La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

giovedì 10 maggio 2018

Mostra “Architettura e Regalità” a Roma

La mostra “Architettura e Regalità” presentata presso la Galleria d’Arte dell’Accademia di Romania in Roma

Giovedì, 10 maggio 2018, alle ore 18:00, in occasione della Giornata della Regalità 2018 e del Centenario della Romania, presso la Galleria d’Arte dell’Accademia di Romania in Roma, si terrà l’inaugurazione della mostra foto-documentaria “Architettura e Regalità” organizzata dal Comune di Bucarest tramite creart – Centro di Creazione, Arte e Tradizione e dall’Istituto Culturale Romeno di Bucarest tramite l’Accademia di Romania in Roma.

La mostra “Architettura e Regalità” si svolgerà sotto gli auspici della Famiglia Reale della Romania ed è realizzata dall’accad. prof. Răzvan Theodorescu, dal Prof. Arch. Augustin Ioan e dal Prof. Arch. Marius Marcu-Lapadat. La mostra sarà aperta al pubblico ogni giorno, nel periodo 11 maggio – 6 giugno 2018, presso la Galleria d’Arte dell’Accademia di Romania in Roma (Viale delle Belle Arti 110).

La mostra raffigura tre temi principali: “Architettura dei Re e delle Regine della Romania”, sezione che mette in risalto il ruolo dei Re e delle Regine della Romania nella progettazione e nella conseguente realizzazione di alcuni degli edifici più importanti del paese; “Architettura di rappresentanza in Romania ispirata dalla Monarchia e dai monarchi”, un tema dedicato all’influsso della Famiglia Reale nella società romena e in diversi campi dell’architettura in Romania; “La mostra degli eventi espositivi dei Reali romeni”, sezione che rispecchia l’architettura di rappresentanza progettata con riguardo verso la società, architettura attraverso la quale il Regno di Romania intendeva essere percepito all’estero con alcuni tipici tratti identitari.

La mostra sarà integrata con il film documentario “Residenze della Monarchia Romena” (soggetto e sceneggiatura a cura dell’accad. prof. dr. Răzvan Theodorescu).

Ingresso libero.

Accademia di Romania in Roma

XVII Convegno Internazionale di Studi sulla Cultura e Spiritualità della Santa Montagna

XVII Convegno Internazionale di Studi sulla Cultura e Spiritualità della Santa Montagna

Dal Sinai all’Athos. La Rinascita della tradizione spirituale esicasta sulla Santa Montagna

L’Associazione “INSIEME PER L’ATHOS – ONLUS" ha il piacere d’invitarvi al suo XVII Convegno internazionale di studi sulla cultura e spiritualità della Santa Montagna, dal titolo: “DAL SINAI ALL’ATHOS. LA RINASCITA DELLA TRADIZIONE SPIRITUALE ESICASTA SULLA SANTA MONTAGNA - Secoli XIII-XIV”. L’incontro si terrà sabato 12 maggio p.v. - dalle ore 9,00 alle ore 13,30 - presso la Sala Conferenze dell’Accademia di Romania, Piazza José de Saint Martin, 1 – Roma (zona Valle Giulia). Durante la giornata di studi, porteranno i propri saluti:
- Prof. Rudolf - Mihai DINU, Direttore dell’Accademia di Romania in Roma;
- Dott. Giuseppe Sergio Balsamà, Presidente dell’Associazione Insieme per l’Athos;
- Rappresentante di S. Em. Rev.ma il Metropolita Gennadios, Arcivescovo Ortodosso d’Italia e Malta del Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli;
- Rappresentante della Ierá Epistasia della Sacra Comunità monastica del Monte Athos.
Interverranno, di seguito, i sotto indicati relatori, che evidenzieranno ed approfondiranno alcuni peculiari aspetti relativi alla rinascita della tradizione spirituale esicasta sulla Santa Montagna con particolare riferimento ai secoli XIII – XIV:

Fr. Raffaele OGLIARI, monaco di Bose, Docente di Esegesi patristica c/o l’Istituto di Teologia Ecumenico-patristica “S. Nicola” di Bari – Ostuni: “Tra il deserto egiziano e l’Athos: la scuola sinaitica”;

Prof. Maciej BIELAWSKI, Teologo e scrittore. Docente di Letteratura russa c/o l’ Università di Verona: “Il cielo nel cuore. La poetica della mistica esicastica in Niceforo il solitario”;

Dott. Georgios KARALIS,Teologo greco-ortodosso. Già Direttore della rivista “Italia Ortodossa”: “La scuola della visione e San Gregorio il Sinaita”;

Dott. Raffaele GUERRA, Università di Salerno: “La maschera e il cuore. Persona e ascesi nell’esicasmodi San Gregorio Palamas”;

P. Prof. Vasile CREŢU, Docente c/o la Facoltà di Teologia Ortodossa “Patriarhul Justinian” dell’Università di Bucarest: “I santi Ignazio e Callisto di Xanthopouli nella visione/interpretazione di Padre Dumitru Staniloae”.

Le conclusioni e osservazioni finali saranno affidate al P. Prof. Richard ČEMUS, SJ Ordinario di Teologia spirituale orientale c/o il Pontificio Istituto Orientale – Roma.

Il simposio sarà moderato dal Prof. Marco MERLINI, Docente presso l’Università di Sibiu (Romania).

Nel corso del convegno sarà presentato – a cura di Padre Dott. Ignazio Blasi della Parrocchia “San Sebastiano martire”di Pomezia – il libro dell’ architetto romeno Dan Corneliu, “Pellegrino fra i secoli – Il Santo Monte Athos”.

Ingresso libero fino esaurimento posti disponibili.

Accademia di Romania in Roma

Expo Romania-Italia - inchidere



Roma, 7 mai 2018 – În zilele de 5-6 mai, CCIRO Italia, Asociația Românilor din Italia (ARI) în parteneriat cu Institutul Cultural Român şi Institutul „Eudoxiu Hurmuzachi” pentru românii de pretutindeni sub înalt patronajul Guvernului României prin prezenta Ministerului pentru Românii de Pretutindeni, Ministerului Muncii și Justiției Sociale, Ministerului Turismului, Ministerului pentru Mediul de Afaceri, Comert si Antreprenoriat, si Ministerul Agriculturii si Dezvoltării Rurale au organizat a VIII-a ediție Expo Romania-Italia.

Evenimentul s-a dorit a fi unul de interes național pentru Romania si de interes general pentru romanii din Italia, inclus in calendarul evenimentelor dedicate Centenarului Marii Uniri organizate in Italia.

Lansarea „Bursei locurilor de munca” - Primăria Municipiului Satu Mare, Consiliul Judetean Satu Mare, Municipiul Salaj, Consiliul Judetean Prahova si Municipiul Oradea au participat împreună cu instituțiile statului roman expunând programe pe modelul „Satu Mare te așteaptă acasă” si prezentând oferte de munca, facilitați, oportunități pentru investiții si oferte turistice.

„Centenar prin înfrățiri” acțiune coordonata de ARI in colaborare cu Fundatia „Mihai Viteazul”: mai mulți reprezentanți, primari ai localităților Viterbo si Perugia din regiunile Lazio respectiv Umbria, au demarat procedurile de înfrățiri împreună cu reprezentanți ai administrațiilor din Romania, primari din județele Prahova, Satu Mare si Salaj.

„Te caută o carte”, program al Institutului „Eudoxiu Hurmuzachi” pentru românii de pretutindeni susținut de Ministerul pentru Romanii de Pretutindeni a fost lansat in cadrul evenimentului si s-a bucurat de un mare succes prin implicarea Asociației Romanilor din Italia si Alianței Romanilor din Italia. Părinți si copii romani din Italia au primit cu lacrimi in ochi, cărți si mesaje din partea copiilor bucureșteni.

Expoziția dedicată Reginei Maria: Institutul Cultural Român şi Muzeul Naţional al Literaturii Române au adus la Roma in cadrul Expo Romania-Italia, în anul Centenarului Marii Uniri, expoziţia dedicată Reginei Maria, Regina-soldat, prinţesa englezoaică plină de farmec şi de curaj, care a devenit româncă. Nu şi-a pierdut speranţa nici măcar în cele mai negre momente din timpul Primului Război Mondial. A crezut în destinul României. Nu s-a temut nici de gloanţe şi nici de boli, fiind mereu alături de ostaşii răniţi şi de bolnavi. Expoziţia realizată de Beatrice Todireanu ne-a adus mai aproape, prin intermediul a zeci de fotografii inedite, destinul acestei femei excepţionale din istoria României.

Sâmbătă, 5 mai, la deschiderea evenimentului au participat Ministrul pentru Românii de Pretutindeni, Natalia-Elena Intotero, Ambasadorul României în Italia, ES George Bologan, Alessandra Agnello - consiliera personala a primarului Romei Virginia Raggi, Directorul General al Institutului "Eudoxiu Hurmuzachi" pentru românii de pretutindeni, Nicolae Brînzea, Directorul General în cadrul Institutului Cultural Roman, Filip-Lucian Iorga si Presedintele fundatiei „Mihai Viteazul”, Mircea Cosma.

Salutul si indemnul acestora adresat celor prezenți, romani si italieni s-au axat pe importanta Anului Centenar pentru Romania, cooperare si colaborare.

Duminica, 6 mai, la ora 14:30, prin talentul aparte și temperamentul interpretei de excepție Claudia Motea in “Pușlamaua de la etajul 13” de dramaturgul Mircea M. Ionescu a fost deschisa a doua minunata zi dedicata românilor din Italia si nu numai, dedicate Centenarului Marii Uniri.

Sâmbătă 5 mai si duminica 6 mai romanii din Italia au avut parte de un emoționant spectacol muzical susținut de faimoasa Orchestra Națională de Folclor “Lăutarii” din Chișinău dirijată de inegalabilul Nicolae Botgros.

Sub îndrumarea baghetei fermecate a marelui dirijor Nicolae Botgros, pe scena teatrului Atlantico din Roma au evoluat pe scenă artiști de calibru din România: Mioara Velicu, Ilie Caras, Dinu Iancu Sălăjanu, Elisabeta Turcu Juverdeanu.

Tot in cadrul evenimentului de duminica, șapte personalități (romani si italieni) din Italia au avut onoarea de primi din partea Institutului Cultural Roman, Institutului „Eudoxiu Hurmuzachi” pentru românii de pretutindeni si Accademia di Romania, premii de excelenta. Cele șapte distincții onorifice de recunoaștere a transmiterii internaționale a valorilor culturale românești si promovarea intereselor economice ale Romaniei au fost oferite doamnei Mioara Moraru (Asociația Culturală Româno-Italiană Propatria), doamnei Liliana Nechita Angheluță (scriitoare din comunitatea română), doamnei Cristina Mărginean-Cociș (scriitoare), domnului Ernesto Carpintieri (preşedintele Academiei Europene pentru Relaţii Economice şi Culturale - AEREC), domnului Gabriel Pîrjolea (lider şi coregraf Ansamblul folcloric „Dor Călător”), domnului Andrea Amato (secretar general CCIRO Italia) si domnului Eugen Terteleac (președinte ARI, CCIRO Italia).

Pe scena teatrului Atlantico au mai debutat ansamblurile folcloristice „Dor Calator” si „Arțăraș”, grupul Arpegio&Roua si invitați din mai multe comunități de străini din Italia (membri World Intercultural Institute) care au oferit spectatorilor momente muzicale si dansuri tipice tarilor de origine: Mexic, Africa, Rusia, Italia.

Evenimentul s-a conclus prin extraordinarul concert susținut de bine-cunoscutul solist român de muzică ușoară, Aurelian Temişan care a încălzit si încântat publicul cu șlagărele din propriul repertoriu.

„Mulțumesc tuturor celor care s-au implicat in organizarea acestui proiect, in special ministerelor care au participat la ședința interministeriala din 12 aprilie in cadrul căreia s-a hotărât si acordat implicarea - sprijinul celor trei organizatori ai evenimentului: Institutul Cultural Roman, Institutul „Eudoxiu Hurmuzachi” pentru românii de pretutindeni si Asociația Romanilor din Italia. Mulțumesc asociațiilor care au contribuit la organizarea si buna desfășurare a evenimentului: Alianța Romanilor, Federația Organizațiilor Romanesti din Italia (FORI), Asociația „Spirit Românesc” si tuturor celor care ne-au fost alături. Mulțumesc instituțiilor si asociațiilor care, si in zi de sărbătoare, in cadrul evenimentului s-au îngrijit de situația conaționalilor noștri Marian și Roxana Roman, victime ale mafiei italiene, clanul Casamonica. Mulțumim partenerilor media: TVR International, Gazeta Românească, Antena 3, Dacia TV, Realitatea TV. Nu in ultimul rând, îmi adresez speranța ca Ministerul pentru Romanii de Pretutindeni va aproba cererea de finanțare parțiala a acestui proiect, cerere depusa in data de 16 aprilie. Pe tot parcursul celor doua zile, am promovat programul Guvernului României in beneficiul romanilor din diaspora, oportunități de investiții, implicarea si participarea civica a romanilor din Italia si am declarat „An Centenar, an al marii reuniri cu tara”. De comun acord cu toți factorii implicați, singura acțiune contramandata a fost „Pactul cu diaspora” a declarat Eugen Terteleac, președintele Asociației Romanilor din Italia.

Click AICI si AICI galerie/album foto Expo Romania – Italia

Click aici video 1

Biroul de comunicare ARI

Biblioteca di Crema. Fiabe in tutte le lingue del mondo, due appuntamenti multiculturali

di Lidia Gallanti
Biblioteca di Crema. Fiabe in tutte le lingue del mondo, due appuntamenti multiculturali

Spagnolo, rumeno, arabo, hindi e portoghese, senza dimenticare il dialetto cremasco. L’ora della fiaba diventa internazionale e parla tutte le lingue del mondo. Gli ultimi due appuntamenti della rassegna organizzata dalla biblioteca di Crema ospitano storie e lettori multiculturali. Il progetto in collaborazione con la Rete intercultura coinvolge diversi istituti comprensivi di città e territorio. Ai genitori dei bambini il compito di raccontare le fiabe in lingua originale, tradotte e recitate dall’attrice Alessandra Fusar Poli della Compagnia Labor'attori in corso. I ragazzi animeranno gli incontri con giochi e lavori realizzati in classe.

Fiabe per tutte le culture

Il primo incontro giovedì 26 aprile con Il gallo coraggioso in lingua rumena (bambini anni 3), L’asinello timido e il suo amico in ucraino (anni 5), La cucarachita Martina in spagnolo (seconda elementare), Il leone e il topolino in hindi, Laila e il lupo, in libanese (classe terza).

Si prosegue giovedì 17 maggio con Giuanì sensa pura e Al drago di set co in dialetto cremasco (classi seconde), Alì Babà e i quaranta ladroni in arabo (classi seconde), La zuppa di pietra in portoghese (alunni anni 4) e La leggenda del Mărțișor in rumeno. Appuntamento sempre alle ore 17 in via Civerchi. Partecipazione gratuita con prenotazione obbligatoria.

Fonte: Crema Online

Papa Francesco, un visitatore apostolico per i greco cattolici romeni in Europa

Un ritratto di padre Cristian Dumitru Crisan, nuovo visitatore apostolico del Greco Cattolici rumeni della diaspora
Foto: www.bru.ro - Chiesa Greco Cattolica Romena

Di Andrea Gagliarducci

CITTÀ DEL VATICANO , 09 aprile, 2018 (ACI Stampa).-

Il reverendo Cristian Dumitru Crisan è stato nominato da Papa Francesco visitatore apostolico per i fedeli greco-cattolici romeni in Europa Occidentale.

Sacerdote, 36 anni, parroco della Chiesa greco-cattolico romena di San Giorgio a Parigi e rettore della Missione greco-cattolico romena in Francia, il reverendo Crisan è chiamato ora a guidare i greo-cattolici romeni dell’Europa Occidentale.

Sacerdote dal 2008, incardinato nell’arcieparchia di Fagaras e Alba Iulia dei Romeni, ha una licenza e un dottorato in Diritto Canonico presso la Pontificia Università Lateranense, e dal 2012 ha cominciato il suo incarico a parigi.

Dal 2013, il reverendo Crisan è notaio del Sinodo dei vescovi della Chiesa greco-cattolico romena, dal 2014 è difensore del vincolo presso il Tribunale Provinciale di prima istanza dell’Arcidiocesi di Parigi e dal 2016 è giudice presso lo stesso tribunale.

Viene affidata ad un canonista esperto, dunque, la cura pastorale dei Greco Cattolici romeni dell’Europa occidentale della diaspora. Il visitatore apostolico, nella Chiese particolari di rito liturgico diverso da quello latino, e il suo ufficio equivale a quello di ordinario per le comunità della diaspora che non hanno una guida del rito liturgico. Lo nomina il Papa su proposta del Sinodo permanente.

La Chiesa Greco-Cattolica romena è una Chiesa Cattolica sui iuris di rito bizantino, che conta 737.900 membri ed è gestita da 8 vescovi. La sua origine risale alla Battaglia di Vienna del 1683, quando gli Asburgo riconquistarono l’intera Ungheria ma anche il principato semi-indipendente di Transilvania.

Sotto l’influsso asburgico, molte chiese protestanti passarono al culto cattolico, mentre gli ortodossi, che avevano lottato contro il calvinismo della nobiltà ungherese, salvarono la loro religione tradizionale grazie alla Unione con Roma, preparata ad Alba Iulia nel sinodo del 1697 e decisa ufficialmente nel sinodo del 1698, e ratificata solennemente nel sinodo di Alba Iulia del maggio 1700, quando fu riconosciuto solennemente il primato di Roma senza rinunciare alle tradizioni orientali.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, la persecuzione della Chiesa fu deliberata da Mosca, che già aveva annientato la Chiesa Greco- Cattolica Ucraina con il Sinodo di Lviv. La stessa procedura fu attuata con la Chiesa Greco Cattolica Romena, e già nel 1948 si verificarono arresti, interrogatori e vessazioni che poi sfociarono nell’Atto di Abrogazione del 1 dicembre 1948.

Molti sono stati i martiri di questa persecuzione, tanto che lo scorso Giovedì Santo è stata consegnata la Positio Super Martyrio (due volumi per un totale di 1900 pagine) per sette vescovi greco cattolici uccisi sotto il Regime comunista per aver rifiutato il passaggio coatto all’ortodossia.

È anche a causa di questa persecuzione che si è creata una comunità Greco-Cattolica romena della diaspora, che ora ha un visitatore apostolico. Dal 1994, quando il Sinodo si è ricostituita, la Chiesa rumena greco cattolica è guidata dal Cardinal Lucian Muresan, arcivescovo maggiore.

La Chiesa è suddivisa in sei diocesi: cinque sono in Romania e riunite in una provincia ecclesiastica, una è negli Stati Uniti d’America ed è immediatamente soggeta alla Santa Sede.

Fonte: Aci Stampa

Rassegna stampa - aprile in breve

Elezioni regionali La comunità romena ha il suo candidato - Cronaca - Messaggero Veneto

48 ore a... Sibiu, città dove il 3 è il numero magico - La Stampa

[Bif&st 2018] Focus sul film rumeno One Step Behind the Seraphim | Universal Movies

Il Park Tennis punta alla promozione in serie B

Ex tennista si aggiudica la storica tenuta Cortevecchia - Cronaca - il Tirreno

Romania-Italia: premier Dancila, relazioni bilaterali eccellenti e cooperazione diversificata | Agenzia Nova

Corso di rumeno al Prever di Pinerolo | Vita Diocesana Pinerolese

Per i romeni in Italia 40.000 euro per una start up in Romania

Dopo la vittoria al 1° Rally di Sanremo del romeno Ernest Urdareanu, dalla Romania arriva un'altra fiat 500 del 1928 (foto) - Rivierasport.it
La città di Sanremo ricorda Ernest Urdareanu, primo vincitore del Rallye nel 1928 - Riviera24 Sport

Albania, Marocco e Romania: da dove arrivano i nuovi italiani

Festa della comunità romena a Chivasso - Chivasso Oggi

Caporalato in danno della comunità romena. In Prefettura delegazione del Ministero per i romeni | Radio RTM Modica
Il Segretario di Stato del Ministero Rumeno per gli emigrati che vivono all’estero in visita alla Prefettura di Ragusa. Anche il segretario della CGIL, Scifo, ha partecipato all’incontro | Giornale Ibleo
Ragusa, in Prefettura Segretario di Stato per i Romeni all’estero | Nuovo Sud
Visita in Prefettura del segretario di Stato rumeno Lilla Boglarka Debelka - Ragusa Oggi

Ladispoli, l'insegnamento lingua Romena alla Corrado Melone protagonista a convegno di Firenze - Terzo Binario News

Eroi dimenticati: Alberto Peano, da "primo fante" del Piave a legionario di Romania

Storia di un’integrazione riuscita: la comunità rumena presenta ‘Come fratelli’ alla biblioteca internazionale Ilaria Alpi - Il Caffè Quotidiano

S. Donà (Ve), romeno entra in Lega: «la pensano come me» | Vvox

All'aeroporto di Perugia arriva la compagnia rumena Cobrex | Teleborsa.it


Sesto San Giovanni, una chiesa per due riti - Cronaca - quotidiano.net

Hristos a inviat! Oggi si festeggia la Pasqua ortodossa - Torino Oggi

L'abbraccio del Papa agli ortodossi che celebrano la Pasqua - FarodiRoma

Tanta gente per festeggiare la Pasqua Ortodossa - La Riviera


Pasqua ortodossa: centinaia di fedeli alla cerimonia nella chiesa in Castello - cagliari.vistanet.it

In mille a Chivasso per la celebrazione della Pasqua ortodossa - La Stampa

La celebrazione della Resurrezione di Cristo (Pasqua) nella Parrocchia ortodossa romena "San Gerarca Callinico di Cernica" a Viterbo
Hristos a inviat! - La Pasqua ortodossa a Viterbo


Casalesi in Romania, Nicola Inquieto scarcerato. E a Pitești si fa festa

Torino - Ventottenne investito in corso Regina Margherita, deceduto

Donna morta a Carsoli, salma ferma all'obitorio di Avezzano. Mancano i fondi per il rientro in Romania | MarsicaLive

Carsoli: la donna romena è morta per cause naturali, scarcerato il suo compagno


Milano, tenta di rapinare una badante romena, lei lo blocca con una testata - Corriere.it

Milano, anziano aggredito in viale Monza | Video - Corriere.it
Aggredisce un anziano e viene filmato: il video gira su Facebook ma è una bufala

Investì vigilante, cade ipotesi del dolo | Euronews

Morto schiacciato dal trattore a Naro: ex proprietaria del trattore pagherà ammenda - Grandangolo Agrigento

Liposuzione, a Milano muore donna di 34 anni - Corriere.it
Liposuzione: una donna di 36 anni è morta a Milano

Ginosa Marina, fitta casa a rumena e poi ne abusa ai domiciliari un 75enne - La Gazzetta del Mezzogiorno

La Maddalena, operaio trafitto dal cavalletto in ferro: 3 processo

Ritrovato il tandem rubato al ragazzo autistico - Video - Foto - Cronaca - il Tirreno

Rapina choc a Prati, falsi poliziotti legano e imbavagliano due donne

Firenze. Calabresi al centro del racket: operai sfruttati costretti all’affitto delle case occupate

Crotone: Celebrati con il rito ortodosso i funerali di Dragos Petru Chiriac | wesud News
Crotone, (video) un canto per Dragos: l'addio all'operaio romeno morto nel crollo del muro | CrotoneNews

Cadavere in ospedale, è giallo Messina, è stato un omicidio - Live Sicilia

Luca Moriconi, romeno trova portafoglio e glielo rende: Massimo Gramellini - Corriere.it
Operaio rumeno trova portafogli, lo restituisce al proprietario e rifiuta la ricompensa

lunedì 30 aprile 2018

La Romania al Salone del Libro di Torino: ecco gli appuntamenti e gli incontri

Nel periodo 10-14 maggio 2018 si svolgerà la XXXI-a edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino. Il tema di quest’anno è "Un giorno, tutto questo"

Per il decimo anno consecutivo, l’Istituto Culturale Romeno di Bucarest, tramite il Centro Nazionale del Libro e l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, organizza la partecipazione della Romania alla più importante manifestazione di questo genere in Italia con uno stand nazionale il cui design evoca il Centenario della Grande Guerra e dell’Unità della Romania.

Lo stand della Romania (Sala Romania) è realizzato in parteneriato con gli organizzatori del Salone Internazionale del Libro di Torino.
Durante lo svolgimento del salone la Sala Romania ospiterà sia eventi letterari romeni, sia manifestazioni proposte dagli organizzatori del Salone. Situata nel Padiglione 3 R10–S09, la Sala Romania, con una superficie di 120 mq, consisterà in: uno spazio dedicato alla vendita di libri allestito in partenariato con la Libreria Libris di Brașov, uno spazio dedicato agli eventi letterari, una cabina radio che ospiterà l’équipe di Radio Torino International – uno dei media partner tradizionali della partecipazione della Romania al Salone del Libro.

Durante le cinque giornate, presso la Sala Romania saranno organizzate manifestazioni con lo scopo di promuovere le relazioni bilaterali italo-romene nel campo della letteratura, delle traduzioni e della politica editoriale. Gli eventi intendono ad incentivare l’interesse degli specialisti, degli editori e dei traduttori per la letteratura romena, di avviare contatti diretti tra gli scrittori invitati e il pubblico, nonché di agevolare il legame della comunità romena con i valori culturali del paese d’origine. Quest’anno, le manifestazioni organizzate dall’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia durante il Salone Internazionale del Libro di Torino riuniranno circa 25 invitati romeni e italiani che provengono dai vari settori rappresentativi per il profilo della manifestazione culturale: scrittori, romenisti, traduttori di letteratura romena in lingua italiana, storici, giornalisti, critici letterari e alcuni rappresentanti delle case editrici italiane (si veda in allegato il programma degli eventi letterari).

Saranno presenti: Ana Blandiana, Smaranda Bratu Elian, Ioan Bolovan, Dan Octavian Cepraga, Ionuţ Marius Chelariu,Horia Corneliu Cicortaş, Ştefan Damian,Dinu Flămând, Luigi Forte,Antonio Di Gennaro,Guido Manacorda, Bruno Mazzoni, Marian Mocanu, Anita Paolicchi, Marco Pasi, Andrei Pleşu, Ioan Aurel Pop,Maria Floarea Pop, Violeta Popescu,Bruno Rombi, Roberto Scagno, Natale Spineto, Irina Niculescu, Francesco Testa. Saranno presentate le traduzioni in lingua italiana dei volumi di Ana Blandiana (Oroglogiul fără ore – L’orologio senza ore), Max Blecher (Inimi cicatrizate – Cuori cicatrizzati), Emil Cioran, George Bălan (Epistolar – Carteggio), Ioan Petru Culianu (Iocari serio), Ştefan Damian (La provocazione dell’aria), Mircea Eliade (Jurnal 1970–1985 – Diario 1970–1985), Dinu Flămând (Umbre şi faleze – Ombre e falesie), Andrei Pleşu (Pitoresc şi melancolie – Pittoresco e malinconia), Ioan Aurel Pop, Ioan Bolovan (Istoria Transilvaniei – La storia della Transilvania), Mihail Sebastian (De două mii de ani – Da duemila anni).

Per dettagli su ogni singola presentazione si veda il programma in allegato e il sito www.salonelibro.it.

Partner: Salone Internazionale del Libro di Torino, Consolato Generale della Romania a Torino, Libreria Libris di Brașov, Centro Culturale Italo–Romeno di Milano Media partner: Radio Torino International, Radio Romania, Observator Cultural, Orizzonti Culturali italo-romeni

Responsabili progetto: Aurora Firța–Marin
Tel. +39.041.5242309;
e-mail :istiorga@tin.it

In allegato il programma degli incontri
Fonte informazioni: Istituto romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia

Files: Salone libro romania locandina (812 kB)

Fonte:TorinOggi

Roma in Arte 2018 Mostra Internazionale d’Arte Moderna e Contemporanea Dal 5 all’11 maggio 2018

Roma in Arte 2018
Mostra Internazionale d’Arte Moderna e Contemporanea
Dal 5 all’11 maggio 2018

Vernissage informale:
Sabato 5 Maggio
dalle ore 18 alle 20

Presso Galleria Arte Borgo

Espongono gli artisti:
Prolog (Constantin Flondor, Horea Paștina, Mihai Sârbulescu, Valentin Scărlătescu, Matei Lăzărescu, Christian Paraschiv), Cinta Agell, Tove Andresen, Antonella Argiroffo, Esther Arnuelos, Bruno Caviola (1937-2017), Susana Cirille, Rosalia Colomer, Memo Fornasari (1910-1982), Frans Frengen, Esperanza Garcia, Fina Gimenez-Checa, Clara Gracia, Günther K”, Higuera, Stefano Iosca, Luca Marchetti L M Art, Alicia Miner, Nietto, Tony Priolo (1925-2010), Roberto Re, Julio Saldaña Manero, Stefano Sandri, Roswitha Schablauer, Ana Solanas, Georgeta Stefanescu, Stefania Zini

 “Roma in Arte” è un evento realizzato in collaborazione con Galeria Romana di Bucarest, con Galleria Arte Borgo di Roma e con il gruppo artistico spagnolo Art Nou.

Sono trascorsi nove anni dall’ultima esposizione curata nella capitale da Sabrina Falzone presso il Caffè Letterario e con questo ritorno nella Galleria Arte Borgo di Roma si intende creare una nuova sinergia creativa ed organizzativa senza barriere geografiche, perché nel progetto artistico "Roma in Arte" le sinergie italiane, spagnole e romene si sono mosse sincronicamente.

Il gruppo Prolog è rappresentato dalla Galeria Romana di Bucarest, la più importante galleria d’arte della Romania che vanta artisti di eccellente levatura tra i migliori della nazione romena come Constantin Flondor, Horea Paștina, Mihai Sârbulescu, Valentin Scărlătescu, Matei Lăzărescu e Christian Paraschiv.

Di origine romena, con un curriculum internazionale, è l’artista Georgeta Stefanescu, audace nell’impiego di materiali in plastica e non solo.

 Il gruppo Art Nou rappresenta l’estro e l’espressività artistica della Spagna ed è composto da Cinta Agell, Esther Arnuelos, Susana Cirille, Rosalia Colomer, Esperanza Garcia, Fina Gimenez-Checa, Clara Gracia, Higuera, Alicia Miner, Nietto e Ana Solanas.

La mostra annovera tre maestri della storia dell’arte del Novecento come Memo Fornasari (1910-1982), Tony Priolo (1925-2010) e Bruno Caviola recentemente scomparso (1937-2017) a confronto con una ricca selezione di nomi dell’arte contemporanea europea: Tove Andresen, Frans Frengen, Günther K", Julio Saldaña Manero e Roswitha Schablauer.

La creatività italiana è, invece, rappresentata dagli artisti Luca Marchetti L M Art, Roberto Re, Stefano Iosca, Antonella Argiroffo, Stefania Zini e Stefano Sandri.

Info: Galleria Arte Borgo
Borgo Vittorio 25
ROMA

Orari di apertura:
lunedì dalle 15 alle 19,
da martedì a venerdì dalle 11 alle 19,
sabato dalle 10 alle 13,
chiuso domenica

 www.sabrinafalzone.info

Fonte:EzRome

venerdì 6 aprile 2018

Paşte fericit!


Cristiani e ortodossi uniti nella Pasqua, Padre Pietro: "Conoscendosi emerge il bello"

VASTO ATTUALITÀ 01/04

L’8 aprile nella chiesa del Carmine la celebrazione della Pasqua ortodossa

Due comunità cristiane unite nel segno della Pasqua. Oggi i cristiani celebrano la Resurrezione di Cristo, gli ortodossi la festeggeranno domenica prossima, l’8 aprile. Sarà la prima celebrazione presieduta da Padre Petru (Pietro) Bogdan Voicu, da qualche mese parroco della chiesa ortodossa romena di Vasto e Termoli. La celebrazione della veglia pasquale che, inizierà alla mezzanotte tra sabato e domenica, si svolgerà nella chiesa della Madonna del Carmine. “Dobbiamo ringraziare Don Gianfranco Travaglini, Don Giovanni Pellicciotti e la comunità di San Giuseppe che ci permettono di celebrare la Pasqua in chiesa. Ma ringraziamo tutto il popolo italiano che ci dà questa possibilità, non solo di aprire le case per aprire chi una casa non ce l’ha ma di aprire le chiese per pregare”.

Padre Pietro, lei è qui da novembre e ha preso il posto di Padre Iulian Stoica, andato in Canada. Come ha trovato la comunità ortodossa e il rapporto con quella cristiana?
Padre Iulian è formato e stretto la comunità ortodossa, ora con me proviamo a vivere il nostro cammino di fede. Nel nostro unirci facciamo conoscere le nostre tradizioni agli italiani. Al popolo romeno e in particolare agli ortodossi io chiedo sempre di rispettare tutte le leggi perchè questo vuol dire integrazione. Però dobbiamo conservare anche a nostra identità perchè così possiamo arricchire chi ci incontra. Noi accogliamo tutti e rispettiamo tutti. Certo, quelli che fanno del male non sono mai in chiesa, non vengono ma noi preghiamo anche per loro.


Nei confronti degli stranieri, in particolare dei romeni, si innescano dei pregiudizi a causa di alcuni episodi di criminalità. Come vivete questa situazione?
Non so come poter risolvere questo però, sicuramente, con la conoscenza si possono fare passi avanti. L’anno scorso siamo stati in Romania con un gruppo di 35 persone, ortodossi e cristiani, con noi c’era anche il vescovo di Termoli, monsignor De Luca. Chi ha visto la Romania non ha avuto una brutta impressione ma prima di partire non immaginava fosse così. Solo conoscendosi e aprendosi si può far emergere il bello e il positivo di chi viene in un Paese straniero per cercare lavoro e per stare serenamente.

La Pasqua cristiana e quella ortodossa arrivano a distanza di una settimana. In che modo le due comunità possono viverle insieme?
Possiamo dire che la Chiesa del Carmine avrà la possibilità di celebrare due volte la Pasqua. Ma comunque i cristiani, siano essi cattolici o ortodossi, celebrano ogni domenica la Pasqua. In vista della celebrazione vorrei invitare gli ortodossi a partecipare, per l’occasione tante persone arrivano anche da fuori. Fino all’anno scorso si celebrava nel piazzale dello Stadio, vicino alla chiesa di Santa Maria di Costantinopoli, dove a domeniche alterne celebriamo la messa. Quest’anno saremo nella chiesa del Carmine, in centro storico, che è più grande e accogliente. Sarà aperta dalle 22 di sabato 7 aprile ma la celebrazione inizierà a mezzanotte con il rito della luce.

Possono partecipare anche quelli che non sono ortodossi?
Certo, perchè no. Anche chi vuole vivere questa celebrazione per scoprire un rito diverso da quello cattolico e romano. Preghiamo lo stesso Dio e lo stesso Gesù Cristo che risorge. In questo giorno di Pasqua vorrei fare, a nome mio e di tutta la comunità ortodossa romena di Vasto e Termoli, gli auguri a tutti i cristiani per la Resurrezione di Cristo.

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Fonte: Zona Locale Vasto

Da Torino a Sanremo passando per Bra, Savona e Genova, l’8 aprile i romeni festeggeranno la Pasqua Ortodossa

CULTURA
VENERDÌ 06 APRILE 2018

Quest'anno cade domenica 8 aprile

Finora in Italia si è parlato solo della data della Pasqua cattolica, ma anche altre comunità cristiane festeggiano questa ricorrenza, che però non segue lo stesso calendario.

Perché la Pasqua Ortodossa e quella Cattolica (insieme alla Pasqua Protestante) cadono talvolta in due date diverse?

Il motivo è da ricercarsi prima di tutto nel diverso calendario che le due chiese seguono: la chiesa ortodossa romena ma non solo adotta ancora oggi il calendario giuliano, mentre la chiesa cattolica segue invece il calendario gregoriano. Secondariamente la chiesa ortodossa romena fa cadere Pasqua nella domenica che segue la prima luna nuova dopo l'equinozio di Primavera e di conseguenza le due date di Pasqua raramente coincidono. Quest’anno, infatti, la Pasqua cattolica e la Pasqua ortodossa si festeggiano ad una settimana di distanza: la Pasqua ortodossa romena cade l'8 aprile 2018.

I romeni residenti in Piemonte e in Liguria sono oltre 150 mila, i moldavi poco meno di cinquemila solo in Piemonte, seguono poi gli ucraini con qualche migliaia di persone e tutti assieme festeggiano la Pasqua ortodossa. In Romania gli ortodossi sono l’86 per cento della popolazione.

In queste giorni sono migliaia le persone alla Veglia della Luce, ciascuno con una candela accesa dai sacerdoti, che sarà poi portata a casa come simbolo di rinascita e speranza. In piazza Cavour, dove alle 23,30 il rito sarà probabilmente guidato da padre Rosu con altri sacerdoti, a Sanremo dal padre Claudiu, a Genova troveremo padre Sorin e molti altri sacerdoti avranno molto lavoro in questa settimana importante.

Il giorno di Pasqua si usa scambiarsi uova sode colorate, di rosso ma non solo, suggellando questo rituale con la frase “Cristo è risorto”. Rosso come il sangue di Gesù: un tempo si impiegava un pigmento ricavato dalla cipolla, ora si usano diversi tipi di coloranti. L’uovo, nella cultura romena è il simbolo della vita e della fertilità della Terra e venne adottato dai primi cristiani per indicare la rinascita dell’uomo nel giorno di Pasqua.

Marian Mocanu

Fonte: TorinOggi

Potenza Picena, ristrutturata la chiesa della Sacra Famiglia, padre Oleg ricevuto in Comune

ATTUALITÀ POTENZA PICENA

03/04/2018

Ha voluto ringraziare di persona per la fattiva vicinanza dell’Amministrazione Comunale nella risoluzione di alcune problematiche legate alla ristrutturazione della Chiesa della Sacra Famiglia di Contrada Marolino. Il parroco coordinatore della Chiesa Ortodossa Romena della Provincia di Macerata, Padre Oleg Bonari, è stato ricevuto in Municipio dal vice sindaco Noemi Tartabini e dall’assessore all’Urbanistica Luisa Isidori. Padre Oleg, in segno di amicizia e gratitudine, ha donato al Comune una Sacra Icona ricevuta dal vice Sindaco Tartabini in una sobria cerimonia svoltasi in Sala Giunta.

Nei giorni scorsi la Chiesa rurale della Sacra Famiglia, data in comodato d’uso dal vescovo di Fermo alla comunità Cristiano-Ortodossa del maceratese, ha potuto ricevere la benedizione dei lavori. Entro breve verrà officiata la cerimonia ufficiale di apertura. La chiesetta della Sacra Famiglia, ormai in disuso (sono stati necessari circa 60 mila euro di lavori, tutti a carico della comunità romena e moldava), ha ritrovato nuova vita con un accordo tra le Autorità cattoliche e quelle Cristiano Ortodosse in uno spirito di collaborazione e di rispetto reciproco.

Fonte: Picchio News

Presentazione del libro “Come fratelli” c/o la Biblioteca Internazionale Ilaria Alpi di Parma il 7 aprile alle ore 17

Eventi / Centro

L’evento di sabato prossimo ricorda anche il centenario della Romania essendo proprio il 2018 l’anno della fine della Grande Guerra e della proclamazione dell’unione della Romania del 1918.

31 marzo 2018

Il Libro “Come Fratelli. La fratellanza italo – romena a 10 anni dall’adesione all’Unione Europea” di Irina Niculescu e Marian Mocanu ( Edizioni Unicopli – ottobre 2017, Milano) sarà presentato il 7 aprile prossimo alle ore 17, presso la Biblioteca Internazionale Ilaria Alpi di Parma in Vicolo delle Asse 5. Oltre gli autori due ospiti d’eccezione parteciperanno all’evento: l’Assessore Michele Guerra del Comune di Parma e il Console della Romania a Bologna, la Dott.ssa Viorica Calcan. La presentazione è stata organizzata dal Comune di Parma e dalla Biblioteca Internazionale Ilaria Alpi con la collaborazione del Consolato Generale della Romania a Bologna ed è a ingresso libero. A dieci anni dall'entrata della Romania nell'Unione Europea, il libro affronta il complesso tema della fratellanza italo-romena, rispecchiata nella minoranza romena che vive oggi in Italia, il più grande fenomeno migratorio proveniente da un paese dell'Unione Europea mai avvenuto nella storia italiana. I sei capitoli del volume puntano la luce su particolari distinti: la fratellanza storica fra i due popoli, aspetti economici, spirituali, risvolti socio-culturali, partecipazione politica e immagine dei romeni attraverso la lente mediatica. Il volume si impernia su 30 interviste, realizzate esclusivamente per questa ricerca, ad autorevoli protagonisti dell'ondata migratoria romena in Italia: il ministro Franco Frattini, il commissario europeo Corina Cretu, il console Mario Moretti Polegato, monsignor Siluan, Flavio Tosi, Sergio Chiamparino, Ileana Popovici, Maurizio Molinari e molte testimonianze di successo di immigrati romeni che vivono in Italia. L’evento di sabato prossimo ricorda anche il centenario della Romania essendo proprio il 2018 l’anno della fine della Grande Guerra e della proclamazione dell’unione della Romania del 1918. Tutte le informazioni aggiornate sono disponibili alla pagina facebook dedicata: https://www.facebook.com/ComeFratelliUnicopli/

Fonte: ParmaToday

Consulatul itinerant la Cosenza



COMUNICAT DE PRESA

Cosenza, 28.03.2018

In zilele de 27 si 28 martie, Cosenza a primit cu nerabdare vizita echipei de la Consulatul
General al Romaniei la Bari pentru al doilea Consulat Itinerant, dupa ce in luna decembrie 2017 a
avut loc primul Consulat Itinerant Pilot.

Din octombrie 2017, de la deschiderea Misiunii Diplomatice la Bari, autoritatile romanesti
au raspuns pozitiv cerintelor si nevoilor comunitatii de romani din teritoriu si au dat curs
rugamintilor asociatiei noastre si romanilor din Provincia Cosenza, de a veni in teritoriu si de a
oferi serviciile consulare.

In Sala Nova, sala destinata evenimentelor si reuniunilor de Consiliu Provincial, in cladirea
Palatului Provinciei Cosenza, personalul Consulatului General de la Bari a organizat un mic
Consulat cu aparatura necesara preluarii de date necesare pentru documente de identitate,
pasapoarte simple electronice, pasapoarte simple temporare, titluri de calatorie, inscrierea in
registrele de stare civila romanesti a certificatelor de nastere, casatorie și deces emise de
autoritatile italiene si eliberarea certificatelor romanesti, nulla osta pentru casatorie, procuri,
declaratii, traduceri, si alte acte notariale.

In cele 2 zile au fost peste 230 de romani care au beneficiat de serviciile consulare. Cu
cateva exceptii (gen pasaport, certificat de nastere), tuturor romanilor care au fost prezenti, le-au
fost eliberate actele in aceeasi zi, la un interval de cateva ore, fapt datorat informarii primite atat
din partea noastra, a membrilor asociatiei Dacia, cat si a angajatilor Consulatului, anterior venirii la
Cosenza.

Dupa un tur in forta, la institutiiile locale, am fost placut surprinsi si de vizita la Cosenza a
Doamnei Consul General Lucretia Tanase, prilej cu care ne-a vizitat sediul asociatiei, ne-a multumit
pentru implicarea in organizarea acestui al doilea Consulat Itinerant.

Cu aceasta ocazie, impreuna cu consilierii asociatiei si reprezentantii bisericii ortodoxe din
teritoriu s-a discutat despre aspecte variate ale vietii romanilor in diaspora, necesitatea de a
colabora intre noi si de a uni romanii si problemele cu autoritatile.

Felicitam pe aceasta cale Echipa Consulara de la Consulatul de la Bari: Lucretia Tanase –
Consul General, Dan Stefaneasa – Consul, Mihai Ion Stirbu Vice-Consul, Andreea Ciuca, Tiana
Cebuc si Liviu Cebuc, si nu in ultimul rand pe colegii lor de la Bari, care au lucrat in tandem cu
Cosenza, pentru profesionalismul si operativitatea cu care au rezolvat fiecare situatie in parte!

Cu stima,

Mocanu Lenuta Gabriela,
Presedinte Asociatia Comunitea Romanilor in Calabria DACIA

Associazione Comunità Rumena in Calabria “DACIA”
C.F. 98092800782 Via Pasquale Galluppi n.73, CAP 87100 Cosenza (CS)
Tel: 0039.388 191 5450 E-mail: daciacomunita@gmail.com

Firmato da patronato Inca e Cassa naz.pensioni pubbliche rumena protocollo per migliorare accesso prestazioni sicurezza sociale rumeni e italiani

PATRONATI ITALIANI NEL MONDO - INCA/CNPP - FIRMATO DA PATRONATO INCA E CASSA NAZ.PENSIONI PUBBLICHE RUMENA PROTOCOLLO MIGLIORARE ACCESSO PRESTAZIONI SICUREZZA SOCIALE RUMENI E ITALIANI
(2018-04-03)

Il 30 marzo scorso a Bucarest è stato firmato un Protocollo di collaborazione tra l’Ente previdenziale rumeno (Casa Nazionale delle Pensioni Pubbliche - CNPP) e l'Inca per facilitare l’accesso alle prestazioni di sicurezza sociale agli assicurati rumeni e italiani, che possono vantare diritti previdenziali e socio assistenziali in base alle normative vigenti. A sottolinearlo una nota del Patronato INCA della CGIL.

Erano presenti alla firma il Presidente della Casa Nationala de Pensii Publice Robert Iulian STÃNESCU, la Direttrice Maria Luiza Socol Florescu, per INCA Nazionale Claudio Di Berardino, del collegio di presidenza Inca e Claudio Piccinini, coordinatore degli uffici Migrazioni e mobilità internazionale, oltre allo staff della Cassa previdenziale e all’operatrici INCA Romania Virginia Croitoru ed Emilia Spurcaciu. In occasione dell’incontro Maria Luisa Lapresa, Capo Ufficio per gli Affari Europei, Sociali e Culturali, ha portato i saluti dell’Ambasciatore d’Italia a Bucarest Marco Giungi.

Grazie all’accordo appena siglato, gli assicurati/beneficiari del sistema pensionistico pubblico in Romania e/o in Italia potranno utilizzare i servizi Inca per la concessione, ripresa del pagamento, ricalcolo delle pensioni spettanti nel sistema pensionistico pubblico romeno e/o italiano e per il mantenimento in pagamento delle prestazioni cui hanno diritto.

La cooperazione bilaterale tra l'INCA e il CNPP sarà realizzata anche fornendo materiali di informazione e documentazione sviluppati da una parte o congiuntamente da entrambe le parti, per offrire informazioni ai contraenti e ai beneficiari dei due sistemi pensionistici, nonché attraverso azioni e mezzi specifici in Italia e Romania. Il Patronato della Cgil fornirà gratuitamente i servizi coperti dal protocollo.

Per maggiori dettagli sul Protocollo di collaborazione tra CNPP e INCA, le persone interessate possono rivolgersi a:
-La Casa Nazionale delle Pensioni Pubbliche, str. 8, settore 2, Bucarest, tel: 004 021 311 80 47, www.cnpp.ro;
-INCA Romania, Buze?ti str. 59, bl.A5, et.4, ap.71, Settore 1, Bucarest, codice postale 011013, tel: 004 021 752 249 803;
- Le Case pensionistiche territoriali in Romania, istituzioni competenti per l'istituzione e il pagamento dei diritti a pensione. (03/04/2018-ITL/ITNET)

Fonte: Italian Network

Padova multiculturale: i residenti stranieri in città sono oltre 33mila

Vent'anni fa erano poco più di 5mila. Rumeni e moldavi i più "presenti", e c'è il boom cinese

01 aprile 2018

33.555. Un numero a dir poco significativo: come riporta il "Corriere del Veneto", infatti, questa cifra indica gli stranieri residenti a Padova.

Crescita record
E rapportato a quello di vent'anni fa rende ancor più l'idea della multiculturalità della città del Santo: nel 1997, infatti, gli stranieri erano 5.714. Un boom certificato dagli ultimi dati elaborati dal settore Statistica del Municipio, grazie ai quali si scopre che la cittadinanza non italiana più popolosa è quella rumena con 9.092 residenti, mentre al secondo posto si piazzano i moldavi (4.203). E c'è chi negli ultimi dieci anni ha addirittura triplicato i suoi residenti, passando dai 993 del 2007 ai 2.733 del 2017: si tratta della comunità cinese. Un exploit corroborato da altri due dati: non solo le imprese padovane con titolare cinese sono 539, al secondo posto tra quelle straniere dopo le nigeriane (590), ma il cognome Chen ricorre addirittura 275 volte tra quelli presenti in città.

Fonte: PadovaOggi

In vigore dal 1º aprile le nuove norme che garantiscono il diritto alla presunzione di innocenza e il diritto di presenziare al processo

©EU
La nuova normativa dell’UE in base alla quale agli indagati e imputati è riconosciuta la presunzione di innocenza fino a quando non ne sia stata legalmente provata la colpevolezza è in vigore da domenica 1º aprile.

03-04-2018
La normativa assicura inoltre una migliore tutela dei diritto di restare in silenzio e del diritto di presenziare al proprio processo. Essa garantirà infatti che chiunque in tutta l’UE possa beneficiare di tali diritti procedurali, attualmente non tutelati allo stesso modo in tutti gli Stati membri. Vĕra Jourová, Commissaria per la Giustizia, i consumatori e la parità di genere, ha dichiarato: "Ogni anno nell’UE 9 milioni di persone devono affrontare procedimenti penali. La presunzione di innocenza è un diritto fondamentale e deve essere rispettato nella pratica in tutta Europa. Ogni cittadino deve sempre avere la garanzia di un processo equo. Invito tutti gli Stati membri ad attuare le norme al più presto."

In base alla direttiva gli Stati membri devono anche garantire che fino a quando la colpevolezza di un indagato o imputato non sia stata legalmente provata, le dichiarazioni pubbliche rilasciate da autorità pubbliche e le decisioni giudiziarie non presentino la persona come colpevole. Inoltre è garantito il diritto al silenzio per l'imputato. Qualora sia stato violato il diritto di presenziare al processo, è garantito il diritto a un nuovo processo.

La direttiva fa parte di un pacchetto di sei disposizioni legislative volte a fornire norme minime comuni sui diritti processuali degli indagati e degli imputati nei procedimenti penali. Il pacchetto garantisce che le persone fisiche indagate o imputate in procedimenti penali godano di diritti uguali nel proprio paese d’origine o in un altro paese dell’UE, e consente una migliore cooperazione giudiziaria in tutta l’UE.

Fonte: Commissione Europea

Tragedia sul lavoro a Crotone, morti due operai

Crolla un muro in un cantiere edile. C'è un ferito

Calabria
Gio, 05/04/2018

Nella foto:
La zona dove è avvenuto l'incidente

CROTONE - Due operai sono morti ed un terzo è rimasto ferito in un incidente sul lavoro avvenuto questa mattina a Crotone. Le due vittime stavano lavorando per conto di una ditta e sarebbero un cittadino italiano ed un rumeno. La persona ferita si trova ricoverata in gravissime condizioni nel reparto di Rianimazione e dovrà essere sottoposto ad un delicato intervento chirurgico.

Per cause in corso di accertamento, gli operai sono rimasti schiacciati da un muro che è improvvisamente crollato. L'incidente è avvenuto in viale Magna Grecia, la strada che conduce dalla città alla zona archeologica.

LE REAZIONI: I SINDACATI PROTESTANO

Le vittime sono Giuseppe Greco, 51 anni, di Isola Capo Rizzuto, e Petru Chiriac, 35 anni, di origine rumena ma residente a Rocca di Neto. Il ferito, M.D.M, di 56 anni, di Isola Capo Rizzuto, ha subito la frattura del bacino ed è stato trasferito nell’ospedale di Catanzaro.

La tragedia è avvenuta in un cantiere per alcuni lavori pubblici, di competenza del Comune, e necessari per ampliare il tratto di strada che costeggia la spiaggia di Crotone. In particolare, gli operai di una ditta di Crotone erano impegnati nell’eliminazione di alcuni vecchi manufatti, lavoro propedeutico all’ampliamento del lungomare sulla strada per Capo Colonna.

Il cantiere aveva riaperto dopo la pausa di Pasqua. I tre operai, in particolare, stavano lavorando nei pressi di un muro di contenimento che è improvvisamente crollato seppellendoli. Sul posto sono presenti il sindaco della città, Ugo Pugliese, la polizia che conduce le conduce le indagini, il medico legale e il magistrato di turno, il Pm Corvino.

Fonte: Il Quotidiano del Sud

Colpito da ramo, muore pastore

Cadavere del 53enne romeno trovato questa mattina

(ANSA) - MILANO, 31 MAR - Un pastore romeno di 53 anni è morto dopo essere stato colpito da un grosso ramo che si era staccato a causa del forte vento da un pioppo a Bosco grande, una zona fra il Sesia e la Cascina Rotto a Rosasco, in provincia di Pavia.
La morte risale a ieri sera ma il cadavere dell'uomo, che stava facendo pascolare le pecore, è stato trovato solo questa mattina. Sul posto sono arrivati vigili del fuoco, carabinieri e 118 ma il corpo del romeno era già freddo. Accanto a lui, a vegliarlo, il cane mentre le pecore si erano sparse in tutta la zona.

Fonte: ANSA

Compra online telefono inesistente: rumeno truffato da italiano

CRONACA Sesto
30 marzo 2018

Ha fatto un bonifico da 300 euro per l'acquisto di un Samsung S8 mai arrivato. Venditore denunciato dai Carabinieri

Compra online telefono inesistente: rumeno truffato da italiano. Ha fatto un bonifico da 300 euro per l’acquisto di un Samsung S8 mai arrivato. Venditore denunciato dai Carabinieri.

Compra online telefono inesistente
La vicenda ha visto come parte lesa un 20enne di nazionalità rumena residente a Cinisello Balsamo. Dopo aver risposto all’annuncio ha effettuato il pagamento. Scoprendo però che lo smartphone venduto a prezzo stracciato in realtà non esisteva. Invano ha atteso che gli venisse spedito a casa, come da accordi. Da qui la decisione di sporgere querela dai Carabinieri.

Il truffatore denunciato dai Carabinieri
A finire nei guai è stato un italiano 26enne residente a Civitanova Marche, l’autore dell’annuncio-truffa che ha incassato i 300 euro. E’ stato denunciato a piede libero.

Fonte: La Martesana

Clochard morto carbonizzato nella baracca in cui viveva

di Luca Tronchetti
03 aprile 2018

Dramma della solitudine nella zona di San Concordio dove per almeno due giorni nessuno si è accorto che dal rifugio dove viveva l’uomo usciva del fumo nero

LUCCA. Muore nella solitudine e nell’indifferenza generale. Arso vivo, probabilmente nel sonno, nel suo giaciglio all’interno della baracca in muratura scelta come ricovero per l’inverno. La tragedia si consuma probabilmente nella notte di Pasqua, ma lunedì 2 alle 20,30 a scoprire il cadavere di un clochard rumeno di 50 anni è una pattuglia dei carabinieri di San Concordio diretta dal maresciallo Vincenzo Finocchi.

Al comandante, poco prima, qualche abitante di viale San Concordio fa presente che non vede da oltre 48 ore il cinquantenne homeless che staziona al numero 607 dietro al nuovo centro Tim. Lì, passato un arco, si arriva in una corte dove in fondo c’è un campo e una piccola struttura muraria abbandonata. La casa del barbone. La pareti sono annerite e all’interno c’è ancora fumo. La scoperta dei militari è terribile: disteso in un pagliericcio c’è qualcosa che assomiglia ad un corpo. Il cadavere carbonizzato del povero mendicante. Viene informata la centrale operativa e sul posto arrivano un’ambulanza inviata dal 118 e un’autopompa dei vigili del fuoco. Emerge subito una verità innegabile: il vagabondo rumeno che viveva di elemosine, ma non faceva male ad una mosca, è morto da tempo, forse da oltre 48 ore.

Perché i pompieri non debbono spegnere alcun focolaio. Non ci sono piccoli roghi all’orizzonte. Tutto è annerito: la plastica fusa, i miseri arredi completamente bruciati. Viene avvisato il magistrato di turno e il medico legale. Nessuna traccia - all’esterno del piccolo edificio di corte - di liquido infiammabile. Segno che il fuoco assassino è stato appiccato all’interno. La posizione del cadavere e le tracce trovate dagli inquirenti fanno propendere per l’ipotesi accidentale.

Il rumeno si è addormentato con il mozzicone di sigaretta accesa tra le labbra - ne teneva diversi accanto al pagliericcio - e la cicca è finita sulle coperte prendendo fuoco lentamente. Probabile, ma sarà eventualmente l’autopsia a chiarire ogni dubbio, che la morte del clochard sia imputabile ad asfissia. Soffocato dal fumo e poi arso dalle fiamme sprigionatesi rapidamente tra coperte e materasso. Al momento non sono stati rinvenuti documenti all’interno della casetta in mattoni, ma tutti gli indizi portano a quel barbone con lo sguardo assente che chiedeva l’elemosina e raccoglieva le cicche per terra. A volte qualcuno gli portava del cibo. Lui sorrideva e ringraziava.

Fonte: Il Tirreno Lucca

Clochard di 51 anni trovato morto sotto i portici

di Gianni Tacchi
01 aprile 2018
L’uomo era in via di Franco: stroncato da un malore nella notte “Adriano” era seguito dalla Caritas: «Tragedia che fa riflettere»

LIVORNO. Si faceva chiamare Adriano, dormiva sul sagrato della chiesa di piazza XX Settembre o tra le colonne del Cisternone, parlava spesso del suo vecchio lavoro di badante e non voleva essere aiutato da nessuno. «In questi casi ci scontriamo con il rispetto della libertà di ciascuno», dice suor Raffaella Spiezio, presidente della Fondazione Caritas di Livorno, con un filo di voce. L’avevamo incontrato a fine 2016, durante uno dei dieci reportage di “Notti livornesi”, il viaggio notturno del Tirreno in ogni angolo della città: “Adriano”, occhi spenti e un cartone come materasso, era sul sagrato della chiesa di San Benedetto di piazza XX e ci raccontò le sue peripezie. Se n’è andato nella notte tra venerdì e ieri, una notte infernale passata sotto i portici di via di Franco - in pieno centro - insieme a un altro clochard. «Sul corpo non ci sono segni di violenza», spiegano i carabinieri dopo l’arrivo dei soccorritori e del medico legale, dunque a stroncarlo sarebbe stato un malore improvviso.

“Adriano” in realtà si chiamava Duduman Dumitru, era rumeno, aveva 51 anni e da almeno tre viveva in strada. Moglie e figlio in Italia, madre e fratello in Romania. Il 51enne era arrivato a Livorno alcuni anni fa, lavorando come badante e occupandosi in particolare di un anziano che viveva in un appartamento di piazza XX Settembre, dove risulta ancora residente: alla morte dell’uomo, Dumitru si ritrovò senza lavoro, senza soldi e senza un modo per mantenersi, così prese alcune coperte e finì sul sagrato della chiesa di San Benedetto. «Ultimamente dormiva spesso al Cisternone - spiegano dalla Caritas - mentre di giorno si poteva incontrare soprattutto in Venezia, tra piazza del Luogo Pio, gli scali Rosciano e via della Venezia. Era seguito anche dalla comunità di Sant’Egidio e dalla parrocchia di San Matteo».

A lanciare l’allarme in via di Franco è stato un passante, che ha visto il clochard rumeno per terra e ha chiamato i soccorsi intorno alle 6,45 di ieri, ma il cuore di “Adriano” aveva smesso di battere già da qualche ora. «Lo conoscevamo da circa tre anni - ricorda suor Raffaella - gli portavamo le coperte e qualcosa da mangiare almeno quattro volte a settimana, quasi sempre al Cisternone, ma purtroppo rifiutava di venire alla Caritas per una doccia o un pasto caldo. È rimasto in strada anche durante l’emergenza freddo di qualche settimana fa, nonostante la disponibilità di un posto letto sia al dormitorio comunale che alla Misericordia. In questi anni abbiamo ricevuto tante, tantissime segnalazioni su di lui: sicuramente è un dramma che fa riflettere, tra l’altro alle porte di Pasqua». E la Caritas si è già attivata per i funerali. «Intanto è stata avvisata la famiglia in Romania - chiude suor Raffaella - ma noi ci siamo per qualsiasi necessità. Dobbiamo dare una degna sepoltura a un uomo che ha vissuto in mezzo a tante difficoltà».

Fonte: Il Tirreno Livorno

venerdì 30 marzo 2018

Felice Pasqua!


Torino: Depositata in Comune la prima "interpellanza del cittadino"


POLITICA
GIOVEDÌ 22 MARZO 2018

A presentarla, un diciannovenne torinese di origine romena. L'argomento: il piano di eliminazione delle barriere architettoniche

La prima Interpellanza del cittadino sta per arrivare in Sala Rossa. A presentarla è stato il signor Emanuel Cosmin Stoica, un giovane torinese di origine romena, classe 1999. Argomento dell’interpellanza, lo stato di redazione e attuazione del piano di eliminazione delle barriere architettoniche.

Il presidente del Consiglio comunale Fabio Versaci ha espresso il proprio "compiacimento per la giovanissima età del cittadino proponente, che con la sua interpellanza ha di fatto inaugurato il nuovo strumento di partecipazione, introdotto soltanto il 26 febbraio scorso da una deliberazione consiliare. L’interpellanza del signor Stoica – ha aggiunto il presidente - sarà discussa in una delle prossime riunioni dell’assemblea elettiva di Palazzo Civico".

c.s.

Fonte: TorinOggi

Asociatia Romanilor din Italia continua ciclul de actiuni umanitare “SOS Romania”


Joi, 22 martie 2018 - Asociatia Romanilor din Italia (ARI) in colaborare cu partenerii sai privilegiati CCIRO Italia, Absolut TV si Salvamamme au continuat calendarul de actiuni initiat in urma cu multi ani, “SOS Romania”, program prin care sunt distribuite cantitati importante de ajutoare, bunuri pentru copii si pentru adulti. Pentru o zi, Fabiora Ionescu, Ludmila Sfirloaga si Ardeleanu Georgiana de la Consiliul Judetean Prahova impreuna cu Corneliu Ioan Dinu - vicepresedinte CCIRO Italia si jurnalistul Vlad Ionescu au fost volunatari ai Asociatiei Romanilor din Italia.

“Prin actiunea intreprinsa in preajma Sfintelor Sarbatori Pascale la Centrul After School “Flori de Migdal” din Gura Vadului, judetul Prahova, actiune care va fi inclusa in calendarul evenimentelor dedicate Centenarului Marii Uniri, am descoperit o comunitate puternica pastorita de primarul Lungu Constantin. Beneficiarii acestei actiuni au fost aproximativ 75 de copii si tot atatia adulti. Intrucat vremea instabila si anevoioasa din aceste zile nu a mai permis reprezentantilor ARI sa continue aceste actiuni, domnul primar Lungu, un om de buna credinta, a acceptat sa devina voluntar ARI pentru inca cateva zile urmand sa mearga cu bunuri (imbracaminte donata de ARI) in centrele de batrani din judetele Prahova si Buzau. Prin aceste actiuni, ne propunem in anul Centenarului sa intarim sentimentul de solidarietate intre romanii plecati si cei ramasi acasa. Multumesc celor care au facut posibila realizarea acestei actiuni, prin implicarea lor, in special domnului Teodor Blendea, roman de succes in Italia care a sustinut partial logistica evenimentului. Multumesc domnului primar Lungu si il asigur pe aceasta cale ca ne vom intoarce in comuna Gura Vadului si cu alte proiecte de anvergura” a declarat Eugen Terteleac, presedintele Asociatiei Romanilor din Italia.

Video - reportaj: https://www.youtube.com/watch?v=sgjIzxKgDyE

Biroul de comunicare ARI

Associazione dei Romeni in Italia
Via del Fringuello, 50 A, Roma
Tel. / Fax. +39 06263162
www.associazionedeiromeni.it

Cosenza: Il Console rumeno Tanase in visita alla Questura e in Prefettura


COSENZA – 29 mar. - Nella tarda mattinata di ieri il Console generale di Romania, Lucretia Tanase, accompagnata dal Console Dan Stefanesa, del Consolato Generale di Romania in Italia con sede a Bari, si è recata in visita alla Questura di Cosenza. Accolta dal Questore della Provincia di Cosenza, Giancarlo Conticchio, ha incontrato una numerosa rappresentanza di dirigenti, funzionari e personale della Polizia di Stato in servizio alla Questura. Durante l'incontro si sono consolidati i già ottimi rapporti di "amicizia" tra la Polizia di Stato e la Romania.

Rapporti indispensabili tenuto conto della nutrita comunità di rumeni residenti nella provincia di Cosenza. La Provincia di Cosenza da sempre risulta essere meta di molti migranti provenienti dalla Romania, che, come è stato ribadito durante l'incontro, è un paese appartenente all'Unione europea, con libera circolazione delle persone e delle merci. L'incontro, svoltosi in un clima sereno, si è concluso con l’assicurazione sia da parte del Questore che del Console Generale di Romania di continuare a mantenere reciproci rapporti di collaborazione.

LA VISITA IN PREFETTURA

Il Prefetto Gianfranco Tomao ha ricevuto ieri mattina in Prefettura il Console Generale di Romania, Lucretia Tanase accompagnato dal Console Dan Stefanesa. Il Console Tanase ha riferito al Prefetto Tomao che il Consolato Generale di Romania a Bari, operativo dal 1 ottobre 2017, è il primo Ufficio consolare di carriera della Romania nelle regioni del Mezzogiorno e nel corso dell’incontro sono stati affrontati i temi di maggiore attualità che interessano la comunità romena presente sul territorio cosentino. Il Prefetto ha sottolineato la forte coesione che anima i rapporti tra tutte le Istituzioni, un elemento ritenuto fondamentale per raggiungere i migliori risultati nella crescita e nello sviluppo locale anche in riferimento ad una sempre maggiore integrazione dei romeni che vivono e lavorano nel territorio provinciale nel rispetto della conservazione della loro identità culturale.

Fonte: MioComune.it

Sanremo: mercoledì scorso all'Istituto Comprensivo Centro Levante la 'Giornata della Poesia'

SANREMO OSPEDALETTI
SABATO 24 MARZO 2018

Il tema di quest'anno, "Poetry from the world and countries", ha permesso ai molti bambini e ragazzi di altra nazionalità di far sentire poesie in lingua originale...inglese, francese, spagnolo, portoghese, ucraino, russo, rumeno, arabo, senegalese, albanese, cinese, bengalese, tahilandese.

Mercoledì 21 marzo, mentre un vento gelido spazzava la Riviera di Ponente, alla scuola primaria A.Volta, dell’IC Centro Levante spiravano venti... poetici! Ebbene sì, per la quinta volta consecutiva gli alunni delle 16 classi di scuola primaria e due di scuola secondaria di 1° grado hanno festeggiato la Giornata Mondiale della Poesia, promossa dall'UNESCO cimentandosi per tutta la giornata in serratissimi reading poetici che hanno visto alternarsi grandi e piccoli, alunni, insegnanti, genitori, nonni.

Il tema di quest'anno, "Poetry from the world and countries", ha permesso ai molti bambini e ragazzi di altra nazionalità di far sentire poesie in lingua originale...inglese, francese, spagnolo, portoghese, ucraino, russo, rumeno, arabo, senegalese, albanese, cinese, bengalese, tahilandese. Anche i diversi dialetti italiani hanno però avuto la loro vetrina... non poteva mancare "u nostru giargun", il sanremasco, ma anche poesie in siciliano, calabrese, abruzzese, napoletano hanno avuto i loro spazi. Vari i temi, declamati nelle varie lingue e dialetti: l'amicizia, l'amore, la famiglia, la patria, la primavera, la pace, la bellezza della vita, l'uguaglianza, l'accoglienza, i girotondo nelle varie culture del mondo.

Le due classi di scuola secondaria di 1° grado, la 3B e la 1B, con le loro docenti, le professoresse Ornella Massa e Stefania Manelli hanno deliziato l'uditorio con poesie di Prévert e haiku (brevi componimenti giapponesi) scritti dai ragazzi sulle stagioni ma anche sulle tradizioni e i luoghi cari ai sanremesi. Sempre in primo piano l'impegno degli insegnanti per la buona riuscita dell'iniziativa e quindi non possiamo che ringraziare le già citate Ornella Massa e Stefania Manelli, Carmen Genovese, Daniela Messina, Cinzia Randazzo, Alda Occelli, Katya Pomellati, Giuliana Manca, Antonella Ragonese, Mariangela Scazza, Silvia Peluffo, Margherita Orengo, Lucrezia Colaianni, Roberta Foglia, Floriana Lombardo, Patrizia Murineddu.

Fonte: Sanremo News

Prato: In pieno Macrolotto Zero nascerà la chiesa ortodossa: via libera al progetto

TOSCANA - 27/03/2018 - Sarà realizzata al posto di una vecchia fabbrica in via Berruti e verrà intitolata a Sant'Anastasia Megalomartire. Nel progetto anche una zona verde e una piazzetta ad uso pubblico.

Al posto di una vecchia fabbrica in via Berrutti, in pieno Macrolotto Zero, nascerà la chiesa ortodossa rumena. Il progetto è stato approvato all’unanimità dalla commissione 4 Urbanistica del Comune, ora si aspetta la presentazione dell'elaborato definitivo e l’approvazione in consiglio comunale. Tempi comunque brevi, probabilmente entro la fine di maggio, per trasformare il vecchio edificio, ormai pericolante e senza tetto, in un complesso religioso con un’aula del catechismo, una per le attività sociali e una chiesa. All’esterno, invece, è prevista la realizzazione di una zona verde e una piazzetta ad uso pubblico. La chiesa sarà dedicata a Sant'Anastasia Megalomartire ed è stata voluta dalla comunità rumena. L’edificio si trova proprio dietro alla ex Valore e il via libero della commissione permetterà una riqualificazione dell’area. “L’approvazione – spiega il presidente Massimo Carlesi – è stata all’unanimità è un progetto che rivalorizza una parte di Prato particolarmente in degrado, piuttosto che appartamenti in strutture alte 22 metri è meglio avere la chiesa ortodossa che sicuramente porterà molte persone nel macrolotto zero, inoltre l'edificio è pericolante, questa soluzione è quindi ottimale”. alessandra agrati

Fonte: Toscana TV

"Un tè al Museo", un'occasione per i nuovi cittadini del Valdarno

SAN GIOVANNI
20.03.2018
di Monica Campani
Da marzo a dicembre il sistema museale del Valdarno si apre alle comunità presenti nel territorio

"Un tè al Museo", un'occasione per i nuovi cittadini del Valdarno

"Un tè al Museo": un nome simbolico per un momento in cui il sistema museale del Valdarno apre le porte da marzo a dicembre alle varie comunità presenti nel territorio. I musei si offrono al pubblico con le loro peculiarità, con le loro collezioni, con la loro storia per intrecciarsi con il rito sociale più semplice e diffuso nel mondo, bere un tè.

L'Associazione Bangladesh del Valdarno, il Centro Culturale Islamico del Valdarno, l'Indian Community Association, le Comunità Africane (Burkina Faso, Congo, Costa d'Avorio, Senegal, Nigeria), la Comunità Rumena della Chiesa Ortodossa del Valdarno, l'Associazione Dominicana "Salome Urena del Valdarno", la Comunità Albanese del Valdarno potranno visitare il Museo Terre Nuove, Casa Masaccio e il Museo della Basilica di San Giovanni Valdarno, il Museo Paleontologico e Cassero per la scultura di Montevarchi, il Museo MINE di Cavriglia, il Museo Venturino Venturi di Loro Ciuffenna.

Lo scopo è quello di far conoscere da vicino a questi cittadini la storia, l'arte e la cultura delle città nelle quali risiedono e lavorano. "Durante gli incontri i nuovi cittadini potranno accedere nei musei senza il timore di non comprendere bene la lingua italiana o di non sentirsi all’altezza, poiché il dialogo sarà alla pari: essi potranno trovare nella cultura nuovi spunti per vivere con maggiore agio e consapevolezza la propria realtà quotidiana e viceversa i musei troveranno in loro nuovi sguardi sul loro patrimonio".

Il programma, nato nel 2017, tra marzo e dicembre 2018 vede il coinvolgimento di otto comunità straniere per un ciclo di appuntamenti in tutti i musei del Sistema del Valdarno che inizieranno alle 15.30.

Maurizio Viligiardi, sindaco di San Giovanni: "L'attività del sistema museale del Valdarno cerca di coinvolgere questi nuovi cittadini nella conoscenza dei nostri Musei, nella storia della nostra città e del territorio. Credo sia un bell'esempio di integrazione: far parte di una comunità è anche conoscerne la storia, le tradizioni, l'arte".

Valentina Zucchi, direttore Museo delle Terre Nuove: "L'attenzione viene incentrata su ogni tipologia di pubblico. Abbiamo intrapreso la strada della sperimentazione avviata nel 2017 e la riproponiamo con un ciclo di appuntamenti che invitano i nuovi cittadini a visitare i musei, nuove occasione di incontro, di dialogo e di confronto".

Sabato 24 marzo: Cassero per la scultura (Montevarchi) e Associazione Bangladesh del Valdarno, sabato 21 aprile: Casa Masaccio (San Giovanni Valdarno) e Comunità Albanese del Valdarno, sabato 19 maggio: Museo Venturino Venturi (Loro Ciuffenna) e Indian Community Association, sabato 16 giugno: Museo Paleontologico (Montevarchi) e Comunità dell'Africa (Burkina Faso, Congo, Costa d'Avorio, Senegal, Nigeria), sabato 15 settembre: Museo della Basilica (San Giovanni Valdarno) e Comunità Rumena della Chiesa Ortodossa del Valdarno, sabato 20 ottobre: Museo MINE (Cavriglia) e Centro Culturale Islamico del Valdarno, sabato 17 novembre: Museo Terre Nuove (San Giovanni Valdarno) e Associazione Dominicana "Salome Urena del Valdarno", sabato 15 dicembre: Cassero per la scultura (Montevarchi) e Centro Culturale Islamico del Valdarno.

Paolo Martinino

Fonte:ValdarnoPost

Romania: governo adotta decreto su istituzione Commissione per adozione euro

Bucarest, 22 mar - (Agenzia Nova) - Il governo romeno ha adottato un decreto legislativo che prevede l'istituzione di una Commissione per l'applicazione del piano nazionale valido all'adozione dell'euro, la moneta unica europea. Lo ha annunciato lo stesso esecutivo con un comunicato. La Commissione preparerà il calendario di ingresso della Romania nel meccanismo di monitoraggio e adozione dell'euro, nonchè le azioni necessarie per la preparazione delle condizioni economiche. "Entro il 15 novembre, la Commissione dovrebbe presentare, il calendario di passaggio all'Euro e il piano nazionale di adozione della moneta unica. Nella Commissione saranno rappresentate, tra l'altro, istituzioni pubbliche, la presidenza, la Banca centrale, le Confederazioni imprenditoriali e sindacali e organizzazioni non-governative. La Commissione sarà guidata da due copresidenti - premier e presidente dell'Accademia romena, e due vicepresidenti – il governatore della Banca centrale e un vicepremier", informa l'esecutivo di Bucarest. (Rob)

Fonte: Agenzia Nova

Daniela, c’è la svolta: rintracciato un cugino dell’infermiera rumena morta a Cagliari

La nostra notizia di Daniela Ungurasu, 44enne senza neanche un parente in Romania, diventa internazionale e viene letta da un cugino che lavora in Inghilterra. La donna può essere seppellita nel suo Paese di nascita, accanto alla mamma morta da qualche anno. La gioia di colleghi e amici.

 di Paolo Rapeanu 23 marzo 2018

Daniela Ungurasu sta per “riabbracciare” sua mamma: il suo corpo, infatti, verrà seppellito accanto a chi le ha donato la vita il 10 novembre 1973 a Moinesti, portandola sin da piccola a vivere a Bucarest. Si conclude in un modo bellissimo il giallo della 44enne, arrivata in Sardegna dieci anni fa e morta il 17 dicembre scorso a Cagliari. In tanti si erano prodigati per rintracciare i suoi parenti, ma dall’ambasciata della Romania in Italia era arrivata una doccia fredda: “Nessun parente trovato all’indirizzo di domicilio in Romania”. La sua storia, raccontata da Cagliari Online, è stata letta e condivisa da decine di migliaia di persone. Ed è finita anche sotto gli occhi di un cugino di primo grado dell’infermiera scomparsa tre mesi fa, Cristian Savu. È lui a essersi messo in contatto con Gina Rotarescu, 44 anni, infermiera e membro della parrocchia rumena cagliaritana alla Marina, che aveva attivato una carta PayPal per raccogliere i soldi necessari al funerale e alla sepoltura della Ungurasu.
“Sembra un film, mi ha contattato un cugino di Daniela, dicendomi di aver saputo della morte della parente anche grazie a voi di Cagliari Online. Mi ha detto che non avevano più sue notizie da gennaio, anche perché, lavorando in posti lontanissimi tra loro, si sentivano molto poco”, racconta la Rotarescu, “ho anche saputo che c’è un altro cugino di Daniela, che vive a Bucarest e che controlla e paga le varie spese della casa, oggi disabitata, nella quale aveva vissuto insieme alla mamma, scomparsa qualche anno fa. Sabato 24 marzo alle 13 faremo comunque la messa per Daniela al cimitero di San Michele, per salutarla per l’ultima volta”. Poi, molto probabilmente la bara nella quale “riposa” l’infermiera 44enne verrà trasportata, a bordo di un aereo, a Bucarest. E Daniela e sua mamma potranno così “incontrarsi” un’altra volta, l’ultima per entrambe. Molto felice per gli sviluppi anche Carlo Pirarba, 53 anni, infermiere e tesoriere dell’Ordine professionale degli infermieri della provincia di Cagliari: “Sono contento che Daniela abbia, in qualche modo, ritrovato la sua famiglia. Noi pagheremo solo le spese dell’agenzia funebre, il cugino ha detto che intende far fronte a tutte le altre spese”.
Ultima modifica: 24 marzo 2018

Fonte: Cagliari Casteddu Online


Leggi anche:
Daniela, infermiera rumena morta a Cagliari. Senza parenti, i colleghi: “Le paghiamo il funerale”