La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

martedì 13 novembre 2018

Actrița Maia Morgenstern în dialog cu comunitatea românească de la Roma


» Evenimente › Film › Actrița Maia Morgenstern în dialog cu comunitatea românească de la Roma
16 noiembrie 2018 - 18 noiembrie 2018
ACTRIȚA MAIA MORGENSTERN ÎN DIALOG CU COMUNITATEA ROMÂNEASCĂ DE LA ROMA CU OCAZIA CENTENARULUI MARII UNIRI

În perioada 16-18 noiembrie 2018, la invitația Accademia di Romania in Roma, actrița Maia Morgenstern se va afla la Roma pentru a avea un dialog cu comunitatea românească din Roma și Regiunea Lazio cu ocazia marcării Centenarului Marii Uniri. Astfel, Accademia di Romania in Roma organizează două evenimente care o vor avea ca invitată specială pe actrița Maia Morgenstern. Evenimentele vor avea loc după cum urmează:

Vineri, 16 noiembrie 2018, ora 19:00

Sala conferințe - Accademia di Romania (Piazza Josè de San Martin 1)

Proiecția publică în premieră a filmului de scurt metraj „Inimă albastră”

Regia: Violeta Bîrlă

Invitat special: Maia Morgenstern

În parteneriat cu:Associazione Culturale Roma & România Ro&Ro

Cu ocazia Centenarului Marii Uniri Accademia di Romania in Roma și-a propus să prezinte în premieră scurt metrajul „Inimă albastră” regizat de Violeta Bîrlă.In rolul principal pe actrița Maia Morgenstern.

Intrarea liberă.


Duminică, 18 noiembrie 2018, ora 11:00

Sala conferințe - Accademia di Romania (Piazza Josè de San Martin 1)

Lectură publică pentru copii susținută de actrița Maia Morgenstern

În parteneriat cu: Muzeul Literaturii Române din București și asociațiile românești din Roma și Regiunea Lazio.

Cu ocazia Centenarului Marii Uniri, Accademia di Romania in Roma și-a propus să aducă în atenția celor mici parte scrierile pentru copii semnate de Tudor Arghezi și Edmondo De Amicis, dar și texte din Jurnalul Reginei Maria care surprind în mod spontan momentele pregătirii și realizării Marii Uniri, din prisma uneia dintre personalitățile de prim plan ale vremii. Textelor vor fi citite publicului de actrița Maia Morgenstern, cu proiecția traducerii în limba italiană.

Intrarea liberă.

„Inimă Albastră este un film de scurt metraj realizat din dorința românilor din diaspora, care spune pe scurt o poveste asemănătoare cu a multor mii de români emigrați în Italia.

Din declarațiile regizoarei: „Este vorba despre o mamă care își creste singură cei doi copii si la un moment dat neajunsurile materiale o constrâng să aleagă soluția de a pleca în lume să-și caute de lucru pentru a le oferi copiilor săi un trai mai bun. Mă veți întreba cu siguranță de ce am ales această poveste. Iar eu vă voi răspunde că aceasta este povestea miilor de mame plecate in lume pentru copiii lor. Din nefericire așa este si povestea protagonistei noastre, care a ales calea străinătății cu durere in suflet. In acest film vom vedea o poveste in care ne vom regăsi cu toții: doi copii care se topesc de dorul mamei, bunicii care încearcă sa acopere rolul de părinți si Laura care, printre străini, își vede in copiii altora proprii săi fii. Este un sentiment profund si din păcate o tristă realitate cu care ne confruntăm, astăzi ca și ieri. Intenția acestui film este de a sensibiliza prin mesajul său atât părinții, cât și copiii. Tocmai de aceea, va avea un final fericit. Pentru mama care a fost absentă în anii copilăriei și creșterii fiilor ei, rămâne, însă, un sentiment de durere, dar și de fericire și împlinire, văzând ca toate sacrificiile sale nu au fost în zadar.”

Maia Morgenstern, actriță româncă de origine evreiască, s-a născut la data de 1 mai 1962 la București. Debutul în cinematografie s-a produs în anul 1983, cu filmul Prea cald pentru luna mai, în regia Mariei Callas Dinescu. Numele său Morgenstern în traducere liberă înseamnă "Steaua de dimineață", iar în germană e vorba de Luceafărul de dimineață, acesta fiind și un alt nume dat Fecioarei Maria, Maicii Domnului. Faima i-a fost adusă de filmul Balanța, realizat de Lucian Pintilie, cu care a venit și notorietatea internațională, actrița fiind astfel declarată "Steaua de mâine", obținând totodată și prestigioasa distincție a Academiei Europene de Film - Premiul Felix. A studiat la Academia de Teatru și Film din București între 1981 și 1985, după care a jucat și la Teatrul Tineretului din Piatra Neamț între anii 1985 și 1988. Au urmat doi ani la Teatrul Evreiesc de Stat și din 1990, când a plecat de acolo, până în prezent a jucat la Teatrul Național din București. A jucat în numeroase filme românești și străine, fiind una dintre puținele actrițele românce care a reușit să pătrundă în cinematografia străină. Dintre filmele sale cele mai importante sunt: Balanța – Lucian Pintilie, 1992; Trahir– Radu Mihaileanu, 1993; Privirea lui Ulise – Theo Anghelopoulos, 1995; A șaptea cameră –Marta Mészaros, 1995; Omul zilei – 1997; Patul lui Procust 2001; The Passion of Christ –Mel Gibson, 2004; Orient Expres – 2004; Mar Nero– Federico Bondi, 2008, etc. Pentru rolurile sale din teatru și cinematografie a primit numeroase distincții la nivel național și european.

Violeta Bîrlă, regizor și scenarist, este rezidentă în Italia de peste 15 ani. În luna aprilie a acestui an a terminat filmările la cel de-al patrulea ei scurt metraj, „Inimă albastră”. În noua producție, rolul principal i-a revenit actriței Maia Morgenstern, care a acceptat cu plăcere invitația regizoarei.Viața ei a fost presărată cu necazuri, greutăți și poate fi oricând subiectul unui film. De altfel, intenționează chiar să se inspire din autobiografie pentru o viitoare producție cinematografică.

Abandonată în România, de părinți, la casa de copii de la Dumitrești, Vrancea, Violeta Bîrlă a reușit să-și depășească condiția. A reușit să evite orice statut degradant, să emigreze în Italia și, după mai multe piedici, să urmeze şi să absolve cursurile de cinematografie de la Cinecittà, Roma. De la absolvire, vrânceanca a realizat 3 filme, toate sociale, cel mai recent, „La Perla”, fiind dedicat copiilor abandonați.Violeta a ajuns la Roma, unde s-a înscris la cursurile de actorie de la Accademia del Cinema, pe care a absolvit-o, într-o grupă de 22 de studenți aleși din 1.600 de candidați. A mai făcut cursuri de actorie la „Clesis Arte – La scuola din Carlo Merlo” și la „Accademia della Comunicazione e dello Spettacolo di Stefano Jurgens”.

Accademia di Romania in Roma

sabato 10 novembre 2018

Poetic invasion. Dal 19 al 23 novembre workshop sulla musica rumena a Montegranaro

Il Comune di Montegranaro è project leader di Poetic Invasion, un progetto cofinanziato dalla Comunità Europea nell’ambito di Cultura Creativa, realizzato insieme a OpenStreet aisbl (Bruxelles), La Strada (Brema) e Teatrul National Radu Stanca di Sibiu (Romania) consistente in flash mob, workshops, vetrine e rassegne.

Poetic invasion. Dal 19 al 23 novembre workshop sulla musica rumena a Montegranaro
Poetic Invasion intende utilizzare le competenze, le abilità artistiche delle arti di strada al fine di sviluppare percorsi innovativi, coinvolgendo personaggi artistici eterogenei, in grado di promuovere al pubblico delle arti di strada il godimento di espressioni artistiche più colte, in una forma che le renda più popolari. Tessendo la ricerca di queste creatività, insieme alle attività artistiche più tradizionali, il progetto cercherà di creare nuovi modelli espressivi che hanno gli elementi chiave nelle attività urbane e nel coinvolgimento attivo del pubblico.

In tal senso, dopo aver realizzato con successo, nello scorso mese di maggio, il flash mob sulla Taraf Urbana, si terrà dal 19 al 23 novembre, al Teatro La Perla di Montegranaro, un workshop gratuito sulla musica rumena dal titolo “Vibrazioni Empatiche”, tenuto da Aurel Ionita.

Il corso (tenuto in inglese e francese) sarà articolato in una prima fase con alcuni test, audit, lezioni di armonia, insegnamento orale, interpretazione di stile. La fase di "insegnamento" sarà rigorosamente in "stile tzigano": nessuna musica scritta, solo ascolto e riproduzione, segreti orali, trucchi e suggerimenti, e provare, e riprovare fino al risultato finale insieme. Alla fine del corso i partecipanti avranno imparato 3-4 brani tzigani. A conclusione verrà eseguito a Montegranaro un concerto pubblico di circa 30 minuti.

È essenziale arrivare con il proprio strumento: violino, chitarra, contrabbasso, percussioni e fiati (trombone, tromba, sassofono, clarinetto,ecc.), fisarmoniche di vario tipo.

L’iscrizione al corso dovrà essere fatta online al link http://www.poeticinvasion.eu/empathic-vibration-workshop/. Il numero massimo di partecipanti è fissato a 24 (ulteriori registrazioni dopo questo limite saranno soggette a valutazione). L'orario (pomeridiano o serale) verrà stabilito insieme agli iscritti.

Fonte: Informazione.tv

Violeta, 32 anni, mamma di tre figli arsa viva dal compagno italiano. Il femminicidio di cui non si parla

LA STORIA
Violeta, 32 anni, mamma di tre figli arsa viva dal compagno italiano. Il femminicidio di cui non si parla

Annalisa Grandi

Violeta aveva 32 anni e tre figli. Era romena. Era, perché sabato scorso Violeta è morta. Arsa viva dal compagno italiano, che è uscito di casa per andare a comprare due taniche di benzina e darle fuoco. Violeta è morta all’ospedale Cardarelli di Napoli dopo quasi venti ore di agonia. Su Twitter, la rabbia e il dolore per l’ennesimo femminicidio, e per il silenzio che ha circondato la morte di Violeta.

Violeta con il compagno e i figli Violeta con il compagno e i figli

«Si chiamava Violeta Senchiu. Era rumena. Aveva 32 anni. Aveva anche tre figli. Il suo compagno, un italiano, sì, un italiano, di quelli che vengono prima, le ha dato fuoco, arsa viva con tre taniche di benzina. È morta dopo ore di indicibile sofferenza. È successo sabato. Niente articoli e inchieste sui giornali. Nessuna troupe televisiva che si aggira a Sala Consilina, dove è accaduto l’omicidio. Nessun fiore portato da nessun ministro. Nessun tweet. Nessun corteo di Forza Nuova» è il post che rimbalza sui social. Tantissime le condivisioni, tantissimi i commenti. Tra chi si domanda perché, questa morte sia passata sotto silenzio o quasi. E chi chiede che qualche esponente delle istituzioni intervenga.

Violeta aveva 32 anni, era madre di tre figli e viveva a Sala Consilina, in provincia di Salerno, con il compagno, il 48enne Gimino Chirichella, già noto alle forze dell’ordine. Sabato, forse al culmine di un’ennesima lite, lui è uscito, è andato a un distributore di benzina, ha riempito due taniche, poi è tornato a casa e ha dato fuoco all’appartamento, con Violeta dentro. Lei è morta quasi 20 ore dopo, a cause delle ustioni riportate sul 95% del corpo. Un calvario durato quasi un giorno. «Violeta scusaci, abbiamo fallito, non abbiamo ascoltato le tue grida» si legge nel post pubblicato su Facebook dalla Consulta delle Amministratrici del Vallo di Diano e Tanagro. Il 48enne è stato arrestato, accusato di omicidio pluriaggravato (per futili motivi, crudeltà e premeditazione). E se nulla potrà restituire Violeta ai suoi figli, se nulla potrà ridarle la vita, in Rete risuona il nome di questa 32enne rumena. Uccisa dal compagno italiano. Perché i femminicidi non hanno nazionalità.

8 novembre 2018

Fonte: Corriere della Sera


Leggi anche:
Salerno arsa viva dal compagno, ultime parole mentre agonizzava: “Prenditi cura dei miei figli”
Uccisa dal compagno, la comunità rumena avvia una raccolta per i funerali di Violeta
Colletta tra rumeni per organizzare il funerale di Violeta
Dà fuoco alla casa dell'ex, la donna muore dopo 20 ore di agonia
Sala Consilina, fa esplodere l'appartamento e uccide la convivente

Rassegna stampa - ottobre in breve

Chiese e comunità religiose
Prima cappella ortodossa al cimitero di Torino: unica in tutta Italia!

Diocesi: Perugia, costituita la comunità di fedeli romeni di rito cattolico bizantino

Festa per la fine dei lavori di restauro della Chiesa del Cristo.
Reggio Emilia, Chiesa del Cristo restaurata. Le foto

A Siracusa il raduno delle parrocchie ortodosse rumene di Sicilia. Ieri sera all’Arcivescovado

Parte progetto “La Scuola Romena di Lamezia” nella parrocchia Ortodossa

Moschea nella chiesa ortodossa di Bergamo
Chiesa ai musulmani: interviene il governatore Attilio Fontana
Libertà e luoghi di culto nella giornata del dialogo islamo-cristiano
Ex Riuniti, i fedeli ortodossi sulla chiesa-«Come casa nostra, non si può vendere»
Bergamo. La Regione Lombardia: «La chiesa non diventerà moschea, abbiamo prelazione»
Chiesa di Bergamo venduta all'asta, sarà una moschea
All'asta la chiesa degli ex Riuniti, comunità ortodossa in subbuglio - Bergamo

Visita di Iohannis in Italia - rapporti bilaterali Italia-Romania
I ragazzi della Melone di Ladispoli incontrano il presidente della Romania
Romania-Italia: ministro Savona partecipa a conferenza su politica di coesione a Bucarest
Romania-Italia: presidente Camera Dragnea ha chiesto a Salvini di garantire sicurezza comunità romena in Italia
Italia-Romania: Mattarella, legame molto profondo
Italia-Romania: 2018 anno record per interscambio
Roma, il presidente romeno Iohannis “accende” la Colonna traiana
Boccia: “Grande potenziale collaborazione imprese Italia-Romania
Diaspora, imprenditori e Europa per la visita di Iohannis a Roma
Roma in tilt, c'è il presidente romeno: chiusa piazza Venezia, traffico impazzito
Italia-Romania: 2018 anno record per interscambio
Il presidente romeno Iohannis: «Più rapporti d’affari con l’Italia»
Presidente Romania Iohannis in Italia dal 14 al 17 ottobre

Referendum contro l'omofobia, un flop
Luciano Masolini : L’omofobia sconfitta per referendum
Referendum contro i matrimoni gay in Romania: un completo flop
Romania: Fallito il referendum contro i matrimoni omosessuali
Romania, bocciato il referendum anti-gay. I rumeni non si sono fatti ingannare dall’omofobia
Romania e famiglia tradizionale: flop referendario
Romania, il referendum anti-gay non ha il quorum: la Costituzione resta com’è. Ha votato il 20,4 per cento degli elettori

I premi Propatria 2018 a genetista Branzei e violinsta Bescheriu

Questore ringrazia romeno ferito - Puglia
Romeno salva i poliziotti e resta ferito: il Questore lancia un appello per trovargli lavoro
Vuole colpire gli agenti con una pietra, rumeno lo blocca e si ferisce

A Bucarest "Uomini e Robot nell'era dell'industria intelligente"

39mila migranti regolari nei campi, al top Foggia e Bari. Coldiretti: “Nazionalità più presente è quella rumena”

Stranieri in Lombardia e a Milano, i dati sui residenti nel 2017. „Immigrazione in Lombardia, quasi 4 stranieri su 10 vivono in provincia di Milano“

Cerca rifugio tra i cassonetti e mangia gli avanzi della spazzatura

Corso gratuito di lingua, cultura e civiltà romena per l’Anno Scolastico 2018/19

Serve piatti lucchesi, non assume rumeni

Il giro del mondo in biblioteca e a scuola. Per i bambini un 'carrello magico'

Figlio conteso da due anni: i giudici di Bucarest lo affidano al padre ciociaro

“Gli Usa mi hanno dato tanto, ma non la felicità. E nell’era della mobilità globale la vera sfida è tornare a casa”

Legnano e la Romania affratellate dal ricordo della Grande Guerra

Il dramma di quattromila docenti abilitati in Romania. Tutto è andato in fumo

La bambola che educa al rispetto delle diversità

Sono gli stessi italiani i primi a essere vittime dei razzisti

L'accesso dei lavoratori comunitari ai servizi sanitari

Ancona, primario lascia tutto alla badante per non pagare gli alimenti alla ex

Mi-e dor de tine – Perchè amo la Romania di Armando Santarelli

Sebastiano Ardita, al via il processo a Vatinno per un articolo che difendeva il popolo rumeno

Donna scomparsa nel pescarese, la 53enne di origine romena era nella sua abitazione a Cappelle sul Tavo

La Dacia speciale prodotta per Ceaușescu

Crina Popescu, poetessa, filosofo, attrice - imgpress

Roma, su via Appia il senzatetto che pulisce le aiuole: «I giardini sono nel degrado, voglio fare la città più bella»

I rumeni siamo noi | Il giornale della musica

570 anni della cittadina gemella di Târgu Frumos, presente una rappresentanza di Rignano

Reddito di cittadinanza ai residenti in Italia da 10 anni
"Reddito cittadinanza anche per stranieri comunitari" Leandro Bracco, "lo dice la UE"

Ladispoli, Agresti dopo il corso di romeno i numeri arabi

MET - Istituzioni, Rossi ha incontrato il ministro dei romeni all'estero Intotero

Sport
L’Uomo del Giorno: Christian Chivu, uno degli eroi del Triplete dell’Inter
Prima Categoria – Valledolmo, che colpo! Dalla Steaua Bucarest arriva Măcriş Junior
Romania, morto Ilie Balaci, ex allenatore e nazionale rumeno
La Torres corre ai ripari per la difesa, preso il rumeno Oproiescu ex Lanusei e San Teodoro
Radu, che numeri: con lui in campo la Lazio non prende gol

Infortuni sul lavoro
Grave un muratore rumeno 37enne caduto da un ponteggio a Torrechiara
Tragedia nel Mantovano: due morti sul lavoro nella mattinata
Montecorvino, incidente sul lavoro: 30enne rumeno in ospedale

Cronaca
Roma, muratore romeno picchiato da sette persone perché chiede di non gettate i rifiuti nel parco
Cade dal gommone e annega, indagato l'amico
Preziosa collaborazione della Polizia: gli agenti recuperano la borsetta che una donna rumena aveva smarrito
Litigano con il titolare Rissa finisce a coltellate
Massacrato a sprangate nel camper, la procura chiede 11 anni per gli aggressori
Corigliano-Rossano, in fiamme 7 mezzi di cittadini bulgari e rumeni: guerra per i braccianti?
Massacrano un 47enne a sprangate, chiesti oltre 11 anni di condanna
Tenta suicidio impiccandosi a ringhiera scale a Catania, salvato
"Giallo" al McDonald's: il cliente ritrova il borsello ma i soldi sono spariti
Appena scarcerato si intrufola in caserma ubriaco: «Voglio dormire qui». Arrestato di nuovo
Appicca un fuoco vicino alla tendopoli in Colmata, aggredito
Aggredisce e brucia le donne a Modena, si indaga sugli omicidi del passato: «È un bravissimo ragazzo»
Sgominata banda di ladri italiani e rumeni, a capo c’era «Lo zio»
Nel potentino, anziano 89enne accusato di molestie dalla badante rumena. Assolto dal Tribunale di Potenza
Ponte Galeria, tentano di uccidersi a vicenda. Due in manette
Circolava con i freni posteriori rotti, bloccato un bus romeno
Minacce e botte a disabile, due fratelli ai “domiciliari”​
Donna carbonizzata, CC indagano anche su un delitto del 2012
Clochard aggredito a Palermo: perone e tibia fratturati
Delitto di San Donnino, preso l’assassino
Assolto, in Appello, per non aver commesso il fatto un romeno domiciliato a Rocca
Reggio Emilia: è in prognosi riservata il 35enne accoltellato in stazione
Romena uccisa e bruciata, un libro incastra il killer
Legò e sequestrò una lucciola: piacentino condannato. La difesa: «Solo un gioco erotico»
Uccise e bruciò una donna a Modena, arrestato cuoco napoletano. «Un maniaco seriale»
Tratta e commercio di schiavi bambini da avviare alla prostituzione, ricercato romeno arrestato a Policoro
Prostituta non vuol fare sesso a tre e i clienti tentano di violentarla, condannati
Capolarato, blitz dell'Arma: trovata casa "ghetto" con braccianti agricoli sfruttati
Donna prende a calci un uomo per rapinarlo
Nel Tarantino in manette due fratelli per minacce a romeno invalido
Ascoli, prostituta stuprata da albanese, panico fra le lucciole
Un'ora di bicicletta per undici di lavoro, la vita dei braccianti stranieri
Sporge denuncia di smarrimento della patente ma non l’ha mai conseguita: 22enne romeno denunciato
Giovane romeno tenta il suicidio: salvato dai carabinieri
Cadavere nel parco di Villa Ghirlanda a Cinisello Balsamo
Omicidio di Villorba, gli arrestati si difendono: "Siamo stati aggrediti e abbiamo reagito"
Rumeno ricercato in Romania scovato a Napoli
Padova, sesso selvaggio in auto nel parcheggio del cimitero. Fine oscena: la disgrazia è in agguato
Rumeno e spacciatore, a Chiaramonte Chiaramonte Gulfi
Oradea (Romania): Polizie italiana e rumena catturano pericoloso latitante italiano
Carovigno, Carabinieri: rintracciata cittadina rumena, girovagava per il centro urbano in stato confusionale
Tentata violenza su autostoppista, preso

Mattanza all'addio al celibato: muore accoltellato un 21enne, sette feriti

Rapina Lanciano, parroco Chiesa ortodossa: “Rumeno non vuol dire delinquente”
Stupra e deruba una 70enne: fermato un romeno a Milano

Incidenti stradali
Ghedi: incidente nella notte, muore il 34enne Mihai Mariuteu
Guidava ubriaco e nell’incidente morì l’amico, denunciato per omicidio stradale
Incidente mortale in Val Pusteria, auto fuori controllo esce di strada e finisce nel Rienza
Romena (54 anni) investita a Demonte: grave al Santa Croce di Cuneo per politrauma
Rientrava a casa dopo il lavoro, ​ciclista investito nel Salernitano
Viaggia a 234 km/h, causa incidente e scappa. Bimba di 5 anni perde una mano: a giudizio 23enne di Altamura
Terribile incidente stradale a Pioltello. 2 morti e un’azienda in fiamme
Incidente a Scoglitti, muore un giovane rumeno
Ragusa, incidente stradale: muore centauro romeno 42enne
Incidente mortale ad Argelato, chi era Ioan Mihalyi
Bologna: Esce di strada con l'auto, muore rumeno 33enne

Violenze in famiglia
Corsico. Violenze in famiglia, arrestato rumeno
Picchia moglie e chiude figli in casa
Omicidio Pavona, spara a ex fidanzata in strada: arrestato
Castelcovati, denunciò uno stupro inventato: rinviata a giudizio a 88 anni
Femminicidio a Santa Palomba: Maria Rusu uccisa da Costel Sbirciog
Si invaghisce della badante della moglie: 91enne condannato per stalking
Padova, psicologo indagato per violenza sessuale
Roma: ragazza uccisa dal fidanzato in strada, orrore a Santa Palomba
Milano, picchia moglie per gelosia e chiude figli in casa/ Arrestato 44enne: le violenze durate oltre 10 anni
Chieti, aggredisce col coltello la vicina di casa romena: arrestata
Verona - Accoltella la ex e si constituisce
‘Apri che ti devo ammazzare’ accoltella e rapina la dirimpettaia, vicina di casa molesta finisce in manette
Gps sotto l'auto della ex e pedinamenti, bancario piacentino arrestato per stalking
Armato, entra nel condominio della sua ex compagna: 41enne romeno arrestato per atti persecutori

venerdì 9 novembre 2018

Salonul de Desen 2018 | Expoziție de artă contemporană românească

5 noiembrie 2018 - 20 noiembrie 2018

Expoziția de artă contemporană românească
„Salonul de Desen - 2018”

Program vizite:
Sâmbătă 10 nov - 10:00 - 13:00, Luni, 12 nov - 17:00 - 20:00, Marți 13 nov - 17:00 - 20:00, Miercuri 14 nov - 17:00 - 20:00, Joi 15 nov - 17:00 - 20:00, Vineri 16 nov - 13:00 - 16:00, Sâmbătă 17 nov - 10:00 - 13:00

În perioada 5-20 noiembrie 2018, cu ocazia Centenarului Marii Uniri, Institutul Cultural Român, prin Accademia di Romania in Roma, în colaborare cu Universitatea Națională de Artă „George Enescu“ din Iași, cu sprijinul Primăriei Municipiului Iași și al Uniunii Artiștilor Plastici Iași, organizează a V-a ediție a Expoziției de artă contemporană românească „Salonul de Desen 2018” în Galeria Accademia di Romania in Roma.

Cu această ocazie, în cadrul expoziției sunt invitați atât artiști de notorietate din România, cât și tinere talente din rândul studenților și absolvenților universităților de artă din țară. Expozanții vor fi în număr de 41, fiecare participând în proiect cu câte 2 lucrări. Printre ei se numără studenți în anii terminali, tineri absolvenți ai universităților de artă, artiști cu nume de rezonanță în arta contemporană românească din țară și din diaspora.

Tema generică în jurul căreia gravitează artiștii acestei expoziții este interogarea cu privire la ce înseamnă România centenară contemporană și cum este ea privită de diverse generații de artiști, de absolvenții facultăților de artă, de artiști emigranți, de artiștii care se apropie de momentul consacrării și de cei care au deja un nume cu rezonanță în arta contemporană românească. Este un demers artistic ce ține în primul rând de experiența de viață, de sensibilitatea și trăirile interioare ale fiecăruia dintre artiști, fiind, în același timp, o celebrare a libertății de expresie câștigate cu greu spre sfârșitul acestui istoric centenar.

Proiectul își propune promovarea artei desenului dincolo de zona de nișă și repunerea desenului-idee la locul pe care și-l merită în fascinantul spectacol al artei contemporane.

Liviu ACASANDREI, Felix AFTENE, Gabriela AGAFIȚEI, Nicolae ALEXII, Anca APOSTOL, Laura BAIU, Jeno BARTOȘ, Andra BĂDULESCU VIȘNIEC, Grigore BEJENARU, Anca BOERIU, Lucian BRUMĂ, Gabriel CALOIAN, Radu CARNARIU, Francesca Andreea CICHI, Onisim COLTA, Andreea CONSTANTIN, Elena CUMPĂRATU, Ion Atanasiu DELAMARE, Raluca Ilaria DEMETRESCU, Elena DUMITRU, Dar ERCEANU, Isac GHEORGHE, Florina GUZGĂ, Andreea HOHA, Ioan IANCUȚ, Adriana LUCACIU, Carmen MASLOSKI, Ori MEIRI, Bogdan Daniel MIHAI, Ana Maria NEGARĂ, Gabriela NISTOR, Andrei Alecsandru PANTEA, Laura PARTIN, Dragoș PĂTRAȘCU, Emilia PERSU, Florin PÎNZARIU, Alexandra RUJA, Atena Elena SIMIONESCU, Joela VIȘNIEC, Oana VOICU, Geanina ZAHARIA

Curator: prof. Dragoș Pătrașcu

Accademia di Romania in Roma

Romania, una scelta strategica. Seminario a Bologna con la partecipazione dell’ambasciatore George Bolgan

8 Nov 2018

La Romania, all’incrocio di tre grandi mercati come sono l’Unione Europea, la CSI (Comunità degli Stati Indipendenti) e il Medio Oriente, si propone come partner strategico dell’Italia.

Dai primi anni ’90 e dall’ingresso nell’UE della Romania, a inizio 2007, il rapporto tra i due Paesi si è molto sviluppato. L’interscambio commerciale è arrivato a quota 14,6 miliardi nel 2017; le imprese italiane presenti in Romania sono quasi 47mila di cui circa 24 mila attive.

I romeni sono una comunità estera tra le più numerose in Italia, ben 1milione 200 mila residenti.

Numeri che danno l’idea “di una dualità di rapporti e di importanti prospettive di crescita” come ha affermato George Bologan, ambasciatore della Romania in Italia in occasione del convegno su opportunità di investimenti e strumenti di finanza agevolata che si è svolto a Bologna, organizzato dalla Camera di Commercio Italo Romena, dal Consolato Generale di Romania e da Unioncamere Emilia-Romagna, nella cui sede si è svolto con una folta partecipazione di imprenditori regionali.

L’ambasciatore Bologan, a Bologna per la fiera internazionale Eima, a cui la Romania partecipa di nuovo direttamente dopo 8 anni, ha anticipato la prossima firma di un protocollo tra i Ministeri di Agricoltura e Turismo dei due Paesi per sviluppare la collaborazione in ambito agricolo e turistico.

Il rapporto tra Emilia-Romagna e Romania è particolarmente attivo. Numerose le imprese regionali che hanno investito e aperto sedi nel paese dell’Est e la relazione è agevolata anche da voli diretti dall’aeroporto di Bologna.

“Il valore dell’interscambio commerciale – ha ricordato il segretario generale di Unioncamere Emilia-Romagna, Claudio Pasini – ha superato i 2 miliardi di euro nel 2017. La quota di export è di 909 milioni, mentre l’import ha toccato quota 1120 milioni”.

La crescita dell’ export è vivace da entrambe le direzioni (+6,3% per l’Emilia-Romagna, +19,7% per la Romania). L’Emilia-Romagna esporta soprattutto meccanica: quasi il 40% tra metalli e prodotti in metallo, macchinari e impianti. Molto forte il peso della moda che arriva al 20%. Le importazioni in Emilia-Romagna sono state costituite soprattutto da mezzi di trasporto (22%), prodotti tessili (20%), alimentare (12%) ed apparecchi elettrici (11%).

“Al di là dell’aspetto commerciale – ha evidenziato il Console Generale di Romania in Bologna, Daniela Maria Dobre – c’è una profondità di relazioni che non deriva solo da comuni radici latine, ma anche da una forte similitudine nel modo di vivere e da rapporti che risalgono a più di 100 anni”.

La Romania, che dal 1 gennaio 2019 sarà chiamata, per la prima volta, al semestre di presidenza del Consiglio dell’Unione Europea, sta vivendo un periodo di crescita: il Pil è cresciuto del 6,9% nel 2017, il più alto dell’Ue. La disoccupazione è al 4,8%, il tasso di inflazione al 2,5%. Stanno migliorando le condizioni strutturali: è al secondo posto 2°posto nell’UE per la velocità di connessione internet, bassi prezzi di gas (quarto posto nell’Ue) ed elettricità (sesto). La Romania ha registrato la più grande crescita di IDE (investimenti diretti esteri) per nuovi progetti nel 2017 rispetto al 2016 (40%). Notevoli prospettive sono offerte dai bandi legati ai fondi strutturali europei.

Numeri che secondo Walter D’Alessandro, presidente della Camera di commercio Italo Romena danno l’idea di un “Paese in crescita che attrae investitori anche grazie a una serie di fattori. Sale la domanda interna, la produzione industriale nel primo semestre 2018 è aumentata del + 5,7% rispetto al 2017, ci sono incentivi fiscali se si pensa che è al 16% l’imposta sul reddito delle società (e il Governo intende abbassarla al 14% nel 2019).

Inoltre c’è un alto livello di scolarizzazione con una quota del 19,2% dei lavoratori laureati di cui il 21% in ingegneria e il 70% della popolazione parla inglese, una forza lavoro competitiva. E’ necessario però capire che l’internazionalizzazione non deve ricondursi a una delocalizzazione, ma a investire per soddisfare anche la domanda interna”.

L’ingegner Victor Dahnovici ha portato una testimonianza sull’esperienza di SMC, azienda italiana in Romania, a conclusione del convegno a chi sono seguiti incontri di approfondimento individuali tra rappresentanti di imprese emiliano-romagnole e istituzioni romene.

Fonte: Modena2000

Torneo internazionale di scacchi isola di Capri, vince un campione rumeno

di Anna Maria Boniello

CAPRI - Scacchisti provenienti da tutto il mondo hanno preso parte alla quarta edizione del torneo internazionale di scacchi “Isola di Capri – Vladimir Lenin”. In centinaia si sono sfidati in tiratissime partite, durante la quattro-giorni della manifestazione, nel salone dell’hotel La Residenza. Presenti alcuni dei più grandi campioni internazionali, oltre a numerosi giovani emergenti. Il torneo è stato vinto dal rumeno Andrei Istratescu, che si è aggiudicato la Coppa Capri Watch. Secondo classificato e vincitore della Coppa Ettore De Nardo, dedicata al compianto avvocato presidente del tennis club Capri, l’olandese di origine russa Sergei Tiviakov. Al terzo posto, vincitore della Coppa Capri Logistica, l’ucraino Yurij Kuzubov. Quarto classificato il rumeno Mihail Marin, a cui è andato la Coppa Sergio Gargiulo. In quinta posizione, vincitore della Coppa CIL Latte Berna, il sudafricano Kenny Solomon. I premi, per le categorie open A e open B, sono stati consegnati dal sindaco di Capri Gianni De Martino e dall’imprenditore Silvio Staiano, con Capri Watch main sponsor dell’evento. Al termine della manifestazione il presidente del Club Scacchi Capri, organizzatore del torneo, Michele Sorrentino, ha ringraziato tutti coloro che hanno contribuito alla riuscita della manifestazione che ha come simbolo la foto, passata alla storia, che ritrae Lenin e Bogdanov con Gorki a far da spettatore nella storica partita a scacchi sulla terrazza di villa Blaesus, a picco su via Krupp a Capri, alla vigilia della rivoluzione bolscevica.

Giovedì 8 Novembre 2018

Fonte: Il Mattino

Spoltore: ufficiale il gemellaggio con Berca


Spoltore diventa il "ponte di fratellanza" per la numerosa comunità romena nell'area metropolitana che comprende anche Montesilvano e Pescara: domenica scorsa (4 novembre 2018) il sindaco Luciano Di Lorito e il primo cittadino di Berca, Dobriţă Ionel, hanno firmato ufficialmente i documenti di gemellaggio tra i due Comuni, alla presenza del vice console dell'ambasciata romena in Italia Ionuţ Florin Urs. Quella romena è la comunità straniera più numerosa a Spoltore. Il gemellaggio, secondo il testo firmato ieri, impegna i due comuni a "sviluppare lo scambio di esperienze culturali e religiose, al fine di costruire una più ampia “Comunità” al servizio della pace, che valorizzi le identità civiche fondate sulle tradizioni municipali di libertà ed autonomia".

Berca è sita nella parte centrale della provincia di Buzau, dista circa 130km dalla capitale Bucarest, ed ha 8672 abitanti. Il suo territorio alterna collina e pianura, con un'altitudine media di 150 metri. Berca è considerata la patria delle salsicce di Plescoi (una specialità culinaria che, come i nostri arrosticini, si basa sulla carne di pecora) ma è anche caratterizzata dai vulcani di fango ("Vulcani Noroisi") all'interno di una delle riserve naturali più interessanti in Europa. Tra le attrazioni turistiche due complessi architettonici del XVII secolo: la Fortezza di Berca ed il Monastero di Ratesti. Tra gli obiettivi del gemellaggio anche quello di "promuovere percorsi turistici e creare un network tra le nostre città al fine di potenziarne le occasioni di promozione turistica". Si vuole poi: "condividere i valori di libertà e democrazia e far incontrare i giovani delle nostre Comunità perché dalla conoscenza reciproca traggano lo spunto per l’impegno a costruire una cultura della pace e del dialogo, favorire le relazioni tra i due Comuni al fine della trasferibilità delle buone pratiche intraprese al servizio dei cittadini, delle associazioni religiose, del mondo del terzo settore, delle imprese, degli operatori culturali e non solo; favorire l’organizzazione di seminari, corsi, convegni organizzati da ognuno dei due Comuni per approfondire e consolidare il ponte tra le nostre due culture, nonché tutte le altre azioni od iniziative che i competenti Organi di ognuno dei due Comuni riterranno opportuno adottare per dare attuazione a successive progettualità. Al progetto partecipa la mediatrice culturale Daniela Fosalau, che ha messo a disposizione le sue competenze per agevolare il dialogo tra le due municipalità.

06/11/2018

Fonte: Notizie d'Abruzzo

Lamezia, festeggiato il Centenario dell’unione dello Stato romeno

Lunedì, 05 Novembre 2018

Lamezia Terme - La Comunità Romena della piana lametina e dintorni si è riunita in un grande momento di festa e di significativa importanza. “Il 4 novembre infatti, nella sala della Parrocchia Pietà, ha avuto luogo la celebrazione della Grande Unione della Romania poiché proprio nel 2018 si compiono i 100 anni dalla ricorrenza di questo evento. L’evento è stato inaugurato da un caloroso benvenuto a tutti intonando l’Inno Nazionale romeno ‘Desteaptate Romane’. A seguire un breve excursus storico su come è stata costruita la Grande Unione dei Principati di Romania e si prosegue poi l’intervento di Don Antonio Strangis: responsabile dell’ecumenismo nella diocesi di Lamezia Terme. Il presule spende parole commoventi nei confronti della comunità rumena emigrata in un’altra terra così come nostro Signore Gesù fece nell’antico Egitto e proprio per questo, dice Don Antonio, che Gesù ci capisce e veglia sempre su di noi... Ci fa poi i suoi migliori auguri affinché si possa sempre migliorare e che i frutti della continua convivenza tra i nostri popoli col tempo sia no più fiorenti”.

“Infine ha invitato tutti a riproporre lo spettacolo nella propria parrocchia per un momento di conoscenza, scambio culturale e il tutto all’insegna del divertimento! E continua lo spettacolo con una serie di momenti artistici dedicati a balli tradizionali, canti e poesie patriottiche in cui i protagonisti sono tanto i grandi quanto i piccini. Quest’ultimi emozionati, sono stati preparati al momento solenne nella ore di scuola romena in cui hanno studiato la storia e la geografia del loro paese, la lingua, le tradizioni e si sono poi sbizzarriti nelle ore di laboratorio con la creazione di bandierine e spillette che hanno sfoggiato nel giorno della manifestazione. La serata improntata da un grande senso artistico e soprattutto di patriottismo si è conclusa con un ballo di gruppo tradizionale ‘Hora Unirii’, che per l’appunto parla dell’Unità e dai bambini della comunità che hanno fatto volare per la sala tanti palloncini di colore blu, giallo e rosso che richiamano il tanto amato Tricolore! L’Associazione PRO Romania e Padre Constantin ringraziano tutti coloro che hanno reso memorabile questa giornata e vi aspettano con gioia anche nelle prossime occasione, per festeggiare insieme e non solo… Soprattutto per una migliore integrazione e convivenza tra le nostre comunità e perché ogni momento è utile per uno scambio di esperienze e conoscenze”!

Fonte: Il Lamentino

“Ti sfido a leggere un libro” /#Teprovoclaocarte


RO
Va invitam la evenimentul
“Ti sfido a leggere un libro” /#Teprovoclaocarte

Laborator de lectura si teatru finalizat cu donarea a 100 de carti in limba romana la Biblioteca “Elsa Morante” in cadrul proiectului “Te provoc la o carte” al Asociatiei Alleanza dei Romeni.

sambata 10 noiembrie 2018 – interval 10 -13 Biblioteca “Elsa Morante” (Lido di Ostia) Via Adolfo Cozza, 7 00122 Roma (RM)

IT
Vi invitiamo all'evento
“Ti sfido a leggere un libro” /#Teprovoclaocarte

Laboratorio di lettura e teatro finalizzato con la donazione di oltre 100 titoli in lingua romena alla Biblioteca “Elsa Morante”nell'ambito del progetto “Te provoc la o carte” dell’Associazione Alleanza dei Romeni.

sabato 10 novembre 2018 – ore 10 -13 Biblioteca “Elsa Morante” (Lido di Ostia) Via Adolfo Cozza, 7 00122 Roma (RM)

Associazione Alleanza dei Romeni
alleanzadeiromeni@gmail.com

Oltre le sbarre, stasera alle ore 19 a Udine


giovedì 8 novembre 2018

Rubrica Avocatul nostru

Cere părerea avocatului nostru la adresa
avocatulnostru@romeninitalia.com
referitor la contracte, divorţ, legislaţia română şi italiană, etc.

La intrebări răspunde:

Avocata Florina Claudia Spiridon
Baroul Vrancea şi Ordine degli Avvocati di Roma
Tel.: +39 333 4749858
------------------------------------------------

Chiedi il parere del nostro avvocato all'indirizzo avocatulnostru@romeninitalia.com
su contratti, divorzio, legislazione italiana e romena, ecc.

Risponde alle domande:

Avv. Florina Claudia Spiridon
Ordine degli Avvocati di Roma e Baroul Vrancea 
Tel.: +39 333 4749858

------------------------------------------------

Da oggi dedichiamo alla rubrica Avocatul Nostru un proprio indirizzo e-mail (avocatulnostru@romeninitalia.com), per scrivere direttamente al nostro avvocato, nel massimo rispetto della vostra privacy. L’avvocato risponderà privatamente alle vostre e-mail.
Sceglieremo alcune risposte e domande da pubblicare sul sito, come post, nella parte in cui forniscono informazioni generali e utili per i lettori, avendo cura di non riportare dati personali.
CS
------------------------------------------------
Rubriche chiuse



Articole

domenica 21 ottobre 2018

Italia-Romania: presidente Iohannis, siamo vicini e solidali alla comunità romena

Roma - Il presidente romeno, Klaus Iohannis, ha lanciato un messaggio di vicinanza e di solidarietà alla comunità romena che vive in Italia.

In un discorso, dopo l'incontro con il sindaco di Roma, Virginia Raggi, davanti ad una rappresentanza della comunità romena presso la sala Esedra ai Musei Capitolini, il presidente romeno ha espresso la vicinanza delle autorità di Bucarest alla diaspora romena.

"Voglio trasmettere un messaggio di solidarietà alla comunità romena e sopratrutto a quello di Roma, che conta 128 mila persone e a tutti voi che qui li rappresentate", ha detto Iohannis. "Ogni romeno è un ambasciatore e tutti voi rendete omaggio alla Romania e potete contribuire all'intesa tra i nostri popoli", ha aggiunto il presidente romeno.

"Tornando a casa oggi potete dire che il presidente della Romania sa quali sono i bisogni e le speranze e cosa i romeni si aspettano dalla Romania e potete dire che siamo sempre accanto a voi", ha concluso il capo di Stato romeno.

Fonte:Agenzia Nova

IV Torneo Internazionale di Scacchi Isola di Capri - Vladimir Lenin

Capri – Oltre 100 gli scacchisti che partecipano al IV Torneo Internazionale di Scacchi Isola di Capri – Vladimir Lenin, riconosciuto dalla Federazione Scacchistica Italiana, che rappresenta l’appuntamento internazionale annuale tinto d’azzurro del mondo degli scacchi, a cui partecipano, oltre ai prestigiosi italiani, russi, rumeni, ucraini, olandesi, spagnoli, francesi, grechi e brasiliani.

Tra i partecipanti al Torneo scacchisti di fama nazionale e mondiale come:

 Jurij Kuzubov ucraino, più volte campione europeo giovanile e secondo al mondiale giovanile nel 2014, è considerato uno dei più talentuosi giocatori emergenti.

 Sergej Nikolaevič Tivjakov, russo naturalizzato olandese ha partecipato a 5 olimpiadi, è stato campione europeo individuale, quest’anno ha vinto il campionato olandese, mentre negli anni passati è stato uno dei migliori giocatori del mondo.

 Andrei Istrăţescu, rumeno, è stato campione europeo giovanile e campione Rumeno, ha partecipato alle olimpiadi ed a 2 edizioni della FIDE World Cup.

 Mihail Marin, rumeno, ha partecipato a 10 olimpiadi con la nazionale rumena vincendo anche una medaglia di bronzo individuale, ha vinto 3 volte il campionato rumeno, ha partecipato al Campionato del Mondo FIDE ed è autore di molti libri.

 Sabino Brunello, italiano, ha partecipato con la nazionale italiana a 6 olimpiadi, ha vinto 3 volte il campionato italiano rapid, ed è arrivato nel ranking mondiale tra i primi 50, autore di 2 libri.

Olga Zimina, italiana di origine russa, è stata 3 volte campionessa russa giovanile e nel 2001 vince il titolo di campionessa assoluta russa, fa parte della squadra italiana femminile per le olimpiadi ed è un insegnate di scacchi per bambini dai 3 ai 16 anni. Nel 2018 vince il titolo di campionessa italiana. 

Francesco Sonis, italiano 16 anni attuale campione europeo under 16.

Gli scacchisti parteciperanno al Torneo divisi in due categorie, sette turni di gioco, l’Open A da 1800 Elo in su e per l’Open B fino a 1800 Elo, che si terrà presso il Salone delle Feste dell’Hotel La Residenza di Capri.

Il montepremi è di 8000,00 euro ed è valido per variazioni Elo Fide e per il conseguimento della norma di maestro Fsi.

Nato dall’idea del suo presidente Michele Sorrentino, il Club Scacchi Capri, è divenuto, oltre che un’occasione per riunire scacchisti provenienti dalle più disparate e lontane nazioni, anche un’occasione di attrazione turistica. Quattro giorni, con turni di gioco al mattino alle 9,30 ed al pomeriggio dalle 15,30, concludendosi la domenica 4 novembre con la premiazione, la cerimonia di apertura giovedì 1° novembre 2018 alle ore 16,00 e la premiazione è prevista per domenica 4 novembre 2018 alle ore 19,00 alla presenza delle autorità, tra tutte il Sindaco della Città di Capri . 

Tutte le fasi di gioco, per permettere agli scacchisti ovunque si trovino di seguire l’avvincente Torneo verranno trasmesse in diretta streaming, grazie alle tecnologie delle webtv della Caprivisual, sul sito ufficiale del Club Scacchi Capri, www.clubscacchicapri.it ove verranno messi in risalto anche gli sponsor che affiancano il club stesso nell’organizzare il Torneo che è comunque una manifestazione complessa. Gli sponsor sono rappresentati dal brand Capri Watch, Marina di Capri, Funicolare di Capri, Gioielleria La Violetta, Capri Logistica, Cil Latte Berna, Motoscafisti di Capri, Sacmif con la Seggiovia di Anacapri, Porta Costruzioni.

Il IV Torneo Internazionale di Scacchi Isola di Capri – Vladimir Lenin, gode del patrocinio della Città di Capri, Comune di Anacapri, Azienda Autonoma Cura Soggiorno e Turismo Isola di Capri, Federalberghi Capri, Ascom Capri ed Anacapri.

 Il Torneo, alla quarta edizione, è intitolato a Vladimir Lenin, un omaggio non all’uomo politico e protagonista della Rivoluzione d’Ottobre del 1917, ma a Lenin scacchista. Proprio nell’isola, che è sempre stata meta di personaggi illustri, Lenin fu ritratto in una foto durante una partita a scacchi contro Bogdanov, alias Alexandr Malinovskij. Era l’aprile del 1908. La celeberrima foto fu scattata durante la permanenza di Lenin nell’isola azzurra e in particolare sulla terrazza di villa Blaesus, sovrastante via Krupp.

 Sulla presenza di Lenin a Capri si raccontano alcuni aneddoti. Quel torneo, per esempio, era organizzato da Gorki, che voleva riunire a Capri tutti i futuri rivoluzionari, ma nel partito bolscevico vi era una grossa fattura e questi voleva riunificarlo, pensò che il modo migliore era organizzare un torneo di scacchi, dove il filosofo Alexander Bogdanov, intellettuale di spicco del partito bolscevico, allora più conosciuto e stimato dello stesso Lenin, sfidò colui che fece cadere la Russia zarista.

A Capri Lenin trascorse due periodi della sua vita tra il 1908 e il 1910. I tornei di scacchi in quel periodo diventarono l’alibi per riunire gli esuli russi e le diverse scuole di pensiero del partito bolscevico.

Tra le coppe che si contenderanno gli scacchisti e i relativi premi in denaro, il grande trofeo che resta al presidente del Club Scacchi Capri, Michele Sorrentino, che, ne è custode sin dalla prima edizione.

Fonte:Napoli Village

Romania: tra crescita dell’agricoltura e calo dell’industria, a trionfare è l’emigrazione

L'impoverimento dei settori secondario e terziario in Romania ha rilanciato quello primario, ma l'impressione è che ciò sia soprattutto un ripiego per sopravvivere, in un paese che conosce una continua decrescita del PIL pari al -6% annuo. La continua emigrazione verso altri paesi europei, del resto, priva le industrie e i servizi di personale qualificato, contribuendo alla retromarcia del paese.

Il caso della Romania è probabilmente emblematico per spiegare quali siano gli effetti di certe dinamiche migratorie verso gli altri paesi UE, organismo di cui è completamente parte dal 2007, frutto a loro volta delle politiche di “deregulation” che negli anni della transizione dal comunismo al capitalismo hanno di fatto depauperato il paese e la sua società.

L’emigrazione dalla Romania agli altri paesi europei, in particolare il nostro, è cominciata negli Anni ’90, in realtà piuttosto tardi rispetto ad altri paesi dell’ex campo socialista dove il crollo dell’economia pianificata e la transizione verso il capitalismo era cominciata molto prima ed anche più bruscamente. Di fatto, almeno fino al 1996, col governo di Ion Iliescu succeduto a Nicolae Ceausescu dopo la traumatica rivoluzione del dicembre 1989, molti elementi dell’economia romena erano rimasti quasi preservati e ciò aveva attenuato l’emigrazione verso l’Europa Occidentale. Dopo, però, le cose sono cambiate molto rapidamente, e numerosi romeni hanno cercato miglior fortuna al di fuori del loro paese.

Oggi, dopo anni di continua emigrazione, pare che tale fenomeno continui a non calare, ma che addirittura stia conoscendo una nuova impennata: secondo Edupedu e l’INS, l’Istituto Nazionale di Statistica, nel 2017 ogni ora 24 romeni hanno lasciato il loro paese per emigrare all’estero, per un totale di 219.317 unità, in netta accelerazione rispetto al 2013 quando invece furono 161.000. Nel 2014 erano stati 172.000, nel 2015 187.000 e nel 2016 209.000. L’escalation è dunque impressionante e soprattutto cumulativa, giacché gran parte di queste persone finiscono poi per divenire residenti in pianta stabile nei paesi ospitanti, facendo solo occasionalmente ritorno in Romania, magari in occasione delle feste.

Sempre secondo Edupedu, l’Italia è la meta privilegiata da tutti questi migranti, per un 47% del totale, a cui seguono la Spagna col 22% ed infine la Germania e il Regno Unito col 6% per entrambi. Secondo la Banca Nazionale Romena il 20% dei romeni fra i 20 e i 64 anni vive oggi in un altro paese UE, e ciò costituisce la più alta percentuale all’interno dell’Unione. Anche il 31% degli emigrati del 2017 spaziava fra i 20 e i 29 anni.

Le rimesse dei migranti contribuiscono comunque alla diminuzione della povertà, che tra il 2008 e il 2017 sarebbe calata dell’8,5%, con percentuali che superano quindi quelle di altri paesi come la Lettonia, pari al -6%, o la Bulgaria, pari al -5,9%. Solo la Polonia è riuscita a fare di meglio: secondo i dati Eurostat, in questo paese le persone a rischio povertà sono calate dal 30,5% del 2008 al 19,5% del 2017. In ogni caso, sempre secondo Eurostat, Bulgaria e Romania restano i due paesi col maggior rischio di povertà, rispettivamente 38,9% e 35,7%, seguite dalla Grecia col 34,8%.

Tutto ciò, comunque, avviene sullo sfondo di una perdita del 6% del PIL ogni anno, proprio a causa della difficoltà che le aziende in loco hanno a trovare personale qualificato. Anche in questo caso si tratta di un danno cumulativo, che testimonia il progressivo impoverimento del tessuto industriale del paese. A fornire questi dati è stato il portale PWC, citato anche da Romania Insider.

“La Romania perde il 6% del PIL all’anno a causa della mancanza di lavoratori qualificati”, ha spiegato Mihai Anita, di PWC Romania. “La disponibilità di manodopera qualificata è dipendente da fattori come la libera circolazione dei lavoratori, inclusi permessi di lavoro più accessibili per cittadini extra-UE e un sistema educativo che prepara laureati con le giuste caratteristiche”.

Certo, siamo lontani dal dato ancor più preoccupante della Bulgaria, paese che perde ogni anno il 13,2% del PIL sempre per le stesse ragioni, ma in ogni caso si tratta di percentuali preoccupanti, che confiscano un futuro a tanti giovani romeni in patria. Si crea così un circolo vizioso, in base al quale sempre più romeni non trovando nessun lavoro nel loro paese finiscono per emigrare, mentre proprio per questo il paese s’impoverisce d’opportunità e di risorse umane. La testimonianza di questo fenomeno è poi data dai numerosi paesi e villaggi della Romania, dove alla fine restano solo i vecchi e i bambini perché quasi tutte le persone in età da lavoro se ne sono andate via.

In una simile situazione, data la progressiva contrazione dell’industria, è l’agricoltura a recuperare il suo principale ruolo di fonte economica per molte aree del paese. In quello che in epoca socialista era il principale paese esportatore di tecnologie nei paesi in via di sviluppo, oggi l’agricoltura riacquista importanza agli occhi di molti romeni rimasti in patria anche solo per il fatto d’essere l’unica immediata fonte di reddito. Anche gli stanziamenti forniti dall’UE, in tal senso, costituiscono un ulteriore motivo per ridare fiducia a questo settore.

Ecco che allora, nel 2017, la Romania risulta aver registrato un aumento della produzione agricola pari al 12,5% rispetto all’anno precedente. Anche in questo caso i dati sono stati forniti dall’INS, che ha stimato il valore della produzione agricola romena in 78,4 miliardi di lei nel 2017, pari a circa 17 miliardi di euro: sempre troppo poco, in ogni caso, per mantenere tutta la popolazione, e comunque sarebbe piuttosto imprudente pensare che un paese europeo possa oggi vivere di sola agricoltura, a maggior ragione se reduce da un forte passato industriale e di servizi. Un semplice raffronto col fatturato dell’agricoltura italiana può ancor più rafforzare tale punto di vista, e far capire quanto sia invece importante rilanciare i settori secondario e terziario romeni.

L’agricoltura è importantissima e la Romania vanta in tale settore dei punti d’eccellenza fondamentali, ma proprio per questa ragione essa non dev’essere vista come un semplice ripiego dopo anni di spoliazione ed impoverimento del patrimonio produttivo, industriale e non. In ogni caso, la crescita più forte dell’agricoltura romena s’è registrata in regioni come l’Oltenia (nel sud ovest, col +24,9%), anche se in assoluto il maggior peso della produzione è stato raggiunto nella Montenia (al sud, col 19,2%), dopo Bucarest-Ilfov (17,7%) ed il nord est (15,7%).

E che l’agricoltura abbia acquistato un ruolo sempre più determinante per la sopravvivenza della Romania lo dimostra anche l’attenzione che ora, ancor più di prima, il governo dedica ai suoi vari comparti, per esempio l’allevamento. Uno di questi, per esempio, è l’allevamento dei suini, che in questo momento in varie parti d’Europa sta conoscendo grosse difficoltà a causa della peste suina africana: in tal caso il governo romeno non ha atteso un istante nello stanziare nuovi provvedimenti appena la Commissione Europea ha varato appositi aiuti finanziari alla Romania. Bucarest darà così agli allevatori romeni di suini aiuti per 43 milioni di euro, che andranno in parte anche per acquistare attrezzature per la disinfezione, laboratori veterinari e strumenti per la diagnosi della pesta suina, come specificato anche da Romania Insider. Un’altra parte del fondo andranno invece per rimborsare quegli allevatori che già sono stati sensibilmente colpiti dall’epidemia.

Sempre citato da Romania Insider, il ministro romeno per l’agricoltura, Petre Daea, ha voluto rassicurare il paese affermando che l’epidemia si sta fermando. Fino ad oggi i focolai di peste suina accertati sono stati non meno di mille, con l’eliminazione di non meno di 350.000 capi allo scopo d’evitare la diffusione del contagio. (Filippo Bovo)

Fonte:Opinione Pubblica

Domenica gran finale dell’ottava edizione del Festival Propatria

Dopo una vera maratona culturale, l’ottava edizione del Festival Internazionale Propatria – Giovani Talenti Romeni, realizzato dall’Associazione culturale romeno-italiana Propatria e dall’Accademia di Romania in Roma, in collaborazione con l’Ambasciata di Romania in Italia e l’Associazione RO&RO, chiuderà il sipario con il consueto Gala che porterà in scena, a Roma, le eccellenze romene da tutto il mondo.

Domenica 21 ottobre 2018 al Teatro Golden arriveranno per questo evento partecipanti e ospiti provenienti da diversi paesi: Romania, Italia, Moldavia, Francia, Austria, Regno Unito, Finlandia, Stati Uniti. I protagonisti saranno giovani romeni di talento della Diaspora, che hanno raggiunto risultati notevoli in vari campi dell’arte, della scienza o dello sport. Il pubblico avrà il piacere di incontrare personalità di spicco del mondo culturale romeno in uno spettacolo che sarà un trionfo di momenti artistici di eccellenza.

Anche in questa edizione, saliranno sul palco del Golden importanti nomi di ricercatori, atleti, e musicisti. Saranno presenti: la ricercatrice nel campo della biologia molecolare Dana Branzei, direttore del programma di ricerca “meccanismi di riparazione del DNA” presso l’IFOM, Aldo Blaga giovane artista romeno che ha cantato con nientemeno che David Foster a Omaha (Stati Uniti d’America), il violinista Constantin Beschieru, primo violino nell’Orchestra RAI, e Angela Turchetta. Saranno presenti anche Alina Alexandra Simion, la giovane atleta paraolimpica di origine romena, campione nazionale d’Italia 60m indoor, 200m, campione assoluto 100, 200m record italiano a 400m, Emanuel Chirila il giovane romeno che a soli 20 anni è già nella lista Forbes tra i 100 leader del futuro, Radu Valentin Ghiurcanas, uno degli 11 speaker selezionati per TEDxYouth Bologna 2018, Daria Alexandra Matei, campionessa di pattinaggio nazionale d’Italia, campionessa europea e vice campionessa del mondo nel 2018, la ginnasta Adelina Barbulescu – Spagna e Maria Smaranda dalla Francia, la giovane geniale, iniziatrice a Parigi dell’applicazione CelebRo, progettata per geo localizzare il patrimonio culturale romeno.

Il Gala, pieno di emozioni e sorprese sarà colorato con intermezzi musicali eseguiti da Constantin Beschieru accompagnato al pianoforte da Marina Ciubotaru, dal pianista Emanuele Stracchi, Aldo Blaga con la sua voce straordinaria, Elena Lazar, e molti altri.

I presentatori saranno Alessandro Pistecchia antropologo, dottorato di ricerca in storia europea, esperto di minoranze e discriminazioni e Andreea Emanuela Diaconu con l’aiuto dei giovanissimi Alessandro Fagarasian e Teresa Zucchegna.

Durante lo spettacolo, sostenuto da questi giovani di grande valore, saranno assegnati premi, diplomi di eccellenza e l’immancabile trofeo Propatria, diventato oramai tradizione.

Dopo la ricca collaborazione con il Dipartimento Didattico del Teatro Golden, di cui è direttrice Laura Ruocco (attrice), anche quest’anno saranno assegnate quattro borse di studio parziali di 1.000 euro ciascuna, che consentiranno ai 4 vincitori di studiare al “Golden Academy”, l’Accademia di spettacolo teatrale.

Presidente della giuria di quest’anno è: Prof. Assoc. Oana Bosca-Malin (Vicedirettrice dell’Accademia di Romania a Roma) che deciderà i premi con Daniela Mogavero (giornalista dell’agenzia di notizie nazionali Askanews), maestro Lea Pavarini (Conservatorio di Santa Cecilia), Cristina Hermeziu (Francia, giornalista), Rudolf Roth (giornalista, Spagna), Onofrio Pagone (capo redattore Gazzetta del Mezzogiorno), Elena Postelnicu (giornalista, corrispondente in Italia per Radio Romania), Violeta Popescu (Rediviva editore), Laura Ruocco (attrice, Golden Academy).

L’evento godrà della presenza di S.E. George Gabriel Bologan, Ambasciatore di Romania in Italia e S.E. Stela Stingaci, Ambasciatore della Repubblica Moldova in Italia.

Da otto anni l’associazione Propatria impegna entusiasmo e competenza per la diffusione della cultura romena a Roma, da otto anni si attende il festival Propatria per frequentare gli eventi di alto livello proposti, e coltivare un momento di incontro interculturale importante e gioioso.

Anche quest’anno l’iniziativa ha ricevuto il patrocinio dell’Ambasciata di Romania, del Senato della Repubblica, della Camera dei Deputati, del Consiglio Regionale del Lazio, della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, dell’Assessorato per la Crescita Culturale del Comune di Roma. La collaborazione con il Conservatorio di Musica Santa Cecilia, l’Istituto culturale Francese – Centre Saint Louis e l’Accademia d’Ungheria ha reso possibile la realizzazione di un evento carico di nuove sinergie.

Il programma di quest’anno ha unito vitalità positive di vari settori, culturali e non, che sono collegate da un comune denominatore, l’amore per la Romania.

Fonte:Ask a News

Danze e canti popolari del Maramures per ricordare Giorgia Bernardele, a due anni dalla morte

Si avvicina il secondo anniversario della morte a Mosca di Giorgia Bernardele e la famiglia continua nella sua opera di diffusione delle ricerche sulle tradizioni dell’Europa Orientale, che la ricercatrice di Sarcedo tanto amava. Per questo stasera nella sala polifunzionale – a lei recentemente intolata – della scuola primaria Zanella di Sarcedo (via Vecellio, ore 20,30) andrà in scena uno spettacolo di musiche e danze delle millenarie tradizioni del Maramureş, la regione dell’Europa doveva ragazza aveva svolto una ricerca sul campo poche settimane prima di morire per un problema cardiaco nella sua stanza nel dormitorio dell’università statale moscovita per gli studi umanistici.

“Il concerto – spiega la madre Michela Grotto, che con il marito Claudio ha dato vita in questi due anni a numerose iniziative per ricordare la figlia, come borse di studio e concerti – prevede l’esecuzione di musiche e danze popolari autentiche provenienti dalla regione romena del Maramureş, nella Transilvania nord-occidentale. La performance è affidata all’esperienza dei giovani musicisti popolari “Fraţii Chindriş” di Ieud e dei danzatori del Gruppo folclorico studentesco “Maramureşul”di Cluj Napoca. Nel corso della serata, inoltre, due esperti di mestieri tradizionali mostreranno al pubblico alcuni aspetti della vita materiale del sat, il villaggio tipico romeno. E prima del concerto il professore di Giorgia, Dan Octavian Cepraga, docente di lingua e letteratura romena presso il Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari dell’Università di Padova, e il professor Nicu Hodor, che insegna geografia all’Università di Cluj-Napoca, presenteranno al pubblico una lezione introduttiva, fornendo le coordinate per comprendere le peculiarità delle tradizioni popolari musicali del Maramureş”.

Sarà, insomma, un concerto-tributo alla memoria di Giorgia Bernardele, originale studiosa di folclore romeno, russo e ucraino. Noto per la bellezza del suo paesaggio incontaminato, il Maramureş è un vero e proprio luogo della memoria di un’Europa rurale altrove ormai definitivamente scomparsa. Uno straordinario patrimonio culturale che è stato gelosamente e tenacemente preservato nel cuore più profondo del nostro continente. Ma sarà anche un modo per far conoscere un aspetto unico e affascinante della cultura romena, offrendo, al tempo stesso, alla comunità romena presente nel territorio la possibilità di mantenere vivo il contatto con la propria identità culturale e di condividerla con il resto della popolazione.

Fonte:L'Eco Vicentino

Gli scout Aisa incontrano il Presidente della Romania in Campidoglio

I ragazzi e i membri della comunità avventista hanno partecipato all’incontro di Klaus Iohannis con la sindaca di Roma, Virginia Raggi, e la diaspora romena in Italia.

La chiesa avventista romena della capitale è stata invitata a partecipare all’incontro tra il presidente della repubblica romena, Klaus Iohannis, e la sindaca di Roma, Virginia Raggi, tenuto il 16 ottobre nella sala Esedra dei Musei Capitolini, in Campidoglio.

“Abbiamo pensato di portare il gruppo degli scout Aisa della nostra comunità” ha affermato Cornelio Benone Lupu, pastore della chiesa avventista romena di Roma “Il presidente della Romania è stato contento di vederli e alla fine si è avvicinato a loro e li ha ringraziati di essere lì”.

“I nostri ragazzi” ha riferito Bianca Stoian, della comunità avventista romena “hanno dato testimonianza, anche se indiretta, assistendo in prima fila e ricevendo i complimenti del presidente per la loro allegra divisa”.

In Italia per una visita di stato (la prima dopo 45 anni), organizzata in occasione del Centenario della Grande Unione dei Principati Romeni, Klaus Iohannis ha incontrato il presidente Sergio Mattarella, i presidenti di Camera e Senato, il premier Conte, gli imprenditori e la sindaca di Roma. Ma non ha voluto rinunciare a trascorrere alcuni momenti con la diaspora romena.

Durante l’incontro in Campidoglio, il gruppo Aisa ha donato un Atlante della Bibbia al presidente romeno e alla sindaca capitolina.

“Sono stato favorevolmente colpito dal discorso molto gentile di Virginia Raggi e dalla sua disponibilità verso la comunità romena”, ha commentato il past. Lupu “Mi ha colpito anche la cordialità dello staff diplomatico e la disponibilità del presidente romeno afarsi fotografare e a fermarsi a parlare tra la gente (oltre ai romeni vi erano anche diversi italiani). Penso che abbiamo lasciato un segno positivo come chiesa e come comunità etnica”.

Infine, i ragazzi dell’Aisa e il loro animatore sono stati intervistati dalla radio presente all’evento.

Fonte:Notizie Avventiste

Prezentarea volumului “Dora d’Istria. Uno sguardo femminile sull’Ottocento” de Roberta Fidanzia

Comunicat de presă

În Cadrul  Întalnirilor  Literare “I Mercoledi Letterari” De la  Accademia di Romania in Roma miercuri, 24 octombrie 2018, ora 18:00, în Sala de conferințe a Accademia di Romania in Roma (Piazza José de San Martin 1 va avea loc cea de-a treia întâlnire din cadrul întâlnirilor „I Mercoledi Letterari”, un proiect inițiat de Accademia di Romania in Roma ce își propune promovarea scriitorilor români traduși în limba italiană și publicați la edituri din Italia, precum și operele literare care fac referire la cultura română. În cadrul celei de-a treia întâlniri se va face prezentarea volumului “Dora d’Istria. Uno sguardo femminile sull’Ottocento” de Roberta Fidanzia (Editura Aracne, 2013), alături de ediția în limba română: Dora D’Istria.

O privire feminină asupra secolului al XIX-lea, trad. de Viorica Bălteanu (Drengo, 2017). Alături de scriitoare și traducătoare va fi prezent și prof. Antonio D’Alessandri, care va vorbi despre personalitatea principesei Elena Ghica/ Dora D’Istria și va prezenta publicului prezent la eveniment, în premieră, un tablou pictat de însăși Dora D’Istria.

Prin ineditul și valoarea sa istorică, tabloul reprezintă un moment important în cadrul acestui eveniment: acesta se află în colecția privată a dlui Paolo Mecucci, prin a cărui bunăvoință opera de artă va fi expusă pentru prima dată în public la Accademia di Romania in Roma.

Intrarea liberă în limita locurilor disponibile.

Principesa Elena Ghica (alias Dora d’Istria)scriitoare, pictoriță, compozitoare, feministă, poliglotă, un om de o inteligență remarcabilă, este un caz literar unic în secolul romantic. Copil minune (vorbea nouă limbi străine, în adolescență a tradus „Iliada”) Elena avea o cultură enciclopedică, acumulată în studiile efectuate la Dresda, Viena, Veneţia şi Berlin în domeniile: literatură, etnografie şi folclor, geografie, istorie, sociologie, politică şi artă. A publicat de-a lungul vieții studii de etnografie, istorie şi folclor balcanic în șase limbi: franceză, italiană, greacă, rusă, germană şi engleză. În preajma revoluţiei de la 1848 a fost o ferventă apărătoare a ideilor politice liberale. A militat constant pentru drepturile femeii.

Lucrarea sa, foarte inovatoare pentru vremea la care a fost scrisă, „Despre femei de o femeie” (Des femmes par une femme,Paris 1869) prezintă situația materială şi socială a femeilor din ţările romanice şi germanice și susţine egalitatea în drepturi între femei şi bărbaţi, plasând-o pe Dora D`Istria în printre vocile semnificative ale mișcării feministe europene.

Cu aceeaşi tematică, tratatul „Les femmes en Orient”, apărut la Zürich în 1859, familiarizează cititorul occidental cu lumea femeilor din Orient, o zonă foarte puţin cunoscută la acea vreme. Dora D`Istria a călătorit foarte mult şi a avut o viaţă aventuroasă: este una din primele alpiniste, practica tirul şi călăria şi mânuia cu îndemânare armele.

A murit la Florența, unde a locuit vreme de peste 30 de ani, şi donat cu generozitate averea sa unui sanatoriu pentru surdomuți din Florența, spitalului Pantelimon şi primăriei oraşului Bucureşti.

Accademia di Romania in Roma
Valle Giulia,
Piazza José de San Martin,
1 00197 Roma