La comunità romena si incontra e si racconta attraverso storie quotidiane, punti di vista, fatti di cronaca, appuntamenti e novità, per non dimenticare le radici e per vivere meglio la distanza dal paese natale.
Informazioni utili per i romeni che vivono in Italia, per conoscere le opportunità che la realtà circostante offre e divenire cittadini attivi.

Comunitatea Românească în Italia

Locul unde comunitatea românească se regăsește zilnic în știri, noutăți, mărturii, informații și sfaturi, pentru a nu uita rădăcinile și a trăi mai bine departe de țara natală. Informații utile pentru românii care trăiesc în Italia, despre oportunitățile pe care le oferă realitatea din jur și pentru a deveni cetățeni activi.

Bun găsit pe site! Benvenuto!

Comentează articolele publicate! Commenta gli articoli pubblicati!

venerdì 20 settembre 2019

Bologna, uomo accoltellato in strada: è grave


18/09/2019

E' stato accoltellato in strada, vicino a Bologna, ed è arrivato al pronto soccorso dell'ospedale Maggiore con una grave ferita all'altezza del torace. L'uomo, un trentacinquenne di origine romena, è in gravi condizioni. Sottoposto a intervento chirurgico, è stato ricoverato in rianimazione con prognosi riservata. Sarebbe stato aggredito in una strada di campagna in zona Casteldebole, alla periferia della città. A dare l'allarme e a soccorrerlo sono stati alcuni automobilisti di passaggio, che l'hanno visto riverso sull'asfalto, semisvenuto e sanguinante.

Secondo i testimoni, però, prima dell'arrivo dell'ambulanza tre persone si sono avvicinate al ferito e lo hanno caricato su un furgone. Poco dopo, l'uomo si è presentato da solo al pronto soccorso. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, che hanno avviato le indagini per ricostruire l'accaduto. Secondo quanto è stato ricostruito dagli investigatori, l'uomo nell'immediatezza ha riferito al personale sanitario di essersi ferito da solo. Sul luogo del ferimento sono stati svolti i rilievi da parte della Sezione Investigazioni scientifiche del Reparto Operativo del Comando Provinciale dei Carabinieri. Al vaglio ci sono anche i filmati delle telecamere della zona e nei pressi dell'ospedale.

Fonte: Il messaggero

In manette lo stupratore seriale di prostitute


19/09/2019

Operaio, italiano residente a Bracciano e noto alla giustizia per violazione degli obblighi di assistenza familiare. E' lo stupratore seriale di prostitute arrestato dai carabinieri di Campagnano grazie al coraggio di una prima vittima, che ha denunciato, e a una seconda, riuscita a incastrare l’uomo fotografando lui e la sua macchina.

Tre, al momento, le violenze accertate a carico dell’uomo, compiute una nel 2016, l’altra nel 2018, l’ultima nel 2019. N.D., 42 anni, si muoveva al volante di una Smart grigia tra la via Salaria, Trigoria e la via Cristoforo Colombo a caccia della vittima di turno. Dopo averle fatte salire, con la scusa di portarle in una casa più tranquilla fuori Roma pagandole oltre il prezzo pattuito, fermava l’auto nelle campagne lontane da occhi indiscreti e lì, disarmato, le costringeva a rapporti sessuali non protette, le rapinava di soldi e cellulari e le abbandonava di notte nelle aree isolate.

Le indagini dei carabinieri agli ordini del colonnello Pasqualino Toscani, e coordinata dalla procura di Tivoli, è stata avviata a gennaio 2019 quando i militari hanno soccorso una donna romena trovata in stato di choc in un’area rurale di Campagnano.

Ricoverata come "codice rosa" all’ospedale San Filippo Neri, aveva sugli abiti le tracce biologiche dell’uomo così identificato. La sua denuncia ha provocato un effetto domino: quando la donna si è confidata con una amica, anche lei prostituta, ha scoperto che era stata vittima anche lei di una identica aggressione a Capena, nel febbraio 2018, convincendola così a denunciare. E stata proprio lei a riconoscere l’uomo, fermatosi a distanza di tempo per richiedere una nuova prestazione, e a scattare una foto non solo a lui ma anche alla Smart.

E' sempre lui, secondo gli inquirenti, ad aver violentato e rapinato un’altra donna romena a Monterosi, in provincia di Viterbo, nel 2016. Le indagini continuano perché ancora molti di questi casi al momento irrisolti potrebbero avere come responsabile lo stesso operaio. E' sempre lui, secondo gli inquirenti, ad aver violentato e rapinato un’altra donna romena a Monterosi, in provincia di Viterbo, nel 2016. Le indagini continuano perché ancora molti di questi casi al momento irrisolti potrebbero avere come responsabile lo stesso operaio.

di Silvia Mancinelli
Fonte: AdnKronos

Grădina lui (Giadino di) Celibidache, Propatria Festival 2019

FILMUL DOCUMENTAR “GRĂDINA LUI CELIBIDACHE” PREZENTAT ÎN PREMIERĂ NAṬIONALĂ ÎN ITALIA

Joi, 26 septembrie 2019, ora 20:30, în premieră națională în Italia, Asociaţia Culturală Româno-Italiană Propatria din Roma și Accademia di Romania in Roma, în colaborare cu Centrul Saint Louis – Institutul Francez pe lângă Sfântul Scaun, vor prezenta filmul documentar Grădina lui Celibidache, regizat de Serge Ioan Celibidachi, fiul marelui dirijor și compozitor Sergiu Celibidache. Proiecția filmului va avea loc în Sala Cinema a “Institut Français – Centre Saint Louis” (Largo Giuseppe Toniolo, 20-22, Roma). Intrarea este liberă în limita locurilor disponibile.

"Grădina lui Celibidache” este un portret de suflet al renumitului și respectatului dirijor și compozitor de muzică clasică, Sergiu Celibidache. Acest documentar cinematografic ambițios, realizat de fiul Maestrului, îl urmează pe Sergiu Celibidache în turnee și în repetițiile sale cu Filarmonica din München. Principalul obiectiv al echipei de filmare a fost să recreeze universul lui Celibidache pe marele ecran și, deși Sergiu Celibidache obișnuia să evite publicitatea, a fost extrem de disponibil pentru acest film. Documentarul colectează interviuri, înregistrări de concerte și repetiții și, mai ales, încântătoarele lectii de perfectionare care ne ajută să înțelegem muzica, muzicienii și spectacolele. Grădina este o metaforă a vieții sale, o ilustrație excepțională a generozității șia bogăției sufletești a maestrului.

“Am avut șansa să fac această paralelă indispensabilă între muzică și natură. Tatăl meu a creat un câmp cu dealuri și alei dintr-o câmpie plană. Fiecare copac a fost plantat de el, știa istoria fiecărui copac, a fiecărei flori. Grădina a fost a doua sa pasiune după muzică. Cred că trăia o relație reală cu ea. În realitate, el a avut întotdeauna relații sincere, fără ipocrizie, fără mască, fără pretenții. Avea un contact simplu și pur cu natura, la fel ca și cu câinii, avea o legătură directă, le vorbea de parcă ar fi fost umani. El însuși era o persoană simplă și generoasă. Era nebun de bucurie când vedea ploaia care cădea pe câmpie deoarece copacii, iarba, puteau bea și reînvia. Când toată lumea alerga în casă, el era ca un copil fericit, văzând că grădina era hrănită de ploaie. Avea o generozitate nelimitată și avea exact aceeași relație în muzică, adică o implicare totală și o adevărată relație cu fenomenul muzical. Mi s-a părut mult mai liber, mai adevărat în raport cu natura decât cu mulți oameni. Am vrut să surprind în film elemente care arătau această legătură simplă, unică, veridică, fără limite cu natura, deoarece este, pentru mine, cea mai puternică și cea mai relevantă paralelă". (Serge Ioan Celibidachi)

Proiect realizat cu susţinerea Ministerului Pentru Românii de pretutindeni, Accademia di Romania in Roma, Institutul Cultural Român.

Parteneri: Ambasada României în Republica Italiană, “Institut Français – Centre Saint Louis”, Conservatorul de Muzică “Santa Cecilia” din Roma, cluster-ul EUNIC Roma, Comune di Roma- Assessorato alla crescita culturale, Biblioteche di Roma,Fundaţia Sergiu Celibidache, HubArt Agency, Baldrini Produzioni, Ass. Roma & Romania - RO & RO”, Asociatia „Officine delle Culture”, Proiectul „Tineri pe picioare”, Golden Accademy.

Patronaje: Senatul Republicii Italiene, Camera Deputaților a Republicii Italiene, Consiliul Regional Lazio, Ambasada României în Republica Italiană, Ambasada Republicii Moldova în Italia, Reprezentanța Comisiei Europene în Italia, Comune di Roma – Departamentul pentru dezvoltare culturală, Comune di Roma – Departamentrul Biblioteci.

Parteneri media:

În România: Agenţia Naţională de Presă AGERPRES, TVR Internaţional, TVR Moldova, Radio România;

În Italia: Agenzia Stampa Askanews, Agenzia Nuova, Giornale Diplomatico, Oltre le Colonne, Abitare a Roma, Italia a Piedi, Roma a Piedi, Roma Week-end, Roma Multietnica, B in Rome, Il Metropolitano, Più Culture, Yes Art Italy, Officina delle Culture, Associazione Culture del Mondo, Cultural Pro, Abitare a Roma;

În Spania: Agenţia de Presă “Occidentul Românesc”;

În Belgia: Arthis Radio-Tv


Sursa: Institutul Cultural Român
______________________________________________________________________________

IL FILM DOCUMENTARIO “IL GIARDINO DI CELIBIDACHE” PRESENTATO IN PRIMA VISIONE IN ITALIA

Giovedì, 26 settembre 2019, ore 20:30, l’Associazione Culturale Romeno-Italiana Propatria di Roma e l’Accademia di Romania in Roma, in collaborazione con l’Institut Français – Centre Saint Louis presso la Santa Sede, presenteranno in prima visione in Italia il film documentario Il giardino di Celibidache. Un film d’autore diretto da Serge Ioan Celibidachi, il figlio dell’illustre direttore d'orchestra e compositore Sergiu Celibidache. La proiezione del film avrà luogo presso la Sala Cinema dell’Institut Francaise – Centre Saint Louis (Largo Giuseppe Toniolo 20-22, Roma). Ingresso libero fino esaurimento posti disponibili.

“Il Giardino di Celibidache” è un ritratto dell'anima del famoso e rispettato direttore e compositore di musica classica, Sergiu Celibidache. Questo ambizioso documentario cinematografico, realizzato dal figlio del Maestro, segue Sergiu Celibidache nei tornei e nelle sue prove con la Filarmonica di Monaco di Baviera. A troupe cinematografica ha avuto come obiettivo principale la ri-creazione dell'universo di Celibidache sullo shcermo grande e, sebbene Sergiu Celibidache fosse una persona piuttosto introversa e reticente alla pubblicità, per questo film ha manifestato, invece, un’insolita disponibilità. Il documentario raccoglie interviste, registrazioni di concerti e prove e, soprattutto, le accattivanti lezioni di perfezionamento che ci aiutano a comprendere la musica, i musicisti e gli spettacoli. Il giardino è una metafora della sua vita, un'eccezionale illustrazione della sua generosità e ricchiezza interiore.

“Ho avuto l’ooportunità di fare quest’indispensabile parallelo tra musica e natura. Mio padre ha fatto issare una distesa sparsa di colli e di vicoli partendo da un campo pianeggiante. Ogni albero è stato piantato da lui, conosceva la storia di ogni albero, ogni fiore. Il giardino era la sua seconda passione dopo la musica. Penso che stava vivendo una vera relazione con lei. In realtà, ha sempre avuto relazioni sincere, nessuna ipocrisia, nessuna maschera, nessuna pretesa. Aveva un contatto semplice e puro con la natura, proprio come con i cani, aveva una connessione diretta, parlava con loro come se fossero umani. Lui stesso era una persona semplice e generosa. Era pazzo di gioia quando vedeva cadere la pioggia sulle pianure perché gli alberi, l'erba potevano bere e rianimarsi. Quando tutti correvano a riparo, lui era come un bambino felice, a vedere come il giardino venisse nutrito dalla pioggia. Aveva una generosità senza limiti ed esattamente lo stesso era il suo approccio alla musica: un coinvolgimento totale, un’immedesimazione con il fenomeno musicale. L'ho scoperto molto più libero, più autentico in rapporto alla natura, rispetto a tante altre persone. Ho voluto sorprendere nel film elementi che mostrassero questa connessione semplice, unica, auutentica, senza limiti con la natura che è, per me, il parallelo più forte e rilevante di tutti.” (Serge Ioan Celibidachi)

Progetto realizzato con il sostegno del Ministero per i Romeni all’Estero, dell'Accademia di Romania in Roma, dell'Istituto Culturale Romeno di Bucarest.

Partner: Ambasciata di Romania nella Repubblica Italiana, Accademia di Romania in Roma, “Institut Français – Centre Saint Louis”, Conservatorio di musica “Santa Cecilia” a Roma, cluster EUNIC Roma, Comune di Roma – Assessorato alla crescita culturale, Biblioteche di Roma,la Fondazione Sergiu Celibidache, HubArt Agency, Baldrini Produzioni, Ass. Roma & Romania - RO & RO ", Associazione" Officine delle Culture", Progetto "Ragazzi in gamba", Golden Accademy.

Patrocini: Senato della Republica, Camera dei Deputati, Consiglio Regionale Lazio, Comune di Roma, Ambasciata di Romania nella Repubblica Italiana, Rappesentanza della Comisione Europea in Italia.

Media Partner:

In Romania:Agenzia Nazionale stampa AGERPRES, TVR International, TVR Moldova, Radio Romania;

In Italia: Agenzia Stampa Askanews, Agenzia Nuova, Giornale Diplomatico, Oltre le Colonne, Abitare a Roma, Italia a Piedi, Roma a Piedi, Roma Week-end, Roma Multietnica, Bin Rome, Il Metrololitano, Più Culture, Yes Art Italy, Officina delle Culture, Associazione Culture del Mondo, Cultural Pro, Abitare a Roma

In Spania:Agenzia stampa “Occidentul Romanesc”

In Belgio:Arthis Radio-Tv


Fonte: Istituto Culturale Romeno

Chiedeva l’elemosina in strada insieme al figlioletto di tre anni: rumena denunciata a Taormina


18/09/2019

Chiedeva l’elemosina in strada, insieme al figlioletto di 3 anni, precisamente sul Corso Umberto a Taormina. La presenza della donna, una cittadina rumena di 30 anni, I.F., e senza fissa dimora, è stata segnalata da un cittadino, che ha chiesto l’intervento degli agenti di polizia locale. Dalle indagini condotte dai vigili è risultato che la donna era già nota alle Forze dell’Ordine. L’anno scorso era stata denunciata proprio dalla stessa polizia locale per il medesimo reato ed avrebbe alle spalle anche altri precedenti specifici commessi a Catania. La 30enne è stata nuovamente denunciata ed è ed è stato anche sequestrato del denaro probabilmente guadagnato dall’attività di accattonaggio.

di Selena Guzzone
Fonte: StrettoWeb

Svelato il mistero della scomparsa di Elisaveta Alina Ambrus - La 29enne che ha abbandonato la figlia neonata al Salamaro


Feto nel cassonetto, la madre è stata rintracciata in un carcere di Londra. La piccola, perfettamente sana anche se nata prematura oggi avrebbe avuto sei anni e sarebbe stata in prima elementare. Della mamma è rimasta una fototessera di quando faceva la “dama di compagnia” e aveva venti anni.

Svelato il mistero della scomparsa di Elisaveta Alina Ambrus, la ballerina di night 29enne d’origine romena che il 2 maggio 2013 ha dato alla luce una bambina settimina il cui cadavere è stato abbandonato dalla donna in un bidone al Salamaro.

Adesso il tribunale, che vuole sentirla nel processo in corte d’assise per omicidio volontario e occultamento di cadavere in concorso all’infermiere presunto complice, dovrà decidere se proseguire con la richiesta di rogatoria internazionale oppure chiedere l’estradizione in Italia della donna. Il nodo sarà sciolto martedì, quando è prevista la prossima udienza.

La Ambrus fu ripresa dalle telecamere di videosorveglianza di una pizzeria, mentre gettava il corpo della neonata tra i rifiuti in via Solieri, dopo essere scesa con in mano un “fagotto” dall’auto dell’infermiere 59enne Graziano Rappuoli, di Tuscania. Sarebbe stato lui a procurarle il farmaco abortivo e la stava accompagnando da San Faustino all’ospedale di Belcolle in seguito a una copiosa emorragia post partum.

La Ambrus era stata rintracciata e fermata a settembre dell’anno scorso dall’Interpol a Londra. Il 13 dicembre 2018 era prevista l’udienza di estradizione, poi rinviata a febbraio, quindi se ne erano perse le tracce.

Tutti vogliono sentire la sua versione al processo in corte d’assise al presunto complice, difeso dall’avvocato Samuele De Santis, che le avrebbe procurato la ricetta falsa del farmaco abortivo. Lo scorso 17 giugno il tribunale, essendo la 29enne irrintracciabile sia in Romania che in Gran Bretagna, ha deciso per la rogatoria internazionale, fissando al 24 settembre un’udienza al solo scopo di predisporre le domande.

Nelle scorse settimane l’ultimo colpo di scena. Nel prosieguo delle ricerche è emerso che la donna non si sarebbe mai volatilizzata facendo perdere le sue tracce ma, in seguito all’arresto dell’anno scorso, sarebbe tuttora reclusa in un carcere di Londra, dove sta scontando la pena definitiva a cinque anni.

Cinque anni di reclusione sono la pena inflittale a febbraio 2018 dalla corte d’appello di Roma, che ha dimezzato la condanna a 10 anni del primo grado di giudizio, con lo sconto di un terzo del rito abbreviato celebrato a Viterbo, riqualificando il reato da omicidio volontario, per cui il pm Franco Pacifici aveva chiesto l’ergastolo, a feticidio.

Diversa la sorte dell’infermiere, che ha scelto il rito ordinario e rischia l’ergastolo. Per lui il processo, tuttora in corso davanti alla corte d’assise, è iniziato il 24 febbraio 2017. Una decina le udienze celebrate finora.

di Silvana Cortignani
Fonte: TusciaWeb

Laboratorio di Scrittura Creativa a cura di Liliana Gheorghe, 21 settembre a Viterbo



giovedì 19 settembre 2019

Il ministro per i Romeni nel mondo, Natalia Intotero in visita a Cosenza


17/09/2019

Tra i presenti alla visita di Natalia Intotero anche il Consigliere Comunele di Rende Michele Morrone

Visita del Ministro dei rumeni nel mondo Natalia Intotero, ieri, a Cosenza presso l’associazione “Dacia”, insieme al Ministro era presente la rappresentante del Consolato Rumeno di Bari Lucretia Tanase ed una delegazione di parlamentari romeni.

Tanti i temi trattati durante la visita: le condizioni di vita della comunità romena a Cosenza e nell’hinterland, la situazione occupazionale, casi di violenza di genere e le prossime elezioni presidenziali romene che si terranno a Novembre.

Tra i presenti anche il Consigliere Comunele di Rende Michele Morrone, Capogruppo della Federazione Riformista, per mostrare vicinanza e simpatia ad una delle comunità straniere più numerosa e laboriosa dell’area urbana.

Fonte: CosenzaPost

Console di Romania Adrian Georgescu da Caramaschi: 13mila i rumeni in regione


17/09/2019

Il Console Generale di Romania a Milano, Adrian Georgescu, è stato ricevuto in Municipio dal Sindaco di Bolzano Renzo Caramaschi.

I romeni residenti in Trentino Alto Adige sono circa 13.000. I rapporti tra Italia e Romania sono ottimi, tanto che l’italia è tra i primi partner economici del Paese, dove come ha riferito il Console, lavorano numerose ditte italiane impegnate in svariati settori, dalle infrastrutture alle produzioni manifatturiere.

Nel corso della visita di cortesia è intervenuto anche Maurizio Passerotti, Console Generale Onorario di Romania per il Trentino Alto Adige. Il rappresentante del corpo diplomatico di Milano ha chiesto di poter istituire anche a Bolzano un seggio elettorale in vista delle prossime elezioni presidenziali che in Romania si terranno a novembre .

Fonte: LaVoceDiBolzano

Denaro in nero, due rumeni segnalano estorsione per l'acquisto di un'auto


17/09/2019

Il venditore non è d'accordo. Si denunciano reciprocamente

Nel pomeriggio di ieri la volante dell’Ufficio Prevenzione generale della Questura è intervenuta a richiesta di due commercianti di auto di nazionalità rumena, domiciliati nel ravennate, che segnalavano una sorta di estorsione in corso nei loro confronti. Agli agenti sopraggiunti hanno riferito che poco prima avevano perfezionato l’acquisto di un veicolo presso una agenzia pratiche auto, ma che il venditore, pur avendo ricevuta la somma indicata nell’atto di vendita, si rifiutava di consegnare il veicolo a meno che non avessero pagato una ulteriore somma di alcune migliaia di euro.

I poliziotti si sono quindi recati in un parcheggio situato nei pressi del casello autostradale, dove venditore ed acquirente erano d’accordo di incontrarsi per il completamento della transazione con la consegna del denaro, trovando il veicolo e la controparte. Quest’ultimo, impreditore edile di origini albanesi, contrariamente a quanto affermato dai richiedenti l’intervento, formulava una diversa prospettiva, riferendo che sebbene il prezzo indicato nell’atto di vendita non fosse congruo rispetto al reale valore del mezzo, l’accordo, solo verbale, tra le parti era che una buona parte del valore sarebbe stata corrisposta in nero, accusando quindi gli acquirenti di averlo truffato. Ciascuna delle parti ha poi sporto denuncia contro l’altra, seguendo la propria versione dei fatti. Resta inteso però che essendo stato regolarmente registrato il passagio di proprietà del bene mobile, quest’ultimo per legge è di spettanza del nuovo intestatario. Saranno necessarie ulteriori indagini, ed una valutazione reale di mercato del veicolo per comprendere quale sia la verità, che non può comunque prescindere dalla circostanza che l’atto di vendita è stato liberamente sottoscritto da entrambi e che movimenti di denaro “in nero” costituiscono un affare illecito che non offre alcuna garanzia legale.

Fonte: Forli 24 Ore

Patente, libretto e 200 euro ai carabinieri: romeno patteggia 1 anno e 2 mesi per tentata corruzione


18/09/2019

La "mazzetta" consegnata ai militari insieme ai documenti

Patteggia una pena di un anno, due mesi e sei giorni. È un pensionato romeno di 63 anni che il 5 maggio scorso fu arrestato al casello di Orte con l’accusa di tentata corruzione ai carabinieri che lo controllavano. Aveva dato loro 200 euro insieme ai documenti dell’auto. Nell’udienza dell’8 maggio ci fu la convalida dell’arresto, ma il collegio dei giudici presieduto da Silvia Mattei (a latere Elisabetta Massini e Giacomo Autizi) lo aveva rimesso in libertà senza alcuna misura restrittiva.

La pm Eliana Dolce, infatti, aveva chiesto anche l’obbligo di dimora. Mentre l’avvocato difensore dell’uomo aveva domandato ai giudici la libertà o in subordine una misura restrittiva meno pesante: l’obbligo di firma a Acilia, a Ostia antica o a Casal Palocco. Infatti, l’uomo stava tornando in Romania con a rimorchio un’Audi di un connazionale: auto che ormai non poteva più circolare per via della normativa sulle emissioni inquinanti. I carabinieri lo avevano fermato al casello autostradale (insieme all’arrestato c’erano altre persone, non indagate) e avevano fatto il controllo amministrativo. Quando avevano chiesto i documenti, insieme a questi si erano visti porgere dei soldi. L’indagato in aula aveva detto di non aver avuto intenzione di corromperli, e che quei soldi erano lì per le spese varie.
E proprio sulle modalità del controllo si era soffermato l’avvocato difensore, Corrado Cocchi, che aveva parlato delle norme sul trasporto internazionale: “Il mio assistito è stato equiparato a un compratore transnazionale. Ma non è un imprenditore: portava l’auto in Romania in via occasionale, non lo fa come attività continuativa. L’autorizzazione serve per chi fa impresa”.

Al che, il collegio aveva convalidato l’arresto ma aveva permesso all’uomo di tornare in Romania. Per l’avvocato Cocchi rimaneva da decidere se chiedere un rito alternativo oppure andare al dibattimento ordinario.

Ma ieri mattina, davanti al collegio dei giudici c’è stato il patteggiamento. L’imputato è stato condannato ma gli è stata riconosciuta la sospensione della pena.

Fonte: LaMiaCittaNews

Roma, la truffa della colf: adesca un pensionato e si fa regalare la casa


18/09/2019

Qualche bacio e un po' di effusioni. Sono bastati una sfrenata fantasia e un pizzico di finto romanticismo a una colf romena per raggirare un pensionato 68enne inducendolo a farsi donare un appartamento sulla Tuscolana, quasi 30mila euro tra accrediti e regali, e pure a sottoscrivere un matrimonio riparatore. Nozze celebrate in fretta in Romania nel 2017 a quattro anni dalla nascita di un bambino.

di ​Adelaide Pierucci
Fonte: Il Messaggero

Tragedia nel piazzale del centro commerciale: autista trovato senza vita nel suo camion


17/09/2019

Si tratta di un trentenne. Sarebbe stato colto da infarto

RONCADE – Un autista di origine rumena è stato ritrovato morto all’interno del proprio camion nel parcheggio del centro commerciale “Arsenale” di Roncade. Si tratta di un trentenne dipendente di una ditta di trasporti rumena.

Il decesso sarebbe dovuto a cause naturali, dai carabinieri e dal 118, intervenuti sul posto dopo che è stato dato l’allarme, è stata esclusa fin da subito la possibilità che potesse trattarsi di una morte violenta: con tutta probabilità il camionista è stato colto da un infarto.

L’autorità giudiziaria, una volta avuti i riscontri necessari, ha disposto la rimozione della salma ed il trasferimento presso l’obitorio dell’ospedale di Treviso.

Fonte: Oggi Treviso

Villarpilo: 64enne spara alla convivente 40enne romena, trasportata al Cannizzaro di Catania in gravi condizioni


17/09/2019

Villapriolo. Gaetano Gianotto, 64enne di Villarosa, questa mattina ha sparato alla convivente Elisabetta Zamacau 40enne, che e stata trasportata in gravissime condizioni con l'elisoccorso all'ospedale Cannizzaro di Catania. I due hanno una figlia di 4 anni. Il tentato omicidio è avvenuto in una casa in campagna, l'abitazione è di proprietà della donna ricevuta in donazione da un anziano a cui faceva la badante. Al momento non é noto se la coppia, che ha un filgio, fosse in crisi. La donna è stata eraggiunta al torace, all'addome e all'inguine dai colpi d'arma da fuoco sparati dal convivente. L'uomo avrebbe avuto un violento alterco con la compagna che aveva intenzione di fare rientro in Romania con il figlioletto.

Fonte: ViviEnna

Neonato trovato morto in un cespuglio in Alto Adige, fermata la madre


18/09/2019

La mamma del piccolo trovato morto lo scorso lunedì pomeriggio in un cespuglio tra i frutteti di Lana e Cermes in Alto Adige, è stata fermata e si trova piantonata in ospedale a Merano. Segni di violenza sul corpicino, l’ipotesi dello strangolamento.

La madre del neonato trovato morto lo scorso lunedì pomeriggio in un cespuglio tra i frutteti di Lana e Cermes in Alto Adige, è stata fermata e si trova piantonata in ospedale a Merano. Si tratta di una donna romena impegnata nella raccolta delle mele. Le accuse per lei sono quelle di omicidio aggravato nei confronti del proprio figlio e di occultamento di cadavere. Oggi (lunedì mattina), come disposto dalla Procura di Bolzano, sarà effettuata l’autopsia e proseguiranno gli accertamenti al fine di ricostruire quanto accaduto. Il corpicino senza vita di un maschietto, ancora col cordone ombelicale attaccato e con il capo avvolto da un panno, era stato trovato lunedì da turisti tedeschi attorno alle ore 16.30 lungo la via Raffein non distante dal Buschenschank (trattoria) Gloegglkeller.

L’indagine

«Nel corso della serata di mercoledì sono state sentite alcune persone informate sui fatti — fa sapere la procura in una nota —. Sono stati sottoposti a sequestro alcuni oggetti e indumenti nonché la stanza nella quale la cittadina rumena soggiornava per motivi di lavoro. Le indagini sono ancora in corso si è in attesa di avere ulteriori elementi dall’autopsia che è stata disposta».

Forse strangolato con un panno

La Procura ha confermato che «il corpo del bambino mostrava segni di violenza» e quindi non viene esclusa che sia deceduto causa strangolamento. Il piccolo sarebbe stato strangolato con il panno usato per coprire la testolina. Molto probabilmente il bebé è nato e morto a distanza di poche ore. Informato dalla coppia di turisti, a lanciare l’allarme ai soccorritori è stato il contadino del vicino maso Oswald Verdorfer. Che racconta: «Quel corpicino era lì, sotto il cespuglio. Era stato volutamente nascosto. Era nudo, pulito. Sono stati due turisti tedeschi ad avvisarmi, che stavano portando a spasso il loro cane. Io sono corso sul posto e poi abbiamo subito chiamato il 112».

di Alessandro Fulloni
Fonte: Corriere

mercoledì 18 settembre 2019

La Cgil sarda incontra la ministra dei rumeni nel mondo Natalia Elena Intotero


16/09/2019

Il Segretario Generale Michele Carrus: “Favorire sempre di più l’integrazione di cittadini e lavoratori rumeni residenti”

Sono quasi 15mila i rumeni in Sardegna, per oltre due terzi donne. Di questi, oltre il 70 per cento ha un’occupazione stabile, molti possiedono titoli di studio elevati e professionalità e circa 400 le imprese con titolari rumeni.

Nei giorni scorsi la ministra dei rumeni nel mondo Natalia Elena Intotero, è stata in visita a Cagliari insieme al deputato Andi Gabriel Grosaru, al consigliere del ministero degli Affari Esteri Raluca Stratulat, al vice console Lonut Florin Urs.

Tra gli incontri anche quello con la Cgil sarda. “Un momento di confronto sui progetti di collaborazione già avviati e sulle future sinergie “sulle quali stiamo lavorando – queste le parole del segretario generale della Cgil sarda Michele Carrus – con l’obiettivo di favorire sempre di più l’integrazione di cittadini e lavoratori rumeni residenti, che contribuiscono a svolgere da noi attività importanti”.

“Si tratta di un contributo importante alla nostra economia e alla crescita delle nostre comunità – ha sottolineato Carrus -. In alcuni settori, ad esempio l’assistenza personale, svolgono un ruolo prezioso e per noi irrinunciabile. Questo rende giustizia rispetto a tanti luoghi comuni sui migranti, che rappresentano una ricchezza per le realtà di accoglienza, mentre impoveriscono sempre quelle di partenza. E la Sardegna, purtroppo, è soprattutto terra di emigrazione: i nostri padri e ora i nostri figli ne conoscono il dramma e le difficoltà, e sanno quanto sia importante trovare supporto e aiuto in terra straniera".

Dal 2010 sono stati firmati diversi protocolli di collaborazione tra Cgil sarda e sindacato rumeno Cnslr, con l’obiettivo di dare assistenza e tutela ai lavoratori e cittadini emigrati dalla Romania.

di Antonio Caria
Fonte: SardegnaLive

Cade dal ponteggio alla Pieve di Mura: muore un 52enne romeno


16/09/2019

Fatale la caduta da 13 metri: secondo le prime ricostruzioni, si sarebbe sganciato dall’imbragatura per recuperare una carrucola. Un incidente mortale, l’ennesimo di quest’estate, si è verificato poco prima delle 18 nel cantiere del restauro della chiesa parrocchiale della Pieve di Mura. Un operaio, un 52enne romeno contitolare con il fratello dell’impresa edile con sede a Milano, è caduto dal ponteggio mentre stava montando l’impalcatura per i lavori all’esterno della chiesa. La caduta da 13 metri, sulla cui dinamica lavorano gli inquirenti, gli è stata fatale: l’uomo è morto prima di essere trasportato in eliambulanza a Bergamo. Secondo le prime ricostruzioni, si sarebbe sganciato dall’imbragatura per recuperare una carrucola.

Fonte: Brescia Corriere

Morto per presunto errore medico, annullata la condanna di un dottore di Albano


14/09/2019

Secondo la Procura di Velletri il 21enne Valentin Daniel Marin, di nazionalità romena, sarebbe stato ucciso due volte. La prima la sera del 15 gennaio 2011, quando a Genzano venne accoltellato dal coetaneo Hamza Herraz, di nazionalità marocchina, condannato in via definitiva per omicidio volontario a 12 anni di reclusione. E la seconda poche ore dopo, dal radiologo dell’ospedale San Giuseppe di Albano Laziale, dove era stato ricoverato e dove il dott. Faruk C. non si sarebbe reso conto che il giovane paziente aveva un versamento di sangue nel pericardio. Stessa convinzione dei giudici, che avevano condannato il medico, imputato per omicidio colposo, a un anno e mezzo di reclusione, con sospensione condizionale della pena, a pagare una provvisionale ai parenti della vittima e a risarcirli del danno subito. La Corte di Cassazione ha rimesso però in discussione tale teorema, annullando la condanna del radiologo per intervenuta prescrizione e rinviando per lui il processo, ai fini civili e dunque del risarcimento, davanti alla Corte d’Appello di Roma. Per gli ermellini i giudici di secondo grado non hanno ben motivato le ragioni che li hanno portati a ritenere il medico responsabile del decesso del 21enne, si sarebbero fermati alle ipotesi e mancherebbero certezze. Un’altra sezione della Corte d’Appello dovrà così ora verificare la sussistenza del nesso causale tra la condotta di Farouk C. e la morte di Valentin Daniel Marin. E di conseguenza chiarire definitivamente se nella tragedia abbia avuto qualche responsabilità il camice bianco di Albano Laziale. Sottoposto il 21enne a una Tac toraco-addominale, Farouk C. sostenne che non risultavano lesioni interne, emorragie o versamenti. Il giovane, inizialmente ricoverato nel reparto di rianimazione, venne così trasferito in quello di medicina generale, con una prognosi di 25 giorni, e dopo poche ore spirò. Secondo gli inquirenti a causa della lesione ventricolare subita con l’accoltellamento, che avrebbe provocato una lenta fuoriuscita di sangue che, coagulatosi, aveva creato un tampone con cui era finito compresso il cuore. E sempre per l’accusa dalla Tac sarebbe risultata evidente la lesione, che se rilevata dal radiologo avrebbe dovuto portare i medici a sottoporre subito il paziente a un intervento chirurgico che gli avrebbe forse potuto salvare la vita. Ma su quest’ultimo aspetto sono rimasti troppi punti interrogativi e un nuovo processo, seppure in sede civile, dovrà trovare le definitive risposte.

di Clemente Pistilli
Fonte: Il Caffe TV

Torna a casa la badante scomparsa. Ma è giallo a Lastra a Signa


16/09/2019

Non si vedeva da mercoledì: si è presentata stamani dai carabinieri. Mistero sulle cause.

Sta bene la badante rumena di 41 anni era scomparsa nei giorni scorsi a Lastra a Signa. La figlia della donna che assiste l'aveva accompagnata mercoledì mattina alla fermata Villa Costanza della tramvia. Da quel momento nessuno l'aveva più vista.

Il mancato rientro a casa il giorno successivo aveva fatto scattare l'allarme: i parenti dell'anziana si erano rivolti alle forze dell'ordine, dopo aver provato a rintracciarla al telefono al quale rispondeva un uomo che forniva informazioni depistanti e non rispondenti alla realtà.

La donna si è presentata questa mattina ai carabinieri della stazione di Signa, senza specificare i motivi per cui si era allontanata lasciando tra l'altro i vestiti a casa.

Nei giorni scorsi si era temuto per la sua incolumità per una segnalazione apparsa sui social network, di una donna aggredita nelle strade di Scandicci, che avevano fatto temere il peggio.

La donna è dunque oggi riapparsa: una vicenda che fa tirare un sospiro di sollievo per le sue condizioni, ma sulla quale comunque resta in un velo di mistero.

Fonte: FirenzeToday

Falconara, scendono per fumare, il treno riparte, devono inseguirlo


15/09/2019

Il treno si ferma e due pastori di origine romena, ne approfittano per scendere e fumarsi una sigaretta.

Tempo pochissimi minuti e il convoglio riparte, lasciando a piedi i due viaggiatori sprovveduti che si lanciano all’inseguimento della locomotiva. È accaduto ieri attorno alle 13 sulla linea adriatica, all’altezza della raffineria Api. Sono stati gli addetti alla sicurezza dello stabilimento, dove ieri c’era il family day e l’inaugurazione della sede della Corporate Academy, a fermare inizialmente la coppia di romeni, uno di 40 e l’altro di 60 anni.

Poi, sul posto sono arrivati i carabinieri della Tenenza di Falconara che hanno condotto i due pastori, che lavorano a Pesaro, in caserma per tutti i rilievi di rito. Uno, residente a Gualdo Tadino, è colpito dalla misura di prevenzione della sorveglianza speciale.

Fonte: CorriereAdriatico

Operaio rumeno cerca di riscuotere credito armato di pistola: arrestato


15/09/2019

Un operaio edile vantava un credito di 700 euro per lavori fatti ad un ristoratore.

Per questo si è presentato, armato di pistola, in una pizzeria, nella zona del Santuario della Madonna della Guardia, ed ha minacciato il proprietario. L’uomo è poi stato arrestato dai carabinieri.

E’ quanto è successo la scorsa notte, intorno alle 24, quando un operaio rumeno, si è presentto armato in pizzeria.

Il ristoratore ha distratto l’operaio ed ha chiamato il 112 e sul posto sono arrivati i carabinieri.

I militari, dopo aver fatto allontanare dal locale il proprietario, i familiari e i camerieri, con le dovute protezioni, hanno cirdondato e bloccato l’operaio che nel frattempo aveva cercato di disfarsi della pistola gettandola in un fusto di olii esausti. L’operaio, 23 anni, è stato arrestato per ‘tentata rapina aggravata, ricettazione e porto illegale di arma ed esplosivi’.

Infine, il 23enne è stato condotto nel carcere di Marassi.

Fonte: Liguria Notizie

lunedì 16 settembre 2019

Mostra di pittura «Luci di Venezia» dell’artista romeno George Păunescu, 17–30 settembre 2019


Mostra di pittura «Luci di Venezia» dell’artista romeno George Păunescu

Piccola Galleria dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia,

17–30 settembre 2019

Martedì, 17 settembre 2019, alle ore 18,00, presso la Piccola Galleria dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica sita in Cannaregio 2212, 30121 Venezia (VE), si terrà, alla presenza dell’autore, l’inaugurazione della mostra di pittura «Luci di Venezia» dell’artista romeno George Păunescu. La mostra resterà aperta dal 17 al 30 settembre p. v., da martedì al sabato, dalle 15,00 alle 19,00, a ingresso libero. L’artista esporrà venticinque opere di recente realizzazione: dipinti acrilici su tela e tempera su cartoncino eseguiti en plein air per la mostra personale che sarà aperta al pubblico nella città lagunare. I dipinti ritraggono incantevoli paesaggi, che consistono in rappresentazioni di diversi angoli della città e in una serie di squarci delle aree più note di Venezia.

I quadri raccolti nella mostra mettono in risalto il pittoresco e le peculiarità della città lagunare, nei dipinti eseguiti dall’artista George Păunescu, ritenuto dalla critica specialistica uno dei più talentuosi e accorti pittori che prediligono il paesaggismo nel panorama dell’arte contemporanea romena. L’affascinante paesaggio veneziano viene filtrato dalla sensibilità estetica e dalla stilistica pittorica dell’artista, in coerenti composizioni analitiche incentrate sulla melancolia e il mistero degli squarci di Venezia, nella quale l’inconfondibile armonia architettonica degli edifici storici si è preservata inalterata con il passare del tempo. La fonte d’ispirazione dell’artista, che emerge anche in occasione della mostra personale di Venezia, è costituita dagli edifici storici, dai canali e dalle piazze della città lagunare, luoghi intrisi dalla millenaria storia della Serenissima. La celeberrima Piazza S. Marco con il suo Campanile, il Palazzo Ducale, nonché gli edifici che si affacciano sui canali principali e secondari contraddistinguendo il tessuto urbano della città, sono altrettanti esempi di maestosa architettura italiana d’impronta veneziana. L’equilibrio delle forme architettoniche e la volumetria degli edifici, così come sono colti dalla sensibilità dell’artista, sono ritratti in modo meno dettagliato, quindi le proprie tecniche pittoriche consentono all’autore di presentare un’originale
immagine visiva dell’identità urbana veneziana. L’immagine degli edifici che si rispecchiano nelle acque dei canali, ritratta con maestria e minuziosità, illustra luci e ombre che, allungandosi, richiedono spesso colori più marcati in grado di cogliere tutte le sfumature. Questo universo cittadino, che sembra quasi non toccato dalla contemporaneità ipertecnologizzata, è ritratto con tonalità cromatiche vive e suggestive che mettono in evidenza la bellezza e l’unicità della città marciana, ancora in grado di affrontare le vicissitudini del tempo.

***
George Păunescu ha conseguito nel 1994 la Laurea magistrale presso la Facoltà di Arti Decorative e Design, Sezione Arte murale, dell’Università Nazionale d’Arte di Bucarest. Dal 1996 è membro dell’Unione degli Artisti Plastici di Romania, Sezione Pittura della Filiale di Bucarest. Nel periodo 2000–2001 è stato borsista del Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana di Roma, studiando la pittura murale dell’antichità classica. Nel 2009 ha conseguito il Dottorato di ricerca in arti plastiche e decorative presso l’Università dell’Ovest di Timişoara. È esperto nel restauro d’arte di dipinti murali, riconosciuto dalla Commissione di Pittura della Patriarchia della Chiesa Ortodossa Romena. È stato il coordinatore di alcuni cantieri di restauro dei dipinti murali eseguiti in varie tecniche pittoriche, compiendo l’estrazione dei dipinti murali della chiesa ortodossa del villaggio di Vinţa, Comune di Lupşa, Distretto di Alba, edificio di culto prelevato in situ e ricostruito nello spazio espositivo all’aperto del Museo Astra di Sibiu, con tanto di
reintegrazione della pittura murale interamente sottoposta al restauro conservativo. Dal 1998 ha percorso le tappe della carriera universitaria, diventando Professore associato presso la Facoltà di Teologia Ortodossa dell’Università di Bucarest, svolgendo attività didattica nell’ambito del Corso di Laurea in Arte Sacra. Ha esposto le sue opere in patria e all’estero, in mostre personali e rassegne collettive, tra le esposizioni annuali e biennali e nelle gallerie d’arte dell’Unione degli Artisti Plastici di Romania (Bucarest, Craiova, Slatina, Târgu Jiu, Timişoara). Inoltre, ha partecipato a simposi, saloni e campus d’arte, rassegne e fiere d’arte contemporanea a carattere nazionale ed internazionale. Le sue opere sono presenti in collezioni pubbliche e private in Romania e all’estero.

«La vocazione ritrattistica del paesaggio, della natura nella sua essenza: un vero senso del paesaggismo pienamente dimostrato da artisti come George Păunescu, rivela che il filone originario dell’arte pittorica romena, avviato da Nicolae Grigorescu e Ioan Andreescu, è ancora efficace e alquanto fertile. Nelle sue tecniche pittoriche, George Păunescu si richiama ai due indirizzi artistici
cardine, quello di Grigorescu, circoscritto al pittoresco e agli effetti visivi della luce diurna, rispettivamente quello di Andreescu, contraddistinto dalle predisposizioni melancoliche e predilezione per la luce del crepuscolo, amalgamandoli con un’ingegnosa maestria che rende ai suoi dipinti la luminosità e l’atmosfera tipiche dei pomeriggi estivi. Pur non disdegnando il paesaggio invernale, George Păunescu propende per quello estivo, per la stagione della gioiosità, che pulsa di una vivacità coinvolgente, semmai appena sfiorato dal calar del sole oppure lasciando appena intravedere il prossimo arrivo dell’autunno soltanto attraverso le diverse tonalità di colore della luce.

I ritratti di vita urbana, quando vengono dipinti dall’artista, racchiudono, come quelli che raffigurano vari aspetti della natura, sapori e spettacolarità di forme delineate dalla cromatica esuberante e caratterizzate dal prevalere della serenità. I lineamenti sono ritratti con la luce dipinta in modo sfumato, che diminuisce progressivamente di tonalità del colore. L’alternanza di luci e ombre mantiene viva la dinamicità nel campo visivo. Gli edifici, le vie, le piazze, i ponti si scoprono al visitatore come elementi delineati sulla tela dai semplici lineamenti che emergono da un tripudio di colori […]» (Prof. Ioan Iovan, Critico d’arte).


Romeni in Italia al 1° gennaio 2019, dati ISTAT

Cittadini Stranieri

Romeni in Italia

Popolazione residente in Italia proveniente dalla Romania al 1° gennaio 2019. Dati ISTAT.

Romeni in Italia: 1.206.938 su 5.255.503 stranieri in Italia (23,0%)

Classifica per regione
Classifica delle regioni italiane ordinata per numero di residenti romeni .


RegioneRomeni% su tutta
la popolaz.
straniera
Variazione
% anno
precedente
MaschiFemmineTotale%
 1. Lazio105.009128.460233.46919,3%34,16%+0,3%
 2. Lombardia79.60896.974176.58214,6%14,94%+2,6%
 3. Piemonte64.67583.241147.91612,3%34,57%-0,3%
 4. Veneto56.39670.516126.91210,5%25,33%+3,4%
 5. Emilia-Romagna38.71955.55394.2727,8%17,22%+3,6%
 6. Toscana32.32152.77485.0957,1%20,39%+0,6%
 7. Sicilia23.87034.61058.4804,8%29,24%+2,6%
 8. Campania17.77825.03042.8083,5%16,14%+1,0%
 9. Puglia13.69422.39636.0903,0%26,00%+1,2%
10. Calabria15.74320.10835.8513,0%31,70%+1,6%
11. Abruzzo10.77215.88426.6562,2%29,85%-0,2%
12. Umbria9.72416.78526.5092,2%27,18%+0,7%
13. Marche9.04017.16726.2072,2%19,14%+0,0%
14. Friuli Venezia Giulia11.02514.33225.3572,1%23,01%+3,0%
15. Liguria8.58712.51721.1041,7%14,42%+2,0%
16. Sardegna4.5659.57814.1431,2%25,30%-0,5%
17. Trentino-Alto Adige5.7048.10613.8101,1%14,13%+2,2%
18. Basilicata3.5805.5419.1210,8%39,29%+0,0%
19. Molise1.5712.5104.0810,3%29,36%-1,8%
20. Valle d'Aosta9081.5672.4750,2%29,84%-1,5%
Totale ITALIA513.289693.6491.206.938 23,0%+1,4%


Distribuzione per regione negli ultimi anni
Stranieri residenti con cittadinanza romena al 1° gennaio di ogni anno.

Regione2019201820172016201520142013
Abruzzo26.65626.70327.03127.00327.03625.84722.579
Basilicata9.1219.1208.7688.5508.2137.3226.101
Calabria35.85135.29534.07633.13731.50829.79125.293
Campania42.80842.38041.23539.54737.90535.69130.409
Emilia-Romagna94.27291.03588.03485.47982.89178.73267.956
Friuli Venezia Giulia25.35724.62423.81723.47923.41622.61820.431
Lazio233.469232.856229.702227.029224.537207.050164.163
Liguria21.10420.69920.12419.58319.01818.10615.137
Lombardia176.582172.045167.891164.983159.626154.071136.233
Marche26.20726.20425.97625.64925.78424.98622.767
Molise4.0814.1564.2104.1594.2063.9813.510
Piemonte147.916148.428148.136149.568150.216148.303132.000
Puglia36.09035.66434.80033.59732.27130.15825.532
Sardegna14.14314.21613.95513.55013.44612.0379.654
Sicilia58.48056.97855.19753.18950.77248.01441.007
Toscana85.09584.62184.41783.94383.24481.06871.031
Trentino-Alto Adige13.81013.50913.24313.06813.06312.62211.548
Umbria26.50926.31326.21626.13426.03025.64623.113
Valle d'Aosta2.4752.5122.5052.5542.6012.6182.461
Veneto126.912122.733119.219117.194116.056112.739102.429
Totale ITALIA1.206.9381.190.0911.168.5521.151.3951.131.8391.081.400933.354

Fonte: TuttItalia