Online dal 2008, con informazioni utili, in italiano e romeno, per i romeni che vivono in Italia. Online din 2008, cu informaţii utile, în română şi italiană, pentru românii care trăiesc în Italia.

La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza dal paese natale.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Comunitatea Românească în Italia

Locul unde comunitatea românească se regăsește zilnic în știri, noutăți, mărturii, informații și sfaturi, pentru a nu uita rădăcinile și a trăi mai bine departe de țara natală. Informații utile pentru românii care trăiesc în Italia, despre oportunitățile pe care le oferă realitatea din jur și pentru a deveni cetățeni activi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate! Commenta gli articoli pubblicati!

giovedì 21 agosto 2008

Canicattì, 7 mila romeni chiedono luogo culto ortodosso


Canicattì - 20/08/2008
di Carmelo Vella

Sino a qualche anno fa gli immigrati a Canicattì erano prevalentemente di nazionalità tunisina e marocchina, quindi di religione musulmana. Oggi, invece, i dati parlano di una massiccia presenza: sono circa 7mila le persone provenienti in maggior parte dalla Romania. Per questo motivo nell'ultimo periodo è nata l'esigenza che anche Canicattì possa avere un luogo di culto dove poter praticare la religione ortodossa. Attualmente, infatti, gli ortodossi si servono della chiesa che si trova all'interno della stazione ferroviaria della città. La scelta, secondo indiscrezioni, sarebbe ricaduta sull'antica chiesa di San Nicola recentemente restaurata e che si trova nel quartiere di San Domenico nel cuore del centro storico cittadino. "E' arrivato il tempo in cui gli ortodossi che vivono a Canicattì – ha detto uno dei tanti cittadini di nazionalità romena – abbiano un luogo in cui celebrare il proprio rito, che è diverso da quello cristiano. Fino ad oggi abbiamo utilizzato la chiesa della stazione ferroviaria, che ci permette di battezzare, unire in matrimonio e di svolgere ogni nostro rito, ma i tempi adesso sono maturi per avere un luogo di culto tutto nostro".
Fonte: Agrigento Notizie

Nessun commento:

Posta un commento