La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza da casa.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate!

martedì 23 aprile 2019

România:Ministrul Finanţelor Publice, Eugen Teodorovici, anunţă măsuri pentru întoarcerea românilor plecaţi la muncă în străinătate

Ministrul Finanţelor Publice, Eugen Teodorovici, anunţă că la nivel guvernamental vor fi iniţiate negocieri cu toate statele membre pentru a implementa un pachet de măsuri care să răspundă "nevoii şi dorinţei de revenire acasă" a românilor plecaţi la muncă în străinătate.

Eugen Teodorovici va negocia cu statele din UE pentru revenirea acasă a românilor plecaţi la muncă în străinătate.

"Sâmbătă am fost la Iaşi, oraşul despre care Nicolae Iorga spunea în 1937 că "este mai mult decât o ilustră capitală a Moldovei'. Am avut discuţii foarte interesante şi aplicate cu reprezentanţii mediului de afaceri local care mi-au împărtăşit atât ideile, părerile şi soluţiile pe care le au pentru dezvoltarea afacerilor, precum şi problemele cu care se confruntă. Una din problemele comune ridicate de aceştia a fost lipsa forţei de muncă. Tocmai pentru că aceasta este o problemă cu caracter general, întâlnită pe întreg teritoriul României, precum şi în alte ţări europene, vreau să îi asigur că la nivel guvernamental vom iniţia negocieri cu toate statele membre pentru a implementa un pachet de măsuri care să răspundă atât nevoii, cât şi dorinţei de revenire acasă a celor plecaţi la munca în străinătate", a scris Teodorvici, duminică, pe pagina sa de Facebook.

Şeful de la Finanţe a transmis în finalul mesajului că: "Oamenii care înţeleg să fie alături de alţi oameni şi împreună pentru România ştiu deja ceea ce simt şi gândesc...#insistpentruRomania".

Pe data de 6 aprilie, la finalul reuniunii ECOFIN de la Bucureşti, ministrul Finanţelor declara că ţările europene din care pleacă multă forţă de muncă spre restul Uniunii Europene ar trebui să se gândească la un pachet agresiv de măsuri care să aducă o soluţie pentru mobilitatea selectivă, care duce la exodul creierelor.

"Poate în timpul Preşedinţiei române voi invita ţările care trimit lucrători în străinătate la o discuţie, să vedem ce e de făcut. Ar trebuie să ne gândim la un pachet agresiv care să aducă o soluţie, pentru că nu putem să ne atingem obiectivele în situaţia actuală, de aceea discutăm acum despre scăderea competitivităţii, despre cheltuieli diferite, aspecte care sunt influenţate de această mobilitate intra-europeană. Deci trebuie să încurajăm această mobilitate, dar trebuie şi să ţinem cont de tipul de măsuri pe care trebuie să le aplicăm pentru a nu fi afectaţi noi toţi", a afirmat atunci Eugen Teodorovici.

Teodorovici: Exodul muncitorilor a adus beneficii, dar poate avea şi efecte negative

Acesta a precizat că situaţia mobilităţii selective în cadrul UE a fost unul din subiectele principale discutate la reuniunea miniştrilor europeni de Finanţe. "Libera circulaţie a forţei de muncă a adus mari beneficii economice. Lucrătorii mobili contribuie la PIB-urile ţărilor de origine şi ţărilor-gazdă şi în cele mai multe cazuri au un rol semnificativ în ceea ce priveşte câştigurile celor rămaşi în ţara de origine. Totuşi mobilitatea muncitorilor poate avea şi efecte negative, de exemplu atunci când mobilitatea e selectivă, ducând la exodul creierelor şi stopând creşterea potenţială. În viitorul apropiat, prioritatea noastră ar trebui să fie găsirea unei soluţii comune la nivel european şi implementarea unui instrument care să ne ajute în rezolvarea acestui fenomen", a afirmat ministrul Finanţelor.

Eugen Teodorovici a subliniat că din statele est-europene pleacă în vestul Europei nu doar cei înalt calificaţi, ci şi oamenii cu calificări medii sau scăzute.

"În general în Uniunea Europeană lucrătorii înalt calificaţi sunt foarte mobili, iar atunci când nivelul de realizări educaţionale creşte, creşte şi inovarea. Mobilitatea Est-Vest este excepţională, dar nu întotdeauna doar lucrătorii de înaltă calificare emigrează. Există un procentaj de lucrători şi cu calificări scăzute şi medii, făcând acest fenomen să fie amplu", a adăugat Teodorovici.

Ministrul Finanţelor s-a declarat nemulţumit de discuţiile din cadrul ECOFIN privind mobilitatea selectivă.

Sursa: DIGI24

venerdì 19 aprile 2019

Pe muchie de cuțit - Expoziție de artă contemporană

PE MUCHIE DE CUȚIT
Expoziție de artă contemporană
Galeria de Artă Accademia di Romania in Roma,
Viale delle Belle Arti, 110
02-28.05.2019

În perioada 02-28 mai 2019, Accademia di Romania in Roma, în colaborare cu Uniunea Artiştilor Plastici din România (U.A.P.), organizează Expoziția de Artă contemporană „Pe muchie de cuțit” realizată de către un grup de absolvenți (promoția 1999) ai secției de pictură de la Academia de Artă din București,acum artiști afirmați, formați sub coordonarea profesorului Florin Mitroi.

Opera lui Florin Mitroi (3 decembrie 1938- 8 aprilie 2002)esteuna dintre cele mai interesante din artele vizuale din România, insuficient cunoscută și prezentată publicului, atât din scena locală cât și internațională. Un artist cu totul aparte a cărui carieră pedagogică a fost dezvoltată în paralel cu cea artistică, Florin Mitroi a fost un exemplu de profesor care prin structura academică a cursurilor și temelor de atelier a reușit să insufle studenților săi un model de gândire și de înțelegere al formelor și spațiului vizual dincolo de viziunea proprie a fiecăruia dintre ei.

La aniversarea a douăzeci de ani de la absolvire a Academiei de Artă din București sub coordonarea domnului profesor Florin Mitroi, grupul de studenți îi dedică această expoziție și aduce un omagiu celui care a fost unul dintre cei mai buni pedagogi din sistemul artistic românesc.

Expoziția „Pe muchie de cuțit” va prezenta în Galeria ARR, prin bunăvoința familiei, una dintre lucrările domnului Profesor Florin Mitroi alături de lucrări realizate de artiștii: Suzana Dan, Irina Florescu, Virginia Georgescu, Dumitru Gorzo, Viorel Grigore, Adrian Lulciuc, Alexandru Papuc, Emilia Persu și Alexandru Rădvan. Titlul acestui proiect a fost inspirat de prezența obsesivă a motivului cuțitului în lucrările prof. Florin Mitroi, reinterpretat metaforic prin ceea ce înseamnă „atunci și acum” cele două decade din viața oricărui artist în contextul actual.

Link eveniment facebook

------------------------------------------------
SULLA LAMA DEL COLTELLO
Mostra d’arte contemporanea
Galleria d’Arte Accademia di Romania in Roma,
Viale delle Belle Arti, 110
02-28.05.2019

Nel periodo 02-28 maggio 2019, Accademia di Romania in Roma, in collaborazione con l'Unione degli Artisti di Romania, organizza la mostra d'arte contemporanea "Sulla lama del coltello" che riunisce un gruppo di artisti ormai affermati, laureati nel 1999 presso il dipartimento di pittura dell'Accademia di Belle Arti di Bucarest, sotto la coordinazione del professor Florin Mitroi.

In occasione del ventesimo anniversario della loro laurea presso l'Accademia di Belle Arti di Bucarest, gli artisti dedicano questa mostra all’illustre figura del prof. Mitroi.

Il prof. Mitroi (3 dicembre 1938- 8 Aprile, 2002), ha avuto un percorso artistico insigne, nonché una carriera accademica illustre, sviluppati contemporaneamente. Florin Mitroi è ricordato come docente esemplare sia per la struttura accademica dei suoi corsi che per gli argomenti da lui affrontati.

La Galleria dell’Accademia di Romania in Roma ospiterà, grazie alla generosità della famiglia, una delle opere del professor Florin Mitroi, insieme alle opere di Suzana Dan, Irina Florescu, Virginia Georgescu, Dumitru Gorzo, Viorel Grigore, Adrian Lulciuc, Alexandru Papuc, Emilia Persu e Alexandru Rădvan. Il titolo di questo progetto è stato ispirato dalla ricorrenza ossessiva del motivo del coltello nel lavoro del prof. Florin Mitroi, reinterpretato oggi come una linea di cesura tra l’”allora” degli anni di formazione e l’”ora” dell’attività artistica degli autori presenti nella mostra.

Link evento Facebook

Accademia di Romania in Roma

Informații utile privind alegerile pentru Parlamentul European – 26 mai 2019

În perioada 23-26 mai 2019, cetățenii din statele membre UE vor alege, prin vot direct, noul Parlament European. Potrivit HG nr. 80/2019 privind stabilirea zilei de referință pentru alegerile membrilor din România în Parlamentul European din anul 2019, acestea se vor desfășura duminică, 26 mai 2019.

Conform Legii nr. 33/2007 privind organizarea şi desfăşurarea alegerilor pentru Parlamentul European, republicată, cu modificările și completările ulterioare, Ministerului Afacerilor Externe îi revin o serie de sarcini de ordin administrativ – organizatoric în vederea pregătirii și desfășurării alegerilor în străinătate, precum și atribuții legate de informarea alegătorilor care vor vota la secțiile de votare din străinătate.

 Vă prezentăm o serie de informații utile privind desfășurarea procesului electoral:

 INFORMAȚII GENERALE

- Fiecare alegător are dreptul la un singur vot. Votul este universal, secret, direct, egal și liber exprimat.
-Votarea începe la ora 7.00 (ora locală) și se desfășoară până la ora 21.00 (ora locală). Alegătorii care la ora 21.00 (ora locală) se află în sala în care se votează, pot să își exercite dreptul de vot.
-Cetățenii români care votează la secțiile organizate în străinătate vor fi înscriși în listele electorale suplimentare, în momentul participării la vot.

UNDE SE POATE VOTA ÎN STRĂINĂTATE?

-Lista secţiilor de votare organizate în străinătate va fi făcută publică pe pagina web a Ministerului Afacerilor Externe și pe cele ale misiunilor diplomatice şi oficiilor consulare ale României cel mai târziu cu 30 de zile înaintea datei alegerilor.
-Ministerul Afacerilor Externe depune diligențele necesare pentru a asigura condiții optime în vederea exercitării dreptului de vot pe 26 mai 2019 de către cetățenii români aflați în străinătate. Pentru aceasta, la întocmirea listei cu secțiile de votare din străinătate, MAE ține cont atât de date statistice comparative ale prezenței la vot a cetățenilor români din străinătate la secțiile de votare organizate la scrutinele anterioare, de dinamica fluxurilor de cetățeni români în diverse comunități/regiuni/localități, cât și de resursele umane, financiare și logistice implicate și condițiile specifice din fiecare țară pentru organizarea unor secții de votare în alte locuri decât sediile misiunilor diplomatice/oficiilor consulare.

Precizăm că, în aceeași zi, în Republica Italiană vor avea loc alegerile europarlamentare pentru membrii din Italia, precum și alegeri administrativ-teritoriale.

CINE ARE DREPT DE VOT

-Au drept de vot cetățenii români care au împlinit 18 ani, inclusiv în ziua alegerilor.
-Cetățenii români cu domiciliul sau reședința în străinătate, precum și cetățenii români cu domiciliul în România, care se află în străinătate în ziua alegerilor, pot vota la orice secție organizată în străinătate, pe baza unui document de identitate românesc valabil.
.Documentele pe baza cărora se poate vota în străinătate sunt: cartea de identitate provizorie, pașaportul diplomatic, pașaportul diplomatic electronic, pașaportul de serviciu, pașaportul de serviciu electronic, pașaportul simplu, pașaportul simplu temporar, pașaportul simplu electronic, cartea de identitate, cartea de identitate provizorie, cartea electronică de identitate, buletinul de identitate.
-La alegerile din 26 mai 2019, potrivit prevederilor legale aplicabile, nu se poate vota cu titlul de călătorie, nu se poate vota prin corespondență și nici nu se poate utiliza cartea de alegător. Recomandăm să verificați din timp valabilitatea actelor de identitate românești și să faceți, dacă este cazul, demersurile necesare pentru înlocuirea/ reînnoirea acestora.
- Cetățenii români care sunt înscriși în listele electorale ale Italiei și Maltei (sau ale altor state membre) nu pot vota pentru alegerea reprezentanților României în Parlamentul European. Recomandăm să verificați în timp util dacă sunteți înscriși în listele electorale ale altui stat membru UE și să vă interesați la autoritățile respective unde și cum puteți vota pentru Parlamentul European candidații din țara pe a cărei listă sunteți înscriși.
-De asemenea, la alegerile pentru Parlamentul European va funcționa Sistemul informatic de monitorizare a prezenței la vot și de prevenire a votului ilegal (SIMPV); acesta presupune că un operator de calculator va prelua, în secția de votare, înainte de exercitarea dreptului de vot, datele personale ale alegătorului și le va introduce în aplicația specială. Aplicația are scopul de a preveni frauda electorală și votul multiplu.

Pentru mai multe informații, vă invităm să consultați:
-Ghidul alegătorului român în străinătate 
-Întrebări frecvente referitoare la votul în străinătate la alegerile pentru Parlamentul European din 26 mai 2019 

Link-uri utile:
-Secțiunea dedicată alegerilor pentru Parlamentul European pe site-ul MAE 
https://www.alegerile-europene.eu 
http://www.europarl.europa.eu/news/ro/headlines/eu-affairs/20181122STO19860/tot-ce-trebuie-sa-stii-despre-alegerile-europene-din-2019 
-Cadru legislativ: http://legislatie.just.ro/Public/DetaliiDocument/78622 
-Autoritatea Electorală Permanentă: http://www.roaep.ro 

ACREDITARE REPREZENTANȚI EXTERNI MASS-MEDIA - ACCREDITATION PROCEDURE FOR FOREIGN MEDIA 

ACREDITARE OBSERVATORI STRĂINI - ACCREDITATION PROCEDURE FOR FOREIGN OBSERVERS 

Fonte:Ambasada României în Republica Italiană

Întâlnire cu presa de limbă română din Italia, în contextul alegerilor europarlamentare


În contextul alegerilor pentru Parlamentul European din luna mai 2019, Ambasada României la Roma invită reprezentanții presei de limba română din Italia la o întâlnire care va avea loc marți, 23 aprilie 2019, la ora 15.30, la sediul misiunii diplomatice.

 Persoanele interesate să participe sunt rugate să trimită un e-mail la adresa roma.events@mae.ro, până luni, 22 aprilie 2019, precizând numele și instituția media pe care o reprezintă (în limita a doi reprezentanți pe instituție).


Fonte:Ambasada României în Republica Italiană

Vasto: Atelier de artizanat tradițional cu ocazia Sărbătorilor de Paști






Marți, 16 aprilie 2019, Asociația Culturală ,,Vocea Românilor din Vasto’’ a organizat, în colaborare cu Directia Educationala Nuova Direzione Didattica Vasto , în cadrul Școlii Aniello Polsi, un atelier de artizanat tradițional avand ca subiect Sărbătorile de Paști. Copiii (cu vârste cuprinse între 5 și 6 ani), au pictat si vopsit ouă de Paște sub îndrumarea cadrelor didactice și a voluntarilor asociației prezenți la eveniment. .A fost o importantă oportunitate de a demonstra valoarea tradițiilor naționale românești. Cu răbdare și competență ,membrii asociației au esplicat simbolismul din punct de vedere religios al celei mai importante sărbători a Creștinătății. Cei prezenți au recitat poezii și au intonat cântece pe tema marii sărbători.
Asociatia a inceput o colaborare cu scolile de prim nivel din Vasto, printr-un proiect intercultural "Cultura si traditii", impreună cu directorul scolii Concetta Delle Donne, și profesorii ,educatorii si invatatorii de la Scoala Polsi iar, pe de alta parte parte, membrii voluntari ai asociației menționată mai sus. Colaborarea instituțională, care are ca obiect proiectul intercultural va cuprinde și alte activități, cu ocazia sărbătorilor laice și religiose românești și italiene. Conservarea și transmiterea acestor tradiții, de inestimabilă valoare spirituală și culturală, este unul dintre obiectivele principale ale asociației de români din Vasto.

Asociatia Vocea Românilor din Vasto

giovedì 18 aprile 2019

Inca Romania e Itaca partecipano alla campagna promossa da Ministero Rumeni all'estero "Informazioni a casa. Sicurezza nel mondo!"

PATRONATI ITALIANI NEL MONDO - ROMANIA - INCA ROMANIA E ITACA PARTECIPANO ALLA CAMPAGNA PROMOSSA DA MINISTERO RUMENI ALL'ESTERO "INFORMAZIONI A CASA. SICUREZZA NEL MONDO!"

L'INCA Romania, in collaborazione con ITACA, ha preso parte il 10 aprile al primo evento della campagna informativa nazionale promossa a Bucarest, “Informazioni a casa! Sicurezza nel mondo!”, organizzata dal Ministero per i Romeni all’Estero e giunta alla seconda edizione.

La partecipazione del Patronato INCA Romania, con la collaborazione dell'Associazione Transnazionale ITACA, si inquadra nell'ambito del Memorandum firmato nello scorso mese di Gennaio dalla Presidente del Patronato INCA CGIL, Piccinini, il Patronato INCA Romania e la Ministra per i Rumeni all'Estero, Intotaro. Un accordo che ha permesso di definire l'impegno del Patronato sulle iniziative congiunte di tutela dei rumeni all'estero, ed alla diffusione delle informazioni ed alle opportunità utili al benessere dei rumeni all'estero.

L'incontro, al quale ha preso parte il Sottosegretario di Stato, Victor Ionescu, il Sottoprefetto della Prefettura di Bucarest, il Vice Direttore Generale dell’Ispettorato scolastico di Bucarest, rappresentanti dell’ANITP (Agenzia Nazionale Antitratta), dell’ANOFM (Agenzia Nazionale del Lavoro ed EURES) e dell’INCA Romania, ha anticipato la giornata informativa nazionale lanciata oggi dal Ministro Intotaro, è stata indirizzata, in particolare alle generazioni piu' giovani.

"La campagna - spiega in una nota indirizzata ad Itaca on line la responsabile INCA Romania Emilia Spurcaciu - ha, infatti, lo scopo di informare e sensibilizzare i cittadini romeni sui rischi che possono correre quando decidono di lavorare all’estero senza avere un contratto di lavoro legale, senza conoscere la lingua dello stato di residenza, senza conoscere i loro diritti e le loro responsabilità in quanto cittadini europei.

Lo stesso Ministero - riporta Spurcaciu - riporta dati consistenti sulla presenza dei Romeni all’Estero, che si stima siano circa 10 milioni. Di qui la preoccupazione del Governo Rumeno che ha fra i suoi obiettivi principali il "rientro" delle migliaia e migliaia di connazionali in Romania.

"La campagna nazionale “Informazioni a casa! Sicurezza nel mondo!” - spiega la responsabile dell'INCA Romania - si svolgerà in tutta la Romania, in due fasi: la prima in aprile-maggio, la seconda tra agosto e settembre 2019".

Fonte: Italian Network

Colico: "Molla" l'auto con targa rumena e la "regala" a Salvini

12 aprile 2019

Colico: Circola un video divertente/polemico diffuso via social dalla Lega colichese. Protagonista un veicolo con targa estera (rumena), abbandonato sulla piazza della stazione feroviaria e con foto più scritta dedicate al vicepremier e leader leghista Matteo Salvini - al quale l'utilitaria viene provocatoriamente "regalata". La macchina pare essere stata presa a calci prima di venire lasciata sul piazzale.

All'origine del gesto, probabilmente il maxiemendamento al "Decreto Sicurezza" approvato di recente dal Parlamento, col quale è stato introdotto il divieto di circolazione con auto immatricolate all'estero per chi è residente in Italia.

Fonte: Lario News

Chi l'ha vista: Natasha è scomparsa, ricerche ovunque, ma si teme il peggio

Secondo la prima ricostruzione la donna è uscita intorno alle 22 dall'abitazione che condivideva con il compagno e la figlia di sei anni, a Porto di Legnano-

Natasha Chokobok, la 29enne di origine rumena scomparsa nella giornata di martedì dalla vicina provincia di Verona

Sono estese a tutto il Nord Italia le ricerche di Natasha Chokobok, la 29enne di origine rumena scomparsa nella giornata di martedì dalla vicina provincia di Verona. Ma il timore degli investigatori è che possa esserle successo qualcosa di drammatico.

Secondo la prima ricostruzione la donna è uscita intorno alle 22 dall’abitazione che condivideva con il compagno e la figlia di sei anni, a Porto di Legnano.
Da quel momento non si hanno più sue notizie e il convivente (con cui nell’ultimo tempo ci sarebbero stati dei dissapori) ha sporto denuncia ai carabinieri.

Sul caso – oltre alle migliaia di condivisioni su Facebook dell’appello per ritrovarla – si è attivata anche la celebre trasmissione televisiva Chi l’ha visto. Viste le circostanze della scomparsa, infatti, è che possa esserle accaduto qualcosa di grave ed è difficile pensare a una fuga volontaria senza telefono e denaro.

Le ricerche in queste ore si stanno concentrando in particolare nella zona del fiume Adige.

CHI E’ NATASHA CHOKOBOK

Natasha Chokobok è di origine rumena e parla perfettamente italiano. E’ alta 1 metro e 67, ha i capelli biondi e gli occhi verdi. Al momento della scomparsa, la donna indossava un giubbino ed una maglia neri, un paio di jeans blu e scarpe da ginnastica blu e bianche.Con sè non aveva documenti e nemmeno il telefono cellulare.

Fonte:BS NEWS

Robert Placinta, 12 anni, cittadino rumeno da 8 anni in Italia, neo baby sindaco del Comune di Troina

Troina – È Robert Placinta, 12 anni, cittadino rumeno da 8 anni in Italia, studente della classe 1ª C della scuola media “Don Bosco”, il neo baby sindaco del Comune di Troina.

Il primo cittadino junior è stato nominato ieri pomeriggio, dai 16 baby consiglieri eletti il 25 marzo scorso, durante la seduta di insediamento convocata dal presidente del consiglio Gaetano Monastra, nell’aula consiliare del palazzo municipale, nell’ambito del progetto di partecipazione attiva delle giovani generazioni alla vita pubblica della comunità, che anche quest’anno l’amministrazione comunale ha rinnovato per la terza volta consecutiva, in collaborazione con i dirigenti scolastici, gli insegnanti e gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola elementare e i ragazzi delle prime e delle seconde delle medie dell’Istituto Comprensivo “Don Bosco” di Troina.

“Ringrazio i consiglieri, gli insegnanti e tutti quanti per il sostegno che mi hanno dato nonostante la mia diversa etnia – ha dichiarato Robert. Sono di nazionalità rumena, ma il fatto che i miei compagni non abbiano avuto pregiudizi, dimostra in realtà quanto i ragazzi siano intelligenti, perché vanno ben oltre i pregiudizi che sono una cosa bruttissima”.

La seduta del neo consesso civico si è aperta con la proclamazione e il giuramento dei piccoli consiglieri eletti che, dopo l’elezione del baby sindaco, che ha ricevuto il passaggio di consegne e la fascia tricolore dal predecessore Martina Scorciapino, in carica dal 2017 fino a ieri, hanno votato anche per le altre cariche previste dalla legislatura.

I 16 baby consiglieri Giuseppe Bottitta, Fabiana Monteforte, Chiara Trovato, Lucia Bottitta, Salvatore Zitelli, Gabriele Siciliano, Giada Siciliano, Greta Calandra, Tommaso Di Muni, Francesco Siciliano, Cristian Ruberto, Robert Placinta, Maria Lucrezia Santoro, Pierpaolo Vela, Mariachiara Testa e Dorotea Bentivegna, rispettivamente 9 per la scuola primaria e 7 per quella secondaria di primo grado, hanno infatti eletto Lucia Bottitta baby presidente del consiglio comunale, Maria Lucrezia Santoro baby vice sindaco e Dorotea Bentivegna baby vice presidente del consiglio comunale dei ragazzi.

“La comunità deve integrare, accettare, accogliere ed essere solidale – ha spiegato l’assessore alla pubblica istruzione Carmela Impellizzeri – e stasera i ragazzi hanno dato una vera lezione di cittadinanza e di grande umanità. Da qui, possiamo partire insieme per seminare tante attività positive e momenti di integrazione ed accoglienza”.

I baby consiglieri, che sotto la guida e il tutoraggio del presidente e dei consiglieri senior saranno chiamati a prendere parte alle iniziative civili, religiose e pubbliche della comunità, parteciperanno al progetto nazionale in rete “Coloriamo il nostro futuro”, che accoglie le scuole ricadenti nei territori dei parchi e delle riverse naturali, di cui fanno parte 85 scuole, 12 regioni e 15 parchi d’Italia.

Una piccola delegazione composta dal baby sindaco, dal baby presidente e da un baby consigliere, dal 13 al 16 maggio prossimo parteciperà al XIX° Convegno Nazionale dei Minisindaci dei Parchi d’Italia, che si terrà a Gaeta (Lt), nel Parco Nazionale della Riviera di Ulisse.

“Stasera abbiamo scritto una bella pagina – ha dichiarato il sindaco Fabio Venezia – , in un tempo in cui soffia purtroppo sempre più spesso il vento dell’intolleranza. È un bel messaggio, frutto delle scelte dei ragazzi, ma anche dell’insegnamento scolastico e dei valori trasmessi dalle famiglie, che arricchisce di un valore autentico la nostra comunità, che dell’accoglienza ha sempre fatto un tratto identitario. Mi auguro che da questa esperienza possa nascere il futuro sindaco della nostra comunità, perché voi ragazzi siete già i cittadini dell’oggi”.

Fonte:Vivi Enna

Poliziotto romeno infiltrato fra i narcos. Due arresti a Torino per traffico internazionale di droga

18 aprile 2019

Per la prima volta in Italia un'operazione di polizia è stata portata a termine utilizzando nel corso delle indagini un agente sotto copertura appartenente ad una forza di polizia straniera. E' accaduto a Torino nell'ambito di un'inchiesta sul traffico internazionale di droga che ha portato all'arresto di due persone.

Nel corso delle indagini, svolte dagli uomini della squadra mobile della questura e dal Servizio centrale operativo della Polizia, un poliziotto rumeno si è infiltrato nell'organizzazione criminale e ha consentito di accertare che il gruppo, che aveva una base operativa a Torino, faceva entrare in Italia e in altri paesi europei grosse quantità di cocaina ed eroina provenienti dal Sud America e in particolare dal Brasile.

Fonte:ANSA

domenica 14 aprile 2019

«Italia e Romania devono cooperare di più nei Paesi terzi»

Intervista al ministro romeno dell’Economia, del Commercio e dell’imprenditoria, Stefan-Radu Oprea

Sta compiendo un vero salto di qualità la cooperazione economica e commerciale tra Italia e Romania. È quanto emerso dagli incontri che il ministro romeno dell’Economia, del Commercio e dell’imprenditoria, Stefan-Radu Oprea ha avuto nei giorni scorsi a Roma con il ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio e poi in un seminario economico organizzato dall’Ice. Come spiega in quest’intervista il ministro Oprea le aziende di entrambi i Paesi, forti di un interscambio da record, «potrebbero investire insieme in Paesi terzi» utilizzando la conoscenza romena dei mercati dell’Europa orientale e il know how italiano per i mercati del Nord Africa.

Nel frattempo anche la mappa della presenza imprenditoriale romena in Italia sta cambiando e si sta specializzando per i servizi legati alla numerosa e sempre più integrata comunità presente nel nostro Paese (oltre un milione e 200 mila persone). Tutte imprese che creano sempre più filiali in Italia, come Banca Transilvania, Blue Air, Digi Mobil o Atlassib.

Ministro Oprea, la presidenza Romena del Consiglio Ue ha tra le sue priorità la promozione del multilateralismo nel commercio internazionale e sostenere i campioni industriali europei nei settori ad alto valore aggiunto.

Con quali strumenti normativi la presidenza romena intende conseguire questi obiettivi?

Il commercio internazionale e il ruolo delle piccole medie imprese nell’economia sono tra le priorità della Presidenza romena del Consiglio Ue.

La Romania promuove un sistema commerciale multilaterale aperto, trasparente e basato su regole precise. La riforma e l’ammodernamento delle funzioni di negoziazione e di risoluzione delle controversie dell’Omc, attraverso l’Organo d’Appello dell’Omc, è un fattore essenziale per preservare la credibilità e la rilevanza del sistema commerciale multilaterale. Inoltre, gli obiettivi nel processo di modernizzazione dell’Omc riguardano il mantenimento delle funzioni di trasparenza e monitoraggio dell’organizzazione, fornendo un quadro più flessibile per i negoziati, riducendo i costi legati al commercio, aggiornando le normative che stabiliscono condizioni di parità per tutte le parti, in particolare per questioni come sussidi industriali, diritti di proprietà intellettuale, trasferimento tecnologico forzato. Abbiamo discusso di questi argomenti anche con le autorità italiane durante tutte le riunioni dei gruppi di lavoro pertinenti, compresa la riunione informale del Consiglio Affari Esteri – Commercio, organizzata a dal 21 al 22 febbraio 2019.

“Una delle priorità del semestre europeo di Bucarest è la salvaguardia del multilateralismo nel commercio”

La strategia e le proposte dell’Ue nell’ambito dell’Omc sono state continuamente aggiornate con il sostegno unanime degli stati membri.

Inoltre, durante la Presidenza romena del Consiglio Ue sono stati adottati due regolamenti dell’Ue, con lo scopo di garantire condizioni di parità a livello globale, tutelando gli interessi dell’Ue in aree strategiche (regolamento sullo screening degli Investimenti Diretti Esteri) e per razionalizzare l’attuazione delle misure di salvaguardia negli accordi di libero scambio conclusi di recente dall’Ue (Regolamento orizzontale sulle disposizioni di salvaguardia). Durante la recente riunione della rete di rappresentanti delle Pmi, svoltasi a Bucarest, ho lanciato la proposta di rivedere lo Small Business Act, al fine di adeguare i principi all’evoluzione dinamica verso la digitalizzazione, nonché alla quota prevalente e al ruolo delle Pmi nell’economia.

Per quanto riguarda i negoziati per il prossimo quadro finanziario pluriennale, vogliamo istituire strumenti per finanziare start-up innovative e di valore, che hanno il potenziale di diventare “unicorni”. Inoltre, penso che creare una rete di incubatori e acceleratori di imprese a livello europeo sia necessario per mantenere le imprese innovative nell’Ue e per creare campioni digitali.

Il Consiglio Europeo informale di Sibiu del 9 maggio riunirà i leader europei per parlare del futuro dell’Ue e di alcuni aspetti prioritari tra cui anche il cambiamento climatico. Che impatto potranno avere le decisioni del summit riguardo gli obiettivi di riduzione delle emissioni di Co2 entro il 2050 dal punto di vista nella politica industriale europea?

Il Consiglio Europeo informale di Sibiu avrà come risultato la direzione politica strategica. Il contenimento delle emissioni di Co2 è una questione di massima importanza per tutti i policy-makers responsabili, e l’Ue è stata in prima linea in questa battaglia. L’attuazione della strategia progettata a Sibiu sarà oggetto della prossima Commissione e del prossimo Parlamento dell’Ue che si presenteranno dopo le elezioni di maggio.

Gli ultimi dati segnalano un nuovo record nell’interscambio commerciale tra Italia e Romania che ha raggiunto il valore di 15,2 mld di euro nel 2018. In quali settori c’è stata maggiore crescita e come vede il futuro dei rapporti commerciali bilaterali e in quali settori?

Le esportazioni romene verso l’Italia consistono principalmente in attrezzatura elettrica, prodotti tessili e abbigliamento, automobili e parti di automobili, prodotti chimici, plastica, gomma e prodotti in metallo. Vogliamo intensificare la cooperazione bilaterale negli altri settori, quali: infrastrutture civili, ITC, energia, automotive ed e-mobility, bio-agricoltura. Inoltre, abbiamo una proposta concreta per promuovere la cooperazione commerciale tra Romania e Italia sui mercati terzi. Le aziende di entrambi i Paesi dovrebbero approfittare del fatto che la Romania ha il vantaggio geostrategico come piattaforma per i Paesi dell’Europa orientale e ha esperienza per quanto riguarda i Paesi del Medio Oriente. Allo stesso tempo, l’Italia ha la tradizione e l’esperienza sui mercati del Nord Africa. Esplorare e capitalizzare tali opportunità di cooperazione porterà un valore aggiunto alla cooperazione economica bilaterale. Promuovere e stimolare la cooperazione commerciale sui mercati terzi favorirà sicuramente l’occupazione, aiuterà l’internazionalizzazione delle imprese e creerà una nuova dinamica per lo sviluppo economico.

Tramontata ormai la stagione della delocalizzazione delle imprese italiane in Romania nei settori maturi, quali sono i settori su cui gli investitori italiani si devono concentrare?

Esiste un enorme potenziale per la crescita e la diversificazione delle relazioni economiche, e ciò andrebbe a vantaggio di entrambi i Paesi. Vorrei nominare alcuni settori, come Information Technology, Comunicazioni, nanotecnologie, chimica, attrezzature mediche, industria aerea, mobili, turismo.

Negli ultimi anni, la Romania ha registrato la maggiore crescita del Pil nell’Ue, e un mercato in crescita è l’incentivo più grande per gli investitori. La previsione di crescita del Pi per il 2019 è superiore al 5%.

“Esiste un enorme potenziale di crescita per l’Italia in Romania. Information technology, nanotecnologie e industria aerospaziale sono i settori più interessanti”

Il Ministero romeno per il Commercio e l’Imprenditoria ha un dipartimento chiamato InvestRomania, che è il “one-stop shop” per gli investitori stranieri. Il nostro obiettivo principale è attrarre investimenti diretti esteri in aree che apportano valore aggiunto ed esportazioni competitive. Inoltre, il governo romeno ha elaborato progetti concreti di Partenariato pubblico-privato, in infrastrutture, agricoltura, sanità, energia e turismo, e invitiamo gli investitori italiani a partecipare al processo di negoziazione competitiva.

Com’è cambiata negli ultimi tempi la mappa della presenza degli imprenditori romeni in Italia?

Secondo i dati statistici, in Italia c’è una comunità romena di 1,2 milioni di persone. Possiamo vedere che l’iniziativa imprenditoriale dei residenti romeni in Italia è in aumento: nel 2018 sono state registrate 14.200 società di capitale, 11.400 società di persone e oltre 49.300 imprese individuali con titolari romeni.

Le aziende romene mostrano un crescente interesse nel mercato italiano e nei servizi legati alla comunità romena. Questo fatto genera nuove imprese, come sempre più aziende romene che creano filiali in Italia, come Banca Transilvania, Blue Air, Digi Mobil o Atlassib.

Fonte:Il Sole 24 ore

venerdì 12 aprile 2019

Romania:L'economia romena è cresciuta del 4,1% nel 2018.Lo hanno confermato nuove valutazioni dell'Istituto nazionale di statistica di Bucarest.

Secondo nuove stime dell'Istituto statistico nazionale

L'economia romena è cresciuta del 4,1% nel 2018. Lo hanno confermato nuove valutazioni dell'Istituto nazionale di statistica di Bucarest.

In termini assoluti - riferisce il portale Romania Insider - il Pil nominale romeno nel 2018 è stato rivisto al rialzo dello 0,4% rispetto a una prima stima, portandolo a circa 202,9 miliardi di euro. Secondo le ultime previsioni economiche della Commissione europea, l'economia romena crescerà del 3,8% quest'anno e del 3,6% nel 2020, in rallentamento rispetto al 7% registrato nel 2017.

"La composizione della crescita dovrebbe rimanere abbastanza stabile, con i consumi privati che rimangono il principale motore" dell'economia nazionale, ha affermato la Commissione, sottolineando che "l'evoluzione degli investimenti nel 2019 dipenderà in gran parte dall'impatto delle politiche introdotte nel dicembre 2018 in relazione ai settori bancario, energetico e delle telecomunicazioni". 

Fonte:ANSA

Nicolae Dabija ospite del Premio Chiara

Lo scrittore moldavo sarà ad Azzate giovedì 11 aprile alle ore 20,45 , in Sala Triacca, per presentare il suo romanzo "Compito per domani"

Lo scrittore moldavo Nicolae Dabija sarà ad Azzate giovedì 11 aprile alle ore 20,45 , in Sala Triacca, ospite della Pro Loco e del Comune per presentare il suo romanzo “Compito per domani” , edito dalla Graphe.it e tradotto da Olga Irimciuc (nel video sotto la traduttrice racconta il libro).

L’evento è inserito nel programma del Festival del Racconto 2019, Premio Chiara e sarà presentato dal giornalista varesino Cesare Chiericati.

Nicolae Dabija è un importante poeta e romanziere di lingua romena, membro onorifico dell’Accademia di Romania che ha deciso di candidarlo al prossimo Premio Nobel per la Letteratura. L’autore, oltre ad essere un affermato letterato, è anche un politico.
È stato membro del primo parlamento democratico moldavo e uno dei fautori del ritorno alla scrittura latina della lingua romena (durante l’URSS i moldavi erano obbligati a scrivere in cirillico). Il volume “Compito per domani” è considerato dalla critica e dalle migliaia di lettori che si sono appassionati e commossi dalla sua lettura, la più bella storia d’amore degli ultimi tempi al punto da paragonare i protagonisti del romanzo, Mihai e Maria, a dei redivivi Romeo e Giulietta.

Il libro narra infatti di un intenso ma travagliato amore vissuto negli orrori di un gulag sovietico, in Siberia. Un racconto di straordinaria intensità che svela il dramma delle deportazioni subite dai cittadini romeni abitanti la regione della Bessarabia (odierna Repubblica Moldova) in seguito allo scellerato Patto Molotov-Ribentropp con il quale la Germania e la Russia, nel 1939, si spartirono territori europei segnando il destino di milioni di persone.


Quest’anno ricorrerà l’80º anniversario della firma del trattato e è uno stimolo per conoscere ed approfondire un periodo storico poco noto. Il volume “Compito per domani” è il libro più letto nella Repubblica Moldova negli ultimi 50 anni.

È stato tradotto ed editato in Francia, USA, Germania, Bulgaria, Macedonia ed altri Paesi.

L’edizione italiana del libro è stata promossa dall’Associazione Italia-Moldavia che da anni è impegnata nella traduzione e divulgazione in Italia di autori di lingua romena.



Fonte:Varese News

Lingua, cultura e civiltà italiana e romena: Melone in prima fila

Nei prossimi giorni una delegazione della scuola romena daranno il via al progetto pilota per la promozione della lingua, cultura e civiltà romena e italiana e l’integrazione nel sistema dell’insegnamento di massa degli allievi rientrati nel proprio paese di origine.

Con il patrocinio dell’Ambasciata della Romania in Italia, il Comune del Municipio di Fagaras, il Comune di Ladispoli, l’Istituto della Lingua Romena di Bucarest e il giornale “Monitorul” di Fagaras si svolgerà, nel periodo 10-14 aprile 2019, la seconda parte del partenariato tra il Collegio Nazionale “Radu Negru” di Fagaras e l’Istituto Comprensivo “Corrado Melone “ di Ladispoli che ha come obiettivo la collaborazione tra le due comunità e istituzioni scolastiche al fine di incrementare il prestigio delle unità coinvolte nella promozione della cultura e della civiltà romena e italiana.

Nei prossimi giorni una delegazione della scuola romena formata da 6 docenti, la dirigente scolastica, la vicaria e 3 studenti daranno l’inizio al progetto pilota per la Promozione della lingua, cultura e civiltà romena e italiana e l’integrazione nel sistema dell’insegnamento di massa degli allievi rientrati nel proprio paese di origine.

Il Comune e la Scuola “Radu Negru” di Fagaras hanno sostenuto gli invitati italiani, docenti, genitori e gli studenti dell’Istituto Comprensivo “C. Melone” nel soggiorno nella città Fagaras e nello svolgimento delle attività didattiche e scambi culturali nell’anno scolastico 2017-2018, ora è la volta di Ladispoli di accogliere gli ospiti romeni.

La prima accoglienza avverrà nell’aula “Storti” con il saluto ufficiale del Sindaco Grando, seguirà poi accoglienza presso la sala teatro della “Corrado Melone” per ascoltare gli inni italiano, romeno ed europeo. Quindi la delegazione visiterà la Scuola entrando nelle classi e partecipando alle lezioni curricolari, come nei giorni seguenti.

Venerdì pomeriggio l’assessora Cordeschi accompagnerà la delegazione romena a visitare la sagra del carciofo. La visita si concluderà domenica, dopo l’immancabile visita a Roma.

Il nostro saluto va quindi alla prof.ssa Racu Maria (dirigente scolastico); prof.ssa Micu Elena (sua vicaria); inss. Mija Teofil, Novac Teodora, Boeriu Maria, Constandin Monica (insegnanti di Scuola Primaria); proff. Mogos Anca e Dudan Cristina (docenti di secondaria); Mogos Ana Maria, Mija Vanesa e Gheorghe Tudor (allievi della Scuola «Radu Negru»).(Angela Nicoara)

Fonte:Baraonda News

Sanremo: laboratorio di interculturailtà al nido. Bimbi sperimentano ricetta dolce rumeno

Al nido di infanzia Villa Peppina di Sanremo, gestito dalla Coop. Jobel, si sperimenta l’interculturalità sin dalla tenera età, anche attraverso il cibo.

Venerdì scorso, 5 aprile, a tal proposito, una mamma di origine rumena, il cui figlio frequenta il nido, ha preparato la ricetta di un tipico dolce della sua terra, il Poale în brau. In diretta come fosse un vero e proprio show-cooking, i piccoli spettatori hanno poi messo letteralmente le mani in pasta, provando a lavorare loro stessi gli ingredienti. L’impasto è stato poi cotto nel fornetto e gustato nel pomeriggio come merenda. I bambini erano incuriositi da questa novità, si sono infatti subito divertiti e trovati a proprio agio con l’attività da fare insieme.

Il nido quest’anno ospita 17 bimbi ,metà dei quali hanno un genitore o entrambi di nazionalità diverse: tra cui Brasile, Algeria, Marocco, Francia, Romania ed Ecuador.

Così l’equipe del nido composta dalle educatrici e dalla Coordinatrice Lucrezia Ciocca, ha inserito all’interno della programmazione tra le altre cose anche il laboratorio di interculturalità, realizzando diverse attività inerenti, come questa dove il nido apre le porte ad un familiare per cucinare assieme ai bimbi un piatto tipico del proprio paese d’origine.

Fonte:Imperia Post

“Sindrome Italia, nella clinica delle nostre badanti”. Lettera aperta a Francesco Battistini, Corriere della Sera

“Sindrome Italia, nella clinica delle nostre badanti”. Lettera aperta a Francesco Battistini, Corriere della Sera di Ingrid Beatrice Coman-Prodan, scrittrice

Ho letto il Suo articolo “Sindrome Italia, nella clinica delle nostre badanti” (pubblicato il 7 aprile 2019).Trovo salutare che un giornalista italiano accenda i riflettori su una realtà così triste e nascosta agli occhi dei più come quella delle condizioni disumane in cui lavorano le badanti in Italia.

La ringrazio anche di avermi coinvolta con la Sua gentile intervista telefonica, del resto molto apprezzata, cordiale e professionale. Leggendo però il suo articolo mi è venuto un nodo alla gola e mi sono sentita sopraffatta da un senso di tristezza e di ingiustizia: come essere umano con le radici proprio nella terra di cui Lei parla, che mi ha dato la vita e la forza di andare avanti onorando le mie origini, di cui vado proprio fiera; come cittadina di quel paese tante volte trascinato nel fango senza colpa, se non quella di dover sopravvivere nella giungla infernale di politiche e politicanti di turno; come scrittrice a cui è stato concesso il privilegio di scrivere in romeno e in italiano, due lingue che amo ugualmente e che sono ormai tessute profondamente nell’intreccio della mia anima, spesso toccando temi delicati e dolenti come quello in questione.

Il suo lavoro, Signor Battistini, è lodevole e Le siamo tutti grati. Ma forse non è abbastanza. Non quando le cose vengono mistificate e presentate attraverso una lente fuorviante. Occorre maggiore sensibilità e si deve stare attenti a non ferire ulteriormente quell’umanità su cui posa lo sguardo e ne ritrae la storia.

Non si tratta di avere torto o ragione. Cosa ce ne facciamo poi? È questione di rispetto e gratitudine verso i posti che ci hanno ospitato e attenzione alla sensibilità degli esseri umani su cui la nostra penna si sofferma.

Le scrivo questa lettera, affinchè magari la prossima volta posi lo sguardo in modo più attento e più compassionevole sulla realtà che La circonda. A Lei e soprattutto ai Suoi lettori, qualche piccolo chiarimento, per amore della verità che dovrebbe accompagnare il nostro lavoro sempre e ovunque, perché sa, in quel momento Lei presta lo sguardo al lettore e, in un certo senso, all’umanità stessa, in modo che vedano attraverso le sue parole ciò che Dio non ha concesso loro di guardare con i propri occhi.

Per cominciare, Lei non è arrivato “nella regione più povera dell’Ue”, come Lei stesso si esprime, in groppa a un mulo, bensì su un aereo vero e proprio, atterrato in uno degli aeroporti più vecchi della Romania, da poco ristrutturato e allargato, che solo nel mese di marzo, quando Lei viaggiava, ha registrato oltre 95 mila passeggeri. Vi operano quattro compagnie aeree che coprono ventitre destinazioni, 20 di cui internazionali. Da Iaşi si può prendere un aereo diretto verso Parigi, Barcellona, Londra, Roma, Torino, Milano (Bergamo), Venezia, Catania, Bologna, Bruxelles e altre destinazioni nel mondo.

La regione che Lei rappresenta attraverso foto di quattro panni stesi ad asciugare in qualche sperduta campagna è una della città di cui la Romania va fiera, dove la cultura incontra la spiritualità, custode di meravigliosi monumenti e tradizioni, di castelli appartenuti ai principi romeni, impregnati di storia, veri e propri capolavori di architettura. Iaşi dai setti colli, proprio come Roma, non è la periferia squallida dell’Europa moderna, come Lei suggerisce con immagini fuorvianti. Iaşi è una città elegante e graziosa, ospitale e generosa. Dalla natura all’architettura, è un posto che ti resta nel cuore. Capitale della Moldavia e, in due momenti cruciali della storia, anche della Romania, la città ha dato al patrimonio nazionale e internazionale degli inestimabili valori materiali e spirituali e ha scritto pagine gloriose nella storia della Romania, che rimarranno per sempre nella coscienza del popolo romeno. Notevole centro universitario, conta oltre 60.000 studenti ogni anno nelle 5 università statali e 3 università private.

Lei parla della “Iaşi delle cento chiese”. Mi chiedo se ha avuto modo e tempo di visitarne almeno una. La prenda con calma, perché non solo vi troverà le cento e più chiese promesse, dalla grande Cattedrale (Mitropolia) fino ala più piccola e graziosa chiesetta di quartiere, ognuna carica di storia e preghiera, ma la città stessa è circondata da una trentina di monasteri unici per bellezza e memoria storica e spirituale, alcuni di loro costruiti da principi e voivodi che hanno fatto la storia e costruito il mondo come lo conosciamo oggi. Solo per nominarne una, la chiesa “Trei Ierarhi” è patrimonio UNESCO, insieme a numerose altre chiese e monasteri della Moldavia. Forse ricorderà, o magari no, che nella classifica dei “Sette teatri che tolgono il fiato”, realizzata dalla BBC British Television, nel 2015, Teatrul Naţional “Vasile Alecsandri” occupava il secondo posto, dopo il Bristol Hippodrome Theatre of Great Britain. Tra i classificati, ci sono anche: il Teatro Olimpico (Vicenza), il Teatro La Fenice (Venezia), Palais Gariner (Parigi), Globe Theatre (Londra), War Memorial Opera House (San Francisco).

Iaşi non è una città povera, ma una città impoverita. Dalla storia, a volte ingiusta, che l’ha vista capitale nei momenti più duri della storia romena, quando Iaşi fece il suo dovere con dignità, mettendo sul piatto più di quanto possedeva, persino pezzi della propria anima, per salvare il destino della Romania e dei suoi rè, debiti che non Le furono mai pagati. Impoverita dai suoi abitanti migliori, che spesso si vedono costretti a cercare fortuna altrove, e non solo badanti, ma anche medici, insegnanti, musicisti, scrittori, attori, tecnici o semplicemente sognatori. Impoverita da signori come Lei, purtroppo, che spendono del tempo in un posto così unico e meraviglioso e ne portano a casa da raccontare il peggio, lo squallore, la povertà quasi come vizio, il vuoto e l’abbandono. Sarebbe come giudicare Milano da una foto scattata sulla tangenziale di notte, per indicare alle famiglie dove andare a fare il picnic di giorno. Trovo ingiusto giudicare una città dai suoi angoli più squallidi. Lei non scrive nulla di università, biblioteche (la biblioteca dell’Università Tecnica Gheorghe Asachi di Iaşi è stata dichiarata la prima al mondo come bellezza, seguita dalla Biblioteca Regale Portoghese di Rio de Janeiro, Il Collegio Trinity di Dublino, Biblioteca Nazionale di Praga e Biblioteca Nazionale di Parigi), cattedrali, monasteri, teatri, musei, scuole di prestigio e parchi secolari, ma descrive “le sale scommesse e locali di striptease”, come se queste non fossero una triste realtà in tutte le città del mondo, passando così, ingiustamente ed erroneamente, il messaggio che la Romania sia un posto di donne facili e bambini affamati e puzzolenti, che crescono come cani randagi alla rinfusa per le strade, mentre le loro madri vanno a pulire i sederi degli anziani altrui e si dimenticano di tornare. Tutti clichè superficiali, tristi e anche un po’ datati.

Gli orfani bianchi non sono soltanto il risultato delle badanti che lavorano in Italia, ma il prodotto triste di una società portata sempre più alla disumanizzazione delle persone, trasformate in meri numeri.

Molti di loro hanno dignità da venderci. Sono rispettosi dei propri genitori, della vita, del lavoro duro e del denaro guadagnato onestamente. E le loro madri non spariscono, cambiando scheda telefonica, per non farsi più trovare. Questa è un’affermazione tendenziosa e ingiusta. Una generalizzazione umiliante e non veritiera. Lavorare all’estero non rende una madre snaturata e irresponsabile per definizione. Lei avrà incontrato dei casi isolati, nesuno lo nega, ma dobbiamo guardare la foresta nel suo insieme, e non giudicarla dall’ultimo albero abbattuto.

I bambini di Iasi, tra l’altro, molti di loro con i genitori partiti per lavoro all’estero, madri e padri, alcuni proprio figli di badanti, sono noti per le medaglie vinte alle olimpiadi nazionali e internazionali di Scienze, Scienze della Terra, Filosofia, Matematica, Chimica, Fisica, Biologia, Geografia, Astronomia. Le madri tornano eccome, il più delle volte, tornano e danno un senso al loro sacrificio, tenendo insieme la famiglia e mandando i figli a studiare, così magari riusciranno a guarire le nostre ferite di domani.

Aproposito, Botoşani non è un villaggio, come non lo è la Lombardia, ma una regione che conta oltre 400.000 abitanti. Eminescu non è un “poeta locale”. Sarebbe come dire che Leopardi è un poeta locale di Recanati. Eminescu è il nostro poeta nazionale, la cui poesia ci viene passata con il latte delle nostre madri e che fa venire brividi e un tonfo al cuore ad ogni romeno in ogni parte del mondo.

E, visto che lo cita, per amor’ del cielo, lo faccia con rispetto e precisione:

Non è: “Mi am un singur dor/ în linistea serii/ sa ma lasati sa mor”,
ma precisamente: “Mai am un singur dor:
În liniştea serii
Să mă lăsaţi să mor
La marginea mării”.

La lingua romena, come la lingua italiana, come tutte le lingue, ha la sua dignità che un uomo di cultura come Lei non dovrebbe negarle.

Per la cronaca, anche Botoşani è una città piena di università, chiese, monasteri, palazzi, biblioteche, collegi e musei. Mi dispiace, non ho fatto in tempo ad informarmi sui club di striptease.

Ora noi non pretendiamo che Lei parli la nostra lingua. Per Sua fortuna noi parliamo la Sua. Ma che la rispetti, questo sì, come noi rispettiamo ciò che di buono il Suo popolo ci ha dato.

Non pretendiamo che Lei conosca la storia di Iaşi o Botoşani. Nemmeno che sappia dove si trovano sulla piantina o che siano storiche regioni o semplici “paeselli”. Del resto può non nominarle affatto. Ma se lo fa, se decide di includerle nei Suoi scritti, renda loro almeno giustizia.

Non mi stancherò mai di ribadire quanta responsabilità ci sia nella penna di chi scrive. Prestiamo i nostri occhi per vedere.

Il nostro cuore per sentire.

Lasciamo allora che la verità guidi la nostra penna. È un atto di giustizia, a volte l’unico ancora possibile, verso gli altri e anche verso noi stessi.

Fonte:Cultura Romena

Asociația Românilor din Italia,Scrisoare deschisă către președintele Iohannis: Sunteți de acord cu unirea românilor de pretutindeni?

Scrisoare deschisă către președintele Iohannis
Roma, 9 aprilie 2019

Domnului Klaus Iohannis,
Preşedintele României

Sunteți de acord cu unirea românilor de pretutindeni?

Recenta hotărâre a președintelui Klaus Iohannis de a convoca pe 26 mai – o dată cu scrutinul europarlamentar – un referendum pe probleme de justiție, cu două întrebări care nu se încadrează în prevederile Constituției actuale, este – de departe – o încercare de manipulare electorală, neavând, pe fond, nicio finalitate. Președintele Iohannis încearcă să exploateze sentimentele firești de onestitate și cinste ale marii mase populare, invitând-o – implicit, dar și fără scrupul - să voteze nu pentru partidul aliat PNL, ci pentru alianța USR – PLUS, formațiunea politică așa-zis rivală, al cărei slogan este “Fără hoție, ajungem departe.”

Din nou se induce confuzia voită între a fi cinstit și a fi competent – care sunt lucruri diferite. Cel mai bun exemplu îl constituie chiar cel care convoacă referendumul. Domnul președinte Iohannis ne-a promis de multe ori - nouă, românilor stabiliți în străinătate - sprijinul și atenția, pe care le-a decretat, în februarie 2016, ca fiind “o prioritate” pentru mandatul său. Chiar pe site-ul Administrației Prezidențiale – sub titlul “Preocuparea Preşedintelui României pentru românii din afara graniţelor a creat noi premise pentru acordarea de facilităţi în relaţia cu statul”, se indică 25 de măsuri punctuale (listate apoi), care ar fi fost luate de statul român “pentru a diminua impactul distanţei resimţite de românii de peste graniţe faţă de ţară şi pentru a le facilita accesul la serviciile la care sunt îndreptăţiţi.”

În primul rând, dacă le numărăm, ca în piesa lui Caragiale, nu sunt 25, ci sunt 21. Și, în al doilea rând, nu mai puțin decât 9 dintre ele fie nu s-au născut, fie s-au născut, dar au murit repede, situație la care nu e mai puțin adevărat că și guvernul are partea lui de responsabilitate. Printre nereușite, din păcate, cele mai importante: Centrele comunitare românești – care nu există nicăieri, Consiliul Românilor de pretutindeni – mort și îngropat, Diaspora Start Up – eșec, AgroDiaspora – o perdea de fum, Diaspora Business Summit – altă perdea de fum, Transparență și consultări publice - zero barat, Votul prin corespndență – o bătaie de joc, Copii singuri acasă – o păcăleală etc. Ca și referendumul, toate sunt forme fără fond, adică – propagandă.

În spatele propagandei, se află însă tristul adevăr, exprimat, probabil fără să vrea, de către doamna Sandra Pralong, consiliera președintelui pe problemele Diasporei, care, participând, în anul 2016, la o manifestare publică în Spania, spunea: “Statul român nu mai e un stat cum era înainte de ‘89, un stat asistențial (...) Românii nu au nevoie de ajutorul statului român, ci au nevoie de respect și de un stat care să le recunoască meritele. (...) Deci prezența mea aici este pentru a vă saluta și a vă recunoaște capacitatea, ca români, să nu aveți nevoie de statul român, iar noi să arătăm lumii ce putem face.” (Citat preluat din Ziarul românesc din Germania.) Cu alte cuvinte – bună ziua și la revedere, dragi români din străinătate! Și dacă se poate, votați-ne ca în 2014!

Dar cu cele 25 de măsuri neimplementate cum rămâne? De aceea spuneam că, pentru reușită, în orice domeniu, nu e suficient să nu fii hoț, mai trebuie să fii și competent! E cazul poate să spunem: Domnule președinte, deși nu ați consultat românii din străinătate cu ale căror voturi și presiuni în țară v-ați ales în 2014, n-ar fi fost mai bine, ca în loc de două întrebări neconstituționale și diversioniste, susceptibile de a adânci dezbinarea din societatea română, să ne fi întrebat, la referendum, simplu: Sunteți de acord cu unirea românilor de pretutindeni? Poate că, atunci, românii se vor fi gândit de două ori înainte de a vota pe 26 mai. Așa, văzând o nouă formă fără fond, s-ar putea să nu se mai gândească deloc...

Eugen Terteleac
Preşedinte Asociaţia Românilor din Italia
Associazione dei Romeni in Italia
Via del Fringuello, 50 A,
Roma
Tel. +39 06263162
www.associazionedeiromeni.it

martedì 9 aprile 2019

Spectacolul "Corp străin" @ Teatro Palladium din Roma

Miercuri, 10 aprilie 2019, ora 19:00, la Teatrul Palladium din Roma (Piazza Bartolomeo Romano 8, Roma), Accademia di Romania in Roma și Teatrul Evreiesc de Stat, cu patronajul Ambasadei României în Italia, în parteneriat cu Fundația Roma Tre – Teatro Palladium din Roma, prezintă spectacolul Corp străin – o producție a Teatrului Evreiesc de Stat din București. Spectacolul aduce în fața publicului de orice naționalitate și de toate vârstele un subiect actual de mare interes, într-o abordare ne tezistă, intimă și emoționantă.

Regia: David Schwartz

Scenografia: Mișa Dumitriu

Actori: Iolanda Covaci, Alexandra Fasolă, Anka Levana, Alice Monica Marinescu, Fatma Mohamed și Katia Pascariu Muzica: Mihai Prejban (chitară), Feras Sarmini (vioară), Juan Negretti (percuție) și Sorin Antonie (clape)

Artist asociat: Ioana Florea


Intrarea liberă în limita locurilor disponibile. Rezervarea obligatorie la: accadromania@accadromania.it

Sinopsis:

Spectacolul de teatru “Corp străin” pornește de la istoriile personale și de familie ale echipei de creație a spectacolului legate de identitate, migrație și război. Artistele și artiștii implicați împărtășesc experiențe personale, documentează poveștile de viață ale rudelor lor și investighează mecanismele care generează experiențe de „corpuri străine”. În funcție de context, fiecare poveste de viață are propriile particularități și ne provoacă să regândim permanent identitatea și condiția „străinei” și „străinului”, dar și să ne conștientizăm și să ne autoevaluăm prejudecățile. Spectacolul își propune susținerea unui discurs solidar și empatic în legătură cu fenomenul migrației și refugiului și o analiză critică a structurilor socio-economice care conduc la amploarea fenomenului migrației și construcției „străinului” în contextul geo-politic din prezent, dar și la nivel istoric.

-------------------------

Lo spettacolo "Corpo straniero" @ Teatro Palladium di Roma

Mercoledì, 10 aprile 2019, ore 19:00, presso il Teatro Palladium di Roma (Piazza Bartolomeo Romano 8, Roma), l’Accademia di Romania in Roma e il Teatro Ebraico Statale di Bucarest, con il patrocinio dell’Ambasciata di Romania in Italia e in partenariato con la Fondazione Roma Tre – Teatro Palladium di Roma, presenterà lo spettacolo Corpo straniero– una produzione del Teatro Ebraico Statale di Bucarest. Lo spettacolo propone al pubblico di qualsiasi nazionalità e di ogni età un tema quanto mai attuale e interessante, in un approccio intimo e commuovente.

Regia: David Schwartz

Scenografia: Mișa Dumitriu

Attori: Iolanda Covaci, Alexandra Fasolă, Anka Levana, Alice Monica Marinescu, Fatma Mohamed e Katia Pascariu

Musica: Mihai Prejban (chittara), Feras Sarmini (violino), Juan Negretti (percussioni) e Sorin Antonie (tastiere)

Artista associato: Ioana Florea

Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Prenotazione obbligatoria a:accadromania@accadromania.it

Sinossi:

Lo spettacolo teatrale “Corpo straniero”parte dalle autentiche storie personali e familiari dell’equipe di creazione dello spettacolo, storie che parlano dell'identità, della migrazione e della guerra. Gli artisti condividono esperienze personali, documentano le storie di vita dei loro parenti e indagano i meccanismi che generano esperienze di "corpi stranieri", ovvero di alterità.A seconda del contesto, ogni storia di vita ha le sue peculiarità ed è per gli spettatori una provocazione a ripensare la situazione di chi deve far fronte perennemente alla condizione di straniero o di straniera, ma anche di rivalutare i propri preconcetti ed eventuali pregiudizi. Lo spettacolo mira a sostenere un discorso solidale ed empatico sul fenomeno della migrazione e del rifugio e un'analisi critica delle strutture socio-economiche che portano al fenomeno della migrazione e della costruzione degli "stranieri" nel contesto geopolitico attuale, ma anche in una prospettiva storica.

Accademia di Romania in Roma

Mostra d'arte contemporanea Ion Sălișteanu: 90 anni dalla nascita, fino al 25 aprile


25 March 2019 - 25 April 2019
Ion Sălișteanu: 90 anni dalla nascita
Mostra d'arte contemporanea

Fra il 25 marzo e 25 aprile 2019, l'Accademia di Romania in Roma organizza la mostra d'arte contemporanea Ion Sălișteanu: 90 anni dalla nascita nella Galleria d'arte dell'Accademia, Viale delle Belle Arti 110.
ION SĂLIŞTEANU (1929-2011) Nato il 6 ottobre 1929 a Pitesti, Romania. Dopo la laurea all’Istituto di Belle Arti “Nicolae Grigorescu” di Bucarest, nel 1955, inizia la carriera didattica nella sezione di Pittura della stessa prestigiosa accademia di arte. Nello stesso anno diventa membro dell’Unione degli Artisti Plastici, e nel 1968 viene eletto come vicepresidente di questa. Nel 1999 viene eletto a Presidente Onorario dell’UAP. Dal 1954, anno del suo esordio come pittore, espone regolarmente nelle grandi manifestazioni artistiche in Romania e all’estero. É interessato al rapporto tra l’arte e lo spazio sociale, all’arte medievale e bizantina, alle ipostasi della pittura moderna e contemporanea. É autore di oltre 4000 lavori, avendo come tecnica prediletta il dipinto in acrilico su tela e su carta; molti di questi sono stati esposti in oltre 200 mostre di arte romena in tutta l’Europa e negli Stati Uniti. Lavora su grandi cicli tematici, interessato al rigore delle forme della natura, sotto il forte impulso della sete d’ordine, di colore, di luce. Tra questi cicli, nella sua ultima mostra personale (Bucarest, Gallerie Apollo, gennaio 2010) vanno ricordati: „Energie minerali”, „Frutti e semi”, „Vitalità vegetale”, „Spunti etnografici”, „Ignoto pianeta”, „Lo spazio degli angeli” e „Rappello del sacro”. Viene invitato a esporre nell’ambito delle grandi manifestazioni culturali romene e all’estero, con numerose presenze in musei d’arte, gallerie, tra cui vanno ricordati: La Biennale Internazionale di Venezia (1970); la Galleria di Klagenfurt (1973); le mostre personali delle Sale Dalles (1975, 1979 e 1980); il Museo Nazionale d’Arte di Bucarest (1989); La Triennale di Sofia (1996); l’apertura del Centro Culturale Kalinderu, Bucarest (2000); la Biennale Internazionale di Pechino (2002); la mostra al Palazzo del Parlamento Europeo di Bruxelles (2004); la mostra permanente al Museo “Ion Sălişteanu” di He-Ze, Cina (2002); i saloni d’arte di Grand Palais, Parigi (2008) e Sarria, Spania (2008).

E’ stato una presenza permanente nei campi creativi, convegni e incontri in Romania e all’estero, tali: Kuopio (Finlandia), Lemnos (Grecia), Izmir (Turchia), Tours Fondette (Francia), Verbania, Lago Maggiore (Italia), Norimberga (Germania). Lungo gli anni gode di riconoscimento pubblico, con numerosi premi e onorificenze, tra cui:

1968 – Ordine “Al Merito Culturale”

1971 – Premio del Ministero della Cultura (ex aequo)

1972 – Premio dell’Accademia Romena

1981 – Premio Internazionale degli Artisti Professionisti ”Trionfo” (Roma)

1983 – Premio Internazionale “Pace” (Roma)

1983 – Premio Internazionale “Omaggio a Picasso” (Palazzo Barberini, Roma)

1996 – Premio della Triennale Internazionale, Sofia

1996 – Cittadino Onorario della città natale, Piteşti

1999 – Gran Premio dell’Unione degli Artisti Plastici

1999 – eletto Presidente Onorario dell’Unione degli Artisti Plastici

2000 – Ordine Nazionale “Stella della Romania” in grado di ufficiale

2006 – membro corrispondente dell’Accademia Romena

2007 – Premio della Giuria della Biennale Internazionale di Ara

2008 – Diploma “In Honoris” del Municipio di Bucarest Tra i volumi di studi sull’arte di Ion Sălișteanu vanno ricordati:

1976 – Octavian Barbosa, Dicţionarul Artiştilor Români Contemporani, Meridiane, Bucarest

1976 – Vasile Drăguţ, Vasile Florea, Dan Grigorescu, Marin Mihalache, Pictura românească în imagini, Meridiane, Bucarest

1978 – *** Mic dicţionar enciclopedic, Editura Ştiinţifică şi Enciclopedică, (1978 e succ.) 1980 – Dan Grigorescu, Ion Sălişteanu, Meridiane, Bucarest 1982 – Constantin Prut, Dicţionar de artă modernă, Albatros, Bucarest.

1982 – Vasile Florea, Arta românească modernă şi contemporană, Meridiane, Bucarest

1997 - Ion Sălişteanu (coord.), Ion Sălişteanu (cu o selecţie de texte critice) [Ion Sălişteanu (con una racolta di testi critici], Daim, Bucarest

2002 – Constantin Prut, Dicţionar de artă modernă şi contemporană [Dizionario di arte moderna e contemporanea], Univers Enciclopedic, Bucarest

2002 – *** Who’S Who în România, Edizione Princeps, Pegasus Press 2006 – Mihai Oroveanu (coord.), Ateliere de artişti din Bucureşti [Botteghe di artisti di Bucarest], Noi Media Print, Bucarest

2007- Alexander Mihai Popovici, Popovici Art Collection, Kondyl

2007 – *** Enciclopedia personalităţilor din România, Hübner’s Who Is Who

2009 – Mihai Vişinescu (coord.), Artişti plastici români contemporani. Ion Sălişteanu, MasterPrint SuperOffset.

L’artista si spegne sereno all’età di 81 anni, il 25 maggio 2011 nella sua abitazione di Bucarest, come serena è stata la sua intera vita. Per cura e generosità della famiglia, dopo la scomparsa dell’artista sono state inaugurate sette mostre temporanee IN MEMORIAM ION SĂLIȘTEANU presso musei d’arte in Romania e non soltanto (ott. 2011 Călărași; marzo 2012 Galați;aprile 2012 Curtea-de-Argeș; maggio 2012 Timișoara; ott. 2012 Ruse, Bulgaria; nov. 2012 Giurgiu; febbr. 2017 Slobozia) e sono state aperte sei sale ION SĂLIȘTEANU ad esposizione permanente nei musei di Pitești, Reșița, Caransebeș, Călărași, Bistrița, nonché nell’atrio del Teatro Nazionale di Bucarest. Nell’anno in cui l’artista avrebbe compiuto 90 anni, l’Accademia di Romania in Roma riceve in dono una serie di lavori rappresentativi per varie tematiche, tecniche e tappe di lavoro dell’opera dell’artista.

“L’arte inizia quando scompare l’ultima traccia di superbia, e con questa qualsiasi pensiero impuro o interesse materiale, ogni vana consapevolezza di competenza, laddove nulla può essere pagato o dirottato, dove la volontà, l’esistenza, l’energia, l’intero essere si trasformano in un alone di amore onnicomprensivo che carica l’immagine artistica con il magico potere della confessione, con rivelazioni e un tentativo di rigenerare e riscattare. È il punto in cui l’arte diventa la scienza più vera, la più esatta, attraverso il modo in cui raggiunge lo spirito e il destino umano, così come la cellula vivente può diventare, geneticamente, pelle, ossa, cornea trasparente o essere singolare, irripetibile.” (Ion Sălișteanu, 1997)

“So che l’infinito non dev’essere cercato lontano. Tutto ciò che va scoperto, lo portiamo con noi.” (Ion Sălișteanu, 2000)

“Ion Sălișteanu è un costruttore, un riflessivo. Riscoprendo le strutture essenziali delle architetture della natura, le capisce come il fondamento razionale della pittura stessa. Nella sua opera, l’ordine e la simmetria sono condizioni della libertà delle forme. L’idea logica ha l’ampiezza musicale della canto d’amore.” (Dan Grigorescu, 1980)

Accademia di Romania in Roma