volte allenato in B, Nicolae è sicuramente il tecnico adatto a dare entusiasmo all'intero ambiente, soprattutto per quanto riguarda la prima squadra. Sono sicuro che lavorando assieme a Simon e a Francesco raggiungeranno, e raggiungeremo, presto importanti traguardi".

Giancarlo Guerra

Fonte: Occhio Viterbese

Società in Romania, come aprirne una

29 Luglio 2019

Società in Romania

Molti imprenditori italiani decidono di costituire la loro società in Romania: questa scelta è dettata dal fatto che qui vige una bassa tassazione sulle società. Infatti, l’aliquota sulle imposte dei redditi societari è fissata al 16% sull’utile. Inoltre, gli imprenditori che ottengano dei fatturati inferiori ad un milione di euro, possono beneficiare anche di una tassazione al 3% sul fatturato (calcolato sul totale complessivo dei ricavi), questo spinge molti imprenditori a costituire società all’estero in Romania.

Indice dell'articolo

1 Società in Romania, si se fatturi meno di un milione di euro l’anno
1.1 Se si vuole aprire una società di questo tipo (con Partita IVA), è necessario seguire questo iter:
1.2 Passo importante, la traduzione in romeno dei documenti
Società in Romania, si se fatturi meno di un milione di euro l’anno
Dunque, aprire una società in Romania è la scelta consigliata per i piccoli imprenditori che fatturino meno di un milione di euro all’anno.

Addirittura, l’imposta passerà dal 3% all’1% del fatturato se nella società viene assunto almeno un lavoratore dipendente. Un altro vantaggio è quello che le società in Romania sono esenti da IVA: il requisito è quello di avere un fatturato annuo inferiore a 65.000 euro. Nel caso in cui invece si apre una società con Partita IVA, l’aliquota standard è fissata al 19%.

Se si vuole aprire una società di questo tipo (con Partita IVA), è necessario seguire questo iter:
scegliere il nome della società e procedere all’iscrizione presso il Registro delle imprese della Romania;
procedere alla relazione dell’atto costitutivo, dello statuto societario e dell’affidavit (spesso ci si può affidare alla consulenza di uno studio legale romeno).
Poi si procede alla costituzione della società che può essere fatta in Romania oppure direttamente dall’Italia inviando i documenti di costituzione attraverso posta raccomandata o via corriere allo studio legale romeno. Lo studio legale procederà poi alla presentazione dei documenti al Pubblico Ufficiale presso il Registro delle imprese romeno.

Passo importante, la traduzione in romeno dei documenti
Una precisazione è che i documenti di costituzione della società, prima di essere depositati devono essere tradotti da un traduttore giurato romeno che sia iscritto nell’albo dei traduttori. Il capitale sociale per la costituzione della società è di 70 euro e deve essere versato presso una banca romena. Dopo il deposito dei documenti al Registro delle imprese saranno necessari 5 giorni lavorativi per la costituzione della società.

Fonte: Economia il Tabloid

venerdì 9 agosto 2019

Divorț și separare legală / Divorzio e separazione legale


Divorț și separare legală

Motivele pentru care puteți introduce cererea de divorț sau de separare legală și procedurile aferente sunt stabilite în legislațiile naționale ale țărilor din UE. Normele sunt foarte diferite de la o țară la alta.

Totuși, există o serie de norme europene care se aplică în situațiile în care sunt implicate două sau mai multe țări – de exemplu, dacă soții locuiesc în țări diferite.

Unde se poate solicita divorțul/separarea legală?
Partenerii pot solicita divorțul sau separarea legală de comun acord sau individual.

Cererea de divorț poate fi adresată instanțelor din:
  • țara în care locuiesc partenerii
  • țara în care aceștia au locuit împreună ultima dată – dacă unul dintre parteneri mai locuiește acolo
  • țara în care locuiește unul dintre parteneri – dacă cererea se înaintează de comun acord
  • țara în care locuiește partenerul dumneavoastră
  • țara în care locuiți dumneavoastră:
  • dacă ați locuit acolo cel puțin 6 luni înainte de a depune cererea de divorț
  • dacă sunteți cetățean al acestei țări.
  • Dacă nu sunteți cetățean al țării respective, trebuie să fi locuit acolo timp de cel puțin 1 an înainte de a solicita divorțul.
  • țara de origine a ambilor parteneri.
Prima instanță judecătorească la care s-a depus cererea și care îndeplinește aceste condiții are competența de a se pronunța în privința divorțului.

Instanța care poate să transforme o separare legală în hotărâre de divorț este instanța din țara UE care s-a pronunțat în privința separării legale - atât timp cât acest lucru este în conformitate cu normele țării respective.

Instanța care se pronunță asupra divorțului va lua decizii și în ceea ce privește autoritatea părintească, atâta timp cât copilul locuiește în țara respectivă.

Ce norme se aplică în cazul dumneavoastră (divorț sau separare)?
Sunt implicate două sau mai multe țări - de exemplu, pentru că atât dumneavoastră, cât și partenerul, aveți cetățenii diferite sau pentru că locuiți în altă țară din UE decât cea de origine?

Dacă sunt implicate mai multe țări, legislația aplicabilă în cazul divorțului dumneavoastră nu este neapărat legislația țării în care ați înaintat cererea de divorț.

17 state membre ale UE au adoptat un set unic de norme pentru a stabili ce lege ar trebui să se aplice în cazul divorțurilor transfrontaliere. Țările respective sunt: Austria, Belgia, Bulgaria, Estonia, Franța, Germania, Grecia, Italia, Letonia, Lituania, Luxemburg, Malta, Portugalia, România, Slovenia, Spania și Ungaria.

În oricare dintre aceste 17 țări, partenerii pot, de comun acord, să solicite aplicarea legislației în materie de divorț din
  • țara în care locuiesc partenerii
  • țara în care partenerii au locuit împreună ultima dată – dacă unul dintre ei mai locuiește acolo
  • țara a cărei cetățenie este deținută de unul dintre parteneri
  • țara în care s-a înaintat cererea de divorț.
Dacă partenerii nu cad de acord, instanțele din aceste 17 țări vor aplica legislația din:
  • țara în care locuiesc partenerii
  • dacă nu este posibil, țara în care partenerii au locuit împreună ultima dată - doar dacă mai locuiau acolo cu 1 an înainte de a ajunge în instanță
  • dacă nu este posibil, țara ai cărei cetățeni sunt
  • dacă nu este posibil, țara în care s-a înaintat cererea de divorț.
În cazul în care depuneți cererea de divorț în altă țară din UE, consultați un avocat pentru a afla ce legislație se va aplica în cazul dumneavoastră și cu ce consecințe.

Recunoașterea în străinătate a divorțurilor și separărilor legale
Hotărârile de divorț sau de separare legală pronunțate într-o țară din UE sunt recunoscute în celelalte state membre. Nu este nevoie de proceduri suplimentare.

Excepție: Danemarca

Normele UE privind divorțul și separarea legală (de exemplu, în materie de instanțe competente și recunoaștere) nu se aplică în Danemarca.

Sursa: Europa Ta Uniunea Europeana
-------------------------------------

Divorzio e separazione legale

Ultima verifica: 10/05/2019

Le leggi nazionali dei paesi dell'UE dovranno stabilire le ragioni per cui puoi chiedere il divorzio o la separazione legale e le relative procedure. Le norme variano notevolmente da un paese all'altro.

Tuttavia, alcune norme dell'UE aiutano a determinare quali tribunali sono competenti e quale diritto si applica nei casi che vedono coinvolti due o più paesi dell'UE – ad esempio se i due coniugi vivono in paesi diversi o hanno cittadinanza diversa.

Dove si presenta l'istanza di divorzio o separazione legale?
L'istanza di divorzio o di separazione legale può essere presentata da entrambi i coniugi, come domanda congiunta, oppure da un solo coniuge.

La puoi presentare presso un tribunale del paese in cui:

- vivete tu e il tuo coniuge
- avete vissuto insieme l'ultima volta – a condizione che uno di voi due ci viva ancora
- vive uno di voi due – a condizione che l'istanza sia presentata congiuntamente da entrambi
- vive il tuo coniuge
- vivi tu, se:
     - alla data di presentazione della domanda risiedi in quel paese da almeno sei mesi e
     - sei un cittadino di tale paese.
Se non sei un cittadino di tale paese, devi risiedervi da almeno un anno alla data di presentazione della domanda.
- sia tu che il tuo coniuge siete cittadini.

Il primo tribunale in cui viene depositata la domanda che soddisfa queste condizioni ha il potere di pronunciarsi sul divorzio.

Il tribunale autorizzato a convertire una separazione legale in divorzio è quello del paese dell'UE che ha emesso la sentenza riguardo alla separazione legale - nella misura in cui ciò è previsto dalla normativa del paese in questione.

Il tribunale competente per il divorzio può anche decidere sulle questioni riguardanti la responsabilità genitoriale se il minore vive nel paese in questione.

Quali leggi si applicano al tuo divorzio o alla tua separazione legale?
Sono coinvolti due o più paesi dell'UE - ad esempio se i due coniugi hanno cittadinanze diverse oppure vivono in due paesi dell'UE diversi?

La legislazione che disciplina il divorzio non è necessariamente quella del paese in cui viene chiesto.

17 paesi dell'UE hanno adottato un insieme unico di regole per determinare quale legge vada applicata ai divorzi transfrontalieri. Tali paesi sono: Austria, Belgio, Bulgaria, Estonia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Portogallo, Romania, Slovenia e Spagna.

In questi 17 paesi puoi concordare con il tuo coniuge di applicare la legislazione in materia di divorzio:

- del paese in cui tu e il tuo coniuge risiedete abitualmente
- del paese in cui avete vissuto insieme l'ultima volta – a condizione che uno di voi due ci viva ancora
- del paese di cui uno di voi due è cittadino oppure
- del paese in cui viene presentata l'istanza di divorzio.

Se non trovi un accordo con il coniuge, i tribunali di questi 17 paesi applicheranno le leggi:

- del paese in cui tu e il tuo coniuge risiedete abitualmente
- in mancanza di ciò, del paese in cui avete vissuto insieme l'ultima volta - a condizione che vi abbiate vissuto insieme un anno prima di andare in tribunale
- in mancanza di ciò, del paese di cui siete entrambi cittadini
- in mancanza di ciò, del paese in cui viene presentata l'istanza di divorzio.

In caso di domanda di divorzio in un altro paese dell'UE, consulta un avvocato specializzato per sapere quali leggi si applicano al tuo caso e alle conseguenze che comporterebbe.

Riconoscimento del divorzio e della separazione legale all'estero
Una sentenza di divorzio o di separazione legale pronunciata in un paese dell'UE è automaticamente riconosciuta negli altri paesi dell'Unione: non sono necessarie procedure supplementari.

Eccezione - Danimarca

Le norme dell'UE in materia di divorzio e separazione legale (ad esempio riguardo alla giurisdizione e al riconoscimento) non si applicano alla Danimarca.

Fonte: La tua Europa Unione Europea

Asociația Românilor din Italia nu participă la mitingul din data de 10 august 2019 de la București

Asociația Românilor din Italia (ARI) nu susține și nu va participa la manifestațiile anunțate pentru data de 10 august 2019, la București. Membrii Asociației Românilor din Italia și mulți români consideră că acest protest este startul campaniei electorale pentru alegerile prezidențiale. Promovarea mitingului are un puternic caracter partizan politic. În același timp, autori cunoscuți sau necunoscuți instigă pe rețelele de socializare la ură, dezbinare și violență. Asociația Românilor din Italia respinge astfel de practici și îndeamnă la respect față de toți cetățenii români.

Refuzăm și de această dată să devenim masă de manevră pentru un partid sau altul. Considerăm că toate partidele și politicienii care s-au succedat la guvernare din 1990 până în prezent sunt responsabili, într-o proporție mai mare sau mai mică, de starea de permanentă tensiune și sărăcie în care se află România.

Desigur că membrii noștri au opțiuni politice pe care și le exprimă atunci când li se oferă condițiile necesare, ceea ce nu s-a întâmplat nici la alegerile din 2009, nici la cele din 2014 și nici la ultimele alegeri parlamentare. Nemulțumirile politice se exprimă la urne. Avem multe de spus partidelor, dar o vom face la vot, pentru noi, nu în piețe, pentru profitorii politici.

Refuzăm să fim o portavoce ținută de mâini nevăzute. Mai degrabă, rolul unei astfel de adunări publice ar trebui să fie conștientizarea problemelor cu care se confruntă românii din țară și din străinătate și coagularea unei liste de rezolvări concrete - ceea ce se pare nu interesează pe nimeni dintre cei care se pretind organizatori.

Nu am participat nici anul trecut la așa-zisul miting al diasporei, pe care l-am considerat - cum îl considerăm și pe cel de anul acesta - o provocare politică cu potențial exploziv de mare risc. Realitatea ne-a dovedit că am avut dreptate. Provocatorii politici, pe de o parte, și reacția disproporționată a forțelor de ordine, pe de alta, au condus la ciocniri violente, inclusiv la vătămări fizice, precum și la manipulările ulterioare, făcând din acel miting un eșec, din care diaspora nu a avut decât de suferit.

De asemenea, respingem folosirea în același scop a tragediei de la Caracal. Nu dorim să fim parte la un asemenea scenariu. Suntem alături de familiile Alexandrei și Luizei și transmitem tot suportul nostru. Chemăm politicienii să se abțină de a se folosi de drame personale pentru a-și promova interesele electorale de partid.

Față de cele de mai sus, Asociația Românilor din Italia cheamă pe toți cei de bună-credință, care nu doresc compromiterea imaginii și a adevăratelor deziderate ale românilor din străinătate, să evalueze cu cea mai mare atenție și prudență eventuala chemare de a participa la un asemenea miting deturnabil, luând o decizie în deplină cunoștință de cauză, cu asumarea riscurilor inerente unei aglomerări publice orchestrate, susceptibilă de a degenera într-o pârghie sângeroasă de răsturnări politice.

Biroul de comunicare ARI
Associazione dei Romeni in Italia
Via del Fringuello, 50 A, Roma
Tel. +39 06263162
www.associazionedeiromeni.it

Romania-Bulgaria: numero persone a valico di confine Vama Veche registra nuovo record

Bucarest, 29 lug 15:29 - (Agenzia Nova) - Il numero dei cittadini romeni e stranieri registrati nel punto di confine Vama Veche (sud-est della Romania, al confine con la Bulgaria) ha superato il valore più alto mai registrato, ovvero oltre 730 mila persone nei primi sei mesi dell'anno. Rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, il numero delle persone che hanno attraversato il confine a Vama Veche, ha registrato una crescita di quasi il 40 per cento. I rappresentanti della Polizia di confine romena hanno precisato che, in questo periodo, si riscontra normalmente una crescita del numero di turisti romeni e stranieri che attraversano il confine tra Romania e Bulgaria e, per ridurre i tempi di attesa, la Guardia costiera ha aumentato il personale di controllo dei documenti e i mezzi tecnici. (Rob)

Fonte:  Agenzia Nova 

Pensione anticipata e contributi validi a qualiasi titolo, non è sempre così

Di Angelina Tortora
2 Agosto 2019

Pensione anticipata Quota 100 e contributi versati a qualsiasi titolo: perchè l’Inps rifiuta le pratiche con contributi versati all’Estero?

Pensione anticipata Quota 100 e contribuzione a qualsiasi titolo versati, non sempre è così. Analizziamo il quesito di un nostro lettore: Salve, chiedo chiarezza su un estratto del circolare INPS del 11/2019. A me sembra che la dicitura implica che anche settimane di versamenti all’estero sono cumulabile. Purtroppo, quando io ho chiesto all’INPS in persona, non hanno concordato mio opinione ma non l’hanno negato neanche. Cosa pensati? (vedi sotto).
Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Organizzazione e Sistemi Informativi
Roma, 29/01/2019 –Circolare n. 11
1.1 Destinatari della norma
Ai fini del perfezionamento del requisito contributivo è valutabile la contribuzione a qualsiasi titolo versata o accreditata in favore dell’assicurato.

Pensione Quota 100 e contributi a qualsiasi titolo versati

In linea generale i contributi versati all’estero hanno particolari condizioni di cumulo e totalizzazioni, tutto dipende dalle convenzioni.

In regime di cumulo, viene considerata utile la contribuzione estera nei Paesi che applicano i Regolamenti comunitari di sicurezza sociale (cioè i paesi Ue compresa la Svizzera e la Norvegia) ovvero in Paesi extracomunitari legati all’Italia da Convenzioni bilaterali di sicurezza sociale che prevedono la totalizzazione internazionale (es. Stati Uniti e Canada).

Per poter esercitare il cumulo estero è necessario che risulti perfezionato in Italia il minimale di contribuzione richiesto per l’accesso alla totalizzazione, previsto dalla normativa comunitaria (52 settimane) o dalla singole Convenzioni bilaterali. Inoltre per poter essere sommati i periodi contributivi esteri non devono risultare temporalmente coincidenti con quelli versati in Italia.

Inoltre, ci si può avvalere del cumulo anche quando già si è titolari di una pensione estera, il regime di cumulo non preclude la possibilità di avvalersi del cumulo a differenza, cosa non possibile per i titolari di trattamento pensionistico in Italia.

La contribuzione estera è preclusa nei paesi esteri non convenzionati con l’Italia. Non resta che la valorizzazione con riscatto con onere a carico del lavoratore.

Pensione anticipata Quota 100 con contributi Italia + Estero

In attesa di chiarimenti Inps
Sul cumulo della contribuzione con Italia Estero, l’Inps non procede alle pratiche pensionistiche con Quota 100. Sicuramente ci saranno dei chiarimenti a breve, in quanto nel decreto legge 4/2019 e nella circolare Inps n. 11/2019 non è prevista l’esclusione, anzi si fa riferimento alla contribuzione a qualsiasi titolo versata, senza specificare se i contributi versati all’estero (secondo le convenzioni) sono validi per l’anticipo pensionistico con Quota 100.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Fonte: Notizie Ora

Come leggere il libretto di circolazione

02-08-2019

Rilasciato dalla Motorizzazione Civile insieme alla targa in caso di nuova immatricolazione o di rinnovo, il libretto di circolazione rappresenta la “carta d’identità” della nostra automobile. Tale documento è infatti necessario alla circolazione del veicolo e deve essere sempre portato con sé dal conducente per poter circolare. Contiene i dati relativi alle caratteristiche tecniche del veicolo e viene ritirato qualora questi sia sottoposto a sequestro, confisca o fermo amministrativo. È inoltre importante sapere che il suo possesso non costituisce prova della proprietà del veicolo in questione.

Come è divisa la carta di circolazione
Il libretto è composto da due facciate suddivise in quattro quadranti. Sul retro vengono riportati gli aggiornamenti, ovvero gli eventuali trasferimenti di proprietà del veicolo e i risultati delle revisioni, oltre alla leggenda relativa al significato dei codici. Nel primo quadrante vengono riportati i dati che identificano il veicolo e il suo proprietario.

Il secondo raggruppa le informazioni su marca e modello della vettura insieme ad altri dati tecnici ad essa inerenti. Nel terzo e nel quarto, invece, ci sono informazioni scritte per esteso e senza codici. Di norma si tratta delle dimensioni del veicolo, del rapporto potenza/tara (indispensabile da conoscere se si è neopatentati), e della classe di omologazione ambientale.

Come leggere la carta di circolazione
A questo punto siamo pronti a scoprire il significato dei codici comunitari riportati sul nostro libretto di circolazione auto.

A – Targa del veicolo
B – Data di prima immatricolazione
C – Sezione riservata ai dati del proprietario
C1.1 e C1.2 – Dati intestatario della carta di circolazione
C2.1 e C2.2 – Nome e cognome del proprietario del veicolo
C3 – Persona fisica che può utilizzare il veicolo oltre al proprietario
C3.1, C3.2 e C3.3 – Nome, cognome e indirizzo del soggetto
D.1 – Marca
D.2 – Modello
D.3 – Denominazione commerciale
E – Numero di identità del veicolo, numero del telaio
F – Massa
F.1 – Massa massima ammissibile
F.2 – Masa massima ammissibile del veicolo in servizio nello Stato di immatricolazione
F.3 – Massa massima ammessa dell’insieme
G – Massa del veicolo in servizio carrozzato in kg
H – Durata di validità, se non illimitata
I – Data di immatricolazione alla quale si riferisce il libretto
J – Categoria del veicolo
J.1 – Destinazione e uso del veicolo
J.2 – Carrozzeria del veicolo
K – Numero di omologazione
L – Numero di assi
M – Interasse
N – Per mezzi di massa superiore alle 3,5 tonnellate, indica la ripartizione della massa sui vari assi identificati come N.1, N.2, N.3, N.4 e N.5
O – Massa massima ammessa a rimorchio
O.1 – Rimorchio frenato espresso in chilogrammi
O.2 – Rimorchio non frenato espresso in chilogrammi
P – Motore
P.1 – Cilindrata
P.2 – Potenza massima (in KW)
P.3 – Tipo di alimentazione
P.4 – Regime motore in giri/min al quale è espressa la potenza
P.5 – Numero di serie del motore
Q – Rapporto peso/potenza per i motocicli, espresso in Kw/Kg
R – Colore
S – Posti a sedere
S.1 – Numero di posti a sedere compreso il conducente
S.2 – Numero di posti in piedi eventualmente disponibili
T – Velocità massima
U – Rumorosità in decibel
U.1 – Rumorosità in decibel a veicolo fermo
U.2 – Rumorosità in decibel a regime motore in giri/min
U.3 – Rumorosità in decibel a veicolo in marcia
V – Emissioni inquinanti espresse in g/km o g/kwh.
V.1 – Co Co2; V.2 – HC; V.3 NOx; V.4 – HC + NOx; V.5 particolato (per motori diesel); V.6 – regime di assorbimento per motori diesel (in giri/min); V.7 – Co2; V.8 – consumo dichiarato in litri/100 km nel ciclo misto; V.9 – Classe di emissioni inquinanti (Euro 1, Euro 2, ecc…)
Libretto obbligatorio a bordo, tagliando assicurazione no. Ma…
Presa familiarità con l’alfabeto del vostro libretto di circolazione, è meglio ricordare alcune regole fondamentali. La sua presenza a bordo è obbligatoria, mentre dal 18 ottobre 2015 non lo è più esporre il tagliando di assicurazione. I controlli sulla polizza RCA vengono infatti effettuati attraverso la targa. Ciò significa che è comunque fondamentale essere in regola con il pagamento della assicurazione auto. Potrai scegliere quella più adatta consultando le migliori offerte presenti sul mercato e generando un preventivo gratuito che avrà validità 60 giorni.

Fonte: ComparaSemplice

Reggio Calabria, il drammatico racconto del suicidio in carcere del 47enne rumeno: “nel penitenziario di Arghillà situazione insostenibile”

Reggio Calabria, il racconto del suicidio dell’uomo rumeno che pochi giorni fa si è impiccato nel carcere di Arghillà: la lettera del garante dei diritti comunale avv. Agostino Siviglia
29 Luglio 2019  | Ilaria Calabrò

Il garante dei diritti delle persone del Comune di Reggio Calabria, avvocato Agostino Siviglia, ha inviato una lettera al Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria Dott. Francesco Basentini, al Garante Nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale Prof. Mauro Palma, al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria dott. Giovanni Bombardieri. Di seguito la lettera che riportiamo integralmente:

Oggetto: Suicidio detenuto GOLOVANSCHI Antonio Petru (26/06/1972) – Carcere di Arghillà – 26 luglio 2019 –

“A seguito del suicidio per impiccagione del cittadino di nazionalità rumena, Antonio Petru Golovanschi (cl. 1972), detenuto presso l’istituto penitenziario di Reggio Calabria Arghillà, avvenuto nel pomeriggio di venerdì 26 luglio 2019, intorno alle ore 17:30, nella qualità di Garante dei diritti delle persone private della libertà personale del Comune di Reggio Calabria, nella mattina di lunedì 29 luglio 2019, mi sono recato presso il detto istituto penitenziario al fine di assumere le informazioni del caso. Ho potuto apprendere che nel pomeriggio di venerdì 26 luglio 2019, intorno alle ore 17:30, il sanitario di guardia in carcere veniva allertato dalla sezione “Afrodite”, all’interno della quale sono reclusi i cosiddetti “protetti” (per reati di riprovazione sociale), essendo in atto un tentativo di suicidio”.

“Risulta in atti – presso l’Area Sanitaria dell’istituto penitenziario – che non appena il sanitario di guardia giungeva nella detta sezione “Afrodite”, il detenuto Antonio Petru Golovanschi, disteso per terra nel corridoio della sezione, attorniato da altri detenuti e agenti di polizia penitenziaria, non era più vigile e cosciente, non respirava ed il battito cardiaco risultava assente. Nonostante il tentativo di rianimazione con il defibrillatore portatile ed il contestuale massaggio cardiaco per circa 50 minuti, alle ore 18:20, i sanitari del 118, nel frattempo giunti sul posto, ne constatavano l’avvenuto decesso. Le modalità del suicidio ricalcano quelle tragicamente note in casi simili: impiccagione con lenzuola legate alle inferriate della finestra della cella”.

“Dalle informazioni acquisite, non risulta che al detenuto Antonio Petru Golovanschi, entrato in istituto il 16 luglio 2019, fosse stato applicato alcun regime di vigilanza particolare, essendo in cella con altri tre detenuti e non avendo avuto alcuna diagnosi di patologia psichiatrica rilevante. Sul punto si segnala la visita del 25 luglio 2019 – reperibile in atti – del referente sanitario dell’istituto penitenziario di Arghillà, dalla quale non si evidenzia alcun sintomo di patologia psichiatrica rilevante, nel mentre emerge una condizione di estrema marginalità sociale e solitudine del cittadino rumeno in questione, persona senza fissa dimora che dormiva nei vagoni della stazione ferroviaria di Reggio Calabria, senza familiari, né parenti, né amici, senza nessuno, semplicemente, solo”.

“Per dare seguito al suo gesto suicidario ha aspettato di rimanere solo in cella, di oscurare lo spioncino che permette dall’esterno di guardare all’interno della cella stessa, di legare le lenzuola alle grate della finestra dell’antibagno della sua cella e, quindi, di impiccarsi. Un detenuto che transitava nella stessa sezione per prepararsi alla distribuzione dei pasti, accortosi che in quella cella non rispondeva nessuno e che lo spioncino era oscurato, allertava l’unico agente di polizia penitenziaria presente nella sezione, che prontamente interveniva, unitamente ad altri detenuti in transito, nel tentativo di portare i primi soccorsi, premurandosi nel contempo di avvisare con urgenza il sanitario di guardia”.

“L’epilogo è noto, per come su riportato. Nel comunicare per la Loro più opportuna conoscenza quanto dallo scrivente appreso, nell’esercizio delle proprie funzioni istituzionali, non può non segnalarsi la grave carenza strutturale di cui soffre l’istituto penitenziario di Arghillà, più volte segnalata formalmente e pubblicamente da questo Garante. In specie, anche in questo caso, rilevano le carenze di personale penitenziario e sanitario: un solo agente stabilmente presente nel posto di guardia per ogni sezione detentiva è insufficiente, con gravi e tragiche conseguenze sia per le concrete possibilità di monitorare, intervenire e magari prevenire eventi tragici come quello in questione, sia per la sicurezza interna all’istituto sia, infine, per le stesse condizioni di lavoro degli agenti di polizia penitenziaria, che, in assoluta carenza di personale, sono costretti, come del resto il personale sanitario (mancano infermieri, psicologi, psichiatri, cardiologi, medici di guardia), a fronteggiare una popolazione detenuta di oltre 300 reclusi”.

“Le ragioni che inducono al suicidio sono così complesse ed impenetrabili da non trovare spazio di approfondimento in Questa Sede, permangono tuttavia le urgenze strutturali da fronteggiare – qui segnalate, ancora una volta -, in particolare per quel che concerne l’istituto penitenziario di Reggio Calabria Arghillà, che se non risolte o quantomeno seriamente arginate, continueranno inesorabilmente a degenerare, con irreparabili conseguenze tanto nei confronti dei detenuti quanto del personale che a vario titolo opera in carcere. Tanto doverosamente si comunica, per quanto di Loro competenza”.

Fonte: StrettoWeb

giovedì 8 agosto 2019

"Lavoro come una termite. Mi faccio un nido di libri"

«Il Levante» è l'ultimo libro tradotto in italiano dell'autore. E in Romania è già un classico

Davide Brullo - Mer, 07/08/2019

Mircea Cartarescu ha 63 anni, ha pubblicato il primo libro quarant'anni fa, si è festeggiato con un nuovo romanzo - il più bello, dice - Melancolia, è stato più volte candidato al Nobel per la letteratura, è il più importante romanziere rumeno vivente - leggete la trilogia Abbacinante, please, un capolavoro - e per descriversi mi dice che è una termite.

Le termiti costruiscono trame di tane intricate e imprevedibili. Come lo scrittore. Lo scrittore, come le termiti, divora ogni angolo della vita. Dall'ultimo romanzo di Cartarescu pubblicato in Italia, Il Levante (Voland, pagg. 222, euro 17), si emerge confusi, divertiti, sconcertati. Scritto trent'anni fa, «in un momento difficile della mia vita... quando, non credendo più nella poesia (tutta la mia vita fino ad allora) e nella realtà del mondo e nel mio destino su questa terra, mi sono deciso a occupare il mio tempo covando un'illusione», il libro è il tentativo, picaresco, folle, di creare un poema epico, alla moda di un Ovidio sbattuto in Transilvania e dilaniato da un Dracula che ascolta Lou Reed. Con sovrana gioia e narrativa dionisiaca, Cartarescu rifà il verso alla grande poesia rumena - tranquilli: Bruno Mazzoni, in calce al libro, vi dà tutte le coordinate del caso - in un romanzo eroicomico di spudorata meraviglia.

Il suo romanzo mi pare un'epopea ubriaca, la rincorsa a un poema impossibile. Come è nato, da quale impulso estetico?

«Quando la poesia mi ha stancato - avevo trent'anni, avevo scritto sei raccolte di poesie - ho cercato un modo per fuggirla. Così, ho pensato di scrivere qualcosa di diverso, un poema epico in 12 canti, come quelli di Omero o di Virgilio. A quel tempo leggevo i poeti rumeni del XIX secolo: ero incantato dal loro linguaggio, così ironico, così innocente. Ho cercato di imitare quello stile e la sua enfasi, ogni singolo verso allude a una certa epoca della poesia rumena, dagli inizi ai giorni nostri. Alla fine, mi sono trovato con 7mila alessandrini: insomma, avevo tra le mani un romanzo in versi. Non potevo pubblicare Il Levante negli anni Ottanta, perché contiene trasparenti allusioni alla dittatura di Ceausescu, per questo l'ho fatto dopo la rivoluzione del 1989. Il poema è diventato immediatamente un classico nel mio Paese, adesso si insegna nelle scuole e nelle università di tutta la Romania. Il problema con Il Levante è che è impossibile da tradurre: migliaia di versi con rime e ritmi che riguardano poesie sconosciute... Per questo l'ho riscritto in prosa. In questa variante il libro è stato tradotto in Svezia, in Francia, in Spagna e ora in Italia. Il poema ha perso parte della sua bellezza in traduzione, ma esiste, e il pubblico può leggerlo in versioni spesso sgargianti (in Italia, ad esempio, il professor Bruno Mazzoni ha fatto un lavoro straordinario)».

Nel Canto III lei innalza una specie di inno alla vanità di ogni cosa. Anche la letteratura è vanità. Al di là del gioco narrativo le chiedo: perché scrive? Che cosa resisterà del suo lavoro?

«Può chiedermi, allo stesso tempo, perché respiro o perché il mio cuore batte. Ho sempre scritto - lo farò sempre. Perché? Non ci penso. Non penso mai al tipo di letteratura che faccio. La faccio. Semplicemente. Scrivo senza documentarmi, senza piani, senza modifiche. Tutti i miei libri, anche quelli di oltre mille pagine, sono la prima bozza, escono così. Eppure, con mia sorpresa, i libri scritti in questo modo sembrano molto elaborati. La mia mente lavora in modo istintivo, come una termite: questo insetto non è un architetto né un muratore, costruisce senza alcun progetto nidi enormi, estremamente complessi. Questo perché l'insetto stesso è un progetto, un piano. Essendo fatto così, non può fare altro che costruire il suo nido, gigantesco. Il nido, in qualche modo, fa parte del suo corpo, è uno dei suoi organi. Per me è lo stesso: ogni libro è un organo del mio corpo; alcuni sono organi vitali, altri sono organi minori, ma tutti sono importanti».

In una pagina piuttosto intensa lei parla del sogno: quale significato ha il sogno nella sua opera? E il narcisismo?

«La realtà non è più reale del sogno. Soltanto la sofferenza rende la realtà evidente, aguzza. Se non soffri, fluttui nella vita come in un sogno. Nei miei libri non c'è differenza tra fantasia e realtà. Sono come i due lati dello stesso nastro di Möbius: nessuno può dire dove inizi l'una e finisca l'altra. Per questo, i miei libri sono a metà tra prosa e poesia. E, aggiungerei, sono in parte filosofia, in parte teologia, meccanica quantistica, musica etc. In ogni romanzo che pubblico, cerco di esprimermi completamente, ad ogni livello del mio essere, dalle paludi alle stelle, dalla scatologia all'escatologia...».

Quale libro l'ha formata? Quale libro vorrebbe aver scritto? Quale libro sta scrivendo?

«Avrei voluto scrivere Il castello di Kafka. Non sopporto il fatto che Kafka lo abbia scritto prima di me. Ora non sto scrivendo: ho appena terminato Melancolia, uno dei miei libri più alti e trasognati. Ho bisogno di tempo per cambiare umore e idee, per ricominciare».

Fonte: Il Giornale