La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

sabato 26 gennaio 2019

“Perchè ci chiamano rumeni di merda e italiani mafiosi”, il libro choc di Eileen Bart

In Romania la situazione non è così catastrofica. Certo, vogliamo sempre di più e siamo portati a pensare che fuori dal nostro giardino è tutto fantastico.

“Perchè ci chiamano rumeni di merda e italiani mafiosi”, il libro choc di Eileen Bart.

L’autrice Eileen Bart, 50enne rumena, ha scritto un libro dal forte titolo, «Perchè ci chiamano rumeni di merda e italiani mafiosi». Giornalista, ha lavorato in Romania per il Gruppo Gip Press, associato a Bild.

Il libro

Un libro nel quale Eileen ricorda più volte ai suoi connazionali che prima di emigrare dovrebbero cercare di migliorare la loro condizione in Romania. «Prima di partire bisognerebbe sapere in che tipo di Paese si andrà, come si troverà casa, le possibilità occupazionali, la lingua. Non ha nessun senso partire senza conoscere a fondo il Paese dove si emigra, consuma le energie, energie che potrebbero essere spese per contribuire al benessere del Paese d’origine. Io da rumena dico che anche in Romania dandosi da fare si possono guadagnare mille euro al mese. Gli stessi soldi che io ho guadagnato in Italia lavorando dalle 6 di mattina alle 6 di pomeriggio.

La vita in Romania

In Romania la situazione non è così catastrofica. Certo, vogliamo sempre di più e siamo portati a pensare che fuori dal nostro giardino è tutto fantastico, che in un Paese come l’Italia “ci sono i cani con le ciambelle di nutella nella coda”. Invece non è così. L’Italia dal mio punto di vista non è un Paese preparato per ricevere i migranti. Secondo me non ci sono leggi adeguate e poi non capisco perchè non si riesca a controllare bene questa immigrazione. Certo l’Europa è bastarda tanto…».

Fonte:Brescia Sette Giorni

Nessun commento:

Posta un commento