Online dal 2008, con informazioni utili, in italiano e romeno, per i romeni che vivono in Italia. Online din 2008, cu informaţii utile, în română şi italiană, pentru românii care trăiesc în Italia.

La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza dal paese natale.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Comunitatea Românească în Italia

Locul unde comunitatea românească se regăsește zilnic în știri, noutăți, mărturii, informații și sfaturi, pentru a nu uita rădăcinile și a trăi mai bine departe de țara natală. Informații utile pentru românii care trăiesc în Italia, despre oportunitățile pe care le oferă realitatea din jur și pentru a deveni cetățeni activi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate! Commenta gli articoli pubblicati!

venerdì 4 giugno 2010

La famiglia Dragoi sfrattata oggi dall'alloggio della parrocchia

Lunedì 31 Maggio 2010

CARRARA - Lo sfratto era annunciato e questa volta, dopo mille rinvii, è stato eseguito. Da stasera, la famiglia rumena Dragoi, con quattro bambini, è senza un tetto.
L'ufficiale giudiziario ha bussato alla porta della casa di Bonascola, di proprietà della parrocchia. C'erano anche i carabinieri e Don Marco Baleani, che da mesi cercava di sfrattare la famiglia rumena. Mamma Mirela, oggi sola con i quattro figli, mentre il marito era al lavoro, non ha potuto opporsi allo sgombero dell'appartamento.

Il secondo in una settimana subito dalla famiglia Dragoi, che aveva cercato di occupare anche una casa popolare alla Doganella, lasciata subito per l'intervento delle forze dell'ordine. A nulla è servita la petizione firmata da alcuni abitanti di Bonascola, solidali con i Dragoi. Mirela e i suoi bambini hanno caricato l'auto con i vestiti, i giocattoli, altre cose di prima necessità. Non sanno dove andare, per loro stasera sarà la prima notte all'aperto.

Per dormire in macchina sono troppi. Forse si sistemeranno sotto il Comune, un po' per protesta, un po' per necessità, a detta loro. I servizi sociali, però, hanno già chiarito che i Dragoi non possono essere a loro carico perchè il capofamiglia ha un lavoro fisso e un buono stipendio.

Fonte: Tele Toscana Nord

Nessun commento:

Posta un commento