Online dal 2008, con informazioni utili, in italiano e romeno, per i romeni che vivono in Italia. Online din 2008, cu informaţii utile, în română şi italiană, pentru românii care trăiesc în Italia.

La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza dal paese natale.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Comunitatea Românească în Italia

Locul unde comunitatea românească se regăsește zilnic în știri, noutăți, mărturii, informații și sfaturi, pentru a nu uita rădăcinile și a trăi mai bine departe de țara natală. Informații utile pentru românii care trăiesc în Italia, despre oportunitățile pe care le oferă realitatea din jur și pentru a deveni cetățeni activi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate! Commenta gli articoli pubblicati!

martedì 23 dicembre 2008

Torna "Oylem Goylem", i suoni dell'esilio, dal 22 al 31 dicembre 2008


Spettacolo
Il Teatro Strelher ospita nuovamente Moni Ovadia

Figura predominante sulla scena teatrale contemporanea, un gradito ritorno al Teatro Strehler di Milano in occasione del ventennale del Cabaret Yiddish: Moni Ovadia con "Oylem Goylem", dal 22 al 31 dicembre, con la replica del 31 dicembre alle ore 19,30.

Oylem Goylem ("il mondo è scemo", in lingua Yiddish) è stato lo spettacolo che, rappresentato per la prima volta nel 1993, ha rivelato Moni Ovadia al pubblico e con la sua lunga vita teatrale è diventato un cult.Lo spettacolo è stato ripreso dalle reti Rai e , nel 2005, è stato pubblicato in cofanetto e dvd da Einaudi, a dimostrazione di un successo duraturo nel tempo.Racconti,musiche,parole,canti di un popolo in esilio.

Lo spettacolo è interamente dedicato a quella parte di cultura ebraica di cui lo Yiddish è la lingua e il Klezmer la musica : quell'inafferrabile miscuglio di tedesco,ebraico,polacco, russo, ucraino e romeno, la condizione universale dell’Ebreo errante, il suo essere senza patria sempre e comunque sono al centro dello spettacolo.Attraverso di lui l’universale e attualissima condizione di tutti i popoli che non si sentono sicuri sulla terra che calpestano.

La Moni Ovadia Stage Orchestra dà voce a sonorità capaci di un suggestivo intreccio di toni: dal canto liturgico, monocorde, dolente, della sinagoga all’esplosiva festosità di canzoni e ballate. Ecco quindi uno spettacolo che “sa di steppa e retrobotteghe, di strade e sinagoghe”, nel quale risuona il “suono dell’esilio, la musica della dispersione”, cita lo stesso Moni Ovadia.

“Alla fine ci si rende conto”, commentava Raboni (storica firma critica del Corriere della Sera), “di essere stati ammessi – per una sera, e forse per sempre – allo spirito di una cultura capace come nessun’altra di farci familiarizzare con l’assoluto, stemperando con infinita pazienza e tolleranza il tragico nel comico e il soprannaturale nel quotidiano”.

Oylem Goylem
di e con Moni Ovadia
e con Moni Ovadia Stage Orchestra: Maurizio Dehò (violino), Luca Garlaschelli (contrabbasso), Emilio Vallorani (flauto), Massimo Marcer (tromba),
Paolo Rocca (clarinetto), Albert Mihai (fisarmonica), Marian Serban (cymbalon) direzione musicale Emilio Vallorani
produzione Promo Music

Dal 22 dicembre 2008 al 6 gennaio 2009
Piccolo Teatro Strehler
largo Greppi (M2 Lanza)
Spettacoli: martedì e sabato ore 19.30
- mercoledì, giovedì e venerdì ore 20.30
- domenica ore 16.00
- lunedì riposo.
- mercoledì 24, giovedì 25, venerdì 26 dicembre e giovedì 1 gennaio riposo
- mercoledì 31 dicembre ore 19.30.
Ingressi: platea 24,50 euro
- balconata 21,50 euro (anche per il 31 dicembre)
- prezzi speciali su www.piccolocard.it
- Per informazioni: www.piccoloteatro.org

Tellini Alessandra

Fonte: La Voce

Nessun commento:

Posta un commento