Online dal 2008, con informazioni utili, in italiano e romeno, per i romeni che vivono in Italia. Online din 2008, cu informaţii utile, în română şi italiană, pentru românii care trăiesc în Italia.

La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza dal paese natale.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Comunitatea Românească în Italia

Locul unde comunitatea românească se regăsește zilnic în știri, noutăți, mărturii, informații și sfaturi, pentru a nu uita rădăcinile și a trăi mai bine departe de țara natală. Informații utile pentru românii care trăiesc în Italia, despre oportunitățile pe care le oferă realitatea din jur și pentru a deveni cetățeni activi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate! Commenta gli articoli pubblicati!

giovedì 15 marzo 2018

Ustionato durante un barbecue a Bronte: grave un giovane romeno

CRONACA

OSPEDALE CANNIZZARO

Ustionato durante un barbecue a Bronte: grave un giovane romeno

di Orazio Caruso — 07 Marzo 2018

L'ospedale Cannizzaro di Catania

BRONTE. È ricoverato in gravi condizioni al centro ustionati dell’ospedale Cannizzaro di Catania, un ragazzo rumeno di appena 18 anni, che ha riportato ustioni sparse sul quaranta per cento del corpo. Il giovane si trova in rianimazione e i medici del nosocomio etneo hanno definito le condizioni del ferito alquanto critiche. Allo stato attuale la vittima sarebbe sedata, in quanto presenterebbe ustioni al viso, al collo, alla braccia, al torace e all’addome.

Non è ancora chiara la dinamica del rogo che avrebbe investito il giovane.Il ragazzo, a quanto sembra, si sarebbe bruciato, secondo la versione fornita dagli altri connazionali che si trovavano col ferito al momento del fatto, mentre era intento a preparare un barbecue. Al momento dell’incidente il gruppo di romeni, si trovava in un fondo agricolo, sito in contrada Cardà, in territorio di Bronte al confine col comune di Adrano.

Fonte: Giornale di Sicilia

Nessun commento:

Posta un commento