Online dal 2008, con informazioni utili, in italiano e romeno, per i romeni che vivono in Italia. Online din 2008, cu informaţii utile, în română şi italiană, pentru românii care trăiesc în Italia.

La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza dal paese natale.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Comunitatea Românească în Italia

Locul unde comunitatea românească se regăsește zilnic în știri, noutăți, mărturii, informații și sfaturi, pentru a nu uita rădăcinile și a trăi mai bine departe de țara natală. Informații utile pentru românii care trăiesc în Italia, despre oportunitățile pe care le oferă realitatea din jur și pentru a deveni cetățeni activi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate! Commenta gli articoli pubblicati!

martedì 30 settembre 2008

Lavoro: 25% immigrate a rischio di disoccupazione

I dati di una ricerca dell'Istituto di programmazione economica della Toscana

FIRENZE, 29 settembre 2008 - Gli immigrati che sono in Italia da almeno 3 anni hanno maggiori probabilità di trovare lavoro e di non restare a 'spasso' rispetto a chi arriva oggi, ma anche loro sono a rischio disoccupazione.

E' quanto emerge da una ricerca dell'Irpet, l'Istituto di programmazione economica della Toscana, presentato a Prato nell'ambito di una tavola rotonda su 'Economia e immigrazione'.

In particolare sono le donne quelle più a rischio, se per le italiane la probabilità di restare disoccupate è del 10%, per le straniere la percentuale sale a oltre il 25%. La ricerca, presentata da Michele Beudò, conferma poi il crollo della manodopera autoctona nei settori economici meno 'ambiti' (edilizia, industria leggera, agricoltura) a vantaggio degli immigrati.

Ma c'é anche il rovescio della medaglia, rappresentato dall'impatto dell'immigrazione in altri settori, come ad esempio sulle rimesse o sul contributo al fisco che secondo i dati di un'altra ricerca presentata da Elena Cappellini, anche lei ricercatrice Irpet: solo nel 2006 i milioni di euro inviati da lavoratori immigrati 'toscani' ai propri paesi d'origine sono stati circa il 9% rispetto al totale nazionale, pari a circa 375 milioni di euro, 84 milioni sono partiti solo da Prato.
Fonte: Stranieri in Italia.

Nessun commento:

Posta un commento