Online dal 2008, con informazioni utili, in italiano e romeno, per i romeni che vivono in Italia. Online din 2008, cu informaţii utile, în română şi italiană, pentru românii care trăiesc în Italia.

La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza dal paese natale.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Comunitatea Românească în Italia

Locul unde comunitatea românească se regăsește zilnic în știri, noutăți, mărturii, informații și sfaturi, pentru a nu uita rădăcinile și a trăi mai bine departe de țara natală. Informații utile pentru românii care trăiesc în Italia, despre oportunitățile pe care le oferă realitatea din jur și pentru a deveni cetățeni activi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate! Commenta gli articoli pubblicati!

martedì 30 settembre 2008

Ongini (Min. Istruzione): "Scuola italiana punti su interculturalità"

"Possibile una 'via italiana' alla scuola interculturale che miri all'integrazione degli alunni stranieri"

ROMA, 29 settembre 2008 - "Sono 600mila gli alunni stranieri presenti oggi in Italia sui banchi di scuola. Di questi il 35% è nato nel nostro Paese, mentre il 15% è di recente immigrazione".

Così, Vinicio Ongini dell'Ufficio Integrazione alunni stranieri del ministero dell'istruzione dell'Università e della Ricerca, è intervenuto nel corso dell'appuntamento di 'Educa' a Palazzo Todeschi a Rovereto (Trento).

Secondo i dati del ministero nelle classi italiane è difficile riscontrare una prevalenza di nazionalità rispetto ad un'altra, per questo secondo Ongini è "possibile una 'via italiana' alla scuola interculturale che miri all'integrazione degli alunni stranieri in classi a composizione mista piuttosto che a prevalente visione culturale o etnica".

"Le classi interculturali costituiscono sicuramente una risorsa, in cui è possibile elaborare percorsi di cittadinanza interculturale all'interno del gruppo classe". Ha sostenuto nel corso dell'incontro Davide Zoletto, ricercatore di pedagogia generale e sociale presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'università di Udine. La parola è poi passata a Giuseppe Scozzari, presidente del Consorzio Connecting People del Gruppo cooperativo Cmg/Wi, secondo il quale "per favorire un'integrazione sociale piena serve soprattutto creare una rete forte fra tutti i soggetti, pubblici e privati, che si occupano di immigrazione".
Fonte: Stranieri in Italia.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Sorry for my bad english. Thank you so much for your good post. Your post helped me in my college assignment, If you can provide me more details please email me.

Posta un commento