La comunità romena in Italia

La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza dal paese natale.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Comunitatea Românească în Italia

Locul unde comunitatea românească se regăsește zilnic în știri, noutăți, mărturii, informații și sfaturi, pentru a nu uita rădăcinile și a trăi mai bine departe de țara natală. Informații utile pentru românii care trăiesc în Italia, despre oportunitățile pe care le oferă realitatea din jur și pentru a deveni cetățeni activi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate! Commenta gli articoli pubblicati!

martedì 10 dicembre 2019

"Război pe calea undelor" - 30 de ani de la Revoluție

Comunicat de presă

Proiecția filmului ”Război pe calea undelor”, în contextul împlinirii a 30 de ani de la Revoluția din decembrie 1989 13 decembrie 2019,
Accademia di Romania – Piazza José de San Martin 1

Ambasada României în Republica Italiană, în colaborare cu Ambasada României în Republica Federală Germania și cu Accademia di Romania in Roma, vă invită la proiecția de film ”Război pe calea undelor”, cu ocazia împlinirii a 30 de ani de la Revoluția din decembrie 1989.

Evenimentul va avea loc vineri, 13 decembrie 2019, la ora 18.00, la Accademia di Romania in Roma (Piazza José de San Martin, 1). Proiecția va fi urmată de o dezbatere care îl are ca invitat special pe E. S. Emil Hurezeanu, ambasadorul României în Republica Federală Germania și protagonist în cadrul filmului.

”Război pe calea undelor” (2007, 108', regia Alexandru Solomon) este un film documentar care spune povestea din culisele filialei românești a Radio-ului Europa Liberă, cel mai crunt dușman al regimului Ceausescu. Filmul povestește ce a reprezentat Radio Europa Liberă pentru România anilor ‘80, atât pentru cei care l-au ascultat în secret sau pentru cei care au lucrat acolo, cât și pentru oamenii regimului, care doreau să îl distrugă cu orice preț.

Evenimentul dorește să cultive memoria istorică și responsabilitatea pe care o avem față de cei care au militat pentru democrație și s-au sacrificat pentru demnitatea poporului român și pentru readucerea destinului României la matca democrațiilor europene. Proiecție în limba originală, cu subtitrări în engleză.

Participarea este permisă pe bază de rezervare la adresa roma.events@mae.ro, în limita locurilor disponibile.

Sursa:Accademia di Romania in Roma

domenica 8 dicembre 2019

Internazionalizzazione: in Sicilia la visita ufficiale di imprenditori e politici rumeni

Dall’11 al 13 dicembre in Sicilia verrà in visita ufficiale una delegazione di 23 personalità provenienti dalla ricca regione rumena di Prahova. Politici e imprenditori provenienti, dalla Romania, uno degli Stati europei più in crescita in questo momento, saranno i protagonisti di due importanti meeting sull’internalizzazione che si svolgeranno il 12 a Priolo Gargallo (Sr) e il 13 a Taormina (Me). L’iniziativa è del nuovo Presidente Regionale di Confeuropa, Giuseppe Giorgianni, nominato il 16 novembre scorso.

Il neopresidente ha subito inserito in agenda vari eventi internazionali, tra cui questo.

Relazioni, interscambi e cooperazione economica tra la Regione Siciliana (IT) e la Regione di Prahova (RO) gli argomenti dei due meeting finalizzati ad arricchire le proposte tra imprese e istituzioni interessate all’internalizzazione.

“Sarà un confronto significativo, capace di mettere in campo azioni bilaterali di sviluppo per gli imprenditori interessati appunto a confrontarsi con nuovi mercati – il presidente Giorgianni – La natura dell’incontro nasce dalla necessità di un impegno coordinato e comune, solidale e cooperativo, tra le istituzioni e la società, stabilendo alleanze che gettano le basi per occasioni di investimento che possano far crescere e sviluppare i territori e le imprese”.

Il 12 a Priolo Gargallo saranno presentate ai partner rumeni le eccellenze siciliane nei settori Energia, medicale, meccanico ed agricolo.

Il 13 a Taormina, capitale del turismo siciliano, sarà presentata la Sicilia nella sua integrità di luogo turistico tra arte, cultura e specialità culinarie, mettendo in evidenza l’importanza per il futuro del comparto turistico gli scambi culturali tra Paesi, la qualità dell’accoglienza ed il turismo esperienziale.

Confeuropa è una Confederazione internazionale di piccole e medie aziende che opera a livello mondiale con lo scopo di creare un modello di network finalizzato all’internazionalizzazione, promuovendo costantemente azioni di assistenza e supporto alle imprese che svolgono o intendono svolgere attività di internazionalizzazione, creando le basi per una costante azione di Business Development ad indirizzo strategico.

Fonte:Il Sicilia

Mostra inedita dedicata alla Rivoluzione Romena del dicembre 1989, presso la Camera dei Deputati

L'Ambasciata di Romania nella Repubblica italiana inaugurerà, l'11 dicembre 2019, la mostra "Instant Replay - Una rivoluzione da moviola", nel Complesso di Vicolo Valdina della Camera dei Deputati. La mostra contiene immagini televisive trasmesse dalle principali emittenti televisive italiane durante gli eventi del 1989 in Romania ed è realizzata con il supporto di RAI Techè e della Televisione Romena.

Il ruolo della televisione, e in generale della stampa, nella Rivoluzione Romena sarà anche al centro della conferenza "Per non perdere il senso della libertà: Romania 1989, una rivoluzione in diretta", organizzata in questa occasione dall'Ambasciata di Romania nella Repubblica Italiana, dall’Ambasciata di Romania nella Repubblica Federale Tedesca e dalla Camera dei Deputati, con il sostegno dell'Accademia di Romania.

Interverranno al convegno politici ed ex giornalisti che furono direttamente coinvolti negli eventi del dicembre 1989, o la cui attività politica è stata indirettamente contrassegnata da quegli eventi. Pertanto, l'ambasciatore di Romania nella Repubblica Federale Tedesca, Emil Hurezeanu, ex giornalista di Radio Europa Libera a quel tempo, terrà la relazione dal titolo: "La Rivoluzione Romena tra Est ed Ovest - testimonianza di un ambasciatore". I ricordi della rivoluzione del dicembre 1989 saranno anche al centro dell'intervento del senatore italiano Paolo Romani, inviato speciale Mediaset a Bucarest, durante la rivolzuione. Interverranno inoltre i senatori Stefania Craxi, Pier Ferdinando Casini, il deputato Fucsia Fitzgerald Nissoli e l'ambasciatore di Romania in Italia, George Bologan.

Maggiori informazioni:

Il convegno "Per non perdere il senso della libertà: Romania 1989, una rivoluzione in diretta" si terrà l'11 dicembre 2019 alle ore 17:00. Più tardi, alle 18.00, sarà inaugurata la mostra "Instant Replay- Una rivoluzione da moviola ".

Complesso di Vicolo Valdina, Camera dei Deputati - Piazza in Campo Marzio, 42

L’ingresso sarà consentito entro le ore 16.45 fino ad esaurimento posti, esclusivamente previa prenotazione all'indirizzo roma.events@mae.ro.

La mostra resterà aperta il 12 e il 13 dicembre, tra le 10.00 e le 18.00 (ultimo ingresso alle 17.30). 

Fonte:Ambasciata di Romania nella Repubblica Italiana

Memorie di un vissuto recente di Doina Botez al Palazzo Santa Chiara a Roma da venerdì 13 dicembre

Presso il Palazzo Santa Chiara (piazza S. Chiara, 14) a Roma, venerdì 13 dicembre 2019 alle ore 17.30, si terrà il vernissage della mostra di Doina Botez Memorie di un vissuto recente promossa dal Centro Studi Arte Contemporanea Preferiti e dalla Nuova Associazione Amici di Quaderni Radicali. La mostra è curata da Carla Mazzoni e Giuseppe Rippa.

"Memorie di un vissuto recente è una mostra nata un po’ per caso - scrive Doina Botez -, un po’ voluta ulteriormente, come un rigurgito di un vulcano, che troppo mugugnava dentro di me da tanto tempo, reduce di un’autocensura ormai abitudinaria dei tempi bui del regime comunista.

Avendo ricevuto l’invito per una mostra sul rinoceronte a Lisbona – prosegue l'artista -, ho subito pensato al drammaturgo rumeno-francese, Eugène Ionesco e alla sua opera teatrale Il Rinoceronte - opera conosciuta come la metafora per eccellenza del conformismo e della dittatura, fino all’alienazione totale e all’ingresso nella irresponsabilità collettiva, cui gli individui sono sottoposti nelle società moderne.

La rinocerontite, la metamorfosi dell’uomo, è l’immagine che mi ha più toccato. Così è nato questo ciclo di quadri omaggio al padre del teatro dell'assurdo. Creare queste opere è stato un lavoro doloroso, d’introspezione e di memorie dormienti.

L’esposizione comprende alcune tecniche miste su carta, un olio-acrilico su tela nonché delle illustrazioni per le poesie di un libro per bambini, “…..”, della poetessa rumena Ana Blandiana del 1988, mai esposte fino ad ora, dove la personalità prepotente e dispotica del gatto Arpagic, accresce ogni giorno di più. Sua immagine è stata subito interpretata come la metafora del dittatore Ceausescu.

Il libro fu censurato e ritirato immediatamente dalle librerie. La poetessa ed io siamo state ammonite. Io non ho avuto più il permesso di illustrare libri…”.

Doina Botez biografia

Nata a Bucarest nel 1951 consegue la laurea in Belle Arti nel 1975, con la borsa di merito "Ion Andreescu" vinta nel 1974, presso l'Istituto Universitario "Nicolae Grigorescu" di Bucarest. Si dedica all'illustrazione dei libri, soprattutto per bambini, oltre alla pittura e alla grafica, e diventa anche scenografa della casa cinematografica rumena di cartoni animati Animafilm.

Fin dal 1974 partecipa alle esposizioni collettive organizzate dall'Ordine degli Artisti di Romania. Nel 1984 le viene conferita una borsa di studio, in Italia, nel quadro dell'accordo culturale italo-rumeno. Riesce ad esprimere, nella sua opera, anche alcuni aspetti tragici della dittatura, fino alle ammonizioni per le illustrazioni dei versi della poetessa dissidente Ana Blandiana.


In seguito le autorità comuniste interdicono sua qualsiasi attività professionale nel campo dell’illustrazione di libri. Questo è il momento cruciale che determina la sua decisione di lasciare il Paese natio.


Nel mese di novembre del ’89, un solo mese prima della caduta del regime comunista, parte per l’Italia. Dal 1989 vive e lavora a Roma, si dedica esclusivamente all’attività di pittura e grafica (al suo attivo 33 mostre personali) e nel 2004 diventa cittadina italiana.

Nel gennaio 1996, su invito del Governo Rumeno, in occasione della mostra "Monumenta Romaniae Vaticana", esegue un'interpretazione della "Madonna Rumena" quale dono a Sua Santità Giovanni Paolo II.

Nel 2000 realizza l'opera monumentale raffigurante un baccanale con personaggi e simboli tipici del corteo dionisiaco, dipinto che orna una delle cupole delle grotte d'invecchiamento ed affinamento della cantina d'arte della casa vinicola Mastroberardino.

Nel 2009, per la mostra personale “Nosce te ipsum”, nella Sala delle Colonne di Castel Sant’Angelo in Roma, riceve il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della Città di Roma.

Nel 2013 Skira Editore ha pubblicato l’album monografico “Doina Botez, Il corpo dell’immagine, opere 1989 -2013” a cura di Flaminio Gualdoni.

Fonte:Agenzia Radicale

Integrazione, a Potenza nasce l’associazione Bine ați venit

Scopo dell’Associazione è quello di scongiurare lo sfruttamento, favorendo un'idea di ‘migrazione consapevole’

Si è costituita a Potenza l’associazione “Cu tine pentru tine bine ați venit – Per te con te Benvenuti”. E’ un’associazione di volontariato il cui presidente è la signora Zamfira Samartean. L’associazione promuove iniziative per favorire l’integrazione sociale di quanti sono in Italia per motivi di lavoro, dei giovani e delle famiglie romene nella realtà Italiana. Ha lo scopo di valorizzare, coltivare e promuovere i rapporti interlinguistici ed interculturali tra Italiani e Rumeni.

L’Associazione Bine ați venit si riconosce nei valori della Costituzione Italiana, è per sua natura sin dall’atto costitutivo antifascista, e contro ogni genere di discriminazione, lavora per accantonare pregiudizi e stereotipi, è impegnata nel promuovere un’immagine positiva del fenomeno migratorio e rinforzare la comunicazione fra le comunità locali ed i cittadini stranieri; rivolge l’attenzione a chi quotidianamente o saltuariamente si confronta con la realtà degli immigrati, per specificità e conoscenze degli associati in particolare Romeni ma statutariamente aperti alla integrazione di tutte le etnie purché rispettino le Leggi e le consuetudini presenti nella Repubblica Italiana; per favorire uno stile o atteggiamento interculturale come la disponibilità al dialogo ed al cambiamento delle proprie mappe valoriali e culturali in una logica di co-crescita.

In particolare l’Associazione intende creare e sostenere progetti di aiuto dedicati ai cittadini della Romania e della Moldavia anch’essi di lingua Rumena, che per motivi di lavoro, in ogni campo, dall’assistenza agli anziani ed alle persone non autosufficienti, all’agricoltura, alle costruzioni, turistico alberghiero o qualsiasi altro settore, o che si trovino nelle condizioni di ricercare un lavoro. Altro scopo dell’Associazione è quello di scongiurare lo sfruttamento, favorendo un’idea di ‘migrazione consapevole’. L’obiettivo è raggiungere una integrazione che significa accettazione reale dei cittadini Romeni attraverso l’insegnamento della lingua italiana e viceversa agli Italiani della lingua Romena, si propone altresì il sostegno nei casi d’urgenza di traduzione al servizio degli Uffici pubblici che necessitano di comprenderne con immediatezza la lingua per motivi collegati allo svolgimento di pratiche e/o assistenza sanitaria e di altro genere, predisporre e gestire strutture di informazione sulle opportunità di lavoro, e sul disbrigo di pratiche ed il rispetto delle leggi delIa Repubblica Italiana, il tutto avendo cura di adeguare l’attività di volontariato, ai diversi gradi di istruzione e preparazione dei cittadini della Romania e della Moldavia, il tutto mirato ad una reale integrazione.

Per la realizzazione delle suddette finalità l’Associazione, a titolo esemplificativo e non esaustivo, si propone di svolgere le seguenti attività: dare informazioni e assistenza agli stranieri per consentire l’accesso ai servizi e alle risorse presenti sul territorio e favorirne corretta utilizzazione; fornire ai cittadini di lingua Rumena informazioni e supporto nel disbrigo di pratiche per la richiesta della Cittadinanza Italiana, e l’accesso alle opportunità di lavoro; realizzare servizi di informazione sulle opportunità di lavoro, e sul disbrigo di pratiche previste dalle leggi Italiane, e assistenza, anche di tipo sociale, socio-sanitario e sindacale, per cittadini; organizzare e/o gestire centri e/o comunque strutture dedicate all’informazione sulle opportunità di lavoro, e sul disbrigo di pratiche previste dalle leggi Italiane, e all‘assistenza dei cittadini Romeni; individuare le strategie migliori per l’utilizzo dei servizi esistenti da parte degli immigrati stranieri, eventualmente anche attraverso interventi di mediazione culturale nonché facilitando la comunicazione tra i cittadini di lingua Romena e gli operatori; costruire rapporti di collaborazione nell’ambito del Comune, della Regione, e del territorio Italiano e Romeno, tra diversi settori/uffici delle amministrazioni per concordare prassi di intervento condivise su singoli casi, progetti, procedure e pratiche amministrative; promuovere la formazione e l‘inserimento lavorativo dei cittadini Romeni unitamente alle strutture pubbliche preposte e di concerto con esse, con ricorso agli strumenti di politica attiva del lavoro collaborando con gli Enti pubblici preposti alla perfetta realizzazione degli obiettivi quali tirocini formativi, stages, borse lavoro.

Esercita altresì il ruolo di Parte Civile in tutti i processi aventi ad oggetto reati in materia di discriminazione di qualsiasi genere, supportare gli associati in procedimenti relativi allo sfruttamento del lavoro, mancato riconoscimento di diritti, secondo le Leggi dello Stato Italiano e dell’Unione Europea, esercitare la Richiesta di danno patrimoniale e non patrimoniale, nei confronti dei responsabili di tali reati.

Tutti possono iscriversi e per qualsiasi informazione è possibile scrivere all’indirizzo di posta elettronica asrumenibineativenit@libero.it

Il Presidente Zamfira Samartean

Fonte:Basilicata24.it

giovedì 5 dicembre 2019

Memorialul durerii


Toate generațiile trebuie să știe
Memorialul durerii
21 DE FOTOGRAME CARE AU INTRAT ÎN ISTORIE

Joi, 5 decembrie 2019, la ora 19, pentru a celebra30 de ani de la căderea regimului comunist în România, Accademia di Romania in Roma invită publicul din Roma la un eveniment de neratat, care va avea ca protagonist un producător și regizor român de prestigiu:Lucia Hossu-Longin, autoare a serialului„Memorialul Durerii – O istorie care nu se învață la școală”, care a făcut epocă și a marcat generații de telespectatori români. Cu această ocazie va fi prezentat documentarul„21 de fotograme care au intrat în istorie”, film care aduce mărturie prin autentice imagini de epocă asupra revoltei din decembrie 1989 la Cluj-Napoca.

„Sunt 21 de imagini din Piața Libertății din Cluj, surprinse de un tânăr, imagini care rămân și azi, după 30 de ani, cea mai tulburătoare probă a confruntării din 21 decembrie 1989. Sunt documente imposibil de mistificat. Iar dacă morții nu mai pot vorbi, dacă gloanțele extrase n-au fost retușate, cum s-a întâmplat la Timișoara, dacă ordinele pot fi interpretate, iar cei vinovați au devenit din acuzați, autori de cărți și de tratate despre revoluția română, filmul reconstituie războiul din Piața Libertății. Cele 21 de fotograme rămân în istoria noastră un adevărat moment al adevărului. Din acelea menite să dureze și să înfrunte în eternitate minciuna. Și, așa cum spune chiar autorul acelor imagini, Toate generațiile trebuie să știe.

În tabloul represiunii care a avut accente coșmărești la Timișoara și Sibiu, la București și Arad, momentul din Piața Libertății deține un anume grad de originalitate a cruzimii. Nu s-a tras doar o rafală, ci pur și simplu trei – deși trotuarele erau pline de oameni răniți, îngenunchiați sau căzuți. Răniții au fost lăsați să sângereze pe caldarâm, și când au apărut salvările, militarii, la ordinul lui Carp Dando, comandantul lor, le-au întâmpinat cu rafale, alungându-le de la misiunea lor. Dacă războiul din Piața Libertății ar fi fost o tragică eroare, de ce a persistat în eroare secunde, minute, ore?” (cfr. Lucia Hossu-Longin)

Un film de Lucia Hossu Longin în seria de documentare „Memorialul Durerii – O istorie care nu se învață la școală”.

Producători: Dan Necșulea, Alexandru Munteanu

Imagine: Valentin Ilie

Montaj: Sebastian Chelu

Serialul „Memorialul Durerii” a fost creat de Lucia Hossu-Longin în 1991 și este primul proiect documentar pentru televiziune dedicat perioadei comunismului în România.

Proiectul oferă cea mai complexă și atent documentată radiografie a perioadei comuniste și reprezintă unul dintre cele mai importante demersuri din istoria jurnalismului.

„Memorialul Durerii” prezintă evenimentele care s-au desfășurat între sfârșitul celui de-al Doilea Război Mondial și începutul anilor '90, perioada cea mai întunecată și mai sângeroasă a istoriei României moderne.

Lucia Hossu-Longin va vorbi publicului și despre acest serial, despre nevoia de a păstra vie amintirea istoriei recente.

Accademia di Romania in Italia
-----------------------
Ogni generazione ha il dovere di sapere
LA MEMORIA DEL DOLORE
21 FOTOGRAMMI PASSATI ALLA STORIA

Ospite d’onore Lucia Hossu-Longin, creatrice della serie televisiva che ha segnato un’epoca

Giovedì, 5 dicembre 2019, ore 19, per celebrare 30 anni dalla caduta del regime comunista in Romania, l’Accademia di Romania in Roma invita il pubblico romano ad un imperdibile evento che avrà come protagonista un produttore e regista romeno di grande prestigio: Lucia Hossu-Longin, autrice della longeva serie televisiva La memoria del dolore – Una storia che non viene insegnata a scuola. Con l’occasione verrà presentato il documentario 21 fotogrammi passati alla storia, film che documenta con immagini d’epoca autentiche i fatti della rivolta di dicembre 1989 a Cluj-Napoca.

Si tratta di 21 fotogrammi girati da un giovane non professionista nella Piata Libertății di Cluj, immagini che restano tutt’ora, a 30 anni di distanza, come la più sconvolgente testimonianza, impossibile da falsificare, degli scontri del 21 dicembre 1989. E se i morti non possono più parlare, se i proiettili rinvenuti non sono stati ritoccati come a Timișoara, se gli ordini possono dare spazio alle interpretazioni e i colpevoli sono passati dall’essere accusati a essere autori di libri e di trattati sulla rivoluzione romena, il film, invece, ricostituisce gli scontri avvenuti in quella che porta sintomaticamente il nome di Piazza della Libertà. Quei 21 fotogrammi restano nella nostra storia come un vero e proprio momento della verità, uno di quelli destinati a perdurare e ad affrontare eternamente la bugia. Per dirla con le parole di chi aveva coraggiosamente impugnato la cinepresa, “Ogni generazione ha il dovere di saperlo”.

Nell’ambito della repressione che ebbe accenti da incubo a Timisoara e Sibiu, a Bucarest e Arad, il momento di Piata Libertății si evinse per una certa originalità della crudeltà. Non venne sparata una sola raffica, bensì tre successive, sebbene i marciapiedi fossero pieni di feriti, di gente inginocchiata o caduta. I feriti furono abbandonati a sanguinare per terra e l’arrivo delle macchine del pronto soccorso venne accolto dai militari con nuove raffiche per distogliere i soccorritori dalla loro missione. Se la guerra di Piata Libertății fu un tragico errore, perché allora quest’errore perdurò per secondi, minuti, ore?

Un film di Lucia Hossu Longin, nella serie di documentari La memoria del dolore – Una storia che non viene insegnata a scuola.

Produttori: Dan Necșulea, Alexandru Munteanu. Fotografia: Valentin Ilie. Montaggio: Sebastian Chelu.

La serie TV “La memoria del dolore”, ideata e creata da Lucia Hossu-Longin a partire dal 1991, è il primo progetto di documentari per la televisione dedicato al periodo del regime comunista in Romania. La serie offre al pubblico la più complessa e rigorosamente documentata radiografia del periodo comunista e costituisce una delle più significative creazioni del giornalismo romeno di recente data. “La memoria del dolore” presenta una serie di fatti accaduti tra la fine della Seconda Guerra Mondiale e l’inizio degli anni ’90, il periodo più buio e sanguinoso della storia moderna.

Lucia Hossu-Longin parlerà al pubblico di questa serie e della necessità di conservare la memoria della storia recente.

ACCADEMIA DI ROMANIA IN ROMA
Valle Giulia, Piazza José de San Martin, 1 00197 Roma

domenica 1 dicembre 2019

Il Natale in Romania, Moldavia e Ucraina- tra spettacolo e tradizioni, sabato 14 dicembre ore 19 a Padova

IL NATALE IN ROMANIA, MOLDAVIA E UCRAINA TRA SPETTACOLO E TRADIZIONI
sabato 14 dicembre, ore 19

L'associazione Valide Alternative per l'Integrazione in collaborazione con le associazioni Busuioc, Ucraina Insieme e Ucraina Più stanno organizzando una serata all'insegna delle tradizioni natalizie. Sul palco si esibiscono gruppi rumeni, moldavi e ucraini.
L'evento avrà luogo sabato 14 dicembre alle 19 presso l'Auditorium del Liceo Artistico Modigliani, in via Scrovegni, 30, Padova.

ENTRATA LIBERA CON PRENOTAZIONE AL SEGUENTE FORM https://forms.gle/Y2tP939BQNrLJnak7

L'evento è realizzato con il sostegno Studio 3A e con il patrocinio della Provincia di Padova

L'intento è quello di avvicinare persone e istituzioni, dare visibilità a iniziative di volontariato e a gruppi religiosi o informali, che sono impegnati nel mantenere e trasmettere la propria cultura soprattutto alle seconde generazioni.
Inoltre questo evento è pensato per far sentire più vicino a casa e al proprio paese chi ha deciso di emigrare per vivere in Italia, soprattutto durante il periodo delle feste natalizie.

ENTRATA LIBERA FINO AD ESAURIMENTO POSTI

per maggiori informazioni: 3284172806
segreteria@validealternative.org

Valide Alternative per l'Integrazione

sabato 30 novembre 2019

Cossila San Grato di Biella celebra la Festa Nazionale Rumena

Eventi

Cossila San Grato celebra la Festa Nazionale Rumena

Domenica 1 dicembre folclore e cioccolata calda in piazza della chiesa

Foto Parrocchie della Valle Oropa

In occasione della Festa Nazionale Rumena di domenica 1 dicembre le Parrocchie della Valle Oropa organizzano una giornata con i bambini dei centri cultura e tradzione rumena di Biella, Santhià e Torino.

A partire dalle 15, in piazza della chiesa a Cossila San Grato ci saranno bancarelle per idee regalo, uno spettacolo folcroristico e si potrà gustare la cioccolata calda.

Alessandro Bozzonetti

Fonte: NewsBiella

venerdì 29 novembre 2019

Ziua Națională a României sărbătorită în rândul comunității românești din Italia

Ziua Națională a României va fi sărbătorită și anul acesta în rândul comunității românești din Italia.

Vă semnalăm evenimentele organizate sub patronajul Ambasadei României în Italia, de asociațiile românești din sfera de competență consulară a misiunii diplomatice:

Data și ora
Eveniment
Locația
Organizatori
 30 noiembrie
 Ora 14.30 

Ziua Națională a României, cu momente artistice oferite de Școala de limba română din Viterbo
Viterbo
Alianța Românilor, cu participarea Ligii Studenților Români din Străinătate

30 noiembrie
Ora 18.00
Ziua Națională a României și aniversarea a 30 de ani de la Revoluția Română din decembrie 1989. Momente artistice oferite de Ansamblul Cununa și Școala Românească din Vasto
Vasto
Palatul D’Avalos, Sala Pinacoteca
Asociația Culturală ”Vocea Românilor din Vasto” și Asociația Socio-Culturală Decebal
1 decembrie
Ora 11.00
A III-a ediție a Festivalului ”Benone Sinulescu”, cu participarea unor artiști români din Italia sau din România
Roma
Palacavicchi, sala 4
Asociația ”Romit TV”

Ambasada României în Republica Italiană


Inserzione pubblicitaria

Viterbo - Esposizioni di opere, abiti tradizionali e mostra fotografica

Viterbo - Il 30 novembre i Cavalieri del soccorso con la comunità rumena organizzano una giornata dedicata alla fratellanza e all’inserimento della comunità sul tessuto sociale di Viterbo e provincia
Esposizioni di opere, abiti tradizionali e mostra fotografica

Una panoramica di Viterbo

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Il 30 novembre organizzeremo con la responsabile della comunità Rumena Gianina Andrei Seciu una giornata dedicata alla fratellanza e all’inserimento della comunità sul tessuto sociale di Viterbo e provincia.

In questo contesto sarà festeggiato il 30esimo anniversario dalla rivoluzione.
Alle 9 sarà organizzata una esposizione di abiti tradizionali, mostra fotografica, esposizione di opere delle grandi artiste Brandusa Murariu e Bratu Vanessa.

Dalle 14.30, clou della manifestazione, saranno presenti artisti rumeni molto noti nel nostro paese. Testimoni dell’evento, a significarne l’importanza, alti Funzionari dell’Ambasciata Rumena in Italia, Televisione, Stampa, Politici Regionali, Comunali porteranno il loro saluto alla Manifestazione.

I Cavalieri del Soccorso, primi tra tutte le associazioni di Volontariato a percorrere questa strada di integrazione saranno presenti con i propri Volontari e mezzi.

Fiduciosi che vorrete contribuire, pubblicando quanto soprascritto, ad espandere il messaggio d’integrazione e fratellanza.

Cavalieri del Soccorso Città di Viterbo

27 novembre, 2019

Fonte: TusciaWeb